Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

La truffa del popolo eletto

Per discutere di temi ed argomenti di vario genere.

Moderatore: Quixote

La truffa del popolo eletto

Messaggiodi nelly24 » 28/12/2017, 15:14

Avvertenze! La lettura é sconsigliata a chi desidera rimanere convinto che la Bibbia sia la parola di Dio, infallibile, storicamente precisa e fonte di profezie.

Vi ricordate, ogni tanto me ne esco con qualche post strano o „eretico“ es. La mia esperienza di morte condivisa, L'arcivescovo del genocidio oppure Reincarnazione – 20 casi a sostegno. Questa volta mi é capitato di leggere il libro di Giuseppe Verdi (da non confondere con il compositore) La truffa del popolo eletto, che é la prima parte de La Commedia Divina (da non confondere con La Divina Commedia). Confesso che mi veniva un colpo ad ogni pagina e ammetto che non vedo l'ora di leggere la vol.II.

Sicuramnente si troverá qualcuno che mi dirá che questo libro é letteratura spazzatura. Puó darsi, ma é tratto interamente dalla Bibbia con tanto di versetti che confermano quanto scritto.

Avete mai letto l'Antico Testamento? Si? Ne siete conviti? Avete mai paragonato i vari versetti tra di loro e controllando il testo biblico attraverso le scoperte archeologiche?

Come assaggio vediamo un po' cosa ne dite di questo versetto (Cronache 29,7):

7 Essi diedero per l'opera del tempio cinquemila talenti d'oro, diecimila darìci, diecimila talenti d'argento, diciottomila talenti di bronzo e centomila talenti di ferro. (copy/paste dalla bibbia CEI)

Sfortunatamente per chi scrisse queste righe, il darìco, é una moneta che inizio a essere coniata solo dall'epoca di Daio di Persia (da cui il nome), dunque tra il 522 e 486 a.C., circa quattrocento anni dopo Davide. Miracolo!

Leggendo l'Antico Testamemnto ci avete fatto caso, che le donne piú importanti (eccetto Eva) erano tutte sterili? Avete pensato quanto poteva essere bella Sara, la moglie di Abramo, quando a novant'anni fece perdere la testa al re Abimelech. Avete notato la somiglianza tra i nomi Brahma e Abraham? Comé possibile che Mose e Israeliti abbiano vagato per il deserto per 40 anni senza lasciare una sola traccia né un sepolcro? Come'era possibile mettere in marcia circa 3 milioni di persone in una sola notte? Anche ipotizzando un ordine serrato, con file di cento persone e un solo metro di distanza tra una fila e l'altra, ci sarebbero state trantamila file a formare una colonna lunga trenta chilometri......
La Bibbia é strapiena di incongruenze, favole e leggende. La storia degli Israeliti – dunque l'AT - é stata ri-scritta secoli dopo da scrittori anonimi. E questa dovrebbe essere la Parola ispirata da Dio? Dio come potrebbe permettere sbagli simili?

Non solo: la Bibbia é tremendamente maschilista, la donna viene paragonata al bestiame o a dei semplici oggetti. Per non parlare del comportamento di Lot verso le proprie figlie....e tanto ancora.
Soffermiamoci ora sull'immagine che l'AT ci fa avere del dio Yahweh: maschilista, assetato di sangue, per niente un Dio buono, bensí Dio degli eserciti, pronto a scatenare il male, Dio bugiardo che invita a mentire, feroce assassino che non risparmia né donne, né bambini né bestiame, un Dio geloso e permaloso che esita e cambia idea e addirittura si pente, Dio che incoraggia i sacrifici umani e la schiavitú.

Come ho giá detto, non vedo l'ora di leggere la seconda parte, eppure ho anche paura. Potrebbe squotere quel poco di fede che mi é rimasta oppure farla crollare del tutto.
Il mio post é solo un assaggio di questo libro eretico, dove potrete scoprire come é stato inventato il „popolo eletto“. Consiglio la lettura solo a chi é pronto a affrontare l'altra faccia della medaglia sulla Bibbia – il libro che ha segnato e condizionato la vita di milioni di persone.
«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»
C'è una forza motrice più forte del vapore, dell'elettricità e dell'energia atomica: la volontà.Albert Einstein
"Mi piacciono le persone che....no, niente. Mi piacciono gli animali"

Presentazione
Avatar utente
nelly24
Moderatore
 
Messaggi: 4369
Iscritto il: 11/12/2009, 20:53
Località: Slovenia

Messaggiodi Romagnolo » 28/12/2017, 16:15

Pensa Nelly, che pure tra gli ebrei odierni c'è chi crede più a quei racconti e li considera piede ( si fa per dire) leggende!
Comunque riguardo ai Darici la WT già tratto' l' argomento dicendo (come dicono gli studiosi stessi) che l' impiego dei Darici come unità monetaria era per far intendere il corrispettivo valore monetario offerto da Davide, dato che nel tempo in cui fu redatto Cronache erano in uso quel tipo di monete.
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4638
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi Panacca » 28/12/2017, 17:23

A Gatto Silvè,,, e ndò l'hai trovata sta chicca!?!?! :ciuccio:
Presentazione

Ci sono due tipi di sciocchi:
chi vede complotti dappertutto
e chi non li vede da nessuna parte
entrambi sono dispensati dal Pensare.
Avatar utente
Panacca
Utente Senior
 
Messaggi: 1369
Iscritto il: 20/01/2015, 18:49

Messaggiodi Lizzy75 » 26/01/2018, 18:43

Ciao Neil, interessante quanto scrivi, mi riprometto di leggerlo nonostante io creda nella bibbia e per delle precise ragioni. Personalmente non temo di trovare delle discordanze nelle Sacre Scritture, anzi già so che ce sono e non poche, solo che a differenza dei tdg non commetto l'errore di considerare la bibbia al pari di un trattato di scienza e di storia, ma quello che è, ovvero un testo letterario e teologico. Altrimenti se dovessi prendermi la briga di interpretare in senso letterale la bibbia, non crederei a nulla, non crederei ad ad esempio alla teoria dell'evoluzionismo, eppure molti scienziati cattolici e la Chiesa lo ammettono, per la ragione che scienza e fede possono conciliarsi. Cosí anche per quello che si legge nei versetti confrontandoli tra loro, non vado a leggerli in chiave storica... La mia fede si basa nella testimonianza dei vangeli, nel miracolo della resurrezione, senza il bisogno di soffermarmi nei cavilli dei versetti, poiché l'interpretazione spetta al magistero della chiesa e le risposte sono da ricercarsi più che altro nella fede...
Avatar utente
Lizzy75
Utente Senior
 
Messaggi: 1320
Iscritto il: 29/03/2010, 12:02

Oh, per queste cosette.....

Messaggiodi Vieri » 27/01/2018, 21:02

La Bibbia é strapiena di incongruenze, favole e leggende. La storia degli Israeliti – dunque l'AT - é stata ri-scritta secoli dopo da scrittori anonimi. E questa dovrebbe essere la Parola ispirata da Dio? Dio come potrebbe permettere sbagli simili?

Nelly cara,....io sono convinto che uno per essere e rimanere cristiaino o meglio "cattolico" debba fare come me che ha sempre letto il Vangelo ignorando o quasi per anni la Bibbia del V.T.

E solo allora da pochi anni che ho iniziato delle letture sistematiche della Bibbia e per dirti la verità: rizzando i capelli più di una volta....
A parte i famosi "numeri biblici" dove il 40 è citato tantissime volte dai giorni del diluvio agli anni nel deserto di Mosè a parte trovare un chiaro "messaggio per immagini" e di pura fantasia, trovo come anche nel tuo caso citato delle esagerazioni tipo quella di Mosè che lasciò l'Egitto con 600.000 israeliti maschi più le donne, i figli gli armenti ed altri al seguito spopolando letteralmente l'Egitto stesso che a quell'epoca non doveva avere più di 2 max 3 milioni di abitanti.....

Quindi niente meraviglie ma capire però meglio il perché di tali leggende ed esagerazioni storiche ed alla fine senza farla troppo lunga immedesimarsi nel linguaggio e negli intenti dei numerosi autori depurando il vero messaggio che si voleva dare al popolo ebraico nell'essere il popolo eletto, di obbedire a Dio che era sempre con loro, che li castigava anche ma che alla fine era sempre misericordioso con loro....da tutti fatti storici o fantastorici narrati.

Quindi se partiamo per conto mio dal Vangelo e si legge poi la Bibbia come "antipasto" spesso anche troppo ridondante dei principi annunciati successivamente da Gesù possiamo anche essere d'accordo ed apprezzare anche molte parti della Bibbia stessa.

Se invece si comincia subito a prenderla fin dall'inizio come "oro colato" e verità incontestabili anche le predette leggende o volute esagerazioni senza un minimo di visione di insieme...alla fine diventiamo come i tdG.....

Le mie conclusioni ?
Alla fine cerco di apprezzare il messaggio di base che gli autori desiderano dare e che è veramente "Parola di Dio" cercando volutamente di tralasciare la descrizione dettagliata del tempio di Salomone, le varie generazioni nome per nome (dove nessuno poi potà controllarne l'autenticità) e le cifre e le date decisamente esagerate.

Del resto, perdonami un attimo, ma ad un popolo ignorante di pastori se non avessero "favoleggiato" sulle dimensioni e le spese del tempio di Salomone o avessero solo detto che Mosè usci dall'Egitto con qualche migliaio di ebrei pensi che queste persone se ne sarebbero alla fine ricordato ?....
Buona serata....
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4952
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Predestinato74 » 28/01/2018, 2:00

In effetti questi libri sensazionalitici rappresentano delle vere bombe per chi legge la Bibbia secondo la prospettiva protestante e/o tdg. La Chiesa cattolica ha un altro modo di leggerla per cui questi sensazionalismi sono la scoperta dell’ acqua calda
Avatar utente
Predestinato74
Nuovo Utente
 
Messaggi: 136
Iscritto il: 22/06/2014, 21:50

Tutto fa brodo per vendere libri.....

Messaggiodi Vieri » 28/01/2018, 12:53

Predestinato74 ha scritto:In effetti questi libri sensazionalitici rappresentano delle vere bombe per chi legge la Bibbia secondo la prospettiva protestante e/o tdg. La Chiesa cattolica ha un altro modo di leggerla per cui questi sensazionalismi sono la scoperta dell’ acqua calda

Avete notato perchè tutti i libri di Dan Brawn hanno avuto tanto successo?
Semplice. Parlavano tutte di "storie dove la religione era sempre nel mezzo con invenzioni letterarie talmente assurde da sembrare quasi vere per alcuni....

Inventare storie su Gesù Cristo, se vedete anche in moltissime altre pubblicazioni sensazionalistiche, crea sempre molta curiosità (perversa) che porta alla fine un sacco di soldi...... :risata: :risata:
Alcuni titoli?
- La vita segreta di Gesù
- Il quinto Vangelo
- Gesù Cristo non è mai esistito
- Il matrimonio di Gesù
- La favola di Cristo.......

Basta così o vado ancora avanti....... :risata: :risata: :risata:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4952
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi nelly24 » 28/01/2018, 14:03

Romagnolo ha scritto:Pensa Nelly, che pure tra gli ebrei odierni c'è chi crede più a quei racconti e li considera piede ( si fa per dire) leggende!
Comunque riguardo ai Darici la WT già tratto' l' argomento dicendo (come dicono gli studiosi stessi) che l' impiego dei Darici come unità monetaria era per far intendere il corrispettivo valore monetario offerto da Davide, dato che nel tempo in cui fu redatto Cronache erano in uso quel tipo di monete.

Se lo dicono loro....
Dunque la Parola di Dio avrebbe bisogno di essere "redatta"? Allora hanno ragione i tdg che ogni tanto stampano una loro bibbia "redatta" a piacimento.

Panacca ha scritto:A Gatto Silvè,,, e ndò l'hai trovata sta chicca!?!?! :ciuccio:
E Silvestro risponde: NEL VECCHIO TESTAMENTO, nemmeno un versetto inventato.

Vieri ha scritto:Avete notato perchè tutti i libri di Dan Brawn hanno avuto tanto successo?
Semplice. Parlavano tutte di "storie dove la religione era sempre nel mezzo con invenzioni letterarie talmente assurde da sembrare quasi vere per alcuni....

Inventare storie su Gesù Cristo, se vedete anche in moltissime altre pubblicazioni sensazionalistiche, crea sempre molta curiosità (perversa) che porta alla fine un sacco di soldi...... :risata: :risata:
Alcuni titoli?
- La vita segreta di Gesù
- Il quinto Vangelo
- Gesù Cristo non è mai esistito
- Il matrimonio di Gesù
- La favola di Cristo.......

Basta così o vado ancora avanti....... :risata: :risata: :risata:


Ho forse menzionato Gesú? Stavo solo citando "eventi storici" elencati nel VT. Niente di inventato, tutto documento dalla Bibbia. Vieri, non eri forse tu stesso a scrivere in un altro thread: "Gli americani dicono: "se tu hai una idea ed io ne ho un'altra, solo se ci confrontiamo alla fine ne avremo due a testa....." -mi era piaciuta molto e questa volta sono d'accordo con gli americani. Dunque, confrontiamo le nostre idee e non paragonare tutto subito a Dan Brown che poco a poco arriviamo a Jules Verne.


Predestinato74 ha scritto:In effetti questi libri sensazionalitici rappresentano delle vere bombe per chi legge la Bibbia secondo la prospettiva protestante e/o tdg. La Chiesa cattolica ha un altro modo di leggerla per cui questi sensazionalismi sono la scoperta dell’ acqua calda

Qual é il modo di leggere della Chiesa Cattolica?
Adamo ed Eva sono esistiti davvero?
Il serpente parlante?
il diluvio universale,
l'arca di Noe' con tutti gli animali (puri e impuri anche se quali sono quegli impuri venne definito secoli dopo Noe')
la distruzione di Sodoma e Gomorra? E sto Lot che stimo' di piú gli ospiti che le proprie figlie (SEMPRE DONNE!)
le Leggi Mosaiche - guarda un po' la posozione delle donne che venivano messe alla pari a degli oggetti o bestiame. Dopo il parto rimaneva impura piú a lungo se il nascituro fosse una femminuccia. Alla donna doveva essere tagliata la mano dal marito stesso in caso di una rissa dove la moglie intervenisse per diffendere il marito prendendo in mano i genitali (non si sa perché lo avrebbe fatto) di un altro uomo.....
Non fu lo stesso Jahve' ad ordinare lo sterminio di interi popoli: uomini, donne, vecchi, bambini e persino il BESTIAME!!! Sti poveri animali che gli avevano fatto????
Ordinó di schiavizzare i popoli sconfitti (non vi ricorda qualcosa accaduto nel 1800 - ... in America?)
Non fu Jahve' ad ordinare sacrifici di bestiame elencando il tipo di bestia che doveva essere offerta e in un versetto specificando che il membro (pene!) della bestia doveva essere cosi e cosi, non troppo corto, i testicoli .... etc....
Chi consentí il sacrificio della figlia di Iefte? Di sicuro non un Dio buono e misericordioso.
Io, Nelly, mi sarei comportta piú generosamente, piú misericordiosa di questo Jahve'. Almeno gli animali li avrei lasciati vivere.
1. o il VT racconta il vero (e mi far paura)
2. sono tutte favole create da alcuni per poter governare milioni di persone .

Non fatemi dire cose che non ho detto e non ho scritto.
Attenetevi al tema che parla della creazione di una truffa di dimensioni mondiali.
«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»
C'è una forza motrice più forte del vapore, dell'elettricità e dell'energia atomica: la volontà.Albert Einstein
"Mi piacciono le persone che....no, niente. Mi piacciono gli animali"

Presentazione
Avatar utente
nelly24
Moderatore
 
Messaggi: 4369
Iscritto il: 11/12/2009, 20:53
Località: Slovenia

Messaggiodi nelly24 » 28/01/2018, 14:35

La Bibbia cosí com'é - protestante, cattolica indifferente - si autodefinisce la Parola di Dio e come tale ispirata.
Prendiamo un manuale d'istruzioni per l'uso corretto di un elettrodomestico. Non possiamo leggerlo e dire: Naaah, questa parte non mi piace, faro' a modo mio. No, o lo prendiamo alla lettera, oppure salta qualcosa....
«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»
C'è una forza motrice più forte del vapore, dell'elettricità e dell'energia atomica: la volontà.Albert Einstein
"Mi piacciono le persone che....no, niente. Mi piacciono gli animali"

Presentazione
Avatar utente
nelly24
Moderatore
 
Messaggi: 4369
Iscritto il: 11/12/2009, 20:53
Località: Slovenia

Messaggiodi DeProggy » 28/01/2018, 15:34

:conf: :boh: :test: :cer:
Ultima modifica di DeProggy il 28/01/2018, 15:37, modificato 1 volta in totale.
"La mente è come un paracadute. Funziona solo se si apre" - Albert Einstein
L´AMORE INFINITO E´ L´UNICA VERITA´, tutto il resto e´illusione - David Icke
Presentazione: viewtopic.php?f=8&t=8764&p=127135#p127135
Avatar utente
DeProggy
Utente Junior
 
Messaggi: 489
Iscritto il: 05/10/2011, 16:28

Messaggiodi DeProggy » 28/01/2018, 15:36

...per fortuna il vero Dio (se esiste e chiunque esso sia) non ha bisogno di un libro cosi schiffoso e macabro - mi riferisco al AT- per presentarsi.

:pace:

DeProggy
"La mente è come un paracadute. Funziona solo se si apre" - Albert Einstein
L´AMORE INFINITO E´ L´UNICA VERITA´, tutto il resto e´illusione - David Icke
Presentazione: viewtopic.php?f=8&t=8764&p=127135#p127135
Avatar utente
DeProggy
Utente Junior
 
Messaggi: 489
Iscritto il: 05/10/2011, 16:28

Messaggiodi Socrate69 » 28/01/2018, 17:07

Per me, credere che ciò che è scritto nei testi considerati sacri sia da prendere alla lettera, siano essi del giudaismo, del cristianesimo, dell'islam e via dicendo, è come credere che il mago Copperfield possieda veramente poteri sovrannaturali.
Purtroppo, aver dato eccessivo credito a tali scritti ha schiavizzato popolazioni intere, addirittura fanatizzandole in nome di dei che fino a prova contraria sono assenti.
L'ignorante afferma, il saggio dubita, il sapiente riflette - Aristotele

Presentazione
Avatar utente
Socrate69
Veterano del Forum
 
Messaggi: 3558
Iscritto il: 18/12/2013, 15:44

Rispost mutipla .....

Messaggiodi Vieri » 28/01/2018, 23:53

Che possiate avere le vostre opinioni, non lo metto in dubbio ma metto in dubbio le vostre considerazioni specie:
per fortuna il vero Dio (se esiste e chiunque esso sia) non ha bisogno di un libro cosi schiffoso e macabro - mi riferisco al AT- per presentarsi.

....ma dovete considerare che è un libro non scritto da un solo autore ma forse da molte decine in epoche molto antiche e diverse e non potete pertanto oggi giudicare tali testi con la testa di una persona di oggi.

Allora era normale che chi vinceva non faceva prigionieri e quei pochi risparmiati...resi schiavi....e dove il concetto di Dio era specie nei primi libri della Bibbia particolarmente legata al popolo ebraico a fianco sempre di ogni loro battaglia.

Non dico che la Bibbia non abbia dei passi molto truci e direi anche emblematici ma sono 72 libri e fra molti di questi esistono insegnamenti molto validi e che in pratica rappresentano spesso molte anticipazioni alle parole contenute nel Vangelo.

Non per niente La Commission Biblica Pontificia afferma:
Come interpretare correttamente la Bibbia

http://www.vatican.va/roman_curia/congr ... ne_it.html

La vita della Chiesa si fonda sulla Parola di Dio. Essa viene tramandata nella Sacra Scrittura, ossia negli scritti dell’Antico e del Nuovo Testamento.
Secondo la fede della Chiesa, tutti questi scritti sono ispirati, hanno Dio per autore, il quale si è servito di uomini da lui scelti per la loro stesura. A causa della loro ispirazione divina, i libri biblici comunicano la verità.

Gli Scritti che non provengono da Dio non possono comunicare la Parola di Dio e scritti che non sono veri non possono fondare e animare la vita e la missione della Chiesa. Tuttavia la verità presente nei testi sacri non sempre è facilmente riconoscibile.

Talvolta vi sono, almeno apparentemente, dei contrasti fra ciò che si legge nei racconti biblici e i risultati delle scienze naturali e storiche. Queste sembrano contraddire ciò che affermano gli scritti biblici e metterne in dubbio la verità.
È ovvio che questa situazione coinvolge anche l’ispirazione biblica: se ciò che viene comunicato nella Bibbia non è vero, come può avere Dio per autore?


A partire da questi interrogativi la Pontificia Commissione Biblica si è sforzata di indagare sul rapporto che esiste tra ispirazione e verità e di verificare in quale modo gli stessi scritti biblici trattano questi concetti.
Si deve anzitutto constatare che raramente gli scritti sacri parlano direttamente di ispirazione (cf. 2Tm 3,16; 2Pt 1,20-21), ma mostrano continuamente il rapporto tra i loro autori umani e Dio ed esprimono in tal modo la loro provenienza da Dio e nell’Antico Testamento questo rapporto che lega l’autore umano a Dio e viceversa viene attestato in forme e caratteristiche diverse.

La Commissione Biblica si è soffermata a esaminare alcune difficoltà che sembrano problematiche dal punto di vista storico o etico-sociale.
Per rispondere a questi interrogativi è necessario leggere e comprendere in maniera adeguata i testi che pongono difficoltà, tenendo conto dei risultati delle scienze moderne e al contempo del loro argomento principale, ossia Dio e il suo piano salvifico. Tale approccio mostra come i dubbi che si sollevano contro la verità e la provenienza da Dio possono essere spiegati e superati.

Il contesto dello studio dell’ispirazione e della verità della Bibbia

Nella proclamazione dei brani biblici si afferma sempre che sono «Parola di Dio» (o «Parola del Signore»). Questa affermazione può essere compresa in un duplice senso: innanzitutto come parola che proviene da Dio, ma anche come parola che parla di Dio.

Questi due significati sono intimamente connessi tra loro. Solo Dio conosce Dio; di conseguenza, solo Dio può parlare di Dio in un modo adeguato e affidabile. Perciò soltanto una parola che proviene da Dio può parlare giustamente di Dio.

L’affermazione «Parola di Dio» invita i fedeli a essere consapevoli di che cosa stanno ascoltando e a prestarvi un’attenzione proporzionata. Essi devono avere la riverenza e la gratitudine che sono dovute alla Parola che proviene da Dio, e devono essere attenti per intendere e comprendere che cosa questa Parola comunica su Dio, e così entrare in una unione sempre più viva con Lui.

Le tre parti del documento di analisi


- La prima parte del nostro documento si occupa dell’ispirazione della Sacra Scrittura indagandone la provenienza da Dio,

- La seconda parte studia la verità della Parola di Dio, mettendo in risalto il messaggio su Dio e sul suo progetto di salvezza.

- La terza parte del documento si occupa poi di alcune sfide che provengono dalla stessa Bibbia, a motivo di certi aspetti che sembrano smentire la sua qualità di Parola di Dio.

Quindi......
"grano salis" nell'interpretazione della Bibbia e dove "stranamente" dalla C.C. NON vengono mai letti e citati tutti gli avvenienti particolarmente "discutibili"....ma solo i passi più significativi.
Buona serata
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4952
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Giovanni64 » 29/01/2018, 11:55

nelly24 ha scritto:La Bibbia cosí com'é - protestante, cattolica indifferente - si autodefinisce la Parola di Dio e come tale ispirata.
Prendiamo un manuale d'istruzioni per l'uso corretto di un elettrodomestico. Non possiamo leggerlo e dire: Naaah, questa parte non mi piace, faro' a modo mio. No, o lo prendiamo alla lettera, oppure salta qualcosa....


Sono gli uomini, la tradizione, la Storia che definiscono e hanno definito, in maniera talvolta anche molto conflittuale, cosa si debba intendere per "Bibbia". La Bibbia, o meglio, le Bibbie non si autodefiniscono e nemmeno ci provano a farlo.
D'altro canto anche il cosiddetto messia non ha mai mostrato, per quel che risulta, di voler fare un minimo di chiarezza al riguardo, né ha mai mostrato di voler affidare un proprio messsaggio (destinato peraltro ad una situazione locale, particolare e a lui contemporanea) a qualcosa di scritto, ad una lista di scritti eterogenei, che poi, per giunta, doveva anche essere dichiarata "ispirata" e come tale valere per le generazioni dei millenni a venire. Sono tutte cose create da altri uomini come lui, via via nei secoli successivi.

Io non mi intendo di caratteri dell'alfabeto ma provo lo stesso a fare un esempio: la lettera A non si autodefinisce, non ha un suono, un valore, o un significato intrinseco, valido in ogni tempo e luogo, ma ha il suono e il significato che gli dà la tradizione nella quale la lettera è definita.

Ora si può anche accertare che il segno A sia stato "inizialmente" creato per indicare un bue ma questo non obbliga i credenti a pensare che Dio abbia voluto dire bue con la lettera A.
Avatar utente
Giovanni64
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2837
Iscritto il: 09/01/2010, 8:59

Messaggiodi Lizzy75 » 29/01/2018, 12:26

Vieri ha scritto:Che possiate avere le vostre opinioni, non lo metto in dubbio ma metto in dubbio le vostre considerazioni specie:
per fortuna il vero Dio (se esiste e chiunque esso sia) non ha bisogno di un libro cosi schiffoso e macabro - mi riferisco al AT- per presentarsi.

....ma dovete considerare che è un libro non scritto da un solo autore ma forse da molte decine in epoche molto antiche e diverse e non potete pertanto oggi giudicare tali testi con la testa di una persona di oggi.

Allora era normale che chi vinceva non faceva prigionieri e quei pochi risparmiati...resi schiavi....e dove il concetto di Dio era specie nei primi libri della Bibbia particolarmente legata al popolo ebraico a fianco sempre di ogni loro battaglia.

Non dico che la Bibbia non abbia dei passi molto truci e direi anche emblematici ma sono 72 libri e fra molti di questi esistono insegnamenti molto validi e che in pratica rappresentano spesso molte anticipazioni alle parole contenute nel Vangelo.

Non per niente La Commission Biblica Pontificia afferma:
Come interpretare correttamente la Bibbia

http://www.vatican.va/roman_curia/congr ... ne_it.html

La vita della Chiesa si fonda sulla Parola di Dio. Essa viene tramandata nella Sacra Scrittura, ossia negli scritti dell’Antico e del Nuovo Testamento.
Secondo la fede della Chiesa, tutti questi scritti sono ispirati, hanno Dio per autore, il quale si è servito di uomini da lui scelti per la loro stesura. A causa della loro ispirazione divina, i libri biblici comunicano la verità.

Gli Scritti che non provengono da Dio non possono comunicare la Parola di Dio e scritti che non sono veri non possono fondare e animare la vita e la missione della Chiesa. Tuttavia la verità presente nei testi sacri non sempre è facilmente riconoscibile.

Talvolta vi sono, almeno apparentemente, dei contrasti fra ciò che si legge nei racconti biblici e i risultati delle scienze naturali e storiche. Queste sembrano contraddire ciò che affermano gli scritti biblici e metterne in dubbio la verità.
È ovvio che questa situazione coinvolge anche l’ispirazione biblica: se ciò che viene comunicato nella Bibbia non è vero, come può avere Dio per autore?


A partire da questi interrogativi la Pontificia Commissione Biblica si è sforzata di indagare sul rapporto che esiste tra ispirazione e verità e di verificare in quale modo gli stessi scritti biblici trattano questi concetti.
Si deve anzitutto constatare che raramente gli scritti sacri parlano direttamente di ispirazione (cf. 2Tm 3,16; 2Pt 1,20-21), ma mostrano continuamente il rapporto tra i loro autori umani e Dio ed esprimono in tal modo la loro provenienza da Dio e nell’Antico Testamento questo rapporto che lega l’autore umano a Dio e viceversa viene attestato in forme e caratteristiche diverse.

La Commissione Biblica si è soffermata a esaminare alcune difficoltà che sembrano problematiche dal punto di vista storico o etico-sociale.
Per rispondere a questi interrogativi è necessario leggere e comprendere in maniera adeguata i testi che pongono difficoltà, tenendo conto dei risultati delle scienze moderne e al contempo del loro argomento principale, ossia Dio e il suo piano salvifico. Tale approccio mostra come i dubbi che si sollevano contro la verità e la provenienza da Dio possono essere spiegati e superati.

Il contesto dello studio dell’ispirazione e della verità della Bibbia

Nella proclamazione dei brani biblici si afferma sempre che sono «Parola di Dio» (o «Parola del Signore»). Questa affermazione può essere compresa in un duplice senso: innanzitutto come parola che proviene da Dio, ma anche come parola che parla di Dio.

Questi due significati sono intimamente connessi tra loro. Solo Dio conosce Dio; di conseguenza, solo Dio può parlare di Dio in un modo adeguato e affidabile. Perciò soltanto una parola che proviene da Dio può parlare giustamente di Dio.

L’affermazione «Parola di Dio» invita i fedeli a essere consapevoli di che cosa stanno ascoltando e a prestarvi un’attenzione proporzionata. Essi devono avere la riverenza e la gratitudine che sono dovute alla Parola che proviene da Dio, e devono essere attenti per intendere e comprendere che cosa questa Parola comunica su Dio, e così entrare in una unione sempre più viva con Lui.

Le tre parti del documento di analisi


- La prima parte del nostro documento si occupa dell’ispirazione della Sacra Scrittura indagandone la provenienza da Dio,

- La seconda parte studia la verità della Parola di Dio, mettendo in risalto il messaggio su Dio e sul suo progetto di salvezza.

- La terza parte del documento si occupa poi di alcune sfide che provengono dalla stessa Bibbia, a motivo di certi aspetti che sembrano smentire la sua qualità di Parola di Dio.

Quindi......
"grano salis" nell'interpretazione della Bibbia e dove "stranamente" dalla C.C. NON vengono mai letti e citati tutti gli avvenienti particolarmente "discutibili"....ma solo i passi più significativi.
Buona serata
Quoto parola per parola... Troppo spesso si commette lo stesso errore dei tdg e di altri gruppi settari, di ricorrere alla lettura fondamentalista dei testi sacri, non si vuole capire che il voler interpretare a tutti i costi in senso letterale la bibbia ( o si prende la bibbia così com'è o non si accetta) senza tenere conto del metodo storico scientifico si rischia di stravolgere il pensiero che la bibbia vuole dare. Persino nei vangeli si può riscontrare una certa diversità delle testimonianze, essendo attestate da tradizioni orali diverse e contrastanti, questo non vuol dire che i testi non siano ispirati, perché questa diversità era voluta, essendo messi per iscritto in modo indipendente e parallelo. Alla fine è solamente il messaggio salvifico del Cristo quello che conta.
Avatar utente
Lizzy75
Utente Senior
 
Messaggi: 1320
Iscritto il: 29/03/2010, 12:02

Messaggiodi nelly24 » 29/01/2018, 13:39

Lizzy75 ha scritto:Quoto parola per parola... Troppo spesso si commette lo stesso errore dei tdg e di altri gruppi settari, di ricorrere alla lettura fondamentalista dei testi sacri, non si vuole capire che il voler interpretare a tutti i costi in senso letterale la bibbia ( o si prende la bibbia così com'è o non si accetta) senza tenere conto del metodo storico scientifico si rischia di stravolgere il pensiero che la bibbia vuole dare. Persino nei vangeli si può riscontrare una certa diversità delle testimonianze, essendo attestate da tradizioni orali diverse e contrastanti, questo non vuol dire che i testi non siano ispirati, perché questa diversità era voluta, essendo messi per iscritto in modo indipendente e parallelo. Alla fine è solamente il messaggio salvifico del Cristo quello che conta.

Per il momento non sono capace di pensarla allo stesso modo. Il VT mi sembra il frutto dell'immaginazione degli uomini con motivi ben precisi: alzare il proprio valore e avere un spunto per governare gli altri.
«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»
C'è una forza motrice più forte del vapore, dell'elettricità e dell'energia atomica: la volontà.Albert Einstein
"Mi piacciono le persone che....no, niente. Mi piacciono gli animali"

Presentazione
Avatar utente
nelly24
Moderatore
 
Messaggi: 4369
Iscritto il: 11/12/2009, 20:53
Località: Slovenia

Messaggiodi Mauro1971 » 29/01/2018, 13:55

nelly24 ha scritto:
Lizzy75 ha scritto:Quoto parola per parola... Troppo spesso si commette lo stesso errore dei tdg e di altri gruppi settari, di ricorrere alla lettura fondamentalista dei testi sacri, non si vuole capire che il voler interpretare a tutti i costi in senso letterale la bibbia ( o si prende la bibbia così com'è o non si accetta) senza tenere conto del metodo storico scientifico si rischia di stravolgere il pensiero che la bibbia vuole dare. Persino nei vangeli si può riscontrare una certa diversità delle testimonianze, essendo attestate da tradizioni orali diverse e contrastanti, questo non vuol dire che i testi non siano ispirati, perché questa diversità era voluta, essendo messi per iscritto in modo indipendente e parallelo. Alla fine è solamente il messaggio salvifico del Cristo quello che conta.

Per il momento non sono capace di pensarla allo stesso modo. Il VT mi sembra il frutto dell'immaginazione degli uomini con motivi ben precisi: alzare il proprio valore e avere un spunto per governare gli altri.


Ti dirò che a me sta storia che si scelgono i passi che preferiscono e gli altri praticamente non esistono non torna. E' già di per se una fallacia logica, se non erro chiamata cherry picking o simile.
Comunque, resta il problema che prima o poi potrebbero decidere di tornare a leggerli ed avere un nuovo Torquemada o Crociate contro gli eretici e sterminare altri oltre ai buoni cari vecchi Catari, et similia.
Nulla di tutto ciò è diventato contrario al Magistero Straordinario.

Non è proprio bellissimo eh...
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Gold
 
Messaggi: 8688
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Vedi Nelly....

Messaggiodi Vieri » 29/01/2018, 15:33

nelly24 ha scritto:
Lizzy75 ha scritto:Quoto parola per parola... Troppo spesso si commette lo stesso errore dei tdg e di altri gruppi settari, di ricorrere alla lettura fondamentalista dei testi sacri, non si vuole capire che il voler interpretare a tutti i costi in senso letterale la bibbia ( o si prende la bibbia così com'è o non si accetta) senza tenere conto del metodo storico scientifico si rischia di stravolgere il pensiero che la bibbia vuole dare. Persino nei vangeli si può riscontrare una certa diversità delle testimonianze, essendo attestate da tradizioni orali diverse e contrastanti, questo non vuol dire che i testi non siano ispirati, perché questa diversità era voluta, essendo messi per iscritto in modo indipendente e parallelo. Alla fine è solamente il messaggio salvifico del Cristo quello che conta.

Per il momento non sono capace di pensarla allo stesso modo. Il VT mi sembra il frutto dell'immaginazione degli uomini con motivi ben precisi: alzare il proprio valore e avere un spunto per governare gli altri.

Il motivo particolare perchè tu non sia d'accordo è che probabilmente ti hanno insegnato diversamente dal sottoscritto a partire dalle letture del Vangelo per poi arrivare successivamente alla Bibbia.

In effetti essendo, da cattolico, da pochi anni ad aver iniziato a leggere in maniera più approfondita la Bibbia, spesso sono rimasto meravigliato anch'io di tali letture ma alle quali non ho mai dato molto peso poichè guardavo sempre agli insegnamenti.

Te ne dico uno:
Hai mai pensato che tutti i grandi personaggi della Bibbia alla fine non erano mai stati dei "santerellini"?
Mosè aveva ammazzato un egiziano......
Saul si era suicidato.....
Davide per prendersi Betzabea aveva mandato a morire il marito oltre a tradire una volta il suo popolo .....
Salomone era un donnaiolo da paura con 700 concubine e 300 mogli.....
Giacobbe era stato un furbacchione fregando la primogenitura a Esaù.......
Elia, aveva ammazzato un sacco di sacerdoti di Baal.....
e per infine anche Pietro nel Vangelo tradì Gesù....

Se lo leggi senza ragionare diresti: "ma che brave persone che elegge ed ai quali vuole bene Dio !"......

Poi se rifletti meglio vai a vedere che tutti questi personaggi che riflettono per molti aspetti anche noi stessi con i nostri peccati i nostri tradimenti e le nostre indecisioni solo con l'amore verso Dio ed il sincero pentimento dei loro peccati sono stati alla fine i benvoluti da Dio stesso......

In conclusione la Bibbia non è un romanzo da leggersi senza pensare e senza spesso un aiuto concreto da parte di altri ma un libro che contiene grandi verità. Dipende però, non solo alla fine dalla tua testa, ma anche da chi te le spiega... :ironico:

Una riflessione poi dell'ultim'ora che fino a ieri non riuscivo a capire:

Giacobbe sul fiume combatte addirittura contro Dio stesso che gli sloga l'anca....... :boh: :boh: :boh:

Fino a ieri ero perso, forse come te, nel buio più assoluto... fino a quando me lo hanno spiegato.....

Giacobbe era alle strette ed in un momento di grande difficoltà poiché aveva davanti suo zio Lebano che gli impediva la strada per tornare indietro.

Era completamente solo con il fiumiciattolo alle sue spalle poiché al di là del quale aveva mandato tutta la sua carovana con mogli e servi con la paura di incontrare suo fratello Esaù che con 400 armati voleva fargliela pagare per averlo fregato....
Inizia allora il "combattimento" con una Persona ( che poi era Dio stesso) per tutta la notte e fino all'alba, vincendo alla fine ma chiedendo poi la Sua benedizione nonostante aver ricevuto una slogatura all'anca.......

Cosa voleva dire allora?

Giacobbe che fino ad allora non credeva e si era sempre arricchito trovandosi in quel particoare momento di difficoltà allora pregò.
Chi prego se non Dio stesso fino all'alba per perdonarlo dei suoi peccati e la sua poca fede in lui "vincendo" che significa ricevendone il perdono con un vero cambiamento.
Quando preghi, non è alla fine un "combattimento" interiore per esporre liberamente i tuoi limiti ed i tuoi peccati e chiedere alla fine perdono a Dio ?

Un cambiamento talmente grande che da allora cambiò addirittuta nome chiamandosi "Israele" ed i suoi 12 figli divennero alla fine i progenitori delle relative e note tribù di Israele.....

E' certo che l'anca slogata rimase poichè l'esperienza del pentimento e la conoscenza della misericordia di Dio lasciano sempre un segno indelebile nella nostra coscienza.

Il tema principale era pertanto la preghiera per ottenere il perdono e la salvezza.....


Fine delle "pappardelle".... :sorriso:

PS. per Mauro....
Il tuo costante scetticismo ti porta a non esaminare e non dividere i veri insegnamenti di Dio da dei racconti storici o quasi dove Dio era sempre messo nel mezzo per compiacere non Lui ma gli umani.....
"Dio è con noi", ...."Dio lo vuole",..... "sono il messaggero di Dio...." quante volte queste parole le abbiamo sentite e poi se rileggi bene l'opinione della Commissione biblica pontificia, mi sembra che parli chiaro...:
A partire da questi interrogativi la Pontificia Commissione Biblica si è sforzata di indagare sul rapporto che esiste tra ispirazione e verità e di verificare in quale modo gli stessi scritti biblici trattano questi concetti.
Si deve anzitutto constatare che raramente gli scritti sacri parlano direttamente di ispirazione (cf. 2Tm 3,16; 2Pt 1,20-21), ma mostrano continuamente il rapporto tra i loro autori umani e Dio ed esprimono in tal modo la loro provenienza da Dio e nell’Antico Testamento questo rapporto che lega l’autore umano a Dio e viceversa viene attestato in forme e caratteristiche diverse.

Buona giornata....
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4952
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Lizzy75 » 30/01/2018, 11:00

Mauro1971 ha scritto:Ti dirò che a me sta storia che si scelgono i passi che preferiscono e gli altri praticamente non esistono non torna. E' già di per se una fallacia logica, se non erro chiamata cherry picking o simile.
Comunque, resta il problema che prima o poi potrebbero decidere di tornare a leggerli ed avere un nuovo Torquemada o Crociate contro gli eretici e sterminare altri oltre ai buoni cari vecchi Catari, et similia.
Nulla di tutto ciò è diventato contrario al Magistero Straordinario.

Non è proprio bellissimo eh...
In effetti quella cattolica non è una religione del Libro. Il Catechismo della Chiesa cattolica recita.
«La fede cristiana tuttavia non è una “religione del Libro”. Il cristianesimo è la religione della “Parola” di Dio, di una parola cioè che non è “una parola scritta e muta, ma del Verbo incarnato e vivente”. Perché le parole dei Libri Sacri non restino lettera morta, è necessario che Cristo, Parola eterna del Dio vivente, per mezzo dello Spirito Santo ci “apra la mente all’intelligenza delle Scritture” (Lc 24,45)». «nella Sacra Scrittura, Dio parla all’uomo alla maniera umana. Per una retta interpretazione della Scrittura, bisogna dunque ricercare con attenzione che cosa gli agiografi hanno veramente voluto affermare e che cosa è piaciuto a Dio manifestare con le loro parole […]. Si deve tener conto delle condizioni del loro tempo e della loro cultura, dei “generi letterari” allora in uso, dei modi di intendere, di esprimersi, di raccontare, consueti nella loro epoca. La verità infatti viene diversamente proposta ed espressa nei testi secondo se sono storici o profetici, o poetici, o altri generi di espressione “.
Il bello è che tutti gli storici hanno confermato l'attendibilitá dei vangeli in base all'antichità attestata, risalente al tempo delle prime comunitá cristiane, tutti i fatti narrati intorno al Cristo, erano realmente avvenuti. Che la bibbia vada interpretata in base alla storia della Tradizione ed al magistero della Chiesa, questo era sempre stato fatto sin dalle origini del cristianesimo che non si basa certo sulla Sola Scriptura.... E che l'uomo da sempre ha peccato, questo lo sappiamo tutti, lo leggiamo anche nella bibbia, per cui non ha senso attaccare la Chiesa per il fatto che non è esente dagli errori umani.
Avatar utente
Lizzy75
Utente Senior
 
Messaggi: 1320
Iscritto il: 29/03/2010, 12:02

Messaggiodi Mauro1971 » 30/01/2018, 13:34

Lizzy75 ha scritto:
Mauro1971 ha scritto:Ti dirò che a me sta storia che si scelgono i passi che preferiscono e gli altri praticamente non esistono non torna. E' già di per se una fallacia logica, se non erro chiamata cherry picking o simile.
Comunque, resta il problema che prima o poi potrebbero decidere di tornare a leggerli ed avere un nuovo Torquemada o Crociate contro gli eretici e sterminare altri oltre ai buoni cari vecchi Catari, et similia.
Nulla di tutto ciò è diventato contrario al Magistero Straordinario.
Non è proprio bellissimo eh...
In effetti quella cattolica non è una religione del Libro. Il Catechismo della Chiesa cattolica recita.

Ergo restano valide le critiche di cherry picking e di possibile ritorno a metodi più cruenti di affermazione e protezione della religione.

«La fede cristiana tuttavia non è una “religione del Libro”. Il cristianesimo è la religione della “Parola” di Dio, di una parola cioè che non è “una parola scritta e muta, ma del Verbo incarnato e vivente”. Perché le parole dei Libri Sacri non restino lettera morta, è necessario che Cristo, Parola eterna del Dio vivente, per mezzo dello Spirito Santo ci “apra la mente all’intelligenza delle Scritture” (Lc 24,45)». «nella Sacra Scrittura, Dio parla all’uomo alla maniera umana. Per una retta interpretazione della Scrittura, bisogna dunque ricercare con attenzione che cosa gli agiografi hanno veramente voluto affermare e che cosa è piaciuto a Dio manifestare con le loro parole […]. Si deve tener conto delle condizioni del loro tempo e della loro cultura, dei “generi letterari” allora in uso, dei modi di intendere, di esprimersi, di raccontare, consueti nella loro epoca. La verità infatti viene diversamente proposta ed espressa nei testi secondo se sono storici o profetici, o poetici, o altri generi di espressione “.
Il bello è che tutti gli storici hanno confermato l'attendibilitá dei vangeli in base all'antichità attestata, risalente al tempo delle prime comunitá cristiane, tutti i fatti narrati intorno al Cristo, erano realmente avvenuti.

Se per "intorno al Cristo" intendi alcuni avvenimenti storici che si ritrovano nei Vangeli, ok.
Se invece intendi la storia del Cristo, ciò che ha fatto e detto allora no.

Che la bibbia vada interpretata in base alla storia della Tradizione ed al magistero della Chiesa, questo era sempre stato fatto sin dalle origini del cristianesimo che non si basa certo sulla Sola Scriptura.... E che l'uomo da sempre ha peccato, questo lo sappiamo tutti, lo leggiamo anche nella bibbia, per cui non ha senso attaccare la Chiesa per il fatto che non è esente dagli errori umani.

Semmai l'accusa è ci non presentare un'elezione divina ma solo una normalissima natura umana.
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Gold
 
Messaggi: 8688
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Messaggiodi Lizzy75 » 30/01/2018, 16:26

Ergo restano valide le critiche di cherry picking e di possibile ritorno a metodi più cruenti di affermazione e protezione della religione.
ma tali accuse non reggono perchè come ti ho giá detto, la bibbia non è un manuale da leggersi alla lettera, in caso contrario si ritornerebbe proprio al rischio cui tu fai riferimento, non essendo la bibbia un libro attuale, ma sempre da comprendersi alla luce della Traditio e del magistero, mentre il protestantesimo piú fondamentalista cadrebbe più facilmente nel rischio di un ritorno al medioevo. Per quanto riguarda gli errori non mi riferisco alla Chiesa, ma agli uomini di chiesa cui vanno imputate le colpe. Ti linko una scena di una puntata di una serie the West Wing , il presidente americano è un cattolico, mentre la donna è una fondamentalista...https://youtu.be/IxQCtIp2kS0
Avatar utente
Lizzy75
Utente Senior
 
Messaggi: 1320
Iscritto il: 29/03/2010, 12:02

Messaggiodi Mauro1971 » 30/01/2018, 16:32

Lizzy75 ha scritto:
Ergo restano valide le critiche di cherry picking e di possibile ritorno a metodi più cruenti di affermazione e protezione della religione.
ma tali accuse non reggono perchè come ti ho giá detto, la bibbia non è un manuale da leggersi alla lettera, in caso contrario si ritornerebbe proprio al rischio cui tu fai riferimento, non essendo la bibbia un libro attuale, ma sempre da comprendersi alla luce della Traditio e del magistero, mentre il protestantesimo piú fondamentalista cadrebbe più facilmente nel rischio di un ritorno al medioevo. Per quanto riguarda gli errori non mi riferisco alla Chiesa, ma agli uomini di chiesa cui vanno imputate le colpe. Ti linko una scena di una puntata di una serie the West Wing , il presidente americano è un cattolico, mentre la donna è una fondamentalista...https://youtu.be/IxQCtIp2kS0


Traditio e Magistero possono tornare alle visioni del 1300 senza grossi problemi proprio per questo. Non è che la patristica sia cambiata da allora, il resto è una visione temporanea.
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Gold
 
Messaggi: 8688
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Concordo

Messaggiodi Vieri » 30/01/2018, 18:30

Lizzy75 ha scritto:
Ergo restano valide le critiche di cherry picking e di possibile ritorno a metodi più cruenti di affermazione e protezione della religione.
ma tali accuse non reggono perchè come ti ho giá detto, la bibbia non è un manuale da leggersi alla lettera, in caso contrario si ritornerebbe proprio al rischio cui tu fai riferimento, non essendo la bibbia un libro attuale, ma sempre da comprendersi alla luce della Traditio e del magistero, mentre il protestantesimo piú fondamentalista cadrebbe più facilmente nel rischio di un ritorno al medioevo. Per quanto riguarda gli errori non mi riferisco alla Chiesa, ma agli uomini di chiesa cui vanno imputate le colpe. Ti linko una scena di una puntata di una serie the West Wing , il presidente americano è un cattolico, mentre la donna è una fondamentalista...https://youtu.be/IxQCtIp2kS0

:quoto100:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4952
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Lizzy75 » 30/01/2018, 22:02

Mauro1971 ha scritto:Traditio e Magistero possono tornare alle visioni del 1300 senza grossi problemi proprio per questo. Non è che la patristica sia cambiata da allora, il resto è una visione temporanea.
Forse per gli scettici, ma la Chiesa evolve e continuerá a farlo eccome, e questo è un altro vantaggio a suo favore... :occhiol: :ok:
Avatar utente
Lizzy75
Utente Senior
 
Messaggi: 1320
Iscritto il: 29/03/2010, 12:02

Messaggiodi Barfedio » 01/02/2018, 23:06

nelly24 ha scritto:Per il momento non sono capace di pensarla allo stesso modo. Il VT mi sembra il frutto dell'immaginazione degli uomini con motivi ben precisi: alzare il proprio valore e avere un spunto per governare gli altri.
Il VT é stato scritto dagli ebrei a loro esclusivo uso e consumo, spesso infilandoci dentro miti e leggende prese da altri popoli.
Barfedio
Veterano del Forum
 
Messaggi: 3304
Iscritto il: 27/08/2009, 8:18

Messaggiodi nelly24 » 02/02/2018, 8:37

Barfedio ha scritto:....
Cosí sembra...... :ironico:

E vado O.T.:
Bentornato, Barfedio!!!!! Cosí mi piace!!! :w.back: :w.back: :w.back:
«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»
C'è una forza motrice più forte del vapore, dell'elettricità e dell'energia atomica: la volontà.Albert Einstein
"Mi piacciono le persone che....no, niente. Mi piacciono gli animali"

Presentazione
Avatar utente
nelly24
Moderatore
 
Messaggi: 4369
Iscritto il: 11/12/2009, 20:53
Località: Slovenia

Messaggiodi Ray » 02/02/2018, 10:47

Barfedio ha scritto:
nelly24 ha scritto:Per il momento non sono capace di pensarla allo stesso modo. Il VT mi sembra il frutto dell'immaginazione degli uomini con motivi ben precisi: alzare il proprio valore e avere un spunto per governare gli altri.
Il VT é stato scritto dagli ebrei a loro esclusivo uso e consumo, spesso infilandoci dentro miti e leggende prese da altri popoli.

:ok:
Barfedio è da molto che non ti si legge.
:ciao:
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 10908
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Non è tutto da prendersi alla lettera.....

Messaggiodi Vieri » 02/02/2018, 14:52

nelly24 ha scritto:La Bibbia cosí com'é - protestante, cattolica indifferente - si autodefinisce la Parola di Dio e come tale ispirata.
Prendiamo un manuale d'istruzioni per l'uso corretto di un elettrodomestico. Non possiamo leggerlo e dire: Naaah, questa parte non mi piace, faro' a modo mio. No, o lo prendiamo alla lettera, oppure salta qualcosa....


Per brevità ti allego il link
L'interpretazione della Bibbia nella Chiesa

http://www.vatican.va/roman_curia/congr ... ne_it.html

dove potrai trovare utili indicazioni e "distinguo"....
Come interpretare correttamente la Bibbia

La vita della Chiesa si fonda sulla Parola di Dio. Essa viene tramandata nella Sacra Scrittura, ossia negli scritti dell’Antico e del Nuovo Testamento.
Secondo la fede della Chiesa, tutti questi scritti sono ispirati, hanno Dio per autore, il quale si è servito di uomini da lui scelti per la loro stesura. A causa della loro ispirazione divina, i libri biblici comunicano la verità.

Gli Scritti che non provengono da Dio non possono comunicare la Parola di Dio e scritti che non sono veri non possono fondare e animare la vita e la missione della Chiesa. Tuttavia la verità presente nei testi sacri non sempre è facilmente riconoscibile.

Talvolta vi sono, almeno apparentemente, dei contrasti fra ciò che si legge nei racconti biblici e i risultati delle scienze naturali e storiche. Queste sembrano contraddire ciò che affermano gli scritti biblici e metterne in dubbio la verità.
È ovvio che questa situazione coinvolge anche l’ispirazione biblica: se ciò che viene comunicato nella Bibbia non è vero, come può avere Dio per autore?

A partire da questi interrogativi la Pontificia Commissione Biblica si è sforzata di indagare sul rapporto che esiste tra ispirazione e verità e di verificare in quale modo gli stessi scritti biblici trattano questi concetti.
Si deve anzitutto constatare che raramente gli scritti sacri parlano direttamente di ispirazione (cf. 2Tm 3,16; 2Pt 1,20-21), ma mostrano continuamente il rapporto tra i loro autori umani e Dio ed esprimono in tal modo la loro provenienza da Dio e nell’Antico Testamento questo rapporto che lega l’autore umano a Dio e viceversa viene attestato in forme e caratteristiche diverse.

La Commissione Biblica si è soffermata a esaminare alcune difficoltà che sembrano problematiche dal punto di vista storico o etico-sociale.
Per rispondere a questi interrogativi è necessario leggere e comprendere in maniera adeguata i testi che pongono difficoltà, tenendo conto dei risultati delle scienze moderne e al contempo del loro argomento principale, ossia Dio e il suo piano salvifico. Tale approccio mostra come i dubbi che si sollevano contro la verità e la provenienza da Dio possono essere spiegati e superati.

Il contesto dello studio dell’ispirazione e della verità della Bibbia

Nella proclamazione dei brani biblici si afferma sempre che sono «Parola di Dio» (o «Parola del Signore»). Questa affermazione può essere compresa in un duplice senso: innanzitutto come parola che proviene da Dio, ma anche come parola che parla di Dio.

Questi due significati sono intimamente connessi tra loro. Solo Dio conosce Dio; di conseguenza, solo Dio può parlare di Dio in un modo adeguato e affidabile. Perciò soltanto una parola che proviene da Dio può parlare giustamente di Dio.

L’affermazione «Parola di Dio» invita i fedeli a essere consapevoli di che cosa stanno ascoltando e a prestarvi un’attenzione proporzionata. Essi devono avere la riverenza e la gratitudine che sono dovute alla Parola che proviene da Dio, e devono essere attenti per intendere e comprendere che cosa questa Parola comunica su Dio, e così entrare in una unione sempre più viva con Lui.

Buona giornata
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4952
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi nelly24 » 02/02/2018, 15:56

Vieri ha scritto:
.....
Dunque, Vieri.... Un cristiano credent ti darebbe ragione. Ti rispondo con le stesse parole con cui ho risposto a Lizzy.

nelly24 ha scritto: Per il momento non sono capace di pensarla allo stesso modo. Il VT mi sembra il frutto dell'immaginazione degli uomini con motivi ben precisi: alzare il proprio valore e avere un spunto per governare gli altri.
«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»
C'è una forza motrice più forte del vapore, dell'elettricità e dell'energia atomica: la volontà.Albert Einstein
"Mi piacciono le persone che....no, niente. Mi piacciono gli animali"

Presentazione
Avatar utente
nelly24
Moderatore
 
Messaggi: 4369
Iscritto il: 11/12/2009, 20:53
Località: Slovenia

Messaggiodi Vieri » 02/02/2018, 16:16

Lizzy75 ha scritto:Ciao Neil, interessante quanto scrivi, mi riprometto di leggerlo nonostante io creda nella bibbia e per delle precise ragioni. Personalmente non temo di trovare delle discordanze nelle Sacre Scritture, anzi già so che ce sono e non poche, solo che a differenza dei tdg non commetto l'errore di considerare la bibbia al pari di un trattato di scienza e di storia, ma quello che è, ovvero un testo letterario e teologico. Altrimenti se dovessi prendermi la briga di interpretare in senso letterale la bibbia, non crederei a nulla, non crederei ad ad esempio alla teoria dell'evoluzionismo, eppure molti scienziati cattolici e la Chiesa lo ammettono, per la ragione che scienza e fede possono conciliarsi. Cosí anche per quello che si legge nei versetti confrontandoli tra loro, non vado a leggerli in chiave storica... La mia fede si basa nella testimonianza dei vangeli, nel miracolo della resurrezione, senza il bisogno di soffermarmi nei cavilli dei versetti, poiché l'interpretazione spetta al magistero della chiesa e le risposte sono da ricercarsi più che altro nella fede...

Condivido pienamente :quoto100:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4952
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Prossimo

Torna a Fuori Tema

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici