Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Questa mi mancava.....

Per discutere di temi ed argomenti di vario genere.

Moderatore: Quixote

Questa mi mancava.....

Messaggiodi Vieri » 02/11/2017, 12:59

Arrestato con la marijuana, viene assolto perché "era erba sacra che gli serviva per meditare"Arrestato con la marijuana, viene assolto perché "era erba sacra che gli serviva per meditare"

http://bari.repubblica.it/cronaca/2017/ ... P7-S1.6-T1

Il tribunale di Bari ha pubblicato le motivazioni della sentenza con cui nell'aprile scorso ha assolto "perché il fatto non sussiste" un tabaccaio 30enne di Toritto adepto della religione rastafariana

Gli adepti della religione rastafariana "fanno uso di marijuana come erba sacra destinata alla meditazione" e per questo possederne per uso personale non è reato. Lo spiega il tribunale di Bari nelle motivazioni della sentenza con cui nell'aprile scorso ha assolto "perché il fatto non sussiste" un tabaccaio 30enne di Toritto (Bari) che era stato trovato in possesso di quasi 60 grammi di sostanza stupefacente.

L'uomo fu arrestato in flagranza nel maggio 2016 dalla polizia ferroviaria con in tasca 8 grammi di marijuana. Nella successiva perquisizione domiciliare gli agenti sequestrarono in casa altri 50 grammi della stessa sostanza. Il 30enne dichiarò subito di essere "cultore della religione rastafariana" e in sede di convalida dell'arresto il giudice ne dispose l'immediata scarcerazione. La fede religiosa del rastafarianesimo ha fra i suoi precetti l'utilizzo della marijuana come erba medicinale, ma anche come
erba meditativa, apportatrice di saggezza, ausilio alla preghiera.

Le spiegazioni fornite dall'imputato, unite all'assenza di elementi dai quali avrebbe potuto evincersi una destinazione allo spaccio della marijuana, come bustine di plastica, scotch o sostanze da taglio, denaro contante in banconote di piccolo taglio, "inducono a ritenere - si legge nelle motivazioni della sentenza - che la droga fosse effettivamente detenuta per uso esclusivamente personale".


Rastafarianesimo
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Voglio muovere il cuore di ogni uomo nero perché tutti gli uomini neri sparsi nel mondo si rendano conto che il tempo è arrivato, ora, adesso, oggi, per liberare l'Africa e gli africani.

Uomini neri di tutto il mondo, unitevi come in un corpo solo e ribellatevi: l'Africa è nostra, è la vostra terra, la nostra patria...
Ribellatevi al mondo corrotto di Babilonia, emancipate la vostra razza, riconquistate la vostra terra[1]. »
(Bob Marley)


Il rastafarianesimo (anche rastafari, rasta) è una fede religiosa nata negli anni trenta del Novecento, che si presenta come erede del cristianesimo. Il nome deriva da Ras Tafari, l'imperatore che salì al trono d'Etiopia nel 1930 con il nome di Hailé Selassié I e con i titoli di re dei Re (negus neghesti),

Eletto di Dio, Luce del mondo, Leone conquistatore della tribù di Giuda. In seguito alla sua incoronazione, milioni di persone riconobbero in lui Gesù Cristo nella sua "seconda venuta in maestà, gloria e potenza", come profeticamente annunciato dalle Sacre Scritture, essendo egli diretto discendente della tribù di Giuda che affonda le sue radici nell'incontro tra re Salomone (figlio di Davide) e la regina di Saba, episodio narrato nella Bibbia[2] e nell'antico libro chiamato Kebra Nagast, che riveste una certa importanza nella tradizione della Chiesa ortodossa d'Etiopia a cui tutti i rasta fanno riferimento (in accordo con l'esempio di Ras Tafari stesso)

Il rastafarianesimo è comunemente concepito secondo categorie radicalmente lontane dalla sua essenza: nasce infatti come nazionalismo, o meglio, come versione religiosa del movimento politico nazionalista conosciuto come etiopismo. Il rastafarianesimo si è ispirato alla predicazione del leader Marcus Mosiah Garvey. Altri elementi di spicco, che hanno avuto un ruolo primario nella nascita di questo credo: Leonard Howell, H. Archibald Dunkley, e Joseph Nathaniel Hibbert.

A partire dagli anni ottanta la cultura rasta ha aumentato la propria diffusione nel mondo, soprattutto grazie a Bob Marley e Peter Tosh tramite la musica reggae, che ne veicola i contenuti. Nel 2001 il numero di rasta nel mondo è valutabile a 1.000.000 di persone (da altre fonti anche 10.000.000 o 15.000.000 di persone)[4][5].


Morale: per chi volesse farsi delle canne senza problemi cambi religione e se è quella di Bob Marley ..... :cer:

Non vorrei fare il moralista ad oltranza ma:

- I tdG non vogliono sangue e si suicidano pure per non volerlo....
- I rastafariani si possono fare le canne tranquillamente e senza problemi...
- Gli islamici integralisti ammazzano i miscredenti ( sura 71 del Corano , versetto 26: «Non lasciar sulla terra alcun abitante che sia miscredente».)

....Viva allora i Pastafariani che con una bella spaghettata non fanno allora mai male a nessuno!..... :risata: :risata:
:ciao:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 7926
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi VictorVonDoom » 02/11/2017, 15:07

Vieri ha scritto:Arrestato con la marijuana, viene assolto perché "era erba sacra che gli serviva per meditare"Arrestato con la marijuana, viene assolto perché "era erba sacra che gli serviva per meditare"

http://bari.repubblica.it/cronaca/2017/ ... P7-S1.6-T1

Il tribunale di Bari ha pubblicato le motivazioni della sentenza con cui nell'aprile scorso ha assolto "perché il fatto non sussiste" un tabaccaio 30enne di Toritto adepto della religione rastafariana

Gli adepti della religione rastafariana "fanno uso di marijuana come erba sacra destinata alla meditazione" e per questo possederne per uso personale non è reato. Lo spiega il tribunale di Bari nelle motivazioni della sentenza con cui nell'aprile scorso ha assolto "perché il fatto non sussiste" un tabaccaio 30enne di Toritto (Bari) che era stato trovato in possesso di quasi 60 grammi di sostanza stupefacente.

L'uomo fu arrestato in flagranza nel maggio 2016 dalla polizia ferroviaria con in tasca 8 grammi di marijuana. Nella successiva perquisizione domiciliare gli agenti sequestrarono in casa altri 50 grammi della stessa sostanza. Il 30enne dichiarò subito di essere "cultore della religione rastafariana" e in sede di convalida dell'arresto il giudice ne dispose l'immediata scarcerazione. La fede religiosa del rastafarianesimo ha fra i suoi precetti l'utilizzo della marijuana come erba medicinale, ma anche come
erba meditativa, apportatrice di saggezza, ausilio alla preghiera.

Le spiegazioni fornite dall'imputato, unite all'assenza di elementi dai quali avrebbe potuto evincersi una destinazione allo spaccio della marijuana, come bustine di plastica, scotch o sostanze da taglio, denaro contante in banconote di piccolo taglio, "inducono a ritenere - si legge nelle motivazioni della sentenza - che la droga fosse effettivamente detenuta per uso esclusivamente personale".


Rastafarianesimo
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Voglio muovere il cuore di ogni uomo nero perché tutti gli uomini neri sparsi nel mondo si rendano conto che il tempo è arrivato, ora, adesso, oggi, per liberare l'Africa e gli africani.

Uomini neri di tutto il mondo, unitevi come in un corpo solo e ribellatevi: l'Africa è nostra, è la vostra terra, la nostra patria...
Ribellatevi al mondo corrotto di Babilonia, emancipate la vostra razza, riconquistate la vostra terra[1]. »
(Bob Marley)


Il rastafarianesimo (anche rastafari, rasta) è una fede religiosa nata negli anni trenta del Novecento, che si presenta come erede del cristianesimo. Il nome deriva da Ras Tafari, l'imperatore che salì al trono d'Etiopia nel 1930 con il nome di Hailé Selassié I e con i titoli di re dei Re (negus neghesti),

Eletto di Dio, Luce del mondo, Leone conquistatore della tribù di Giuda. In seguito alla sua incoronazione, milioni di persone riconobbero in lui Gesù Cristo nella sua "seconda venuta in maestà, gloria e potenza", come profeticamente annunciato dalle Sacre Scritture, essendo egli diretto discendente della tribù di Giuda che affonda le sue radici nell'incontro tra re Salomone (figlio di Davide) e la regina di Saba, episodio narrato nella Bibbia[2] e nell'antico libro chiamato Kebra Nagast, che riveste una certa importanza nella tradizione della Chiesa ortodossa d'Etiopia a cui tutti i rasta fanno riferimento (in accordo con l'esempio di Ras Tafari stesso)

Il rastafarianesimo è comunemente concepito secondo categorie radicalmente lontane dalla sua essenza: nasce infatti come nazionalismo, o meglio, come versione religiosa del movimento politico nazionalista conosciuto come etiopismo. Il rastafarianesimo si è ispirato alla predicazione del leader Marcus Mosiah Garvey. Altri elementi di spicco, che hanno avuto un ruolo primario nella nascita di questo credo: Leonard Howell, H. Archibald Dunkley, e Joseph Nathaniel Hibbert.

A partire dagli anni ottanta la cultura rasta ha aumentato la propria diffusione nel mondo, soprattutto grazie a Bob Marley e Peter Tosh tramite la musica reggae, che ne veicola i contenuti. Nel 2001 il numero di rasta nel mondo è valutabile a 1.000.000 di persone (da altre fonti anche 10.000.000 o 15.000.000 di persone)[4][5].


Morale: per chi volesse farsi delle canne senza problemi cambi religione e se è quella di Bob Marley ..... :cer:

Non vorrei fare il moralista ad oltranza ma:

- I tdG non vogliono sangue e si suicidano pure per non volerlo....
- I rastafariani si possono fare le canne tranquillamente e senza problemi...
- Gli islamici integralisti ammazzano i miscredenti ( sura 71 del Corano , versetto 26: «Non lasciar sulla terra alcun abitante che sia miscredente».)

....Viva allora i Pastafariani che con una bella spaghettata non fanno allora mai male a nessuno!..... :risata: :risata:
:ciao:


Certo che associare il farsi una canna a morire per le trasfusioni e ai terroristi islamici ce ne vuole... scusa, ma un rastafariano che si fa una canna che male fa?
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3121
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Victor.....

Messaggiodi Vieri » 02/11/2017, 17:12

Certo che associare il farsi una canna a morire per le trasfusioni e ai terroristi islamici ce ne vuole... scusa, ma un rastafariano che si fa una canna che male fa?

Se vuoi saperlo per una tragica esperienza diretta su un mio cugino acquisito ti rispondo che "farsi una canna" è come prendere : "l'aperitivo della morte".

Sono stato più volte a San Patrignano e vissuto l'esperienza diretta con chi ha cominciato da giovane con lo spinello ogni tanto ( lui aveva 14 anni...) poi si passa a fumarne 10 al giorno, poi ai funghi allucinogeni, poi alle "pasticche" di tutti i tipi, e poi alla cocaina.......

Il finale? Uno zombi, oggi, ormai irrecuperabile alla società ed a sé stesso con il cervello ormai fuso.
Una tragedia umana alla quale ormai dopo tanti anni e tanto dialogo ed azioni fatte verso di lui non vedo oggi più soluzioni.

Colpa sua? Certo ma anche di chi lo ha allevato nella "religione del:" "basta chiedere", "non dare valori morali", "trasmettere il proprio pessimismo verso tutti". e non per ultimo "non credere".
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 7926
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Mauro1971 » 02/11/2017, 17:20

Vieri, no.

Ho perso mio fratello per droga. Conosco l'argomento "oltre". Non voglio parlarne, non mi va, ma cortesemente si tocchi l'argomento con molta delicatezza. Lo chiedo come cortesia personale.
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)
"Io riconosco di essere un dilettante nella misura in cui io cerco ricavare diletto da tutto ciò che faccio" (Philo Vance)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Platinium
 
Messaggi: 10332
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Mi spiace.....

Messaggiodi Vieri » 02/11/2017, 18:37

Mauro1971 ha scritto:Vieri, no.

Ho perso mio fratello per droga. Conosco l'argomento "oltre". Non voglio parlarne, non mi va, ma cortesemente si tocchi l'argomento con molta delicatezza. Lo chiedo come cortesia personale.

Mi spiace veramente per tuo fratello ma anche nel mio caso questo "ragazzo" che ormai non è più un ragazzo avendo ormai più di 32 anni è sempre stato per me sempre come un figlio ma la distanza notevole che mi separa da lui e gli "insegnamenti" materni se così si possono chiamare, contrari ad ogni forma di corretta educazione,( e non sto parlando solo di principi religiosi), oltre alla ostinazione di volersi sempre "arrangiare e decidere sempre da sola" mi ha impedito e mi impedisce tutt'ora di poter non rendere irreversibile questa situazione.

Sono ormai più di 7 mesi che ......non mi telefona e nemmeno desidera farlo ed assistere impotente a questo "esasperato fatalismo" della mia parente senza poter agire come un tempo, sinceramente mi porta notevole tristezza.

Con queste parole pertanto chiudo per delicatezza questo argomento.
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 7926
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi VictorVonDoom » 02/11/2017, 18:51

Vieri ha scritto:
Certo che associare il farsi una canna a morire per le trasfusioni e ai terroristi islamici ce ne vuole... scusa, ma un rastafariano che si fa una canna che male fa?

Se vuoi saperlo per una tragica esperienza diretta su un mio cugino acquisito ti rispondo che "farsi una canna" è come prendere : "l'aperitivo della morte".

Sono stato più volte a San Patrignano e vissuto l'esperienza diretta con chi ha cominciato da giovane con lo spinello ogni tanto ( lui aveva 14 anni...) poi si passa a fumarne 10 al giorno, poi ai funghi allucinogeni, poi alle "pasticche" di tutti i tipi, e poi alla cocaina.......

Il finale? Uno zombi, oggi, ormai irrecuperabile alla società ed a sé stesso con il cervello ormai fuso.
Una tragedia umana alla quale ormai dopo tanti anni e tanto dialogo ed azioni fatte verso di lui non vedo oggi più soluzioni.

Colpa sua? Certo ma anche di chi lo ha allevato nella "religione del:" "basta chiedere", "non dare valori morali", "trasmettere il proprio pessimismo verso tutti". e non per ultimo "non credere".


Ma non diciamo stupidaggini, dai!!! Mi sembra di leggere una Torre di Guardia!!! Per un'esperienza di uno che da "uno spinello ogni tanto ne passa a fumare 10 e poi funghi allocinogeni" ce ne sono altre 10000 di persone che continuano tranquillamente a fumarsi uno spinello e basta. Estremizzando e decontestualizzando le singole esperienze possiamo arrivare a vietare qualsiasi cosa!
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3121
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Senti caro...

Messaggiodi Vieri » 02/11/2017, 19:40

Ma non diciamo stupidaggini, dai!!! Mi sembra di leggere una Torre di Guardia!!! Per un'esperienza di uno che da "uno spinello ogni tanto ne passa a fumare 10 e poi funghi allocinogeni" ce ne sono altre 10000 di persone che continuano tranquillamente a fumarsi uno spinello e basta. Estremizzando e decontestualizzando le singole esperienze possiamo arrivare a vietare qualsiasi cosa!

Sai quanta gente ho sentito dire a San Patrignano le stesse tue cose prima di finire li?

"Io non sono mica come gli altri, io se lo desiderassi smetto quando voglio".......

Poi se per te è una innocente "canna" ....fai pure ma attento poi sempre al fatto che questo è sempre un "aperitivo"... :ironico: :cer:

Vietare qualsiasi cosa direi che non sia il termine esatto e perchè allora non creiamo un bel "paesotto" dove tutti fanno alla fine tutti i capperi che vogliono ? ... E sai di quante cose ci sarebbero che ad alcuni piacerebbe fare......e non è poi difficile indovinare ..... :cer:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 7926
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi VictorVonDoom » 02/11/2017, 21:24

Vieri ha scritto:
Ma non diciamo stupidaggini, dai!!! Mi sembra di leggere una Torre di Guardia!!! Per un'esperienza di uno che da "uno spinello ogni tanto ne passa a fumare 10 e poi funghi allocinogeni" ce ne sono altre 10000 di persone che continuano tranquillamente a fumarsi uno spinello e basta. Estremizzando e decontestualizzando le singole esperienze possiamo arrivare a vietare qualsiasi cosa!

Sai quanta gente ho sentito dire a San Patrignano le stesse tue cose prima di finire li?

"Io non sono mica come gli altri, io se lo desiderassi smetto quando voglio".......

Poi se per te è una innocente "canna" ....fai pure ma attento poi sempre al fatto che questo è sempre un "aperitivo"... :ironico: :cer:

Vietare qualsiasi cosa direi che non sia il termine esatto e perchè allora non creiamo un bel "paesotto" dove tutti fanno alla fine tutti i capperi che vogliono ? ... E sai di quante cose ci sarebbero che ad alcuni piacerebbe fare......e non è poi difficile indovinare ..... :cer:


Com'è che si passa dal "fumare una" canna a "alla fine fanno tutti i capperi che vogliono"? Io direi che, come tutte le questioni, anche in relazione alla cannabis la cosa migliore è cercare di avere una visione equilibrata.

https://www.focus.it/scienza/salute/ben ... a-cannabis
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3121
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Poi chiudo....

Messaggiodi Vieri » 02/11/2017, 21:39

Com'è che si passa dal "fumare una" canna a "alla fine fanno tutti i capperi che vogliono"? Io direi che, come tutte le questioni, anche in relazione alla cannabis la cosa migliore è cercare di avere una visione equilibrata.

Caro Victor io se noti ho parlato di "aperitivo" e se ne prendi uno ogni tanto probabilmente per me non sarebbe una gran cosa ma se la prendi tutti i giorni probabilmente hai dei problemi.....e per "mangiare" non necessariamente devi prendere l'"aperitivo" ...... :ironico:

Il problema nasce poi se di questi " aperitivi" alla fine, con gli amici, ne prendi 3 o 4 e poi continui anche con altri "ammazzacaffè" dopo.....perchè "la cosa" alla fine comincia a piacerti ed allora vedo dei "problemi"......anche perchè il consumo di "erba" ritengo sia strettamente connesso all'alcolismo.....( come diretta esperienza familiare)..

Ma sai quante comunità di tossicodipendenti ci sono in Italia e come sono "intasati" il SERT ?....

Scusami se sono drastico ma sono per la "tolleranza zero"......

Direi poi almeno da parte mia di chiudere sull'argomento.
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 7926
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Dnick » 02/11/2017, 22:30

Vieri ha scritto:
Certo che associare il farsi una canna a morire per le trasfusioni e ai terroristi islamici ce ne vuole... scusa, ma un rastafariano che si fa una canna che male fa?

Se vuoi saperlo per una tragica esperienza diretta su un mio cugino acquisito ti rispondo che "farsi una canna" è come prendere : "l'aperitivo della morte".

Sono stato più volte a San Patrignano e vissuto l'esperienza diretta con chi ha cominciato da giovane con lo spinello ogni tanto ( lui aveva 14 anni...) poi si passa a fumarne 10 al giorno, poi ai funghi allucinogeni, poi alle "pasticche" di tutti i tipi, e poi alla cocaina.......

Il finale? Uno zombi, oggi, ormai irrecuperabile alla società ed a sé stesso con il cervello ormai fuso.
Una tragedia umana alla quale ormai dopo tanti anni e tanto dialogo ed azioni fatte verso di lui non vedo oggi più soluzioni.

Colpa sua? Certo ma anche di chi lo ha allevato nella "religione del:" "basta chiedere", "non dare valori morali", "trasmettere il proprio pessimismo verso tutti". e non per ultimo "non credere".


Secondo me non è la norma . Conosco tante , anzi tantissime persone che da ragazzi si sono incannati , e oggi sono persone eccelleti , forse ancora fumano , ma si sono fermati li . Per cui ritengo , che sia solo un luogo comune . Magari se hai delle statistiche che confermano quanto dici , allora è altro discorso .
Avatar utente
Dnick
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2033
Iscritto il: 11/11/2009, 14:09

Messaggiodi pasqualebucca » 03/11/2017, 7:54

Cari miei tutti,
La dipendenza da qualcosa è una cosa bruttissima e alla quale non se ne può fare a meno.
Io ero dipendente dal cibo e obeso grave, per una vita e dopo essere stato uno sportivo professionista, nel 2014 mi sono sorbito 10 ore di intervento chirurgico al policlinico gemelli di Roma, lungo e dolorosissimo , oggi peso 85 kg e non mi reggo in piedi visto che sono 1.80 cm.
Ho pagato caro il mio dipendere dal cibo e lo sto pagando tutt'oggi, sono vicino a Mauro e lo capisco.
La dipendenza dal cibo è uguale alla dipendenza da una droga, per me è cosi.
Buon week end a tutti
Avatar utente
pasqualebucca
Utente Senior
 
Messaggi: 829
Iscritto il: 05/02/2017, 16:01

Messaggiodi VictorVonDoom » 03/11/2017, 9:52

Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3121
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Ray » 03/11/2017, 16:58

Immagine

Clicca per vedere l'immagine a dimensioni originali
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11560
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi Morpheus » 03/11/2017, 18:10

Vieri ha scritto:Sai quanta gente ho sentito dire a San Patrignano le stesse tue cose prima di finire li?


Mai sentito parlare del bias del sopravvissuto?
Se a San Patrignano (ergo "i drogati") tutti ti dicono che hanno iniziato con una canna e ora sono a S Patrignano e' perche' gia' parti con chi a S Patrignano c'e'.
Ma non vuole dire che tutti quelli che iniziano con una canna finiscono a San Patrignano...

Ha ragione Victor che la correlazione non e' vera nella maggior parte dei casi (avremo + del 70% delle persone drogate se lo fosse!). E questo mettendo bene in chiaro che io non fumo canne e sono cosciente che fanno male.
“I nostri nemici sono stati l’ignoranza e la rassegnazione”. Non so perché, ma ormai è andata così.

Presentazione
Avatar utente
Morpheus
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1460
Iscritto il: 13/01/2014, 10:52

Morpheus...

Messaggiodi Vieri » 04/11/2017, 15:06

Morpheus ha scritto:
Vieri ha scritto:Sai quanta gente ho sentito dire a San Patrignano le stesse tue cose prima di finire li?


Mai sentito parlare del bias del sopravvissuto?
Se a San Patrignano (ergo "i drogati") tutti ti dicono che hanno iniziato con una canna e ora sono a S Patrignano e' perche' gia' parti con chi a S Patrignano c'e'.
Ma non vuole dire che tutti quelli che iniziano con una canna finiscono a San Patrignano...

Ha ragione Victor che la correlazione non e' vera nella maggior parte dei casi (avremo + del 70% delle persone drogate se lo fosse!). E questo mettendo bene in chiaro che io non fumo canne e sono cosciente che fanno male.

Se noti ho parlato di "aperitivo"....e ci sono quelli che non ne hanno bisogno per avere appetito...
Poi ci sono quelli che lo prendono "una tantum" in compagnia.
Ancora quelli che lo prendono per abitudine tutti i giorni....
.....e poi chi se ne fa 3 o 4 al mattino finendo con 3 o 4 "grappini" dopo.....

Morale: alla fine è sempre questione di "intelligenza" ma devi anche considerare che "chi si fa una canna" , una ragione per fumarsela deve sempre averla .......
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 7926
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi LacrimadiLuna » 04/11/2017, 15:39

Ragazzi che sia aperitivo o no per delle droghe più pesanti se ci sono delle regole vanno rispettate. Perché sennò allora tutti con la scusa del rastafarianesimo in Italia possono trasportare tutta la cannabis che vogliono. Se poi un giorno le leggi cambieranno ben venga. Ma per ora é giusto che le regole siano uguali per tutti.
LacrimadiLuna
 

Messaggiodi VictorVonDoom » 04/11/2017, 15:40

Vieri ha scritto:
Morpheus ha scritto:
Vieri ha scritto:Sai quanta gente ho sentito dire a San Patrignano le stesse tue cose prima di finire li?


Mai sentito parlare del bias del sopravvissuto?
Se a San Patrignano (ergo "i drogati") tutti ti dicono che hanno iniziato con una canna e ora sono a S Patrignano e' perche' gia' parti con chi a S Patrignano c'e'.
Ma non vuole dire che tutti quelli che iniziano con una canna finiscono a San Patrignano...

Ha ragione Victor che la correlazione non e' vera nella maggior parte dei casi (avremo + del 70% delle persone drogate se lo fosse!). E questo mettendo bene in chiaro che io non fumo canne e sono cosciente che fanno male.

Se noti ho parlato di "aperitivo"....e ci sono quelli che non ne hanno bisogno per avere appetito...
Poi ci sono quelli che lo prendono "una tantum" in compagnia.
Ancora quelli che lo prendono per abitudine tutti i giorni....
.....e poi chi se ne fa 3 o 4 al mattino finendo con 3 o 4 "grappini" dopo.....

Morale: alla fine è sempre questione di "intelligenza" ma devi anche considerare che "chi si fa una canna" , una ragione per fumarsela deve sempre averla .......


Stessa cosa con le sigarette normali, con il vino, con la birra, con i superalcolici, con il cibo, con i porno, con (aggiungi quello che vuoi). Quindi?
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3121
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi VictorVonDoom » 04/11/2017, 15:43

LacrimadiLuna ha scritto:Ragazzi che sia aperitivo o no per delle droghe più pesanti se ci sono delle regole vanno rispettate. Perché sennò allora tutti con la scusa del rastafarianesimo in Italia possono trasportare tutta la cannabis che vogliono. Se poi un giorno le leggi cambieranno ben venga. Ma per ora é giusto che le regole siano uguali per tutti.


Certo, ma nulla vieta, anzi sarebbe auspicabile, aprire una discussione seria e ragionevole sulle "regole" in relazione all'uso personale delle cosiddette "droghe leggere" come la cannabis (la cui detenzione per uso personale, se non vado errato, è un reato amministrativo e non più penale). Discussione che, come tante altre (testamento biologico, fine vita, legalizzazione prostituzione, ...), non riesce neanche ad avviarsi in parlamento... chissà come mai.
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3121
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Probabilmente.....

Messaggiodi Vieri » 04/11/2017, 16:19

VictorVonDoom ha scritto:
LacrimadiLuna ha scritto:Ragazzi che sia aperitivo o no per delle droghe più pesanti se ci sono delle regole vanno rispettate. Perché sennò allora tutti con la scusa del rastafarianesimo in Italia possono trasportare tutta la cannabis che vogliono. Se poi un giorno le leggi cambieranno ben venga. Ma per ora é giusto che le regole siano uguali per tutti.


Certo, ma nulla vieta, anzi sarebbe auspicabile, aprire una discussione seria e ragionevole sulle "regole" in relazione all'uso personale delle cosiddette "droghe leggere" come la cannabis (la cui detenzione per uso personale, se non vado errato, è un reato amministrativo e non più penale). Discussione che, come tante altre (testamento biologico, fine vita, legalizzazione prostituzione, ...), non riesce neanche ad avviarsi in parlamento... chissà come mai.

Probabilmente ci sarebbero deiproblemi più seri da discutere:......

- natalità a livelli più bassi nel mondo
- immigrazione senza controllo
- debito pubblico
- ridotte risorse per le infrastrutture e la ricerca
- disoccupazione giovanile...

.....e non per ultimo la mancanza di una maggioranza in grado di sostenere tali discutibili problematiche......
Chi vuole poi fumarsi lo spinello "libero" si prenda il treno e vada poi ad Amsterdam..... :ironico: ma dubito fortemente che siano queste delle libertà "veramente civili"....
:ciao:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 7926
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi VictorVonDoom » 04/11/2017, 17:20

Vieri ha scritto:
VictorVonDoom ha scritto:
LacrimadiLuna ha scritto:Ragazzi che sia aperitivo o no per delle droghe più pesanti se ci sono delle regole vanno rispettate. Perché sennò allora tutti con la scusa del rastafarianesimo in Italia possono trasportare tutta la cannabis che vogliono. Se poi un giorno le leggi cambieranno ben venga. Ma per ora é giusto che le regole siano uguali per tutti.


Certo, ma nulla vieta, anzi sarebbe auspicabile, aprire una discussione seria e ragionevole sulle "regole" in relazione all'uso personale delle cosiddette "droghe leggere" come la cannabis (la cui detenzione per uso personale, se non vado errato, è un reato amministrativo e non più penale). Discussione che, come tante altre (testamento biologico, fine vita, legalizzazione prostituzione, ...), non riesce neanche ad avviarsi in parlamento... chissà come mai.

Probabilmente ci sarebbero deiproblemi più seri da discutere:......

- natalità a livelli più bassi nel mondo
- immigrazione senza controllo
- debito pubblico
- ridotte risorse per le infrastrutture e la ricerca
- disoccupazione giovanile...

.....e non per ultimo la mancanza di una maggioranza in grado di sostenere tali discutibili problematiche......
Chi vuole poi fumarsi lo spinello "libero" si prenda il treno e vada poi ad Amsterdam..... :ironico: ma dubito fortemente che siano queste delle libertà "veramente civili"....
:ciao:


I numeri per sostenere tali "discutibili" problematiche c'erano (ci sono) eccome, un fronte trasversale di 220 parlamentari per la legalizzazione della cannabis ad esempio.

http://www.linkiesta.it/it/article/2017 ... bis/35638/

Magari fossero "discutibili", il problema è che la "discussione" non inizia proprio, questo si che è da paese incivile.

Cosa c'entrano gli altri temi poi, una discussione esclude l'altra? Questo si chiama benaltrismo ed è la scusa dei moralisti e bigotti per non discutere di quei temi. Che non siano "veramente civili" è una tua opinione e, spero, sempre più di una minoranza in via di estinzione.
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3121
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Senti caro....

Messaggiodi Vieri » 04/11/2017, 18:01

Io non mi sono mai fatto una canna e nemmeno mai i miei figli e pertanto mi fa piacere rimanere per questo un "incivile"...
Che non siano "veramente civili" è una tua opinione e, spero, sempre più di una minoranza in via di estinzione.

Va bene allora viva la prossima "civile" generazione di "fumati" .... :cer:

Mi dici che cappero di ragionamento è questo ?
- Hai mai avuto esperienze dirette ?
- Sei mai stato a parlare con degli ex "tossici"?
- Sei mai stato dentro per un giorno in una comunità ?

TUTTE LE DROGHE SONO VELENO ! E chi le prende dalle più "innocue" a quelle più pesanti per me ha sempre dei problemi.....indipendenti ovviamente dall'aspetto medicale...
:addio:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 7926
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi VictorVonDoom » 04/11/2017, 18:28

Vieri ha scritto:Io non mi sono mai fatto una canna e nemmeno mai i miei figli e pertanto mi fa piacere rimanere per questo un "incivile"...
Che non siano "veramente civili" è una tua opinione e, spero, sempre più di una minoranza in via di estinzione.

Va bene allora viva la prossima "civile" generazione di "fumati" .... :cer:

Mi dici che cappero di ragionamento è questo ?
- Hai mai avuto esperienze dirette ?
- Sei mai stato a parlare con degli ex "tossici"?
- Sei mai stato dentro per un giorno in una comunità ?

TUTTE LE DROGHE SONO VELENO ! E chi le prende dalle più "innocue" a quelle più pesanti per me ha sempre dei problemi.....indipendenti ovviamente dall'aspetto medicale...
:addio:


Infatti la parola chiave è "per te". Per il resto, invece di ragionare in base ai "per me" ho postato un paio di link con cui farsi un'idea più equilibrata della questione.
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3121
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Morpheus » 06/11/2017, 17:03

Vieri ha scritto:Io non mi sono mai fatto una canna e nemmeno mai i miei figli e pertanto mi fa piacere rimanere per questo un "incivile"...
Che non siano "veramente civili" è una tua opinione e, spero, sempre più di una minoranza in via di estinzione.

Va bene allora viva la prossima "civile" generazione di "fumati" .... :cer:

Mi dici che cappero di ragionamento è questo ?
- Hai mai avuto esperienze dirette ?
- Sei mai stato a parlare con degli ex "tossici"?
- Sei mai stato dentro per un giorno in una comunità ?

TUTTE LE DROGHE SONO VELENO ! E chi le prende dalle più "innocue" a quelle più pesanti per me ha sempre dei problemi.....indipendenti ovviamente dall'aspetto medicale...
:addio:



Molti cibi sono dei veleni: funghi, muffe, cioccolato, zuccheri in genere, prezemolo, salame stagionato, etc...
Presi in dosi accettabili possono piacere anche se ti fanno un po' male.

Ma la domanda e': tu non vuoi fumare la cannabis --> non farlo. Ma perche' gli altri che vogliono non devono poterlo fare?

La risposta, secondo me e' che se fosse legalizzata la criminalita' perderebbe miliardi di euro all'anno. Ne dovrebbe vendere di illegale a prezzo molto piu' bassi di quelli attuali...
Allora:
1 informiamo bene (e non dicendo che sono l'aperitivo delle droghe pesanti perche' l'aperitivo inplica che poi si mangi)
2 chi vuole sceglie di fumare cannabis
3 chi non vuole non la fuma
4 chi crea problemi perhce' sotto cannabis va punito (come con l'alchool)
“I nostri nemici sono stati l’ignoranza e la rassegnazione”. Non so perché, ma ormai è andata così.

Presentazione
Avatar utente
Morpheus
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1460
Iscritto il: 13/01/2014, 10:52

Morpheus...

Messaggiodi Vieri » 06/11/2017, 17:27

Ma la domanda e': tu non vuoi fumare la cannabis --> non farlo. Ma perche' gli altri che vogliono non devono poterlo fare?

Rigiriamo la domanda:

Ma la domanda e': tu non vuoi farti sniffando cocaina --> non farlo. Ma perche' gli altri che vogliono non devono poterlo fare?

Tu mi dirai allora che la cocaina è una droga pesante che crea dipendenza. Verissimo.
Il mio "nipote" disgraziatamente dell'ambiente mi diceva a suo tempo che alla fine c'erano anche suoi "amici" che se ne fumavano anche 10 e più al giorno....e come il fumare troppo bere troppo crea dipendenza è quindi sempre questione di quantità.

Se uno si fa 2-3 pacchetti al giorno per una 1/2 vita ( ad una non arriva) peggio per lui ma al limite se fuma e va in auto non ammazzerà nessuno.

Se uno si vede siti porno dalla mattina alla sera e se non gli vengono poi "voglie strane" farà alla fine quello che gli pare senza danneggiare nessuno....

Ma se uno esagera nelle canne e guida o esagera nel bere e guida e se ammazza qualcuno come disgraziatamente succede spesso lo mandiamo in galera?

Devi anche considerare che molti "fumati" sono anche degli alcolizzati ed è spesso il mix che ti sballa....
Hai mai pensato poi alle "buone compagnie" che ti offrono la prima volta la sigarettina per stare in compagnia e poi la "pillola furba".....
Devi anche considerare che la "mamma degli imbecilli è sempre incinta" ed almeno cerchiamo di farla "figliare" il meno possibile.... :ironico:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 7926
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Morpheus » 06/11/2017, 18:18

Vieri ha scritto:
Ma la domanda e': tu non vuoi fumare la cannabis --> non farlo. Ma perche' gli altri che vogliono non devono poterlo fare?

Rigiriamo la domanda:

Ma la domanda e': tu non vuoi farti sniffando cocaina --> non farlo. Ma perche' gli altri che vogliono non devono poterlo fare?

Tu mi dirai allora che la cocaina è una droga pesante che crea dipendenza. Verissimo.


Si ma io sto parlando di cannabis che rientra nelle cose che "possono piacere anche se ti fanno un po' male." Ovvio che se si estremizza...

Vieri ha scritto:Il mio "nipote" disgraziatamente dell'ambiente mi diceva a suo tempo che alla fine c'erano anche suoi "amici" che se ne fumavano anche 10 e più al giorno....e come il fumare troppo bere troppo crea dipendenza è quindi sempre questione di quantità.


Si ma non e' la norma...
Tu sostenevi che la cannabis e' "l'aperitivo della droga" intendendo che dopo la cannabis si arriva alla droga sicuro sicuro (come uno che prende l'aperitivo, poi mangia). Ma non e' cosi', e il fatto che dei drogati dicano che hanno iniziato con la cannabis NON e' significativo per capire se la causa della loro situazione sia la cannabis, e men che meno per decidere che la cannabis porta al drogarsi.
Per capire se quest'ultima affermazione ("'Chi fuma cannabis poi si droga") e' vera o falsa si deve guardare quanti fumano cannabis e compararli con chi e' drogato. E dato che molti fumano cannabis e pochi in comparazione sono drogati, si ottiene che la cannabis NON e' l'inizio di una vita da drogati.

Vieri ha scritto:Ma se uno esagera nelle canne e guida o esagera nel bere e guida e se ammazza qualcuno come disgraziatamente succede spesso lo mandiamo in galera?


Si, ma chi fuma cannabis, non sempre deve esagerare, ne arriva per forza a farsi droghe pesanti.

Vieri ha scritto:Devi anche considerare che molti "fumati" sono anche degli alcolizzati ed è spesso il mix che ti sballa....
Hai mai pensato poi alle "buone compagnie" che ti offrono la prima volta la sigarettina per stare in compagnia e poi la "pillola furba".....
Devi anche considerare che la "mamma degli imbecilli è sempre incinta" ed almeno cerchiamo di farla "figliare" il meno possibile.... :ironico:


Si, tutto bello e divertente... ma che c'entra? Hai iniziato assimilando chi fuma cannabis a chi si suicida o ammazza, poi dicendo che e' solo l'aperitivo... mentre sono concorde che non fa bene, penso pure che l'informazione deve essere corretta.
“I nostri nemici sono stati l’ignoranza e la rassegnazione”. Non so perché, ma ormai è andata così.

Presentazione
Avatar utente
Morpheus
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1460
Iscritto il: 13/01/2014, 10:52

Messaggiodi play » 06/11/2017, 18:39

Scusate l’intromissione. Ma perché uno si droga? Tutti parlano di quanto facciano male le droghe, ma nessuno parla del piacere che procurano, quasi come se in questa società non esistesse una cultura della droga, mentre invece secondo me esiste, eccome se esiste. La fumata se la fa la ragazzetta di 19 anni così come se la fa un uomo di cinquant’anni, anzi, se la fanno assieme dato che magari lei si è stancata del ragazzo della sua stessa età e vuole passare dalle superiori all’università del sesso; potrebbero decidere addirittura di passare insieme una settimana ad Amsterdam per fare delle esperienze trasgressive visto che i rapporti asimmetrici sono molto in voga. Nulla di nuovo sotto il sole. La trasgressione è il sale della vita. Non saprei dire però se le cosiddette voglie strane vengono perché uno si è guardato quintali di porno o sì è fumato la marijuana a livelli di quantità industriale, ma una cosa è certa: una persona “normale” di solito ha equilibrio, non s’incasina la vita al punto di procurare dei danni a se stesso e agli altri.
play
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1538
Iscritto il: 23/12/2011, 8:56

Messaggiodi VictorVonDoom » 06/11/2017, 18:41

Vieri ha scritto:Ma se uno esagera nelle canne e guida o esagera nel bere e guida e se ammazza qualcuno come disgraziatamente succede spesso lo mandiamo in galera?


Non vedo quindi il motivo per cui bisogna proibire la cannabis e non gli alcolici!
Se poi, per cortesia, invece di parlare a sensazioni leggessi i link che ho postato o facessi ricerche in merito magari, ma non credo, potresti farti un'opinione informata ed equilibrata.
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3121
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Ma vedi che alla fine siamo (quasi) d'accordo...

Messaggiodi Vieri » 06/11/2017, 18:44

Io ho parlato di "aperitivo" e non perchè serva necessariamente per avere appetito ma come vezzo spesso non necessario per stare in compagnia con qualche amico.

Certo che come dicevo prima se uno se ne fa 3 o 4 il mattino.....diventa allora sicuramente un vizio...se poi procede dopo il pomeriggio....
Poi perdonami, ma tu pensi veramente che uno di brutto dall'inizio si faccia di coca o di eroina diventando subito un "tossico" senza aver provato prima a fumarsi "innocentemente" delle canne???

Quindi, la mia morale è che meno ne gira meglio è......

Se poi dessero 10 - 20 -30 anni di galera come in certi paesi...a tutti gli spacciatori e corrieri di droghe pesanti sai quanti soldi risparmieremo in "comunità terapeutiche", ?
L'Italia ne è letteralmente piena con un costo morale e sociale enorme.
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 7926
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi VictorVonDoom » 06/11/2017, 19:13

Vieri ha scritto:Io ho parlato di "aperitivo" e non perchè serva necessariamente per avere appetito ma come vezzo spesso non necessario per stare in compagnia con qualche amico.


Niente è "necessario" per stare in compagnia, neanche la stessa compagnia è necessaria.

Vieri ha scritto:Certo che come dicevo prima se uno se ne fa 3 o 4 il mattino.....diventa allora sicuramente un vizio...se poi procede dopo il pomeriggio....


Ma la stessa cosa vale per il cibo, i dolci, le sigarette, gli alcolici...

Vieri ha scritto:Poi perdonami, ma tu pensi veramente che uno di brutto dall'inizio si faccia di coca o di eroina diventando subito un "tossico" senza aver provato prima a fumarsi "innocentemente" delle canne???


Non c'è alcuna conseguenza logica, altrimenti avremmo che tutti quelli che fumano cannabis sarebbero drogati.

Vieri ha scritto:Quindi, la mia morale è che meno ne gira meglio è......

Se poi dessero 10 - 20 -30 anni di galera come in certi paesi...a tutti gli spacciatori e corrieri di droghe pesanti sai quanti soldi risparmieremo in "comunità terapeutiche", ?
L'Italia ne è letteralmente piena con un costo morale e sociale enorme.


Il proibizionismo non ha mai portato a nulla, se non l'accontentare i più "conservatori" con una facciata di santoccheria.
La morale dovrebbe essere che, come la prostituzione, la cosa andrebbe regolata e controllata, per sottrarla alle mafie e per avere luoghi e materiale di "sollazzo" più puliti e più "sani".
L'Italia è piena di "comunità terapeutiche, di spacciatori, corrieri e magnaccia anche per la mancanza di coraggio da parte delle istituzioni di intraprendere un discorso serio su queste questioni.
Si preferisce far decidere i moralisti, cioè non decidere, e continuare a riempire le comunità terapeutiche e far sfruttare le prostitute.
Uno Stato con gli attributi prende il controllo di certe questioni delicate per sottrarle alla malavita E contemporaneamente fa informazione sui rischi.

Perchè, parliamoci chiaro, droghe e sesso sono vecchie quanto il mondo. Non è spazzando la polvere sotto il tappeto, facendo finta che proibendo una cosa questa scompaia, che si risolve il problema.
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3121
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Chiudiamo il discorso....

Messaggiodi Vieri » 06/11/2017, 20:48

La morale dovrebbe essere che, come la prostituzione, la cosa andrebbe regolata e controllata, per sottrarla alle mafie e per avere luoghi e materiale di "sollazzo" più puliti e più "sani".

Non per niente si definisce tale "attività" il mestiere più antico del mondo ma non credo che ai tempi dei romani "si facessero"..ma le città erano piene di lupanari....

Hai mai avuto rapporti e testimonianze con tossicodipendenti ?
Sei mai stato in una comunità di recupero ?
Sei mai stato vicino ad una persona in fase di astinenza acuta ?

Non voglio sapere i fatti tuoi ma devi darmi solo 3 risposte digitali SI/NO.......
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 7926
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Prossimo

Torna a Fuori Tema

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici