Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Le "colpe" di Desiré.... ?

Per discutere di temi ed argomenti di vario genere.

Moderatore: Quixote

Le "colpe" di Desiré.... ?

Messaggiodi Vieri » 25/10/2018, 12:19

Ancora una notizia ci cronaca nera, ancora il solito stupro di gruppo e l'uccisione di una ragazzina ma basta solo indignarsi ?
Non direi a questo punto che sia il caso di fare i soliti "bacchettoni benpensanti" ed auspicare pene severe per questi criminali, o "ruspe" varie...ma cercare di approfondire seriamente un ennesimo gravissimo fatto sociale che mina la nostra società.

Andiamo allora per gradi:

L'articolo di oggi su "il Giornale":
Desirée, svolta nelle indagini: fermati clandestini senegalesi
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/ ... 92479.html
Mamadou Gara e Brian Minteh sono accusati di omicidio, spaccio e violenza sessuale di gruppo. Altri due ricercati

Svolta nelle indagini per l'omicidio di Desirée Mariottini, la 16enne di Cisterna di Latina trovata morta nella notte tra giovedì e venerdì scorsi tra le mura di un cantiere abbandonato in via dei Lucani a Roma.

I due fermati sono senegalesi e irregolari. Si tratta di Mamadou Gara di 26 anni e Brian Minteh di 43 anni. Secondo gli inquirenti sarebbero loro i responsabili dell'omicidio della ragazza. L'accusa è anche di violenza sessuale di gruppo e cessione di stupefacenti. Nelle scorse ore in questura sono stati sentiti ben sei testimoni e quattro sospettati. La svolta con il fermo è arrivata dopo le 23:00 di ieri sera. Secondo gli investigatori i due fermati avrebbero prima somministrato la droga alla ragazza e poi l'avrebbero stuprata. Una terza persona in questo momento è in questura. La ragazza si era allontanata dalla sua abitazione dopo una lite con i parenti. Poi la fuga verso quel palazzo avvolto da impalcature dove ha trovato la morte. Secondo alcuni testimoni la ragazza avrebbe tentato di recuperare il cellulare che le avrebbero rubato nella vicina piazza dell'Immacolata. Una zona conosciuta per lo spaccio di stupefacenti. Già nelle scorse settimane la 16enne aveva frequentato quella zona alla ricerca di qualche pasticca. All'interno del cantiere c'erano anche altre due ragazze romane.

Due fermi per lo stupro e la morte di Desirée Mariottini

Per determinare la morte di Desirée si attendono comunque gli esami tossicologici. L'ipotesi è che la ragazza possa essere stata soffocata con una mano sulla bocca durante le fasi concitate dello stupro per non farla urlare. Poi sarebbe partita l'agonia con cui la povera ragazza ha dovuto fare i conti. È morta da sola, in mezzo alle impalcature, stuprata da un branco senza scrupoli. E subito dopo il fermo sono arrivate le parole del ministro degli Interni, Matteo Salvini: "Due immigrati clandestini fermati stanotte per lo stupro e la morte di Desirée, altri due ricercati. Grazie alle Forze dell'Ordine, farò di tutto perché i vermi colpevoli di questo orrore paghino fino in fondo, senza sconti, la loro infamia

Un "pezzo" su "Repubblica"" sempre di oggi:
https://roma.repubblica.it/cronaca/2018 ... P1-S1.8-T1
San Lorenzo ferita: “Sindaca e polizia sapevano tutto”
Residenti esasperati tra droga e movida: “Spaccio sfacciato, qui è un inferno”


ROMA. Le Baracche di San Lorenzo, ultimo quartiere della Roma di popolo, salgono alla sinistra di via dei Lucani. Il cancello 18 è chiuso. Il Ventidue, quello dell'omicidio di Desirée, è chiuso e perforato: dentro si avvistano le murature sbrecciate, le finestre sfondate. I tetti d'amianto crollati, mai bonificati. Le baracche, appunto. Sui pavimenti gli avanzi dei vestiti di chi ci dorme la notte, nordafricani. Sono i baraccati ai tempi di Salvini e soprattutto ..
...............
.....Desirée Mariottini probabilmente conosceva i suoi aguzzini ed era stata altre volte nel casolare abbandonato di via dei Lucani nel quartiere San Lorenzo dove è stata ritrovata cadavere. A confermarlo sono le indagini condotte dalla Squadra Mobile di Roma e dal commissariato San Lorenzo. L'attività, svolta sotto il coordinamento della Procura, ha accertato che i fermati, insieme con altre persone, hanno somministrato stupefacenti alla sedicenne il pomeriggio del 18 ottobre in modo da ridurla in stato di incoscienza per ore e ne hanno abusato sessualmente per ore, causando la morte avvenuta nella notte del 19 ottobre.

Ma andiamo a fondo del problema...e sempre su Repubblica..
https://rep.repubblica.it/pwa/generale/2018/10/24/news/la_ribelle_desi_il_girone_della_droga_e_la_paura_della_comunita_-209887493/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S2.4-T1

Storia di Desirée, in fuga da una vita sfortunata: “Sono un angelo bianco con l’anima nera”

La mamma si era rivolta ai servizi sociali: “Ho problemi con mia figlia, non so come fare”. La ragazza non voleva andare in comunità terapeutica e andava a Roma a cercare la droga perché il padre, coinvolto nello spaccio, impediva ai pusher di paese di vendergliela

CISTERNA DI LATINA. Poteva capitare a chiunque ma non alla sua Desirée. Barbara Mariottini sembra quasi la sorella maggiore di quella sua figlia così tormentata che da tre mesi cercava disperatamente di salvare. Protetta da un cordone di familiari nella villetta di via Procida si sfoga con gli amici che le stanno vicino. "Che le hanno fatto? Ma ora li devono prendere. Volevo mandarla in comunità, lo avevo detto anche a suo padre, ma lei non si faceva aiutare. Non ri...

Qualche imbecille direbbe che se l'era cercata.... :piange: ma se notiamo dall'ultimo pezzo leggiamo una cosa agghiacciante:

La mamma si era rivolta ai servizi sociali: “Ho problemi con mia figlia, non so come fare”. La ragazza non voleva andare in comunità terapeutica e andava a Roma a cercare la droga perché il padre, coinvolto nello spaccio, impediva ai pusher di paese di vendergliela.

Chi sono allora i veri colpevoli?

Sicuramente in primis i genitori ed il padre che in fatto di "educazione", dato che era "coinvolto nello spaccio", aveva sicuramente dato "valori morali molto discutibili" lavandosene poi tranquillamente la coscienza "avvisando" solo i suoi "amici" di non fornirle droga ma nel contempo di lasciarla libera di andare in giro a Roma a procurarsela.

L'altro colpevole? Sicuramente il SERT composti in genere da scaldaseggiole e burocrati che non hanno la coscienza, la sensibilità e la professionalità nel non capire l'urgenza e la gravità di tali situazioni.....Questo è un atto di accusa ? SI è un atto di accusa.
Mio cugino acquisito dopo un anno, dico un anno di "visite di cortesia" presso un SERT dell'Italia centrale e dopo aver speso cifre allucinanti in cocaina arrivando all'estremo e subendo anche una aggressione di spacciatori extracomunitari, padroni del territorio, ha avuto anche un braccio rotto...

Finalmente, alla fine "qualcuno" del SERT si è degnato e dopo un mese e mezzo di comunità ne è di nuovo fuori in attesa ancora ? Non sappiamo....
Si è ripreso, di nuovo ragiona, ma quanto alla fine questo periodo potrà durare dato che lui nella sua città è diventato una "gallina dalle uova d'oro"?....
In conclusione, anche nel caso della mamma di Desiré, se avesse avuto SUBITO un aiuto serio, probabilmente non sarebbe andata così tragicamente.

Arriviamo ora per finire alla diatriba fra "buonisti" e giustizialisti......Chi ha dato droga, stuprato e ucciso Desiré ?
Sicuramente, a questo punto delle indagini, degli extracomunitari senza permesso di soggiorno, senza fissa dimora e senza lavoro, .....ma come campano?
Hanno le loro colpe ? Certamente, ma sono gli ultimi di una catena che definisco criminale perpetrata da una società che ha perso i propri valori :

Da una cosciente 'educazione dei figli, ....( direi perdendo i valori cristiani..) al non agire "per arrivare solo a fine mese" specie in settori così delicati ed importanti da parte di burocrati del metadone ( SERT) ma di veri e propri psicologi, .....ai "buonisti" e falsamente aperti "all'accoglienza" indiscriminata e di lasciare poi persone di altre culture allo sbando, senza lavoro, senza una casa, facile preda di organizzazioni malavitose e mafie sia italiane che nigeriane.
Se poi a questo "delitto comune" si aggiunge anche "la forza del branco", la possibile impunità, e le pulsioni erotiche di giovani con una bassa considerazione della donna ritenuta spesso come "oggetto sessuale". ...chiudiamo il cerchio.

Chi sono allora i veri colpevoli ? Tutti noi, che siamo diventati una civiltà del "voltarsi dall'altra parte", del menefreghismo e della bassa considerazione del tuo prossimo.
Speravo alla fine di lasciare una Italia migliore ma devo arrendermi all'evidenza ma con la forza ancora di "alzare la voce"-----
:grazie:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5667
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi VictorVonDoom » 25/10/2018, 13:16

No, non ci sto.
Al massimo, se proprio vogliamo metterla sui cosiddetti "valori morali", uno può danneggiare se stesso... che so, morire di overdose.
Ma avere, anche volendo, scarsi "valori morali" non autorizza nessuno a sedarmi, stuprarmi e uccidermi. Ne in qualche modo mi fa essere anche solo minimamente colpevole di un danno che UN'ALTRA PERSONA mi ha causato.
Riguardo ai "valori cristiani" poi... visto che siete così tanti i cristiani, e i religiosi in generale, dovremmo vivere in un paradiso terrestre. Evidentemente i "valori cristiani" lasciano il tempo che trovano. Non ci crede in fondo nessuno, manco chi li sbandiera (per gli altri, ovviamente).
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 1527
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Gocciazzurra » 25/10/2018, 13:51

x VIERI

Parli della perdita dei valori cristiani, ma sei davvero convinto che i non cristiani "normali" nel senso che non sono delinquenti, non abbiano dei valori altrettanto importanti?
Ci sono i valori della vita che sono universali, il valore del buon senso, il valore della prudenza, il valore dell'amore, ecc. che possono appartenere a chiunque a prescindere dalla religione. E' una questione di testa e cuore...
Immagine

La libertà è un vago concetto. (Otto von Bismarck)
Un po' di me Immagine
Avatar utente
Gocciazzurra
Moderatore
 
Messaggi: 5371
Iscritto il: 10/06/2009, 21:09

Messaggiodi anima » 25/10/2018, 14:12

nessuna e' colpa dell ambiente in cui crebbe e del padre :triste:
Mi presento

E’ nei nostri momenti più bui che dobbiamo concentrarci per vedere la luce.
(Antonio Giordano)

Immagine
Avatar utente
anima
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4271
Iscritto il: 14/02/2013, 16:32

Anima...

Messaggiodi Vieri » 25/10/2018, 14:38

anima ha scritto:nessuna e' colpa dell ambiente in cui crebbe e del padre :triste:

In effetti hai capito benissimo le mie conclusioni che non sono ovviamente imputabili a questa povera ragazza lasciata allo sbando da una famiglia indegna e dalla società intera senza alla fine nessuna distinzione di credo e che ha perso molti dei valori di base affidandosi ad un esasperato egoismo e menefreghismo del prossimo con "la scusa" di lasciare a tutti le proprie libertà, se queste "libertà", ovviamente non vengono poi indirizzate e guidate da una società che desidera crescere civilmente e non morire.

Gocciazzurra scrive:
Ci sono i valori della vita che sono universali, il valore del buon senso, il valore della prudenza, il valore dell'amore, ecc. che possono appartenere a chiunque a prescindere dalla religione. E' una questione di testa e cuore...

Io direi di non esasperare le polemiche dato che qualsiasi persona nata in occidente, in una maniera o nell'altra ha assorbito sicuramente da 2000 anni una cultura dei valori cristiani che sono stati definiti poi laicamente anche come "universali".

Ci sarà poi alla fine una ragione se la "carta universale dell'ONU dei diritti dell'uomo" NON è stata controfirmata dai paesi islamici.....
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5667
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Paxuxu » 25/10/2018, 14:54

Un'altro essere vivente "sacrificato" per dare fiato ai "soliti" buonisti cristiani.

A quando il prossimo sacrificio in nome della cristianità e dei SUOI cugini islamici?


Paxuxu
Avatar utente
Paxuxu
Veterano del Forum
 
Messaggi: 3960
Iscritto il: 17/07/2009, 11:40

I "soliti buonisti cristiani"....

Messaggiodi Vieri » 25/10/2018, 15:30

Paxuxu ha scritto:Un'altro essere vivente "sacrificato" per dare fiato ai "soliti" buonisti cristiani.

A quando il prossimo sacrificio in nome della cristianità e dei SUOI cugini islamici?

Paxuxu

Quelli che tu definisci come :I "soliti buonisti cristiani".... sono alla fine i famosi "cattocomunisti" che fino ad oggi hanno rovinato l'Italia mischiando falsamente le idee di Cristo con quelle di Marx con il famoso detto: "armiamoci e partite".....

Permetti poi di dissentire dalla tua frase:
A quando il prossimo sacrificio in nome della cristianità e dei SUOI cugini islamici?

... quando volete mettere sul "religioso" quello che è oggi un grave problema di convivenza sociale che ha sposato il "faccio i fatti miei" come base della propria vita.... .
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5667
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Testimone di Cristo » 25/10/2018, 15:40

Vero è che dietro ci sono problemi familiari, esistenziali, ma non capisco come una ragazza minorenne "nel suo bisogno di tali sostanze nocive,
possa addentrarsi in certi ambienti, degratanti e diffamati, senza alcun timore, o cautela. :boh:

Gocciazzurra » oggi, 13:51

x VIERI

Parli della perdita dei valori cristiani, ma sei davvero convinto che i non cristiani "normali" nel senso che non sono delinquenti, non abbiano dei valori altrettanto importanti?
Ci sono i valori della vita che sono universali, il valore del buon senso, il valore della prudenza, il valore dell'amore, ecc. che possono appartenere a chiunque a prescindere dalla religione. E' una questione di testa e cuore...


Sono d'accordo
:ciao:
Presentazione
Quanto ci Ama Gesù, Egli Donò la Sua Vita per noi
Luca 23,34 Gesù diceva: «Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno».
Testimone di Cristo
Utente Junior
 
Messaggi: 888
Iscritto il: 12/12/2014, 12:30
Località: Caserta

La vita è speranza e questa esiste ancora...

Messaggiodi Vieri » 25/10/2018, 15:49

A fronte di tanta "cronaca nera" la speranza nel prossimo e nei valori di solidarietà non sono però ancora persi:...

Milano, centinaia in fila per trovare un donatore per Alessandro

https://www.corriere.it/buone-notizie/1 ... c00a.shtml
Il bimbo di un anno e mezzo ha una malattia rara. Da stamattina in piazza Sraffa è possibile fare il test del sangue e verificare la compatibilità: 500 in coda. L’appello della zia
di Fausta Chiesa

È partita la gara di solidarietà per salvare Alessandro, il bambino di un anno e mezzo che ha la linfoistiocitosi emofagocitica, una malattia genetica rarissima. È nato e vive a Londra, dove lavorano i suoi genitori italiani, il papà Paolo Montresor, veneto, manager di Unicredit, e la mamma, Cristiana Console, napoletana. I genitori sono rimasti a Londra con il piccolo. A Milano è presenta la sorella del papà, Elisa (31 anni), che ha lanciato la gara di solidarietà.

I medici che gli hanno diagnosticato l’Hlm (malattia rarissima che colpisce solo lo 0,002 dei bambini), lo stanno curando con un farmaco sperimentale che però il bambino prima o poi metabolizzerà e oltre al trapianto di midollo non ci sono alternative. Alessandro è sfortunato, perché in tutti i registri mondiali dei donatori non ce n’è uno che sia compatibile con le sue caratteristiche. Leggi anche qui

Dopo il tam tam sui social, la ricerca per un donatore compatibile dai 18 ai 36 anni è scattata la mobilitazione. I genitori di Alessandro in un post su Facebook, fanno sapere che Admo, l’associazione donatori di midollo osseo, sta facendo tappa in tutte le principali città italiane per trovare un donatore. Da stamattina a Milano in piazza Sraffa è partita la gara di solidarietà, finalizzata a trovare un Dna compatibile. Sabato a Napoli, in piazza Trieste e Trento. La famiglia ha chiesto anche l’aiuto di altre città.

In piazza Sraffa sono già arrivate 500 persone, tra studenti della Bocconi e cittadini e si è formata una lunga coda. «I campioni di sangue - dice Mirko, di Admo - saranno inviati al San Raffaele, l’ospedale di riferimento per le tipizzazioni».

La donazione, per legge in Italia, è anonima e gratuita ma non può essere destinata a una persona specifica. La compatibilità tra non consanguinei è molto rara. «Non perdiamo le speranze - dice l’Admo - non le perdono neanche i genitori, ma ha caratteristiche molto rare».
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5667
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi gabbiano74 » 25/10/2018, 16:38

Scusate se intervengo, ma la droga è un abisso che solo chi ha provato di persona o a visto persone vicine a lui caderci può comprendere
entro certi limiti. Quindi io eviterei discorsi inutili sull'argomento e francamente commenti un po' fuori luogo. Perdonatemi ma la penso così.

Saluti
Gabbiano74
Avatar utente
gabbiano74
Nuovo Utente
 
Messaggi: 216
Iscritto il: 10/05/2017, 13:00

Messaggiodi Gocciazzurra » 25/10/2018, 20:24

Vieri ha scritto:
Gocciazzurra scrive:
Ci sono i valori della vita che sono universali, il valore del buon senso, il valore della prudenza, il valore dell'amore, ecc. che possono appartenere a chiunque a prescindere dalla religione. E' una questione di testa e cuore...

Io direi di non esasperare le polemiche dato che qualsiasi persona nata in occidente, in una maniera o nell'altra ha assorbito sicuramente da 2000 anni una cultura dei valori cristiani che sono stati definiti poi laicamente anche come "universali".
Ci sarà poi alla fine una ragione se la "carta universale dell'ONU dei diritti dell'uomo" NON è stata controfirmata dai paesi islamici.....

Mi stupisce caro Vieri che hai interpretato il mio scritto come "un'esasperazione della polemica"! Prima di tutto non mi risulta che prima del mio post qualcun altro abbia fatto polemica e quindi non ho esasperato proprio un bel nulla. Inoltre ho solo espresso il mio pensiero perchè mi sono tornati in mente i Tdg che si ritengono gli unici al mondo ad avere valori morali ineccepibili.
E ancora: non l'ho precisato e forse è stata una mancanza, ma quando ho detto che i valori morali non sono necessariamente legati ad un credo religioso mi riferivo all'Occidente. Le altre etnie sono una storia a parte.
Immagine

La libertà è un vago concetto. (Otto von Bismarck)
Un po' di me Immagine
Avatar utente
Gocciazzurra
Moderatore
 
Messaggi: 5371
Iscritto il: 10/06/2009, 21:09

Messaggiodi Gocciazzurra » 25/10/2018, 20:29

Testimone di Cristo ha scritto:Vero è che dietro ci sono problemi familiari, esistenziali, ma non capisco come una ragazza minorenne "nel suo bisogno di tali sostanze nocive,
possa addentrarsi in certi ambienti, degratanti e diffamati, senza alcun timore, o cautela. :boh:

Pur non avendo esperienze dirette, ormai è risaputo che la persona che si droga, quando è in fase di astinenza, pur di procurarsi la dose può diventare di tutto, da ladra e assassina... Figuriamoci se si fa scrupolo ad addentrarsi in certi ambienti malfamati, anzi, è proprio in quegli ambienti che trova la "roba".

:ciao:
Immagine

La libertà è un vago concetto. (Otto von Bismarck)
Un po' di me Immagine
Avatar utente
Gocciazzurra
Moderatore
 
Messaggi: 5371
Iscritto il: 10/06/2009, 21:09

Messaggiodi mr-shadow » 26/10/2018, 0:26

Vieri ha scritto:La mamma si era rivolta ai servizi sociali: “Ho problemi con mia figlia, non so come fare”. La ragazza non voleva andare in comunità terapeutica e andava a Roma a cercare la droga perché il padre, coinvolto nello spaccio, impediva ai pusher di paese di vendergliela

.....

Chi sono allora i veri colpevoli ? Tutti noi, che siamo diventati una civiltà del "voltarsi dall'altra parte", del menefreghismo e della bassa considerazione del tuo prossimo.
:grazie:


Ma se quel prossimo a migliorare la propria vita non ci vuole andare? Quando glielo hai detto una, due o tre volte, e continua a fare quello che fa, fai bene a voltarti. Fregatene, non sarai tu ad avere la colpa di conseguenze che è andato a cercarsi.
il credente si inalbera per tre motivi: 1) se deve a turbare la pace in cui è immerso, dovendosi chiedere come mai esista ancora qualche folle istigato da Satana a "combattere l'Onnipotente"; 2) quando si sente stupido se il critico dimostra d'aver ragione con argomentazioni serie e sensate; 3) quando è costretto ad ascoltare frasi di negazione, dato che dio è il "Si"
Avatar utente
mr-shadow
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2583
Iscritto il: 10/04/2010, 9:21

Messaggiodi deliverance1979 » 26/10/2018, 8:40

Da quello che è emerso dai giornali, per quanto non si sappia se sia vero o meno.... (i giornalisti, vattelappèsca), Desirè sarebbe stata "venduta" o tradita da una sua amica tossica, che forse, in cambio di una dose, avrebbe consegnato l'amica ai "gentiluomini", forse come trastullo sessuale.
Poi, quando in certi ambienti si concludono certi accordi, si sa come va a finire.

Io, per questi casi di barbarie, come nel caso di Pamela a Macerata, sono sempre per i metodi della Gestapo.
Collaudati, efficienti... e che ti danno quel senso di giustizia alla vecchia e cara maniera.... ma si, chiamiamola anche con il suo nome....rappresaglia o vendetta... :strettamano:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4965
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Risposta multipla e molto triste....

Messaggiodi Vieri » 26/10/2018, 15:41

Gocciazzurra:
ma quando ho detto che i valori morali non sono necessariamente legati ad un credo religioso mi riferivo all'Occidente.

Non si può negare però che tali valori oggi definiti "laici" provengano da 2000 anni di cristianesimo in occidente .....
Gocciazzurra:Pur non avendo esperienze dirette, ormai è risaputo che la persona che si droga, quando è in fase di astinenza, pur di procurarsi la dose può diventare di tutto, da ladra e assassina... Figuriamoci se si fa scrupolo ad addentrarsi in certi ambienti malfamati, anzi, è proprio in quegli ambienti che trova la "roba".

Io che ho disgraziatamente esperienze dirette,quando una persona rimane in certi stati di astinenza sicuramente incontrollabile, sprofonda sempre di più senza alcuna possibilità di recupero, (ma penso che dipenda anche dall'assunzione di droghe molto pesanti come l'eroina...) mentre per altri come nel caso del mio cugino acquisito, che si faceva di tutte le "pasticche" e di cocaina, ...da molti anni è stato un andare e venire da comunità di recupero e sempre con (tiepida) volontà, da un lato di volerne uscire ma dall'altro avendo poi nessuna prospettiva, specie di lavoro, di ricadere nuovamente.

"L'ozio è il padre dei vizi".....ed è vero poichè quando le tue giornate sono sempre completamente vuote alla fine in casa, non sapendo cosa fare esci con "amici"...
Amici ovviamente conosciuti che considerandoti alla fine una gallina dalle uova d'oro, ti spingono di nuovo nell'abisso.

La medicina ? E' possibile e si chiama, almeno per lui, "LAVORO". Il lavoro, anche se il meno qualificato, alla fine occupa la tua giornata, non ti lascia spazio al pensare, ti da un senso di stima e di autonomia ...e col tempo "guarisci".
Le difficoltà a trovarne ? Moltissime, ma si può sempre tentare....
Mr. Shadow: Ma se quel prossimo a migliorare la propria vita non ci vuole andare? Quando glielo hai detto una, due o tre volte, e continua a fare quello che fa, fai bene a voltarti. Fregatene, non sarai tu ad avere la colpa di conseguenze che è andato a cercarsi.

Mi complimento per il tuo alto senso civico e di umanità....ma non eri quello che postava sul forum le tue foto insieme agli handicappati ?....

Mi spiace e sono veramente desolato ma il tuo concetto di "girarsi dall'altra parte poichè sono cavoli suoi" è proprio quello che oggi sta distruggendo l'Italia.

Queste persone non sono andate loro a cercarsela, ma è la famiglia e la società priva di valori come quelli "di farsi ognuno i fatti propri" che l'hanno spinta.
La vita è un dono che deve essere "goduto ed in specialmodo vissuto" e non "accettato con rassegnazione" senza ideali, senza obiettivi, in una società che ignora spesso le tue "grida".

Possiamo fare allora qualche cosa per non riempire di cimiteri, di SERT e di comunità terapeutiche questo Paese?
Io sono dell'idea che sia possibile ma questa possibilità richiede anche la presenza di una società più vicina alle persone caratterialmente più deboli.
So che non sia facile ma ho incontrato in vita mia anche persone caratterialmente forti ma anche molto sensibili, in grado di aiutare veramente queste persone per allontanarle dalla droga.
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5667
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi mr-shadow » 26/10/2018, 16:04

Vieri ha scritto:
Mr. Shadow: Ma se quel prossimo a migliorare la propria vita non ci vuole andare? Quando glielo hai detto una, due o tre volte, e continua a fare quello che fa, fai bene a voltarti. Fregatene, non sarai tu ad avere la colpa di conseguenze che è andato a cercarsi.

Mi complimento per il tuo alto senso civico e di umanità....ma non eri quello che postava sul forum le tue foto insieme agli handicappati ?....

Mi spiace e sono veramente desolato ma il tuo concetto di "girarsi dall'altra parte poichè sono cavoli suoi" è proprio quello che oggi sta distruggendo l'Italia.


Io mi giro dall'altra parte quando i tentativi vanno a vuoto, e vale anche per i disabili (handicappato ci sarai tu...). Io ti offro il mio aiuto, tu non lo vuioi? Lascio perdere e il tempo vado a impegnarlo con chi del mio aiuto intende avvalersi.

PS: prima di lanciare giudizi su senso civico e umanità dovresti rileggerti tante cose che hai scritto su questo forum.
il credente si inalbera per tre motivi: 1) se deve a turbare la pace in cui è immerso, dovendosi chiedere come mai esista ancora qualche folle istigato da Satana a "combattere l'Onnipotente"; 2) quando si sente stupido se il critico dimostra d'aver ragione con argomentazioni serie e sensate; 3) quando è costretto ad ascoltare frasi di negazione, dato che dio è il "Si"
Avatar utente
mr-shadow
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2583
Iscritto il: 10/04/2010, 9:21

Handicappati e dintorni....

Messaggiodi Vieri » 26/10/2018, 19:57

Me. Shadow:
Io mi giro dall'altra parte quando i tentativi vanno a vuoto, e vale anche per i disabili (handicappato ci sarai tu...). Io ti offro il mio aiuto, tu non lo vuioi? Lascio perdere e il tempo vado a impegnarlo con chi del mio aiuto intende avvalersi.

"Se insisti e resisti raggiungi e conquisti"....

Ps. "(handicappato ci sarai tu...)" la ritengo una tua "considerazione" gratuita e senza senso in questo contesto che denota sempre la tua "particolare", anzi "molto particolare visione della vita...
:addio:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5667
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi mr-shadow » 26/10/2018, 20:04

Io faccio... te devi ancora dimostrare come traduci in fatti tutti i sermoni che ci propini...
il credente si inalbera per tre motivi: 1) se deve a turbare la pace in cui è immerso, dovendosi chiedere come mai esista ancora qualche folle istigato da Satana a "combattere l'Onnipotente"; 2) quando si sente stupido se il critico dimostra d'aver ragione con argomentazioni serie e sensate; 3) quando è costretto ad ascoltare frasi di negazione, dato che dio è il "Si"
Avatar utente
mr-shadow
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2583
Iscritto il: 10/04/2010, 9:21

Messaggiodi Romagnolo » 26/10/2018, 21:28

Premesso che in situazioni come queste saltano sempre fuori novità quasi ogni giorno che passa,....ma pur condividendo l' idea che occorre fornire valori e ideali ai ragazzi perché non cerchino di sperimentare droghe o altre forma di sballo per sfuggire magari ai problemi della vita, sono però anche dell' idea che una volta entrati di brutto in questo circolo vizioso degli stupefacenti alla fine i tossicodipendenti sono più che altro un problema per la società.
Non dovremmo aspettare che siano loro in un modo o nell'altro altro ad uscire di scena, ma noi a buttarli direttamente a mare!
Scusate le parole poco carine ma io farei un isola solo per loro.....e che li si arrangino!
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4974
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi cattivo esempio » 27/10/2018, 8:23

Romagnolo ha scritto:Premesso che in situazioni come queste saltano sempre fuori novità quasi ogni giorno che passa,....ma pur condividendo l' idea che occorre fornire valori e ideali ai ragazzi perché non cerchino di sperimentare droghe o altre forma di sballo per sfuggire magari ai problemi della vita, sono però anche dell' idea che una volta entrati di brutto in questo circolo vizioso degli stupefacenti alla fine i tossicodipendenti sono più che altro un problema per la società.
Non dovremmo aspettare che siano loro in un modo o nell'altro altro ad uscire di scena, ma noi a buttarli direttamente a mare!
Scusate le parole poco carine ma io farei un isola solo per loro.....e che li si arrangino!


romagnolo, un colpo in testa e si fa prima.

nazista
cattivo esempio
Utente Junior
 
Messaggi: 520
Iscritto il: 07/09/2011, 19:15

Messaggiodi cattivo esempio » 27/10/2018, 8:37

Risposta multipla e molto triste....
Messaggiodi Vieri » ieri, 15:41

Gocciazzurra:
ma quando ho detto che i valori morali non sono necessariamente legati ad un credo religioso mi riferivo all'Occidente.

Non si può negare però che tali valori oggi definiti "laici" provengano da 2000 anni di cristianesimo in occidente .....


senza l'illuminismo saremmo ancora nei secoli bui,
con galileo che abiura
e copernico che pubblica solo da morto
cattivo esempio
Utente Junior
 
Messaggi: 520
Iscritto il: 07/09/2011, 19:15

Ma ragazzi.....

Messaggiodi Vieri » 27/10/2018, 9:28

Non dovremmo aspettare che siano loro in un modo o nell'altro altro ad uscire di scena, ma noi a buttarli direttamente a mare!
Scusate le parole poco carine ma io farei un isola solo per loro.....e che li si arrangino!

Romagnolo, a questo punto "quasi" carissimo"... :ironico: ma come ragioni ?
E se fosse stato tuo fratello lo avresti abbandonato ?
Non mi sembra che ti comporti assolutamente in questa maniera ( anzi direi proprio il contrario...) e quindi scusami ma le tue parole non hanno senso e non rispecchiano la tua personalità.

Si vede che non avete avuto esperienze dirette con queste persone per dire queste cose....
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5667
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi deliverance1979 » 27/10/2018, 11:56

Allora, come sempre, darò il mio punto di vista maccheronico-provinciale ed anche un pò buzzurro...

Iniziamo....

Per prima cosa possiamo stabilire alcuni punti su cui discutere.

1 - La ricerca delle sostanze stupefacenti da parte dell'uomo ha origini antichissime, vuoi per scopi religiosi, vuoi per scopi ricreativi o semplicemente come forma di alienazione dai problemi della vita.
2 - Per sostanze stupefacenti possiamo includere anche le sostanze alcoliche, cosi non facciamo torto a nessuno.
3 - Si deve distinguere tra consumatore saltuario, che è in grado di tenere sotto controllo tale vizio e ci sono, e tossicodipendenti, ovvero gente che, ha costantemente bisogno di tali sostanze per mille motivi.
4 - Spesso il tossicodipendente ha delle problematiche personali e sociali che non riesce a risolvere ed utilizza tali sostanze come palliativo al suo stato di "inferiorità o incapacità" nel gestire tale situazione.
5 - Le sostanze stupefacenti sono in mano alla criminalità organizzata, motivo per cui, non se ne controlla la qualità farmaceutica, cosi come il prezzo di mercato. Le tasse non vengono pagate e si alimentano affari illeciti che poi ricadono sulla collettività.
6 - Lo Stato nella sua lotta alle droghe ha fallito, ma questo non lo dico io.

Detto questo, personalmente sono favorevole alla legalizzazione delle droghe, ma nel contempo, alla repressione brutale dei reati compiuti dai tossicodipendenti.

Mi spiego meglio, sei tossico per mille motivi?
Bene, drogati, ma non devi rompere le balle al prossimo.
Ti paghi il tuo vizio e le conseguenze che esso comporta, cosi come il tirartene fuori.

A questo punto ci ricolleghiamo ad un tema sollevato da alcuni foristi, ovvero l'aiutare o meno i tossicodipendenti.
Qui il concetto è ampio.
Lo prenderò alla larga...

In un sistema con delle risorse illimitate e correttamente distribuite, quindi in un sistema ideale, tutti potrebbero godere di belle case, ottima salute, vizi di ogni tipo in quantità industriale e via dicendo.
La vita dei ricchi e potenti.
Ma le cose non stanno cosi, per lo meno nella stragrande maggioranza dei casi.
Viviamo in un sistema con delle risorse limitate, che nell'essere ridistribuite, devono giustamente essere dosate per questo o quella problematica.
Questo non lo dico io ma i fatti.

La natura, utilizza il metodo della selezione naturale, i più forti si prendono le risorse migliori, tutti gli altri crepano.
Semplicissimo.

Torniamo ai tossici.
Il tossico che avrà sempre bisogno di aiuto è un peso morto per la società, semplicemente perchè toglie risorse che invece possono essere date in maniera molto più produttiva ad altri, che invece, devono conquistarsi palmo a palmo le cose di cui godono e senza aiuti alcuni.

Allora sti tossici li aiutiamo o no?
La risposta è dipende.
L'aiuto non deve essere un vuoto a perdere.
Nel momento in cui si vede che tale aiuto è come dare perle ai porci, lo si lascia in balia a se stesso, e se poi fa delle cazzate per colpa del suo vizio, allora li ci si va pesante, ma molto.

Se ti droghi perchè la tua vita è una merda o ti senti una merda o per altri mille motivi, io non ho problemi, ma se nell'essere una merda poi crei problemi a me ed ad altri, allora li torni normale a forza di calci nel culo.
Altro che campi di rieducazione cinesi.

Io avevo un amico che si drogava, gli sono stato dietro per un annetto poi l'ho abbandonato alla sua depressione ed alla sua sfiga.
Ora sembra ritornato alla pseudo normalità ma fa una vita sfigata.
Se io avessi avuto la metà delle opportunità che lui ha avuto senza fare niente, e che ha sprecato, oggi stavo tre volte meglio.
Quindi, questa categoria di persone non mi fa pena, soprattutto quando sguazza continuamente nelle giustificazioni e nell'auto commiserazione.
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4965
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Risposte, scusate, allucinanti...

Messaggiodi Vieri » 27/10/2018, 15:01

Deliverance:
4 - Spesso il tossicodipendente ha delle problematiche personali e sociali che non riesce a risolvere ed utilizza tali sostanze come palliativo al suo stato di "inferiorità o incapacità" nel gestire tale situazione.
5 - Le sostanze stupefacenti sono in mano alla criminalità organizzata, motivo per cui, non se ne controlla la qualità farmaceutica, cosi come il prezzo di mercato. Le tasse non vengono pagate e si alimentano affari illeciti che poi ricadono sulla collettività.

Verissimo: ma come non dico debellare, ma ridurre notevolmente il problema ?

Fare, tabula rasa di tutti gli spacciatori di morte con 2 anni di galera la prima volta, e 10 anni la seconda in un campo di lavoro....La terza volta ? Carcere a vita. Diciamo come in Tailandia...

Oggi, per molti boss è un affare molto lucroso e con pochi rischi come per tutti quei disgraziati di extracomunitari irretiti nel fare un lavoro "facile facile" dove basta passeggiare e conoscere solo due parole di italiano.....per campare....

Il costo sociale di questo problema è altissimo e si deve estirpare alla radice, ed "il rischio effettivo" deve sempre superare notevolmente il possibile guadagno.
TOLLERANZA ZERO

Certamente bisognerebbe anche "rifare la testa" ad alcuni magistrati che "perdonano" questi spacciatori di morte assolvendoli con la scusa che anche loro dovevano campare... :piange:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5667
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

x ROMAGNOLO E DELIVERANCE

Messaggiodi Gocciazzurra » 27/10/2018, 15:04

Mai sfiorato il pensiero che la tossicodipendenza, in generale, possa essere una patologia?
Ne parlate solo in termini di peso economico per la società come se il lato umano fosse un optional.
Immagine

La libertà è un vago concetto. (Otto von Bismarck)
Un po' di me Immagine
Avatar utente
Gocciazzurra
Moderatore
 
Messaggi: 5371
Iscritto il: 10/06/2009, 21:09

Cara Gocciazzurra....

Messaggiodi Vieri » 27/10/2018, 16:13

Deliverance aveva giustamente messo in risalto:
4 - Spesso il tossicodipendente ha delle problematiche personali e sociali che non riesce a risolvere ed utilizza tali sostanze come palliativo al suo stato di "inferiorità o incapacità" nel gestire tale situazione.

e quindi concordo con la sua e tua osservazione:
Mai sfiorato il pensiero che la tossicodipendenza, in generale, possa essere una patologia?
Ne parlate solo in termini di peso economico per la società come se il lato umano fosse un optional.
Immagine

Se del resto andiamo a vedere bene in fondo non è che uno "nasca "tossico".. o tendente a tale "idea"... ma dipende sempre per me PRINCIPALMENTE DALL'EDUCAZIONE e dall'unità e dall'esempio familiare oltre che dalle "compagnie",.....che religiosi o laici deve insegnare a dare uno scopo e dei valori alla vita-

Nel caso del mio "cugino acquisito, infatti l'educazione in tal senso, pur provenendo da una famiglia "benestante" è stata a parer mio disastrosa.

Dato che la madre aveva sofferto in gioventù di "poco amore" da parte dei suoi, ha cercato di "convertire", se così, possiamo dire, sin da piccolo, questo "amore" solamente in soldi, elevata tolleranza e vestiti e scarpe sempre alla moda.

Quando tutto diventa facile e senza avere avuto un vero insegnamento fatto anche di "NO" e di "limiti"....( mancando poi anche il padre suicida in casa con sensi di colpa repressi per non aver potuto fare niente per lui,...) la strada per lo spinello iniziale e le pasticche ed i funghi allucinogeni, poi fino alla cocaina... alla fine è segnata sempre con compagnie molto discutibili.....

Se possiamo poi a dire che oltre la terza media non sia andato con pochissima voglia di lavorare ( ma chi glielo faceva fare ? ... :ironico: ) cambiando poi piccoli lavori dalla durata max. di un mese......si può alla fine capire dove possa risiedere il problema.....

In conclusione come dicevi giustamente, il lato umano, l'educazione NON sono un OPTIONAL ma la ragione principale per la quale molti giovani vanno alla fine a perdersi.

L'humus ed il contesto nel quale si possano sviluppare tali "tendenze" ?
Per me nasce anche da un estremo pessimismo della famiglia dovuta spesso da motivi diversi di estremo disagio sociale e mancanza di fiducia nella vita e nel prossimo.
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5667
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi deliverance1979 » 27/10/2018, 17:22

Gocciazzurra ha scritto:Mai sfiorato il pensiero che la tossicodipendenza, in generale, possa essere una patologia?


He, ultimamente con il concetto ampio di patologia, si giustifica ogni comportamento.

Per me può essere qualsiasi cosa.

Che sia un vizio, che sia una patologia, o una malattia, nel momento in cui una persona del genere, con il suo modo di fare, va a ledere la libertà altrui con violenza, furti, o altre vaccate del genere, poi li ho di risposta una mia patologia che si chiama "LEX TALIONIS", chissà se sarà contemplata questa...
Oppure si giustifica sempre il primo che commette un crimine e mai chi risponde a tono...

Fino a che il tossicodipendente si paga il suo vizio, contribuisce per la società e non crea problemi, ognuno con la sua vita può fare quello che vuole, ma quando esce dal seminato, la droga non deve essere una giustificazione, bensì un'aggravante.

Qui abbiamo una disfunzione di fondo, non so se in particolar modo è il nostro paese fatto da benpensanti, o se è una moda dell'occidente in generale.

Quando si percorre una determinata strada, poi se ne devono pagare le conseguenze di tasca propria.

Gocciazzurra ha scritto:Ne parlate solo in termini di peso economico per la società come se il lato umano fosse un optional.


Se il lato umano non costa nulla possiamo parlarne fino a domani mattina, ma siccome alla fine tutto il nostro baraccone si regge fino a che c'è un "Pantalone" che paga, se tale meccanismo si dovesse inceppare poi la vita umana non conterebbe più niente, ma anche per coloro che si sono comportati sempre bene, e se proprio devo scegliere...
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4965
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Romagnolo » 27/10/2018, 18:28

Caro Deliverance quanto ti quoto! :ok: :ok: :ok: :strettamano:
Disamina veramente azzeccata e alcuni aspetti neanche li avevo mai pensati, ma giusto per chiarire con chi non è molto favorevole alla mia visione del problema , la vera ragione del mio astio se così vogliamo definirlo...contro i tossicodipendenti che "tali vogliono rimanere" perché una mano ad uscire da un problema non la si nega a nessuno, è quanto hai dichiarato al punto 5 , il problema criminalità che si nasconde dietro al fenomeno della tossicodipendenza.
Il punto non è se i drogati si drogano,...è che gli stupefacenti che cercano sono gestiti dalla criminalità organizzata,alimentano un costante flusso di denaro nelle tasche di gente di malaffare e i soldi si sa poi sono anche potere,....questi poveri disperati...ma neanche tanto perché molti utilizzatori di cocaina , ECC...non sono solo gli sfigatelli di quartiere ma anche persone in vista nella società o che hanno responsabilità nel mondo dell' economia e della politica,...ebbene dicevo non fanno altro che alimentare e rendere più potenti clan camorristici , cosche mafiose,...e quelle poi diventano il vero problema che va a impattare sulla gente normale quando con tutto quel denaro fomentano corruzione a destra e a manca per avere appalti e quant' altro !
Questi soggetti che amano darsi alla droga sono come il sangue che alimenta un tumore, ...ma se gli togli il suo alimento il tumore è spacciato!
Per dirla in breve .....i tossicodipendenti si rendono nemici della Società (non la wt :ironico: ) e se tossici vogliono rimanere, come nemici vanno trattati.
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4974
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi Romagnolo » 27/10/2018, 18:29

cattivo esempio ha scritto:
Romagnolo ha scritto:Premesso che in situazioni come queste saltano sempre fuori novità quasi ogni giorno che passa,....ma pur condividendo l' idea che occorre fornire valori e ideali ai ragazzi perché non cerchino di sperimentare droghe o altre forma di sballo per sfuggire magari ai problemi della vita, sono però anche dell' idea che una volta entrati di brutto in questo circolo vizioso degli stupefacenti alla fine i tossicodipendenti sono più che altro un problema per la società.
Non dovremmo aspettare che siano loro in un modo o nell'altro altro ad uscire di scena, ma noi a buttarli direttamente a mare!
Scusate le parole poco carine ma io farei un isola solo per loro.....e che li si arrangino!


romagnolo, un colpo in testa e si fa prima.

nazista

Troppo buona e troppo compassionevole come soluzione.
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4974
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi deliverance1979 » 27/10/2018, 19:25

Comunque, tanto per rimanere in tema, e stando a quanto detto dai TG, la barbarie gratuita dei 4 energumeni fa si di essere sempre più convinto della pena di morte, soprattutto in queste situazioni, dove tali soggetti, con un curriculum penale fatto di vari reati più o meno gravi, raggiungono il culmine della loro indegna vita con questo delitto efferato.
E c'è gente che parla ancora parla di diritti... quante vaccate...

io l'unico diritto che garantirei a queste persone è un palo alla Vlad Tepes maniera... :ok:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4965
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Prossimo

Torna a Fuori Tema

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici