Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Ecco il perchè dell'anonimato dei traduttori

La Bibbia dei Testimoni di Geova è davvero una traduzione fedele ed accurata delle Sacre Scritture?

Moderatore: polymetis

Messaggiodi Dnick » 27/11/2012, 13:54

007 mission impossible ha scritto:....non posso essere smentito su questo.


Credi?

Finora sei stato smentito su tutto,

come anche in questo 3D , l'evidenza non è il tuo forte,

affermi :
la traduzione in italiano e nelle altre lingue è fatta .."con la fedele consultazione dei Testi originali e Lingue originali"...come spiegato nella medesima



E questo l'ho hai affermato,
senza conoscere chi e quali competenze potesse avere chi si è occupato della traduzione e delle traduzioni
successive.
Ma solo per fede di chi critichi, e cioè della WTS.

Ora poly e gabriele ti hanno fatto notare di quanto sei in errore
e cerchi di spostare l'attenzione su altri argomenti:

007 mission impossible ha scritto:Nessun testimone ha mai costretto nessuno ad utilizzare la TNM anzi quasi tutti i testimoni che conosco usano e hanno comprato altre traduzioni che a volte si portano nel ministero magari alle visite ulteriori per mostrare ad esempio che anche altre traduzioni hanno messo il nome personale di Dio in alcuni passi ,o magari per mostrare che in realtà l'accusa che la nostra bibbia è diversa non è del tutto vera,o quantomeno non come immaginano le persone in generale


Va be che nessuno tdg può costringere nessuno e bla bla bla,
ma dire che quasi tutti i tdg come vorresti fare intendere usano altre traduzioni,
è una menzogna bella e buona.

Intanto la TNM e redatta per aggiustare la loro dottrina alle scritture,
senza questa e di fronte ad una persona preparata, se il tdg ha una traduzione diversa della tnm
si troverà a subire una bella figura di ..... chi dalle scritture non è lontano ma lontanissimo, Dall'alfa all'omega .
Avatar utente
Dnick
Utente Senior
 
Messaggi: 2033
Iscritto il: 11/11/2009, 14:09

Messaggiodi Asia » 27/11/2012, 13:58

Amore e Psiche ha scritto:che traduzione consigli ? il nome di Dio non e' yhwh ?

per me LO é
Chi ha percorso un duro cammino usa parole semplici per descriverne ogni sfumatura.

©Caterina Mangiaracina
Asia
Utente Junior
 
Messaggi: 778
Iscritto il: 09/07/2012, 18:15

Messaggiodi Dnick » 27/11/2012, 14:17

Asia ha scritto:
Amore e Psiche ha scritto:che traduzione consigli ? il nome di Dio non e' yhwh ?

per me LO é


E cosa significa ?
Avatar utente
Dnick
Utente Senior
 
Messaggi: 2033
Iscritto il: 11/11/2009, 14:09

Messaggiodi marco polo » 27/11/2012, 16:51

007 mission impossible ha scritto:
marco polo ha scritto:
007 mission impossible ha scritto:

[b].......vedo che anche tu ti unisci alle folte schiere dei complottisti!

Sei caduto vittima della disinformazione e della propaganta antiamericana e antiebraica ?

Magari credi che il gruppo Bildenberg domini le redini del mondo?

Bè ognuno ha le sue idee
[/b]


Io sono caduto vittima della propaganda antiamericana? Sarà.
Adesso però son qui ad aspettare le tue illuminanti parole, giuro che non avrò altro mentore se non te.
Va bene così?
Avatar utente
marco polo
Nuovo Utente
 
Messaggi: 113
Iscritto il: 04/08/2012, 19:14

Messaggiodi Vittorino » 27/11/2012, 18:29

Amore e Psiche ha scritto:che traduzione consigli ? il nome di Dio non e' yhwh ?

Nei numerosi dibattiti precedenti è già stato ampiamente dettagliato che, per quanto riguarda il Tetragramma, per le note ragioni, nessuno conosce la sua esatta pronuncia così che, ogni traduttore, lo ha riportato come meglio credeva. Per quanto riguarda il NT, invece, abbiamo la testimonianza degli stessi scrittori biblici e, a questo riguardo, lo stimato e più volte citato anche dalla WTS studioso BeDuhn, nell’Appendice del suo libro: “Truth in Translation, Pagg. 169-181, espone chiaramente il suo pensiero sulla Traduzione del Nuovo Mondo. Per brevità riporterò di seguito solo alcuni passaggi, invitando i volenterosi a leggere interamente l’interessante Appendice (grassetto mio).
Pagg. 173-174
Ma non è compito dei traduttori stabilire o correggere il contenuto del testo biblico. Perciò, quando si riportano citazioni dall’Antico Testamento, si è costretti a tradurre ciò che hanno scritto gli autori del Nuovo Testamento, anche se ciò rappresenta una discrepanza quando confrontato con l’Antico Testamento. Un diverso modo di agire comporta il rischio di distruggere qualcosa di importante che gli autori del Nuovo Testamento volevano comunicare tramite la citazione dall’Antico Testamento.
In un piccolo numero di casi, sembra che gli autori del Nuovo Testamento cambino deliberatamente il riferimento del passaggio dell’Antico Testamento da Geova, così come era inteso dalla tradizione Ebraica, a Gesù Cristo nel ruolo che la tradizione Cristiana aveva capito che egli aveva. Nelle abitudini Ebraiche, questo cambiamento di rapporto è potuto avvenire più facilmente attraverso l’uso del generico e potenzialmente ambiguo titolo “Signore”, portato in sostituzione del personale nome di Dio. In altre parole, una volta che un passaggio dell’Antico Testamento veniva letto in riferimento a “il Signore”, piuttosto che allo specifico “Jehovah”, era possibile applicare a Gesù ciò che quel passaggio diceva, quel Gesù a cui i Cristiani avevano anche assegnato il titolo “Signore”. Tenendo bene a mente questo fatto, i traduttori moderni devono prestare molta attenzione a non disfare il lavoro degli autori “restaurando” il nome di Dio in posti dove un autore del Nuovo Testamento può non averne avuta l’intenzione.
Gli editori della TNM hanno invece scelto di seguire l’originale Ebraico dei versetti dell’Antico Testamento quando citati nel Nuovo Testamento. Su queste basi essi hanno potuto così presentare settanta ricorrenze di “Geova” che appaiono attualmente nel Nuovo Testamento della TNM. Ma la loro decisione comporta alcuni problemi a cui non hanno dato esaurienti delucidazioni.
Attualmente abbiamo settantotto passaggi dove gli autori del Nuovo Testamento citano in modo evidente un passaggio dell’Antico Testamento in cui appare YHWH nell’originale Ebraico…………..
Pagg. 174-175
……… Ma in cinque dei versetti della sopra citata lista, la TNM ha “Dio” invece degli altri due termini “Geova” o “Signore” (Romani 11:2; 11:8; Galati 1:15; Ebrei 9:20; 1 Pietro 4:14). Io non sono in grado di dire perché gli editori della TNM abbiano abbandonato il loro principio di emendamento congetturale in questi cinque casi; non comporterebbe nessuna differenza nella comprensione del testo. Ci sono poi altri tre versetti dove, in coerenza con i principi applicati dagli editori della TNM, dovrebbe essere usato “Geova”, ma invece non viene fatto: 2 Tessalonicesi 1:9; 1 Pietro 2:3; e 1 Pietro 3:15. Questi tre passaggi rappresentano un serio problema per i traduttori della TNM e il loro principio di usare “Geova” quando in un passaggio dell’Antico Testamento c’è YHWH. Il fatto che non riportano, e ovviamente non possono farlo, “Geova” in questi tre passaggi, sottolinea il problema inerente l’idea generale dell’uso di “Geova” nel Nuovo Testamento…………
Pagg. 175-176
…….. L’incoerenza dei traduttori della TNM nel non usare “Geova” in 2 Tessalonicesi 1:9, 1 Pietro 2:3, e 1 Pietro 3:15, dimostra che nella decisione di dove inserire o no “Geova”, in loro ha prevalso l’interpretazione a discapito dei principi di traduzione. Se i traduttori della TNM continuano costantemente ad introdurre “Geova” ogni volta che viene citato nel Nuovo Testamento un passaggio dell’Antico Testamento contenente il personale nome di Dio, questo rappresenta un principio di traduzione di non eccellente qualità (che si sia d’accordo oppure no). Ma se in alcuni casi essi usano qualche volta “Geova” e altre volte ritornano a “Signore”, allora essi stanno interpretando il riferimento dell’autore biblico. Una volta accertato che è l’interpretazione a prevalere, e abbiamo visto tre casi dove questa interpretazione ha portato i traduttori a non usare Geova, è d’obbligo chiedersi se essi siano stati corretti anche negli altri settanta casi in cui troviamo gli stessi riferimenti. Tra essi non vi potrebbero essere altri passaggi dove, come appare evidente in 2 Tessalonicesi 1:9; 1 Pietro 2:3; e 1 Pietro 3:15, il riferimento del versetto sia stato riapplicato a Gesù? Andando oltre la traduzione del Greco per favorire l’interpretazione il traduttore, dal sicuro fondamento del testo, si avventura pericolosamente nelle sabbie mobili delle proprie opinioni – e questo è un modo di agire molto pericoloso.
È proprio per questa ragione, che è meglio lasciare l’interpretazione ai commentari biblici, o alle note della traduzione della Bibbia
. È sicuramente giusto e corretto informare il lettore che il versetto Ebraico originario che si è citato contiene YHWH; e i Testimoni di Geova sono nel loro pieno diritto di far conoscere ciò che credono per quanto riguarda l’importanza del nome di Dio per Gesù e i suoi discepoli. Ma “ripristinare” quel nome nel testo stesso del Nuovo Testamento non è necessario né in un caso, né nell’altro. Per acquisire un più ampio consenso e dimostrare i propri meriti nei confronti degli avversari, i traduttori della TNM devono riflettere sull’opportunità di rimettere mano a questi versetti, così facendo saranno in grado di arrivare alla conclusione che quel ripensamento comporta il non usare del tutto “Geova” nel Nuovo Testamento."
:lovebibbia:
Avatar utente
Vittorino
Utente Senior
 
Messaggi: 1741
Iscritto il: 11/11/2009, 15:08

Messaggiodi cattolico » 27/11/2012, 20:45

Ma scusami per nome personale di Dio cosa intendi? Il nome con il quale Dio si è mostrato agli uomini, nella fattiscpecie Mosè, è stato Io Sono = YHWH, che per vocalizzarlo, i masoreti hanno aggiunto le vocali di Adonay, facendolo diventare semplicemente un nome traslitterato, nonostante ciò la maggior parte degli studiosi concorda con la vocalizzazione di Jahweh, ma resta il fatto che non si tratta del nome proprio di Dio, e poi vorrei ricordare che il nome dato agli uomini più importante è Gesù vedi Atti 4:10-12, Egli è l'unico Salvatore, attributo che nelle scritture ebraiche è sempre riferito a Dio, vedi Isaia 43:11 Isaia 45:21, e che nelle scritture Cristiane viene sempre applicato a Gesù, vedi Tito 3:4-6, Romani 10:9-13.
Dio ci insegna che chi segue Gesù deve essere chiamato "Cristiano", vedi Atti 11:26, dove per la prima volta ad Antiòchia i discepoli furono chiamati cristiani, e diventano "testimoni di Gesù", e non di Geova, Atti1:8.
Per quanto riguarda alle bibbie, alcuni testimoni di Geova, perlomeno nella mia zona, dicono che la TNM, e le altre sono uguali e identiche, altri ammettono che si discostano, quindi regna una confusione su questo, io invito tutti i nostri amici t di g a confrontare, se la loro traduzione, visto che di questo si tratta, se è in armonia con la Wescott e Hort, che dovrebbe essere "la madre" della TNM, confrontare, verificare, e poi parlare.............., da quello che ci ho capito io ci sono distorsioni, potature, aggiustamenti, e altro ancora, cmq, al riguardo c'è un filmato fatto al prof. Julius Mantey, che anche lui dice la sua pur "modesta" opinione, al riguardo della TNM, eppure è stato citato nelle loro riviste, come se elogiasse il lavoro fatto dagli anonimi traduttori, mahhhhhhhh!!!!!!!!
Carissimi, non prestate fede ad ogni spirito, ma mettete alla prova gli spiriti, per saggiare se provengono veramente da Dio, perchè molti falsi profeti sono venuti nel mondo. (1 Givanni 4:1)
Avatar utente
cattolico
Nuovo Utente
 
Messaggi: 43
Iscritto il: 10/08/2012, 16:32

Precedente

Torna a La Traduzione del Nuovo Mondo, la Bibbia dei Testimoni di Geova

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici