Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Pierre Moscovici e dintorni....

In questo spazio si discute di argomenti di vario genere relativi ai Testimoni di Geova e che non sono inclusi nelle altre sezioni

Moderatore: Cogitabonda

Pierre Moscovici e dintorni....

Messaggiodi Vieri » 05/10/2018, 20:09

Pierre Moscovici: socialista ma liberista, europeista ma francesissimo che dice:
" in Italia governo euroscettico e xenofobo".....

Poi. nel suo bel paese della "liberté, égalité, fraternité"....

Francia, raid dell'estrema destra contro Sos Mediterranée
https://www.repubblica.it/esteri/2018/1 ... P1-S1.6-T1

Alcuni militanti del gruppo Génération Identitaire hanno attaccato e occupato la sede di Marsiglia della Ong. Arrestati dalla polizia

PARIGI. Ventidue militanti del gruppo xenofobo di estrema destra Génération Identitaire hanno attaccato e occupato con la forza la sede marsigliese di Sos Mediterranée, la Ong impegnata nel salvataggio dei migranti che noleggia la nave Acquarius insieme a Medici senza frontiere. Il gruppo ha costretto i volontari dell'associazione a uscire dall'edificio e ha esposto uno striscione con la scritta "Sos Mediterranée, complice del traffico di esseri umani".

SOS MEDITERRANEE France

@SOSMedFrance
URGENT Le siège de @SOSMedFrance à #Marseille a été attaqué ce vendredi par une dizaine de militants identitaires. La police est sur place et procède à des arrestations. Le personnel de @SOSMedFrance est sain et sauf, mais sous le choc.


Su Twitter, la Ong ha riferito che la polizia è intervenuta arrestando gli aggressori, e che il personale "è sano e salvo, ma sotto shock". Per il quotidiano La Provence i ventidue sono stati fermati con l'accusa di "violenza volontaria e sequestro in concorso".

Con un secondo tweet, Sos Mediterranée ha confermato la mobilitazione di cittadini in favore delle operazioni dell'Aquarius, prevista per sabato 6 ottobre in diverse città francesi ed europee.


Se lo avessero fatto in Italia ci sarebbe stata una mezza rivoluzione europea ma i francesi invece sono un popolo "accogliente" :ironico:

Ps. l'altra settimana ho fatto il passo del Monginevro per andare in Francia.
Al confine cartelli: ITALIA/ FRANCE ...benissimo e si prosegue...viva Maasticht !
Ma poi dopo appena 1 km. garitta francese con 7 poliziotti che ti facevano rallentare guardando poi in tutti i furgoni.....e poi ci fanno le paternali sull'accoglienza e di essere xenofobi....! :cer: :test:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5674
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi deliverance1979 » 05/10/2018, 20:38

I popoli nordici si fanno e si sono sempre fatti scudo con l'applicazione dei trattati, soprattutto quando questo fa loro comodo e da alle loro nazioni dei vantaggi concreti.

E come dargli torto, per il tacchino non è mai natale, se fosse per lui, dicembre avrebbe 23 giorni...

Quando noi poveri italioti abbiamo firmato il trattato di Dublino che prevedeva l'accoglienza e la gestione dei migranti sulla prima nazione in cui sbarcavano, noi ce ne siamo fregati.

Ma ce ne siamo fregati anche perchè all'epoca esisteva ancora la Libia di Gheddafi e non c'erano le primavere arabe, quindi, tutto tranquillo sul fronte orientale (per storpiare il titolo di un noto film)...

Quando poi scoppiò tutto il pateracchio delle primavere arabe, dove americani, inglesi e francesi pensarono di destabilizzare intere nazioni, noi italioti siamo rimasti con il cerino in mano.

Infatti, la regola di Dublino era la stessa, ma la situazione geopolitica era profondamente cambiata.

Pertanto, la tanto blasonata civiltà delle fanta vaccate, professate dai peggiori ben pensanti europei, continuava a tuonare ma appioppando a noi italioti l'onere di gestire i disastri derivanti da un cambiamento di scenario geopolitico.

Il buon Andreotti, che diceva "a pensar male si fa peccato ma spesso ci si prende", non mi toglie dalla mente questi signori, che nel pianificare la destabilizzazione delle nazioni arabe e nord africane, quando dovevano calcolare gli effetti collaterali, avranno pensato... "Se il tappo di protezione europeo, formato dai molti governi tirannici dovesse saltare, comunque noi abbiamo il paracadute di Dublino, e dei paesi europei di prima linea, ovvero Grecia, Italia e Spagna"...

E se anche non avessero pensato a questo, gli è comunque andata bene.

Mi avrebbe fatto molto piacere vedere un caos geopolitico in Marocco o Algeria, a ridosso delle coste francesi, con interi barconi che da quelle coste partivano verso i nostri "galletti vallespluga...", altro che rumori di carrozze si sarebbero sentite, dopo neanche un mese ci sarebbe stata la legione straniera dispiegata sulle spiagge di tali nazioni ingestibili...

Ma noi, visto il debito pubblico elevato e le continue manovre economiche che dobbiamo compiere per tappare le nostre manchevolezze, stiamo costantemente tra l'incudine ed il martello, subendo ogni volontà altrui....
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4971
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Non vorrei far piovere ancora sul bagnato ma...

Messaggiodi Vieri » 06/10/2018, 11:26

Sempre dalla Repubblica (interessata) di oggi...
https://rep.repubblica.it/pwa/generale/ ... P1-S2.4-T1
Il coraggio di Macron, l’eroe solitario del fronte europeista :risata: :risata: :risata:
05 OTTOBRE 2018
Il voto di primavera sarà decisivo. L’Unione lotterà per la propria sopravvivenza. Benché impopolare in patria, il leader francese è il capofila dei sostenitori di una società aperta

PARIGI. Nonostante perda ministri e consensi in patria e scarseggi di seguaci in Europa, Emmanuel Macron, è il principale punto di riferimento per coloro che sono in favore di un rilancio del processo di integrazione dei ventisette Paesi appartenenti all’Unione. Autoproclamatosi “progressista”, il presidente liberale francese si oppone apertamente al fronte di cui Viktor Orbán, il primo ministro ungherese, è l’eroe “illiberale”, sovran...

Intanto "l'eroe solitario" aperto all'Europa ed all'integrazione ha messo ancora per tre mesi i controlli alle frontiere alla faccia di Maasticht.....

Leggo ancora....sempre su Repubblica

Migranti, la Germania sceglie la linea dura per rimandarli in Italia
05 OTTOBRE 2018
Decine di lettere avvisano i profughi che saranno riportati nel paese di ingresso in Europa. I rientri da Berlino decuplicati nelle ultime settimane. I prossimi voli martedì e il 19 ottobre
DALLA NOSTRA CORRISPONDENTE TONIA MASTROBUONI

La Germania accelera i rimpatri verso l'Italia e prepara anche i voli charter. È lo scenario dentro il quale si muovono storie di donne e di uomini che inseguivano le loro speranze. Martines Dago "aveva un enorme talento, andava a scuola ed era perfettamente integrato", racconta Orhan Duvan, il presidente della squadra di calcio dove giocava fino a ieri, il Türkgücü Schweinfurt, in Baviera. Soprattutto, aveva ottime possibilità di ottenere l'asi...

Poi siamo noi gli antieuropeisti xenifobi...... :ironico:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5674
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Il famoso'Rating'

Messaggiodi virtesto » 06/10/2018, 22:01

Il rating della Francia è AA+

Il rating dell'Italia è BBB

In altre parole la Francia è una Paese di seria A -noi siamo un Paese di serie B.

Da questo ne consegue tutto quello che accade. Noi, da Paese di serie B abbiamo al governo due vice-ministri cinici ed arroganti che ci porterebbero alla rovina se dovessero durare solamente un anno.
virtesto
Utente Senior
 
Messaggi: 1102
Iscritto il: 20/09/2009, 16:10

Messaggiodi deliverance1979 » 07/10/2018, 9:20

Caro Virtesto, la Francia ha un rapporto deficit/PIL del 96%, noi ce l'abbiamo del 136%.

Purtroppo in Europa non hanno tutti i torti a trattarci male causa del nostro pressappochismo politico ed economico, ma, di vigliaccate ne fanno molte anche loro.

Il problema è che una nazione povera o indebitata, è una nazione debole e ricattabile.
Gli italiani non hanno ancora capito questo perchè viviamo in un paradosso sociale e politico tutto nostro, dove la popolazione italiana ha una ricchezza liquida di 4000 miliardi di euro, ed altrettanti soldi in immobili, mentre il debito pubblico italiano, terzo al mondo, è di 2350 miliardi.

Per questo motivo il popolo italiano è individualista, semplicemente perchè ognuno a casa sua fa castello a se.

Un debito pubblico alto fa si che i costi di gestione di sanità e pensioni alla lunga diventino insostenibili, e chi sta bene, con un suo patrimonio personale, non diventerà benefattore per pagare i servizi di chi sta male.
A peggiorare le cose, c'è poi la tipica furberia italiana...

Noi siamo un paese molto complicato...
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4971
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36


Torna a Forum principale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Romagnolo e 9 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici