Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Aggiornamenti su "la fine in ritardo di 2000 anni"

Tutto ciò che riguarda la dottrina dei Testimoni di Geova.

Moderatore: polymetis

Aggiornamenti su "la fine in ritardo di 2000 anni"

Messaggiodi Romagnolo » 16/11/2018, 22:09

Alcuni mesi fa avevo scritto questo post viewtopic.php?f=17&t=24537&hilit=+fine+2000+anni
in cui evidenziavo come un confronto tra le profezie di Gesù sulla fine degli ultimi Giorni e le profezie contenute nel libro di Daniele collimassero per indicare il primo secolo quale periodo in cui doveva arrivare la cosidetta fine del mondo.
Nel corso di queste ultime settimane, ritornado a meditare sul libro di Daniele e su quale messaggio avrebbe probabilmente trasmesso nella mente di un ebreo osservante sono giunto ad alcune aggiustatine che sarebbe meglio apportare a quanto scrissi all' epoca.
Piuttosto che rifare tutto il papirone daccapo ho pensato di elencare solo le correzioni che ritengo opportuno fare:
Ma la 3?
Da dove salta fuori quella domanda nella testa dei discepoli?
La "chiave" per capire il tutto è prendere coscienza della portata di Matteo 24:15
15 “Perciò, quando scorgerete la cosa disgustante che causa desolazione, dichiarata per mezzo del profeta Daniele, stabilita in un luogo santo (il lettore usi discernimento),

Questa parte e il suo seguito che si trova all' inizio della ricerca mirava a dimostrare come mai alle parole di Gesù relative alla distruzione futura del Tempio di Gerusalemme gli apostoli domandassero anche circa la Fine del SIstema di cose...o dell' età presente come dicono altre bibbie; che nesso c' era tra i due eventi?
Ebbene benchè ancora valido il ragionamento che esposi la spiegazione è ancora più semplice e diretta...e la troviamo proprio in Daniele
Daniele 8: 9 Da uno di essi spuntò un altro corno, piccolo, che crebbe moltissimo verso sud, verso est e verso il Paese Splendido. 10 Crebbe così tanto da raggiungere l’esercito dei cieli, e fece cadere a terra parte dell’esercito e parte delle stelle, e le calpestò. 11 Sfidò perfino il Principe dell’esercito, e a Lui fu tolto il sacrificio continuo, e il luogo stabilito del Suo santuario fu abbattuto. 12 A motivo della trasgressione un esercito fu ceduto insieme al sacrificio continuo; e il corno continuò a gettare a terra la verità, agì ed ebbe successo. 13 E sentii parlare un santo, e un altro santo chiese a quello che parlava: “Fino a quando durerà la visione del sacrificio continuo, della trasgressione che causa devastazione e del calpestamento del luogo santo e dell’esercito?” 14 Allora mi disse: “Dovranno passare 2.300 sere e mattine; poi il luogo santo sarà certamente riportato alla sua giusta condizione”.... 16 Poi sentii la voce di un uomo in mezzo all’Ulài, che gridò: “Gabriele, fagli capire quello che ha visto”. 17 Lui venne verso il luogo in cui mi trovavo io, ma quando si fu avvicinato ebbi così tanta paura che mi inginocchiai con il viso a terra. E mi disse: “Sappi, figlio dell’uomo, che la visione riguarda il tempo della fine”. 18 Ma mentre parlava con me, mi addormentai profondamente con il viso a terra. Allora mi toccò e mi fece alzare in piedi lì dov’ero. 19 Poi disse: “Ti faccio conoscere ciò che
accadrà nella parte finale del tempo dell’ira, perché riguarda il tempo stabilito della fine
.

Ebbene non c' è bisogno di tante spiegazioni, il contesto presenta la storia del piccolo corno/Re del Nord che ritroviamo un pò per tutte le profezie di Daniele in cui avrebbe ad un certo punto attaccato e devastato il ristabilito popolo ebraico a Gerusalemme, con il risultato di distruggerne il Tempio.
Tale avvenimento viene indicato da Gabriele come un aspetto del Tempo della Fine!
Per cui è più che naturale che un ebreo avvezzo alle Sacre Scritture si sarebbe incuriosito circa i segni della Fine sentendo ricordare dal Rabbi Gesù la devastazione a cui quel luogo sacro sarebbe andato incontro in futuro.
Un' altro aspetto da correggere riguarda questo che scrissi a fine post:
A questo punto posso solo ipotizzare una interpretazione, ovvero che chi avesse tentato di capire le profezie di Daniele avrebbe potuto comprendere che la persecuzione iniziata con la distruzione di Gerusalemme e del suo Tempio, si sarebbe protratta per 1260 giorni letterali, al termine del quale sarebbe iniziato il declino del Rè del Nord che si sarebbe concluso nel 1290° giorno, nel 1335° giorno i Santi del Supremo avrebbero definitivamente preso possesso del regno e dopo 2300 giorni dalla distruzione del Santuario ne sarebbe stato riportato a compimento uno nuovo.

Le cifre riguardo ai giorni vengono menzionate nell' ultimo capitolo di Daniele, il dodicesimo, eccetto per i 2300 che sono menzionati nel cap. 8
Ora più precisamente anzichè di 1260 giorni si parla di "un tempo, dei tempi e la metà di un tempo" che sono universalmente riconosciuti ( anche nelle bibbie Cattoliche) come 3 anni e mezzo o meglio tre anni e mezzo profetici per complessivi 1260 giorni dato che ogni tempo comprendeva 360 giorni.
Ma perchè quando Daniele chiede spiegazioni all' angelo questo poi gli cita i 1290 giorni?
Un aspetto che all' epoca non sapevo è che nel calendario lunisolare ebraico, quello usato nella vita quotidiana, ogni tre anni veniva aggiunto un 13° mese comunemente detto intercalare, questo per recuperare i giorni persi durante gli anni proprio per via di basarsi essenzialmente sulle fasi lunari.
Siccome tre anni e mezzo profetici tradotti in giornate reali devono per forza includere un mese intercalare ecco che i 1260 giorni teorici diventano in realtà 1290!
Questo fatto...la traformazione dei tempi profetici in giorni da calendario reale ci conferma ulteriormente che dall' inizio della soppressione del sacrificio continuo e l' instaurazione della cosa disgustante che causa desolazione fino alla distruzione del Piccolo corno/Re del Nord e l' instaurazione del Regno dei Santi sarebbero trascorsi tre anni e mezzo reali!
Felice chi arriva a 1335 giorni molto probabilmente si riferisce proprio al tempo necessario per veder realizzate le speranze di questi ultimi.
Ma...in tutto questo come vi entrano invece i 2300 giorni ovvero le 2300 sere mattine?
Innanzi tutto và detto che questi giorni corrisponderebbero a poco più di 6 anni letterali, siccome si concludono col ristabilimento del Santuario o Santissimo dopo la distruttiva persecuzione del Piccolo Corno/Re del Nord ne và da sè che include quel periodo di tre anni e mezzo dalla fine del sacrificio continuo fino alla fine di tale minaccia e iniziano pure prima, ma perchè inizierebbero prima?
Per un fatto molto semplice,...la persecuzione di cui sarebbero stati oggetto i Santi del Supremo ( così come vengono chiamati in Daniele i devoti Ebrei leali a DIo) sarebbe inizata già da prima, come ci informano alcune previsioni date
Daniele 7: 25 Proferirà parole contro l’Altissimo e perseguiterà di continuo i santi del Supremo. Avrà intenzione di cambiare i tempi e la legge, e i santi gli saranno dati in mano per un tempo, dei tempi e la metà di un tempo.
I tre tempi e mezzo sono il periodo in cui questo Rè li ha completamente in mano, ma la sua inimicizia molto probabilmente incomincia già da prima.
La vecchia TnM poi così rendeva Daniele 8: 10-12 descrivendo l' operato di questo Rè:
E continuò a farsi grande fino all' esercito dei cieli, così che fece cadere a terra parte dell' esercito e parte delle stelle e le calpestava, e si dava grandi arie fino al Principe dell' esercito e da lui fù tolto il sacrificio continuo e fù gettato giù lo stabilito luogo del suo Santuario e gradualmente fu ceduto un esercito stesso, insieme al sacrificio continuo a causa della trasgressione e continuò a gettare a terra la verità e agì ed ebbe successo.
Se la TnM trasmette il senso corretto, anche qui notiamo una gradualità nel successo di questo Rè nemico del popolo d' Israele.
( possiamo parlare di popolo di Israele perchè sempre si fà riferimento al popolo di Daniele cioè gli Ebrei, quando viene spiegato a chi riguardano le visioni profetiche)
Detto ciò riassumendo penso di poter dire che la distruzione del Tempio di Gerusalemme fosse strettamente correlata alla fine del sistema di cose sia tranquillamente chiarito dallo stesso libro di Daniele, e che tale distruzione sarebbe rimasta in essere per tre anni letterali benchè il distruttore di tale tempio fosse in stato di inimicizia col popolo ebraico già da qualche anno prima.
45 giorni dopo la fine di questo Rè nemico, i fedeli rimanenti di tale popolo sarebbero divenuti i dominatori del mondo per diretta volontà di Dio.
Nel primo secolo non si realizzò nulla di tutto ciò?
Bè..in tal caso ciascuno ne tragga le proprie conclusioni.
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Master
 
Messaggi: 5040
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi Panacca » 17/11/2018, 9:58

Se tutto va bene siamo FREGATI!!! :help:
Presentazione

Ci sono due tipi di sciocchi:
chi vede complotti dappertutto
e chi non li vede da nessuna parte
entrambi sono dispensati dal Pensare.
Avatar utente
Panacca
Utente Senior
 
Messaggi: 1475
Iscritto il: 20/01/2015, 18:49

Messaggiodi Romagnolo » 17/11/2018, 13:03

No no...la frase corretta era "se tutto va bene siamo ROVINATI " . :risata:
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Master
 
Messaggi: 5040
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi Achille » 17/11/2018, 15:05

Sai quanto tempo durò la persecuzione di Antioco IV?
in tutto questo come vi entrano invece i 2300 giorni ovvero le 2300 sere mattine?
Guarda che non è affatto certo che 2300 "sere e mattine" equivalgano a 2300 giorni.
Lo studioso Norman Porteous, nel suo studio su Daniele (vedi in questa pagina, prima della voce "Gli 'ultimi giorni'": http://www.infotdgeova.it/profezie/tempo.php ), scrive che «Il numero indicato al v. 14 indica quasi certamente 1150 giorni, durante i quali avrebbero dovuto esser celebrati 2300 sacrifici del tamid, uno la mattina e uno la sera. È improbabile che si debba invece invece intendere 2300 mattine e sere, cioè 2300 giorni, come talvolta si è supposto» (p. 152).
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 12415
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Romagnolo » 17/11/2018, 21:05

Ciao Achille, tranquillo mi ero posto anche io il dilemma della reale durata delle 2300 sere e mattine e pure io sospetto possano avere un altra applicazione,...ma al presente preferisco restare sull' idea di giorni letterali, del resto pure Porteus non si dichiara sicuro al 100% :ok:
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Master
 
Messaggi: 5040
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi Romagnolo » 19/11/2018, 14:48

Vorrei aggiungere un altro particolare che ci porta a capire come la fine del sistema di cose e l' instaurazione del Regno di Dio doveva avvenire 2000 anni fà stando a Daniele.
Sicuramente tutti gli ex TdG ricorderanno come la spiegazione data dalla WT circa Daniele 9: 26-27 pareva logica.
Il passo dice: 26“E dopo le 62 settimane il Messia sarà stroncato, senza nulla per sé. “E il popolo di un condottiero che verrà distruggerà la città e il luogo santo, la cui fine arriverà come con un’inondazione. Sino alla fine ci sarà guerra; è stata decretata la devastazione. 27 “Lui terrà in vigore il patto per i molti per una settimana, e alla metà della settimana farà cessare sacrificio e offerta. “E sull’ala di cose ripugnanti arriverà colui che causa devastazione; ciò che è stato deciso sarà riversato su colui che giace desolato, fino alla completa distruzione”.
La WT insegna che la cessazione del sacrificio e dell' offerta fu ottenuta quando Cristo morì in una morte di sacrificio avvenuta per l' appunto a metà della 70° settimana, ma che però lasciò in vigore il patto della Legge fino al completamento della settantesima settimana, quando poi nel 36 E.V anche i Gentili poterono entrare a far parte della comunità Cristiana e venire accettati da Dio.
Ma poichè abbiamo visto che da altre parti Daniele rivela che è il Rè del Nord alias il piccolo corno a sopprimere il sacrificio e l' offerta, ne sovviene che deve essere sempre lui a tenere in vita il patto coi molti per una settimana; ma chi sono questi molti?
Di che patto potrebbe trattarsi nel caso il versetto 27 non si riferisse alla Legge Mosaica? E come tutto ciò corrobora che la fine doveva venire quanto meno 2000 anni fà circa?
Prima di tutto vorrei farvi notare come quei passi sono resi da altre Bibbie , vi riporto i passi della Cei e della Tilc
Cei: 26Dopo sessantadue settimane, un consacrato sarà soppresso senza colpa in lui.
Il popolo di un principe che verrà distruggerà la città e il santuario; la sua fine sarà un'inondazione e guerra e desolazioni sono decretate fino all'ultimo.
27Egli stringerà una solida alleanza con molti per una settimana e, nello spazio di metà settimana, farà cessare il sacrificio e l'offerta; sull'ala del tempio porrà l'abominio devastante, finché un decreto di rovina non si riversi sul devastatore».

Tilc:
26Al termine di questi sessantadue periodi, un uomo consacrato sarà eliminato senza che alcuno lo difenda. Poi verrà un condottiero con il suo esercito per distruggere la città e il santuario. La fine arriverà come un torrente in piena. Sino alla fine ci sarà una guerra di devastazione, com'è stato deciso da Dio. ' 27Durante l'ultimo periodo di sette anni, questo condottiero confermerà un patto per un gran numero di persone. E a metà della settimana, farà cessare anche i sacrifici e le offerte, porrà sull'altare un idolo orribile, finché la fine decretata non si abbatterà su questo devastatore'.
Anche la Nuova Riveduta del 2006 trasmette il medesimo pensiero anche se in modo leggermente meno palese, queste in pratica confermano quanto ho capito da me dalla lettura di Daniele e sconfessano l' interpretazione Watchtower.
Ora sapendo che è il Rè del Nord a distruggere il Tempio, porre fine ai sacrifici che vi si officiavano, che vi pone la cosa disgustante come ci insegna Daniele nel capitolo 11, ne và da sè che stiamo parlando sempre dello stesso soggetto, soggetto che in Daniele 8:25
25 Tramite la sua astuzia, ricorrerà all’inganno con successo. Si insuperbirà in cuor suo e, in un periodo di tranquillità, ridurrà molti in rovina. Insorgerà perfino contro il Principe dei principi, ma sarà stroncato senza l’intervento di mani umane.
Il modo in cui viene stroncato mi ha fatto ricordare un altro passo similare che ritroviamo in Daniele 2: 34, 44 34 Mentre continuavi a guardare, una pietra fu tagliata, ma non da mani umane, e colpì la statua ai piedi di ferro e argilla, e li frantumò....“Ai giorni di quei re l’Iddio del cielo istituirà un regno che non sarà mai distrutto. Questo regno non passerà nelle mani di nessun altro popolo; frantumerà tutti questi regni e metterà loro fine, e sarà l’unico a durare per sempre.
Il Re del capitolo 8 in pratica fà la stessa fine dei piedi della statua..o meglio..del regno rappresentato dai piedi della statua del sogno di Nabucodonosor.
Ma le analogie non finiscono qui, i piedi della statua sono il proseguo delle gambe della statua essendo in parte del medesimo materiale 40“Il quarto regno sarà forte come il ferro. Infatti, come il ferro frantuma e polverizza ogni cosa, così, proprio come ferro che fa a pezzi, frantumerà e farà a pezzi tutti questi. 41 “E dal momento che hai visto i piedi e le dita in parte d’argilla di vasaio e in parte di ferro, il regno sarà diviso; in esso comunque ci sarà qualcosa della durezza del ferro, dato che hai visto il ferro mischiato con l’argilla umida. 42 E siccome le dita dei piedi erano in parte di ferro e in parte d’argilla, il regno sarà in parte forte e in parte fragile. 43 Dal momento che hai visto il ferro mischiato con l’argilla umida, essi si mischieranno con il popolo, ma non staranno uniti l’uno all’altro, proprio come il ferro non si amalgama con l’argilla.
Ora notiamo come anche la quarta bestia selvaggia vista in visione da Daniele possa essere una descrizione parallela delle gambe della statua:
Daniele 7: 7 “Dopo questo continuai a guardare, e nelle visioni della notte vidi una quarta bestia, spaventosa, terribile ed eccezionalmente forte. Aveva grandi denti di ferro. Divorava e stritolava, e quello che rimaneva lo calpestava con le zampe. Era diversa da tutte le bestie precedenti e aveva 10 corna. 8 Mentre osservavo le corna, spuntò fra loro un altro corno, piccolo, davanti al quale tre delle prime corna furono tolte via. In questo corno c’erano occhi d’uomo e una bocca che parlava con arroganza"
Anche poi la relativa spiegazione angelica consente di afferrare le analogie con la statua: 23 “Poi disse questo: ‘La quarta bestia è un quarto regno che ci sarà sulla terra. Sarà diverso da tutti gli altri regni e divorerà, calpesterà e stritolerà tutta la terra. 24 Le 10 corna sono 10 re che sorgeranno da quel regno; dopo di loro ne sorgerà un altro ancora, che sarà diverso dai primi e umilierà 3 re. 25 Proferirà parole contro l’Altissimo e perseguiterà di continuo i santi del Supremo. Avrà intenzione di cambiare i tempi e la legge, e i santi gli saranno dati in mano per un tempo, dei tempi e la metà di un tempo 26 Ma la Corte si riunì, e gli fu tolto il dominio perché fosse annientato e distrutto completamente. 27 “‘E il regno, il dominio e la grandezza dei regni sotto tutti i cieli furono dati al popolo dei santi del Supremo. Il loro regno è un regno eterno, e tutte le potenze li serviranno e ubbidiranno a loro’.
Come dopo la distruzione della statua colpita ai piedi il mondo viene dato in dominio ai Santi di Dio, così altrettanto succede con la distruzione del piccolo corno proveniente dalla Bestia coi denti di ferro ( guarda caso come le gambe della statua).
Ora finalmente siamo arrivati al punto di poter iniziare a capire cosa possa essere questo patto di una settimana con i molti.
Dato che quel Rè che lo avrebbe fatto...ovvero il Rè del Nord/piccolo corno è molto probabilmente il Rè o Regno che compone i piedi della statua e che provenendo dalla bestia coi denti di ferro non può che essere degnamente raffigurato dalla parte in ferro dei piedi
non ci resta che capire cosa possa raffigurare l' argilla!
Ora la TnM dice in modo alquanto asciutto che essi ( la parte raffigurata dal ferro) si mischieranno con il popolo ma non staranno uniti l' uno all' altro..
Notiamo però come le altre bibbie sopra riportate presentano lo stesso passo:
Daniele 2: 42-43
Cei
42Se le dita dei piedi erano in parte di ferro e in parte d'argilla, ciò significa che una parte del regno sarà forte e l'altra fragile. 43Il fatto d'aver visto il ferro mescolato all'argilla significa che le due parti si uniranno per via di matrimoni, ma non potranno diventare una cosa sola, come il ferro non si amalgama con l'argilla fangosa.
Tilc
42Le dita fatte di ferro e terracotta indicano che questo regno sarà in parte forte e in parte fragile; 43esse mostrano anche che alcuni re faranno alleanza attraverso matrimoni ma, come il ferro non si mescola con la terracotta, queste alleanze non saranno stabili
Ora se veramente il senso è quello di unioni matrimoniali ne consegue che la settimana in cui il condottiero che tiene in vigore il patto per i molti( che come già spiegato è il Re del Nord/piccolo corno) altro non vorrebbe sott' intendere ad alleanze politico militari che sarebbero durate il periodo della 70esima settimana fino alla distruzione operata da Dio contro di loro.
QUindi per coerenza di continuità del discorso Daniele 9: 26-27 parla della venuta del Rè del Nord che grazie ad una alleanza con altri popoli avrebbe a metà della settantesima settimana distrutto il Tempio e la città di Gerusalemme, posto in esso la cosa disgustante e causato desolazioni fino al termine della settimana quando sarebbe stato annientato non per mano umano per un definitivo!
E questo è tutto.
Ovviamente coi libri profetici bisogna andarci pur sempre coi piedi di piombo quindi non escludo che in futuro potrebbero esserci ulteriori revisioni,...comunque queste riflessioni e collegamenti al presente non fanno che riconfermarmi l' idea che milioni e milioni di persone stanno aspettando una sorta fine del sistema di cose che in realtà non arriverà mai. :blu:
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Master
 
Messaggi: 5040
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08


Torna a Argomenti dottrinali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici