Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

La truffa del popolo eletto

Per discutere di temi ed argomenti di vario genere.

Moderatore: Quixote

Risposta multipla.....

Messaggiodi Vieri » 02/02/2018, 16:36

Vieri ha scritto:
Lizzy75 ha scritto:Ciao Neil, interessante quanto scrivi, mi riprometto di leggerlo nonostante io creda nella bibbia e per delle precise ragioni. Personalmente non temo di trovare delle discordanze nelle Sacre Scritture, anzi già so che ce sono e non poche, solo che a differenza dei tdg non commetto l'errore di considerare la bibbia al pari di un trattato di scienza e di storia, ma quello che è, ovvero un testo letterario e teologico. Altrimenti se dovessi prendermi la briga di interpretare in senso letterale la bibbia, non crederei a nulla, non crederei ad ad esempio alla teoria dell'evoluzionismo, eppure molti scienziati cattolici e la Chiesa lo ammettono, per la ragione che scienza e fede possono conciliarsi. Cosí anche per quello che si legge nei versetti confrontandoli tra loro, non vado a leggerli in chiave storica... La mia fede si basa nella testimonianza dei vangeli, nel miracolo della resurrezione, senza il bisogno di soffermarmi nei cavilli dei versetti, poiché l'interpretazione spetta al magistero della chiesa e le risposte sono da ricercarsi più che altro nella fede...

Condivido pienamente :quoto100:

nelly24 ha scritto:
Per il momento non sono capace di pensarla allo stesso modo. Il VT mi sembra il frutto dell'immaginazione degli uomini con motivi ben precisi: alzare il proprio valore e avere un spunto per governare gli altri.

Non abbiate il cuore di pietra ma di carne.....diceva Qualcuno.....ed in pratica devi esaminare la Bibbia intesa come VT come premessa degli insegnamenti del Vangelo ma ciò che conta per un cristiano cattolico è il Vangelo stesso e non per niente Gesù disse: "non sono venuto per abolire la legge ma per portarla a compimento"......

Cosa significherebbero allora questa parole se non rinnegare il "occhio per occhio, dente per dente" con "amate i vostri nemici ?"

L'errore ritengo di molti è di basarsi troppo su tutti gli aspetti della Bibbia sia di carattere storico ad usum del popolo ebraico, sia leggendari e per immagini, senza approfondirne i contenuti sotto l'aspetto salvifico con la costante attestazione di un Dio, si, a volte giustiziere ma sempre misericordioso.

Quindi, approfondire i singoli episodi e non solo "leggere" come se fosse un libro qualsiasi.
Come da esempi precedentemente citati, anch'io prima di approfondire certi episodi ero rimasto "dubbioso" e sbalestrato" fino a capirne alla fine il reale significato.

Giacobbe che combatte contro Dio ?.......No il significato vero era che combatteva contro sé stesso nella preghiera con Dio trovandosi in una situazione di grave pericolo e "vincendo" rimanendo alla fine perdonato.
L'osso sciatico rimasto poi dolorante è la rappresentazione per immagini che quando tu ti converti, il passaggio a questa "nuova fase" lascia sempre un "dolore" per i peccati commessi riconoscendoti umile rispetto a Dio stesso.

Nessuno ovviamente può combattere fisicamente contro Dio......!!
Buona serata a tutti
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5304
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Barfedio » 02/02/2018, 19:05

Ricambio i saluti a Nelly e Ray ... ed intanto che ci sono, saluto tutti gli altri, "vecchi" e nuovi :ciao:
Per quanto riguarda il VT, non ho mai capito (ed accettato) perché gli ebrei dovessero essere "il popolo prediletto" da dio e non ho mai creduto che delle parti qua e là dovessero essere lette letteralmente ed altre, invece, interpretate. Altrimenti é il caos, anche mentale.
Ed a proposito della mente, c'é stato qualcuno che di menti se ne intendeva molto, un certo Sigismund (Sigmund) Schlomo Freud, era ateo ma di famiglia ebraica, ed ha scritto qualcosa sulle origini della Bibbia.
Barfedio
Veterano del Forum
 
Messaggi: 3305
Iscritto il: 27/08/2009, 8:18

Messaggiodi Lizzy75 » 02/02/2018, 19:35

Barfedio ha scritto:Il VT é stato scritto dagli ebrei a loro esclusivo uso e consumo, spesso infilandoci dentro miti e leggende prese da altri popoli.
Bentornato Barfedio :strettamano: è vero che alcuni miti sono presi in prestito, ma se non sbaglio, il messaggio che il VT vuole dare è ben differente da quelli pagani ed era questo l'unico scopo, ovvero quello dell'insegnamento dell'adorazione verso l'unico Dio Jahveh... :ciao:
Lizzy75
 

Messaggiodi Barfedio » 03/02/2018, 20:52

Lizzy75 ha scritto:Bentornato Barfedio :strettamano: è vero che alcuni miti sono presi in prestito, ma se non sbaglio, il messaggio che il VT vuole dare è ben differente da quelli pagani ed era questo l'unico scopo, ovvero quello dell'insegnamento dell'adorazione verso l'unico Dio Jahveh... :ciao:
Sono d'accordo per "l'unico dio" ma non che quello fosse "l'unico scopo". Anzi, tendo a pensar male: che l'unico dio fosse un mezzo per giustificare tutto ciò che facevano (gli ebrei).
Barfedio
Veterano del Forum
 
Messaggi: 3305
Iscritto il: 27/08/2009, 8:18

Berfedio, ciao....

Messaggiodi Vieri » 03/02/2018, 23:41

Ciao Berfedio e ben tornato e probabilmente non mi conosci ancora ma desidero rispondere lo stesso al tuo quesito:
Per quanto riguarda il VT, non ho mai capito (ed accettato) perché gli ebrei dovessero essere "il popolo prediletto" da dio e non ho mai creduto che delle parti qua e là dovessero essere lette letteralmente ed altre, invece, interpretate. Altrimenti é il caos, anche mentale.

Ovviamente non si può giudicare in "quattro e quattrotto " un libro sacro come la Bibbia che è un "bestseller da quasi 3.000 anni....ma si possono fare però alcune considerazioni.
Le teorie più accreditate riguardo la redazione della Bibbia
Più di 40 autori fra sovrani, contadini, pescatori, studiosi e statisti, con una copertura di 40 generazioni. Redatta in più luoghi, dal deserto ai palazzi reali, in ben tre continenti, durante periodi di guerra e di pace, con diversi stili. Eppure, con una sconcertante continuità, dall'inizio alla fine, sebbene copra un periodo di più di 1500 anni fa. Perché ispirata dalla parola di Dio, sostengono i credenti.
L'opinione più comune è che la Bibbia venne messa per iscritto in un periodo che oscilla dal 1000 a.C. al 125 d.C.

Senza farla lunga in tutti i vari libri si narrano leggende, si usa un linguaggio per immagini, si raccontano forse storie vere con notevoli esagerazioni o storie inventate ma con il solo scopo di fornire al popolo ebraico sempre e solo degli insegnamenti sia sull'esistenza di un Dio unico ma che questo Dio voleva bene ed amava il popolo ebraico.

Perchè allora si domanda il buon Berfedio questo Dio era esclusivo e voleva bene solo al popolo ebraico?

Allora, io che ho fatto comunicazone di mestiere per parecchi anni la cosa alla fine non mi meraviglia poichè se io voglio "venderti un prodotto" ( in questo caso "Dio" ) devo dirti che questo è proprio quello che fa per te perchè è un prodotto esclusivo e "studiato" per le tue esigenze ? :sorriso:

Non voglio parlare di matketing primordiale ma se avessero detto subito che questo nuovo Dio (unico) amava e proteggeva tutti indistintamente, quindi come per i farmaci "un generico", avrebbe avuto sicuramente minore attenzione dal popolo che quasi sicuramente lo avrebbe ignorato al pari di tanti altri dei del tempo.

Il successo pertanto "commerciale" della Bibbia e pertanto del messaggio di Dio ( che tra l'altro era anche giusto..) derivò per conto mio proprio dalla esclusività di un Dio di amore fatto su misura apposta per te...popolo eletto...

Resta poi chiaro che, altro aspetto "promozionale", è che quando dici ad un povero pastore che questo Dio buono protegge solo te se fai il bravo ( ma con un po' di bastone e carota...) dona anche coraggio e speranza.....due elementi che specie in quei tempi servivano molto per affrontare la vita di tutti i giorni.....

Poi non prendetemi per un"commerciale miscredente" e non per niente questa idea di un Dio esclusivo a beneficio del solo popolo eletto, con Gesù, ovviamente fu sempre lo stesso ma che "diciamo" ampliò il suo "raggio di azione" indistintamente a tutta l'umanità anche se già con Mosé questa idea di Dio Universale era già sentita ma ancora da definire esattamente come leggiamo da un sito ebraico
http://www.ebraismoinpillole.it/dio-uno ... ncorporeo/:
Dio Uno e Unico, universale e incorporeo, non fu un’astratta idea filosofica, ma un’idea che doveva investire tutta la vita individuale e collettiva. La molteplicità degli dei rendeva possibili e legittime le differenze di razza, di nazione, di casta, di classe, di famiglia e quindi di predominio d’un uomo sull’altro e ‘un popolo sull’altro, poiché gl’idoli nazionali o familiari erano sensibili soltanto alle passioni, ai desideri, alle necessità della gente a cui appartenevano, della classe a cui erano più vicini, della famiglia che proteggevano.

Mancando l’idea del Dio Unico, doveva mancare anche l’idea dell’Umanità, la quale fu invece consustanziale col pensiero d’Israele; doveva mancare una concezione dell’etica degna di questo nome, perché non universale, perché non assoluta.


Relativamente poi alla tua seconda domanda:
non ho mai creduto che delle parti qua e là dovessero essere lette letteralmente ed altre, invece, interpretate.

Ti rispondo in maniera sintetica:
per me che sono cattolico, la Bibbia non è MAi da LEGGERE "LETTERALMENTE" ma è SEMPRE da INTERPRETARE e CAPIRE.
Per fartela breve è da pochi anni che studio interamente la bibbia (V.T.) e non nascondo anch'io di essere rimasto meravigliato di alcuni passi e per questo ti rimando per spiegazioni alla mia pagina web:
http://www.pensieri.info/la-bibbia-e-co ... tarla.html
e dall'altro lato confermo che certi altri passi ritenuti "sibillini come Giacobbe che combatté la sera contro Dio stesso mi erano rimasti particolarmente difficili e fino a quando mi erano stati correttamente spiegati.

In breve Giacobbe era rimasto solo davanti al pericolo sia da un lato che dall'altro ed iniziò, lui allora non particolarmente credente a pregare, La preghiera alla fine si rivolge a Dio ma è un combattimento alla fine contro te stesso nell'ammettere le tue paure ed i tuoi peccati dove vinci solo perchè Dio alla fine ti perdona ma "rimanendo alla fine azzoppato" perchè l'esperienza del pentimento e della preghiera vera lasciano sempre segni indelebili nello spirito.

E infatti da questa su redenzione Dio lo chiamerà israele e da lui nasceranno poi le 12 tribu.....
Ovviamente è una bellissima allegoria ma da capire anche ovviamente con lo studio delle letture ed una giusta interpretazione ( ovviamente per la parola "giusta",...non intendo quella dei tdG......)

Buona serata...
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5304
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Precedente

Torna a Fuori Tema

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 12 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici