Pagina 1 di 1

natale

MessaggioInviato: 05/12/2016, 13:26
di la.via
Da quando i TDG non festeggiano piu' il natale ?

:pino: :pino:

MessaggioInviato: 05/12/2016, 13:34
di VictorVonDoom
LIALA ha scritto:Da quando i TDG non festeggiano piu' il natale ?

:pino: :pino:


http://www.jwfacts.com/watchtower/celebrations.php

Hanno avuto l'illuminazione :ironico: intorno al 1927

Questa è la triste storia di uno di noi...

MessaggioInviato: 05/12/2016, 16:46
di Ray
VictorVonDoom ha scritto:Hanno avuto l'illuminazione intorno al 1927


:ironico:
Vogliamo dire la verità ? E diciamola.

E' stata una genialata di Rutherford,due piccioni con una fava.
Aveva notato le esorbitanti spese che ci volevano alla betel ,fra zamponi cotechini e dolciumi
vari panettoni e carboni ardenti,più le spese per l'energia elettrica per illuminare alberi di natale e luci decorative (a quei tempi
i led non erano stati inventati)quindi pensò bene di risparmiare un po di soldi
per il suo progetto,costruire una villa a S.Diego dove aspettava amici...

:ciao:

MessaggioInviato: 05/12/2016, 20:13
di Achille

MessaggioInviato: 05/12/2016, 20:46
di la.via
Achille ha scritto:http://www.infotdgeova.it/dottrine/feste.php

I TdG smisero di celebrare il Natale solo nel 1927 (Proclamatori, p. 200), molti anni dopo la loro presunta "liberazione da Babilonia la Grande" (la "falsa religione") che sarebbe avvenuta nel 1919. È piuttosto strano quindi che per quasi cinquant'anni della loro "storia" i Testimoni non avessero eliminato dalle loro pratiche quella che attualmente essi definiscono un'‛usanza che dispiace a Dio’ (Cosa richiede Dio da noi?, p.5).


:grazie: anche perche' molti non sanno che i TDG una volta festeggiavo il natale :Romeo: :Minou:

MessaggioInviato: 05/12/2016, 20:55
di Finn86
Ecco una foto per rinfrescarli la memoria! :risata:
Immagine

MessaggioInviato: 06/12/2016, 9:38
di VictorVonDoom
Finn86 ha scritto:Ecco una foto per rinfrescarli la memoria! :risata:
Immagine


... e dovrebbero essere gli anni in cui dicono Dio li abbia scelti come sua organizzazione perchè insegnavano le "cose giuste". Quindi o sbagliano ora o sbagliavano allora e non potevano essere scelti. Entrambe le cose non si possono avere, mi dispiace per loro.

MessaggioInviato: 06/12/2016, 10:22
di play
Il fatto è che si sbagliavano allora come si sbagliano oggi: e non esiste neppure la terza possibilità, e cioè che non sbaglino in futuro,anzi, considerate le premesse......

Natale e compleanni, una piccola riflessione....

MessaggioInviato: 06/12/2016, 12:17
di Vieri
Come sapete le mie esperienze dirette verso il tdG sono limitate ma direi che anche queste poche sono state interessanti e significative.
Una volta in ufficio avevamo assunto un bravo ragazzo ma tdG. Buon lavoratore, buon giorno e buonasera e tutto il giorno attaccato al PC.....
Un giorno uno dei miei colleghi fa il compleanno e porta dei pasticcini in ufficio e naturalmente lui non venne e mentre tutti erano a mangiarsi un dolcetto, lui, facendomi un po' stringere il cuore, era rimasto ancora attaccato da solo al PC,...e questo ormai si sapeva.

Dopo un po' di tempo, un altro ns. collaboratore arriva in ufficio con dei dolcetti per festeggiare l'acquisto della macchina nuova....
In quell'occasione quel ragazzo allora venne con noi .....ma si può festeggiare l'acquisto di un "pezzo di ferro" e non quello di una persona umana"? Rimasi basito.....
Alla fine poi stette da noi pochi mesi poichè l'impegno di lavoro ( 8 ore normali ) era troppo "gravoso" per poter fare anche la "predicazione" e quindi si licenziò.....

Nessun commento personale ......ma ai pochi tdG che sono venuti a trovarmi, su tali "festeggiamenti" non mi hanno mai voluto dare una risposta precisa....

MessaggioInviato: 06/12/2016, 13:18
di Romagnolo
E' solo perché festeggiare l' acquisto di un qualcosa non è una usanza legata alle superstizioni delle usanze pagane :blu: ma una privata iniziativa slegata da qual si voglia religione, diverso invece la festa di compleanno,...per i tdg qualcosa di originato dal mondo pagano della falsa religione e quindi in odio al Dio di verità e giustizia Yhwh.

MessaggioInviato: 06/12/2016, 13:50
di VictorVonDoom
Romagnolo ha scritto:E' solo perché festeggiare l' acquisto di un qualcosa non è una usanza legata alle superstizioni delle usanze pagane :blu: ma una privata iniziativa slegata da qual si voglia religione, diverso invece la festa di compleanno,...per i tdg qualcosa di originato dal mondo pagano della falsa religione e quindi in odio al Dio di verità e giustizia Yhwh.


Ovviamente la "paganesità" è a targhe alterne, cioè è la loro organizzazione che decide cosa abbia origine pagane e non vada celebrato oggi e cosa no. Premettendo che praticamente tutto quello che facciamo oggi ha "origini pagane" o è stato "fatto da pagani" in passato, è interessante il commento di una Svegliatevi! sul gioco della pentolaccia:

“La preoccupazione principale non è sapere cosa una pratica significasse centinaia di anni fa, ma come è vista oggi nella vostra zona. Comprensibilmente, le opinioni possono variare da un luogo all’altro. Pertanto, è saggio evitare di trasformare queste questioni in grandi questioni”. [Svegliatevi! 22 Settembre 2003]

Non si capisce perchè lo stesso principio non vada applicato alle feste di compleanno, dato che nessuno oggi associa le feste di compleanno al paganesimo (ovviamente si capisce bene il motivo di tale proibizione, che è quello di tenere i TdG segregati dal resto della comunità).

Concordo con Victor.....

MessaggioInviato: 06/12/2016, 14:15
di Vieri
Non si capisce perchè lo stesso principio non vada applicato alle feste di compleanno, dato che nessuno oggi associa le feste di compleanno al paganesimo (ovviamente si capisce bene il motivo di tale proibizione, che è quello di tenere i TdG segregati dal resto della comunità).

Concordo poichè, questo "allontanarsi" dalla società civile in queste manifestazioni di condivisione e di amicizia, a parer mio è molto più "pagano" festeggiare un pezzo di ferro con quattro ruote, che una persona umana, lo ritengo un atto di notevole superbia nel sentirsi migliori, eletti dal Signore, "unti",.....isolandosi da un mondo che ritengono "peccaminoso" .
Chissà poi perché nel Vangelo Gesù andava a pranzo con i "peccatori" mentre loro non vogliono "inquinarsi"......

Per Romagnolo...
E' solo perché festeggiare l' acquisto di un qualcosa non è una usanza legata alle superstizioni delle usanze pagane :blu: ma una privata iniziativa slegata da qual si voglia religione, diverso invece la festa di compleanno,...per i tdg qualcosa di originato dal mondo pagano della falsa religione e quindi in odio al Dio di verità e giustizia Yhwh.

Romagnolo carissimo, si in effetti hai "perfettamente ragione" :ironico: poichè nella Bibbia non era indicato il fatto di fare peccato per l'acquisto di una automobile visto che allora non l'avevano ancora inventata... :ironico: :ironico:

:strettamano:

MessaggioInviato: 06/12/2016, 14:54
di VictorVonDoom
Vieri ha scritto: lo ritengo un atto di notevole superbia nel sentirsi migliori, eletti dal Signore, "unti",.....isolandosi da un mondo che ritengono "peccaminoso" .
Chissà poi perché nel Vangelo Gesù andava a pranzo con i "peccatori" mentre loro non vogliono "inquinarsi"......


No ascolta, non è proprio esatto quello che dici. Nel senso che non dovresti, a mio avviso, attribuire in questo caso cattivi motivi ai TdG che non festeggiano i compleanni. Dico questo anche perchè questa proibizione è fonte di grande imbarazzo sopratutto per i giovani TdG, che si trovano a scuola fin da bambini ad essere emarginati e quindi, loro malgrado, essere dei ... "diversi". Quindi se gli attribuisci anche superbia quei poveretti sono cornuti e mazziati.
Il TdG probabilmente davvero è convinto di fare la volontà di Dio rinunciando a festeggiare questa ricorrenza.

Il marcio, come sempre, sta in testa. E' la loro leadership che si è inventata questa proibizione, in barba a qualsiasi comando biblico (non sta scritto da nessuna parte che non bisogna festeggiare i compleanni) e alla loro stessa logica quando parlano di un'altro argomento (pentolaccia), per tenere segregati i TdG dal resto delle persone. Perchè più si sentono diversi ed emarginati più hanno bisogno della loro comunità e ne diventano schiavi.

Victor, hai detto bene...

MessaggioInviato: 06/12/2016, 15:56
di Vieri
No ascolta, non è proprio esatto quello che dici. Nel senso che non dovresti, a mio avviso, attribuire in questo caso cattivi motivi ai TdG che non festeggiano i compleanni. Dico questo anche perchè questa proibizione è fonte di grande imbarazzo sopratutto per i giovani TdG, che si trovano a scuola fin da bambini ad essere emarginati e quindi, loro malgrado, essere dei ... "diversi". Quindi se gli attribuisci anche superbia quei poveretti sono cornuti e mazziati.
Il TdG probabilmente davvero è convinto di fare la volontà di Dio rinunciando a festeggiare questa ricorrenza.

Il marcio, come sempre, sta in testa. E' la loro leadership che si è inventata questa proibizione, in barba a qualsiasi comando biblico (non sta scritto da nessuna parte che non bisogna festeggiare i compleanni) e alla loro stessa logica quando parlano di un'altro argomento (pentolaccia), per tenere segregati i TdG dal resto delle persone. Perchè più si sentono diversi ed emarginati più hanno bisogno della loro comunità e ne diventano schiavi.

In effetti, quando avevo visto quel povero ragazzo da solo in ufficio a lavorare mentre gli altri mangiavano un pasticcino, mi aveva fatto molta pena e sarei voluto anche andare da lui....ma non volevo interferire con le sue idee.

Agli effetti pratici tutte queste persone e specie i bambini che festeggiano normalmente questi compleanni o feste (vedi Natale) con un regalino, un pranzo con i nonni ed i parenti....SONO DELLE VITTIME INNOCENTI di una organizzazione che per astruse regole, proibiscono questi incontri, contrarie non solo al Vangelo, ma ad ogni logica umana .
Mi leggo solo:
Matteo 19,14-15: L'atteggiamento di Gesù: accoglie e difende la vita dei bambini. Gesù riprende i discepoli e dice: "Lasciate che i bambini vengano a me, perché di essi è il Regno dei Cieli." A Gesù non importa trasgredire le norme che impediscono la fraternità e l'accoglienza da dare ai piccoli. La nuova esperienza di Dio Padre ha marcato la vita di Gesù e gli dà occhi nuovi per percepire e valutare la relazione tra le persone. Gesù si mette al lato dei piccoli, degli esclusi e assume la sua difesa. Impressiona quando si mette insieme tutto ciò che la Bibbia dice su gli atteggiamenti di Gesù in difesa della vita dei bambini, dei piccoli:

Quindi "non esistono cattivi soldati ma solo cattivi generali"......e di questi alla fine per aver tolto un sorriso a tanti bambini "Qualcuno" se ne ricorderà al momento opportuno ..."ungendoli" si ma in quello bollente...:ironico:

MessaggioInviato: 07/12/2016, 8:03
di Giovanni64
Romagnolo ha scritto:E' solo perché festeggiare l' acquisto di un qualcosa non è una usanza legata alle superstizioni delle usanze pagane :blu: ma una privata iniziativa slegata da qual si voglia religione, diverso invece la festa di compleanno,...per i tdg qualcosa di originato dal mondo pagano della falsa religione e quindi in odio al Dio di verità e giustizia Yhwh.

La Watchtower o Rutherford e compagnia ricordavano la nascita di Gesù secondo la tradizione americana tipica dei benestanti degli anni venti. Non penso che nelle scritture allora leggevano la data sicura del 25 dicembre o che bisognava scambiarsi dei regali di un certo valore. E' da supporre che, così come pronunciavano Jehovah, cioè alla maniera da loro intesa come tradizionale e come largamente riconosciuta nel loro ambiente, così "pronunciavano" il Natale.
Tuttavia tanti altri poveri cristi in tutto il mondo, anche nella stessa New York, "pronunciavano" il Natale in maniera molto diversa da Rutherford e soci e magari Gesù, nonostante tutto, nasceva (e nasce) anche e soprattutto per quei poveri cristi. Nella mia famiglia il Natale non è mai stato inteso alla Rutherford, ed io a quasi un secolo di distanza ancora non lo vivo così o almeno ci provo.
Tuttavi, voi non ci crederete, ma mi devo sorbire anche i novelli seguaci di Rutherford che vengono a casa mia a spiegarmi quali sono le magagne del Natale! Ma io non ho mai creduto alla data del precisa del 25 dicembre e non l'ho mai festeggiato alla Rutherford e come me tanti poveri cristi di varie tradizioni sparsi per il mondo.

Insomma i seguaci di Rutherford vanno in giro a denigrare il Natale degli altri, anche quello più autentico dei poveri cristi, prendendosela spesso con quel consumismo e quelle "cocacole" e quei "babinatali" nati e poi pasciuti negli stessi ambienti tipici di Rutherford ed in quel modo barbaro di intendere il Natale.
Non solo. Ne fanno un problema di "pronuncia" della nascita di Gesù: non bisogna pronunciarlo col presepe, alla napoletana, per fare un solo esempio.
Ma allora perché il nome eventuale di Dio bisogna pronunciarlo secondo le varie tradizioni pagane che per giunta si basano su un grossolano errore e che spesso sono mutuate, come la cocacola, passando per la tradizione americana?
Perché in tal caso non bisogna differenziarsi dai pagani? Perché tanta plateale disonestà? Perché?

MessaggioInviato: 07/12/2016, 9:33
di VictorVonDoom
Giovanni64 ha scritto:
Romagnolo ha scritto:E' solo perché festeggiare l' acquisto di un qualcosa non è una usanza legata alle superstizioni delle usanze pagane :blu: ma una privata iniziativa slegata da qual si voglia religione, diverso invece la festa di compleanno,...per i tdg qualcosa di originato dal mondo pagano della falsa religione e quindi in odio al Dio di verità e giustizia Yhwh.

La Watchtower o Rutherford e compagnia ricordavano la nascita di Gesù secondo la tradizione americana tipica dei benestanti degli anni venti. Non penso che nelle scritture allora leggevano la data sicura del 25 dicembre o che bisognava scambiarsi dei regali di un certo valore. E' da supporre che, così come pronunciavano Jehovah, cioè alla maniera da loro intesa come tradizionale e come largamente riconosciuta nel loro ambiente, così "pronunciavano" il Natale.
Tuttavia tanti altri poveri cristi in tutto il mondo, anche nella stessa New York, "pronunciavano" il Natale in maniera molto diversa da Rutherford e soci e magari Gesù, nonostante tutto, nasceva (e nasce) anche e soprattutto per quei poveri cristi. Nella mia famiglia il Natale non è mai stato inteso alla Rutherford, ed io a quasi un secolo di distanza ancora non lo vivo così o almeno ci provo.
Tuttavi, voi non ci crederete, ma mi devo sorbire anche i novelli seguaci di Rutherford che vengono a casa mia a spiegarmi quali sono le magagne del Natale! Ma io non ho mai creduto alla data del precisa del 25 dicembre e non l'ho mai festeggiato alla Rutherford e come me tanti poveri cristi di varie tradizioni sparsi per il mondo.

Insomma i seguaci di Rutherford vanno in giro a denigrare il Natale degli altri, anche quello più autentico dei poveri cristi, prendendosela spesso con quel consumismo e quelle "cocacole" e quei "babinatali" nati e poi pasciuti negli stessi ambienti tipici di Rutherford ed in quel modo barbaro di intendere il Natale.
Non solo. Ne fanno un problema di "pronuncia" della nascita di Gesù: non bisogna pronunciarlo col presepe, alla napoletana, per fare un solo esempio.
Ma allora perché il nome eventuale di Dio bisogna pronunciarlo secondo le varie tradizioni pagane che per giunta si basano su un grossolano errore e che spesso sono mutuate, come la cocacola, passando per la tradizione americana?
Perché in tal caso non bisogna differenziarsi dai pagani? Perché tanta plateale disonestà? Perché?


L'obiettivo è sempre e solo uno: emarginare i TdG in modo che possano sentirsi "diversi" e odiati dal resto del mondo (in realtà sono loro che "odiano" il mondo) e trovarsi bene solo fra di loro. Se una cosa la fanno tutti, allora vedi che si troverà qualche forma di "paganesimo" per cui quella cosa i veri adoratori di Geova non la devono fare.