Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Il ricco e Lazzaro - vita dopo la morte

Tutto ciò che riguarda la dottrina dei Testimoni di Geova.

Moderatore: polymetis

Il ricco e Lazzaro - vita dopo la morte

Messaggiodi GioDue » 09/09/2010, 10:17

Una delle incongruenze e un tarlo che spesso mi accompagnava era questo.

Insegnavo, col sostegno delle sopratutto delle scritture ebraiche ebraiche che la vita dopo la morte non esisteva.

poi mi trovavo a spiegare la parabola del ricco e lazzaro. Non intendo ora soffermarmi sul suo significato ma su un'altra questione.

Quando Gesù insegnava utilizzava parabole ed illustrazioni che le persone comuni potessero capire. questioni quotidiane (prese dall'agricoltura, dalla vita di famiglia, etc)

Ora il tarlo era questo: ma se gli ebrei dell'epoca non avessero creduto in una vita immdediata dopo la morte, come avrebbero potuto seguire Gesù in un ragionamento che del passaggio ad una vita oltre la morte ne fa il punto di partenza?
GioDue
Nuovo Utente
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 03/09/2010, 8:34

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 09/09/2010, 10:26

Non tutte le correnti religiose giudaiche dell'epoca credevano nella ''morte dell'anima''.
Quando ho tempo cercherò le discussioni presenti in merito anche nel vecchio forum.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi GioDue » 09/09/2010, 10:37

Gabriella Prosperi ha scritto:Non tutte le correnti religiose giudaiche dell'epoca credevano nella ''morte dell'anima''.
Quando ho tempo cercherò le discussioni presenti in merito anche nel vecchio forum.
Gabriella


innanzitutto grazie.
qualcosa ho trovato nel 3D
"http://forum.infotdgeova.it/viewtopic.php?f=13&t=3976&p=52122&hilit=lazzaro#p52122"
GioDue
Nuovo Utente
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 03/09/2010, 8:34

Messaggiodi berescitte » 09/09/2010, 18:03

L'interpretazione (e poi dice che non interpretano!) della parabola di Lazzaro e il ricco (alias Epulone), proposta dalla WT è un esempio, invero abbastanza comico, ddi come si dispone il testo sacro sul letto di Procuste (l'allungatore).
Lo si stiracchia cioè così tanto da finire nel ridicolo.
Si spiega che Gesù non parlava affatto della situazione dopo la morte (situazione di contrappasso come quella illustrata da Dante nel suo Inferno) ma della situazione di diversità e conflitto che si era instaurata tra la predicazione di Cristo e dei discepoli (coccolati nel seno di Abramo) e la dottrina mosaica sostenuta dai Farisei (tormentati nell'inferno). Le fiamme sarebbero i dardi infuocati della nuova predicazione e via fantabibbiando...
Per me è anche un emblematico esempio di cosa la WT sia capace di far "bere" ai suoi adepti, contro ogni evidenza. Basti notare che la WT fa finta di dimenticare che Gesù fece quell'esempio del ricco esplicitamente per i farisei "amanti del denaro" (Luca 16,14).
Avatar utente
berescitte
Nuovo Utente
 
Messaggi: 114
Iscritto il: 16/06/2009, 22:47


Torna a Argomenti dottrinali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici