Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Trapianto senza trasfusione

In questo spazio si discute di argomenti di vario genere relativi ai Testimoni di Geova e che non sono inclusi nelle altre sezioni

Moderatore: Cogitabonda

Trapianto senza trasfusione

Messaggiodi Alex.71 » 18/01/2010, 18:28

Ciao a tutti,
oggi, nel vedere, studio aperto è stata data questa notizia, seguita da una breve intervista all'interessata. Vi riporto la notizia rilanciata dall'Ansa.
Qui il Link: http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/scienza/2010/01/18/visualizza_new.html_1674806956.html
Ciao
Alex
Alex.71
Nuovo Utente
 
Messaggi: 16
Iscritto il: 02/09/2009, 20:32

Messaggiodi lovelove84 » 18/01/2010, 18:51

sono felice per la signora, e per fortuna gli è successo con questo intendimento, e quindi ora puo continuare a vivere, grazie anche ai medici e a Dio!
SI DEVE INSEGNARE A PENSARE, E NO A COSA PENSARE..
Margaret Mead


Lovelove84
Avatar utente
lovelove84
Utente Senior
 
Messaggi: 1660
Iscritto il: 27/07/2009, 14:18

Re

Messaggiodi Trottola31 » 18/01/2010, 19:11

Se la signora adesso sta bene è perfetto,perché la medicina va avanti e si migliora......ma non dobbiamo dimenticare che un trapianto spesso è un intervento che si fa in elezione, cioè con prima tutta una serie di analisi e tecniche diagnostiche, per poi arrivare alla pianificazione vera e propria dell'intervento, compresi i rischi e gli imprevisti....oggi giorno grazie al raffinamento delle tecniche chirurgiche le emorragie intraoperatorie sono molto rare, fatta eccezione degli interventi chirurgici ortopedici quindi è difficile in questi casi dover ricorrere a delle trasfusioni.......ma nel caso che fosse un intervento chirurgico in emergenza? Le tecniche senza sangue sono utilissime in un caso chirurgico elettivo, cosi come le cure omeopatiche che propongono i testimoni, ma in emergenza non danno sufficienti garanzie.
Poniamo un esempio semplice: un paziente viene ricoverato per un incidente stradale, ha perso mettiamo due litri di sangue....la cosa piu urgente è ripristinare il volume plasmatico, che si puo ottenere con plasma expander o carichi di liquidi oppure con entrambe le soluzioni.....ma se quel paziente fosse diabetico o emofiliaco oppure anemico? Nei primi due casi si avrà una difficoltà a chiudere le ferite chirurgicamente, nel secondo ci si troverà a dover combattere con il calo dell'emoglobina, con il rischio di cianosi tissutale e disturbi respiratori che se protratti possono danneggiare le funzioni cerebrali....senza contare che alcune di queste situazioni sono permanenti e richiedono spesso l'uso di sangue omologo.
Tutto questo non perchè voglio fare la maestrina, ma solo sottolineare che elettivamente parlando le trasfusioni si possono anche eliminare se il chirurgo è bravo e il personale attento, ma in emergenza spesso e volentieri questo non è possibile, come non è possibile farlo per alcune patologie, come per esempio l'emofilia, nella quale è necessario il fattore 8 per la coagulazione del sangue......e mi domando se questo fattore viene considerato frazione o no dal punto di vista dei testimoni di geova. :boh: :boh: :boh: :boh: :boh: :boh: :boh:
Avatar utente
Trottola31
Nuovo Utente
 
Messaggi: 225
Iscritto il: 13/09/2009, 13:36

un grazie

Messaggiodi lecri » 18/01/2010, 20:27

Sono contento che la signora stia bene e che i suoi familiari siano ora sollevati dalle preoccupazioni.Ma vorrei rivolgere un pensiero alla ragazza di 29 anni che non c'e' piu' e che col suo dono ha reso tutto cio' possibile,senza chiedere di che "razza "doveva essere il ricevente.Vorrei poi ringraziare anche quei medici 'che mettono al servizio di tutti rispettandone le credenze' la loro sapienza nel fare certi interventi.Chissa' cosa provano i nostri amici tdg ad essere trattati con amore da questa gente che vive sotto il dominio di satana.Ma noi sappiamo che son queste le cose giuste da fare e siamo contenti cosi'.Buone cose alla signora,e un grazie grande grande alla cara amica che non c'e' piu'.
lecri
Nuovo Utente
 
Messaggi: 109
Iscritto il: 12/11/2009, 11:54

Messaggiodi comet850 » 19/01/2010, 9:58

E' molto improbabile che si faccia un trapianto di organo con una trasfusione di sangue.
già di per se l'organo è soggetto a rigetto,ed è per questo che solitamente il paziente prende dei farmaci che abbassano le sue difese immunitarie.
aggiungere al trapianto anche una trasfusione significa amplificare i rischi di rigetto.
per questo l'operazione di trapianto d'organo si fa normalmente senza sangue.
comet
Avatar utente
comet850
Nuovo Utente
 
Messaggi: 85
Iscritto il: 04/12/2009, 16:15

Messaggiodi lecri » 19/01/2010, 12:04

Io non so quale è la verita'.Ma a questo punto, perche' danno importanza a questa notizia ,come se si fosse fatta una cosa rara?
lecri
Nuovo Utente
 
Messaggi: 109
Iscritto il: 12/11/2009, 11:54

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 19/01/2010, 12:16

lecri ha scritto:Io non so quale è la verita'.Ma a questo punto, perche' danno importanza a questa notizia ,come se si fosse fatta una cosa rara?

Sperano sempre nell'ignoranza dei propri interlocutori.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi lecri » 19/01/2010, 13:58

Cara Gabriella, il problema è che se non sbaglio c'era un articolo su "La stampa"e hanno data anche la notizia a "Studio aperto".Purtroppo di questi argomenti dovrebbero parlare solo le persone che sanno cosa stanno trattando,e non è cosi'
lecri
Nuovo Utente
 
Messaggi: 109
Iscritto il: 12/11/2009, 11:54

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 19/01/2010, 15:19

lecri ha scritto:Cara Gabriella, il problema è che se non sbaglio c'era un articolo su "La stampa"e hanno data anche la notizia a "Studio aperto".Purtroppo di questi argomenti dovrebbero parlare solo le persone che sanno cosa stanno trattando,e non è cosi'

Verissimo, ma se noti, oggi sono tutti "tuttologi".
Basta, che so, uscire da un reality o comparire come comparsa in un telegiornale e, subito dopo, ti trovi accreditato dai media come esperto.
Bha.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi Alex.71 » 20/01/2010, 18:43

comet850 ha scritto:E' molto improbabile che si faccia un trapianto di organo con una trasfusione di sangue.
già di per se l'organo è soggetto a rigetto,ed è per questo che solitamente il paziente prende dei farmaci che abbassano le sue difese immunitarie.
aggiungere al trapianto anche una trasfusione significa amplificare i rischi di rigetto.
per questo l'operazione di trapianto d'organo si fa normalmente senza sangue.
comet


Ciao comet,
I vari articoli che ho letto dicono tutti che è la prima volta, in Italia, che viene effettuato un trapianto di polmoni senza trasfusione. Se non mi sbaglio anche i dotori delle molinette di Torino hanno detto lo stesso. Magari mi sbaglio devo recuperare il servizio di studio aperto. Credo che non sia solo uno scoop ma qualcosa di vero ci sia.
Ciao
Alex
Alex.71
Nuovo Utente
 
Messaggi: 16
Iscritto il: 02/09/2009, 20:32

Messaggiodi vitale » 20/01/2010, 23:05

I tdG dimenticano che il traguardo dei trapianti senza sangue,
é reso possibile in modo sempre più sicuro, in quanto la medicina
cerca di abbattere il problema di reperire sangue (sano) ricercando
"sostituti" e migliorie senza quest'ultimi.
Vorrei vedere il comportamento del CD odierno, praticato decenni orsono,
quando la medicina era ... ..; il fedele, quale comportamento.

La selezione impartita dal CD non é naturale/soprannaturale.
La famiglia, i figli, la religione, la politica, non hanno più spina dorsale
Presentazione
vitale
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4060
Iscritto il: 30/08/2009, 10:19

Messaggiodi giggio1951 » 21/01/2010, 14:18

Che si facciano trapianti senza uso di sangue, questo ormai è riconosciuto da tutti.
Le moderne tecniche lo possono permettere.
Ci sono interventi meno eclatanti , che, invece richiederebbero l’uso del sangue.
Fare “notizia” con un trapianto è strategia teocratica.
Quanti pazienti muoiono o vengono trasfusi in intereventi, molto più difficoltosi ma meno noti?
Quanti leucemici o malati di malattie del sangue, muoiono o vengono trasfusi?
Quanta affetti da cancro, devono ridurre i cicli di chemioterapia per evitare l’abbassamento dei globuli rossi, piastrine, emoglobina e globuli bianchi, e quindi aumentare il rischio di una metastasi che spesso porta alla morte?
Tornando al trapianto: sappiamo che è stato effettuato, ma a quali condizioni?
In caso di necessità assoluta, il medico cosa avrebbe fatto?
Come al solito si cerca il compromesso.
Interessa la notizia e all’ora si suggerisce al paziente di accettare il compromesso e se va bene sarà una grande testimonianza, ma se dovesse occorrere una trasfusione intraoperatoria Geova saprà capire e perdonare?
Questa è “strategia teocratica”.
Dimenticavo, ma del post-operatorio, non se ne parla mai?
Gianni (che si firmava HIS).
giggio1951
Nuovo Utente
 
Messaggi: 247
Iscritto il: 22/07/2009, 17:21


Torna a Forum principale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot], Socrate69 e 7 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici