Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

tdG e il Nazismo

Sezione in cui si analizzano le vicende storiche dell'organizzazione

Moderatore: Achille

Messaggiodi renato-c » 31/01/2018, 11:38

Salve
ho fatto qualche ricerca in rete sulla neutralità dei tdG ,ma purtroppo molto materiale è scomparso ,ma sta di fatto però che i tdG più vecchi e gli ex più vecchi ,sanno benissimo come stanno le cose
perchè vissute anche molti di loro sulla pelle . Al tempo quando ero io addirittura non si doveva andare alle urne . proibito essere consiglieri di classe nelle scuole ,
far parte dei sindacati ed essere in lista per fare Sindaco,consigliere e onorevole al governo ecc... e sempre per la dottrina della neutralità
Chi possiede ancora il cartaceo vecchia letteratura ,potrà testimoniare ,perché in rete la letteratura on line è stata modificata o aggiornata con i nuovi intendimenti e di recente hanno fatto anche
una nuova Bibbia aggiornata .
Poi naturalmente siccome si aggiornano , le polemiche non valgono .
ho trovato questo trafiletto che fra le altre cose che include anche la neutralità .

http://digilander.libero.it/ahhakappa/Neutrale.htm
IN VINO VERITAS

Sulla rivista Famiglia Cristiana n.20 del 1994 in risposta ad un articolo in cui si sosteneva che i Testimoni di Geova non possono votare pena l'espulsione c'è una intervista a Paolo Piccioli della Società Torre di Guardia, è una intervista istruttiva (la verità dei tdg cambia a seconda dell'interlocutore) ma anche da gustare, perciò la riporto integralmente:

«Quando si parla di noi lo si fa sempre attraverso i fuoriusciti, i quali sono pieni di livore nei nostri confronti» ribatte Paolo Piccioli portavoce italiano della Congregazione cristiana dei Testimoni di Geova che nega categoricamente qualsiasi imposizione agli adepti in questo o in altri ambiti: «Noi esponiamo le fondamentali verità bibliche poi ognuno singolarmente assume dai Vangeli le proprie convinzioni. Come cristiani siamo neutrali non facciamo parte del mondo pertanto un distacco dalle cose secolari si assume inevitabilmenle. Non ci servono riferimenti esplichi o impliciti al volo o al non-voto E poi anche la Chiesa nel secolo scorso aveva invitato i cattolici italiani a non votare col non expedit di Pio IX.

-Esistono indagini su chi vota? «No, non ci sono. Non abbiamo organi investigativi nè potremmo farlo. Noi educhiamo le coscienze non controlliamo i singoli Testimoni che, fino a prova contraria, si comportono fedelmente ai Vangeli.»

-Nega dunque l'esistenza di espulsioni causate dall'aver votato «Sono Testimone da quarant'anni e non conosco personalmente nessuno che sia stato disassociato per questo motivo. E chi lo afferma per noi non è attendibile»

-Però esistono delle vostre pubblicazioni che parlano delle elezioni a partire da quelle scolastiche «No. Le ho già risposto: le nostre pubblicazioni insegnono solo i principi fondamentali del Vangelo: dicono che il cristiano è neutrale e basta».

Ma cosa dicono le pubblicazioni dei Testimoni di Geova che coloro che sostengono la tesi della obbligatorietà del non-voto sicuramente hanno letto e che probabilmente il sig.Piccioli avrà letto ma forse non ricorda?

Cominciamo con La Torre di Guardia del 1959 che in un articolo dal titolo Mettiamo al primo posto gli interessi del regno, a pag 743 parla del: «...rifiuto dei testimoni di Geova del passato di adempiere doveri patriottici come il voto, il saluto alla bandiera e il servizio militare...» L'ammissione della pratica dei Testimoni di Geova è appena mascherata da quel fuorviante «del passato». Naturalmente non c'è alcuna condanna del rifiuto di votare nè riconoscimento della necessità di mutare comportamento!

Ed infatti alcuni anni dopo si ribadisce lo stesso concetto, La Torre di Guardia del 1964, pag 660 afferma: « I Testimoni di Geova non prendono parte alle votazioni durante le elezioni. Non sono parte del mondo. Essi non compromettono la loro neutralità in questioni di politica, comunque, se vanno alle urne e annullano in qualche modo la scheda, cancellandola e scrivendo ad esempio su di essa le parole "Sono per il regno di Dio"» Quì si suggerisce addirittura cosa scrivere sulle schede se si fosse costretti ad andare fisicamente alle urne.

Il libro Uniti nell'adorazione del solo vero Dio (Stampato nel 1983) pag166 §12 sostiene che i Testimoni di Geova : «Non interferiscono nelle decisioni altrui di iscriversi a un partito politico, presentarsi come candidati o votare durante le elezioni. Ma dato che Gesù disse che i suoi discepoli 'non sarebbero stati parte del mondo' i testimoni di Geova non partecipano ad alcuna attività politica.» La contorta frase in 'geovese', tradotta suona così: "i Testimoni di Geova non partecipano ad alcuna attività che essi considerano 'politica', chi lo dovesse fare non è più un Testimoni di Geova, in tal caso sarebbe considerato come espulso dalla congregazione, e perciò allora può fare quello che vuole". Conseguentemente La Torre di Guardia del 1 Dicembre 1989, pag 13 § 16 parlando di quelli che si sono allontanati dai Testimoni di Geova o ne sono stati allontanati afferma: «Altri sono felici di non dover più essere diversi per quanto riguarda la neutralità cristiana e l'uso errato del sangue. Oh, che libertà! Ora possono persino votare per uno dei partiti politici della "bestia selvaggia"» Se gli ex-TdG sono liberi di votare non dovendo più essere «diversi», ne consegue che i Testimoni di Geova non sono liberi di votare perchè sono «diversi».

Nell'opuscolo I testimoni di Geova e la scuola, (prima edizione) , al capitolo Saluto alla bandiera, inni e votazioni al sottotitolo Incarichi elettivi: è esposto il pensiero dei Testimoni di Geova sull'esercizio del voto nella vita scolastica: «In molte scuole gli studenti vengono eletti per votazione a certi incarichi...Lo scopo è quello di abituare i ragazzi ai meccanismi della vita politica. Comunque i giovani Testimoni non prendono parte alla politica nella scuola, non accettando incarichi elettivi e non dando il voto ad altri.» Così i giovani vengono abituati a non partecipare alle votazioni.

In quanto all'affermazione, contenuta nell'intervista su riportata, secondo cui i Testimoni di Geova non fanno indagini se questo può essere vero (?!) per il semplice aderente non lo è per i sorveglianti del popolo geovista, basti citare il manuale ad uso riservato per i sorveglianti dei Testimoni di Geova siglato Ks 77 a pag 68 all'inizio del sottotitolo Udienze del comitato giudiziario: «RICORDATE: Ci sono casi che il corpo degli anziani ha la responsabilità di investigare ...» (il termine 'ricordate' tutto maiuscolo è nel testo!)

Più chiaro di così!...

Veramente se in vino veritas il sig. Piccioli è astemio e perciò farebbe bene a seguire il consiglio apostolico: «Smetti di bere soltanto acqua, ma fa' uso di un po' di vino a causa... delle tue frequenti...» amnesie!. Se di amesie si tratta!?

Mario Mariani
Avatar utente
renato-c
Utente Senior
 
Messaggi: 1334
Iscritto il: 17/07/2009, 20:28

ma la povera gente ....

Messaggiodi domingo7 » 31/01/2018, 13:57

Sicuramente tu e Achille avete ragione: i tdG di oggi non sono né pacifici né non violenti (del resto neppure gli ebrei, i comunisti, gli zingari e gli omosessuali oggi lo sono).

Quelli che finirono nei campi di concentramento nazisti però (la povera gente degli anni '40) probabilmente credettero davvero che la neutralità e la critica al nazismo fossero conformi agli ideali evangelici della fraternità universale e della chiesa primitiva (lo stesso discorso pacifista dei tdG era portato avanti dai socialisti dai tempi della I guerra mondiale, criticando vigorosamente i massacri dei fratelli operai e contadini, organizzati dal capitalismo imperialista ed internazionale).

Lottarono e morirono comunque in buona fede tutti coloro che imbracciarono le armi per abbattere le dittature sanguinarie (anche se gli uomini di coscienza avrebbero dovuto condannare duramente il coinvolgimento dei civili nella guerra totale).

Non sono comprensibili invece i cristiani che in America rifiutarono di combattere il nazifascismo (magari anche conservando i propri scrupoli morali e operando in modo non armato nella croce rossa o nella sussistenza) ed i cristiani che in Europa collaborarono attivamente all'affermazione delle dittature (non si tratta tanto di concordati o di posizioni passive ma di prese di posizione chiaramente filo fasciste e filo naziste, abbracciate dal fior fiore di laici e di alte gerarchie tanto nel cattolicesimo che nel protestantesimo)
Presentazione

Ma come si conviene a dei santi, né fornicazione, né alcuna impurità, né avarizia, sia neppur nominata fra voi; né disonestà, né buffonerie, né facezie scurrili, che son cose sconvenienti; ma piuttosto, rendimento di grazie [Efesini 5,3-4]
Avatar utente
domingo7
Utente Senior
 
Messaggi: 2111
Iscritto il: 21/07/2009, 18:06
Località: Chiavari (Ge)

Messaggiodi renato-c » 31/01/2018, 14:19

domingo7 ha scritto:Sicuramente tu e Achille avete ragione: i tdG di oggi non sono né pacifici né non violenti (del resto neppure gli ebrei, i comunisti, gli zingari e gli omosessuali oggi lo sono).

Quelli che finirono nei campi di concentramento nazisti però (la povera gente degli anni '40) probabilmente credettero davvero che la neutralità e la critica al nazismo fossero conformi agli ideali evangelici della fraternità universale e della chiesa primitiva (lo stesso discorso pacifista dei tdG era portato avanti dai socialisti dai tempi della I guerra mondiale, criticando vigorosamente i massacri dei fratelli operai e contadini, organizzati dal capitalismo imperialista ed internazionale).

Lottarono e morirono comunque in buona fede tutti coloro che imbracciarono le armi per abbattere le dittature sanguinarie (anche se gli uomini di coscienza avrebbero dovuto condannare duramente il coinvolgimento dei civili nella guerra totale).

Non sono comprensibili invece i cristiani che in America rifiutarono di combattere il nazifascismo (magari anche conservando i propri scrupoli morali e operando in modo non armato nella croce rossa o nella sussistenza) ed i cristiani che in Europa collaborarono attivamente all'affermazione delle dittature (non si tratta tanto di concordati o di posizioni passive ma di prese di posizione chiaramente filo fasciste e filo naziste, abbracciate dal fior fiore di laici e di alte gerarchie tanto nel cattolicesimo che nel protestantesimo)

semplicemente G R A Z I E ! :-)
Avatar utente
renato-c
Utente Senior
 
Messaggi: 1334
Iscritto il: 17/07/2009, 20:28

Messaggiodi renato-c » 31/01/2018, 14:26

Avatar utente
renato-c
Utente Senior
 
Messaggi: 1334
Iscritto il: 17/07/2009, 20:28

Precedente

Torna a La storia dei Testimoni di Geova

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici