Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Dove si fa proselitismo ?

In questo spazio si discute di argomenti di vario genere relativi ai Testimoni di Geova e che non sono inclusi nelle altre sezioni

Moderatore: Cogitabonda

Dove si fa proselitismo ?

Messaggiodi vesperis » 16/11/2015, 9:53

Cari amici ex TdG.
Ho una piccola domanda da porvi.
Quando si fa proselitismo fra " quelli del mondo " il luogo di missione è sempre nell'area del proprio paese o quartiere di città o si viene destinati ai paesi più lontani o ad altri quartieri di città.
La stessa domanda coinvolge anche il proselitismo effettuato davanti a i cimiteri ( le settimane scorse erano tanti gli zelatori davanti al cimitero del mio paese ma non ho scorto nessuno che conoscevo) così come all'uscita dei visitatori dagli ospedali o davanti alle stazioni ferroviarie o ai mercati rionali etc. etc.
Sarebbe moto imbarazzante per mio nipotie ( 9 anni) e per suo padre TdG oltre che a noi incontrarli in paese in attività di campo mentre ci allungano la Torre di guardia..

Se fanno attività di campo fuori paese la benzina viene pagata e da chi?
Grazie di una Vostra risposta.,
Avatar utente
vesperis
Nuovo Utente
 
Messaggi: 185
Iscritto il: 22/09/2009, 14:22

Messaggiodi Paxuxu » 16/11/2015, 10:01

Non sono un tdg, ma sull'ultima domanda: "Se fanno attività di campo fuori paese la benzina viene pagata e da chi?", non lo sai che è un privilegio ed un onore pagare di tasca propria per la gloria di Geo-va?

D'altronde, fa parte dello zelante tdg portare la buona novella ala gende del Mondo di Satana sai.


:sorriso:


Paxuxu
Avatar utente
Paxuxu
Utente Master
 
Messaggi: 4030
Iscritto il: 17/07/2009, 11:40

Messaggiodi sergio.pasqualino » 16/11/2015, 10:08

vesperis ha scritto:Cari amici ex TdG.
Ho una piccola domanda da porvi.
Quando si fa proselitismo fra " quelli del mondo " il luogo di missione è sempre nell'area del proprio paese o quartiere di città o si viene destinati ai paesi più lontani o ad altri quartieri di città.
La stessa domanda coinvolge anche il proselitismo effettuato davanti a i cimiteri ( le settimane scorse erano tanti gli zelatori davanti al cimitero del mio paese ma non ho scorto nessuno che conoscevo) così come all'uscita dei visitatori dagli ospedali o davanti alle stazioni ferroviarie o ai mercati rionali etc. etc.
Sarebbe moto imbarazzante per mio nipotie ( 9 anni) e per suo padre TdG oltre che a noi incontrarli in paese in attività di campo mentre ci allungano la Torre di guardia..

Se fanno attività di campo fuori paese la benzina viene pagata e da chi?
Grazie di una Vostra risposta.,


Di solito il territorio di predicazione (proselitismo) è assegnato alla congregazione che occupa quel territorio. Ovviamente ci sono anche altre congregazioni nelle vicinanze e capitano giorni speciali di predicazione dove più gruppi si riuniscono e fanno una massiccia opera di proselitismo nelle zone che hai descritto (cimiteri, stazioni, ospedali ecc...). Nella mia città ci sono molti paesi vicino ad essa e qualche volta (una o due al mese) organizzano comitive di gente per andare a predicare in questi posti fuori città. La benzina se la pagano da soli non viene data loro dalla WTS. Alcuni se la dividono.
Qui, nello specifico, le mogli degli anziani (quelle che sono pioniere) non prendono la loro macchina ma pretendono che chi esce con loro in predicazione non solo porti la sua (di macchina) ma vogliono anche guidarla. E di contribuire alla benzina non se ne parla nemmeno.
La WTS è sempre pronta ad allungare la mano ma l'altra mano diventa piccola piccola fino a sparire quando deve dare qualcosa in cambio. E questo sentimento sta prendendo piede anche nel cuore di anziani, sdm e mogli varie.
sergio.pasqualino
 

Strani incontri.

Messaggiodi vesperis » 16/11/2015, 10:23

Quindi potrei facilmnete incontrare i miei famigliari- nipote di 9 anni incravattato e suo padre, mio cognato, ancora più incravattato e tirato a lucido- per strada a suonare i campanelli o davanti al cimitero .
Ma quello che è molto imbarazzante sono gli amichetti e le amichette che incontrano l'amico e che con cattiveria tutta giovanile potrebbero sbertucciarlo in classe o dovunque.
Avatar utente
vesperis
Nuovo Utente
 
Messaggi: 185
Iscritto il: 22/09/2009, 14:22

Messaggiodi Paxuxu » 16/11/2015, 10:29

Anche il chirichetto cattolico è sbertucciato in classe dai non cattolici, ma d'altronde non c'è forse scritto: "che molti verranno perseguitati in nome mio?", ed allora che problemi avrà tuo nipote, sapendo bene che alla fine riderà solo lui dopo la venuta di Armaghedon?


:sorriso:


Paxuxu
Avatar utente
Paxuxu
Utente Master
 
Messaggi: 4030
Iscritto il: 17/07/2009, 11:40

Messaggiodi sergio.pasqualino » 16/11/2015, 10:44

Paxuxu ha scritto:Anche il chirichetto cattolico è sbertucciato in classe dai non cattolici, ma d'altronde non c'è forse scritto: "che molti verranno perseguitati in nome mio?", ed allora che problemi avrà tuo nipote, sapendo bene che alla fine riderà solo lui dopo la venuta di Armaghedon?


:sorriso:


Paxuxu


Senza contare le generazioni di bambini che sono cresciute, invecchiate morte aspettando un Armaghedon che non è mai arrivato (comunque sempre alle porte 1914, 1935, 1975 ecc..) ma che sono state prese sempre per i fondelli da tutti i loro amichetti, che ne frattempo hanno studiato, si sono sposati con chi volevano, hanno fatto figli e questi figli hanno sempre preso per il c--- i figli di quelli che aspettavano Armaghedon... Nel frattempo la WTS si è costruita un impero immobiliare su tutto questo.
sergio.pasqualino
 

E' vero

Messaggiodi Vieri » 16/11/2015, 10:57

Paxuxu ha scritto:Anche il chirichetto cattolico è sbertucciato in classe dai non cattolici, ma d'altronde non c'è forse scritto: "che molti verranno perseguitati in nome mio?", ed allora che problemi avrà tuo nipote, sapendo bene che alla fine riderà solo lui dopo la venuta di Armaghedon?


:sorriso:


Paxuxu


Anche dei ragazzi giovani della mia comunità trovano lungo a parlare di certe esperienze religiose con i loro compagni e pare che oggi, Tdg a parte, dichiarare apertamente di essere cattolici rappresenti quasi un peccato...con prese in giro notevoli anche su diversi siti ed a volte pare che sia più facile tollerare un "diverso" che un "cristiano (vero)".......e non per niente ho ricevuto da alcuni dubbi, perplessità e giudizi (non benevoli) sull'appartenenza neocatecumenale del sottoscritto dove intere famiglie ( e che conosco) vanno in giro per il mondo ad annunciare il Vangelo...
:ilovejesus:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 7904
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi vesperis » 16/11/2015, 11:11

Paxuxu ha scritto:Anche il chirichetto cattolico è sbertucciato in classe dai non cattolici, ma d'altronde non c'è forse scritto: "che molti verranno perseguitati in nome mio?", ed allora che problemi avrà tuo nipote, sapendo bene che alla fine riderà solo lui dopo la venuta di Armaghedon?


:sorriso:


Paxuxu


No, non è la stessa cosa Paxuxu.

Io ho fatto il chierichetto per alcuni anni nella mia parrocchia e ricordo ancora adesso quei momenti o gratificanti e felici.
Nessuno mi obbligava, anzi, il don ci diceva sempre che ognuno era libero di fare o non fare il chierichetto.
Certo, esistevano come in ogni comunità delle norme ben precise.
Una della quali ci obbligava alla presenza allaa grande Messa della notte di Natale e di Pasqua.
Io allora abitavo in un paesino di alta montagna e ricordo perfettamente delle notti di Natale andare alle 22.00 in Chiesa per prepaprarci e poi all'una di notte tornare a casa sotto forti nevicate.
Nessuno mi obbligava . Anzi per me era una gratificazione grande perchè intendiamoci c'era anche l'opportunità di arrotondare la paghetta con le mance che ci davano ai matrimoni, funerali, battesimi etc..
Poi c'era la gita annuale di noi chierichetti con le varie Associazioni parrocchiali. Davvero dei momenti intensi.

Non mi sento di paragonare un chierichetto a un ragazzo di 9 anni girare per il paese con il proprio babbo e suonare i campanelli o fermarsi davanti al cimitero per fare opera di proselitismo geovista. Assolutamentte no.
Avatar utente
vesperis
Nuovo Utente
 
Messaggi: 185
Iscritto il: 22/09/2009, 14:22

Messaggiodi sergio.pasqualino » 16/11/2015, 11:51

vesperis ha scritto:
Paxuxu ha scritto:Anche il chirichetto cattolico è sbertucciato in classe dai non cattolici, ma d'altronde non c'è forse scritto: "che molti verranno perseguitati in nome mio?", ed allora che problemi avrà tuo nipote, sapendo bene che alla fine riderà solo lui dopo la venuta di Armaghedon?


:sorriso:


Paxuxu


No, non è la stessa cosa Paxuxu.

Io ho fatto il chierichetto per alcuni anni nella mia parrocchia e ricordo ancora adesso quei momenti o gratificanti e felici.
Nessuno mi obbligava, anzi, il don ci diceva sempre che ognuno era libero di fare o non fare il chierichetto.
Certo, esistevano come in ogni comunità delle norme ben precise.
Una della quali ci obbligava alla presenza allaa grande Messa della notte di Natale e di Pasqua.
Io allora abitavo in un paesino di alta montagna e ricordo perfettamente delle notti di Natale andare alle 22.00 in Chiesa per prepaprarci e poi all'una di notte tornare a casa sotto forti nevicate.
Nessuno mi obbligava . Anzi per me era una gratificazione grande perchè intendiamoci c'era anche l'opportunità di arrotondare la paghetta con le mance che ci davano ai matrimoni, funerali, battesimi etc..
Poi c'era la gita annuale di noi chierichetti con le varie Associazioni parrocchiali. Davvero dei momenti intensi.

Non mi sento di paragonare un chierichetto a un ragazzo di 9 anni girare per il paese con il proprio babbo e suonare i campanelli o fermarsi davanti al cimitero per fare opera di proselitismo geovista. Assolutamentte no.


E soprattuto niente arrotondamento della paghetta per i bimbi TdG perché tutto quello che rimediano,anche i soldini per il gelato, va nelle contribuzioni per la WTS.
sergio.pasqualino
 

Messaggiodi goodvin60 » 16/11/2015, 17:16

Come tutte le cose umane c'è diversità di approccio anche per il proselitismo. I TdG vanno dovunque. Ma sono uomini anche loro e c'è anche chi schiscia, svicola, latita furbescamente. Permettetemi di raccontarvi un fatto che ho vissuto ,un poco divertente e magari illuminante di quanta ipocrisia a volte c'è senza essere notata. Nella mia Congregazione sono stato a lungo addetto al territorio , come ,diciamo cosi, vice di un Anziano. Cioè distribuivo le mini cartine contenenti gli isolati o zone in cui andare a predicare. Successivamente prendevo note opportune circa i vari stati di "aratura" dei vari territori. Ora succedeva questo : l'Anziano che presiedeva il Servizio di Campo acquisiva sempre le stesse quattro cartine di una parte di territorio. Sulle prime non feci caso a questa circostanza. Poi dopo attenta riflessione compresi perché quell'Anziano si forniva solo di quelle cartine in particolare. (Avevo in primo tempo sospettato una qualche relazioncina con una persona del territorio.) Ma successivamente capii il perché : l'Anziano era molto conosciuto in un Ospedale importante della Città, dove lavorava come addetto in Radiologia ed aveva il terrore di incontrare qualche suo superiore o qualche collega o qualche medico, mentre predicava. Ed allora per il Servizio si muniva delle sole cartine relative ad un quartiere di povere case popolari. Dove sapeva che non avrebbe mai incontrato persone che lo conoscevano. Pura ipocrisia a quaranta carati. Questo Anziano sta ancora la a fare la predica a qualche ragazzotto ! Ciao.
goodvin60
Utente Senior
 
Messaggi: 530
Iscritto il: 10/02/2012, 11:48


Torna a Forum principale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Achille, Morpheus e 6 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici