Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

HO ACCUSATO MIA MAMMA DI OSTRACISMO

In questo spazio si discute di argomenti di vario genere relativi ai Testimoni di Geova e che non sono inclusi nelle altre sezioni

Moderatore: Cogitabonda

HO ACCUSATO MIA MAMMA DI OSTRACISMO

Messaggiodi rachele1 » 06/05/2011, 8:19

Ho accusato mia mamma di ostracismo e lei per tutta risposta mi ha fatto un sorriso molto ironico dicendomi che certo che mi fa ostracismo e che me lo merito e che ho la A (lettera scarlatta che identificava l'adulterio, ma che c'entro io con l' adulterio??mah...forse mamma ha visto troppi film o letto troppi libri). poi in sua assenza squilla il telefono di casa e ovviamente rispondo...dall' altra parte sento un' imbarazzatissima voce che pronuncia il nome di mia mamma come se se presentarsi e dire magari buonasera fosse commettere peccato...io dico che mia mamma rientrerà da li a poco e sento riagganciare....mah!!!!
appena è rientrata mamma le ho detto che questa è anche casa mia e che esigo rispetto da chi telefona o entra in casa e che certi atteggiamenti sono inpensabili.
lei ha detto: ma tirendi conto come deve sentirsi chi ti ha vista nascere?
e io: perchè? ho qualche malattia? sto morendo?
e lei: si te sei malata
a qual punto (dato che non ho un bellissimo carattere) le ho buttato la qualche insulto e ho preferito andarmene per non peggiorare la situazione
mi sento come l'araba fenice...risorgo dalle mie ceneri
rachele1
Nuovo Utente
 
Messaggi: 84
Iscritto il: 03/05/2011, 16:06

Messaggiodi Aquarivs » 06/05/2011, 8:21

V A T T E N E E E E
Aquarivs
 

Messaggiodi nelly24 » 06/05/2011, 8:28

rachele1 ha scritto:Ho accusato mia mamma di ostracismo........

:piange: :piange: :piange: :piange: :carezza: :carezza: :carezza: :bacino: Rachele, non ho parole :test: :test: :test:
«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»
C'è una forza motrice più forte del vapore, dell'elettricità e dell'energia atomica: la volontà.Albert Einstein
"Mi piacciono le persone che....no, niente. Mi piacciono gli animali"

Presentazione
Avatar utente
nelly24
Moderatore
 
Messaggi: 4579
Iscritto il: 11/12/2009, 20:53
Località: Slovenia

Messaggiodi pulcino1972 » 06/05/2011, 9:58

Cara rachele1, non conosco esattamente la tua situazione, a parte il fatto che si intuisce che sei stata disassociata, almeno così sembra. So che è facile parlare essendo distaccati, ma se posso darti un mio modesto parere, se puoi farlo vai a vivere altrove, non restare li ancora. Se puoi farlo ovviamente. Atrimenti datti da fare per metterti in condizione di poterlo fare. La libertà non ha prezzo, non lo ha nemmeno l'arrivare a casa e non doversi sentire additare pessimamente.
pulcino1972
Nuovo Utente
 
Messaggi: 119
Iscritto il: 01/05/2011, 22:00

Messaggiodi rachele1 » 06/05/2011, 10:05

pulcino1972 ha scritto:Cara rachele1, non conosco esattamente la tua situazione, a parte il fatto che si intuisce che sei stata disassociata, almeno così sembra. So che è facile parlare essendo distaccati, ma se posso darti un mio modesto parere, se puoi farlo vai a vivere altrove, non restare li ancora. Se puoi farlo ovviamente. Atrimenti datti da fare per metterti in condizione di poterlo fare. La libertà non ha prezzo, non lo ha nemmeno l'arrivare a casa e non doversi sentire additare pessimamente.

il mio passato da tdg e mia mamma attualmente riescono a farmi vivere piea di sensi di colpa, rispondo a mia mamma e mi sento in colpa, penso di andare via e subito dopo mi sento in colpa, purtroppo questo retaggio mi è stato inculcato fin dalla nascita, avevo 5 giorni la prima volta che sono stata portata in sala.
è come se il pensare autonomamente ( a differenza di prima) produca in automatico sensi di colpa.
mi sento come l'araba fenice...risorgo dalle mie ceneri
rachele1
Nuovo Utente
 
Messaggi: 84
Iscritto il: 03/05/2011, 16:06

Messaggiodi nelly24 » 06/05/2011, 10:11

Ho vissuto con i sensi di colpa per quasi 40 anni.... (togliamo l´infanzia e gli ultimi 2 anni). :test: :test: :test: Ora basta!
«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»
C'è una forza motrice più forte del vapore, dell'elettricità e dell'energia atomica: la volontà.Albert Einstein
"Mi piacciono le persone che....no, niente. Mi piacciono gli animali"

Presentazione
Avatar utente
nelly24
Moderatore
 
Messaggi: 4579
Iscritto il: 11/12/2009, 20:53
Località: Slovenia

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 06/05/2011, 10:13

Ribadisco quel che ti ho scritto altrove: vai via.
Non so se sei in grado di mantenerti, ma qualunque lavoro ti si prospetti, accettalo e metti distanza tra te e i tuoi.
Nello stato d°animo in cui sei, ogni permanenza significa esporti a sensi di colpa e discussioni inutili e non avvicina certo la tua guarigione.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi rachele1 » 06/05/2011, 10:17

è difficile liberarsi dai sensi di colpa, è quasi un anno che vado da una psicologa, mi ha aiutata molto, ma la strada è lunghissima e piena di buche
mi sento come l'araba fenice...risorgo dalle mie ceneri
rachele1
Nuovo Utente
 
Messaggi: 84
Iscritto il: 03/05/2011, 16:06

Messaggiodi Mario70 » 06/05/2011, 10:36

rachele1 ha scritto:è difficile liberarsi dai sensi di colpa, è quasi un anno che vado da una psicologa, mi ha aiutata molto, ma la strada è lunghissima e piena di buche


I SENSI DI COLPA LI DEVONO AVERE CHI CI OSTRACIZZA cara Rachele, non permettergli di essere ancora così potenti verso di te, non hai ucciso nessuno, sei libera di scegliere quale deve essere la tua vita, basta permettergli di farti soffrire, INDIGNATI!
Questo sarà il nostro motto da ora in poi, vedremo alla lunga chi ha ragione e chi torto.
L'era delle inquisizioni è finita, i tdg sono rimasti al medioevo è ora che si rendano conto di cosa significa amare e quali sono i diritti fondamentali dell'uomo, devi essere forte e non mostrarti debole con loro, se mostri il fianco sarai colpita, fosse anche il "fianco" psicologico.

Ciao
«Ortodossia vuol dire non pensare, non aver bisogno di pensare. Ortodossia e inconsapevolezza son la stessa cosa.»

(1984) George Orwell
Avatar utente
Mario70
Utente Gold
 
Messaggi: 6045
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

Messaggiodi 81divenire81 » 06/05/2011, 10:38

La cosa che non comprendo, ma che accomuna tutti o quasi i tdg che applicano l'ostracismo, è che se protesti, non ti spiegano in modo pacato la loro condizione, partono con tutto il loro cinismo e arroganza, infatti come evidenzi quando dici che ti ha detto le cose con un certo sorrisino...capisco che intendi perchè conosco quel modo di porsi, che poi è anche la cosa che più ti fa' inc....re dato che è come se ostentassero una determinata superiorità, fino poi a dirti che sei proprio malata.

Sarebbe interessante stilare una classifica dei risultati che questo atteggiamento comporta, ovvero quanti effettivamente rientrano per questo motivo (anche se per una motivazione ben lontana dall'amore per l'organizzazione), e quanti invece schifati, piuttosto preferirebbero crepare che tornare ad essere tdg(penso che questi ultimi siano la maggioranza).

Si potrebbe fare un sondaggio per i fuoriusciti che hanno subito ostracismo, per sapere quanti all'inizio stavano per cedere al trucco e quanti invece hanno subìto l'effetto contrario? Ovviamente se alla fine son qui a scrivere non ha avuto successo con nessuno, però sarebbe curioso sapere appena provato, quali sensazioni ha dato a queste persone.
81divenire81
Utente Junior
 
Messaggi: 277
Iscritto il: 22/12/2009, 15:55

Messaggiodi Amore e Psiche » 06/05/2011, 10:39

se posso per cosa ti hanno disassociata ?
. Il destino non invia araldi. È troppo saggio o troppo crudele per farlo. (O. Wilde)

Immagine

Immagine
Avatar utente
Amore e Psiche
Utente Master
 
Messaggi: 3846
Iscritto il: 06/12/2010, 15:30

Messaggiodi nelly24 » 06/05/2011, 10:46

Mario70 ha scritto:I SENSI DI COLPA LI DEVONO AVERE CHI CI OSTRACIZZA cara Rachele, non permettergli di essere ancora così potenti verso di te, non hai ucciso nessuno, sei libera di scegliere quale deve essere la tua vita, basta permettergli di farti soffrire, INDIGNATI!
Questo sarà il nostro motto da ora in poi, vedremo alla lunga chi ha ragione e chi torto.
L'era delle inquisizioni è finita, i tdg sono rimasti al medioevo è ora che si rendano conto di cosa significa amare e quali sono i diritti fondamentali dell'uomo, devi essere forte e non mostrarti debole con loro, se mostri il fianco sarai colpita, fosse anche il "fianco" psicologico.

:bravo: :bravo: :bravo: :quoto100: :quoto100: :quoto100:
«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»
C'è una forza motrice più forte del vapore, dell'elettricità e dell'energia atomica: la volontà.Albert Einstein
"Mi piacciono le persone che....no, niente. Mi piacciono gli animali"

Presentazione
Avatar utente
nelly24
Moderatore
 
Messaggi: 4579
Iscritto il: 11/12/2009, 20:53
Località: Slovenia

Messaggiodi Mario70 » 06/05/2011, 10:47

81divenire81 ha scritto:La cosa che non comprendo, ma che accomuna tutti o quasi i tdg che applicano l'ostracismo, è che se protesti, non ti spiegano in modo pacato la loro condizione, partono con tutto il loro cinismo e arroganza, infatti come evidenzi quando dici che ti ha detto le cose con un certo sorrisino...capisco che intendi perchè conosco quel modo di porsi, che poi è anche la cosa che più ti fa' inc....re dato che è come se ostentassero una determinata superiorità, fino poi a dirti che sei proprio malata.

Sarebbe interessante stilare una classifica dei risultati che questo atteggiamento comporta, ovvero quanti effettivamente rientrano per questo motivo (anche se per una motivazione ben lontana dall'amore per l'organizzazione), e quanti invece schifati, piuttosto preferirebbero crepare che tornare ad essere tdg(penso che questi ultimi siano la maggioranza).

Si potrebbe fare un sondaggio per i fuoriusciti che hanno subito ostracismo, per sapere quanti all'inizio stavano per cedere al trucco e quanti invece hanno subìto l'effetto contrario? Ovviamente se alla fine son qui a scrivere non ha avuto successo con nessuno, però sarebbe curioso sapere appena provato, quali sensazioni ha dato a queste persone.


La maggioranza dei disassociati lo sono per immoralità sessuale, di solito questa tipologia di tdg rimane tdg interiormente anche dopo la disassociazione e l'ostracismo ricevuto, che reputano addirittura giusto!!!
Queste persone quindi una volta che hanno risolto il loro peccato, tornano dentro supini e nel frattempo non si sono posti alcuna domanda.
Diversi sono i casi della disassociazione per "apostasia" o di dissociazione o di chi nel frattempo che è disassociato comincia a farsi un autoesame, questi possono capire che nessuno ha il diritto di ostracizzare nessuno e per questi c'è speranza...
Ciao
«Ortodossia vuol dire non pensare, non aver bisogno di pensare. Ortodossia e inconsapevolezza son la stessa cosa.»

(1984) George Orwell
Avatar utente
Mario70
Utente Gold
 
Messaggi: 6045
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

Messaggiodi pulcino1972 » 06/05/2011, 10:51

Scusa se mi permetto rachele1, ma in fondo ad ogni tuo messaggio leggo testualmente: "mi sento come l'araba fenice...risorgo dalle mie ceneri"... metti in pratica queste bellissime parole, considera il tuo passato in congregazione come cenere, erinasci a nuova vita, n on sarà certo facile, su questo concordo, ma per quanto difficile sia, è sempre meglio che questa situazione in cui ti senti in colpa per ogni cosa. Specialmente per una donna non è semplice abbandonare certi retaggi, dato che in genere siete molto condizionate all'essere dipendenti dall'uomo, almeno all'interno della sala, ma sono certo che puoi riuscire.
pulcino1972
Nuovo Utente
 
Messaggi: 119
Iscritto il: 01/05/2011, 22:00

Messaggiodi rachele1 » 06/05/2011, 10:55

Amore e Psiche ha scritto:se posso per cosa ti hanno disassociata ?

prima della disasocciazione erano ormai anni che ero insofferente a causa di tante cose che non capitvo e non accettavo a prescindere dal motivo della disassociazione. poi ho deciso che siccome non mi stava più bene tutto ciò che mi era stato insegnato e che mi veniva propinato ho deciso di "assecondarmi" e ascoltare il mio cuore.
ho la ragazza e non il ragazzo.
il fatto è che tutti pensano che sia stato questo il fattore scatenante invece erano anni che non mi stava più bene nulla di tutto ciò che vivevo da tdg.
mi sento come l'araba fenice...risorgo dalle mie ceneri
rachele1
Nuovo Utente
 
Messaggi: 84
Iscritto il: 03/05/2011, 16:06

Messaggiodi 81divenire81 » 06/05/2011, 11:07

Non sono molto d'accordo sul fatto che quelli che sono stati disassociati per immoralità rientrino nella maggioranza dei casi, anche perchè molti che conosco personalmente, e che sono stati disassociati per questo motivo, non lo hanno mai fatto. Credo che ormai molti di quelli che commettono "immoralità" lo facciano perchè stanchi di dover sottostare a determinate regole, e spesso non è per l'istinto sessuale, ma semplicemente l'aver trovato una persona fuori che li fa stare veramente bene e che magari fa aprire loro gli occhi.
Sicuramente è come dici tu, nei casi in cui è il semplice impulso sessuale a guidare la persona, ma non il sentimento.
81divenire81
Utente Junior
 
Messaggi: 277
Iscritto il: 22/12/2009, 15:55

Messaggiodi ..Anna.. » 06/05/2011, 11:13

nelly24 ha scritto:
Mario70 ha scritto:I SENSI DI COLPA LI DEVONO AVERE CHI CI OSTRACIZZA cara Rachele, non permettergli di essere ancora così potenti verso di te, non hai ucciso nessuno, sei libera di scegliere quale deve essere la tua vita, basta permettergli di farti soffrire, INDIGNATI!
Questo sarà il nostro motto da ora in poi, vedremo alla lunga chi ha ragione e chi torto.
L'era delle inquisizioni è finita, i tdg sono rimasti al medioevo è ora che si rendano conto di cosa significa amare e quali sono i diritti fondamentali dell'uomo, devi essere forte e non mostrarti debole con loro, se mostri il fianco sarai colpita, fosse anche il "fianco" psicologico.

:bravo: :bravo: :bravo: :quoto100: :quoto100: :quoto100:


mi associo al tuo quote Nelly. :sorriso:
Bravo Mario. Parole sante :appl:
..Anna..
 

Messaggiodi tartuca » 06/05/2011, 11:15

Mario70 ha scritto:
rachele1 ha scritto:è difficile liberarsi dai sensi di colpa, è quasi un anno che vado da una psicologa, mi ha aiutata molto, ma la strada è lunghissima e piena di buche


I SENSI DI COLPA LI DEVONO AVERE CHI CI OSTRACIZZA cara Rachele, non permettergli di essere ancora così potenti verso di te, non hai ucciso nessuno, sei libera di scegliere quale deve essere la tua vita, basta permettergli di farti soffrire, INDIGNATI!
Questo sarà il nostro motto da ora in poi, vedremo alla lunga chi ha ragione e chi torto.
L'era delle inquisizioni è finita, i tdg sono rimasti al medioevo è ora che si rendano conto di cosa significa amare e quali sono i diritti fondamentali dell'uomo, devi essere forte e non mostrarti debole con loro, se mostri il fianco sarai colpita, fosse anche il "fianco" psicologico.

Ciao

:quoto100: :non mollare:
Avatar utente
tartuca
Utente Senior
 
Messaggi: 720
Iscritto il: 29/09/2010, 9:05

Messaggiodi ..Anna.. » 06/05/2011, 11:22

81divenire81 ha scritto:Non sono molto d'accordo sul fatto che quelli che sono stati disassociati per immoralità rientrino nella maggioranza dei casi, anche perchè molti che conosco personalmente, e che sono stati disassociati per questo motivo, non lo hanno mai fatto.


Se anche lo avessero fatto ritengo molto più immorali coloro che rinnegano i figli per seguire le sciocchezze di un gruppetto di anziani.

Quando si tratta di persone che amo e a maggior ragione un figlio, non seguirei le direttive di nessuna persona finchè questa mangia, beve e va di corpo. Perchè si tratta di un essere umano come me e pertanto fallibile. Nemmeno se è l'autore dei testi "sacri", ispirato, non ispirato o che altro.


Dovrebbe venire Dio in persona a dirmi di allontanare mio figlio.
In quel caso forse lo farei e sottolineo il forse.

La vera immoralità delle persone non sta nella sessualità ma nella durezza del loro cuore.

Rachele se puoi vattene.
..Anna..
 

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 06/05/2011, 11:24

..Anna.. ha scritto:
81divenire81 ha scritto:Non sono molto d'accordo sul fatto che quelli che sono stati disassociati per immoralità rientrino nella maggioranza dei casi, anche perchè molti che conosco personalmente, e che sono stati disassociati per questo motivo, non lo hanno mai fatto.


Se anche lo avessero fatto ritengo molto più immorali coloro che rinnegano i figli per seguire le sciocchezze di un gruppetto di anziani.

Quando si tratta di persone che amo e a maggior ragione un figlio, non seguirei le direttive di nessuna persona finchè questa mangia, beve e va di corpo. Perchè si tratta di un essere umano come me e pertanto fallibile. Nemmeno se è l'autore dei testi "sacri", ispirato, non ispirato o che altro.


Dovrebbe venire Dio in persona a dirmi di allontanare mio figlio.
In quel caso forse lo farei e sottolineo il forse.

La vera moralità delle persone non sta nella sua sessualità ma nella durezza del suo cuore.

Rachele se puoi vattene.

Straquoto!!!! Ma son dell°opinione che non ascolterei nemmeno Dio, senza forse. :sorriso:
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi rachele1 » 06/05/2011, 11:31

il fatto è che mamma comportandosi così è convinta di redimermi (cosa che non ho intenzione di fare)...che bei modi
mi sento come l'araba fenice...risorgo dalle mie ceneri
rachele1
Nuovo Utente
 
Messaggi: 84
Iscritto il: 03/05/2011, 16:06

Messaggiodi 81divenire81 » 06/05/2011, 12:51

Purtroppo il fatto di Rachele è comune a tanti, e come ho sottolineato nel post, a dar fastidio è il modo in cui vieni trattato, non è il solo essere ostracizzato, ma il modo in cui spesso viene fatto, l'arroganza che emerge con quel loro senso d'infallibilità è tremenda. Un'infallibilità più volte finita nella turca, viste le varie profezie, il credere di non avere determinate problematiche che poi invece con il tempo sono emerse, vedi pedofilia e altro, e questo continuo ergersi a salvatori del mondo, quando in realtà con la bibbia alla mano, a quanto mi risulta il salvatore è solo uno.
E' assolutamente impossibile ragionare con persone convinte che Dio in persona ti chiedere queste cose perché gli viene insegnato a non mettere in dubbio la valenza del portatore del messaggio (vedi WT).
La decisione più giusta è si quella di andartene, ovviamente dopo aver trovato un minimo d'appoggio, altrimenti rischi di finire chissà dove, l'unica cosa che puoi fare nel tempo che passerai ancora con tua madre è fregartene, che per quanto difficile è la cosa migliore.

La telefonata è assurda..
Inoltre se ti telefonano e non si qualificano, dai del cafone alla persona di turno dicendogli che se aspettano un articolo della Torre di Guardia che spieghi cosa fare nel caso ti risponda la figlia disassociata dell'amica sorella, sono persone senza speranza sotto ogni aspetto!
81divenire81
Utente Junior
 
Messaggi: 277
Iscritto il: 22/12/2009, 15:55

Messaggiodi Naaman » 06/05/2011, 14:57

premessa: non mi permetto di giudicare nessuno anche se naturalmente da credente ho le mie convinzioni religiose sul tema dell'omosessualità...convinzioni che è inutile ribadire a quanti, avendomi letto altrove, un pò già conosce. fatta questa premessa aggiungo che in questa sede spiegare le mie convinzioni su questo tema probabilmente non sarebbe nemmeno pertinente.
ritornando in tema però mi sento di dire che in questo caso l'ostracismo geovista c''entri ben poco. credo che le cose che prova questo genitore siano cose piuttosto comuni e l'essere geovista c'entra poco o nulla. non è una prerogativa geovista vivere un certo disagio nello scoprire di avere un figlio o una figlia omosessuale. non riesco ad intravedere malafede nella madre di Rachele...e credo che i sentimenti di questo genitore vadano presi in considerazione e non giudicati. la madre di Rachele avrebbe potuto porre in essere "soluzioni" molto più sbrigative e "drammariche"...cosa che non ha fatto. in questo caso credo che questa madre si trovi ad affrontare un "carico doppio"...eppure non ha troncato del tutto i rapporti con sua figlia...cosa che avrebbe di sicuro "facilitato" la vita di una geovista attiva. ho premesso che non mi permetto di giudicare nessuno...aggiungo che non mi permetto di giudicare nemmeno questa madre...
Naaman
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1026
Iscritto il: 27/04/2011, 13:11

Messaggiodi rachele1 » 06/05/2011, 15:12

Naaman ha scritto:premessa: non mi permetto di giudicare nessuno anche se naturalmente da credente ho le mie convinzioni religiose sul tema dell'omosessualità...convinzioni che è inutile ribadire a quanti, avendomi letto altrove, un pò già conosce. fatta questa premessa aggiungo che in questa sede spiegare le mie convinzioni su questo tema probabilmente non sarebbe nemmeno pertinente.
ritornando in tema però mi sento di dire che in questo caso l'ostracismo geovista c''entri ben poco. credo che le cose che prova questo genitore siano cose piuttosto comuni e l'essere geovista c'entra poco o nulla. non è una prerogativa geovista vivere un certo disagio nello scoprire di avere un figlio o una figlia omosessuale. non riesco ad intravedere malafede nella madre di Rachele...e credo che i sentimenti di questo genitore vadano presi in considerazione e non giudicati. la madre di Rachele avrebbe potuto porre in essere "soluzioni" molto più sbrigative e "drammariche"...cosa che non ha fatto. in questo caso credo che questa madre si trovi ad affrontare un "carico doppio"...eppure non ha troncato del tutto i rapporti con sua figlia...cosa che avrebbe di sicuro "facilitato" la vita di una geovista attiva. ho premesso che non mi permetto di giudicare nessuno...aggiungo che non mi permetto di giudicare nemmeno questa madre...

più sbrigative e più drammatiche? le mie problematiche mia mamma le sapeva da anni, ma ha sempre tenuto la testa sotto la sabbia, si sa mai che ad affrontare l'argomento lo si renda più reale, invece a star zitti si esorcizza...mi rende profondamente triste sapere che molti (nella congregazione) credano che questo sia il motivo della mia disassociazione, tutto ciò è stata solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso...un vaso pieno di insegnamenti falsi e sacrifici per un qualcosa che prendendo coscienza non credevo giusto...
mi sento come l'araba fenice...risorgo dalle mie ceneri
rachele1
Nuovo Utente
 
Messaggi: 84
Iscritto il: 03/05/2011, 16:06

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 06/05/2011, 15:33

Naaman ha scritto:ritornando in tema però mi sento di dire che in questo caso l'ostracismo geovista c''entri ben poco. credo che le cose che prova questo genitore siano cose piuttosto comuni e l'essere geovista c'entra poco o nulla. non è una prerogativa geovista vivere un certo disagio nello scoprire di avere un figlio o una figlia omosessuale. non riesco ad intravedere malafede nella madre di Rachele...e credo che i sentimenti di questo genitore vadano presi in considerazione e non giudicati. la madre di Rachele avrebbe potuto porre in essere "soluzioni" molto più sbrigative e "drammariche"...cosa che non ha fatto. in questo caso credo che questa madre si trovi ad affrontare un "carico doppio"...eppure non ha troncato del tutto i rapporti con sua figlia...cosa che avrebbe di sicuro "facilitato" la vita di una geovista attiva. ho premesso che non mi permetto di giudicare nessuno...aggiungo che non mi permetto di giudicare nemmeno questa madre...

Mi sento molto, molto triste quando leggo certi pensieri, ma tant°è ci sono e non si può far nulla.
Si potrà anche vincere la causa sull°ostracismo, ma questa mai.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi rachele1 » 06/05/2011, 15:35

Gabriella Prosperi ha scritto:
Naaman ha scritto:ritornando in tema però mi sento di dire che in questo caso l'ostracismo geovista c''entri ben poco. credo che le cose che prova questo genitore siano cose piuttosto comuni e l'essere geovista c'entra poco o nulla. non è una prerogativa geovista vivere un certo disagio nello scoprire di avere un figlio o una figlia omosessuale. non riesco ad intravedere malafede nella madre di Rachele...e credo che i sentimenti di questo genitore vadano presi in considerazione e non giudicati. la madre di Rachele avrebbe potuto porre in essere "soluzioni" molto più sbrigative e "drammariche"...cosa che non ha fatto. in questo caso credo che questa madre si trovi ad affrontare un "carico doppio"...eppure non ha troncato del tutto i rapporti con sua figlia...cosa che avrebbe di sicuro "facilitato" la vita di una geovista attiva. ho premesso che non mi permetto di giudicare nessuno...aggiungo che non mi permetto di giudicare nemmeno questa madre...

Mi sento molto, molto triste quando leggo certi pensieri, ma tant°è ci sono e non si può far nulla.
Si potrà anche vincere la causa sull°ostracismo, ma questa mai.
Gabriella

grazie gabriella
mi sento come l'araba fenice...risorgo dalle mie ceneri
rachele1
Nuovo Utente
 
Messaggi: 84
Iscritto il: 03/05/2011, 16:06

Messaggiodi Erika » 06/05/2011, 15:47

Gabriella Prosperi ha scritto:
Naaman ha scritto:ritornando in tema però mi sento di dire che in questo caso l'ostracismo geovista c''entri ben poco. credo che le cose che prova questo genitore siano cose piuttosto comuni e l'essere geovista c'entra poco o nulla. non è una prerogativa geovista vivere un certo disagio nello scoprire di avere un figlio o una figlia omosessuale. non riesco ad intravedere malafede nella madre di Rachele...e credo che i sentimenti di questo genitore vadano presi in considerazione e non giudicati. la madre di Rachele avrebbe potuto porre in essere "soluzioni" molto più sbrigative e "drammariche"...cosa che non ha fatto. in questo caso credo che questa madre si trovi ad affrontare un "carico doppio"...eppure non ha troncato del tutto i rapporti con sua figlia...cosa che avrebbe di sicuro "facilitato" la vita di una geovista attiva. ho premesso che non mi permetto di giudicare nessuno...aggiungo che non mi permetto di giudicare nemmeno questa madre...

Mi sento molto, molto triste quando leggo certi pensieri, ma tant°è ci sono e non si può far nulla.
Si potrà anche vincere la causa sull°ostracismo, ma questa mai.
Gabriella


:quoto100:
Il problema dell' umanità è che gli stupidi sono strasicuri, mentre gli
intelligenti sono pieni di dubbi - Bertrand Russel
Avatar utente
Erika
Utente Junior
 
Messaggi: 210
Iscritto il: 11/04/2011, 10:26

Messaggiodi Mario70 » 06/05/2011, 15:59

Naaman ha scritto:premessa: non mi permetto di giudicare nessuno anche se naturalmente da credente ho le mie convinzioni religiose sul tema dell'omosessualità...convinzioni che è inutile ribadire a quanti, avendomi letto altrove, un pò già conosce. fatta questa premessa aggiungo che in questa sede spiegare le mie convinzioni su questo tema probabilmente non sarebbe nemmeno pertinente.
ritornando in tema però mi sento di dire che in questo caso l'ostracismo geovista c''entri ben poco. credo che le cose che prova questo genitore siano cose piuttosto comuni e l'essere geovista c'entra poco o nulla. non è una prerogativa geovista vivere un certo disagio nello scoprire di avere un figlio o una figlia omosessuale. non riesco ad intravedere malafede nella madre di Rachele...e credo che i sentimenti di questo genitore vadano presi in considerazione e non giudicati. la madre di Rachele avrebbe potuto porre in essere "soluzioni" molto più sbrigative e "drammariche"...cosa che non ha fatto. in questo caso credo che questa madre si trovi ad affrontare un "carico doppio"...eppure non ha troncato del tutto i rapporti con sua figlia...cosa che avrebbe di sicuro "facilitato" la vita di una geovista attiva. ho premesso che non mi permetto di giudicare nessuno...aggiungo che non mi permetto di giudicare nemmeno questa madre...


Caro Naaman, il genitore testimone di Geova medio, quando viene a sapere che il figlio è disassociato non sta tanto a guardare al motivo per il quale è stato espulso (se è maggiorenne può accadere addirittura che non lo sappia essendo stato giudicato dagli anziani), loro si attengono a quello che dicono le riviste, quindi di norma quando leggono che "devono amare più Geova che il figlio", che non lo possono frequentare se non per motivi importantissimi di vita o di morte, si adeguano di conseguenza.
Ora tra il fumarsi un pò di sigarette senza pentirsene, al festeggiare il proprio compleanno, al non credere che nel 1914 siano iniziati gli ultimi giorni, all'adulterio, all'omicidio, alla pedofilia, al serial killer, al voler far parte di un'altra religione, al votare per un partito politico dichiarandolo agli altri, per loro non c'è alcuna differenza, sono messi tutti in un unico calderone senza alcuna distinzione, se uno è disassociato o si dissocia è da ostracizzare, punto.
Detto questo, nel caso specifico può esserci anche un omofobia da parte della madre, non lo posso negare, ma fidati se ti dico che avrebbe comunque fatto le stesse identiche azioni se la figlia fosse stata disassociata per qualsiasi altro motivo, mettiti in testa che la loro vita è regolata da continue regole che pongono i limiti alle loro azioni, se gli dicono di seguire una regola loro la seguono, non si fanno alcun problema e se anche se lo facessero, la lealtà a Geova (vedi alle direttive dell'organizzazione) DEVE venire prima.
Ciao
«Ortodossia vuol dire non pensare, non aver bisogno di pensare. Ortodossia e inconsapevolezza son la stessa cosa.»

(1984) George Orwell
Avatar utente
Mario70
Utente Gold
 
Messaggi: 6045
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

Messaggiodi Luciano » 06/05/2011, 16:18

Tua madre crede che nessuno venga a sapere che lei ti tratta male.
DIlle che tu riferisci pubblicamente cosa fa e che così getta discredito su quella che loro definiscono religione.
Ciao
Avatar utente
Luciano
Utente Master
 
Messaggi: 3396
Iscritto il: 25/08/2009, 16:59

Messaggiodi Naaman » 06/05/2011, 17:05

Gabriella Prosperi ha scritto:Mi sento molto, molto triste quando leggo certi pensieri, ma tant°è ci sono e non si può far nulla.
Si potrà anche vincere la causa sull°ostracismo, ma questa mai.
Gabriella


e meno male che ho specificato che non giudico nessuno...
Naaman
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1026
Iscritto il: 27/04/2011, 13:11

Prossimo

Torna a Forum principale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Mario70, Testimone di Cristo e 6 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici