Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Omofobia

In questo spazio si discute di argomenti di vario genere relativi ai Testimoni di Geova e che non sono inclusi nelle altre sezioni

Moderatore: Cogitabonda

Messaggiodi Cinzia » 30/03/2015, 9:32

Lavoro a tempo pieno e approfitto dei weekends e ferie per studiare e passare gli esami.
Sono cosciente della mia ignoranza, che malgrado i miei sforzi é difficile da sradicare.
Non conosco il "Dialogo sopra la nobiltà" dell abate Parini e temo di non avere il livello per dilettarmi nella sua lettura.
Ma grazie a sue scialbe imitazioni come la "Livella" posso accedere anch'io, e persone come me, a certe riflessioni.

Vi ringrazio d accettare lo stesso miei commenti su questo forum.
Continuerò a fare del mio meglio per esserne all'altezza e non rompere troppo. (Anche se vi confesso che anch'io, a volte mi rompo di certe arroganti e spegievoli esternazioni. Ma in questi casi cambio semplicemente thread.)
Presentazione

Dopo aver cominciato a respirare, il mio primo bisogno fu: LIBERTA'.
I'm surrounded by Angels, I call them : my Friends.
Avatar utente
Cinzia
Utente Junior
 
Messaggi: 663
Iscritto il: 08/09/2012, 13:35

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 30/03/2015, 9:43

Cinzia ha scritto:Lavoro a tempo pieno e approfitto dei weekends e ferie per studiare e passare gli esami.
Sono cosciente della mia ignoranza, che malgrado i miei sforzi é difficile da sradicare.
Non conosco il "Dialogo sopra la nobiltà" dell abate Parini e temo di non avere il livello per dilettarmi nella sua lettura.
Ma grazie a sue scialbe imitazioni come la "Livella" posso accedere anch'io, e persone come me, a certe riflessioni.

Vi ringrazio d accettare lo stesso miei commenti su questo forum.
Continuerò a fare del mio meglio per esserne all'altezza e non rompere troppo. (Anche se vi confesso che anch'io, a volte mi rompo di certe arroganti e spegievoli esternazioni. Ma in questi casi cambio semplicemente thread.)

Sono in pochi, credo, a conoscere quell'opera del Parini e, suppongo, in tanti ad apprezzarne l'imitazione. Ma capisco anche il fastidio di Quixote. Il chirurgo non sempre apprezza l'opera dell'infermiere :sorriso: .
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14679
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi Giovanni64 » 30/03/2015, 10:28

Ai tempi della scuola ero portato ad immaginare una separazione netta tra alcune ideologie o tra alcuni partiti. Poi mi sono sempre più convinto che molto è frutto di circostanze, di tatticismi, di alleanze, di opportunismo. Molte volte le persone hanno anche buon gioco a poter pensare che sono i vestiti a cambiare mentre loro restano sempre le stesse persone con le stesse idee. Basti pensare a quanti antisemiti del 39 sono stati anche antisemiti nel 46 e a seguire, ma con forme diverse e con una casacca diversa. E l'avversione per le "plutocrazie", l'America e via discorrendo non era sempre più o meno la stessa? Da questo punto di vista trovo abbastanza normale che la maggior parte della cultura fascista potesse anche onestamente pensare di non essere mai stata fascista ma di essere stata socialista (comunista) da sempre.
Guardiamo anche alla storia del Partito Democratico americano per farci un'idea di come vanno le cose. Gli interessi e le ideologie sono spesso inserite in un groviglio di contesti, di interdipendenze e di convenienze del momento.
Ghandi fece una visita in Italia e spese belle parole per la dittatura fascista. Successivamente gli fecero notare che però era pur sempre una dittatura e lui rispose che anche e soprattutto l'Inghilterra era una dittatura del potere affaristico, finanziario ed economico. Anche allora succedeva, fra l'altro, che il nemico del mio nemico è mio amico.
Insomma le cose che secondo me sono nettamente preferibili ci sono eccome ma sono mischiate alle altre e spesso condite anche con abbondante ipocrisia.
Avatar utente
Giovanni64
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2896
Iscritto il: 09/01/2010, 8:59

Per Cinzia (e Mr. Shadow)

Messaggiodi Quixote » 30/03/2015, 13:49

Spiacente, dopo «esternazioni» avrei dovuto aggiungere un’emoticon ironica, perché è con ironia, non cattiva, che ho scritto. Capisco che cosí com’è sembri la sparata di un “incazzato”. Tanto piú che ho un libro di poesie di Totò, e alcune non sono male; la stessa Livella è imitazione sí, ma non spregevole.

Fine OT
Καὶ ἠγάπησαν οἱ ἄνθρωποι μᾶλλον τὸ σκότος ἢ τὸ φῶς.
E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce.
GIOVANNI, III, 19. (G. Leopardi, La ginestra, esergo)
======================================
Primo postPresentazioneStaurós: palo o croce? (link esterno)
Avatar utente
Quixote
Moderatore
 
Messaggi: 3993
Iscritto il: 15/08/2011, 22:26
Località: Cesena

Messaggiodi Ray » 30/03/2015, 16:54

Quixote ha scritto:Spiacente, dopo «esternazioni» avrei dovuto aggiungere un’emoticon ironica, perché è con ironia, non cattiva, che ho scritto. Capisco che cosí com’è sembri la sparata di un “incazzato”. Tanto piú che ho un libro di poesie di Totò, e alcune non sono male; la stessa Livella è imitazione sí, ma non spregevole.
Fine OT


Piccolo OT :ironico:

@ Angelo

A volte mi capita di leggere pensieri è scritti filosofici antichi ,è noto che a volte
quel pensiero l'ho pensato identico o addirittura già scritto in qualche risposta o in qualche "meme "
ma che io non ero a conoscenza e a volte non conoscevo neppure il filosofo . :fronte:

Con questo non voglio dire che il lavoro di Totò per quanto riguarda la Livella
sia tutta farina del suo sacco ma il mio pensiero a riguardo è che ha semplicemente
ripreso un discorso cominciato molto tempo ,forse un po troppo vicino a quello del Parini
ma pur sempre un discorso incominciato tempo fa da un'altro Luciano di Samosata (120 d.C. – 180 d.C.)

Ho trovato questo articolo molto interessante ... http://lornitorinco.altervista.org/inde ... he-diverse

Uno dei primi a scrivere della “democrazia” della Morte fu Luciano di Samosata
(120 d.C. – 180 d.C.), pensatore epicureo, greco di adozione, ma siriano d’origine, rimane celebre per i suoi scritti satirici.
Fra questi scritti satirici, focalizzeremo la nostra attenzione sui Dialoghi dei morti[i], una raccolta di trenta brevi discorsi tra le divinità e le anime dei defunti.Nel primo, intitolato Diogene e Polluce, i due protagonisti parlano dei mortali che stanno rovinandosi l’esistenza vivendola in modo sbagliato: sia i filosofi, che passano tutta la loro vita chiedendosi cosa verrà dopo, sia i potenti, che banchettano ostentando la loro fortuna e prendendosi gioco della povera gente. Diogene, allora, prega Polluce di andare sulla Terra affinché possa dare consigli ai mortali correggendo il loro modo di vivere. Egli andrà da Menippo il Cinico, che ragiona da una vita su cosa lo attende oltre:......

....Infine, Diogene prega Polluce, di recarsi dai pover’uomini e di consolarli della loro miseranda esistenza dicendogli che non serve a nulla disperarsi perché una volta trapassati si diventa tutti uguali: non più ricchi né poveri, né padroni né schiavi.
L’opera di Luciano ebbe un grandissimo successo anche tra gli scrittori moderni: Alexander Pope, Fénelon e il nostro Giuseppe Parini, presero spunto dai Dialoghi del siriano.

Parini, in particolare, interessato al tema della morte che rende gli uomini tutti uguali, se ne servì per esaltare quelli che erano i suoi ideali che, seppure non possiamo definire ancora illuministi, possiamo dire, perlomeno, che furono votati alla razionalità.
L’Illuminismo, in fondo, faceva, durante la vita terrena, quello che la Morte fa dopo il trapasso: rendeva gli uomini tutti uguali, tutti liberi, tutti con medesimi diritti e doveri, non tenendo conto delle assurde pretese di superiorità di certi nobili. Pretese che si arrogavano, radicati com’erano ancora nell’Ancient Regime.
Nel 1757 l’abate compone il Dialogo sopra la nobiltà.
È immediato l’accostamento a Luciano, il tema di fondo è lo stesso, l’ambientazione varia leggermente: se Luciano ambientava la scena negl’Inferi; Parini, fermo sostenitore del razionale e del materiale, non può presentarci i due defunti in un ipotetico aldilà, nel quale non crede, quindi non ci mostra le loro anime, bensì i loro cadaveri in decomposizione, dando all’opera un tratto goliardico e canzonatorio, più che macabro, come nel caso del rospo che addenta il povero Poeta alle “parti basseI due protagonisti, un Nobile e un Poeta, per uno strano caso si trovano a dividere la medesima fossa. Il Nobile, scocciato dalla vicinanza di quel plebeo, inizia ad insultarlo, intimandogli di fargli largo rispettando quella che è la gerarchia sociale. Inizia allora una lunga discussione che porterà il Nobile a scoprire pian piano che ha vissuto una vita fatta solo d’illusioni, che tutti quelli che gli stavano intorno decantavano le sue infinite doti, i suoi natali illustri, i suoi antenati gloriosi, solo perché speravano di ottenere qualcosa da lui.Il Nobile arriva, dunque, a capire quella che è l’amara verità, ma vuol fare un’ultima domanda al suo compagno:...

Il Poeta gli risponde dicendo che la nobiltà senza né ricchezza né virtù non giova a nessuno, non c’è nulla di più blando e miserabile di un nobile decaduto: non più accettato, né dall’aristocrazia né dalla plebe, diventa un peso per l’intera società.
Quest’opera, scritta da un Parini non ancor trentenne, sarà il punto di partenza dal quale il nostro svilupperà, qualche anno dopo, quel capolavoro di satira e critica sociale che è il Giorno.
Poi, più recentemente, Antonio De Curtis, conosciuto da tutti come Totò, riprende la tradizione nel suo capolavoro letterario: ‘A livella


Paradossale che proprio De Curtis, il quale tanto tempo e denaro spese affinché gli venisse riconosciuto un titolo nobiliare, scrivesse un’opera simile, che deride le vanità umane.
La risposta a questo enigma ce la dà Luciano De Crescenzo, che dice:

«Qui non è con l’attore che abbiamo a che fare, bensì col poeta. E già perché dovete sapere che di Totò ce ne sono stati tre: il Comico, il Principe e il Poeta. Ma quelli che proprio non andavano d’accordo erano il Principe e il Poeta. Basta leggere la livella per rendersene conto».....
:scuse: fine OT :ironico:

http://lornitorinco.altervista.org/inde ... he-diverse
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11084
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi mr-shadow » 31/03/2015, 4:11

Giovanni64 ha scritto:il nemico del mio nemico è mio amico


Parole sante. Se pensi che oggi ci sono ambienti umani ex missini che si turano montanellianamente il naso e votano a sinistra. Che hanno votato Ingroia, che avrebbero votato Tspiras e forse voteranno Landini (se si candiderà sull'esempio greco). Ma non è una cosa cosi strana. Per queste persone (me compreso), Mussolini è solo ed esclusivamente il socialista rivoluzionario di San Sepolcro, repubblicano ed anticlericale.
il credente si inalbera per tre motivi: 1) se deve a turbare la pace in cui è immerso, dovendosi chiedere come mai esista ancora qualche folle istigato da Satana a "combattere l'Onnipotente"; 2) quando si sente stupido se il critico dimostra d'aver ragione con argomentazioni serie e sensate; 3) quando è costretto ad ascoltare frasi di negazione, dato che dio è il "Si"
Avatar utente
mr-shadow
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2583
Iscritto il: 10/04/2010, 9:21

Sarà vera questa inserzione ?

Messaggiodi Ray » 08/04/2015, 16:32

https://www.facebook.com/photo.php?fbid ... =1&theater

Notate la riga in giallo, in fondo ? :cer:
Allegati
non sono graditi fumatori e omosessuali.jpg
non sono graditi fumatori e omosessuali.jpg (25.1 KiB) Osservato 2001 volte
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11084
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi Achille » 08/04/2015, 17:52

L'inserzione era vera. E' stata rimossa il 2 aprile: http://www.lettera43.it/fatti/gay-annun ... 165293.htm

E' ancora visibile nella cache: http://webcache.googleusercontent.com/s ... =firefox-a
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 12341
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

mi vien da ridere...

Messaggiodi Ray » 08/04/2015, 19:00

Ma dai si va anche contro ai pantaloni attillati alla A. Morris.. :risata: :risata:

..saranno seguaci di A. Morris. ? :boh:



Immagine

http://www.gay.it/gallery/forza-nuova-c ... io-resisti

:risatina:
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11084
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

..al rogo libri per bambini che inneggiano all'omosessualità.

Messaggiodi Ray » 08/04/2015, 19:06

Lo giulo....questa è l'ultima. :ironico:

http://milano.repubblica.it/cronaca/201 ... 110632847/

Immagine
Uno dei volumi sotto accusa.

:cer:
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11084
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi mr-shadow » 08/04/2015, 22:51

Ray ha scritto:Ma dai si va anche contro ai pantaloni attillati alla A. Morris.. :risata: :risata:

..saranno seguaci di A. Morris. ? :boh:



Immagine

http://www.gay.it/gallery/forza-nuova-c ... io-resisti

:risatina:


.
Allegati
umg.jpg
umg.jpg (28.09 KiB) Osservato 1974 volte
il credente si inalbera per tre motivi: 1) se deve a turbare la pace in cui è immerso, dovendosi chiedere come mai esista ancora qualche folle istigato da Satana a "combattere l'Onnipotente"; 2) quando si sente stupido se il critico dimostra d'aver ragione con argomentazioni serie e sensate; 3) quando è costretto ad ascoltare frasi di negazione, dato che dio è il "Si"
Avatar utente
mr-shadow
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2583
Iscritto il: 10/04/2010, 9:21

Messaggiodi Cinzia » 09/04/2015, 17:24

Fra qualche secolo probabilmente vedremo i delfini sfilare in passerella.
Hops, ma questo è un altro thread. ..
Presentazione

Dopo aver cominciato a respirare, il mio primo bisogno fu: LIBERTA'.
I'm surrounded by Angels, I call them : my Friends.
Avatar utente
Cinzia
Utente Junior
 
Messaggi: 663
Iscritto il: 08/09/2012, 13:35

Messaggiodi mr-shadow » 20/04/2015, 23:06

Gay pride a Benevento, i cattolici: "Il vescovo intervenga"

"Il Cammino dei Tre Sentieri accoglie con tristezza la notizia che il prossimo 6 giugno la città di Benevento (città dove Il Cammino è nato) ospiterà un “gaypride” regionale. Dalle notizie ricevute si viene a sapere che alcune forze politiche (per esempio Forza Nuova) hanno detto qualcosa. E i cattolici?". Con questa domanda i rappresentanti del Cammino dei tre sentieri intervengono sulla manifestazione di fine primavera.

"Qui non si tratta di essere “omofobi” (etichetta peraltro utilizzata a mo’ di clava per zittire qualsiasi difesa della famiglia naturale tra uomo e donna) né tantomeno di manifestare odio e intolleranza nei confronti di chicchessia… si tratta di difendere un principio di civiltà! Il Cammino dei Tre Sentieri - si legge in una nota - ribadisce la piena fedeltà e sottomissione al Magistero della Chiesa Cattolica e ai legittimi pastori (Papa, Vescovi e Parroci), ma ha il diritto d’implorare che i pastori …facciano i pastori. Che parlino, che non siano codardamente in silenzio, che temano il giudizio di Dio piuttosto che quello del mondo. Lo scandalo del silenzio è tra gli scandali più gravi. Non basta dire la verità (ammesso che negli ultimi tempi la si dica), occorre anche denunciare l’errore. Quale padre di famiglia si limiterebbe ad educare i propri figli limitandosi ad indicare il bene senza allontanarli dal male?", la questione posta dal Cammino

"Ai nostri tempi c’è troppo clericalismo … e poco cattolicesimo. L’autorità di un vescovo o di un parroco sta prima di tutto nel difendere il gregge dall’errore … il resto (e non ci riferiamo certo alla preghiera e all’amministrazione della Grazia) sono solo inezie che il tempo dissolverà. Il Cammino dei Tre Sentieri si appella al Vescovo e ai parroci di Benevento, così come a tutti i cattolici di buona volontà, affinché parlino, “proteggano” tutti coloro che sono influenzati dalla cultura dominante, affinché si dica che ormai siamo in un tempo in cui, con la messa in discussione dell’unicità della famiglia e della necessità che i bambini abbiano bisogno di un padre-padre e di una madre-madre, non solo vi è un chiaro attacco alla civiltà naturale, ma che ad essere minata è la stessa essenza antropologica. Certamente - continua la nota - la parola da sola non basta, occorre prima di tutto pregare … ma –lo ripetiamo- ogni nostro silenzio ci priva di un atto di misericordia spirituale, che è quello di “affermare la verità” e “ammonire gli erranti. E anche di questo dovremo rendere conto. Un giorno il Signore potrà dirci: “Perché hai taciuto, quando potevi parlare?”

http://www.ottopagine.it/bn/attualita/1 ... enga.shtml
il credente si inalbera per tre motivi: 1) se deve a turbare la pace in cui è immerso, dovendosi chiedere come mai esista ancora qualche folle istigato da Satana a "combattere l'Onnipotente"; 2) quando si sente stupido se il critico dimostra d'aver ragione con argomentazioni serie e sensate; 3) quando è costretto ad ascoltare frasi di negazione, dato che dio è il "Si"
Avatar utente
mr-shadow
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2583
Iscritto il: 10/04/2010, 9:21

Messaggiodi mr-shadow » 21/04/2015, 17:36

L’Arcigay critica il comune di Cremona per patrocinio a convegno omofobo.
La "teoria del gender" è un artificio utilizzato per spaventare alcune famiglie, manipolarle con premesse false

Desta stupore il patrocinio concesso dal Comune di Cremona al convegno previsto per giovedì 23 aprile in palazzo Cittanova “ideologia Gender fra scuola e famiglia” sulla fantomatica "teoria gender" organizzato dalla componente più conservatrice del mondo cattolico, purtroppo con la collaborazione dell' Ufficio Pastorale Familiare della Diocesi di Cremona, le cui posizioni, incredibilmente sempre più radicali in materia di parità di diritti e lotta alle discriminazioni, cominciano a destare sconcerto anche fra molti fedeli del nostro territorio.
Confidiamo che proprio la sponsorizzazione di una istituzione religiosa generalmente ritenuta affidabile come l'Ufficio per la Pastorale Familiare sia alla base di questo patrocinio da parte del Comune di Cremona, che speriamo in futuro approfondisca meglio i contenuti dei convegni ai quali viene concessa la collaborazione del Comune.
La "teoria gender" è infatti una invenzione polemica, che nella realtà non esiste, un miscuglio di slogan e pregiudizi, un' etichetta creata per scardinare qualunque intervento, teorico, giuridico politico o culturale mirante all'avanzamento di politiche che contrastino la disparità tra uomini e donne, e le discriminazioni verso gli omosessuali.
La "teoria del gender" è un artificio utilizzato per spaventare alcune famiglie, manipolarle con premesse false ed usarle, ponendole in rotta di collisione con le istituzioni scolastiche, al fine di garantire la perpetuazione dell'ideologia sessista che anima alcune persone, ideologia che vuole il maschio "macho", insensibile, violento e prevaricatore e la femmina disponibile a subire la violenza, a comprendere, a perdonare, nella rassegnazione e nella sottomissione, non a caso pochi mesi fa lo stesso Ufficio per la Pastorale Familiare aveva proposto la presentazione del libro di Costanza Miriano dall'inequivocabile titolo “Sposati e sii sottomessa”.
Facendo leva sulle paure dei genitori, questa inesistente "teoria del gender" viene descritta come una "congiura" della "lobby gay" per "indottrinare" i loro figli all'omosessualità o al travestitismo, insegnando loro che "le differenze tra maschi e femmine non esistono".
Questo è semplicemente ridicolo: il punto della riflessione sul genere, che deve essere portata nelle scuole, è che maschi e femmine non possono essere ridotti a degli stereotipi. La scuola ha bisogno di pratiche educative che prevedano proprio di formare le nuove persone al rispetto per il prossimo, maschio o femmina che sia, favorendo il dialogo e la frequentazione fra le persone senza pregiudizio per il loro sesso biologico, in modo che sia loro chiaro fin dalla più tenera età che non esistono prima "i maschi" e poi "le femmine", ma che esistono innanzitutto le persone, a prescindere dal loro sesso o dalla loro tendenza sessuale sia essa eterosessuale o omosessuale.
il credente si inalbera per tre motivi: 1) se deve a turbare la pace in cui è immerso, dovendosi chiedere come mai esista ancora qualche folle istigato da Satana a "combattere l'Onnipotente"; 2) quando si sente stupido se il critico dimostra d'aver ragione con argomentazioni serie e sensate; 3) quando è costretto ad ascoltare frasi di negazione, dato che dio è il "Si"
Avatar utente
mr-shadow
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2583
Iscritto il: 10/04/2010, 9:21

Messaggiodi mr-shadow » 02/05/2015, 4:46

Comunicato dell’Unione Giuristi Cattolici Italiani “Sulla diffusione dell’educazione alla dottrina di genere nella scuola italiana”

http://www.pensareildiritto.it/wp-conte ... gender.pdf
il credente si inalbera per tre motivi: 1) se deve a turbare la pace in cui è immerso, dovendosi chiedere come mai esista ancora qualche folle istigato da Satana a "combattere l'Onnipotente"; 2) quando si sente stupido se il critico dimostra d'aver ragione con argomentazioni serie e sensate; 3) quando è costretto ad ascoltare frasi di negazione, dato che dio è il "Si"
Avatar utente
mr-shadow
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2583
Iscritto il: 10/04/2010, 9:21

Messaggiodi deliverance1979 » 02/05/2015, 9:49

Rob Halford è gay, è la fine..... :ok: :ok: :ok:

Immagine



dovrò cambiare genere musicale.... o my god... :fronte: :fronte: :fronte:

Aveva ragione la WTS di non ascoltare certi generi che poi si fanno brutti incontri... :ok:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4970
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi polymetis » 02/05/2015, 10:31

Chi è?
Presentazione


Alla base delle scelte fondamentali del Nolano - a Londra come a Roma -, c'era il convincimento di appartenere alla "casa" dei filosofi, e che ad essa bisogna essere sempre fedeli, anche nei rapporti con i potenti della Chiesa e dello Stato, perché la casa della filosofia è la casa della verità: in un modo intelligente e anche astuto, certo, ma sempre fedeli. (Michele Ciliberto)
Avatar utente
polymetis
Moderatore
 
Messaggi: 4414
Iscritto il: 16/06/2009, 14:43

Messaggiodi deliverance1979 » 02/05/2015, 10:40

Cantante dei Judas Priest.... uno dei più quotati e bravi gruppi di Hard & Heavy anni 70 - 80... :ok:
C'è l'intervista dove dichiarando la sua omosessualità ebbe qualche problema.

http://www.queerblog.it/post/9802/rob-halford-cantante-dei-judas-priest-gay-dichiarato-e-la-tolleranza-nellheavy-metal
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4970
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Trianello » 02/05/2015, 22:57

deliverance1979 ha scritto:Cantante dei Judas Priest.... uno dei più quotati e bravi gruppi di Hard & Heavy anni 70 - 80... :ok:
C'è l'intervista dove dichiarando la sua omosessualità ebbe qualche problema.

http://www.queerblog.it/post/9802/rob-halford-cantante-dei-judas-priest-gay-dichiarato-e-la-tolleranza-nellheavy-metal


In effetti è l'unico musicista metal di un certo peso ad aver dichiarato apertamente la propria omosessualità. Lì per lì, questo lasciò un po' disorientati molti cultori del genere, in quanto una tale cosa non si era davvero mai sentita. Non mi sembra però che questo abbia in qualche modo danneggiato il proseguo della sua carriera.

Presentazione

Deus non deserit si non deseratur

Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Moderatore
 
Messaggi: 3336
Iscritto il: 10/06/2009, 22:45

Messaggiodi deliverance1979 » 03/05/2015, 8:29

Trianello ha scritto:Lì per lì, questo lasciò un po' disorientati molti cultori del genere, in quanto una tale cosa non si era davvero mai sentita. Non mi sembra però che questo abbia in qualche modo danneggiato il proseguo della sua carriera.


Quando uno è bravo è bravo.... :ironico:

In effetti nel patinato mondo hard & heavy lasciò molti perplessi, in un ambiente fatto di canzoni ammiccanti al sesso, belle macchine e foto modelle....
Senza contare l'aspetto da macho tutti muscoli ed addominali, che molte band volevano dare di se... :ok:

Anche se io preferivo il vecchio stile.... :ok:

Per chi non lo sapesse.... ecco chi erano i Judas Priest negli anni 80



Quindi dichiararsi gay con quell'immagine ci voleva...

PS: Avevano ragione quelli del Corpo Direttivo che sentire certa musica traviava le menti, e poi vedete i pantaloni attillati.....difatti il cantante è gay... chissà quali danni psicologici ho subito e sto subendo nell'ascoltare questo gruppo... :ironico: :ironico: :ironico:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4970
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Ray » 05/06/2015, 22:21

La cura :ironico:

Angolo Terme: un seminario di 5 giorni per 'guarire' dall'omosessualità

"Mai più omosessuali: da noi si guarisce in soli 5 giorni"
Succede ad Angolo Terme, in Valcamonica: una casa spirituale in cui in cinque giorni - e al costo di 185 euro - si promette la 'guarigione' dalla 'malattia' dell'omosessualità


http://www.bresciatoday.it/cronaca/ango ... e-gay.html
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11084
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi Cogitabonda » 05/06/2015, 22:37

Divertente la conclusione: "Qualcuno racconta pure una storia curiosa: 'So di gente che si è innamorata, qui dentro. Di un altro uomo, ovviamente'. Perché l’amore vince sempre."
Mi ricorda un episodio di Will & Grace, in cui il gay Jack e la bisessuale Karen decidono di frequentare le sedute di un gruppo di quel genere con lo scopo di fare conquiste, pensando di aver gioco facile fra tante persone in astinenza.
Compiacersi di aver ragione è sgradevole - Avere troppa coscienza di sé è odioso - Commiserarsi è infame
La mia presentazione
Avatar utente
Cogitabonda
Moderatore
 
Messaggi: 8405
Iscritto il: 01/06/2011, 1:45
Località: Nord Italia

Messaggiodi Ray » 07/06/2015, 17:25

Eterofobia.. :conf:

06-06-2015
«Non sono più gay, per questo mi attaccano» di Riccardo Cascioli
Luca di Tolve
«Se Alessandro Cecchi Paone spiega come dopo anni di matrimonio abbia scoperto e vissuto la sua omosessualità, diventa un eroe; se invece io voglio testimoniare il percorso inverso allora si scatena il putiferio e valanghe di insulti». È lo sfogo di Luca di Tolve, ex dirigente dell’Arcigay, che ha potuto recuperare l’identità eterosessuale ed oggi è marito e padre felice oltre che fondatore e animatore dell’Associazione Gruppo Lot Regina della Pace. Il Gruppo Lot, dice la descrizione che si trova nel sito, «ha finalità di solidarietà sociale nei confronti di persone sofferenti che portano dentro di sé ferite e dipendenze a livello emotivo, relazionale, di identità sessuale, di abuso e di violenza, che hanno difficoltà nell’avere sane e buone relazioni con gli altri».

Di Tolve, che ha anche raccolto la sua storia in un libro (Ero gay, Piemme editore) è stato fatto oggetto in questi giorni di una vera e propria aggressione mediatica.

Da una parte La 7, con la trasmissione “Anno Uno” condotta da Giulia Innocenzi, andata in onda l’altra sera: «Hanno usato filmati ripresi di nascosto che peraltro – malgrado il tentativo di “mascherare” il volto dei presenti – violano la privacy di quanti partecipavano al ritiro (del caso parliamo a parte con questo articolo). Non solo: con una intervista iniziale a Luca Di Tolve – la cui messa in onda non era stata autorizzata - il programma è stato condotto a senso unico, ridicolizzando l’esperienza di Luca Di Tolve e tanti altri. Per non parlare poi di come è stata condotta la trasmissione, con la derisione di chiunque andasse contro il politicamente corretto: immaginarsi dunque come è stato trattato il vescovo di Palestrina monsignor Domenico Sigalini, lì presente.

Dall’altra il quotidiano Repubblica che – anch’esso due giorni fa – ha pubblicato un reportage da uno dei ritiri condotti da Luca, in cui il giornalista Matteo Pucciarelli si era intrufolato falsificando i documenti personali: «Siccome in passato ci sono stati tanti giornalisti che hanno cercato di introdursi nei nostri incontri per poi poter annunciare uno scoop, siamo molto severi nel controllare l’identità delle persone che si iscrivono – soprattutto a tutela di chi vi partecipa – e così il giornalista di Repubblica ha prodotto identità e documenti falsi. E lo ha anche scritto sul giornale».

Lo stesso giornalista poi ha fatto delle riprese e delle foto a insaputa di coloro che hanno partecipato al ritiro e ora si possono vedere sul sito di Repubblica (http://www.repubblica.it). Anche qui sono stati commessi reati e violazioni evidenti della Carta deontologica, ma si può stare certi che nessuno interverrà. «Da quando sono state varate le linee guida per i giornalisti per la prevenzione dell’omofobia – dice di Tolve - è diventato un inferno. Si susseguono tentativi di carpire chissà quali informazioni segrete sulle nostre attività». E poi, come in questo caso, se le notizie non ci sono si inventano: «Repubblica ha scritto che si tratta di corsi per “guarire” i gay – riprende Di Tolve – ma noi non facciamo nessuna terapia, non siamo psicologi. Quello a cui ha partecipato il giornalista di Repubblica era un semplice ritiro spirituale».

Ma l’inviato di Repubblica ha fatto di più: una ripresa video che rende riconoscibili alcuni dei partecipanti al ritiro, una vera infamia. «Questi atti sono gravissimi, non rispettano minimamente la dignità delle persone. Di più, sono fatti apposta per intimidire le persone che così sono scoraggiate a partecipare. Data la delicatezza di queste situazioni, le persone vengono perché è anche garantita la più totale discrezione. Ma questi blitz danno invece la sensazione opposta, la mancanza di sicurezza. È ovvio che si fa così per impedire questi ritiri, fare in modo che, per paura, la gente non venga qui da noi».

Insomma è diventata una vera e propria guerra che vuole negare anche la più semplice presenza di persone che recuperano la loro eterosessualità, e che vuole impedire che qualcuno racconti queste storie. E non è un caso che questa demonizzazione di Di Tolve e altri esploda in questo momento: la maggioranza di governo sta spingendo sull’acceleratore per arrivare in fretta a varare le unioni civili (in pratica il matrimonio gay).
http://www.lanuovabq.it/mobile/articoli ... XRvbc_tmkr
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11084
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Flop

Messaggiodi Ray » 08/06/2015, 18:50

http://gayburg.blogspot.it/2015/06/vero ... e.html?m=1

Clicca per vedere l'immagine a dimensioni originali

Verona: un flop il "Family Pride" oganizzata da Forza Nuova e Christus Rex

«Invitiamo tutte le persone di buona volontà, che credono ancora in una visione cristiana e cattolica della vita e della società, a partecipare al "Verona Family Pride", per testimoniare l'attaccamento ai nostri più importanti e irrinunciabili valori morali, civili e religiosi». È con queste parole che una delle tante associazioni aderenti all'integralismo cattolico chiamava a raccolta i suoi in vita dell'evento organizzato da Forza Nuova e dal circolo integralista di estrema destra Christus Rex.
All'appuntamento si è presentata qualche decina di persone ma non c'è voluto molto prima che si inisziasse ad ostentare come a muoverli non ci fossero argomentazioni ma solo tanto odio ed ignoranza. Al grido di «Noi Romeo e Giulietta, voi Sodoma e Gomorra» gli omofobi si sono divertiti a scandire slogan contro gli omosessuali, definendoli invertiti e deviati.
Proprio per questo motivo appare veramente intollerabile come fra quelle persone ci fossero anche il presidente del consiglio comunale Luca Zanotto (Lega Nord), l'eurodeputato della Lega Lorenzo Fontana e i consigliere regionali Stefano Valdegamberi e Daniele Polato, di Forza Italia ed esponente di Battiti. Politici che sono scesi in piazza per insultare parte della cittadinanza in un clima d'odio che pare poco compatibile con una funzione pubblica.

«L'unico diritto per gay e lesbiche -ha dichiarato il leader di Forza Nuova all'Arena- sarebbe quello di poter usufruire per legge di uno psichiatra che li aiuti nei loro problemi mentali. Rivendicano la centralità della famiglia tradizionale, seriamente minacciata, a detta loro, da gay e lesbiche. Certe devianze ci sono sempre state e va bene così. Uno deve manifestare nel proprio letto. Se un uomo vuole andare con un altro uomo o con un animale, lo può fare, però non deve parlare di famiglia, di adozione dei figli. Finché ci saremo noi di Forza Nuova questo non potrà mai succedere».

Secondo i militanti di estrema destra, il fatto che i gay abbiano osato calpestare il suolo della loro città sarebbe un fatto inaccettabile: «Sono a Verona perché fa più notizia -dicono- perché questa è una città centrata sull'orgoglio delle famiglie normali». Ed è per questo che Matteo Castagna, portavoce di Christus Rex, è tornato ancora a sostenere la necessità di pregare la Madonna per chiederle scusa se alcuni suoi figli non sono dei neonazisti: «Di fronte allo scandalo pubblico della profanazione della città da parte dei sodomiti conclamati -ha dichiarato- è evidente che i cattolici fedeli alla tradizione faranno un rosario riparatore, per chiedere perdono a Dio per questa ostentazione pubblica del peccato contro natura».

...Peccato contro natura ,frase tanta odiata da..... :occhiol:
:ciao:
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11084
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

..è stato "detto" ?

Messaggiodi Ray » 10/06/2015, 17:33

http://www.gay.it/news/Uganda--la-chies ... are--i-gay


Uganda: la chiesa prepara esorcismi e percosse per "curare" i gay

Mercoledì 19 Marzo 2014

Immagine



Dopo l'approvazione della legge anti-gay, nonostante appelli internazionali e la sospensione di finanziamenti, l'Uganda continua la crociata contro gli omosessuali. Ora la chiesa promette esorcismi.
Non accenna a placarsi l'ondata di omofobia istituzionalizzata che sta travolgendo l'Uganda. ...

Immagine

Secondo quanto riporta GayStarNews, le sedute, per così dire, terapeutiche potrebbero includere veri e propri esorcismi e percosse.
Ad annunciare l'iniziativa è stato un vescovo in pensione, Wilson Mutebi. "I vescovi hanno promesso di rimanere accanto al presidente sulla questione dell'omosessualità" ha dichiarato Mutebi. E infatti Museveni non ha mancato di ringraziare le gerarchie ecclesiastiche ugandesi per il supporto ricevuto a proposito della nota legge anti-gay recentemente varata.
Il vescovo ha precisato che la chiesa "ha combattuto contro il vizio" e rispondendo agli arcivescovi inglesi li ha accusati di essere "spiritualmente ciechi".
Secondo fonti di GayStarNews, la chiesa ugandese non è nuova a pratiche di trattamento dell'omosessualità che, anche in passato, hanno incluso l'esorcismo e le percosse...

Immagine
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11084
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi Achille » 13/06/2015, 17:37

Un post sul tema che ho letto oggi nel gruppo "Uscire dai TdG...":

Oggi volevo parlare di un argomento che fa parlare sempre, ovvero l'omosessualità. Prima di cominciare vorrei dire che il mio post non vuole minare la fede di nessuno, io sono credente e quando mi chiedono spiegazioni della Bibbia e omosessualità io dico sempre che Dio condanna la promiscuità sessuale gay ed etero che sia. Nei primi anni che mi battezai mai avrei creduto che ci fossero testimoni di geova gay nelle congregazioni, invece mi sono dovuto ricredere; alcuni sono nascosti altri sono stati disassociati perchè hanno ceduto e sono stati scoperti, altri ancora invece lottano perchè siano riconosciuti non i loro diritti, ma la loro dignità. Le posizioni del corpo direttivo in merito a questo argomento le conosciamo tutti, i tdg sono contrari all'omosessualità, ma ci tengono a ribadire che i tdg non sono omofobi, non odiano la persona ma la pratica, il che è come dire che non si odiano i cinesi, ma si disprezzano gl'occhi a mandorla, inoltre Wikipedia definisce la parola "omofobia" l'odio verso omosessuali e OMOSESSUALITA, ma il tdg che si affida al vocabolario geovista rigetta la definizione di Wikipedia. quindi solo da questo si puo capire che i tdg sono omofobi e della peggior specie. L'ipocrisia piu grande del corpo direttivo è proibire di vivere un amore con una persona dello stesso sesso definendolo un peccato contro natura, un vizio lussurioso o uno stile di vita alternativo, come se qualcuno scegliesse di essere trattato male, insultato, picchiato, offeso nella dignità ed ammazzato come "stile di vita alternativo"; essere vegani o vegetariani è uno stile di vita alternativo, non essere gay; tuttavia il corpo direttivo in alcune pubblicazioni riconosce (testuali parole) che i valori ormonali e i geni possono contribuire all'omosessualità, ma non si deve praticare. Che incoerenza!!! Non sanno nemmeno di cosa parlano ma mettono bocca su tutto!!! Se centrano i geni non è un vizio, e se è un vizio cosa centrano i geni? Un vizio potrebbe essere l'alcolismo, assuefazione di qualche sostanza ma non un sentimento d'amore verso una persona consenziente; qui siamo ai livelli di quando nel ottocento si proibivano gli amori interrazziali con la Bibbia in mano. Inoltre riflettendoci praticamente se il corpo direttivo ha ragione (cosa che non è) sta dicendo che geova un dio che si definisce la massima espressione di amore e verità vuole che tu menta alle persone a cui vuoi bene e che viva un celibato che non hai mai scelto per vivere una recita che dura per tutta la vita, altrimenti questo dio di grande amore nel suo giorno ti truciderà nella maniera piu orrenda possibile strappandoti la gioia massima del "nuovo ordine" perchè amavi la persona che stava nel tuo cuore .... alla faccia del dio di verità e dell'amore massimo!!! Io mi chiedo come è possibile che ci siano tdg che sono pronti a squoiarsi per il corpo direttivo-geova, quando il corpo direttivo-geova sarebbe felici di squoiare i gay nelle congregazioni per i propri tornaconti ..... Ho conosciuto diversi ex tdg gay e tdg gay, e mi dispiace dire questo; la maggior parte degl'ex tdg gay sono saltati da un letto ad un altro e sono proprio schiavi del sesso, non vivono per altro. I tdg gay battezzati e non la maggior parte sono dei repressi e vivono costantemente nell'infelicità pur avendo delle maschere con un finto sorriso da 144.000 denti, sia perchè sanno cosa pensano i loro fratelli e il loro geova di essi. Io mi chiedo perchè stanno a soffrire là dentro? La Bibbia dice che Dio è un Dio felice, di libertà, di giustizia, di amore e di verità, dove le vedono queste qualità in geova e nell'organizzazione al centro di scandali e critiche degl'ex ma anche dei tdg stessi? Io non sono vostro nemico vorrei aiutare se possibile perchè ci sono passato anche io. Prendete vostre le parole di una scrittura che conoscete molto bene "Uscite da essa o popolo mio, se non volete partecipare alle sue piaghe..." continuando a stare dentro mentalmente o fuori state ricevendo le sue piaghe ex tdg e tdg gay. Riflettete su queste mie parole vi prego, grazie per l'attenzione.

Il messaggio di Andrea Basta: https://www.facebook.com/groups/uscired ... nidigeova/
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 12341
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi mr-shadow » 17/06/2015, 16:02

il credente si inalbera per tre motivi: 1) se deve a turbare la pace in cui è immerso, dovendosi chiedere come mai esista ancora qualche folle istigato da Satana a "combattere l'Onnipotente"; 2) quando si sente stupido se il critico dimostra d'aver ragione con argomentazioni serie e sensate; 3) quando è costretto ad ascoltare frasi di negazione, dato che dio è il "Si"
Avatar utente
mr-shadow
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2583
Iscritto il: 10/04/2010, 9:21

Messaggiodi mr-shadow » 11/07/2015, 15:45

http://www.lacrocequotidiano.it/articol ... sentinelle

La riforma della “buona scuola” è legge, è un dato di fatto. Passa con 277 voti favorevoli alla Camera ed è una approvazione definitiva, che trasforma il ddl in legge dello Stato. Manca il passaggio formale della firma e conseguente promulgazione da parte del Capo dello Stato, ma chi pensa che Sergio Mattarella non firmerà è fuori strada. La legge c’è e bisogna solo prenderne atto.
Si tratta di una riforma con aspetti positivi e aspetti negativi, come tutte le riforme. In materia di scuola abbiamo scritto da tempo che finché non si andrà con coraggio nella direzione di una reale libertà scolastica, con la possibilità concreta per i genitori di scegliere la scuola in cui far istruire i propri figli, le riforme saranno poca cosa. E infatti ogni ministro si fa la sua. Io sono stato uno studente di scuola cattolica e i miei genitori hanno dovuto cavarsi il pane di bocca per permettere a mia sorella e a me di frequentare un istituto costoso. Libertà scolastica vuol dire consentire ai genitori la libertà reale, attraverso strumenti come il “buono scuola” (altro che “buona scuola”) sperimentato in Lombardia, di scegliere l’istituto dove mandare i propri figli senza la colossale disparità tra scuola statale e scuola non statale, tutelando invece il concetto di scuola pubblica. E l’erogazione di un servizio pubblico, qui sta il salto culturale che va compiuto da chi si muove su obsolete impalcature ideologiche, può essere effettuata sia da parte di un soggetto statale che da parte di un soggetto non statale. Finché la scuola non virerà verso questa idea di libertà, nessuna riforma ne guarirà i mali endemici.
Ma torniamo alla legge approvata alla Camera. Luci ed ombre, dicevamo. Tra le ombre, si staglia colossale quella dell’introduzione del gender. Con un’operazione proditoria e vergognosamente operata in commissione, poi ratificata dal comma 16 al maxiemendamento reso inemendabile da una manovra ai limiti dell’illegittimità da parte del presidente del Senato Pietro Grasso, l’educazione di genere entra ufficialmente a far parte della attività extracurricolari nelle scuole di ogni ordine e grado. A proposito di impalcature ideologiche, questo è il nuovo terreno su cui una sinistra obsoleta si sente a suo agio. Persi i riferimenti elaborativi e culturali “alti”, persa la sua visione escatologica, una certa di sinistra per “consistere” si adagia sulle comode novità ideologiche da partito radicale di massa, come ebbe a profetizzare quel grande filosofo che fu Augusto Del Noce, le cui pagine andrebbero riscoperte, rilette con attenzione.
Il varo tutto ideologico, anche nelle modalità, dell’introduzione della cultura gender nelle scuole è un atto gravissimo del Parlamento, un atto operato in sfregio al milione di persone scese in piazza il 20 giugno scorso e contro il volere di buona parte dei gruppi sia di maggioranza che di opposizione. Si tratta di una forzatura davvero tutta ideologica che però dovrà ricevere una risposta umana, intensamente umana.
Quasi dieci milioni di minorenni che frequentano le scuole italiane sono accompagnati in classe da quattordici milioni di papà e quattordici milioni di mamme. Trentotto milioni di persone, complessivamente, hanno a che fare con la scuola italiana. A piazza San Giovanni eravamo un milione e io ho parlato da un palco con su scritto a caratteri cubitali: “Difendiamo i nostri figli, no all’ideologia gender nelle scuole”. La scritta “giù le mani dai nostri figli” campeggiava su alcuni cartelli che venivano giustamente agitati in aula alla Camera mentre la “buona scuola” diventava legge e il concetto è stato ribadito da gruppi parlamentari, come già detto, di maggioranza e di opposizione. Quelli di maggioranza hanno anche ottenuto l’emanazione di una circolare da parte del ministro Giannini in cui si riafferma lo strumento decisivo del “consenso informato”.
Ecco, la partita da oggi si sposta dal Parlamento alla società. Diventerà, lo voglio scrivere oggi a due mesi dall’avvio del nuovo anno scolastico, una battaglia non città per città, ma casa per casa. I ventotto milioni di mamme e di papà di dieci milioni di bambini e minori devono diventare altrettante sentinelle. Questa “colonizzazione ideologica”, per citare Papa Francesco, si ferma solo con il contrasto attivo da parte dei genitori scuola per scuola, classe per classe. Non devono passare corsi che attraverso il paravento del “contrasto al bullismo omofobico” o della educazione alla parità di genere vogliano insegnare ai nostri bambini l’indifferenzialismo sessuale, l’esaltazione dell’omosessualità, la propaganda dell’omogenitorialità e la propedeutica al transgenderismo. Lo scrivo in maniera chiara in modo che non ci siano equivoci: contrasteremo il diffondersi di questi corsi con ogni strumento che la democrazia e i metodi di cittadinanza attiva ci mettono a disposizione.
Il Parlamento aveva il potere di disporre una norma così violenta contro i nostri figli, ma non ne aveva il diritto. Contro queste prepotenze la società civile ha il diritto di organizzarsi. Contro questi atti di “colonizzazione ideologica” il Papa stesso ha detto che le famiglie devono reagire. Sì, ha usato proprio la parola “contro” il Papa. Qui non ci sono ponti da costruire o dialoghi da ricercare. Qui c’è da andare in battaglia contro gli ideologi che prima negano l’esistenza stessa dell’ideologia gender, poi la ficcano dentro il primo provvedimento di legge che passa per portare a casa una vittoria tutta ideologica.
Sarà una vittoria di Pirro e sapete perché? Perché c’è stata piazza San Giovanni il 20 giugno scorso. E in quella piazza un milione di sentinelle hanno ricevuto le informazioni necessarie per rispondere sul proprio territorio, scuola per scuola e classe per classe, alla prepotenza della politica e degli ideologi del gender. Perché quel milione di sentinelle tornando a casa ha parlato con altri milioni di persone che a San Giovanni per ragioni varie non potevano esserci, trasformandole in sentinelle anch’esse. Perché le parole d’ordine di piazza San Giovanni sono risuonate forti e chiare persino in Parlamento e se ne sono fatti carico gruppi di maggioranza e di opposizione. Fino al 20 giugno nessuno aveva parlato in Parlamento contro l’ideologia gender. Dopo il 20 giugno lo hanno fatto in tanti.
Ma il Parlamento ha comunque varato la legge con quel comma infame. Ora la palla passa alla famiglia. Ora le mamme e i papà, le nonne e i nonni, gli studenti stessi devono porre un argine ad un’ideologia che altrimenti dilagherà. Si nasce maschi e femmine. I bambini nascono da un uomo e una donna. Il sesso è un dato biologico e, salvo eccezioni che confermano la regola, coincide con il genere: è scritto nel nostro dna in termini indelebili. Il resto è gioco di società di una certa sinistra, obsoleta e annoiata, che non sa più cosa dire sui problemi seri e allora si rifugia nei falsi miti di progresso. Che noi combatteremo.
Giù le mani dai nostri figli.
09/07/2015
il credente si inalbera per tre motivi: 1) se deve a turbare la pace in cui è immerso, dovendosi chiedere come mai esista ancora qualche folle istigato da Satana a "combattere l'Onnipotente"; 2) quando si sente stupido se il critico dimostra d'aver ragione con argomentazioni serie e sensate; 3) quando è costretto ad ascoltare frasi di negazione, dato che dio è il "Si"
Avatar utente
mr-shadow
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2583
Iscritto il: 10/04/2010, 9:21

Messaggiodi Ray » 11/07/2015, 17:25

http://prd.video.mediaset.net/ads/38723-1-2.mp4


10 luglio 2015

Omofobia, 40enne gay vittima di bullismo si toglie la vita nel Foggiano

Antonio Intellicato, la cui omosessualità non era mai stata accettata dalla famiglia, si è ucciso ingerendo un cocktail di farmaci

15:52 - I ripetuti episodi di bullismo, l'omofobia e una famiglia che non aveva mai accettato la sua omosessualità al punto che, quattro anni fa, il fratello minore lo aggredì con un coltello. Antonio Intellicato detto Tonino, 40enne di Cerignola, in provincia di Foggia, si è tolto la vita ingerendo un letale cocktail di farmaci. Inutili i tentativi dei soccorritori del 118 di rianimarlo.iglia, si è ucciso ingerendo un cocktail di farmaci




Vittima di bullismo, gay si toglie la vita
di Maria Luisa Sgobba

In un'Italia che riempie le piazze per il Pride, come a Milano due settimane fa, e dove alcuni settimanali rompono tabù pubblicando in copertina un bacio tra rugbisti, la discriminazione non è dunque affatto archiviata.

Il 40enne foggiano aveva già provato, in passato, a farla finita. Quando venne accoltellato, il fratello raccontò che l'omosessualità di Tonino "rendeva la vita difficile a tutta la famiglia".

Scalfarotto: "Intollerabile in un Paese civile" - "Notizie come quella di Cerignola sono ormai intollerabili per un paese civile". Lo ha detto Ivan Scalfarotto, sottosegretario alle Riforme del governo Renzi, al suo 12esimo giorno di digiuno per richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica sull'assenza nel nostro Paese di norme a riconoscimento e tutela dei diritti delle persone gay.

"Ancora più intollerabile è che questo avvenga in un mondo alla rovescia, dove le vittime sono dimenticate nel silenzio e nell'oscurità e le colpe e i colpevoli agiscono con la protervia di chi si sente protetto, blandito, silenziosamente incoraggiato", ha aggiunto.

http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/ ... 502a.shtml
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11084
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Ma quale omofobo ,le orecchiette sono poche... :-)

Messaggiodi Ray » 14/07/2015, 18:36

..sono due persone che si vogliono bene.

Ma che me ne fotte,ho buttato solo 300 gr di orecchiette ,solo per me e per te e neanche bastano..
...questi mangiano per cinque. Azz...

Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11084
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

PrecedenteProssimo

Torna a Forum principale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 4 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici