Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Il rifiuto del sangue è realmente una scelta libera? Il pensiero di un avvocato

Spazio dove discutere dei problemi relativi ai rapporti tra i TdG e il mondo che li circonda

Moderatore: Gocciazzurra

Il rifiuto del sangue è realmente una scelta libera? Il pensiero di un avvocato

Messaggiodi Cogitabonda » 26/11/2017, 13:24

Un fatto di cronaca dell'anno scorso, la morte di una giovane testimone di Geova che aveva rifiutato trasfusioni di sangue, ha spinto un avvocato canadese a scrivere un libro in cui mette in questione l'effettiva libertà di tali scelte.
L'avvocato Michel Morin ha in preparazione un libro che uscirà l'anno prossimo e s'intitolerà Ils ont tué Éloïse Dupuis (Hanno ucciso Éloïse Dupuis). In un'intervista televisiva al programma Le 9 Heures l'avvocato Morin ha spiegato che la libertà di rifiutare una terapia nasce dal principio che l'individuo possa rifiutare una cura o un intervento se considera peggiore il danno dell'intervento stesso rispetto al beneficio sperato. La legge richiede che il paziente esprima una scelta libera e chiara, cioè senza costrizioni, minacce o pressioni. L'avocato Morin ritiene che nel caso dei testimoni di Geova, soprattutto quelli che sono stati educati in quella fede fin dall'infanzia, tale scelta non sia libera poiché avviene in seguito a un indottrinamento di anni.
Parlando di Éloïse Dupuis l'avvocato ha detto: "E' nata in una famiglia di testimoni di Geova. Per tutta la sua vita le hanno ripetuto continuamente che è contro la volontà di Geova ricevere trasfusioni di sangue, che sarebbe stata privata del Paradiso se avesse accettato una trasfusione, che sarebbe stata rifiutata dalla sua famiglia e da tutti."

Fonte: http://www.journaldequebec.com/2017/11/ ... -un-avocat

Della morte di quella giovane donna avevamo parlato qui: http://forum.infotdgeova.it/viewtopic.php?f=26&t=22654
E successivamente qui: http://forum.infotdgeova.it/viewtopic.php?f=26&t=23448&p=357445
Compiacersi di aver ragione è sgradevole - Avere troppa coscienza di sé è odioso - Commiserarsi è infame
La mia presentazione
Avatar utente
Cogitabonda
Moderatore
 
Messaggi: 8379
Iscritto il: 01/06/2011, 1:45
Località: Nord Italia

I tdG ammettono il suicidio ?

Messaggiodi Vieri » 26/11/2017, 14:08

Cogitabonda ha scritto:Un fatto di cronaca dell'anno scorso, la morte di una giovane testimone di Geova che aveva rifiutato trasfusioni di sangue, ha spinto un avvocato canadese a scrivere un libro in cui mette in questione l'effettiva libertà di tali scelte.
L'avvocato Michel Morin ha in preparazione un libro che uscirà l'anno prossimo e s'intitolerà Ils ont tué Éloïse Dupuis (Hanno ucciso Éloïse Dupuis). In un'intervista televisiva al programma Le 9 Heures l'avvocato Morin ha spiegato che la libertà di rifiutare una terapia nasce dal principio che l'individuo possa rifiutare una cura o un intervento se considera peggiore il danno dell'intervento stesso rispetto al beneficio sperato. La legge richiede che il paziente esprima una scelta libera e chiara, cioè senza costrizioni, minacce o pressioni. L'avocato Morin ritiene che nel caso dei testimoni di Geova, soprattutto quelli che sono stati educati in quella fede fin dall'infanzia, tale scelta non sia libera poiché avviene in seguito a un indottrinamento di anni.
Parlando di Éloïse Dupuis l'avvocato ha detto: "E' nata in una famiglia di testimoni di Geova. Per tutta la sua vita le hanno ripetuto continuamente che è contro la volontà di Geova ricevere trasfusioni di sangue, che sarebbe stata privata del Paradiso se avesse accettato una trasfusione, che sarebbe stata rifiutata dalla sua famiglia e da tutti."

Fonte: http://www.journaldequebec.com/2017/11/ ... -un-avocat

Della morte di quella giovane donna avevamo parlato qui: http://forum.infotdgeova.it/viewtopic.php?f=26&t=22654
E successivamente qui: http://forum.infotdgeova.it/viewtopic.php?f=26&t=23448&p=357445


Domanda del solito "sprovveduto di turno"...: Geova e con lui tutti i tdG ammettono il suicidio?
Io direi proprio di no, e voi cosa ne dite?.....

Bene, circa 2 mesi fa avevo 8,1 di emoglobina e grazie a due sacche di sangue sono riuscito ad arrivare sino ad oggi facendo un'altra sacca, l 'altra settimana, per rimanere entro limiti accettabili.....

Se fossi stato (malauguratamente) allora un tdG avrei potuto dire di no e lasciarmi così lentamente e VOLUTAMENTE suicidare?

Se "Geova"vorrebbe questo, sicuramente non è il mio Dio.....
:grazie:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5194
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Gocciazzurra » 26/11/2017, 18:17

Cogitabonda ha scritto:Un fatto di cronaca dell'anno scorso, la morte di una giovane testimone di Geova che aveva rifiutato trasfusioni di sangue, ha spinto un avvocato canadese a scrivere un libro in cui mette in questione l'effettiva libertà di tali scelte.
L'avvocato Michel Morin ha in preparazione un libro che uscirà l'anno prossimo e s'intitolerà Ils ont tué Éloïse Dupuis (Hanno ucciso Éloïse Dupuis). In un'intervista televisiva al programma Le 9 Heures l'avvocato Morin ha spiegato che la libertà di rifiutare una terapia nasce dal principio che l'individuo possa rifiutare una cura o un intervento se considera peggiore il danno dell'intervento stesso rispetto al beneficio sperato. La legge richiede che il paziente esprima una scelta libera e chiara, cioè senza costrizioni, minacce o pressioni. L'avocato Morin ritiene che nel caso dei testimoni di Geova, soprattutto quelli che sono stati educati in quella fede fin dall'infanzia, tale scelta non sia libera poiché avviene in seguito a un indottrinamento di anni.
Parlando di Éloïse Dupuis l'avvocato ha detto: "E' nata in una famiglia di testimoni di Geova. Per tutta la sua vita le hanno ripetuto continuamente che è contro la volontà di Geova ricevere trasfusioni di sangue, che sarebbe stata privata del Paradiso se avesse accettato una trasfusione, che sarebbe stata rifiutata dalla sua famiglia e da tutti."

Fonte: http://www.journaldequebec.com/2017/11/ ... -un-avocat

Della morte di quella giovane donna avevamo parlato qui: http://forum.infotdgeova.it/viewtopic.php?f=26&t=22654
E successivamente qui: http://forum.infotdgeova.it/viewtopic.php?f=26&t=23448&p=357445

Totalmente d'accordo! Con la subdola e invisibile manipolazione mentale ogni Tdg "verace" è costretto a valutare ogni minima scelta (dalla più banale a quella importante) attraverso il filtro dei loro indrottinamenti perpetui.
Pertanto non solo non c'è libertà di parola ma nemmeno libertà di pensiero. :cer:
Immagine

La libertà è un vago concetto. (Otto von Bismarck)
Un po' di me Immagine
Avatar utente
Gocciazzurra
Moderatore
 
Messaggi: 5207
Iscritto il: 10/06/2009, 21:09

Messaggiodi Romagnolo » 27/11/2017, 23:07

Gocciazzurra ha scritto:
Cogitabonda ha scritto:Un fatto di cronaca dell'anno scorso, la morte di una giovane testimone di Geova che aveva rifiutato trasfusioni di sangue, ha spinto un avvocato canadese a scrivere un libro in cui mette in questione l'effettiva libertà di tali scelte.
L'avvocato Michel Morin ha in preparazione un libro che uscirà l'anno prossimo e s'intitolerà Ils ont tué Éloïse Dupuis (Hanno ucciso Éloïse Dupuis). In un'intervista televisiva al programma Le 9 Heures l'avvocato Morin ha spiegato che la libertà di rifiutare una terapia nasce dal principio che l'individuo possa rifiutare una cura o un intervento se considera peggiore il danno dell'intervento stesso rispetto al beneficio sperato. La legge richiede che il paziente esprima una scelta libera e chiara, cioè senza costrizioni, minacce o pressioni. L'avocato Morin ritiene che nel caso dei testimoni di Geova, soprattutto quelli che sono stati educati in quella fede fin dall'infanzia, tale scelta non sia libera poiché avviene in seguito a un indottrinamento di anni.
Parlando di Éloïse Dupuis l'avvocato ha detto: "E' nata in una famiglia di testimoni di Geova. Per tutta la sua vita le hanno ripetuto continuamente che è contro la volontà di Geova ricevere trasfusioni di sangue, che sarebbe stata privata del Paradiso se avesse accettato una trasfusione, che sarebbe stata rifiutata dalla sua famiglia e da tutti."

Fonte: http://www.journaldequebec.com/2017/11/ ... -un-avocat

Della morte di quella giovane donna avevamo parlato qui: http://forum.infotdgeova.it/viewtopic.php?f=26&t=22654
E successivamente qui: http://forum.infotdgeova.it/viewtopic.php?f=26&t=23448&p=357445

Totalmente d'accordo! Con la subdola e invisibile manipolazione mentale ogni Tdg "verace" è costretto a valutare ogni minima scelta (dalla più banale a quella importante) attraverso il filtro dei loro indrottinamenti perpetui.
Pertanto non solo non c'è libertà di parola ma nemmeno libertà di pensiero. :cer:

Verissimo!! Quoto in pieno! :ok:
Io mi sento così lì dentro,...senza libertà di parola e di pensiero perché il pensiero te lo vogliono pilotare loro come con articoli di studio e video è i discorsi che faccio coi fratelli....sempre improntati ad essere allineati con le linee guida dell' Organizzazione onde evitare grane!
Però se devo tenermi la bocca cucita....non possono impedirmi totalmente di pensare privatamente.....anzi..da risvegliato non possono più pilotarmi come vorrebbero!
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4746
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi Romagnolo » 27/11/2017, 23:08

Vieri ha scritto:
Cogitabonda ha scritto:Un fatto di cronaca dell'anno scorso, la morte di una giovane testimone di Geova che aveva rifiutato trasfusioni di sangue, ha spinto un avvocato canadese a scrivere un libro in cui mette in questione l'effettiva libertà di tali scelte.
L'avvocato Michel Morin ha in preparazione un libro che uscirà l'anno prossimo e s'intitolerà Ils ont tué Éloïse Dupuis (Hanno ucciso Éloïse Dupuis). In un'intervista televisiva al programma Le 9 Heures l'avvocato Morin ha spiegato che la libertà di rifiutare una terapia nasce dal principio che l'individuo possa rifiutare una cura o un intervento se considera peggiore il danno dell'intervento stesso rispetto al beneficio sperato. La legge richiede che il paziente esprima una scelta libera e chiara, cioè senza costrizioni, minacce o pressioni. L'avocato Morin ritiene che nel caso dei testimoni di Geova, soprattutto quelli che sono stati educati in quella fede fin dall'infanzia, tale scelta non sia libera poiché avviene in seguito a un indottrinamento di anni.
Parlando di Éloïse Dupuis l'avvocato ha detto: "E' nata in una famiglia di testimoni di Geova. Per tutta la sua vita le hanno ripetuto continuamente che è contro la volontà di Geova ricevere trasfusioni di sangue, che sarebbe stata privata del Paradiso se avesse accettato una trasfusione, che sarebbe stata rifiutata dalla sua famiglia e da tutti."

Fonte: http://www.journaldequebec.com/2017/11/ ... -un-avocat

Della morte di quella giovane donna avevamo parlato qui: http://forum.infotdgeova.it/viewtopic.php?f=26&t=22654
E successivamente qui: http://forum.infotdgeova.it/viewtopic.php?f=26&t=23448&p=357445


Domanda del solito "sprovveduto di turno"...: Geova e con lui tutti i tdG ammettono il suicidio?
Io direi proprio di no, e voi cosa ne dite?.....

Bene, circa 2 mesi fa avevo 8,1 di emoglobina e grazie a due sacche di sangue sono riuscito ad arrivare sino ad oggi facendo un'altra sacca, l 'altra settimana, per rimanere entro limiti accettabili.....

Se fossi stato (malauguratamente) allora un tdG avrei potuto dire di no e lasciarmi così lentamente e VOLUTAMENTE suicidare?

Se "Geova"vorrebbe questo, sicuramente non è il mio Dio.....
:grazie:

Vieri Vecchio mio.....ringraziamo il cielo che non sei Tdg. :ironico: :occhiol:
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4746
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Ciao Romagnolo.....grazie

Messaggiodi Vieri » 28/11/2017, 11:00

Vieri Vecchio mio.....ringraziamo il cielo che non sei Tdg. :ironico: :occhiol:

Visto che ormai avete cominciato a conoscermi, pensate veramente che uno come me che non può stare zitto nemmeno con i preti ( come è già successo più di una volta....) possa aver avuto qualche chance di sopravvivenza all'interno dei tdG ?

Alla seconda mia osservazione in sala mia avrebbero già scacciato....come .... :diablo:
:ciao:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5194
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55


Torna a Costume e società

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici