Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

circolare del 01/2010

In questo spazio si discute di argomenti di vario genere relativi ai Testimoni di Geova e che non sono inclusi nelle altre sezioni

Moderatore: Cogitabonda

Messaggiodi Ricercatore77 » 10/01/2011, 23:28

..Anna.. ha scritto:
Vedete quella frase ... vittime di vittime... è una giustificazione che decolpevolizza praticamente tutti.
E non va bene.
Perchè non esistono le vittime di vittime.
Troppo comodo.

C'è sempre un carnefice.

Anche al vertice ma c'è. E se chi lo segue non gli volta le spalle ma lo aiuta, anche credendo di essere nel giusto, è carnefice a sua volta.



Cara Anna,
non sò se tu sei mai stata Tdg (scusami ma non è da tanto che frequento il forum e non ricordo bene), ma ti assicuro che finché vedi le cose da Tdg, non vedi la realtà, ma vedi solo quello che il CD vuol farti vedere. Io solamente da non molto tempo me ne stò accorgendo. E' agghiacciante guardarsi indietro e ricordare che fino a poco tempo fà neanch'io riuscivo a vedere le cose per quelle che sono. Non stò scrivendo per giustificare,ma solo per far capire a chi non c'è mai passato cheil più delle volte il TdG singolo non è cosciente di quello che stà pensando o facendo. Ora per me è come vedere un mondo nuovo, ma poi ci ragiono e mi accorgo che lo stò solo guardando da un altro punto di vista.
Spero di aver spiegato quello che volevo dire.
Ma sono daccordo con voi nel dire che è una vergogna!
:senzaparole:
Avatar utente
Ricercatore77
Nuovo Utente
 
Messaggi: 167
Iscritto il: 31/10/2010, 16:27

Messaggiodi malcom11 » 10/01/2011, 23:29

lorenzo74 ha scritto: ma a mente fredda trovo piu' incredibile che fino a poco tempo fa' avrei giudicato giuste queste disposizioni! :test: :test:

Ecco uno dei tanti motivi per cui questo culto, che per i non informati risulta innocuo, è deleterio per chi lo "ha subito"!!!


WTS, se la conosci, la eviti!

Immagine
I 'nuovi intendimenti' sono le 'toppe' che lo schiavo mette sui tessuti lacerati dei loro errori.(ryuzaky77)
Presentazione
Avatar utente
malcom11
Utente Senior
 
Messaggi: 740
Iscritto il: 27/07/2009, 22:10
Località: Campobasso

Messaggiodi Ricercatore77 » 10/01/2011, 23:47

malcom11 ha scritto:
lorenzo74 ha scritto: ma a mente fredda trovo piu' incredibile che fino a poco tempo fa' avrei giudicato giuste queste disposizioni! :test: :test:

Ecco uno dei tanti motivi per cui questo culto, che per i non informati risulta innocuo, è deleterio per chi lo "ha subito"!!!


WTS, se la conosci, la eviti!

Immagine



:quoto100: :quoto100: :quoto100:
Avatar utente
Ricercatore77
Nuovo Utente
 
Messaggi: 167
Iscritto il: 31/10/2010, 16:27

Messaggiodi ..Anna.. » 10/01/2011, 23:52

Ricercatore77

Cara Anna,
non sò se tu sei mai stata Tdg (scusami ma non è da tanto che frequento il forum e non ricordo bene), ma ti assicuro che finché vedi le cose da Tdg, non vedi la realtà, ma vedi solo quello che il CD vuol farti vedere.


Formalmente no. Perchè non mi sono mai battezzata.

Ho litigato in casa con i miei parenti "increduli". Non ho partecipato alle loro feste, compleanni, matrimoni, non ho ripreso gli studi che avevo interrotto, aspettavo la fine anche con un certo senso di godimento, ho addirittura firmato per non farmi trasfondere nemmeno in caso di morte quando stavo per partorire con cesareo, bla bla e bla.
Per tanti anni. So come pensavo, quanta parte di me era sotto "condizionamento" (non tutta grazie a Dio) e so come per lungo tempo sono stata quasi cieca.

Sono consapevole che chi si sente dare del carnefice si possa risentire.
Tuttavia non mi concedo attenuanti per quello che ho fatto in quegli anni e per gli sconvolgimenti che ho portato in famiglia.
Non mi sono mai giustificata dicendo che ero vittima.

Al contrario.
MI sono presa le mie responsabilità, con i miei, con il marito, col bimbo, ho chiesto scusa e mi sono definita come era giusto. Non vittima ma colpevole per quello che ho fatto, detto e pensato.. E se devo essere sincera ho aggiunto anche stupida per aver delegato altri a pensare al mio posto.


Non stò scrivendo per giustificare,ma solo per far capire a chi non c'è mai passato cheil più delle volte il TdG singolo non è cosciente di quello che stà pensando o facendo.


Può darsi ma un po' ne dubito. Direi che ne è parzialmente consapevole e pensa e agisce credendosi nel giusto e forse cacciando indietro qualche dubbietto che ogni tanto assale. Ma questo non giustifica.

Ora per me è come vedere un mondo nuovo, ma poi ci ragiono e mi accorgo che lo stò solo guardando da un altro punto di vista.


Se ti sei risvegliato suppongo che nel tempo hai nutrito dei dubbi, che hai imparato a controllare e/o ignorare e che alla fine hanno preso il sopravvento e ti hanno aperto gli occhi. Per fortuna.
..Anna..
 

Messaggiodi Ricercatore77 » 11/01/2011, 1:04

..Anna.. ha scritto:
Ricercatore77

Cara Anna,
non sò se tu sei mai stata Tdg (scusami ma non è da tanto che frequento il forum e non ricordo bene), ma ti assicuro che finché vedi le cose da Tdg, non vedi la realtà, ma vedi solo quello che il CD vuol farti vedere.


Formalmente no. Perchè non mi sono mai battezzata.

Ho litigato in casa con i miei parenti "increduli". Non ho partecipato alle loro feste, compleanni, matrimoni, non ho ripreso gli studi che avevo interrotto, aspettavo la fine anche con un certo senso di godimento, ho addirittura firmato per non farmi trasfondere nemmeno in caso di morte quando stavo per partorire con cesareo, bla bla e bla.
Per tanti anni. So come pensavo, quanta parte di me era sotto "condizionamento" (non tutta grazie a Dio) e so come per lungo tempo sono stata quasi cieca.

Sono consapevole che chi si sente dare del carnefice si possa risentire.
Tuttavia non mi concedo attenuanti per quello che ho fatto in quegli anni e per gli sconvolgimenti che ho portato in famiglia.
Non mi sono mai giustificata dicendo che ero vittima.

Al contrario.
MI sono presa le mie responsabilità, con i miei, con il marito, col bimbo, ho chiesto scusa e mi sono definita come era giusto. Non vittima ma colpevole per quello che ho fatto, detto e pensato.. E se devo essere sincera ho aggiunto anche stupida per aver delegato altri a pensare al mio posto.


Non stò scrivendo per giustificare,ma solo per far capire a chi non c'è mai passato cheil più delle volte il TdG singolo non è cosciente di quello che stà pensando o facendo.


Può darsi ma un po' ne dubito. Direi che ne è parzialmente consapevole e pensa e agisce credendosi nel giusto e forse cacciando indietro qualche dubbietto che ogni tanto assale. Ma questo non giustifica.

Ora per me è come vedere un mondo nuovo, ma poi ci ragiono e mi accorgo che lo stò solo guardando da un altro punto di vista.


Se ti sei risvegliato suppongo che nel tempo hai nutrito dei dubbi, che hai imparato a controllare e/o ignorare e che alla fine hanno preso il sopravvento e ti hanno aperto gli occhi. Per fortuna.



Non voglio mettere in dubbio quello che tu dici Anna, ma solo spiegarti che per me è stato un po' diverso (un giorno poi mi deciderò a scrivere la mia esperienza personale) in quanto sono nato in una famiglia di TdG. Tutto quello che ho conosciuto in ambito religioso (e a volte non solo religioso) ruotava attorno alla WTS. Per me quello che mi avevano insegnato mio padre e mia madre era la sacrosanta verità. E ci credevo, nonostante non è che mi siano mai piaciute le restrizioni che qusta comportava. Poi un bel giorno ho avuto un comitato giudiziario tenuto con "molto amore" e soprattutto con una giustizia tutt'altro che divina. Da lì è vero che gli occhi hanno iniziato ad aprirsi anche se in modo molto graduale. Poi nel corso degli anni ho avuto modo di vedere molte ingiustizie all'interno della congregazione e tutto questo, insieme a molte altre mi hanno spinto ad andare più a fondo. Ma avendo genitori e altri parenti nella verità, non era sempre possibile avere dubbi. In seguito mi sono anche sposato con una TdG e fino a quando anche lei non ci ha sbattuto la faccia personalmente e non ha troato quel qualcosa che in lei ha fatto scattare la scintilla, io non sono stato libero di potermi esprimere al riguardo. Ora, fortunatamente, con lei ne posso parlare apertamente ed abbiamo una visione reale della cosa.
A me hanno rovinato gran parte della vita, ma ho fatto tutto pesnando di fare la cosa giusta nei confronti di Dio. Ora tutto questo ha scatenato in me un odio verso quella setta che tu non puoi neanche immaginare. Adesso mi trovo in un periodo di stallo in cui non sò se riesco più a credere che ci sia un Dio, o nel caso affermativo se sia veramente un dio che ha a cuore il nostro benessere o se il Dio che pensiamo esista non sia altro che un'entità superiore non ben definita o solamente una nostra immaginazione dove poter dare una spieazione a ciò che ancora non è spiegabile. Scusa la confusione, ma né ho molta in testa.
Ecco perché quando dico che quella era la sola realtà che vedevo non è per giustificarmi o perché mi sono risentito della definizione "carnefice".
Spero di aver reso l'idea di come sono stato per molti lungi anni.
:fiori:
Avatar utente
Ricercatore77
Nuovo Utente
 
Messaggi: 167
Iscritto il: 31/10/2010, 16:27

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 11/01/2011, 7:02

Ricercatore77 ha scritto: che quella era la sola realtà che vedevo

Questa è la differenza tra vittima e carnefice, poichè fino a che non si è consapevoli che esistono altre realtà, non vi può essere colpa.
Mentre chi obbliga altri ad una sola realtà, quella che ottempera ai propri ''bisogni'', quello è il carnefice.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi zeus10 » 11/01/2011, 7:53

Anche io la penso come te Anna.Ognuno è dotato di un cervello ed è responsabile di come lo usa.Il fatto che molti decidano che debbano essere altri ad usarlo al posto loro,non può essere una giustificazione.
D'altra parte sono loro stessi che in predicazione ricordano alle persone che si raccoglie quello che si semina........
Oppure che i veri cristiani si riconoscono dalle loro azioni........
Ho deciso di usare lo stesso metro di misura che usano loro per giudicare le "persone del mondo",nel giudicare i loro comportamenti.
Ho applicato questo principio a tutti:quelli che fino a poco prima che non frequentassi più la congregazione mi chiamavano "fratello",o "amico mio" e addirittura ai miei familiari.Il risultato è stato drammatico.
Dei "fratelli",non c'è neanche più l'ombra.No problem.
Riguardo i familiari,beh se un padre arriva al punto di non accettare una conversazione con suo figlio,un semplice scambio di punti di vista fra persone intelligenti,solo perchè questa,a prescindere,potrebbe mettere in dubbio la sua fede,allora è evidente che la situazione è grave.Anche questa è un azione,tra l'altro eccessiva e strana per coloro che spesso vanno in giro a parlare alle persone del cristianesimo e dell'importanza di approfondire la loro conoscenza.Comunque sia,è una scelta consapevole e prevede delle conseguenze.Come tutto quello che facciamo nella nostra vita.Purtroppo in questo caso,tristi conseguenze,perchè non parlo con mio padre da 7 mesi.Qualcuno mi aveva detto:"Fai finta di niente e sopportalo".Non ci sono riuscito per una questione di coerenza.
L'amore fra familiari deve essere dimostrato con i fatti non con le parole,e dovrebbe essere la cosa più importante di tutte.
:ciao:
‘Peggio che dire una menzogna è passare tutta la vita rimanendo fedeli ad una menzogna.’
Robert Brault.
Avatar utente
zeus10
Utente Senior
 
Messaggi: 606
Iscritto il: 21/09/2009, 6:52
Località: italia

Messaggiodi daniela47 » 11/01/2011, 11:53

zeus10 ha scritto:Anche io la penso come te Anna.Ognuno è dotato di un cervello ed è responsabile di come lo usa.Il fatto che molti decidano che debbano essere altri ad usarlo al posto loro,non può essere una giustificazione.
D'altra parte sono loro stessi che in predicazione ricordano alle persone che si raccoglie quello che si semina........
Oppure che i veri cristiani si riconoscono dalle loro azioni........
Ho deciso di usare lo stesso metro di misura che usano loro per giudicare le "persone del mondo",nel giudicare i loro comportamenti.
Ho applicato questo principio a tutti:quelli che fino a poco prima che non frequentassi più la congregazione mi chiamavano "fratello",o "amico mio" e addirittura ai miei familiari.Il risultato è stato drammatico.
Dei "fratelli",non c'è neanche più l'ombra.No problem.
Riguardo i familiari,beh se un padre arriva al punto di non accettare una conversazione con suo figlio,un semplice scambio di punti di vista fra persone intelligenti,solo perchè questa,a prescindere,potrebbe mettere in dubbio la sua fede,allora è evidente che la situazione è grave.Anche questa è un azione,tra l'altro eccessiva e strana per coloro che spesso vanno in giro a parlare alle persone del cristianesimo e dell'importanza di approfondire la loro conoscenza.Comunque sia,è una scelta consapevole e prevede delle conseguenze.Come tutto quello che facciamo nella nostra vita.Purtroppo in questo caso,tristi conseguenze,perchè non parlo con mio padre da 7 mesi.Qualcuno mi aveva detto:"Fai finta di niente e sopportalo".Non ci sono riuscito per una questione di coerenza.
L'amore fra familiari deve essere dimostrato con i fatti non con le parole,e dovrebbe essere la cosa più importante di tutte.
:ciao:


Hai fatto una giusta ed equilbrata riflessione, che condivido in pieno.
Ancor di più mi sento molto vicina alla tua ultima frase:
"L'amore fra familiari deve essere dimostrato con i fatti non con le parole, e dovrbbe essere la cosa più importante di tutte."

Se si pensa come LORO riescono a stravolgere sentimenti naturali, come l'amore per un figlio o l'amore per un genitore, viene sempre di più il desiderio di FARLI CONOSCERE PER QUELLO CHE SEMINANO.
Avatar utente
daniela47
Utente Gold
 
Messaggi: 5436
Iscritto il: 16/07/2009, 18:38

Messaggiodi Cristianalibera » 11/01/2011, 13:29

Gabry scrive:
Questo è lo stesso problema morale che si sono trovati di fronte i giudici che valutarono i reati degli ufficiali SS. Ufficiali che dichiaravano di eseguire degli ordini. Ordini che se non eseguiti avrebbero portato conseguenze. Ovviamente questi ufficiali vennero tutti condannati.
Il "Sommo carnefice" ci sarà sempre finchè ci saranno "gli esecutori". Esecutori che sono colpevoli quanto chi comanda.


Bravo Gabry, altra domanda... chi è in realtà il "colpevole" delle guerre, solo i comandanti i soldati semplici, oppure
Colui che ha inventati armi come la pallottola o coloro che in fabbrica stanno alla catena di montaggio per costruirli?

Il problema però dei tdG è che credono che questo sia la volontà di Dio, scusa sulla quale certamente né i nazisti né i soldato che li seguivano e ne l'inventore della pallottola o i sui fabbricanti si possono in qualche modo appoggiare.
Cristianalibera
 

Messaggiodi Cristianalibera » 11/01/2011, 13:39

malcom11 ha scritto:
lorenzo74 ha scritto: ma a mente fredda trovo piu' incredibile che fino a poco tempo fa' avrei giudicato giuste queste disposizioni! :test: :test:

Ecco uno dei tanti motivi per cui questo culto, che per i non informati risulta innocuo, è deleterio per chi lo "ha subito"!!!


WTS, se la conosci, la eviti!

Immagine


malcolm, credo che nessuno abbia capito quel tuo sottile filo d'ironia!

:risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata:
Cristianalibera
 

Messaggiodi ..Anna.. » 11/01/2011, 13:42

Cristianalibera ha scritto:
Il problema però dei tdG è che credono che questo sia la volontà di Dio, scusa sulla quale certamente né i nazisti né i soldato che li seguivano e ne l'inventore della pallottola o i sui fabbricanti si possono in qualche modo appoggiare.


Scusa sulla quale si appoggiano anche gli attentatori dell'11 settembre.

O coloro che lapidano le donne e praticano l'infibulazione...

Lasciamogli fare la "volontà di Dio" allora...
..Anna..
 

Messaggiodi Aquarivs » 11/01/2011, 14:01

..Anna.. ha scritto:
Cristianalibera ha scritto:
Il problema però dei tdG è che credono che questo sia la volontà di Dio, scusa sulla quale certamente né i nazisti né i soldato che li seguivano e ne l'inventore della pallottola o i sui fabbricanti si possono in qualche modo appoggiare.


Scusa sulla quale si appoggiano anche gli attentatori dell'11 settembre.

O coloro che lapidano le donne e praticano l'infibulazione...

Lasciamogli fare la "volontà di Dio" allora...


Nel caso dell'11 Settembre altro che dio.. lì operava il bravo ingegnere demolitore con apposite cariche innescate a dovere.
Aquarivs
 

Purtroppo.....

Messaggiodi Viandante » 11/01/2011, 15:30

dal momento che si instilla nei fratelli che Dio parla per mezzo dello SFD e del CD è ovvio che chiunque voglia piacere a Dio reputa tali "comportamenti" come provenienti da Dio e pertanto come una protezione per poter piacere a Dio.

Questo è il male della WT e delle religioni in genere che, chi più chi meno, dice di rappresentare Cristo e Dio in terra o esserne dei portavoci.

Una volta che cadono queste convinzioni si vedono le cose in maniera diversa.
Saluti
Viandante



"L'unica rivoluzione possibile è quella interiore..."
Viandante
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1030
Iscritto il: 23/09/2009, 18:40

Messaggiodi The Red Baron » 11/01/2011, 15:33

Vado matto per le circolari!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

perchè non fare un Post dove metterle tutte!?!?!?!
Ci sono due tipi di sciocchi, chi non ha dubbi, chi dubita di tutto
entrambi sono dispensati dal pensare

Bella la Democrazia, così bella che ha messo a morte il Cristo e liberato Barabba!
Avatar utente
The Red Baron
Utente Senior
 
Messaggi: 734
Iscritto il: 22/09/2009, 12:37

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 11/01/2011, 15:36

reny2000 ha scritto:Questo è il male della WT e delle religioni in genere che, chi più chi meno, dice di rappresentare Cristo e Dio in terra o esserne dei portavoci.

Una volta che cadono queste convinzioni si vedono le cose in maniera diversa.

Ma non si tratta di convinzioni nella WTS, tutto è dogma e come tale va rispettato.
Nelle altre religioni, posso tranquillamente dissentire da quel che dice la chiesa ed essere comunque un bravo fedele, senza coercizioni o ricatti di sorta.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi Viandante » 11/01/2011, 15:44

Gabriella Prosperi ha scritto:
reny2000 ha scritto:Questo è il male della WT e delle religioni in genere che, chi più chi meno, dice di rappresentare Cristo e Dio in terra o esserne dei portavoci.

Una volta che cadono queste convinzioni si vedono le cose in maniera diversa.

Ma non si tratta di convinzioni nella WTS, tutto è dogma e come tale va rispettato.


Fin tanto chè si tratta di dogma sono daccordo ma quando la si propina come verità le cose cambiano.

Inoltre ci può essere senza ombra di dubbio una religione che interpreta le cose in questo senso. D'altronde è ovvio se so che quella è la verità, interpretazioni comprese, ne va di conseguenza che il non seguire tale verità ti pone in contrasto con essa, da qui le coercizioni......
Saluti
Viandante



"L'unica rivoluzione possibile è quella interiore..."
Viandante
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1030
Iscritto il: 23/09/2009, 18:40

Messaggiodi ..Anna.. » 11/01/2011, 16:11

reny2000 ha scritto:
Inoltre ci può essere senza ombra di dubbio una religione che interpreta le cose in questo senso. D'altronde è ovvio se so che quella è la verità, interpretazioni comprese, ne va di conseguenza che il non seguire tale verità ti pone in contrasto con essa, da qui le coercizioni......


Sono d'accordo fino al "ti pone in contrasto con essa"...

Le coercizioni vanno oltre.
..Anna..
 

Messaggiodi sconvolta » 11/01/2011, 17:17

Per Ricercatore 77 : hai reso perfettamente l'idea,ti sono vicina :carezza: :fiori e bacio: :strettamano: :ciao:
I principi di Brooklyn non possiedono la verità:questa è la causa reale che li ha costretti, e li costringe anche ora,a ritrattare continuamente ciò che hanno proclamato ieri o decine di anni addietro,come verità biblica e divina. (Gunther Pape)
Presentazione
Avatar utente
sconvolta
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1718
Iscritto il: 07/07/2010, 22:50

Messaggiodi sconvolta » 11/01/2011, 17:43

malcom11 ha scritto:
lorenzo74 ha scritto: ma a mente fredda trovo piu' incredibile che fino a poco tempo fa' avrei giudicato giuste queste disposizioni! :test: :test:

Ecco uno dei tanti motivi per cui questo culto, che per i non informati risulta innocuo, è deleterio per chi lo "ha subito"!!!


WTS, se la conosci, la eviti!

Immagine
:quoto100: :quoto100: :quoto100: :quoto100: :quoto100: :quoto100:... :senzaparole: ..........
I principi di Brooklyn non possiedono la verità:questa è la causa reale che li ha costretti, e li costringe anche ora,a ritrattare continuamente ciò che hanno proclamato ieri o decine di anni addietro,come verità biblica e divina. (Gunther Pape)
Presentazione
Avatar utente
sconvolta
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1718
Iscritto il: 07/07/2010, 22:50

Messaggiodi Cristianalibera » 11/01/2011, 18:49

..Anna.. ha scritto:
Cristianalibera ha scritto:
Il problema però dei tdG è che credono che questo sia la volontà di Dio, scusa sulla quale certamente né i nazisti né i soldato che li seguivano e ne l'inventore della pallottola o i sui fabbricanti si possono in qualche modo appoggiare.


Scusa sulla quale si appoggiano anche gli attentatori dell'11 settembre.


Certo anche loro potrebberò appoggiarsi su questa "scusa..." se con tutto il cuore hanno creduto che Dio voleva questo da loro e che si sarebberò guadagnato il paradiso , credo che il buon Dio qualche attenuante li darà, "scusa attenuante" che certo non si potra dare sui nazisti agguzzini e i soldati che li seguivano come colui che invento la pallottola o la fabbrica, certo non potrebbe dire di aver creduto di fare la volontà di Dio.

O coloro che lapidano le donne e praticano l'infibulazione...


Anche qui si non si tratta di credere di fare la volontà di Dio.

Lasciamogli fare la "volontà di Dio" allora...


contenta tu..
Cristianalibera
 

Messaggiodi malcom11 » 11/01/2011, 19:27

Cristianalibera ha scritto:
malcom11 ha scritto:
, è deleterio per chi lo "ha subito"!!!

Immagine

malcolm, credo che nessuno abbia capito quel tuo sottile filo d'ironia!
:risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata:

Per me, anche se l'avessi capito solo tu, mi basta... ma so che non è così... io, nell'ironia sottile, ci sguazzo!! :ciao:
I 'nuovi intendimenti' sono le 'toppe' che lo schiavo mette sui tessuti lacerati dei loro errori.(ryuzaky77)
Presentazione
Avatar utente
malcom11
Utente Senior
 
Messaggi: 740
Iscritto il: 27/07/2009, 22:10
Località: Campobasso

Messaggiodi Ricercatore77 » 11/01/2011, 22:14

sconvolta ha scritto:Per Ricercatore 77 : hai reso perfettamente l'idea,ti sono vicina :carezza: :fiori e bacio: :strettamano: :ciao:



:strettamano: :grazie:
E' bello sapere che qualcuno capisce ciò che si prova.
:ciao:
Avatar utente
Ricercatore77
Nuovo Utente
 
Messaggi: 167
Iscritto il: 31/10/2010, 16:27

Messaggiodi Anam » 12/01/2011, 9:34

..Anna.. ha scritto:"potrebbe portare a conseguenze tragiche e perfino recare biasimo alla congregazione."

Perfino???????

Sicché il recare biasimo, con quel perfino messo prima per far risaltare la frase, sarebbe peggiore delle conseguenze tragiche?

Chi ha scritto questo testo è davvero fuori di testa. Completamente andato, pericolosissimo.

Questi "signori" hanno davvero toccato il fondo e non contenti dello stato di profonda alterazione mentale in cui si trovano stanno cominciando a raschiare il pavimento.

Ancora una volta lo schifo profondo mi pervade.

Se qualcuno dei de-trattori trova le mie parole un po' troppo forti che mi faccia causa.

Sarò contenta di fornirgli privatamente i miei dati, nonché i nomitativi di qualche bravo psichiatra.


:appl: :quoto100:
Questa lettera si commenta da sola...
Avatar utente
Anam
Utente Junior
 
Messaggi: 224
Iscritto il: 17/07/2009, 10:23

Altroché ammorbidire. Qui si irrigidiscono sempre di più

Messaggiodi marcos » 12/01/2011, 11:49

qualcuno mi aveva detto che la wts forse cambiava atteggiamento sui disassociati, invece ...poveri ex. preghiamo che i tdg aprono gli occhi e vedano la realtà. noi ci siamo riusciti!!!
come possono scrivere queste cose.... se un familiare decide di ospitare un disassociato è sua responsabilità e sicuramente non vede nessun pericolo nel manifestare benignità.
chi sono questi che dettano leggi al fine di mostrare amore??????????? io dico che è anticristo o uomo dell'illegalità.. in quando rinnega lo scopo per cui Gesù è venuto
:help:






Diodati9:13 Io voglio misericordia, e non sacrifizio; perciocchè io non son venuto per chiamare a ravvedimento i giusti, anzi i peccatori.
Riveduta9:13 Or andate e imparate che cosa significhi: Voglio misericordia, e non sacrifizio; poiché io non son venuto a chiamar de’ giusti, ma dei peccatori.
Nuova Riveduta 9:13 Ora andate e imparate che cosa significhi: Voglio misericordia e non sacrificio; poiché io non sono venuto a chiamar dei giusti, ma dei peccatori».
Nuova Diodati9:13 Or andate e imparate che cosa significa: "Io voglio misericordia e non sacrificio”. Perché io non sono venuto per chiamare a ravvedimento i giusti, ma i peccatori».
Avatar utente
marcos
Utente Junior
 
Messaggi: 282
Iscritto il: 25/09/2009, 7:29

Messaggiodi Andrea Cinel » 12/01/2011, 18:24

Cambiamo quella frase di Franz allora e diamogli il giusto senso, il giusto spessore e la giusta rsponsabilità.
Non vittime di vittime ma carnefici di carnefici.

Questa è assunzione di responsabilità. Non più la giustificazione di un comportamento sbagliato perpetrato per anni ingoiando i dubbi e spegnendo volontariamente qualsiasi senso critico per seguire i capi. Ed è giusto dirlo senza concedere attenuanti. La verità è che chi detiene il controllo ha perso il controllo di se stesso.


Comprendo le tue parole se provo a vedere le cose dal tuo stesso punto di vista. Ma non riesco ad essere completamente daccordo con te. Perché l'uso dell'espressione "vittima di vittima" non implica il voler condonare ciò che si è fatto. Ma fra giustificazione e condono vi è una bella differenza.
Essere stati vittime di vittime non ci esenta affatto dalle responsabilità. Ed è ovvio che i gradi di responsabilità differiscono anche in base alla posizione assunta. Il mandatario e l'esecutore di un atto criminoso sono entrambi responsabili, ma in modo e in misura diversi.
Nel caso della WTS perfino coloro che siedono ai vertici di questa organizzazione sono vittime di un loro pensiero contorto e perverso. Lo dici anche tu con l'espressione "chi detiene il controllo ha perso il controllo di se stesso". E' solo un altro modo per esprimere lo stesso concetto biblico dell'"uomo che domina l'uomo a suo danno".
Ma il termine carnefice mi sembra eccessivo, perché prevede la preterintenzionalità, cosa vera solo per alcuni testimoni di Geova, e non per la maggioranza di loro. Anch'io, da testimone di Geova, ho detto e fatto cose di cui ora mi vergogno. Ma le ho fatte nella convinzione di fare la "volontà di Dio". Non conoscevo altro. Non avevo ancora la possibilità di fare un confronto. Altri, pur cominciando a comprendere, non trovano il coraggio di dare voce alla propria coscienza perché inchiodati dal ricatto psicologico a cui sono sottoposti. E' una questione di tempo, e ognuno ha il suo. Dobbiamo imparare a rispettare gli altri concedendo loro il tempo di cui hanno bisogno per comprendere e fare i passi necessari.
Ho pagato il mio essere stato un testimone di Geova. Ho pagato anche per altre scelte fatte, e ho sempre accettato le conseguenze. Non mi sono lamentato per questo. E sono daccordo con te che non dobbiamo usare il passato come un paravento utile a condonare ciò che si è fatto, anche se da inconsapevoli. Ma non si può non concedere attenuanti, perché significherebbe vivere dimenticando la misericordia, la compassione e la clemenza.
Andrea Cinel
 

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 12/01/2011, 18:37

Andrea Cinel ha scritto:Comprendo le tue parole se provo a vedere le cose dal tuo stesso punto di vista. Ma non riesco ad essere completamente daccordo con te. Perché l'uso dell'espressione "vittima di vittima" non implica il voler condonare ciò che si è fatto. Ma fra giustificazione e condono vi è una bella differenza.
Essere stati vittime di vittime non ci esenta affatto dalle responsabilità. Ed è ovvio che i gradi di responsabilità differiscono anche in base alla posizione assunta. Il mandatario e l'esecutore di un atto criminoso sono entrambi responsabili, ma in modo e in misura diversi.
Nel caso della WTS perfino coloro che siedono ai vertici di questa organizzazione sono vittime di un loro pensiero contorto e perverso. Lo dici anche tu con l'espressione "chi detiene il controllo ha perso il controllo di se stesso". E' solo un altro modo per esprimere lo stesso concetto biblico dell'"uomo che domina l'uomo a suo danno".
Ma il termine carnefice mi sembra eccessivo, perché prevede la preterintenzionalità, cosa vera solo per alcuni testimoni di Geova, e non per la maggioranza di loro. Anch'io, da testimone di Geova, ho detto e fatto cose di cui ora mi vergogno. Ma le ho fatte nella convinzione di fare la "volontà di Dio". Non conoscevo altro. Non avevo ancora la possibilità di fare un confronto. Altri, pur cominciando a comprendere, non trovano il coraggio di dare voce alla propria coscienza perché inchiodati dal ricatto psicologico a cui sono sottoposti. E' una questione di tempo, e ognuno ha il suo. Dobbiamo imparare a rispettare gli altri concedendo loro il tempo di cui hanno bisogno per comprendere e fare i passi necessari.
Ho pagato il mio essere stato un testimone di Geova. Ho pagato anche per altre scelte fatte, e ho sempre accettato le conseguenze. Non mi sono lamentato per questo. E sono daccordo con te che non dobbiamo usare il passato come un paravento utile a condonare ciò che si è fatto, anche se da inconsapevoli. Ma non si può non concedere attenuanti, perché significherebbe vivere dimenticando la misericordia, la compassione e la clemenza.

Quoto tutto il tuo pensiero in più aggiungo che il maggior atto di assunzione di responsabilità lo compie chi decide d'uscire dal culto e rivedere in toto la propria vita, subendo coscientemente tutte le coercizioni connesse.
Non aggiungiamo al suo fardello anche i sensi di colpa per aver ottemperato a ciò che credeva vero.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi ..Anna.. » 12/01/2011, 21:12

Gabriella Prosperi ha scritto:
Andrea Cinel ha scritto: Ma non si può non concedere attenuanti, perché significherebbe vivere dimenticando la misericordia, la compassione e la clemenza.


Non aggiungiamo al suo fardello anche i sensi di colpa per aver ottemperato a ciò che credeva vero.
Gabriella


Sono le vostre opinioni e le rispetto.

Ma per quanto mi riguarda Non sono Dio e nemmeno ci provo ad "imitarlo", ci sono cose che personalmente non riuscirei mai a perdonare.

Tra l'altro non sono e non sarò mai una buonista a prescindere, tutto dipende da quanto grave e/o irreparabile è ciò che una persona commette.
La morte per esempio. Questa è una delle cose che non potrei mai perdonare.
..Anna..
 

Messaggiodi Aquarivs » 13/01/2011, 9:31

..Anna.. ha scritto:
Gabriella Prosperi ha scritto:
Andrea Cinel ha scritto: Ma non si può non concedere attenuanti, perché significherebbe vivere dimenticando la misericordia, la compassione e la clemenza.


Non aggiungiamo al suo fardello anche i sensi di colpa per aver ottemperato a ciò che credeva vero.
Gabriella


Sono le vostre opinioni e le rispetto.

Ma per quanto mi riguarda Non sono Dio e nemmeno ci provo ad "imitarlo", ci sono cose che personalmente non riuscirei mai a perdonare.

Tra l'altro non sono e non sarò mai una buonista a prescindere, tutto dipende da quanto grave e/o irreparabile è ciò che una persona commette.
La morte per esempio. Questa è una delle cose che non potrei mai perdonare.


Così come ci sono cose che non riuscirei mai a perdonarmi. Tra queste l'aver fatto del male a qualcun'altro (anche se senza rendermen conto). Le colpe non sono solo quelle coscienti.
Vi pongo un esempio: Qualche anno dopo essere uscito dai tdg mia sorella mi fece leggere una lettera che io stesso le avevo scritto quando lei era diventata inattiva (che benché lei si fosse dissociata dopo di me, già "perdeva colpi" da tempo). Vi dico che quella lettare sembrava che non l'avessi scritta nemmeno io. Stavo lì a chiderle di tornare, di credere nella misericordia di geova e tante altre mink*ate.. Non ero stato molto duro perché non lo sono mai stato nella mia vita, ma di certo quello non ero io! Nonostante ciò me ne assumo le responsabilità. Perché sono io ad averlo fatto. E di questo avevo la mia personale colpa.
Aquarivs
 

Messaggiodi daniela47 » 13/01/2011, 9:44

Caro Aquarius

Sono contenta di apprendere che anche tua sorella si è dissociata.
Almeno una barriera è stata abbattuta.
Avatar utente
daniela47
Utente Gold
 
Messaggi: 5436
Iscritto il: 16/07/2009, 18:38

proposta

Messaggiodi Patrizia-B » 16/01/2011, 17:13

si potrebbe spedire a TVSei in risposta alla lettera inviata dagli avvocati dei tdg in merito all'ostracismo o si viola qualche norma?
Patrizia-B
Utente Junior
 
Messaggi: 372
Iscritto il: 02/01/2011, 17:30

PrecedenteProssimo

Torna a Forum principale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici