Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

2 domande per tdg o ex tdg

In questo spazio si discute di argomenti di vario genere relativi ai Testimoni di Geova e che non sono inclusi nelle altre sezioni

Moderatore: Cogitabonda

2 domande per tdg o ex tdg

Messaggiodi lanzarote63 » 24/11/2013, 21:34

ciao,

Mi sono presentata da poco, quindi potete trovare la mia esperienza. Ho mille domande ma per ora ne pongo due:

Mi piace seguire l'argomento sette. Ho letto svariate testimonianze di sette (non tdg) ed il lavaggio del cervello è molto lungo e mirato. La maggior parte riesce a farli vivere nelle loro comunità e due sono i fattori che rendono un cervello più debole: pochissime ore di sonno, poco cibo e continue preghiere tipo mantra. Altre sette agiscono sulla persona che vive all'esterno: la lusingano, la allontanano gradualmente da ogni persona a loro vicina, gli spillano soldi e dulcis in fundo fanno fare sesso alle vittime perché sarebbe purificatorio per la loro anima.

Domanda:
come inizia e si svolge il lavaggio del cervello da parte dei TDG?

...........................................................................................................................................

Questa è una domanda più materiale:

la maggior parte lavorano part time: ma come riescono a mantenersi? pagare affitti, bollette, auto e benzina?
magari in una coppia o famiglia lavora solo una persona part time. Davvero non riesco a capire come fanno ad arrivare a fine mese, Sono una persona oculata nelle spese ma davvero non riuscirei a far vivere la mia famiglia con un part time.

Grazie per chi mi risponde. :grazie:
"la vertigine non è paura di cadere ma voglia di volare" Jovanotti.
lanzarote63
Nuovo Utente
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 20/11/2013, 13:24

Messaggiodi Ray » 24/11/2013, 21:50

Per la prima domanda ci vogliono 10.000 $ intestato sul mio conto n°23681038
Per la seconda qualcosina in più aggiungi uno zero... :ironico:

Vabbè se nessuno risponde ti posso dire la mia perché non è uguale per tutti ma e diverso per ognuno di noi ex
ogni singola esperienza e un po diversa dalle altre ...ci penso e poi ti scrivo... :ciuccio: :ciuccio:
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11560
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi Mauro1971 » 24/11/2013, 22:11

Ti riporto una mia analisi fatta non molto tempo fa, riguardo la prima domanda da te posta. Ovviamente è un punto di vista personale, spero possa esserti utile.



E' disarmante.
Quando sussistono nel soggetto delirante delle patologie psicologiche è di più facile comprensione, e quando si arriva a livelli come quelli della lettera che ti hanno scritto si spera che alla base ci sia una disfunzione delle facoltà cognitive.

Purtroppo però molto spesso non è così e persone che potrebbero avere una visione realistica quando cadono nelle reti di varie religioni/sette/santoni si riducono in questo modo.
Per ciò che ho potuto osservare non sempre questo capita in momenti di particolare debolezza dovuti a traumi di vario tipo, anche se spesso è così, capita anche in condizioni almeno esteriormente calme.
La leva, la chiave con la quale questi entrano sotto le difese delle persone è la fiducia.
Quando il soggetto "si fida" questa fiducia può essere consolidata, ed una volta consolidata si può portare questo molto facilmente a credere a delle dabedaggini assurde, come queste. Maggiore è l'ignoranza del soggetto e maggiore è la facilità con la quale quest'ultima parte del processo va a termine, ma anche una profonda cultura non è una difesa assoluta, tutt'altro, è necessario essere sempre vigili affinchè nessuno possa giocare con la nostra mente.
Ci provano con la pubblicità, con la pubblica informazione, ed a livello più locale ci provano appunto religioni, sette e santoni di vario tipo e genere.

Prendiamo ad esempio proprio i TdG.
Il loro aspetto è rassicurante (in particolare per il mondo Americano), si propongono come "puri, puliti" ed i primi messaggi sono di speranza, vita eterna, ecc.
Il fatto di essere rassicuranti nell'aspetto, nei modi e nei toni (di chi si presta ad ascoltarli) tende a far abbassare le difese. Se chi ho davanti non lorecepisco come un pericolo è naturale che mi rilassi e che abbassi le difese.
A quel punto entra il messaggio.
In primis la percezione di trovarsi di fronte a qualcosa di puro e pulito è essenziale per il processo di conversione.
Il soggetto è rilassato, ha le difese abbassate e pian piano si convince di avere di fronte davvero qualcosa di diverso e di concretamente elevato rispetto a tutto il resto del mondo.
Questo porta ad iniziare a fidarsi, è la fase più delicata e pericolosa in quanto il passo alla converfsione con relativo fanatismo è brevissimo, ma è anche la fase dove può essere possibile un recupero con mezzi razionali.
Poi, il soggetto rilassato, a difese abbassate e che si fida dei predicanti, viene caricato con la sensazione di essere un eletto, un prescelto.
Questo gonfiare l'ego come un palloncino stimola a questo punto il soggetto a divenire esso stesso attivo nella sua conversione, mentre sino ad ora era un soggetto fondamentalmente passivo che riceveva imput, ora è cotto a puntino per far si che sia esso stesso a cercarsi e crearsi le sue catene.
Egli è un eletto, uno dei pochi, uno dei prescelti.
Si percepisce intimamente come superiore a tutto il mondo, e questa sensazione anche se inconscia è una droga.

Da qui in avanti tutto è possibile.
Credere all'armagheddon, che l'uomo esista da 5.000 anni, che la genesi sia da leggere in modo letterale, che gli scienziati "ingannino"... mi ricordo da bambino di aver sentito uno dei fratelli di mammà dire che "il diavolo fa rilevare agli strumenti degli scienziati dei dati distorti", tanto per dirne una.

Come si vede il percorso di conversione ha davvero ben poco di razionale.
Non è il ragionamento che converte, è l'emozione.

Per questo sono convinto che invece usare la nostra razionalità come cane da guardia sia essenziale. La nostra parte emotiva è troppo preziosa, è bene aver ben capito chi o cosa lasciamo entrare.
D'altronde un TdG non busserà mai ad una porta, o non fermerà mai un passante, dicendo: "Buongiorno, posso chiederle se lei ama abbastanza Dio da lasciar morire i suoi figli se necessitassero di una trasfusione?".
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)
"Io riconosco di essere un dilettante nella misura in cui io cerco ricavare diletto da tutto ciò che faccio" (Philo Vance)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Platinium
 
Messaggi: 10327
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Messaggiodi Mario70 » 24/11/2013, 22:37

lanzarote63 ha scritto:ciao,

Mi sono presentata da poco, quindi potete trovare la mia esperienza. Ho mille domande ma per ora ne pongo due:

Mi piace seguire l'argomento sette. Ho letto svariate testimonianze di sette (non tdg) ed il lavaggio diesce a farli vivere nelle loro comunità e due sono i fattori che rendono un cervello più debole: pochissime ore di sonno, poco cibo e continue preghiere tipo mantra. Altre sette agiscono sulla persona che vive all'esterno: la lusingano, la allontanano gradualmente da ogni persona a loro vicina, gli spillano soldi e dulcis in fundo fanno fare sesso alle vittime perché sarebbe purificatorio per la loro anima.

Domanda:
come inizia e si svolge il lavaggio del cervello da parte dei TDG?

Ci sono due tipologie di tdg: chi ci nasce e chi ci diventa.
Nel primo caso ovviamente il loro mondo è la norma e tutto è facile fino all'adolescenza, dopo di che i ragazzi si dividono tra chi vuole seguire i genitori e chi invece decide che quel mondo non fa per loro e ne esce o con una doppia vita o con sofferenze profonde perché ovviamente il genitore tdg farà l'impossibile per portarlo dentro.
Il tdg che ci diventa invece inizia di solito per un problema di fondo che può essere la solitudine, la perdita di una persona cara, difficilmente la curiosità ecc... Lo studio che gli viene fatto è a senso unico nel senso che si cerca di portare la persona a leggere e studiare la pubblicazione del tdg, ovviamente la lotta di solito è impari perché nel 99%dei casi l'interessato non sà nulla della bibbia e tende a fidarsi di quello che gli dice il tdg.
Una volta che inizia a credere che tutto quello che gli sta insegnando il tdg è confermato dalla bibbia il gioco è fatto.
.....................................................................................................................................
Questa è una domanda più materiale:

la maggior parte lavorano part time: ma come riescono a mantenersi? pagare affitti, bollette, auto e benzina?
magari in una coppia o famiglia lavora solo una persona part time. Davvero non riesco a capire come fanno ad arrivare a fine mese, Sono una persona oculata nelle spese ma davvero non riuscirei a far vivere la mia famiglia con un part time.

Grazie per chi mi risponde. :grazie:

Se il tdg è solo, riesce a mantenersi con il part time facendo sacrifici, ma se si sposa e si fanno figli le cose cambiano, di solito il marito lavora full time e la moglie part time, calcola che non hanno vizi ed escono solo con altri tdg, di solito si svagano in casa propria o degli altri tdg non hanno tempo di fare chissà che.
«Ortodossia vuol dire non pensare, non aver bisogno di pensare. Ortodossia e inconsapevolezza son la stessa cosa.»

(1984) George Orwell
Avatar utente
Mario70
Utente Gold
 
Messaggi: 6048
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

Messaggiodi Ray » 24/11/2013, 22:46

Bene Mauro ha fatto un resoconto completo a 360° posso aggiungere che quando non c'è un'adeguata informazione al riguardo allora si può essere prede facili.

In pratica quando non si conosce nello specifico un argomento si prende per buono tutto quello che ti si viene detto.
E questo lo è per tutte le cose e gli argomenti.

Se poi a far questo e una persona che conosciamo e di cui ci fidiamo la frittata è fatta.

Personalmente penso che il primo lavaggio comincia quando si inizia a studiare la bibbia.

Con la bibbia si avvalorano le loro dottrine facendo notare allo studente man mano che lo studio prosegue , tutto quello che
il CD/schiavo scrive è supportato dalle scritture.

La maggioranza delle persone non conosce sia la storia del cristianesimo ,sia come è nata la
bibbia,e i suoi rotoli e prende tutto per oro colato .

Certamente il metodo sia delle sette sia dei tdg e un metodo collaudato tipo marketing ,non puoi sottrarti se non conosci l'avversario.

Questo e un po come sono io capitato io nei tdg... :test:
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11560
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi nello80 » 25/11/2013, 11:39

Prima di dire quello che penso voglio fare delle premesse:
1)Tutti i tdg che vanno a predicare sono in buona fede, credono realmente a quello che dicono.
2)Lo studio della bibbia da parte dei tdg, è vero che viene svolto in modo unilaterale, ma questo avviene in tutte pe religioni, per esempio, se studi con gli evangelici, avventisti, cattolici o altro, di spiegheranno qual è la verità, ma lo faranno secondo il loro punto di vista.
3)Se una persona vuole analizzare le dottrine delle varie religioni, deve studiare testi editi dalla religione presa in esame. Per esempio, se io voglio capire cos' è la trinità, vado a prendere un testo cattolico e cerco di capire, non vado certo a farmelo spiegare da chi non crede in tale dottrina.

Detto questo, concordo con Mario70, in quanto ci sono i tdg nati e quelli diventati.
Io sono uno di quelli nati.
Il mio castello è iniziato a crollato da quando, con mente aperta, ho deciso di fare uno studio multilaterale o a 360°.
Mi sono reso conto di quanta ignoranza c'è all'interno dell'organizzazione, e di come si crei una dottrina sul di una parola, un articolo e addirittura anche un punto o una virgola.
La maggior parte dei tdg si sente superiore agli altri, ma non tanto per la loro conoscenza, ma per l'ignoranza degli altri.
Il 99% dei loro interlocutori non sa niente di bibbia, e quei pochi che la cononscono non voglio mettersi a perdere tempo.
Basta sapere quali domande fare e come condurre la conversazione, badando a non farti sviare, e vedrai come metterai alle corde anche quelli più preparati.
Alla fine ti dico che sono arrivato alla seguente conclusione (dopo quasi 34 anni da tdg, dalla nascita quindi):
Dio è una cosa e le religioni ne sono un'altra.
Diffida da chi dice di avere la verità assoluta intorno a Dio, tale verità è sempre relativa ma mai assoluta!!
Saluti, Nello.
Nel buio totale una voce d'uomo mi disse: "Vieni verso di me, non voglio farti del male...", ma io accesi un cerino e vidi ch'ero sul margine di un precipizio, e l'uomo che mi parlava era, invece, dalla parte opposta...

Presentazione
Avatar utente
nello80
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1859
Iscritto il: 19/09/2013, 21:43

Messaggiodi Tranqui » 25/11/2013, 13:03

se si frequenta solo un gruppo o si legge solo la loro letteratura il cervello si focalizza solo su quello ,vale per i TDG o altri, per questo se si puo' vanno frequentati altri gruppi,per quanto riguarda il mantenersi si vede che son bravi a fare un bilancio :boh:
PRESENTAZIONE


Questo augurio è una scatola piena d'amore, avvolta con gioia, sigillata con un sorriso e inviata con un bacio. Buon Anno!


Immagine
Avatar utente
Tranqui
Utente Gold
 
Messaggi: 5755
Iscritto il: 14/02/2013, 16:32

Messaggiodi nello80 » 25/11/2013, 13:41

nello80 ha scritto:Prima di dire quello che penso voglio fare delle premesse:
1)Tutti i tdg che vanno a predicare sono in buona fede, credono realmente a quello che dicono.
2)Lo studio della bibbia da parte dei tdg, è vero che viene svolto in modo unilaterale, ma questo avviene in tutte pe religioni, per esempio, se studi con gli evangelici, avventisti, cattolici o altro, di spiegheranno qual è la verità, ma lo faranno secondo il loro punto di vista.
3)Se una persona vuole analizzare le dottrine delle varie religioni, deve studiare testi editi dalla religione presa in esame. Per esempio, se io voglio capire cos' è la trinità, vado a prendere un testo cattolico e cerco di capire, non vado certo a farmelo spiegare da chi non crede in tale dottrina.

Detto questo, concordo con Mario70, in quanto ci sono i tdg nati e quelli diventati.
Io sono uno di quelli nati.
Il mio castello è iniziato a crollato da quando, con mente aperta, ho deciso di fare uno studio multilaterale o a 360°.
Mi sono reso conto di quanta ignoranza c'è all'interno dell'organizzazione, e di come si crei una dottrina sul di una parola, un articolo e addirittura anche un punto o una virgola.
La maggior parte dei tdg si sente superiore agli altri, ma non tanto per la loro conoscenza, ma per l'ignoranza degli altri.
Il 99% dei loro interlocutori non sa niente di bibbia, e quei pochi che la cononscono non voglio mettersi a perdere tempo.
Basta sapere quali domande fare e come condurre la conversazione, badando a non farti sviare, e vedrai come metterai alle corde anche quelli più preparati.
Alla fine ti dico che sono arrivato alla seguente conclusione (dopo quasi 34 anni da tdg, dalla nascita quindi):
Dio è una cosa e le religioni ne sono un'altra.
Diffida da chi dice di avere la verità assoluta intorno a Dio, tale verità è sempre relativa ma mai assoluta!!
Saluti, Nello.


Scusate per gli errori di ortografia, ho scritto di fretta dal telefono!!!
Nel buio totale una voce d'uomo mi disse: "Vieni verso di me, non voglio farti del male...", ma io accesi un cerino e vidi ch'ero sul margine di un precipizio, e l'uomo che mi parlava era, invece, dalla parte opposta...

Presentazione
Avatar utente
nello80
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1859
Iscritto il: 19/09/2013, 21:43

Messaggiodi lanzarote63 » 25/11/2013, 14:03

Grazie per le vostre considerazioni.
Mi pongo questa domanda per capire come mai in tanti anni non son riusciti a convincermi nemmeno un po'.
In tutti questi anni ho avuto diversi stati d'animo come tutti nella vita, ma per fortuna non è stato influente.
Altra cosa che forse mi ha salvata è stato il fatto che io ho sempre avuto dubbi sull'origine stessa della Bibbia. Quindi che uno la sappia a memoria o meno non mi colpisce, tranne la mia curiosità.

Una cosa che invece non avevo mai preso in considerazione e grazie a voi l'ho colto è che le persone che cadono in questa religione o in altre è dovuto ad una necessità inconscia di protagonismo (cosa che per fortuna mi manca). Essere eletto, essere importante nella comunità dei tdg e scalare la loro piramide accresce e alimenta l'ego. Naturalmente tutto questo accade inconsciamente.
Mi riferisco ovviamente alle persone che diventano tdg e non quelli che ci nascono.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
per quanto concerne la domanda più terra a terra, ossia i soldi, l'ho fatta perché ne conosco tanti che lavorano solo part time, eppure non si fanno mancare qualche cena in pizzeria.
"la vertigine non è paura di cadere ma voglia di volare" Jovanotti.
lanzarote63
Nuovo Utente
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 20/11/2013, 13:24

Messaggiodi Nunzio » 25/11/2013, 14:42

lanzarote63 ha scritto:Grazie per le vostre considerazioni.
Mi pongo questa domanda per capire come mai in tanti anni non son riusciti a convincermi nemmeno un po'.
In tutti questi anni ho avuto diversi stati d'animo come tutti nella vita, ma per fortuna non è stato influente.
Altra cosa che forse mi ha salvata è stato il fatto che io ho sempre avuto dubbi sull'origine stessa della Bibbia. Quindi che uno la sappia a memoria o meno non mi colpisce, tranne la mia curiosità.

Una cosa che invece non avevo mai preso in considerazione e grazie a voi l'ho colto è che le persone che cadono in questa religione o in altre è dovuto ad una necessità inconscia di protagonismo (cosa che per fortuna mi manca). Essere eletto, essere importante nella comunità dei tdg e scalare la loro piramide accresce e alimenta l'ego. Naturalmente tutto questo accade inconsciamente.
Mi riferisco ovviamente alle persone che diventano tdg e non quelli che ci nascono.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
per quanto concerne la domanda più terra a terra, ossia i soldi, l'ho fatta perché ne conosco tanti che lavorano solo part time, eppure non si fanno mancare qualche cena in pizzeria.


:quoto100:
Se per vivere devi strisciare, alzati e muori...
Avatar utente
Nunzio
Utente Senior
 
Messaggi: 547
Iscritto il: 11/04/2012, 15:12

Messaggiodi lanzarote63 » 25/11/2013, 15:14

Mauro1971 ha scritto:Ti riporto una mia analisi fatta non molto tempo fa, riguardo la prima domanda da te posta. Ovviamente è un punto di vista personale, spero possa esserti utile.



E' disarmante.
Quando sussistono nel soggetto delirante delle patologie psicologiche è di più facile comprensione, e quando si arriva a livelli come quelli della lettera che ti hanno scritto si spera che alla base ci sia una disfunzione delle facoltà cognitive.

Purtroppo però molto spesso non è così e persone che potrebbero avere una visione realistica quando cadono nelle reti di varie religioni/sette/santoni si riducono in questo modo.
Per ciò che ho potuto osservare non sempre questo capita in momenti di particolare debolezza dovuti a traumi di vario tipo, anche se spesso è così, capita anche in condizioni almeno esteriormente calme.
La leva, la chiave con la quale questi entrano sotto le difese delle persone è la fiducia.
Quando il soggetto "si fida" questa fiducia può essere consolidata, ed una volta consolidata si può portare questo molto facilmente a credere a delle dabedaggini assurde, come queste. Maggiore è l'ignoranza del soggetto e maggiore è la facilità con la quale quest'ultima parte del processo va a termine, ma anche una profonda cultura non è una difesa assoluta, tutt'altro, è necessario essere sempre vigili affinchè nessuno possa giocare con la nostra mente.
Ci provano con la pubblicità, con la pubblica informazione, ed a livello più locale ci provano appunto religioni, sette e santoni di vario tipo e genere.

Prendiamo ad esempio proprio i TdG.
Il loro aspetto è rassicurante (in particolare per il mondo Americano), si propongono come "puri, puliti" ed i primi messaggi sono di speranza, vita eterna, ecc.
Il fatto di essere rassicuranti nell'aspetto, nei modi e nei toni (di chi si presta ad ascoltarli) tende a far abbassare le difese. Se chi ho davanti non lorecepisco come un pericolo è naturale che mi rilassi e che abbassi le difese.
A quel punto entra il messaggio.
In primis la percezione di trovarsi di fronte a qualcosa di puro e pulito è essenziale per il processo di conversione.
Il soggetto è rilassato, ha le difese abbassate e pian piano si convince di avere di fronte davvero qualcosa di diverso e di concretamente elevato rispetto a tutto il resto del mondo.
Questo porta ad iniziare a fidarsi, è la fase più delicata e pericolosa in quanto il passo alla converfsione con relativo fanatismo è brevissimo, ma è anche la fase dove può essere possibile un recupero con mezzi razionali.
Poi, il soggetto rilassato, a difese abbassate e che si fida dei predicanti, viene caricato con la sensazione di essere un eletto, un prescelto.
Questo gonfiare l'ego come un palloncino stimola a questo punto il soggetto a divenire esso stesso attivo nella sua conversione, mentre sino ad ora era un soggetto fondamentalmente passivo che riceveva imput, ora è cotto a puntino per far si che sia esso stesso a cercarsi e crearsi le sue catene.
Egli è un eletto, uno dei pochi, uno dei prescelti.
Si percepisce intimamente come superiore a tutto il mondo, e questa sensazione anche se inconscia è una droga.

Da qui in avanti tutto è possibile.
Credere all'armagheddon, che l'uomo esista da 5.000 anni, che la genesi sia da leggere in modo letterale, che gli scienziati "ingannino"... mi ricordo da bambino di aver sentito uno dei fratelli di mammà dire che "il diavolo fa rilevare agli strumenti degli scienziati dei dati distorti", tanto per dirne una.

Come si vede il percorso di conversione ha davvero ben poco di razionale.
Non è il ragionamento che converte, è l'emozione.

Per questo sono convinto che invece usare la nostra razionalità come cane da guardia sia essenziale. La nostra parte emotiva è troppo preziosa, è bene aver ben capito chi o cosa lasciamo entrare.
D'altronde un TdG non busserà mai ad una porta, o non fermerà mai un passante, dicendo: "Buongiorno, posso chiederle se lei ama abbastanza Dio da lasciar morire i suoi figli se necessitassero di una trasfusione?".


Grazie mille .davvero tanti punti su cui riflettere
"la vertigine non è paura di cadere ma voglia di volare" Jovanotti.
lanzarote63
Nuovo Utente
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 20/11/2013, 13:24

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 25/11/2013, 16:07

lanzarote63 ha scritto:Una cosa che invece non avevo mai preso in considerazione e grazie a voi l'ho colto è che le persone che cadono in questa religione o in altre è dovuto ad una necessità inconscia di protagonismo

Mha, più che necessita' inconscia di protagonismo, in alcuni casi parlerei di un'occasione di rivincita (perlomeno nel proprio clan) su una vita di frustrazioni
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi eros&thanatos » 25/11/2013, 16:19

Gabriella Prosperi ha scritto:Mha, più che necessita' inconscia di protagonismo, in alcuni casi parlerei di un'occasione di rivincita (perlomeno nel proprio clan) su una vita di frustrazioni
Gabriella

Questi sono i presupposti per creare un mostro, Gabry.
Come quei buonannulla che, per un malaugurato caso, diventano dirigenti di un gruppo di persone, e li umiliano credendosi migliori.
Ma, spero, che questi individui siano la minoranza.
"onen i-Estel Edain, u-chebin Estel anim". Elfico Quenya, da The lord of the rings
"ho dato la mia speranza agli uomini, non ne ho conservata per me"

Presentazione Immagine
Avatar utente
eros&thanatos
Utente Master
 
Messaggi: 3014
Iscritto il: 11/04/2013, 17:48
Località: Domaso

Messaggiodi Mauro1971 » 25/11/2013, 16:23

lanzarote63 ha scritto:Grazie mille .davvero tanti punti su cui riflettere


Felice di essere utile, anche se devo ammettere che quel pezzo l'ho scritto davvero ma davvero male :risatina: :risatina: :risatina:
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)
"Io riconosco di essere un dilettante nella misura in cui io cerco ricavare diletto da tutto ciò che faccio" (Philo Vance)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Platinium
 
Messaggi: 10327
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 25/11/2013, 16:32

eros&thanatos ha scritto:
Gabriella Prosperi ha scritto:Mha, più che necessita' inconscia di protagonismo, in alcuni casi parlerei di un'occasione di rivincita (perlomeno nel proprio clan) su una vita di frustrazioni
Gabriella

Questi sono i presupposti per creare un mostro, Gabry.
Come quei buonannulla che, per un malaugurato caso, diventano dirigenti di un gruppo di persone, e li umiliano credendosi migliori.
Ma, spero, che questi individui siano la minoranza.

Lo spero anche io
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi papà61 » 25/11/2013, 17:11

eros&thanatos ha scritto:
Gabriella Prosperi ha scritto:Mha, più che necessita' inconscia di protagonismo, in alcuni casi parlerei di un'occasione di rivincita (perlomeno nel proprio clan) su una vita di frustrazioni
Gabriella

Questi sono i presupposti per creare un mostro, Gabry.
Come quei buonannulla che, per un malaugurato caso, diventano dirigenti di un gruppo di persone, e li umiliano credendosi migliori.
Ma, spero, che questi individui siano la minoranza.

eh, no, ragazze mie.. purtroppo sono la maggioranza, in tutti i campi.. e se ne vedono gli effetti... dalla cerchia familiare, alla grande azienda passando per la politica e le sette religiose o di altro tipo. Dalle mie parti si dice: un melo non puo diventare un pero... nel senso che non è l'appartenenza o meno ad un gruppo a far la brava persona. SI è bravi dalla nascita... come dissi ad una amica giorni fa, ma te hai bisogno che te lo dica Dio o di leggerlo in un libro per essere una brava persona?
Da Testimone di Geova a inattivo e critico.
Dammi una mano a stingere l'opacità del mare...e dammi un grammo d'indaco per ogni tuo risveglio..
Avatar utente
papà61
Utente Master
 
Messaggi: 3750
Iscritto il: 22/10/2011, 19:17
Località: Forte dei Marmi, a volte Domaso.. a volte in mezzo al rigo o sopra il do!

Messaggiodi Nunzio » 25/11/2013, 17:19

papà61 ha scritto:
eros&thanatos ha scritto:
Gabriella Prosperi ha scritto:Mha, più che necessita' inconscia di protagonismo, in alcuni casi parlerei di un'occasione di rivincita (perlomeno nel proprio clan) su una vita di frustrazioni
Gabriella

Questi sono i presupposti per creare un mostro, Gabry.
Come quei buonannulla che, per un malaugurato caso, diventano dirigenti di un gruppo di persone, e li umiliano credendosi migliori.
Ma, spero, che questi individui siano la minoranza.

eh, no, ragazze mie.. purtroppo sono la maggioranza, in tutti i campi.. e se ne vedono gli effetti... dalla cerchia familiare, alla grande azienda passando per la politica e le sette religiose o di altro tipo. Dalle mie parti si dice: un melo non puo diventare un pero... nel senso che non è l'appartenenza o meno ad un gruppo a far la brava persona. SI è bravi dalla nascita... come dissi ad una amica giorni fa, ma te hai bisogno che te lo dica Dio o di leggerlo in un libro per essere una brava persona?


Hai ragione, quest'ultima cosa la dissi alla mia ex e lei mi rispose si è quello che vuole Geova.
Altro che nuovi mostri di striscia la notizia...
Se per vivere devi strisciare, alzati e muori...
Avatar utente
Nunzio
Utente Senior
 
Messaggi: 547
Iscritto il: 11/04/2012, 15:12

Messaggiodi papà61 » 25/11/2013, 18:03

ecco.. ma c'è anche gente che ti risponde... Oddio, è vero! non ho bisogno di leggere un libro...
vedi, ci sono persone per le quali, Geova, piuttosto che un Bridge Club, è un modo per passare il tempo e non pensare alla mediocrità delle loro vite, non perché siano persone sfortunate, ma piuttosto perché sono sacchi vuoti, che non hanno nente da dare a nessno.. allora, si rivolgono a chi gli sa raccontare delle belle e plausibili favole, parlano in modo forbito e si sfracellano inconsciamente la vita a se stessi e a chi ha la malaugurata disgrazia di incocciarli...
Fortunatamente, al mondo, ci sono anche altre persone che hanno tantissimo da dare... il problema è trovarle, apprezzarle e valorizzarle. E che apprezzino te! se no, aria! che te ne fai di una persona che non vede il bene che le vuoi, i sacrifici che fai per lei e, soprattutto, il rispetto, la considerazione e la stima che le dai? Conosci il detto La carne capita a chi non ha i denti?... ecco.
non posso raccontarti l 'epilogo della mia storia, non ora almeno... ma apriti al mondo e vedi che anche per te ci puo essere in serbo un bel regalo...
con stima.
Da Testimone di Geova a inattivo e critico.
Dammi una mano a stingere l'opacità del mare...e dammi un grammo d'indaco per ogni tuo risveglio..
Avatar utente
papà61
Utente Master
 
Messaggi: 3750
Iscritto il: 22/10/2011, 19:17
Località: Forte dei Marmi, a volte Domaso.. a volte in mezzo al rigo o sopra il do!

Messaggiodi Vittorino » 25/11/2013, 18:05

lanzarote63 ha scritto:Grazie per le vostre considerazioni.
Mi pongo questa domanda per capire come mai in tanti anni non son riusciti a convincermi nemmeno un po'.
In tutti questi anni ho avuto diversi stati d'animo come tutti nella vita, ma per fortuna non è stato influente.
Altra cosa che forse mi ha salvata è stato il fatto che io ho sempre avuto dubbi sull'origine stessa della Bibbia. Quindi che uno la sappia a memoria o meno non mi colpisce, tranne la mia curiosità.

Una cosa che invece non avevo mai preso in considerazione e grazie a voi l'ho colto è che le persone che cadono in questa religione o in altre è dovuto ad una necessità inconscia di protagonismo (cosa che per fortuna mi manca). Essere eletto, essere importante nella comunità dei tdg e scalare la loro piramide accresce e alimenta l'ego. Naturalmente tutto questo accade inconsciamente.
Mi riferisco ovviamente alle persone che diventano tdg e non quelli che ci nascono.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
per quanto concerne la domanda più terra a terra, ossia i soldi, l'ho fatta perché ne conosco tanti che lavorano solo part time, eppure non si fanno mancare qualche cena in pizzeria.

Concordo con quanto sin qui detto, ma non mi sembra da sottovalutare anche un problema moderno, legato a quello del sentirsi importante per qualcuno, che è quello della solitudine.
I TdG sono abilissimi nel far sentire qualcuno importante, addirittura un eletto in seno ad un mondo in sfacelo e dal quale si può, pur vivendoci dentro, in pratica tirarsene fuori, ma fanno anche molto perno sul fatto che, pur vivendo in mezzo alla gente, ci si senta soli e sperduti, specialmente se si sono vissuti recenti episodi di dolore per la perdita di persone care o deboli per una qualsiasi infermità.
A quel punto il gruppo rappresenta qualcosa di confortante a cui aggrapparsi e sentire che c'è qualcuno che ci capisce ed è pronto ad intervenire in caso di bisogno.
Non rari sono anche i casi di chi vive una vita nel più completo anonimato, personalità fragili che, specialmente dopo il pensionamento, si sentono soli e abbandonati.
Ebbene, cosa c'è allora di meglio che, nel giro di pochi mesi, andare in giro parlando come teologi della Bibbia e di lingue morte come l'Ebraico e il Greco antico come fossimo dei veri e propri professori universitari, anzi di più?
Difficilmente, una volta provata questa ebbrezza, ci si rinuncerà facilmente per ritornare ad una vita anonima e senza essere considerati da nessuno.
Il famoso "bozzolo" si è ormai chiuso intorno a noi e la sua materia vischiosa ci avviluppa sempre più.
Per questo ho una volta chiesto ad un TdG che mi parlava, appunto, di 5.000 anni di vita, di profezie, ecc.:
«Ma tu ci credi a quanto stai dicendo, oppure ci VUOI credere?»
Un sorrisino è stata la risposta.
Dopo aver letto alcuni libri di ex TdG, non trascerei anche la molla di ragazzi e anche adulti, che non hanno il coraggio di deludere le aspettative di genitori o famigliari.
:strettamano:
Avatar utente
Vittorino
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1741
Iscritto il: 11/11/2009, 15:08

Messaggiodi Nunzio » 25/11/2013, 19:08

papà61 ha scritto:ecco.. ma c'è anche gente che ti risponde... Oddio, è vero! non ho bisogno di leggere un libro...
vedi, ci sono persone per le quali, Geova, piuttosto che un Bridge Club, è un modo per passare il tempo e non pensare alla mediocrità delle loro vite, non perché siano persone sfortunate, ma piuttosto perché sono sacchi vuoti, che non hanno nente da dare a nessno.. allora, si rivolgono a chi gli sa raccontare delle belle e plausibili favole, parlano in modo forbito e si sfracellano inconsciamente la vita a se stessi e a chi ha la malaugurata disgrazia di incocciarli...
Fortunatamente, al mondo, ci sono anche altre persone che hanno tantissimo da dare... il problema è trovarle, apprezzarle e valorizzarle. E che apprezzino te! se no, aria! che te ne fai di una persona che non vede il bene che le vuoi, i sacrifici che fai per lei e, soprattutto, il rispetto, la considerazione e la stima che le dai? Conosci il detto La carne capita a chi non ha i denti?... ecco.
non posso raccontarti l 'epilogo della mia storia, non ora almeno... ma apriti al mondo e vedi che anche per te ci puo essere in serbo un bel regalo...
con stima.


:strettamano:
Se per vivere devi strisciare, alzati e muori...
Avatar utente
Nunzio
Utente Senior
 
Messaggi: 547
Iscritto il: 11/04/2012, 15:12

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 25/11/2013, 19:26

Vittorino da Feltre ha scritto:Concordo con quanto sin qui detto, ma non mi sembra da sottovalutare anche un problema moderno, legato a quello del sentirsi importante per qualcuno, che è quello della solitudine.
I TdG sono abilissimi nel far sentire qualcuno importante, addirittura un eletto in seno ad un mondo in sfacelo e dal quale si può, pur vivendoci dentro, in pratica tirarsene fuori, ma fanno anche molto perno sul fatto che, pur vivendo in mezzo alla gente, ci si senta soli e sperduti, specialmente se si sono vissuti recenti episodi di dolore per la perdita di persone care o deboli per una qualsiasi infermità.
A quel punto il gruppo rappresenta qualcosa di confortante a cui aggrapparsi e sentire che c'è qualcuno che ci capisce ed è pronto ad intervenire in caso di bisogno.
Non rari sono anche i casi di chi vive una vita nel più completo anonimato, personalità fragili che, specialmente dopo il pensionamento, si sentono soli e abbandonati.
Ebbene, cosa c'è allora di meglio che, nel giro di pochi mesi, andare in giro parlando come teologi della Bibbia e di lingue morte come l'Ebraico e il Greco antico come fossimo dei veri e propri professori universitari, anzi di più?
Difficilmente, una volta provata questa ebbrezza, ci si rinuncerà facilmente per ritornare ad una vita anonima e senza essere considerati da nessuno.
Il famoso "bozzolo" si è ormai chiuso intorno a noi e la sua materia vischiosa ci avviluppa sempre più.
Per questo ho una volta chiesto ad un TdG che mi parlava, appunto, di 5.000 anni di vita, di profezie, ecc.:
«Ma tu ci credi a quanto stai dicendo, oppure ci VUOI credere?»
Un sorrisino è stata la risposta.
Dopo aver letto alcuni libri di ex TdG, non trascerei anche la molla di ragazzi e anche adulti, che non hanno il coraggio di deludere le aspettative di genitori o famigliari.
:strettamano:

Concordo in tutto.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi phoenix74 » 21/01/2014, 21:34

lanzarote63 ha scritto:Domanda:
come inizia e si svolge il lavaggio del cervello da parte dei TDG?


Concordo con Mauro ed evidenzio il punto... chi diventa vulnerabile ai TDG (ed altre sette... non dimentichiamolo) ha qualche problema o circostanza che ha difficoltà ad affrontare, e proprio in quella fase si è soffermato/incuriosito nel Gruppo, cercando in buona fede nuovi contatti o un minimo di contatto "umano" (i TDG sono addestrati a mostrarsi "pazienti" e socievoli con gli "esterni") o distrazione.

- Divorzi (e a volte battaglie legali per i figli per non parlare della solitudine e bisogno di rifarsi una nuova vita sociale e relazionale
- età di passaggio dalla adolescenza all'età matura, in cui idealismo ed altruismo a volte non vengono soddisfatti nella nostra società (dai vent'anni in poi)
- persone vulnerabili o insicure per storie familiari brutte o instabili, a volte anche dipendenze vere e proprie che hanno minato la loro vita
- trasferimenti per lavoro in città distanti, in cui con o senza famiglia si abbia difficoltà a integrarsi
- perdita del lavoro (e quindi autostima) o grave malattia, propria o di propri amici/parenti che lascia amarezza e preoccupazione
- delusioni come amicizie o legami, cui nasce spontaneo il desiderio di "cambiare" aria e quindi nuovi stimoli

Anche se nessuno lo ammetterebbe mai (perchè fa paura...) siamo tutti vulnerabili a gruppi simili, dipende a volte dalla (s)fortuna, dalla rete sociale, dalle circostanze ...

Queste ed altre situzioni simili rendono più "vulnerabile" la persona che vede nella gentilezza e nei modi pacati dei TDG un'occasione per socializzare e l'illusione con la religione (!!!) di trovare conforto.

Lo studio del libro, spacciato per istruzione (?!?) in verità serve a creare e coltivare le illusione che il Gruppo sia "buono" in un mondo scuro ed egoista, cui la persona (che si trova in difficoltà) di solito concede tempo anche per conoscere "meglio" il TDG insegnante, ignorando che invece cercheranno di allontanarlo da affetti e abitudini (riferendo agli "anziani" punti deboli).

Anche se vulnerabile qualcuno rimane infastidito dalla ingerenza del TDG insegnante (prima o poi cercherà di trovare informazioni su parenti, amici, ecc da riferire ai capi "anziani") per non parlare della demonizzazione del mondo esterno... abbandona lo studio ed allora il TDG, aizzato dagli "Anziani" cerca di capire il vero "motivo" (se ha conosciuto ex-TDG, quale "parte" della vita TDG non gli piace ecc) mantenendo se possibile contatti per un nuovo studio in futuro, "amichevolmente".

Lo studio, le adunanze servono anche per suggestionare il singolo, canti ripetitivi, semplificazione della vita (TDG "buoni" e mondo "cattivo"), love mobbing che il singolo in difficoltà recepirà come sincero interesse... illudendosi di trovare un ambiente positivo (i TDG fanno molte attività comunitarie) si rimane a lungo e si rischia pian piano di finire "omologati".

Per il plagio ci vuole del tempo (settimane o qualche mese), una sorta di ipnosi che se fatta con pazienza (a volte cambia il TDG insegnante per trovare uno più "compatibile" per età, situazione familiare) non viene vista come invadente dalla persona. A volte si portano riviste a "simpatizzanti" per mesi e mesi, riprovando a distanza un nuovo studio (e informando gli "anziani")

E' un discorso lungo... dai un'occhiata a...
viewtopic.php?f=8&t=9944&p=157631&hilit=destrutturazione#p157631

P.S. non è facile "tirare fuori" da gruppi simili amici e parenti... ho due famiglie di parenti in un'altro Gruppo da 20 anni
P.S.(2) mai sottovalutare Sette, Santoni, Guru e simili...
"Ci sono prigioni senza sbarre, ne guardiani. in cui Guide spirituali comandano. Possibile?
La realtà la percepisci dalle informazioni, comportamento ed emozioni derivano dalle relazioni dell'ambiente sociale.
Se cambi questi quattro elementi modificherai la prospettiva in cui la persona vede sè stessa ed il mondo esterno."

Steve Hassan "Mentalmente liberi"
phoenix74
Utente Senior
 
Messaggi: 667
Iscritto il: 31/03/2012, 18:30

Messaggiodi play » 22/01/2014, 11:22

Per cio' che concerne l' autostima, o quelle che vengono chiamate ferite narcisistiche, credo che di persone che né sono afflitte se né trovano un po' in ogni ambiente. Ho conosciuto mediocri musicisti che credono di essere geniali come Wagner, mediocri attori che sembrano usciti dall' actor studio, registi teatrali che si sono convinti di aver superato Stanislavskij. Una cosa veramente pietosa!
Nelle relazioni sociali penso che sia essenziale il riconoscimento.
E nello stesso tempo credo che accontentarsi e accettare i propri limiti sia salutare.
I tdG invece sembrano avere una risposta a qualunque tipo di domanda.
Loro conoscono la storia delle religioni, la filosofia, e sembrano essere esperti di qualunque ambito dello scibile umano. Ma non è cosi.
play
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1538
Iscritto il: 23/12/2011, 8:56

Messaggiodi play » 23/01/2014, 16:37

Se ti interessa dilatare l' argomento posso aggiungere qualcosa rispetto a cio' che è stato gia' detto.
Bada, queste non sono considerazioni di un esperto in psicologia, ma il frutto delle mie personalissime idee che ho elaborato grazie all' esperienza e alla lettura di riviste di psichiatria e psicoterapia.
A me interessa stare dalla parte dei bambini per via del fatto che la vita su questo pianeta che amo di un detestato amore è nelle loro mani.
Percio' ti diro' che a volte i genitori degli adolescenti che fanno parte di una setta come i tdG non sempre sono in grado di ribellarsi alle circostanze sfavorevoli che sorgono a causa dei sistemi pedagogici di impostazione vittoriana, basata cioè sul principio che un ragazzo puo' essere premiato o punito in base al suo comportamento.
" Se fai il bravo ti premio!" " Se fai il cattivo Geova piangera!"
Purtroppo i genitori sono le prime vittime di questi metodi educativi vecchi come il cucco.
In modo velato i capi dei tdG minano svalutandola costantemente la fiducia dei genitori nella loro capacita' di essere un buon genitore.
Infatti, ho riscontrato in passato nei miei genitori la presenza di uno stato d' angoscia di cui non erano consapevoli.
A loro volta pensavano che io non fossi consapevole del loro stato emotivo.
E cosi finivano per negarmi le mie capacita' intuitive.
Potrei aggiungere altre cose in merito ai problemi che sorgono nelle famiglie divise dal geovismo.
Ma il tempo è tiranno.
Saluti
play
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1538
Iscritto il: 23/12/2011, 8:56


Torna a Forum principale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: sandrosolustri, VictorVonDoom e 7 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici