Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

La sessualità e l'omosessualità in paradiso

Tutto ciò che riguarda la dottrina dei Testimoni di Geova.

Moderatore: polymetis

La sessualità e l'omosessualità in paradiso

Messaggiodi Girella » 11/08/2011, 17:52

Nel paradiso cattolico o geovista è prevista la presenza di omosessuali oppure sono tutti etero?
Ho memoria di commentatori autorevoli di estrazione cattolica che parlano dell'esperienza ultraterrena in termini di vissuto corporale e materiale (non per nulla si parla di risurrezione della carne), ovvero di un paradiso dove si può mangiare, correre, giocare a palla, nuotare e persino avere rapporti sessuali, godere cioè di una effettiva materialità illuminata però dalla benevolenza della gloria divina. Quando un cristiano omosessuale muore e poi risorge, potrà continuare ad essere omosessuale oppure subirà una conversione?
"Il dovere di evitare lo scandalo spesso esige una discrezione rigorosa. Nessuno è tenuto a palesare la verità a chi non ha il diritto di conoscerla". Catechismo della chiesa cattolica, 2489
Avatar utente
Girella
Nuovo Utente
 
Messaggi: 94
Iscritto il: 26/07/2011, 15:28

CHI È STATO IN PARADISO?...

Messaggiodi Lidia » 11/08/2011, 18:08

Girella ha scritto:Nel paradiso cattolico o geovista è prevista la presenza di omosessuali oppure sono tutti etero?
Ho memoria di commentatori autorevoli di estrazione cattolica che parlano dell'esperienza ultraterrena in termini di vissuto corporale e materiale (non per nulla si parla di risurrezione della carne), ovvero di un paradiso dove si può mangiare, correre, giocare a palla, nuotare e persino avere rapporti sessuali, godere cioè di una effettiva materialità illuminata però dalla benevolenza della gloria divina. Quando un cristiano omosessuale muore e poi risorge, potrà continuare ad essere omosessuale oppure subirà una conversione?


...Suor Bartolomea, che sicuramente ne capiva più di chi ti ha descritto il paradiso in questi termini direi quasi "islamici", diceva che risorgeremo con un corpo glorioso non più soggetto alle concupiscenze carnali (tutte). Anche lei "ipotizzava" ovviamente ma mi sembra ragionevolmente più vicina all' idea di Paradiso in cui la nostra beatitudine sarà quella di godere la vista di Dio per l' eternità.
Per quanto riguarda gli omosessuali, hanno accesso al Paradiso come chiunque altro e i metodi per accedervi sono gli stessi che per tutti.
Va da sè che se il corpo è glorioso e la nostra beatitudine sarà nella visione del Creatore, saremo noi stessi senza la necessità delle limitazioni terrene. :ciao:
Avatar utente
Lidia
Utente Master
 
Messaggi: 3022
Iscritto il: 27/12/2009, 20:44

Messaggiodi Amore e Psiche » 11/08/2011, 18:41

Dio in Eden creo' un uomo e una donna e li accoppio' non un uomo e un uomo o un donna e una donna
. Il destino non invia araldi. È troppo saggio o troppo crudele per farlo. (O. Wilde)

Immagine

Immagine
Avatar utente
Amore e Psiche
Utente Master
 
Messaggi: 3846
Iscritto il: 06/12/2010, 15:30

Messaggiodi Girella » 11/08/2011, 18:43

ma per voi cattolici la resurrezione dei corpi esige che se qualcuno muore maschio risorgerà maschio, se muore femmina risorgerà femmina, cioè esseri umani in tutto e per tutto, dotati di organi per la vista per l'udito e ... per il sesso. Oppure tu stai dicendo che in paradiso saranno tutti sessualmente "estinti"? Non ci sarà il sesso in paradiso? Eppure diversi anni fa seguendo una trasmissione radiofonica sentii dire da un noto commentatore cattolico di cui purtroppo nn ricordo l'identità che non solo in paradiso ci sarebbe stato il sesso ma anche la gastronomia, il gioco e tutto quanto c'è di bello nella vita, solo infinitamente più bello e più piacevole perché completamente avvolto dalla grazia divina.

Stai dicendo che i risorti avranno gli organi sessuali ma non li useranno? :cer:
"Il dovere di evitare lo scandalo spesso esige una discrezione rigorosa. Nessuno è tenuto a palesare la verità a chi non ha il diritto di conoscerla". Catechismo della chiesa cattolica, 2489
Avatar utente
Girella
Nuovo Utente
 
Messaggi: 94
Iscritto il: 26/07/2011, 15:28

Messaggiodi ..Anna.. » 11/08/2011, 18:52

Girella ha scritto:
Stai dicendo che i risorti avranno gli organi sessuali ma non li useranno? :cer:


I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni dell'altro mondo e della risurrezione dai morti, non prendono moglie né marito; e nemmeno possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, essendo figli della risurrezione, sono figli di Dio.

Credo che la risposta di Gesù sia chiarissima.
..Anna..
 

Messaggiodi Aquarivs » 11/08/2011, 18:56

Questa storia del paradiso fa acqua(rivs) da tutte le parti.. :risata:
Aquarivs
 

Messaggiodi polymetis » 11/08/2011, 19:02

Il paradiso cattolico prevede che Dio, infinito, ci appaghi in modo totale nella Sua visione. Non c'è dunque spazio per piaceri carnali, o per la successione di piaceri, in caso contrario nel paradiso avremmo momenti di maggiore e di minore felicità (minor felicità prima di godere della gastrononia, maggior felicità dopo aver pranzato). Il tutto implicherebbe l'esistenza del tempo, e i moti dell'anima.
Il paradiso invece è la beatitudine perfetta posseduta simultaneamente, tutta insieme, e non ci possono dunque essere piaceri che vanno e vengono.

Ad maiora
Presentazione


Alla base delle scelte fondamentali del Nolano - a Londra come a Roma -, c'era il convincimento di appartenere alla "casa" dei filosofi, e che ad essa bisogna essere sempre fedeli, anche nei rapporti con i potenti della Chiesa e dello Stato, perché la casa della filosofia è la casa della verità: in un modo intelligente e anche astuto, certo, ma sempre fedeli. (Michele Ciliberto)
Avatar utente
polymetis
Moderatore
 
Messaggi: 4609
Iscritto il: 16/06/2009, 14:43

Messaggiodi Aquarivs » 11/08/2011, 19:07

Non mi piace questo paradiso.. :inca:
Ho l'impressione di sentirmi una lampadina da 100watt accesa in periturum.. sempre là, sempre uguale, sempre medesimamente al top. :ciuccio:
Aquarivs
 

Messaggiodi Girella » 11/08/2011, 19:12

polymetis ha scritto:Il paradiso cattolico prevede che Dio, infinito, ci appaghi in modo totale nella Sua visione. Non c'è dunque spazio per piaceri carnali, o per la successione di piaceri, in caso contrario nel paradiso avremmo momenti di maggiore e di minore felicità (minor felicità prima di godere della gastrononia, maggior felicità dopo aver pranzato). Il tutto implicherebbe l'esistenza del tempo, e i moti dell'anima.
Il paradiso invece è la beatitudine perfetta posseduta simultaneamente, tutta insieme, e non ci possono dunque essere piaceri che vanno e vengono.

Ad maiora



Ma questo non esclude che i piaceri gastronomici, orgasmici e di altro tipo possano essere goduti tutti contemporaneamente e sempre al massimo grado, del resto se questi piaceri ci fossero privati cosa farne dell'umanità e della sensibilità corporea ? la natura umana verrebbe svuotata e privata di ogni significato, se invece i piaceri del corpo fossero costantemente appagati si avrebbe allo stesso tempo il tipo di gratificazione che descrivi senza svuotare l'umanità di ciò che la contraddistingue :ok:
"Il dovere di evitare lo scandalo spesso esige una discrezione rigorosa. Nessuno è tenuto a palesare la verità a chi non ha il diritto di conoscerla". Catechismo della chiesa cattolica, 2489
Avatar utente
Girella
Nuovo Utente
 
Messaggi: 94
Iscritto il: 26/07/2011, 15:28

Messaggiodi polymetis » 11/08/2011, 19:14

La definizione della vita eterna secondo la teologica cattolica classica:
“Interminabilis vitae tota simul et perfecta possessio” (possesso pienamente perfetto e simultaneo di una vita interminabile)
Quel "simultaneo", dice che l'eternità non è un tempo infinito, ma l'assenza di tempo, e dunque la possessione di Dio nell'eternità non è una successione di istanti, essendo atemporale.
Presentazione


Alla base delle scelte fondamentali del Nolano - a Londra come a Roma -, c'era il convincimento di appartenere alla "casa" dei filosofi, e che ad essa bisogna essere sempre fedeli, anche nei rapporti con i potenti della Chiesa e dello Stato, perché la casa della filosofia è la casa della verità: in un modo intelligente e anche astuto, certo, ma sempre fedeli. (Michele Ciliberto)
Avatar utente
polymetis
Moderatore
 
Messaggi: 4609
Iscritto il: 16/06/2009, 14:43

Messaggiodi Girella » 11/08/2011, 19:16

polymetis ha scritto:La definizione della vita eterna secondo la teologica cattolica classica:
“Interminabilis vitae tota simul et perfecta possessio” (possesso pienamente perfetto e simultaneo di una vita interminabile)
Quel "simultaneo", dice che l'eternità non è un tempo infinito, ma l'assenza di tempo, e dunque la possessione di Dio nell'eternità non è una successione di istanti, essendo atemporale.



proprio per questo ti sto dicendo che il paradiso può tranquillamente "incorporare" piaceri come quello orgasmico, del palato o di altro tipo senza precludere l'accesso ad altre forme di piacere o beatitudine :ok:
"Il dovere di evitare lo scandalo spesso esige una discrezione rigorosa. Nessuno è tenuto a palesare la verità a chi non ha il diritto di conoscerla". Catechismo della chiesa cattolica, 2489
Avatar utente
Girella
Nuovo Utente
 
Messaggi: 94
Iscritto il: 26/07/2011, 15:28

SE TI RIVOLGI A ME...

Messaggiodi Lidia » 11/08/2011, 19:30

Girella ha scritto:ma per voi cattolici la resurrezione dei corpi esige che se qualcuno muore maschio risorgerà maschio, se muore femmina risorgerà femmina, cioè esseri umani in tutto e per tutto, dotati di organi per la vista per l'udito e ... per il sesso. Oppure tu stai dicendo che in paradiso saranno tutti sessualmente "estinti"? Non ci sarà il sesso in paradiso? Eppure diversi anni fa seguendo una trasmissione radiofonica sentii dire da un noto commentatore cattolico di cui purtroppo nn ricordo l'identità che non solo in paradiso ci sarebbe stato il sesso ma anche la gastronomia, il gioco e tutto quanto c'è di bello nella vita, solo infinitamente più bello e più piacevole perché completamente avvolto dalla grazia divina.

Stai dicendo che i risorti avranno gli organi sessuali ma non li useranno? :cer:


...dico che, ipotizzando un paradiso uno può configurarselo come crede. Io sono propensa a credere che se risorgeremo con un corpo glorificato, saremo liberi dalle necessità che la corporeità comporta. Ma te lo immagini un Paradiso con bidet e sciacquoni? E le pulizie chi le fa? Ancora, avendo soddisfatto moderatamente ma appieno tutte le mie necessità in questo mondo, non vedo la necessità di ripetere certe esperienze nell' altro.
In quanto al commentatore cattolico, l' essere tale non gli da la patente di infallibilità e se dice sciocchezze, sempre tali restano malgradola sua appartenenza religiosa. :ciao:
Avatar utente
Lidia
Utente Master
 
Messaggi: 3022
Iscritto il: 27/12/2009, 20:44

Messaggiodi mlp-plp » 11/08/2011, 19:43

Aquarivs ha scritto:Questa storia del paradiso fa acqua(rivs) da tutte le parti.. :risata:



:ok: lo penso anch'io....


PS.
Aquarivs, visto/pare che Tu hai fatto, o fai parte del """POPOLO DI DIO""", Ti faccio una domanda:

Ma Geova ha un seno? ((come una persona di sesso femminile))

:risata: :risata: dai vediamo se riusciamo a capire, sbirciare sulla ""NATURA DI DIO"" :risata: :risata:


:strettamano:


Piero
contatto skype: missoltino 1

i nostri amici
Avatar utente
mlp-plp
Utente Senior
 
Messaggi: 540
Iscritto il: 16/07/2009, 19:32

Messaggiodi Trianello » 11/08/2011, 19:47

Girella ha scritto:Ma questo non esclude che i piaceri gastronomici, orgasmici e di altro tipo possano essere goduti tutti contemporaneamente e sempre al massimo grado, del resto se questi piaceri ci fossero privati cosa farne dell'umanità e della sensibilità corporea ? la natura umana verrebbe svuotata e privata di ogni significato, se invece i piaceri del corpo fossero costantemente appagati si avrebbe allo stesso tempo il tipo di gratificazione che descrivi senza svuotare l'umanità di ciò che la contraddistingue :ok:


A proposito del piacere sessuale e della vita eterna, un tipo disse una volta: "Alla risurrezione infatti non si prende né moglie né marito, ma si è come angeli nel cielo." (Mt 22,30)
Ora, se al cospetto di Dio non si prende moglie né marito e se il sesso, per la morale cristiana, è lecito solo all'interno del matrimonio... uhm... nel paradiso non è che ci sia molto spazio per i piaceri sessuali. Del resto, il sesso è il mezzo per il fine della procreazione, i beati hanno raggiunto il loro ultimo fine, quindi non hanno più bisogno di alcun "mezzo" e, pertanto, non sanno nemmeno che farsene dei piaceri legati a tali mezzi, né ne sentono la mancanza.
Presentazione

Deus non deserit si non deseratur

Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Master
 
Messaggi: 3341
Iscritto il: 10/06/2009, 22:45

Messaggiodi mlp-plp » 11/08/2011, 19:51

Trianello ha scritto:
Girella ha scritto:Ma questo non esclude che i piaceri gastronomici, orgasmici e di altro tipo possano essere goduti tutti contemporaneamente e sempre al massimo grado, del resto se questi piaceri ci fossero privati cosa farne dell'umanità e della sensibilità corporea ? la natura umana verrebbe svuotata e privata di ogni significato, se invece i piaceri del corpo fossero costantemente appagati si avrebbe allo stesso tempo il tipo di gratificazione che descrivi senza svuotare l'umanità di ciò che la contraddistingue :ok:


A proposito del piacere sessuale e della vita eterna, un tipo disse una volta: "Alla risurrezione infatti non si prende né moglie né marito, ma si è come angeli nel cielo." (Mt 22,30)
Ora, se al cospetto di Dio non si prende moglie né marito e se il sesso, per la morale cristiana, è lecito solo all'interno del matrimonio... uhm... nel paradiso non è che ci sia molto spazio per i piaceri sessuali. Del resto, il sesso è il mezzo per il fine della procreazione, i beati hanno raggiunto il loro ultimo fine, quindi non hanno più bisogno di alcun "mezzo" e, pertanto, non sanno nemmeno che farsene dei piaceri legati a tali mezzi, né ne sentono la mancanza.




i nostri antenati...pare che..... fossero ancora più "FANTASIOSI"..... :ok: :risata: :risata:


:strettamano:


Piero
contatto skype: missoltino 1

i nostri amici
Avatar utente
mlp-plp
Utente Senior
 
Messaggi: 540
Iscritto il: 16/07/2009, 19:32

Messaggiodi Trianello » 11/08/2011, 20:01

Girella ha scritto:proprio per questo ti sto dicendo che il paradiso può tranquillamente "incorporare" piaceri come quello orgasmico, del palato o di altro tipo senza precludere l'accesso ad altre forme di piacere o beatitudine :ok:


Per provare il piacere di mangiare, devo prima provare fame; per provare il piacere sessuale, devo prima provare lo stimolo sessuale. La nutrizione ed il sesso hanno però natura di mezzo (per la sopravvivenza dell'individuo, il primo, e della specie, il secondo). Se la beatitudine consiste nel raggiungimento del fine ultimo (leggasi, a questo proposito, l'Etica Nicomachea di Aristotele o, meglio ancora, il Trattato sulla Beatitudine in Sum, Theol I,II,1-5, di S. Tommaso d'Aquino), la necessità di tali "mezzi" viene a cadere e, pertanto, anche la loro stessa piacevolezza. Il beato è talmente appagato dallo stare con Dio faccia a faccia che non sa che farsene di tutto il resto.
Presentazione

Deus non deserit si non deseratur

Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Master
 
Messaggi: 3341
Iscritto il: 10/06/2009, 22:45

Messaggiodi Gianni27 » 11/08/2011, 20:39

Girella ha scritto:Nel paradiso cattolico o geovista è prevista la presenza di omosessuali oppure sono tutti etero?
Ho memoria di commentatori autorevoli di estrazione cattolica che parlano dell'esperienza ultraterrena in termini di vissuto corporale e materiale (non per nulla si parla di risurrezione della carne), ovvero di un paradiso dove si può mangiare, correre, giocare a palla, nuotare e persino avere rapporti sessuali, godere cioè di una effettiva materialità illuminata però dalla benevolenza della gloria divina. Quando un cristiano omosessuale muore e poi risorge, potrà continuare ad essere omosessuale oppure subirà una conversione?



Non diciamo sciocchezze! .... Avete dimenticato cosa disse Gesu' per quando siamo in paradiso, ossia, dopo la risurrezione?? Egli disse che non si prende moglie, come non si prende marito... Gesu' afferma che dopo la risurrezione saremo angeli, o come angeli...
Avete mai udito di angeli sposati o con figli? Fra questi non esiste la procreazione, e quindi sono senza sesso.
Tale saremo noi, tutti quelli che entriamo in paradiso. Ma avremo gioia e letizia, pace e giustizia nello Spirito Santo.
I componenti dell'esercito celeste sono tutti senza moglie, per mancanza di sesso... come Dio stesso.
Infatti se nel cielo il sesso dasse delizie, e gioia e letizia, per certo, Dio avrebbe una moglie; ma non e' cosi'.
Gianni27 :strettamano:
Gianni27
Utente Junior
 
Messaggi: 401
Iscritto il: 20/09/2009, 14:55

Messaggiodi polymetis » 11/08/2011, 21:17

Avete mai udito di angeli sposati o con figli?


A dire il vero sì, ma si tratta di favole mesopotamiche finite anche nella Genesi...

Ad maiora
Presentazione


Alla base delle scelte fondamentali del Nolano - a Londra come a Roma -, c'era il convincimento di appartenere alla "casa" dei filosofi, e che ad essa bisogna essere sempre fedeli, anche nei rapporti con i potenti della Chiesa e dello Stato, perché la casa della filosofia è la casa della verità: in un modo intelligente e anche astuto, certo, ma sempre fedeli. (Michele Ciliberto)
Avatar utente
polymetis
Moderatore
 
Messaggi: 4609
Iscritto il: 16/06/2009, 14:43

Messaggiodi Aquarivs » 11/08/2011, 21:28

Qualcuno di voi sapientoni (inteso in senso affettuoso) sa se per caso gli omosessuali andranno in cielo? Voglio prendere una scelta conoscendo tutti gli eventuali benefici :verde:

Quando leggo che "non editeranno il regno" vale sempre quella regola di poly che era un'altro tipo "d'omosessualità" di cui si parlava?

E senza forse, ma, chi lo sa.. solo geova legge i cuori. Io sono farisaico. Voglio una legge bella chiara e decisa. :verde:
Aquarivs
 

Messaggiodi Francesco Franco Coladarci » 11/08/2011, 21:33

In merito all'interezza dei corpi riuscitati.

RISPONDO: La resurrezione sarà necessaria all'uomo, non per raggiungere la sua prima perfezione, che consiste nel possesso integrale di quanto la sua natura fisica richiede: perché questo l'uomo può raggiungerlo nello stato della vita presente mediante l'influsso delle cause naturali. Ma la resurrezione è necessaria per conseguire l'ultima perfezione, che consiste nel raggiungimento dell'ultimo fine. Perciò quelle funzioni naturali che sono ordinate a produrre o a conservare la prima perfezione della natura umana non ci saranno dopo la resurrezione. Tali sono appunto le funzioni della vita animale nell'uomo, le mutue interferenze tra gli elementi e il moto dei cieli. Perciò tutte queste funzioni cesseranno con la resurrezione. E poiché mangiare, bere, dormire e generare sono funzioni della vita animale, essendo ordinate alla prima perfezione della natura, dopo la resurrezione esse non avranno più ragione di esistere.


1. Il pasto che Cristo fece dopo la resurrezione non fu dovuto a necessità, come se la natura umana avesse bisogno di mangiare dopo la resurrezione, ma per mostrare che egli aveva assunto di nuovo la vera natura umana che aveva prima quando mangiava e beveva con i suoi discepoli.


Somma Teologica di San Tommaso d'Aquino

Supplemento
Questione 81
Articolo 4


Franco
Aquarius
se leggi bene la prima parte c'è la risposta al tuo quesito
“Al di sopra del Papa, come espressione della pretesa vincolante dell’autorità ecclesiastica, resta comunque la coscienza di ciascuno, che deve essere obbedita prima di ogni altra cosa, se necessario anche contro le richieste dell’autorità ecclesiastica.”
(Cardinal Joseph Ratzinger )

skype: el_condor4
Avatar utente
Francesco Franco Coladarci
Moderatore
 
Messaggi: 3844
Iscritto il: 16/07/2009, 20:24

Messaggiodi mlp-plp » 11/08/2011, 21:40

Aquarivs ha scritto:Qualcuno di voi sapientoni (inteso in senso affettuoso) sa se per caso gli omosessuali andranno in cielo? Voglio prendere una scelta conoscendo tutti gli eventuali benefici :verde:

Quando leggo che "non editeranno il regno" vale sempre quella regola di poly che era un'altro tipo "d'omosessualità" di cui si parlava?

E senza forse, ma, chi lo sa.. solo geova legge i cuori. Io sono farisaico. Voglio una legge bella chiara e decisa. :verde:




:boh: :boh: NO...NO...HORRORE...io mi ""dissocio"" :risata: :risata: :risata:

:boh: :boh: :boh: Dico:
Ma com'è possibile per UN UMANO....rispondere a questa domanda??? :test: :test: :test: :risata: :risata: :risata:



:strettamano:


Piero
contatto skype: missoltino 1

i nostri amici
Avatar utente
mlp-plp
Utente Senior
 
Messaggi: 540
Iscritto il: 16/07/2009, 19:32

Messaggiodi Gianni27 » 12/08/2011, 0:48

Girella ha scritto:Nel paradiso cattolico o geovista è prevista la presenza di omosessuali oppure sono tutti etero?
Ho memoria di commentatori autorevoli di estrazione cattolica che parlano dell'esperienza ultraterrena in termini di vissuto corporale e materiale (non per nulla si parla di risurrezione della carne), ovvero di un paradiso dove si può mangiare, correre, giocare a palla, nuotare e persino avere rapporti sessuali, godere cioè di una effettiva materialità illuminata però dalla benevolenza della gloria divina.
Quando un cristiano omosessuale muore e poi risorge, potrà continuare ad essere omosessuale oppure subirà una conversione?



Il cristiano omosessuale, che muore nel suo peccato di omosessualità, risuscita come peccatore degno di Giudizio, e la condanna alla pena è per lui.
Il cristiano omosessuale invece, che si ravvede e si converte prima di morire, accettando Cristo come suo Signore e Salvatore, confessando a Lui il suo peccato, alla sua risurrezione, egli risulta netto di peccati, (grazie a Cristo che già l’ha pagati), al ravvedimento del peccatore.
Il peccato non si porta al cielo per essere perdonato, ma si perdona in terra al ravvedimento, quando fa il peccatore fa il passaggio dalle tenebre alla luce e dalla potestà di Satana a Dio, il quale riceve per la fede in Cristo la remissione dei peccati e la sua parte di eredità fra i santificati. (At.26:18)
Che Dio guarda il cuore, sì, è vero, ma lo guarda nel frattempo che il peccatore è in terra ancora vivo, ma dopo morto, non ci sono scuse… infatti, se uno non muore perdonato, cioè netto di peccato, che vuol dire “Santo” non sarà mai più santo in eterno.
Gianni27
Gianni27
Utente Junior
 
Messaggi: 401
Iscritto il: 20/09/2009, 14:55

Messaggiodi Aquarivs » 12/08/2011, 0:54

Ma alla morte il peccato non è stato "pagato"? Cash?
:boh:
Aquarivs
 

TROPPO SEMPLICE...

Messaggiodi Lidia » 12/08/2011, 3:09

Aquarivs ha scritto:Ma alla morte il peccato non è stato "pagato"? Cash?
:boh:


...allora chiunque per il solo fatto di morire, si guadagnerebbe il Paradiso. Il ravvedimento insieme con il pentimento sono invece "conditio sine qua non". :ciao:
Avatar utente
Lidia
Utente Master
 
Messaggi: 3022
Iscritto il: 27/12/2009, 20:44

Messaggiodi MauriF » 12/08/2011, 6:58

Lidia ha scritto:
...allora chiunque per il solo fatto di morire, si guadagnerebbe il Paradiso. Il ravvedimento insieme con il pentimento sono invece "conditio sine qua non". :ciao:


beh, Lidia diciamo che il nostro "morire"...come pure il nostro "soffrire" non paga la colpa del peccato....quindi quando soffriamo o moriamo non guadagnamo proprio niente dal punto di vista della "colpa".

Si può parlare di sconto della pena temporale, ma non della colpa.

Virtualmente ci potrebbero essere coloro che non moriranno, ma alla venuta gloriosa di Cristo, saranno trasformati senza morire.


Per quanto riguarda il peccato, se diventa un abitudine ed un vizio, ci lega a tal punto da non farci tornare alla casa del padre.....in tale maniera rimarremo, di nostra eterna volontà, a mangiare le carrube dei porci...rifiutando il perdono, la vicinanza e la visione beatifica di Dio.

Non è che Dio non perdonerà....è che il peccatore legato al proprio peccato non accetterà il perdono che Dio gli offre.
MauriF
Utente Senior
 
Messaggi: 587
Iscritto il: 16/07/2009, 22:42

mi sa che mi riconverto al geovismo

Messaggiodi Blauauge1 » 12/08/2011, 10:03

Nooooooooooooooo non posso pensare che al paradiso senza sesso: che paradiso è ?
Toglietemi tutto, ma non .......il mio breil! Meglio allora la definizione geovista che il paradiso è sulla terra : che bello sarà mangiare un bel piatto di spaghetti a vongole ( anche se non ho fame ) con i pomodorini, il prezzemolo e l' aglio soffritto quel tanto che basta nell' olio extra vergine d' oliva , che accende l' olfatto e ti fa pregustare con la mente il sapore di tante vongole veraci mischiate a un bel vermicello nr. 19 cotto al dente. Quale paradiso può sostituire l' amore di una bella donna procace magari con una 6°di reggiseno , su un corpo atletico, occhi verdi come il riflesso del mare contrastato al cielo del mese di marzo, capelli nero corvino che ti si sveglia accanto e ti dice: " prendimi , siamo nel paradiso geovista e quindi non ho mai mal di testa" !
E tu bello, fisico statuario, tartaruga scolpita sull' addome, pettorali e braccia da Schwartznegger , che non hai bisogno più del viagra per dimostrare la tua virilità , perchè tua moglie, non è più imperfetta , non ha più i seni attorcigliati attorno al collo a mo' di sciarpa, non ha più le arance al posto delle gambe e finalmente gli è sparita l' anguria da 20 kg che gli era rimasta sulla pancia dopo il II mese di matrimonio .
Perdonate se ho spostato il discorso, ma sono troppo carnale per pensare ad una vita immortale senza questi piaceri : mi sa che mi riconverto al geovismo. ah dimenticavo che geovista lo sono ancora ...........uhmmmm allora che faccio ? beh continuerò a fare l' apostata finto come finto geovista che faceva il testimone vero ma finto nel falso. Non ce sto a capì più niente . Mi sa che mi portano al manicomio!
Blauauge1
 

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 12/08/2011, 10:09

Vedi Blau, il tuo desiderio ha però dei limiti anche nel tuo credo, perchè tutto ciò tu auspichi, si può verificare (per mill'anni, poi c'è lo stop) solo se sopravvivi ad armaghedon, perchè facciamo scongiuri, dovessi morir prima, ecco che non solo ti sarebbe precluso il godimento d'una moglie ridiventata giovinetta, ma dovresti pur anche benedire i suoi amplessi con un altro ringiovanito.
A te e agli altri resuscitati resterebbero solo le gioie della gola. :mrgreen:
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi nelly24 » 12/08/2011, 10:10

Blauauge1 ha scritto:Nooooooooooooooo non posso pensare che al paradiso senza sesso: che paradiso è ?
Toglietemi tutto, ma non .......il mio breil! Meglio allora la definizione geovista che il paradiso è sulla terra : che bello sarà mangiare un bel piatto di spaghetti a vongole ( anche se non ho fame ) con i pomodorini, il prezzemolo e l' aglio soffritto quel tanto che basta nell' olio extra vergine d' oliva , che accende l' olfatto e ti fa pregustare con la mente il sapore di tante vongole veraci mischiate a un bel vermicello nr. 19 cotto al dente. Quale paradiso può sostituire l' amore di una bella donna procace magari con una 6°di reggiseno , su un corpo atletico, occhi verdi come il riflesso del mare contrastato al cielo del mese di marzo, capelli nero corvino che ti si sveglia accanto e ti dice: " prendimi , siamo nel paradiso geovista e quindi non ho mai mal di testa" !
E tu bello, fisico statuario, tartaruga scolpita sull' addome, pettorali e braccia da Schwartznegger , che non hai bisogno più del viagra per dimostrare la tua virilità , perchè tua moglie, non è più imperfetta , non ha più i seni attorcigliati attorno al collo a mo' di sciarpa, non ha più le arance al posto delle gambe e finalmente gli è sparita l' anguria da 20 kg che gli era rimasta sulla pancia dopo il II mese di matrimonio .
Perdonate se ho spostato il discorso, ma sono troppo carnale per pensare ad una vita immortale senza questi piaceri : mi sa che mi riconverto al geovismo. ah dimenticavo che geovista lo sono ancora ...........uhmmmm allora che faccio ? beh continuerò a fare l' apostata finto come finto geovista che faceva il testimone vero ma finto nel falso. Non ce sto a capì più niente . Mi sa che mi portano al manicomio!

:quoto100: :appl: :bravo: Blau, mi piaci!
p.s. Porto la 5° d. Andrebbe bene? :risatina:
«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»
C'è una forza motrice più forte del vapore, dell'elettricità e dell'energia atomica: la volontà.Albert Einstein
"Mi piacciono le persone che....no, niente. Mi piacciono gli animali"

Presentazione
Avatar utente
nelly24
Moderatore
 
Messaggi: 4579
Iscritto il: 11/12/2009, 20:53
Località: Slovenia

Messaggiodi Mario70 » 12/08/2011, 10:23

Gabriella Prosperi ha scritto:Vedi Blau, il tuo desiderio ha però dei limiti anche nel tuo credo, perchè tutto ciò tu auspichi, si può verificare (per mill'anni, poi c'è lo stop) solo se sopravvivi ad armaghedon, perchè facciamo scongiuri, dovessi morir prima, ecco che non solo ti sarebbe precluso il godimento d'una moglie ridiventata giovinetta, ma dovresti pur anche benedire i suoi amplessi con un altro ringiovanito.
A te e agli altri resuscitati resterebbero solo le gioie della gola. :mrgreen:
Gabriella


Infatti per i tdg sarà ancora peggio, in quanto i risorti saranno uomini in carne ed ossa dotati di tutto ma non potranno fare sesso e figli... insomma come una bella torta messa la davanti ma non potrai mai assaggiarla...
Inoltre ricordo a blau che anche per i non resuscitati il CD pensa che prima o poi il sesso finirà altrimenti ci sarebbe la sovrapopolazione.
Ciao
«Ortodossia vuol dire non pensare, non aver bisogno di pensare. Ortodossia e inconsapevolezza son la stessa cosa.»

(1984) George Orwell
Avatar utente
Mario70
Utente Gold
 
Messaggi: 6044
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

Suggerisco

Messaggiodi nelly24 » 12/08/2011, 10:30

...del domani non v'è certezza - dunque, viviamo la nostra vita adesso, senza pensare cosa potrebbe succedere domani o tra 50 anni!!!! Senza paure o progetti per un nuovo mondo oppure una speranza per l´aldilá.
Oggi il tempo é bello, mi sento molto bene e voglio godermi questo weekend! :saggio:
«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»
C'è una forza motrice più forte del vapore, dell'elettricità e dell'energia atomica: la volontà.Albert Einstein
"Mi piacciono le persone che....no, niente. Mi piacciono gli animali"

Presentazione
Avatar utente
nelly24
Moderatore
 
Messaggi: 4579
Iscritto il: 11/12/2009, 20:53
Località: Slovenia

Prossimo

Torna a Argomenti dottrinali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici