Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Dolce e amaro.....

Per discutere di temi ed argomenti di vario genere.

Moderatore: Quixote

Dolce e amaro.....

Messaggiodi Vieri » 23/01/2018, 15:48

Il "dolce"....
Così in Senegal cristiani e musulmani vivono insieme in pace
Storie di convivenza tra credenti in Cristo e islamici. Viaggio a Dakar alla scoperta dei rapporti amichevoli che legano le due comunità, per le quali l’ospitalità è valore fondamentale

«Se in altri Paesi i rapporti tra cristiani e musulmani fossero sereni come quelli che si vivono in Senegal, sulla terra vi sarebbe più pace. Qui la convivenza tra i fedeli delle due religioni non è messa a tema né diventa motivo di discussione poiché è vissuta come un dato di fatto». Sono parole di padre Flavio Facchin: 55 anni, appartenente alla Congregazione dei Missionari Oblati di Maria Immacolata, attualmente è economo delle missioni senegalesi della sua Congregazione. Giunto in questo Paese 20 anni fa, ha guidato per un decennio la parrocchia Maria Immacolata, l’unica di Parcelles Assainies, grande quartiere periferico di Dakar nel quale la popolazione è in maggioranza di fede islamica (95%, come nel resto del Paese).

Il crocifisso in regalo

Il 16 luglio 2016, durante una cerimonia solenne, Moussa Sy, il sindaco musulmano di questo municipio di Dakar, ha nominato padre Flavio cittadino onorario e gli ha consegnato le chiavi della città a motivo delle molte opere che il missionario, insieme alla parrocchia, ha promosso a beneficio di tutta la comunità.

«Ricordo che quel giorno il sindaco volle offrirmi anche un regalo personale», dice padre Flavio. «Era un quadro che ritraeva il crocifisso. Rimasi commosso del dono e sorpreso del soggetto scelto: mi aspettavo che fosse raffigurata la Madonna perché i musulmani tengono in grande conto Maria e vengono addirittura in chiesa per pregare sotto la nostra statua della Vergine. Invece il sindaco aveva scelto il crocifisso, che nella cultura musulmana è davvero poco compreso. Rammento che nel suo discorso disse: “La mia seconda religione è la Chiesa”. Per lui il cristianesimo si identificava con la chiesa che aveva avuto l’opportunità di conoscere. Abbiamo infatti lavorato insieme per molti anni cercando le soluzioni migliori per aiutare la popolazione e c’è sempre stata grande intesa tra noi».

Le attività della parrocchia

In questa zona di Dakar vivono 450.000 persone: i cattolici sono 22.000. È una comunità giovane e molto vitale, racconta padre Flavio: i ragazzi che partecipano alle attività dei diversi gruppi parrocchiali sono oltre 2.500, ogni anno gli iscritti al catechismo sono circa 1.200 e nel periodo pasquale si amministrano mediamente fra i 120 e i 180 battesimi. «L’attività pastorale è impegnativa ma anche gratificante», prosegue: «I fedeli sono molto orgogliosi di essere cristiani e si impegnano con generosità nelle diverse opere sociali che abbiamo avviato e che, naturalmente, sono destinate anche alla popolazione musulmana».

In parrocchia è stato fondato un centro che dà accoglienza a bambini provenienti dalle famiglie più povere, si tengono corsi professionali triennali per i giovani ed è attivo un progetto di microcredito per le donne. Vi sono anche una grande biblioteca, che ospita quasi 10.000 volumi, una scuola elementare frequentata da 720 bambini e aule dove la sera i ragazzi del quartiere possono studiare in tranquillità. La Caritas si prende cura delle famiglie indigenti provvedendo, nella misura del possibile, alle loro necessità primarie.

Cristiani e musulmani nel consiglio municipale

Nel corso degli anni Padre Flavio ha invitato i fedeli a impegnarsi anche nelle istituzioni e dalle elezioni del 2013, per la prima volta, sei cattolici siedono nel consiglio municipale (formato da 40 persone) e una signora cattolica è diventata vicesindaco. «Cristiani e musulmani lavorano insieme in un clima sereno: hanno organizzato numerose iniziative in ambito sociale, educativo e sanitario. E si sono fatti promotori anche di incontri sportivi e conviviali che contribuiscono a rinsaldare il legame sociale».

Due episodi

Anche i rapporti tra le autorità religiose cristiane e musulmane sono molto amichevoli: padre Flavio cita, fra i molti, due episodi che ritiene paradigmatici: «Tempo fa un ragazzo venne a dirmi che l’imam del quartiere voleva vedermi. Quando giunsi da lui scoprii che era malato già da una settimana: mi aveva fatto chiamare perché desiderava pregassimo insieme. Un altro imam, due anni fa, quando nacque il suo terzo figlio, mi chiese la cortesia di raggiungerlo perché voleva che anch’io benedissi il neonato».

La teranga

Secondo il missionario, la felice convivenza tra cristiani e musulmani che caratterizza il Senegal e che costituisce un unicum in questa area dell’Africa è dovuta a diversi fattori: «Anzitutto questo popolo, composto da una decina di etnie diverse, ha un forte senso dell’ospitalità. La teranga (che in lingua wolof significa ospitalità) è un tratto distintivo di questa società e i senegalesi ne vanno particolarmente fieri. Inoltre i presidenti della Repubblica che si sono succeduti dall’indipendenza (1960) ad oggi – il primo cristiano, i successivi tre musulmani (due con moglie cristiana) – si sono spesi molto per l’unità del Paese. La Chiesa cattolica, da parte sua, non si è mai risparmiata e si è presa cura di tutti conquistando la stima e la riconoscenza della popolazione di fede islamica».

L’amico musulmano

Fra gli amici musulmani di padre Flavio vi è Ababacar Niang: 39 anni, sposato (con l’opzione “monogamia”), ha tre figli e lavora nel comune di Parcelles Assainies in qualità di responsabile dell’ufficio delle attività religiose. «Fra i cristiani e i musulmani che vivono in questa zona di Dakar – racconta – i rapporti sono buoni, condividiamo i momenti di gioia e quelli difficili, ci rispettiamo: in occasione delle ricorrenze religiose ci scambiamo gli auguri, preghiamo gli uni per gli altri. Vi sono persone musulmane che scelgono per i loro figli un secondo nome cristiano e cristiani che ne scelgono uno islamico. Io ho zie e amici cristiani, intervengo alle manifestazioni organizzate dalla parrocchia (ad esempio la festa patronale) e, insieme a molti musulmani (incluso il sindaco Moussa Sy), partecipo al grande pellegrinaggio cristiano al santuario mariano di Poponguine. Qui si vive in comunione: potrei dire che formiamo una sola famiglia».

Conoscenza e rispetto reciproci

Riflettendo sulla storia dei rapporti tra cristiani e musulmani in Senegal, aggiunge: «Questo Paese è particolare, basti pensare che Senghor, il primo presidente della Repubblica, che era cattolico, ha avuto il sostegno di molti dignitari musulmani in occasione della sua elezione e la grande moschea di Dakar è stata realizzata anche grazie a lui. Penso che la conoscenza e il rispetto reciproci contribuiscano significativamente a edificare una convivenza pacifica tra fedeli di religioni diverse. È importante che nella comunità vi siano persone dalla mentalità aperta, capaci di istruire gli altri con gesti concreti. Il nostro sindaco, ad esempio, partecipa alle attività musulmane, ma è presente anche a quelle cristiane».

Il futuro, i timori, la preghiera

Da qualche tempo – osserva padre Flavio – poiché alcuni Paesi limitrofi, in particolare la Mauritania e il Mali, sono instabili e piccoli gruppi tentano di sconfinare per compiere atti di violenza, si comincia a temere che anche il Senegal possa essere colpito da un attentato terroristico: «Grazie a Dio la polizia è molto vigile, i controlli sono accurati. Questo ci rassicura molto». E, insieme ad Ababacar, conclude: «Noi tutti speriamo e preghiamo che il Senegal resti il Paese che conosciamo».

E l'"amaro".....
Donna lapidata, il video choc fa il giro del mondo

http://www.lastampa.it/2014/05/08/multi ... agina.html

Nessun commento a parte ribadire il fatto che "fa più rumore un albero che cade che 100 che crescono...."
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5627
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Torna a Fuori Tema

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 4 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici