Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Domanda : Etica biblica o etica moderna ?

In questo spazio si discute di argomenti di vario genere relativi ai Testimoni di Geova e che non sono inclusi nelle altre sezioni

Moderatore: Cogitabonda

Domanda : Etica biblica o etica moderna ?

Messaggiodi jwscientist » 30/09/2009, 7:40

Credete che l'etica del vecchio testamento sia meglio dell'etica moderna?
Credete che l'etica del nuovo testamento sia milgiore dell'etica moderna ?
Avatar utente
jwscientist
Utente Senior
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 19/09/2009, 8:35

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 30/09/2009, 7:46

« Il primo passo nell'evoluzione dell'etica è un senso di solidarietà con altri esseri umani »
(Albert Schweitzer, Premio Nobel per la pace 1952)
Questa è l'etica che riconosco valida.
Gabrella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi jwscientist » 30/09/2009, 7:48

Il primo passo nell'evoluzione dell'etica è un senso di solidarietà con altri esseri umani »
(Albert Schweitzer, Premio Nobel per la pace 1952)
Questa è l'etica che riconosco valida.
Gabrella


Nel vecchio testamento quando israele attaccava doveva uccidere ogni animale domestico e donna uomo bambino e a volte tenersi solo le donne vergini
Non mi sembra solidarieta'
Avatar utente
jwscientist
Utente Senior
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 19/09/2009, 8:35

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 30/09/2009, 7:52

jwscientist ha scritto:
Il primo passo nell'evoluzione dell'etica è un senso di solidarietà con altri esseri umani »
(Albert Schweitzer, Premio Nobel per la pace 1952)
Questa è l'etica che riconosco valida.
Gabrella


Nel vecchio testamento quando israele attaccava doveva uccidere ogni animale domestico e donna uomo bambino e a volte tenersi solo le donne vergini
Non mi sembra solidarieta'

Ogni tempo ha la sia propria etica, ogni comunità ha la propria, per trovare un'etica universale devi arrivare al Cristo, anche se non sei credente
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi jwscientist » 30/09/2009, 8:02

Ogni tempo ha la sia propria etica, ogni comunità ha la propria, per trovare un'etica universale devi arrivare al Cristo, anche se non sei credente
Gabriella



Chi non ha una spada ne compri una .........................signore gia' siamo pieni di spade guarda qua ...bene ragazzi faremo il cul.......................ai romani
Avatar utente
jwscientist
Utente Senior
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 19/09/2009, 8:35

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 30/09/2009, 8:07

jwscientist ha scritto:
Ogni tempo ha la sia propria etica, ogni comunità ha la propria, per trovare un'etica universale devi arrivare al Cristo, anche se non sei credente
Gabriella



Chi non ha una spada ne compri una .........................signore gia' siamo pieni di spade guarda qua ...bene ragazzi faremo il cul.......................ai romani

Guà, ma poi si è lasciato condurre al macello.
Non stare spaccare il capello o cercare il pelo nell'uovo, si giudica l'etica di un uomo dai fatti di una vita.
Se proprio si deve giudicare.
Io, da parte mia, ho troppo da verificare e modificare in me stessa per occuparmi dell'etica altrui. :verde:
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi jwscientist » 30/09/2009, 8:17

Lo hanno condotto al macello non si e' fatto condurre , chi di spada perisce di spada ferisce e' stato aggiunto anni anni dopo
Avatar utente
jwscientist
Utente Senior
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 19/09/2009, 8:35

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 30/09/2009, 9:21

jwscientist ha scritto:Lo hanno condotto al macello non si e' fatto condurre , chi di spada perisce di spada ferisce e' stato aggiunto anni anni dopo

Proviamo a ragionare secondo due ipotesi:
se Gesù fosse stato solo di natura umana, anzichè lasciarsi arrestare e rimproverare chi staccò l'orecchio (Pietro?) con la spada, avrebbe potuto sifendersi o tentare la fuga.
Ma preferì la via più difficile.
Ma se credi che Egli fosse Dio, non credi avrebbe e lo dice Lui stesso, avuto ben altre possibilità di sottrarsi al destino?
Quindi, in entrambi i casi è esatto dire "si è fatto condurre".
Anche solo dal punto d vista etico: più corretto di così.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi vlady100 » 30/09/2009, 11:35

Etica cristiana e facile per chi ama Signore e aprezza Suo sacrificio. Pensa come pensava Lui, fai come farebbe Lui vai dove andrebbe Lui, se era al posto tuo. Ma questa sete di segirlo e un dono dello s.spirito, e nasce nei cuori umili e proviene da conoscienza cosa ha fatto per noi, quanto si e umiliato per noi, e per quale scopo. Per chi non capisce scopo e risultati del Suo sacrificio, che ala fine resetera enorme sofferenza del genere umano, la etica di seguire Signore e incomprensibile e priva di senso. Quindi per capire etica del Signore Gesu prima dobiamo capire valore enorme del Suo gesto. Pace
"Dio vivente,... è il Salvatore di TUTTI gli uomini e principalmente dei credenti"-1 Tim.4:10

vlady100@mai.ru
Avatar utente
vlady100
Nuovo Utente
 
Messaggi: 155
Iscritto il: 17/07/2009, 10:58
Località: Milano

Messaggiodi jwscientist » 30/09/2009, 11:38

augh!!!!!!!!
Avatar utente
jwscientist
Utente Senior
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 19/09/2009, 8:35

Messaggiodi Luciano » 30/09/2009, 12:07

Grande Gabriella!

ciao
Avatar utente
Luciano
Utente Master
 
Messaggi: 3396
Iscritto il: 25/08/2009, 16:59

Messaggiodi Cicciobello » 30/09/2009, 15:11

Gabriella Prosperi ha scritto:
jwscientist ha scritto:Lo hanno condotto al macello non si e' fatto condurre , chi di spada perisce di spada ferisce e' stato aggiunto anni anni dopo

Proviamo a ragionare secondo due ipotesi:
se Gesù fosse stato solo di natura umana, anzichè lasciarsi arrestare e rimproverare chi staccò l'orecchio (Pietro?) con la spada, avrebbe potuto sifendersi o tentare la fuga.
Ma preferì la via più difficile.
Ma se credi che Egli fosse Dio, non credi avrebbe e lo dice Lui stesso, avuto ben altre possibilità di sottrarsi al destino?
Quindi, in entrambi i casi è esatto dire "si è fatto condurre".
Anche solo dal punto d vista etico: più corretto di così.
Gabriella


giusto gabriella: anzi poteva aprofittare quando aveva piu di 5000 persone dietro a lui, e non aspettare che rimanessero in 13.
non vi pare?
inoltre aveva il potere di portare dietro assè grandi folle, perchè come ricordiamo gli ebrei odiavano a morte i romani.
perciò poteva usare il momento adequato è non alla fine che erano 4 gatti. non vi pare??????? :ciao: :ciao:
Cicciobello
 

Messaggiodi polymetis » 30/09/2009, 16:44

La frase incriminata è la seguente: "chi non ha una spada prenda un mantello e ne compri una. (..) Ed essi disserero " Signore, ecco qui due spade". Ma egli rispose "Basta!".
Il problema è come intendere quel "basta!"
.
Personalmente ho sempre inteso il versetto nel senso che Gesù alluda al combattimento spirituale e all'ostilità che avrebbero trovato i discepoli, a questo medesimo proposito dice "non sono venuto a portare la pace ma una spada", in quanto seguirlo portava divisione nelle famiglie, dove i figli si facevano nemici dei genitori per unirsi alla sua sequela. Questa metafora di combattimento spirituale viene presa alla lettera dai suoi discepoli che gli porgono due vere spada, Gesù, visto che è stato totalmente equivocato, taglia corto con un "basta così!". Altri invece intendono quel "basta!" con un "è sufficiente", cioè Gesù starebbe dicendo che bastano due spade per fare una rivoluzione. In realtà ho sempre trovato quest'idea un tantino inadeguata, non tanto per il greco, dov'è perfettamente sostenibile, ma per la logica. Non vedeo proprio infatti in base a che bizzarra idea Gesù possa pensare che due spade sono sufficienti per una rivolta.

Quanto all'etica biblica, essa non esiste, perché i vari autori avevano morali diverse.
Presentazione


Alla base delle scelte fondamentali del Nolano - a Londra come a Roma -, c'era il convincimento di appartenere alla "casa" dei filosofi, e che ad essa bisogna essere sempre fedeli, anche nei rapporti con i potenti della Chiesa e dello Stato, perché la casa della filosofia è la casa della verità: in un modo intelligente e anche astuto, certo, ma sempre fedeli. (Michele Ciliberto)
Avatar utente
polymetis
Moderatore
 
Messaggi: 4612
Iscritto il: 16/06/2009, 14:43

Messaggiodi jwscientist » 30/09/2009, 16:51

La frase incriminata è la seguente: "chi non ha una spada prenda un mantello e ne compri una. (..) Ed essi disserero " Signore, ecco qui due spade". Ma egli rispose "Basta!".
Il problema è come intendere quel "basta!".
Personalmente ho sempre inteso il versetto nel senso che Gesù alluda al combattimento spirituale e all'ostilità che avrebbero trovato i discepoli, a questo medesimo proposito dice "non sono venuto a portare la pace ma una spada", in quanto seguirlo portava divisione nelle famiglie, dove i figli si facevano nemici dei genitori per unirsi alla sua sequela. Questa metafora di combattimento spirituale viene presa alla lettera dai suoi discepoli che gli porgono due vere spada, Gesù, visto che è stato totalmente equivocato, taglia corto con un "basta così!". Altri invece intendono quel "basta!" con un "è sufficiente", cioè Gesù starebbe dicendo che bastano due spade per fare una rivoluzione. In realtà ho sempre trovato quest'idea un tantino inadeguata, non tanto per il greco, dov'è perfettamente sostenibile, ma per la logica. Non vedeo proprio infatti in base a che bizzarra idea Gesù possa pensare che due spade sono sufficienti per una rivolta.


Quindi Gesu' non vedeva che Pietro aveva una spada con se, quando ha tagliato l'orecchio al figlio del sommo sacerdote?
Il punto e' che loro avevano sempre le spade erano armati .
E' la stessa storia con la morte di anannia e zaffira, si dice morti per lo spirito santo , invece li avevano giustiziati loro .
Cornelio divenuto cristiano , non ha mai abbandonato la carriera militare coe mcredono i tdg , e inoltre Ponzio Pilato non si e' mai lavato le mani e ricevuto sogni , sono tutte leggende aggiunte
Avatar utente
jwscientist
Utente Senior
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 19/09/2009, 8:35

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 30/09/2009, 17:44

jwscientist ha scritto:Quindi Gesu' non vedeva che Pietro aveva una spada con se, quando ha tagliato l'orecchio al figlio del sommo sacerdote?
Il punto e' che loro avevano sempre le spade erano armati .
E' la stessa storia con la morte di anannia e zaffira, si dice morti per lo spirito santo , invece li avevano giustiziati loro .
Cornelio divenuto cristiano , non ha mai abbandonato la carriera militare coe mcredono i tdg , e inoltre Ponzio Pilato non si e' mai lavato le mani e ricevuto sogni , sono tutte leggende aggiunte

Scusa, non capisco a quale conclusione intendi arrivare.
Sei partito chiedendo, se ho inteso bene, quale etica o morale sia da seguire, quella dei vari libri della Bibbia o quella, diciamo prevalente, della società moderna.
Ho detto prevalente e oserei restringere il campo all'occidente per un concetto di uniformità di vedute/costumi/religioni.
Ora, visto che non si può paragonare etica di secoli e di uomini diversi di quei secoli, come nel caso dell'AT, come ha ricordato Polimetys, alla morale occidentale odierna, ci siamo arenati sull'episodio dell'orto degli ulivi come se, le parole , non i fatti, pronunciate dal Cristo, dessero anche al NT un significato, agli occhi di uomini del XXI secolo, amorale.
Ripeto, quale conclusione?
Ti darebbe forse più sollievo una risoluzione che dimostrasse che tanto la Bibbia che la società odierna sono senza etica?
Se sono arrivata ad una interpretazione errata delle tue intenzioni, illuminami.
Ciao
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 30/09/2009, 17:56

polymetis ha scritto:La frase incriminata è la seguente: "chi non ha una spada prenda un mantello e ne compri una. (..) Ed essi disserero " Signore, ecco qui due spade". Ma egli rispose "Basta!".
Il problema è come intendere quel "basta!"
.
Personalmente ho sempre inteso il versetto nel senso che Gesù alluda al combattimento spirituale e all'ostilità che avrebbero trovato i discepoli, a questo medesimo proposito dice "non sono venuto a portare la pace ma una spada", in quanto seguirlo portava divisione nelle famiglie, dove i figli si facevano nemici dei genitori per unirsi alla sua sequela. Questa metafora di combattimento spirituale viene presa alla lettera dai suoi discepoli che gli porgono due vere spada, Gesù, visto che è stato totalmente equivocato, taglia corto con un "basta così!". Altri invece intendono quel "basta!" con un "è sufficiente", cioè Gesù starebbe dicendo che bastano due spade per fare una rivoluzione. In realtà ho sempre trovato quest'idea un tantino inadeguata, non tanto per il greco, dov'è perfettamente sostenibile, ma per la logica. Non vedeo proprio infatti in base a che bizzarra idea Gesù possa pensare che due spade sono sufficienti per una rivolta.

Quanto all'etica biblica, essa non esiste, perché i vari autori avevano morali diverse.

Scusa la domanda, frutto della mia ignoranza, non certo della polemica:
ma se Gesù intendeva, non dico un combattimento, ma una difesa solo spirituale, perchè quell'accenno a vendere il mantello per procurarsi un'arma?
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi jwscientist » 01/10/2009, 9:43

Scusa, non capisco a quale conclusione intendi arrivare.
Sei partito chiedendo, se ho inteso bene, quale etica o morale sia da seguire, quella dei vari libri della Bibbia o quella, diciamo prevalente, della società moderna.
Ho detto prevalente e oserei restringere il campo all'occidente per un concetto di uniformità di vedute/costumi/religioni.
Ora, visto che non si può paragonare etica di secoli e di uomini diversi di quei secoli, come nel caso dell'AT, come ha ricordato Polimetys, alla morale occidentale odierna, ci siamo arenati sull'episodio dell'orto degli ulivi come se, le parole , non i fatti, pronunciate dal Cristo, dessero anche al NT un significato, agli occhi di uomini del XXI secolo, amorale.
Ripeto, quale conclusione?
Ti darebbe forse più sollievo una risoluzione che dimostrasse che tanto la Bibbia che la società odierna sono senza etica?
Se sono arrivata ad una interpretazione errata delle tue intenzioni, illuminami.
Ciao
Gabriella


Gabriella questo che hai detto non ha molto senso, io non cerco sollievo , ma cerco di capire la realta' se cercassi sollievo , abbraccerei l'etica e la morale dei miei migliori film ,che mi sembra la piu' divertente, il problema e' che noi esseri umani dobbiamo non oltrepassare dei limiti se non siamo pronti , perche' ci autodistruggiamo.
Eio oramai l'ho eseguito essendo passivo aggressivo
Avatar utente
jwscientist
Utente Senior
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 19/09/2009, 8:35

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 01/10/2009, 10:44

jwscientist ha scritto:
Scusa, non capisco a quale conclusione intendi arrivare.
Sei partito chiedendo, se ho inteso bene, quale etica o morale sia da seguire, quella dei vari libri della Bibbia o quella, diciamo prevalente, della società moderna.
Ho detto prevalente e oserei restringere il campo all'occidente per un concetto di uniformità di vedute/costumi/religioni.
Ora, visto che non si può paragonare etica di secoli e di uomini diversi di quei secoli, come nel caso dell'AT, come ha ricordato Polimetys, alla morale occidentale odierna, ci siamo arenati sull'episodio dell'orto degli ulivi come se, le parole , non i fatti, pronunciate dal Cristo, dessero anche al NT un significato, agli occhi di uomini del XXI secolo, amorale.
Ripeto, quale conclusione?
Ti darebbe forse più sollievo una risoluzione che dimostrasse che tanto la Bibbia che la società odierna sono senza etica?
Se sono arrivata ad una interpretazione errata delle tue intenzioni, illuminami.
Ciao
Gabriella


Gabriella questo che hai detto non ha molto senso, io non cerco sollievo , ma cerco di capire la realta' se cercassi sollievo , abbraccerei l'etica e la morale dei miei migliori film ,che mi sembra la piu' divertente, il problema e' che noi esseri umani dobbiamo non oltrepassare dei limiti se non siamo pronti , perche' ci autodistruggiamo.
Eio oramai l'ho eseguito essendo passivo aggressivo

Mi rassegno, allora, a non aver capito il senso della tua domanda.
Sono dispiaciuta per il tuo stato attuale, spero trovi un po di serenità.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi jwscientist » 01/10/2009, 11:22

Mi rassegno, allora, a non aver capito il senso della tua domanda.
Sono dispiaciuta per il tuo stato attuale, spero trovi un po di serenità.
Gabriella


Il mio stato attuale non c'entra niente con la domande, posso fare domande razionali anche da moribondo
Avatar utente
jwscientist
Utente Senior
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 19/09/2009, 8:35

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 01/10/2009, 11:52

jwscientist ha scritto:
Mi rassegno, allora, a non aver capito il senso della tua domanda.
Sono dispiaciuta per il tuo stato attuale, spero trovi un po di serenità.
Gabriella


Il mio stato attuale non c'entra niente con la domande, posso fare domande razionali anche da moribondo

Non è nelle mie ntenzioni nè compatirti nè mettere il dubbio la tua lucidità, semplicemente non ti capisco.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi jwscientist » 01/10/2009, 12:09

La mia conclusione e' che la figura e vita di Gesu' e' stata modificata e manipolata da chi e' venuto dopo di lui , cosi' coem la storia di Ponzio Pilato ecc.ec...
Allora sarebbe di gran lunga scelgiere un etica che sentiamo nostra moderna, poiche' ancora essere vincoalti a libro di 200 anni fa, come libro dato da Dio mi sembra ridicolo, questo Dio e' 2000 anni che sta zitto , e' un padre assente , che non porta le filie all'altare e non paga gl ialimenti .
Si fa le canne? o ha vizi?
Avatar utente
jwscientist
Utente Senior
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 19/09/2009, 8:35

Messaggiodi Trianello » 01/10/2009, 14:57

Allora sarebbe di gran lunga scelgiere un etica che sentiamo nostra moderna, poiche' ancora essere vincoalti a libro di 200 anni fa, come libro dato da Dio mi sembra ridicolo, questo Dio e' 2000 anni che sta zitto , e' un padre assente , che non porta le filie all'altare e non paga gl ialimenti .
Si fa le canne? o ha vizi?


Uhm... non ha senso parlare di un'etica moderna. Non c'è nessuna "etica moderna", la modernità, infatti, sia a livello filosofico, sia a livello sociale ha visto un susseguirsi quasi ininterrotto di concezioni morali molto diverse le une dalle altre. Il problema è: qual è la morale vera? Io ritengo che nella Bibbia sia disseminata la "vera" etica "naturale", la quale si sublima nei comandamenti evangelici. Sul tema, puoi leggere questo interessante documento della Pontificia Commissione Biblica

Bibbia e morale. Radici bibliche dell'agire cristiano.


http://www.vatican.va/roman_curia/congr ... le_it.html
Presentazione

Deus non deserit si non deseratur

Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Master
 
Messaggi: 3356
Iscritto il: 10/06/2009, 22:45

Messaggiodi Trianello » 01/10/2009, 15:47

Altri invece intendono quel "basta!" con un "è sufficiente", cioè Gesù starebbe dicendo che bastano due spade per fare una rivoluzione. In realtà ho sempre trovato quest'idea un tantino inadeguata, non tanto per il greco, dov'è perfettamente sostenibile, ma per la logica. Non vedeo proprio infatti in base a che bizzarra idea Gesù possa pensare che due spade sono sufficienti per una rivolta.


Io sono tra questi, solo che, con K. Berger, leggo quel "è sufficiente" come un invito ad armarsi per potersi difendere. Non si tratta, infatti, di dover conquistare il mondo con la spada, ma con la parola. La spada servirà solo per difendersi dall'ingiusto aggressore.
Presentazione

Deus non deserit si non deseratur

Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Master
 
Messaggi: 3356
Iscritto il: 10/06/2009, 22:45

Messaggiodi jwscientist » 01/10/2009, 16:43

adesso basta, era il momento, si festeggiava la liberazione dall'egitto, era il momento che il popolo aspettava la liberazione dai romani, e Gesu' era attesso, portavano tutti le spade, ma I romani sapevano e hanno mandato una legione vicino al tempio, con i lgenerale piu' crudele mai avuto ponzio pilato, poi congedato per troppa violenza e mandato in pensione, in una giurisdizione vicina, altro che sogni e barabba
Avatar utente
jwscientist
Utente Senior
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 19/09/2009, 8:35

Messaggiodi jwscientist » 01/10/2009, 16:50

Io ritengo che nella Bibbia sia disseminata la "vera" etica "naturale", la quale si sublima nei comandamenti evangelici. Sul tema, puoi leggere questo interessante documento della Pontificia Commissione Biblica



Quindi dio per sublimare l'etica moderna ha lasciato che il suo paese stroncasse donne animali domestici bambini, lapidasse person, per poi arrivare come uno schizzofrenico cambiare tutto , e sublimare tutto nell'amore del vangelo che ci ha portato ad oggi all documentop dei diritti umani

ok
Avatar utente
jwscientist
Utente Senior
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 19/09/2009, 8:35

Messaggiodi Trianello » 01/10/2009, 18:08

jwscientist ha scritto:
Io ritengo che nella Bibbia sia disseminata la "vera" etica "naturale", la quale si sublima nei comandamenti evangelici. Sul tema, puoi leggere questo interessante documento della Pontificia Commissione Biblica



Quindi dio per sublimare l'etica moderna ha lasciato che il suo paese stroncasse donne animali domestici bambini, lapidasse person, per poi arrivare come uno schizzofrenico cambiare tutto , e sublimare tutto nell'amore del vangelo che ci ha portato ad oggi all documentop dei diritti umani

ok


Devi storicizzare. Devi leggere la Bibbia per quello ché, un documento scritto da varie mani lungo svariati secoli. Nel cotesto culturale dei libri più antichi della Bibbia era normale massacrare, schiavizzare, stuprare, sterminare, ecc. Di questo la Rivelazione ha necessariamente dovuto tener conto.
Hai mai provato a parlare di "amore cristiano" ad un tagliatore di teste del Borneo? Provaci. E' evidente che è impossibile convincere un individuo per cui è cosa normale "distruggere" il nemico, perché il "nemico" non è nemmeno un uomo per lui, che il nemico invece va amato. Ci sono voluti secoli di "progressive" rivelazioni e di "insistenza" da parte di Dio perché si giungesse all'etica insegnataci dai tardi libri sapienziali e da Cristo.
Presentazione

Deus non deserit si non deseratur

Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Master
 
Messaggi: 3356
Iscritto il: 10/06/2009, 22:45

Messaggiodi jwscientist » 02/10/2009, 6:09

Devi storicizzare. Devi leggere la Bibbia per quello ché, un documento scritto da varie mani lungo svariati secoli. Nel cotesto culturale dei libri più antichi della Bibbia era normale massacrare, schiavizzare, stuprare, sterminare, ecc. Di questo la Rivelazione ha necessariamente dovuto tener conto.
Hai mai provato a parlare di "amore cristiano" ad un tagliatore di teste del Borneo? Provaci. E' evidente che è impossibile convincere un individuo per cui è cosa normale "distruggere" il nemico, perché il "nemico" non è nemmeno un uomo per lui, che il nemico invece va amato. Ci sono voluti secoli di "progressive" rivelazioni e di "insistenza" da parte di Dio perché si giungesse all'etica insegnataci dai tardi libri sapienziali e da Cristo.Trianello



Quindi l'onnisapiente onnipotente Dio , non ha trovato strada migliroe per inculcare nel suo creato un etica amorevole, che il sistema di andare per prove, e lasciare che nei secoli tantisime vittime pagassero per il processo.
Cioe' 6 milion di ebrei bruciati, Dio non poteva salvarli , poiche' ancora non era il momento ,in cui il genere umano era pronto a imparae la lezione.

Ok mettiamo che sia cosi' e che per Dio il dolore umano non e' cosi' grave visto che poi ricompensa in altri modi , quindi avrebbe aspettato il momento opportuno mandato Gesu' come figlio di Dio , e espresso una nuova etica di amore diversa da quelle passate.


Noi non abbiamo prove storiche di tutto cio' attendibile, ma dovremmo credere che la morale naturale e' scritta nel lirbo biblico ,un libro di 2000 4000 anni fa ,puo' essere ma non mi sembra una cosa intelligente da seguire.
Credo piu' intelligente seguire il documento delle nazioni unite sui diritti umani, e creare un etica e morale ad hoc a secondo del luogo dove vivo e il momento storico. se vivo in un isola deserta dove non esiste il matrimonio, non rimarrei soloa vita perche' dio a ha benedetto il matrimonio , ma convivo.

Se sono un portatore di handicap, e non posso avere uan compagna non staro' 80 anni senza sesso,per l'idee folli di San paolo ma trovero' una escort.
Cosi' via per la vita gay ecc...ec...ec...
Avatar utente
jwscientist
Utente Senior
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 19/09/2009, 8:35

Messaggiodi polymetis » 02/10/2009, 9:34

Quindi Gesu' non vedeva che Pietro aveva una spada con se, quando ha tagliato l'orecchio al figlio del sommo sacerdote?


Certo che sapeva che i suoi erano armati, ma questo non ha nulla a che vedere con la mia interpretazione di quel versetto. Tutti giravano armati di piccoli gladi, era normale; quello che conta nella mia interpretazione è che in quel versetto Gesù sembri invocare l'acquisto di altre spade, e i discepoli, duri come sempre, lo prendono alla lettera, provocando una risposta di Gesù che taglia corto.

"Quindi l'onnisapiente onnipotente Dio , non ha trovato strada migliroe per inculcare nel suo creato un etica amorevole, che il sistema di andare per prove, e lasciare che nei secoli tantisime vittime pagassero per il processo."


Dio è onnipotente, l'uomo no. Dio può fare quello che vuole tranne l'impossibile, non può creare cerchi quadrati ad esempi, perché è la richiesta ad essere insensata, e dunque essa non è un limite all'onnipotenza. In questo caso Dio ha sempre voluto garantire il libero arbitrio, e dunque far sì che la gente arrivasse con le sue forze al convincimento razionale della fondatezza della morale.
Comunque, tra parentesi, ricordo che i cattolici non basano la loro morale sulla Bibbia ma sul filo rosso che la Chiesa legge all'interno della Bibbia. Quindi se si chiede "perché Dio ci ha dato un libro pieno di insegnamenti etici contraddittori?". La risposta è: "non l'ha fatto, perché ci ha dato oltre al libro anche chi aveva l'autorità per navigare tra le contraddizioni e trovare l'antropologia filosofica sottesa all'intera Rivelazione". La contraddittorietà dell'etica biblica è un problema protestante.
"Cioe' 6 milion di ebrei bruciati, Dio non poteva salvarli , poiche' ancora non era il momento ,in cui il genere umano era pronto a imparae la lezione."


Trianello parlava della rivelazione progressiva, non della libertà lasciata all'uomo di far fuori il suo prossimo, quella resta sempre. Si chiama libero arbitrio.

"aspettato il momento opportuno mandato Gesu' come figlio di Dio , e espresso una nuova etica di amore diversa da quelle passate"


Compimento di quelle passate, non "diversa".

"Credo piu' intelligente seguire il documento delle nazioni unite sui diritti umani"


Quei diritti umani sono tutti di derivazione occidentale e cristiana, si basano sul concetto di "persona" e di "diritti soggettivi", entrambe invenzioni del cristianesimo occidentale. In Oriente la parola "persona" non ha neppure un corrispondente.

Ad maiora
Presentazione


Alla base delle scelte fondamentali del Nolano - a Londra come a Roma -, c'era il convincimento di appartenere alla "casa" dei filosofi, e che ad essa bisogna essere sempre fedeli, anche nei rapporti con i potenti della Chiesa e dello Stato, perché la casa della filosofia è la casa della verità: in un modo intelligente e anche astuto, certo, ma sempre fedeli. (Michele Ciliberto)
Avatar utente
polymetis
Moderatore
 
Messaggi: 4612
Iscritto il: 16/06/2009, 14:43

Messaggiodi jwscientist » 02/10/2009, 10:21

Quei diritti umani sono tutti di derivazione occidentale e cristiana, si basano sul concetto di "persona" e di "diritti soggettivi", entrambe invenzioni del cristianesimo occidentale. In Oriente la parola "persona" non ha neppure un corrispondente.



E' solo la derivazione che e' uguale e cristiana poi pero' il documento parla di dirtti per i gay e le coppie di fatto .
Parla di diritti all'aborto in caso del riscio di vita di un feto e della mamma
Parla che l'eutanasia coem nal caso dell'Englaro e' un diritto
Parla di autodifesa con le armi .
Parla di uguaglainza delle religioni
Non dice che il filo rosso della chiesa e' unico e dato da Dio alla Chiesa Romana
Si e' partiti dai concetti del vangelo per poi oltrepassarli alla grande .
Avatar utente
jwscientist
Utente Senior
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 19/09/2009, 8:35

Messaggiodi polymetis » 02/10/2009, 10:43

Io sto dicendo che la cultura dei diritti è nata in seno al cristianesimo, tutto qui. Non so in quale carta dei diritti umani dell'ONU da te citata credi di leggere la lista dei diritti che hai scritto, anche perché non vedo proprio come alcuni di essi siano considerabili come diritti umani. Quanto ai rimenenti:

Parla di autodifesa con le armi .


E il cristianesimo no? Hai scambiato il cristianesimo coi TdG?

Parla di uguaglainza delle religioni


La libertà di religione non è l'uguaglianza tra le religioni, quest'ultima è una questione su cui l'ONU non ha nessuna competenza.
Presentazione


Alla base delle scelte fondamentali del Nolano - a Londra come a Roma -, c'era il convincimento di appartenere alla "casa" dei filosofi, e che ad essa bisogna essere sempre fedeli, anche nei rapporti con i potenti della Chiesa e dello Stato, perché la casa della filosofia è la casa della verità: in un modo intelligente e anche astuto, certo, ma sempre fedeli. (Michele Ciliberto)
Avatar utente
polymetis
Moderatore
 
Messaggi: 4612
Iscritto il: 16/06/2009, 14:43

Prossimo

Torna a Forum principale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici