Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Il futuro

Per discutere di temi ed argomenti di vario genere.

Moderatore: Quixote

Il futuro

Messaggiodi Gocciazzurra » 19/10/2018, 15:29

Se fosse possibile conoscere il proprio futuro nel bene e nel male lo fareste? O almeno sareste tentati?
Immagine

La libertà è un vago concetto. (Otto von Bismarck)
Un po' di me Immagine
Avatar utente
Gocciazzurra
Moderatore
 
Messaggi: 5371
Iscritto il: 10/06/2009, 21:09

Messaggiodi Achille » 19/10/2018, 18:58

Gocciazzurra ha scritto:Se fosse possibile conoscere il proprio futuro nel bene e nel male lo fareste? O almeno sareste tentati?
Penso che sarei quanto meno tentato di conoscerlo. Ma preferisco non sapere.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 12333
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi anima » 19/10/2018, 19:16

sarei curiosa ma preferisco di no :cer:
Mi presento

E’ nei nostri momenti più bui che dobbiamo concentrarci per vedere la luce.
(Antonio Giordano)

Immagine
Avatar utente
anima
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4271
Iscritto il: 14/02/2013, 16:32

Messaggiodi Gocciazzurra » 19/10/2018, 20:08

Se fossi sicura che il veggente non è un cialtrone io sfiderei la mia paura e vorrei sapere.
Come farei ad essere sicura che il veggente sia fidato? Semplice: gli farei raccontare alcuni avvenimenti del mio passato! Ma non a gradi linee, ma entrando nello specifico. Quindi se fosse in grado di fare ciò significherebbe che non mentirebbe sul mio futuro.
Immagine

La libertà è un vago concetto. (Otto von Bismarck)
Un po' di me Immagine
Avatar utente
Gocciazzurra
Moderatore
 
Messaggi: 5371
Iscritto il: 10/06/2009, 21:09

Messaggiodi Neca » 19/10/2018, 21:50

Nel mio futuro c'è anche il giorno della mia morte, preferisco non conoscerlo! So già da me stesso che ci saranno avvenimenti belli e brutti nella mia vita, ma anzichè preconoscerli preferisco la sorpresa!
Presentazione Se violenti una donna o un bambino, violenti te stesso! Ma tu non vuoi farti del male, vero? Allora smettila di violentare ed uccidere donne e bambini! Solo i vigliacchi lo fanno!
Avatar utente
Neca
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2965
Iscritto il: 18/04/2012, 10:56

Messaggiodi MatrixRevolution » 20/10/2018, 10:44

A voglia, così posso fare scelte migliori. Tanto per cominciare cercherei di utilizzarlo per arricchirmi, poi decido il resto.
Iscriviti al gruppo: Testimoni di Geova su Facebook
Avatar utente
MatrixRevolution
Responsabile Tecnico del Forum
 
Messaggi: 1595
Iscritto il: 14/06/2009, 18:42
Località: Roma

Messaggiodi Romagnolo » 20/10/2018, 20:46

Mi viene in mente la risposta che da' un ragazzino in un film riguardo al preconoscere il giorno e il modo della propria morte,..."almeno così saprei che tutte le altre situazioni le passo liscie" della serie...se schiatterò sotto un treno non mi farò problemi se starò scalando l' Everest. :ironico:
Quindi sulla stessa linea d' onda...sapendo cosa accadrà non mi farei più fisime su come potrà andare questa o quella scelta,...se so che un investimento andrà male...non ci perderò tempo a sognarci sopra. :blu:
Se qualcosa andrà bene...non starò a preoccuparmi se qualcosa potrebbe farla andare storto. :blu:
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4974
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi deliverance1979 » 21/10/2018, 10:28

Questa è una domanda da....



Tuttavia c'è un ma, se noi sapessimo di ciò che ci avverrebbe, ovvero sapere ogni cosa che potremmo fare di bene e subire di male, automaticamente inizieremmo a cambiare la nostra vita, distruggendo in sostanza il nostro futuro che non conoscevamo...

Se invece siamo comunque destinati, allora, qualsiasi cosa faremo per cambiare il nostro destino (una volta conosciuto), ci accadrà sempre e comunque...

Quindi, se dovevamo aprire un'attività che sarebbe fallita, ed una valta scoperto il nostro futuro, tale impresa non la faremo, teoricamente, la forza di un'eventuale destino, ci manderà comunque una disgrazia economica o altro contraccolpo finanziario di altra natura ma di pari entità di ciò che noi abbiamo schivato con il fatto di conoscere la nostra fine.

Ve la ricordate la serie cinematografica horror "Final destination", dove i protagonisti che si salvano dalla loro morte grazie a delle premonizioni particolari che li salvano, sono poi uccisi dalla stessa "morte" in eventi ancora più strani e bizzarri, proprio perchè non si può sfuggire dal proprio destino?

Quindi, in entrambi i casi non se ne esce.... :ok:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4965
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Gocciazzurra » 21/10/2018, 15:38

deliverance1979 ha scritto: [...] in entrambi i casi non se ne esce....
Sul fattore destino (credendoci e io non ci credo) non ci piove.
Ma credo che la nostra vita sia fatta di casualità (temporali, logistiche, ecc.) e quindi se io vengo a sapere che perderò la vita o avrò un incidente grave su un treno, eviterò di usare tale mezzo. E quindi anche se in parte cambio il mio futuro lo cambierei in meglio, no? E quindi ne esco. Ovviamente ciò non m'impedirà l'appuntamento a tempo debito con la "Certa" (è un termine dialettale, credo siculo, che significa la Morte.
Immagine

La libertà è un vago concetto. (Otto von Bismarck)
Un po' di me Immagine
Avatar utente
Gocciazzurra
Moderatore
 
Messaggi: 5371
Iscritto il: 10/06/2009, 21:09

Messaggiodi play » 21/10/2018, 16:57

Non vorrei conoscere il futuro per un semplice motivo: sarebbe un po’ come se qualcuno mi raccontasse il film che sto per andare a vedere e mi dicesse pure come va a finire. Insomma, voglio dire, mi rovini la sorpresa, no? E se la vita di una persona fosse divisa in tante dimensioni parallele ?Se alla stessa persona in un’altra dimensione capitassero altri incidenti di percorso, nel film ci sarebbe comunque poco happy ma molto end!
play
Utente Senior
 
Messaggi: 1445
Iscritto il: 23/12/2011, 8:56

Messaggiodi deliverance1979 » 21/10/2018, 17:00

Gocciazzurra ha scritto:E quindi anche se in parte cambio il mio futuro lo cambierei in meglio, no?


Dipende, poichè, nel momento in cui tu vivi un'azione, negativa o positiva, questa poi si riverberà sulle tue scelte future.
Quindi, un potenziale fallimento, potrebbe darti l'esperienza necessaria per non ripetere altri errori simili.

Non solo, se tu dovessi sapere che in un futuro più o meno lontano dovessi morire con l'aereo, anche se tu non prenderai quel volo, non è detto che due giorni dopo non saresti morto comunque di chissà cosa, o forse dopo 5 o 6 anni di malattia.

Pertanto, al quesito che tu hai posto io ti dico:
Questa capacità di prevedere il futuro uno ce l'ha una sola volta?
Oppure la può avere tutte le volte che vuole?

Perchè se uno ce l'ha una sola volta, allora, potrebbe sapere e quindi godere dei vantaggi di quella vita che sta vivendo, schivando le cose brutte e prendendo quelle positive, ma tali scelte lo porteranno a percorrere una strada nuovamente sconosciuta per cui non saprà cosa gli riserva il futuro, diciamo che ha avuto la fortuna di vivere una seconda vita, il che non è poco.

Se invece, uno può conoscere il futuro di volta in volta, be, in questo caso i vantaggi sono notevoli, di sicuro vivrà molto più a lungo e meglio.

In entrambi i casi, un potere del genere non è per niente male.
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4965
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Mauro1971 » 21/10/2018, 17:39

Personalmente non disprezzerei conoscere in anticipo 6 numeretti... :risata:
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Gold
 
Messaggi: 9017
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Messaggiodi deliverance1979 » 21/10/2018, 17:54

Mauro1971 ha scritto:Personalmente non disprezzerei conoscere in anticipo 6 numeretti... :risata:


Stai sempre sul venale..... :ironico: :ironico:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4965
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Gocciazzurra » 21/10/2018, 20:13

deliverance1979 ha scritto: Pertanto, al quesito che tu hai posto io ti dico:
Questa capacità di prevedere il futuro uno ce l'ha una sola volta?
Oppure la può avere tutte le volte che vuole?
Embè, se facciamo voli di fantasia facciamoli belli alti! :ironico:
E quindi tutte le volte :sorriso:
Immagine

La libertà è un vago concetto. (Otto von Bismarck)
Un po' di me Immagine
Avatar utente
Gocciazzurra
Moderatore
 
Messaggi: 5371
Iscritto il: 10/06/2009, 21:09

Messaggiodi Gocciazzurra » 21/10/2018, 20:19

play ha scritto:Non vorrei conoscere il futuro per un semplice motivo: sarebbe un po’ come se qualcuno mi raccontasse il film che sto per andare a vedere e mi dicesse pure come va a finire. Insomma, voglio dire, mi rovini la sorpresa, no?
Mais c'est pas la meme chose! Nel film sei lo spettatore, nella vita sei il protagonista e sapere di poter evitare di correre certi pericoli sulla tua pelle trovo sia utile.
E se la vita di una persona fosse divisa in tante dimensioni parallele ?Se alla stessa persona in un’altra dimensione capitassero altri incidenti di percorso, nel film ci sarebbe comunque poco happy ma molto end!
Uhm... questo discorso è sibillino e lo lascerei perdere...
Immagine

La libertà è un vago concetto. (Otto von Bismarck)
Un po' di me Immagine
Avatar utente
Gocciazzurra
Moderatore
 
Messaggi: 5371
Iscritto il: 10/06/2009, 21:09

Messaggiodi play » 21/10/2018, 20:37

Gocciazzurra ha scritto: Nel film sei lo spettatore, nella vita sei il protagonista.....

Eppure c’è una parte della vita in cui siamo spettatori passivi.
Gocciazzurra ha scritto:E se la vita di una persona fosse divisa in tante dimensioni parallele ?
Gocciazzurra ha scritto:Uhm... questo discorso è sibillino e lo lascerei perdere...
Si vede che non hai visto Sliding doors…
play
Utente Senior
 
Messaggi: 1445
Iscritto il: 23/12/2011, 8:56

Messaggiodi Gocciazzurra » 23/10/2018, 14:47

play ha scritto:
Gocciazzurra ha scritto: Nel film sei lo spettatore, nella vita sei il protagonista.....

Eppure c’è una parte della vita in cui siamo spettatori passivi.
Intendevo dire che il paragone che hai fatto con la visione di un film di cui sapendo in anticipo la fine rovinandoti la sorpresa, non è la stessa cosa applicata alla propria vita per ovvi motivi.
Immagine

La libertà è un vago concetto. (Otto von Bismarck)
Un po' di me Immagine
Avatar utente
Gocciazzurra
Moderatore
 
Messaggi: 5371
Iscritto il: 10/06/2009, 21:09

Messaggiodi play » 23/10/2018, 16:34

Intendevo dire che il paragone che hai fatto con la visione di un film di cui sapendo in anticipo la fine rovinandoti la sorpresa, non è la stessa cosa applicata alla propria vita per ovvi motivi.

Vediamo se riesco a spiegarmi in modo chiaro e preciso quanto un bisturi di un chirurgo. Il soggetto non è il film, ma lo svolgimento e il finale della storia, percio’, non chiederei all’oracolo cosa mi riserva il futuro, cosi come non domanderei a qualsivoglia persona di raccontarmi la trama e gli avvenimenti principali di un film che non ho ancora visto. Che un film sia solo la rappresentazione verosimigliante della realtà è ovvio. Inoltre spettatori passivi lo siamo inevitabilmente in quel segmento della nostra vita in cui, a causa della vecchiaia o per malattia, perdiamo quell’ autonomia che avevamo quando eravamo giovani e sani. Spero di essere stato sufficientemente esaustivo.
play
Utente Senior
 
Messaggi: 1445
Iscritto il: 23/12/2011, 8:56

Messaggiodi Gocciazzurra » 23/10/2018, 20:06

play ha scritto:Vediamo se riesco a spiegarmi in modo chiaro e preciso quanto un bisturi di un chirurgo. Il soggetto non è il film, ma lo svolgimento e il finale della storia, percio’, non chiederei all’oracolo cosa mi riserva il futuro, cosi come non domanderei a qualsivoglia persona di raccontarmi la trama e gli avvenimenti principali di un film che non ho ancora visto. Che un film sia solo la rappresentazione verosimigliante della realtà è ovvio. Inoltre spettatori passivi lo siamo inevitabilmente in quel segmento della nostra vita in cui, a causa della vecchiaia o per malattia, perdiamo quell’ autonomia che avevamo quando eravamo giovani e sani. Spero di essere stato sufficientemente esaustivo.
Ma lo avevo capito anche prima del "bisturi" il tuo concetto. Ma non sono d'accordo sul parallelismo del paragone: non puoi mettere sullo stesso piano la mancata sorpresa dello svolgimento di un film con quella della propria esistenza, perchè se mi sveli la trama del film mi secca e stop, ma non coinvolge la mia vita come invece conoscere gli avvenimenti che mi accadranno nel futuro che potrebbero essermi di grande utilità per vivere al meglio.

Inoltre quando dico che siamo protagonisti e non spettatori della nostra vita, è scontato che mi riferisco a quella parte di vita in cui siamo autonomi psicofisicamente.
Immagine

La libertà è un vago concetto. (Otto von Bismarck)
Un po' di me Immagine
Avatar utente
Gocciazzurra
Moderatore
 
Messaggi: 5371
Iscritto il: 10/06/2009, 21:09

Messaggiodi play » 24/10/2018, 5:42

Non ho pensato ad una situazione equivalente quando mi è venuto in mente questo paragone. Qui comunque siamo in un ambito soggettivo e i paragoni e i parallelismi, anche se grezzi, possono servire per intenderci, a meno che non vogliamo spaccare l’atomo in quattro. Non mi pare il caso. Ad ogni modo rispondo direttamente alla tua domanda: no, non mi interessa conoscere il futuro.
play
Utente Senior
 
Messaggi: 1445
Iscritto il: 23/12/2011, 8:56

Messaggiodi Mario70 » 24/10/2018, 6:22

Il futuro lo creiamo noi con le nostre scelte, esistono ipotetici x futuri, mettiamo il caso che in uno di questi futuri morirò in uno schianto col treno, nel momento che conoscerò questo futuro, semplicemente non esisterà più, perché farò in modo di nin prenderlo quel treno, quindi non se ne esce.
«È vero, in tempi passati vi sono stati alcuni che hanno predetto la "fine del mondo", annunciando perfino una data specifica. Alcuni hanno raccolto intorno a sé gruppi di persone ... aspettando la fine. Tuttavia non è accaduto nulla. La "fine" non è venuta. Si sono resi colpevoli di falsa profezia» (Svegliatevi!, 22/4/1969, p. 23).
Presentazione
Avatar utente
Mario70
Utente Master
 
Messaggi: 5742
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

Messaggiodi Gocciazzurra » 24/10/2018, 13:40

play ha scritto:Non ho pensato ad una situazione equivalente quando mi è venuto in mente questo paragone. Qui comunque siamo in un ambito soggettivo e i paragoni e i parallelismi, anche se grezzi, possono servire per intenderci, a meno che non vogliamo spaccare l’atomo in quattro. Non mi pare il caso. Ad ogni modo rispondo direttamente alla tua domanda: no, non mi interessa conoscere il futuro.

Che non t'interessava caro Play l'avevo capito da un pezzo! :ironico:
Solo non trovo adeguato il tuo paragone, tutto qui...
Immagine

La libertà è un vago concetto. (Otto von Bismarck)
Un po' di me Immagine
Avatar utente
Gocciazzurra
Moderatore
 
Messaggi: 5371
Iscritto il: 10/06/2009, 21:09


Torna a Fuori Tema

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici