Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Dialogo tra 2 TdG all' assemblea "Continuiamo ad amare Geova"

Domande sui TdG che vengono fatte di frequente

Moderatore: Francesco Franco Coladarci

Dialogo tra 2 TdG all' assemblea "Continuiamo ad amare Geova"

Messaggiodi Morrisfriendly » 09/04/2017, 20:19

All' assemblea di circoscrizione c'è stata una dimostrazione tra una giovane testimone che doveva difendere a scuola con tatto le norme di Dio

Compagna di scuola
"Hai sentito Alice e Jessica hanno di essere lesbiche che forte eh?

Ragazza TdG " Beh Io rispetto Alice e Jessica, ma non posso dire che mi piaccia quello che stanno facendo"

Compagna di scuola"Ma Susan quanti pregiudizi! questo è quello che pensi tu o quello che ti ha messo in testa la tua religione?

Ragazza TdG "E' quello che penso io, ma si basa sulla Bibbia, sai alcuni hanno le idee sbagliate riguardo a quello che la Bibbia dice sugli omosessuali.

Compagna di scuola"In che senso"?

Ragazza testimone "Ad esempio la Bibbia dice che dobbiamo rispettare tutti a prescindere dal loro orientamento sessuale

Compagna di scuola" Io pensavo che tu avessi dei pregiudizi nei confronti dei gay e delle lesbiche"

Ragazza Testimone ""Assolutamente no! , io respingo il COMPORTAMENTO omosessuale, non gli omosessuali"

Compagna di scuola " Uhm... non capisco..."

Ragazza Testimone "Uhm...io non fumo, mi dà fastidio anche il solo pensiero, ma supponiamo che tu fumassi, io non sarei prevenuta nei tuoi confronti e tu non lo saresti nei confronti dei miei, giusto?

Compagna di scuola "Immagino di sì"

Ragazza testimone " Lo stesso vale per punti di vista di le diversi sull' omosessualità, ognuno ha il diritto di scegliere, basando su ciò che ho imparato dalla Bibbia HO SCELTO un certo stile di vita e non approvo l'omosessualità e apprezzo chi rispetta il mio diritto di scegliere "

Compagna di scuola "Bene non ci avevo pensato"

Fragoroso applauso degli astanti.

Premetto che la conversazione l'ho registrata e ho riportato esattamente le identiche parole delle
TdG ..in modo da non adulterare il significato della conversazione, vorrei sapere cosa ne pensavate, se vi sembra una conversazione che ha una logica.
Avatar utente
Morrisfriendly
Nuovo Utente
 
Messaggi: 145
Iscritto il: 09/04/2017, 17:53

Messaggiodi Mauro1971 » 09/04/2017, 20:50

Logica lo è, almeno dalla loro come anche altrui ottica. Alla fine mi sembra la stessa posizione della CC quella che si trova esposta.

Al di la del discorso, che potrebbe prendere pieghe alquanto diverse, mi chiedo quanto la massa dei TdG possa effettivamente rispettare e non avere pregiudizi su gay lesbiche e fumatori.
Ho il sospetto le cose non siano vissute proprio in questi termini.
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Gold
 
Messaggi: 8691
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Messaggiodi Romagnolo » 09/04/2017, 21:53

Siii, me la ricordo! L'hanno fatta anche alla mia assemblea.
Inizialmente mi aveva incastrato come ragionamento,...poi riflettendoci mi ha fatto un sacco ridere ( nella sua drammaticità) .
"E' quello che pensi tu o è quello che ti ha messo in testa la tua religione?"
Bellissima questa frase e la risposta che dà la proclamatrice, se realmente fosse quello che pensa lei, perché invece viene fatta questa scenetta davanti a un pubblico che di volta in volta può variare da poco più di 1000 persone a oltre 2000?
Non è forse per indottrinarci su come rispondere?
Quindi se adottiamo tutti questo ragionamento non siamo più noi a pensare di nostro, ma "ci viene messo in testa dalla nostra religione!"
Poi, sarebbe bello vedere la reazione dei fratelli a fare con loro il ragionamento inverso,...a dire che di nostro non ci vediamo nulla di male in una relazione omosessuale e che siamo felici che i due si trovino bene in sieme, come dobbiamo pensare reagirà la stragrande maggioranza dei Tdg?
"Rispetterebbero il nostro diritto di scegliere" di vedere la cosa diversamente?
Loro nella dimostrazione pretendono tale rispetto!
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4695
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi Quixote » 09/04/2017, 22:16

Occorre distinguere fra logica in senso comune, e logica in senso scientifico. A grandi linee, la prima è soddisfatta, la secondo no, in quanto non solo presenta sinistri scricchiolii nelle parti, ma parte da premesse sbagliate, quindi errate saranno le conclusioni; in specifico errato è lo stesso presupposto: nessuno ha attaccato le norme di Dio, quindi già illogica è la premessa: la ragazza TdG non doveva difendere alcunché, quindi si denota come difesa quella che è un’apologia, o ancor piú propriamente “predicazione”. In concreto:

rispetto Alice e Jessica, ma non posso dire che mi piaccia quello che stanno facendo


E perché di grazia? da notare che non si dice che Alice e Jessica vadano a letto insieme, ma solo che entrambe siano lesbiche; ergo si conosce solo il loro orientamento sessuale, nemmeno si sa se in concreto lo soddisfino.

E' quello che penso io, ma si basa sulla Bibbia, sai alcuni hanno le idee sbagliate riguardo a quello che la Bibbia dice sugli omosessuali.


La prima parte è contraddittoria: se il proprio pensiero si fonda sulla Bibbia non è pensiero proprio, ma di chi ha scritto la Bibbia, ammesso e non concesso che la Bibbia dica il vero. Meglio ancora, che sia correttamente interpretata, e questo oltretutto non è, perché la Bibbia non parla affatto di omosessuali, definizione e connotazione di epoca moderna; ma solo di maschi che vanno con maschi; men che mai di femmine che vanno con femmine, salvo interpretazioni assai dubbie di un passo paolino; cfr. i miei interventi (partic. il mio secondo e terzo post) sul thread:

http://forum.infotdgeova.it/viewtopic.php?f=14&t=22199

la Bibbia dice che dobbiamo rispettare tutti a prescindere dal loro orientamento sessuale


La Bibbia non conosce nemmeno l’esistenza dell’orientamento sessuale, categoria recente, che ha le sue origini nel pensiero di teologi, medici e giuristi del ’500, e verrà scientificamente analizzato e definito solo dall’Illuminismo in poi.

io respingo il COMPORTAMENTO omosessuale, non gli omosessuali.


Questo è lecito solo a livello personale: Ergo se ti basi solo su te stesso puoi dirlo, ma se ti basi sul presunto veto biblico, sei ipocrita, perché il veto biblico non è personale, ma prescrive un comportamento generale.

io non fumo, mi dà fastidio anche il solo pensiero, ma supponiamo che tu fumassi, io non sarei prevenuta nei tuoi confronti e tu non lo saresti nei confronti dei miei, giusto?


Solito “infame” paragone in istile Svegliatevi.

Lo stesso vale per punti di vista di le diversi sull' omosessualità, ognuno ha il diritto di scegliere, basando su ciò che ho imparato dalla Bibbia HO SCELTO un certo stile di vita.


Come volevasi dimostrare. A parte l’asintattica sintassi, costituisce una limitazione al diritto di scelta, scegliere basandosi sulla Bibbia. E di nuovo la ragazza TdG non ha scelto nulla, se non accogliere quello che la Bibbia avrebbe scelto in vece sua. Totalmente illogica e contraddittoria la conclusione:

non approvo l'omosessualità e apprezzo chi rispetta il mio diritto di scegliere.


I due periodi non sono correlati: il primo (non approvo l'omosessualità) è omofobico, mentre del secondo (apprezzo chi rispetta il mio diritto di scegliere) si è già rilevata la contraddizione. A parte questo, non significa e non dimostra nulla.

PS – Benvenuto all’utente Morrisfriendly. Cui però devo notificare che se vorrà continuare a scrivere nel forum è gradita, oltre che prescritta dal Regolamento, almeno una sintetica presentazione, nell’apposita sezione (Presentiamoci), ove non sono richiesti dati troppo personali, ma almeno le motivazioni che lo spingono a scrivere nel nostro forum. Grazie.
Καὶ ἠγάπησαν οἱ ἄνθρωποι μᾶλλον τὸ σκότος ἢ τὸ φῶς.
E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce.
GIOVANNI, III, 19. (G. Leopardi, La ginestra, esergo)
======================================
Primo postPresentazioneStaurós: palo o croce? (link esterno)
Avatar utente
Quixote
Moderatore
 
Messaggi: 3877
Iscritto il: 15/08/2011, 22:26
Località: Cesena

Messaggiodi VictorVonDoom » 10/04/2017, 8:32

C'era un'analisi interessante di questa scenetta:

https://jwanalyze.wordpress.com/2016/10 ... essualita/
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 1208
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Ancientofdays » 10/04/2017, 13:25

VictorVonDoom ha scritto:C'era un'analisi interessante di questa scenetta:

https://jwanalyze.wordpress.com/2016/10 ... essualita/


Questa analisi è totalmente condivisibile. In mdo particolare quando sostituisce OMOSESSUALE con NERO per rendere lampante l'insipienza di Anna nella conversazione.

La Bibbia non "dice" proprio nulla sull' orientamento omosessuale , piuttosto dice qualcosa sulla pratica e non è per nulla tollerante come vorrebbe far credere la Testimone nella scenetta .

(Giuda 7)   Così anche Sodoma e Gomorra e le città vicine, dopo avere nella stessa maniera dei suddetti commesso fornicazione in eccesso ed essere andate dietro alla carne per uso non naturale, son poste davanti come esempio (ammonitore), subendo la punizione giudiziaria del fuoco eterno.

(Levitico 20:13) “‘E nel caso che un uomo giaccia con un maschio come si giace con una donna, entrambi hanno fatto una cosa detestabile. Devono essere messi a morte immancabilmente. Il loro proprio sangue è su di loro.

(1 Corinti 6:9, 10) Che cosa! Non sapete che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio? Non siate sviati. Né fornicatori, né idolatri, né adulteri, né uomini tenuti per scopi non naturali, né uomini che giacciono con uomini,  né ladri, né avidi, né ubriaconi, né oltraggiatori, né rapaci erediteranno il regno di Dio...
Ancientofdays
Nuovo Utente
 
Messaggi: 330
Iscritto il: 11/06/2009, 16:44

Messaggiodi deliverance1979 » 10/04/2017, 15:01

Come avete già fatto ampiamente notare tutti voi cari foristi apostati delle tenebre di fuori, la stucchevole conversazione dimostrativa, utile ad indottrinare i giovani con scenette pre confezionate di possibili avvenimenti che potrebbero accadere all'esterno del mondo geovista, è la palese dimostrazione che come i TDG vengano condizionati, ma allo stesso momento pensano che le loro convinzioni siano frutto di libera scelta.

La giovante TDG, nel rispondere a pappardella quello che la WTS dice che la bibbia insegna (secondo una sua visione teologica) si fa premura di dire che in realtà, tale pappardella è quello che lei pensa e che poi, guarda caso, concorda con la bibbia.

Il buon Quixote, che ci perde anche tempo per spiegare e demolire abilmente questi meccanismi, lo ha ben descritto nel suo intervento.

Ma haimè, quanti TDG capirebbero da soli tali metodi da propaganda settaria?
Queste famose scenette create ad hoc ad ogni adunanza, assemblea o narrate a mò di esperienze sulle pubblicazioni, servono per l'appunto, ad addestrare la mente del TDG (nel corso di anni o decenni) a dare semplici risposte date dai vertici di Brooklyn (o dove sono ora).

Infatti, quando si mette in difficoltà un TDG con dei discorsi o ragionamenti che vanno al di la degli schemi, si noterà che loro inizieranno a dare delle risposte in loop, e per risposte intendo quelle molto simili a tale scenetta.

Il problema sarebbe sorto se anzichè il bel finale fantastico in cui la TDG sembra aver convinto la sua amica del mondo, quest'ultima gli avrebbe semplicemente detto...

Ma tu mi dici questo per via del tuo indottrinamento e cultura biblica imposta dalla tua famiglia.
Se eri nata in una famiglia di liberali, non ti saresti minimamente posta questo problema o mia avresti dato questa risposta...

Ma una cosa del genere non accadrà mai all'interno dei TDG, poichè tali sistemi didattici semplici dotati di una logica superficiale, servono appunto per indottrinare e non per far riflettere.
Il TDG che inizia a riflettere inizia anche a notare delle incongruenze nella sua religione e nelle spiegazioni teologiche, tali incongruenze portano al dubbio, ed il dubbio è figlio del Diavolo.... :conf:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4701
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Ray » 10/04/2017, 15:55

deliverance1979 ha scritto: la stucchevole conversazione dimostrativa, utile ad indottrinare i giovani con scenette pre confezionate di possibili avvenimenti che potrebbero accadere all'esterno del mondo geovista, è la palese dimostrazione che come i TDG vengano condizionati, ma allo stesso momento pensano che le loro convinzioni siano frutto di libera scelta.

:cinque:
Concordo con quello scritto da delive,non c'è spazio per interpretazioni o idee personali
il solito pacchetto preconfezionato dall'organizzazione con annessa bibbia e
dato o insegnato agli adepti, non è permesso avere un proprio pensiero
se devi rispondere a queste specifiche domande su gli omosessuali, eccoti l'esempio caro tdg.

:ciao:
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 10930
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi play » 10/04/2017, 16:50

Lo stile della WT è inconfondibile ma, per quanto politicamente corretto, trapela negli indottrinamenti pur sempre l’ odio implicito nei confronti di chi è diverso. E’ davvero goffo questo modo di rispettare le persone!
play
Utente Senior
 
Messaggi: 1388
Iscritto il: 23/12/2011, 8:56

Messaggiodi polymetis » 10/04/2017, 17:49

è abbastanza ridicolo equiparare una scelta come il fumo alla pratica dell'uomosessualità di una persona. Nessuno nasce fumatore, mentre si nasce omosessuali (o, se non si crede che si nasca omesessuali, almeno si conceda che non si sceglie di diventarlo).
Inoltre per capire l'assurdità del dialogo basta mettere la parola "eterosessuale" al posto di omosessuale.
La pratica dell'omosessualità, per chi sia omosessuale, è equivalente alla pratica dell'eterosessualità per chi sia etero, cioè una parte imprescindibile dello sviluppo umano di una persona. Non è certo come la scelta o meno di accendersi una sigaretta: escludere di seguire il proprio orientamento sessuale significherebbe dire ad una persona che non può amare e realizzarsi in un rapporto di coppia. Visto che i TdG criticano i preti cattolici dicendo che la castità è un dono eccezionale, e non una condizione normale, dovrebbero capire che passare una vita senza amore romantico e sessualità non è come passare una vita senza fumare. La differenza è più che evidente: la sessualità di una persona, il proprio orientamento sessuale, è una caratteristica intrinseca ad una persona, che chiede di svilupparsi e di fiorire così come le persone con orientamento eterosessuale si realizzano creando coppia eterosessuali. Il fumo invece non è una dimensione intrinseca all'uomo, ed è una scelta iniziare a fumare.

Ad maiora
Presentazione


Alla base delle scelte fondamentali del Nolano - a Londra come a Roma -, c'era il convincimento di appartenere alla "casa" dei filosofi, e che ad essa bisogna essere sempre fedeli, anche nei rapporti con i potenti della Chiesa e dello Stato, perché la casa della filosofia è la casa della verità: in un modo intelligente e anche astuto, certo, ma sempre fedeli. (Michele Ciliberto)
Avatar utente
polymetis
Moderatore
 
Messaggi: 4362
Iscritto il: 16/06/2009, 14:43

Messaggiodi deliverance1979 » 10/04/2017, 19:19

polymetis ha scritto:è abbastanza ridicolo equiparare una scelta come il fumo alla pratica dell'uomosessualità di una persona. Nessuno nasce fumatore, mentre si nasce omosessuali (o, se non si crede che si nasca omesessuali, almeno si conceda che non si sceglie di diventarlo).
Inoltre per capire l'assurdità del dialogo basta mettere la parola "eterosessuale" al posto di omosessuale.
La pratica dell'omosessualità, per chi sia omosessuale, è equivalente alla pratica dell'eterosessualità per chi sia etero, cioè una parte imprescindibile dello sviluppo umano di una persona. Non è certo come la scelta o meno di accendersi una sigaretta: escludere di seguire il proprio orientamento sessuale significherebbe dire ad una persona che non può amare e realizzarsi in un rapporto di coppia. Visto che i TdG criticano i preti cattolici dicendo che la castità è un dono eccezionale, e non una condizione normale, dovrebbero capire che passare una vita senza amore romantico e sessualità non è come passare una vita senza fumare. La differenza è più che evidente: la sessualità di una persona, il proprio orientamento sessuale, è una caratteristica intrinseca ad una persona, che chiede di svilupparsi e di fiorire così come le persone con orientamento eterosessuale si realizzano creando coppia eterosessuali. Il fumo invece non è una dimensione intrinseca all'uomo, ed è una scelta iniziare a fumare.

Ad maiora


Ti risponderebbero che le pulsioni omosessuali sono come disse San Paolo "... una spina nella carne..." :help:

Pertanto; astinenza, preghiera, astinenza ed ancora preghiera, fino a che non arriverà il nuovo mondo dove Geova curerà questa tua anormalità.... :fronte:
Ma nel mentre, reprimersi ed ancora reprimersi.... :fronte:

Che bello è.... :balla: :balla: :balla:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4701
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Romagnolo » 10/04/2017, 21:29

Gesù disse che chi può rendersi eunuco per il regno dei cieli lo faccia, ma che tale dono non è per tutti!
Ergo L' astinenza sessuale deve essere una scelta personale e non una imposizione!
Complimenti comunque a Deliv. e a Poly per i loro interventi. :ok:
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4695
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Sul Talmud non si parla però di lesbiche....

Messaggiodi Vieri » 11/04/2017, 13:23

Morrisfriendly ha scritto:All' assemblea di circoscrizione c'è stata una dimostrazione tra una giovane testimone che doveva difendere a scuola con tatto le norme di Dio

Compagna di scuola
"Hai sentito Alice e Jessica hanno di essere lesbiche che forte eh?

Ragazza TdG " Beh Io rispetto Alice e Jessica, ma non posso dire che mi piaccia quello che stanno facendo"

Compagna di scuola"Ma Susan quanti pregiudizi! questo è quello che pensi tu o quello che ti ha messo in testa la tua religione?

Ragazza TdG "E' quello che penso io, ma si basa sulla Bibbia, sai alcuni hanno le idee sbagliate riguardo a quello che la Bibbia dice sugli omosessuali.

Compagna di scuola"In che senso"?

Ragazza testimone "Ad esempio la Bibbia dice che dobbiamo rispettare tutti a prescindere dal loro orientamento sessuale

Compagna di scuola" Io pensavo che tu avessi dei pregiudizi nei confronti dei gay e delle lesbiche"

Ragazza Testimone ""Assolutamente no! , io respingo il COMPORTAMENTO omosessuale, non gli omosessuali"

Compagna di scuola " Uhm... non capisco..."

Ragazza Testimone "Uhm...io non fumo, mi dà fastidio anche il solo pensiero, ma supponiamo che tu fumassi, io non sarei prevenuta nei tuoi confronti e tu non lo saresti nei confronti dei miei, giusto?

Compagna di scuola "Immagino di sì"

Ragazza testimone " Lo stesso vale per punti di vista di le diversi sull' omosessualità, ognuno ha il diritto di scegliere, basando su ciò che ho imparato dalla Bibbia HO SCELTO un certo stile di vita e non approvo l'omosessualità e apprezzo chi rispetta il mio diritto di scegliere "

Compagna di scuola "Bene non ci avevo pensato"

Fragoroso applauso degli astanti.

Premetto che la conversazione l'ho registrata e ho riportato esattamente le identiche parole delle
TdG ..in modo da non adulterare il significato della conversazione, vorrei sapere cosa ne pensavate, se vi sembra una conversazione che ha una logica.

Una volta vidi un bel film di due ragazze ebree (inglesi ?) che si recarono in Israele per fare un corso biblico in una scuola rabbinica......La morale è che trovarono un po' di difficoltà ad integrarsi e alla fine rimasero amanti.
In uno dei loro discorsi serali dissero poi che alla fine non era peccato poichè sul Talmud dice di tutto ma non parla di donne con donne.... :ironico:
Quindi ritengo che anche i tdG dovrebbero adeguarsi......poichè si parla sempre di "maschietti"... :ironico: :ironico:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5122
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Cogitabonda » 11/04/2017, 18:40

Giusto tre giorni fa qualcuno ha chiesto, in Yahoo Answers, se un testimone di Geova gay sia libero di parlare in congregazione della sua omosessualità. Le risposte dei testimoni riflettono lo spirito degli ultimi insegnamenti: non mostratevi omofobi, anche se l'omosessualità è disgustosa. https://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20170408205017AAsfynE
Insomma usano su questo argomento le stesse bugie o mezze verità che da anni impiegano quando un non-TdG fa domande sul tema dell'ostracismo.
Compiacersi di aver ragione è sgradevole - Avere troppa coscienza di sé è odioso - Commiserarsi è infame
La mia presentazione
Avatar utente
Cogitabonda
Moderatore
 
Messaggi: 8375
Iscritto il: 01/06/2011, 1:45
Località: Nord Italia

Messaggiodi deliverance1979 » 11/04/2017, 19:11

Cogitabonda ha scritto:Giusto tre giorni fa qualcuno ha chiesto, in Yahoo Answers, se un testimone di Geova gay sia libero di parlare in congregazione della sua omosessualità. Le risposte dei testimoni riflettono lo spirito degli ultimi insegnamenti: non mostratevi omofobi, anche se l'omosessualità è disgustosa. https://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20170408205017AAsfynE
Insomma usano su questo argomento le stesse bugie o mezze verità che da anni impiegano quando un non-TdG fa domande sul tema dell'ostracismo.


Quando ero TDG, pur conoscendo dei gay che personalmente non mi disgustavano per quanto riguarda il loro orientamento sessuale, come invece molti ne hanno repulsione.
Ma li consideravo come persone votate alla distruzione proprio come gli abitanti di Sodoma e Gomorra.

In sostanza, all'interno dei TDG, quando va bene, il gay è una sorta di "problematizzato" che deve essere aiutato a reprimersi fino a che non tornerà normale, ovvero etero, quando arriverà il famoso "nuovo mondo di Geova".
Tuttavia, all'interno di una religione-setta chiusa come quella dei TDG, l'accettazione di una persona del genere è molto particolare e guardata con sospetto e/o imbarazzo, soprattutto per i figli di persone TDG da anni in questa fede..
Poi molto dipende dalla congregazione e dalla mentalità dei TDG del posto, ma è inutile farsi illusioni su delle illuminazioni di modernità.
Io vivo in una zona dove ad esempio, pur essendoci paesi e paesotti di provincia, la prostituzione è abbastanza comune e non capitava di rado che qualche trans frequentasse la congregazione.
La reazione dei TDG locali, era un misto tra compassione, curiosità, imbarazzo, monito di come il mondo di Satana ti riduce e via dicendo.

Comunque, dalle testimonianze di alcuni gay TDG che sono qui sul forum, non mi sembra che la loro permanenza all'interno della congregazione sia un idillio.
Una mia conoscente lesbica, di un paesino di una regione limitrofa alla mia e chiuso di mentalità ha vissuto una vita di m...a all'interno della congregazione.
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4701
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Morrisfriendly » 11/04/2017, 21:35

deliverance1979 ha scritto:.
Io vivo in una zona dove ad esempio, pur essendoci paesi e paesotti di provincia, la prostituzione è abbastanza comune e non capitava di rado che qualche trans frequentasse la congregazione.
La reazione dei TDG locali, era un misto tra compassione, curiosità, imbarazzo, monito di come il mondo di Satana ti riduce e via dicendo.

Comunque, dalle testimonianze di alcuni gay TDG che sono qui sul forum, non mi sembra che la loro permanenza all'interno della congregazione sia un idillio.
Una mia conoscente lesbica, di un paesino di una regione limitrofa alla mia e chiuso di mentalità ha vissuto una vita di m...a all'interno della congregazione.




Non ho capito ancora una questione, qual è la posizione dei TdG in merito ad una transessuale operata anche nei genitali diventa donna, si può' sposare con un TdG? non si può' sposare? questi casi ci sono e far finta di nulla significa non trattare tutti nel medesimo rispetto...il rispetto non lo si dà facendo finta che una certa situazione non esiste

Per ogni cosa dicono "La Bibbia dice, la Bibbia dice",ma nel caso di un transessuale diventato donna e quindi con un intervento irreversibile la Bibbia cosa dice??
Avatar utente
Morrisfriendly
Nuovo Utente
 
Messaggi: 145
Iscritto il: 09/04/2017, 17:53

Messaggiodi Dnick » 11/04/2017, 22:21

Non ho capito ancora una questione, qual è la posizione dei TdG in merito ad una transessuale operata anche nei genitali diventa donna, si può' sposare con un TdG? non si può' sposare? questi casi ci sono e far finta di nulla significa non trattare tutti nel medesimo rispetto...il rispetto non lo si dà facendo finta che una certa situazione non esiste

Per ogni cosa dicono "La Bibbia dice, la Bibbia dice",ma nel caso di un transessuale diventato donna e quindi con un intervento irreversibile la Bibbia cosa dice??


Non credo che amare il prossimo tuo come te stesso vada inteso con qualche restrizione
Avatar utente
Dnick
Utente Senior
 
Messaggi: 2030
Iscritto il: 11/11/2009, 14:09

Messaggiodi deliverance1979 » 12/04/2017, 6:01

La transessuale, anche se operata, per i TDG rimane sempre un uomo. Pertabto non si potrebbe sposare con nessuno.
Inoltre se si dovesse sposare con un TDG (con rito civile, ovvio) verrebbero disassociati e se volessero compiere i passi per rientrare, dovrebbero lasciarsi.
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4701
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Morrisfriendly » 12/04/2017, 12:02

deliverance1979 ha scritto:La transessuale, anche se operata, per i TDG rimane sempre un uomo. Pertabto non si potrebbe sposare con nessuno.
Inoltre se si dovesse sposare con un TDG (con rito civile, ovvio) verrebbero disassociati e se volessero compiere i passi per rientrare, dovrebbero lasciarsi.




Perdonami.....ma questo é quello che deduci tu e la stragrande maggioranza dei TdG......ma NESSUNA pubblicazione dell' organizzazione parla di quest argomento...che si fa? Dato che manco l organizzazione sa cosa scrivere su quest argomento applichiamo una fattispecie più restrittiva?.neanche nei sistemi penali piu arretrati si applica uno scempio del genere!...Se Dio avesse veramente voluto che una transessuale non si sposasse non l'avrebbe fatto scrivere sulle riviste dato che per loro Dio farebbe capire un qualcosa che a lui non piace?

Voglio vedere se i TdG vedessero "sfilare" vittoria Schisano all' assemblea se la considerino un uomo
Avatar utente
Morrisfriendly
Nuovo Utente
 
Messaggi: 145
Iscritto il: 09/04/2017, 17:53

Messaggiodi deliverance1979 » 12/04/2017, 13:17

Morrisfriendly ha scritto:Perdonami.....ma questo é quello che deduci tu e la stragrande maggioranza dei TdG......


E' vero.
Difatti, quando una questione crea scandalo o fa inciampare, allora si applica il metodo della coercizione.

Ti faccio il ragionamento da TDG.

Il transessuale prima di diventare una pseudo-donna, è nato uomo (ad eccezione di rarissimi casi di malformazioni genetiche dove nasce con due sessi ma li a questo punto la questione potrebbe essere di coscienza).

Di conseguenza, nascendo uomo, ha con la scienza, modificato il suo status.

Il matrimonio biblico è tra un uomo ed una donna.

Quindi, un TDG che volesse mettersi insieme con un altro uomo - donna, verrebbe disassociato e per rientrare e quindi non creare scandalo a livello di congregazione, dovrebbe interrompere quel rapporto considerato innaturale, pena, non venire mai riassociato.

Lo stesso dicasi di due omosessuali sposati o di un uomo e trans sposati che decidessero di abbracciare tale fede, se dovessero compiere i passi biblici che dovrebbe condurli al battesimo, dovrebbero interrompere la condotta che è contraria alle norme bibliche, ovvero una famiglia fatta da uomo e donna che vivono come una sola carne.
Se ciò non fosse, nessun problema, rimarrebbero perenni "interessati" (termine tecnico usato dai TDG per indicare chi frequenta le adunanze ma non fa progresso spirituale) e fine della storia.

Morrisfriendly ha scritto:Se Dio avesse veramente voluto che una transessuale non si sposasse non l'avrebbe fatto scrivere sulle riviste dato che per loro Dio farebbe capire un qualcosa che a lui non piace?


Le riviste sono scritte da uomini, Dio non fa scrivere nulla, anche perchè con tutte le vaccate riportate dai TDG nelle loro pubblicazioni nel corso di 140 anni di tale movimento, ci sarebbe da dubitare seriamente sulla reale onnipotenza del Supremo.... :fronte:
La vita dei TDG è ingabbiata da una chiave di lettura interpretativa della Bibbia (scritta da altri uomini forse per volontà di Dio, vattelapesca) mentre le altre religioni, hanno le altre chiavi di lettura che ingabbiano.

Morrisfriendly ha scritto:Voglio vedere se i TdG vedessero "sfilare" vittoria Schisano all' assemblea se la considerino un uomo


Di sicuro, molti ci si farebbero chissà quanti pensieri impuri (non sapendo se è un uomo), altri (pure sposati) se ne farebbero altri (sempre impuri) pur sapendo che è un uomo, molti rimarrebbero schifati.
Il problema è che tra volere e potere, di mezzo c'è la repressione teologica ed i sensi di colpa imposti da una dottrina.

Comunque, il punto centrale di tale questione (a prescindere da quello che penso io) è la ricaduta che tale situazione o comportamento avrebbe sulla coscienza collettiva della congregazione o circoscrizione che, per forma mentis rimarrebbe scandalizzata. :ok: :strettamano:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4701
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Wyclif » 12/04/2017, 14:06

Quoto 100 per 100 deliverance1979 sulla sintesi di cio che ne pensano i TDG sulle coppie omosessuali, posto sotto per Morrisfriendly qualche pubblicazioni dei TdG i quali si sono scagliati i contro tali pratiche e sulle loro sensazioni :

Sensazioni Omosessuali ?

"...È vero, comunque, che le cause dell’omosessualità sono complesse, e che in molti casi non si possono trovare spiegazioni semplici. Ad ogni modo, qualunque sia la causa che ha provocato un modo di pensare distorto, si può far molto per correggerlo....D’altra parte, è anche importante stabilire sani modelli di comportamento.
Secondo alcuni se un giovane sviluppa caratteristiche mascoline potrebbe sentirsi meno attratto da altri uomini. Naturalmente, un giovane potrebbe non sapere come far questo se da bambino non ha mai avuto un forte modello maschile.
Potrebbe addirittura non sentirsi a suo agio con il proprio corpo e sentirsi impacciato o poco virile. A questo riguardo spesso è utile dedicarsi a lavori fisici, a un programma moderato di esercizio fisico o ad attività sportive rilassanti. (Confronta 1 Timoteo 4:8).

Ma proprio come il giovane Timoteo divenne come un figlio per l’apostolo Paolo, può essere particolarmente utile sviluppare una sana amicizia con un cristiano equilibrato più adulto. (Filippesi 2:19-22; 2 Timoteo 3:10) Stabilendo chiari limiti nel comportamento e coltivando un dialogo aperto, una relazione del genere può essere calorosa e improntata sulla fiducia, pur essendo libera da qualsiasi sfumatura erotica....
Se sei tormentato da desideri omosessuali, forse troverai utili questi suggerimenti. Tuttavia non scoraggiarti troppo se i sentimenti sbagliati persistono. Dio comprende il tuo stato d’animo ed è compassionevole con chi lotta per servirlo. (1 Giovanni 3:19, 20) Nel nuovo mondo l’umanità sarà guarita da tutti i mali che ci affliggono. (Rivelazione 21:3, 4) Nel frattempo, confida in Dio e combatti i desideri sbagliati. (Galati 6:9) Con il tempo e con sforzi decisi, forse anche i desideri sbagliati potranno diminuire..."

Svegliatevi 1995 22/3 p. 22

Transessuale

"...Il transessuale è colui che respinge il sesso col quale è nato e intraprende la vita dell’altro sesso. Asserendo d’essere in effetti “nati col corpo sbagliato”, molti si sono sottoposti a radicali interventi chirurgici e cure ormoniche per cambiare sesso. Si calcola che negli Stati Uniti circa 1.500 persone abbiano fatto questo e circa 150 in Inghilterra. Quali risultati ottengono realmente? È possibile cambiare una persona normale (non un ermafrodita di sesso ambiguo) da un genere all'altro?
La risposta è No. Come dice il dott. Georges Burou, chirurgo francese esperto nel campo: “Non cambio uomini in donne. Trasformo genitali maschili in genitali che hanno un aspetto femminile. Tutto il resto è nella mente del paziente”. (“Time”, 21 genn. 1974, pag. 64) In realtà il risultato finale è un uomo gravemente (e irreversibilmente) mutilato che somiglia a una donna, o una donna gravemente (e irreversibilmente) mutilata che somiglia a un uomo.
L’aumento del transessualismo non è che un altro aspetto della diffusione di pratiche “contro natura” che distinguono buona parte dell’attuale periodo. (Si paragoni Romani 1:26). Il rimedio per chi ha tali inclinazioni non consiste in un intervento chirurgico ma in un cambiamento di mentalità, ‘l’essere rinnovati nella forza che fa operare la loro mente’ con l’aiuto della Parola di Dio. — Efes. 4:22-24..."

Torre di Guardia 1974 1/12 p. 734
Presentazione





"Dobbiamo ubbidire a Dio quale Governante anziché agli uomini" Atti 5:29
Avatar utente
Wyclif
Utente Senior
 
Messaggi: 1536
Iscritto il: 14/12/2014, 9:22

Messaggiodi Morrisfriendly » 12/04/2017, 16:39

Wyclif ha scritto:
Transessuale

"...Il transessuale è colui che respinge il sesso col quale è nato e intraprende la vita dell’altro sesso. Asserendo d’essere in effetti “nati col corpo sbagliato”, molti si sono sottoposti a radicali interventi chirurgici e cure ormoniche per cambiare sesso. Si calcola che negli Stati Uniti circa 1.500 persone abbiano fatto questo e circa 150 in Inghilterra. Quali risultati ottengono realmente? È possibile cambiare una persona normale (non un ermafrodita di sesso ambiguo) da un genere all'altro?
La risposta è No. Come dice il dott. Georges Burou, chirurgo francese esperto nel campo: “Non cambio uomini in donne. Trasformo genitali maschili in genitali che hanno un aspetto femminile. Tutto il resto è nella mente del paziente”. (“Time”, 21 genn. 1974, pag. 64) In realtà il risultato finale è un uomo gravemente (e irreversibilmente) mutilato che somiglia a una donna, o una donna gravemente (e irreversibilmente) mutilata che somiglia a un uomo.
L’aumento del transessualismo non è che un altro aspetto della diffusione di pratiche “contro natura” che distinguono buona parte dell’attuale periodo. (Si paragoni Romani 1:26). Il rimedio per chi ha tali inclinazioni non consiste in un intervento chirurgico ma in un cambiamento di mentalità, ‘l’essere rinnovati nella forza che fa operare la loro mente’ con l’aiuto della Parola di Dio. — Efes. 4:22-24..."

Torre di Guardia 1974 1/12 p. 734



Vabè a parte che è una pubblicazione del 1974 che oltre ad essere ignoranti i TDg in materia vi era ancora parecchia ignoranza anche in campo psichiatrico...In nessuna pubblicazione si parla se una transessuale operata può o meno sposarsi con un TdG
Avatar utente
Morrisfriendly
Nuovo Utente
 
Messaggi: 145
Iscritto il: 09/04/2017, 17:53

Messaggiodi deliverance1979 » 12/04/2017, 17:21

Morrisfriendly ha scritto: Vabè a parte che è una pubblicazione del 1974 che oltre ad essere ignoranti i TDg in materia vi era ancora parecchia ignoranza anche in campo psichiatrico...In nessuna pubblicazione si parla se una transessuale operata può o meno sposarsi con un TdG


E' vero, ma adesso ti farò il bombardamento di domande-consiglio-comando che ti farebbero due anziani TDG in merito.

Cosa pensa la bibbia circa il matrimonio?
Chi sono i principali protagonisti del matrimonio, non sono uomo e donna?
Il transessuale, è una creatura derivante dall'imperfezione umana e non il pensiero di Geova circa l'uomo e la donna.

Anche se nella bibbia non si parla di transuessalesimo (si dice cosi? :boh: ) come non si parla di molti altri aspetti moderni.
La bibbia non è un trattato omnicomprensivo di ogni aspetto umano o scientifico, ma solo una guida per il servitore del vero Dio che tramite essa dimostrerà i frutti dello spirito.

Pertanto, il vero cristiano dovrebbe domandarsi:
La mia condotta che effetto avrebbe sulla congregazione?
Sto mettendo al primo posto i miei interessi personali ed egoistici, senza pensare al benessere spirituale dei miei fratelli che potrebbero rimanere "perplessi" circa una mia tale condotta?

Nel nuovo mondo il transessuale tornerà ad essere uomo o rimarrà donna?
Non possiamo saperlo con certezza, tuttavia, sappiamo che Geova riporterà alla perfezione ideale ogni essere umano e guarirà ogni forma di malattia ed infermità, pertanto, molto probabilmente, un transessuale tornerà ad essere un uomo (come da nascita) e senza più strane pulsioni o disagi di sorta.
Geova riempirà di gioia i cuori di ognuno.
Pertanto, due che intendessero sposarsi nel signore, eviterebbero fermamente una tale condotta, ma rimarrebbero fedeli al matrimonio simbolo stabilito da Geova nell'Eden di un uomo ed una donna.


Ho finito il sermone stucchevole da TDG....
Non ti cito scritture e riviste perchè sostanzialmente tutti andrebbero a parare con queste argomentazioni o discorsi simili.

PS: Se mi becco un warning dai moderatori per proselitismo, è solo colpa vostra..... :risata: :risata: :risata:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4701
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Morrisfriendly » 12/04/2017, 19:30

deliverance1979 ha scritto:Anche se nella bibbia non si parla di transuessalesimo (si dice cosi? :boh: ) come non si parla di molti altri aspetti moderni.
La bibbia non è un trattato omnicomprensivo di ogni aspetto umano o scientifico, ma solo una guida per il servitore del vero Dio che tramite essa dimostrerà i frutti dello spirito.


Transessualiesimo?? che cos'è una nuova setta?? :conf:

Ma io parto da un presupposto meno religioso e meno filosofico con tanti giri e rigiri di parole, lo metto su un piano decisamente più ovvio e pragmatico e cioè, ma è normale che una persona con disforia di genere oltre il danno di essere nato in un corpo sbagliato deve avere anche la beffa di trovare un Dio di pseudo-giustizia che gli infligga la spada di Damocle?
Ad intolleranza non bastano gli amati esseri umani di questo Dio, ci si mette pure lui? Dio è giustizia..qualcuno mi facci capire la giustizia dov' è in questa situazione!:conf: :conf: :s.parole:
Avatar utente
Morrisfriendly
Nuovo Utente
 
Messaggi: 145
Iscritto il: 09/04/2017, 17:53

Messaggiodi deliverance1979 » 13/04/2017, 6:51

Morrisfriendly ha scritto:, ma è normale che una persona con disforia di genere oltre il danno di essere nato in un corpo sbagliato deve avere anche la beffa di trovare un Dio di pseudo-giustizia che gli infligga la spada di Damocle?


Quando gli ponevo delle questioni simili, su altri argomenti, loro dicevano di considerare una tale problematica come una "spina nella carne".
La soluzione?
Non fare nulla, aspettare il regno di Geova, predicare e stare con i fratelli.

In sostanza se ti trovi in tutte quelle situazioni che vanno fuori gli schemi dei TDG o di altre religioni, la sostanza si riassume in.... caxxi tuoi.... :fronte:

Ed è per questo che la famosa "verità rivelata" e tutte le sue regolette ed imposizioni (che gli stessi fedeli dichiarano massima espressione di Dio o Geova o chi per lui) vanno a farsi benedire.
E quindi la famosa protezione spirituale che loro pensano di avere è in realtà una gabbia.

A sto punto ti chiedo io.
Ma sto dio geova (scritti volutamente in piccolo), ti servono proprio?
Le loro umilianti quanto restrittive regole sono poi cosi utili e superiori?

Ahh, quasi dimenticavo.
Quando tu parli di giustizia all'interno dei TDG, non dimenticarti mai di una cosa, che prima o poi te la faranno notare anchegli anziani o chi per loro, e questa è la buffonata più grande...
ovvero...

Ma le questioni che tu chiedi che Geova ti dovrebbe risolvere o che la sua organizzazione dovrebbe capire, e che pensi facciano parte di una grande ingiustizia (in questo caso la bollerebbero come danno collaterale dell'imperfezione umana), sono in armonia con il grande progetto di Geova o sono solo un appagamento dei propri desideri?

Cioè, ma di cosa stiamo parlando, tu avrai a che fare con questa gente qui che ti darà le stesse risposte preconfezionate che ti ho dato io quando va bene.... :ok:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4701
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Giulio87 » 26/04/2017, 14:57

La conversazione ha una sua logica, anche se non è pienamente soddisfacente. Di certo bisogna distinguere fra le persone che hanno la tendenza omosessuale ( cioè sono attratti da persone dello stesso sesso) e le persone che proprio praticano l'omosessualità. Nella prima uno ci può fare ben poco, nella seconda ha la possibilità di scegliere. Tuttavia non è buono giudicare una persona perché pratica l'omosessualità( sebbene non è in linea con gli insegnamenti cristiani). Chi è senza peccato scagli per primo la pietra .........



Morrisfriendly ha scritto:All' assemblea di circoscrizione c'è stata una dimostrazione tra una giovane testimone che doveva difendere a scuola con tatto le norme di Dio

Compagna di scuola
"Hai sentito Alice e Jessica hanno di essere lesbiche che forte eh?

Ragazza TdG " Beh Io rispetto Alice e Jessica, ma non posso dire che mi piaccia quello che stanno facendo"

Compagna di scuola"Ma Susan quanti pregiudizi! questo è quello che pensi tu o quello che ti ha messo in testa la tua religione?

Ragazza TdG "E' quello che penso io, ma si basa sulla Bibbia, sai alcuni hanno le idee sbagliate riguardo a quello che la Bibbia dice sugli omosessuali.

Compagna di scuola"In che senso"?

Ragazza testimone "Ad esempio la Bibbia dice che dobbiamo rispettare tutti a prescindere dal loro orientamento sessuale

Compagna di scuola" Io pensavo che tu avessi dei pregiudizi nei confronti dei gay e delle lesbiche"

Ragazza Testimone ""Assolutamente no! , io respingo il COMPORTAMENTO omosessuale, non gli omosessuali"

Compagna di scuola " Uhm... non capisco..."

Ragazza Testimone "Uhm...io non fumo, mi dà fastidio anche il solo pensiero, ma supponiamo che tu fumassi, io non sarei prevenuta nei tuoi confronti e tu non lo saresti nei confronti dei miei, giusto?

Compagna di scuola "Immagino di sì"

Ragazza testimone " Lo stesso vale per punti di vista di le diversi sull' omosessualità, ognuno ha il diritto di scegliere, basando su ciò che ho imparato dalla Bibbia HO SCELTO un certo stile di vita e non approvo l'omosessualità e apprezzo chi rispetta il mio diritto di scegliere "

Compagna di scuola "Bene non ci avevo pensato"

Fragoroso applauso degli astanti.

Premetto che la conversazione l'ho registrata e ho riportato esattamente le identiche parole delle
TdG ..in modo da non adulterare il significato della conversazione, vorrei sapere cosa ne pensavate, se vi sembra una conversazione che ha una logica.
Giulio87
Nuovo Utente
 
Messaggi: 325
Iscritto il: 01/12/2013, 0:52

Messaggiodi Morpheus » 26/04/2017, 15:30

Morrisfriendly ha scritto:All' assemblea di circoscrizione c'è stata una dimostrazione tra una giovane testimone che doveva difendere a scuola con tatto le norme di Dio

Compagna di scuola
"Hai sentito Alice e Jessica hanno di essere lesbiche che forte eh?

Ragazza TdG " Beh Io rispetto Alice e Jessica, ma non posso dire che mi piaccia quello che stanno facendo"

Compagna di scuola"Ma Susan quanti pregiudizi! questo è quello che pensi tu o quello che ti ha messo in testa la tua religione?

Ragazza TdG "E' quello che penso io, ma si basa sulla Bibbia, sai alcuni hanno le idee sbagliate riguardo a quello che la Bibbia dice sugli omosessuali.

Compagna di scuola"In che senso"?

Ragazza testimone "Ad esempio la Bibbia dice che dobbiamo rispettare tutti a prescindere dal loro orientamento sessuale

Compagna di scuola" Io pensavo che tu avessi dei pregiudizi nei confronti dei gay e delle lesbiche"

Ragazza Testimone ""Assolutamente no! , io respingo il COMPORTAMENTO omosessuale, non gli omosessuali"

Compagna di scuola " Uhm... non capisco..."

Ragazza Testimone "Uhm...io non fumo, mi dà fastidio anche il solo pensiero, ma supponiamo che tu fumassi, io non sarei prevenuta nei tuoi confronti e tu non lo saresti nei confronti dei miei, giusto?

Compagna di scuola "Immagino di sì"

Ragazza testimone " Lo stesso vale per punti di vista di le diversi sull' omosessualità, ognuno ha il diritto di scegliere, basando su ciò che ho imparato dalla Bibbia HO SCELTO un certo stile di vita e non approvo l'omosessualità e apprezzo chi rispetta il mio diritto di scegliere "

Compagna di scuola "Bene non ci avevo pensato"

Fragoroso applauso degli astanti.

Premetto che la conversazione l'ho registrata e ho riportato esattamente le identiche parole delle
TdG ..in modo da non adulterare il significato della conversazione, vorrei sapere cosa ne pensavate, se vi sembra una conversazione che ha una logica.


Ecco, sono di nuovo in ritardo sulla questione, ma poco importa...
A mio parere, a parte i punti gia' menzionati da Quixote, la conclusione totale della chiacchierata tra le fanciulle e' ridicola.
Qui abbiamo la TdG che chiede rispetto per la sua idea o punto di vista, che in pratica e' il disprezzo per l'omosessualita'. Ma non tutte le idee e non tutti i punti di vista meritano rispetto, tutti devono essere pesati e valutati. Se un nazista mi chiede rispetto per il suo disprezzo per la liberta' di stampa, io non lo do. Se un guerrafondaio mi chiede rispetto per il suo supporto al terrorismo dell'ISIS, io non lo do.

Non e' perche' uno ha una sua idea che in automatico si deve rispettare. Le idee stupide e i punti di vista fallaci o pregiudiziali vanno combattuti e respinti. E in ogni modo ostacolati per impedirne l'espansione o la loro visione come "normali" e "accettabili".
Come distinguere idee che possono essere immeritevoli di rispetto? Un parametro facile da usare e' vedere se le idee fomentano odio. Se lo fomentano devono essere considerate con attenzione prima di "rispettarle". E mi sembra proprio che le idee della TdG sulle lesbiche fomenti odio, disprezzo e disgusto nei loro confronti.

Ma vediamo come evolverebbe la conversazione se l''idea di odiare l'omosessualita' fosse soppesata:

...
Ragazza testimone " Lo stesso vale per punti di vista di le diversi sull' omosessualità, ognuno ha il diritto di scegliere, basando su ciò che ho imparato dalla Bibbia HO SCELTO un certo stile di vita e non approvo l'omosessualità e apprezzo chi rispetta il mio diritto di scegliere "

Compagna di scuola "Bene non ci avevo pensato. Ma visto che chiedi rispetto per le tue idee, sarai anche tu altrettanto rispettosa di cio' che penso della tua idea, e cioe' che e' un odioso pregiudizio. Ci vediamo, forse, quando imparerai a vivere in pace con le persone diverse da te"


Seconda cosa molto strana e' l'inversione dell'esempio del fumo. Applicato al caso delle "lesbiche" da un risultato opposto a quello che da, convenientemente per la WT, se applicato al "pregiudizio sulle lesbiche". Leggete qui:

...
Compagna di scuola " Uhm... non capisco..."

Ragazza Testimone "Uhm...io non fumo, mi dà fastidio anche il solo pensiero, ma supponiamo che tu fumassi, io non sarei prevenuta nei tuoi confronti e tu non lo saresti nei confronti dei miei, giusto?

Compagna di scuola "Immagino di sì"

Ragazza testimone " Lo stesso vale per punti di vista di le diversi sull'omosessualità, ognuno ha il diritto di scegliere, basando su ciò che ho imparato dalla Bibbia HO SCELTO un certo stile di vita e non approvo l'omosessualità e apprezzo chi rispetta il mio diritto di scegliere "

Compagna di scuola "Pero' scusa, tu non sei lesbica e ti da fastidio anche il solo pensiero, mentre Alice e Jessica sono lesbiche eppure tu sembri prevenuta verso di loro e ne condanni le azioni apertamente. Applica lo stesso ragionamento del fumo non a te stessa e alle tue idee, ma anche a quelle ragazze che condanni. Vedrai che fai due pesi e due misure tra i tuoi comportamenti e quelli di Alice e Jessica! Perche' mentre chiedi di rispetto per il tuo comportamento e le tue idee, poi ti arroghi il diritto di non darlo agli altri?"


Altra fallacia e' la distinzione tra omosessuale e omosessualita' che a lato pratico non esiste e diventa chiaro se:

...
Ragazza Testimone ""Assolutamente no! , io respingo il COMPORTAMENTO omosessuale, non gli omosessuali"

Compagna di scuola " Uhm... non capisco... Quindi tu non hai pregiudizi contro Alice e Jessica come persone ma solo contro cio' che fanno?"

Ragazza Testimone ""Esatto"

Compagna di scuola "Quindi, scusa, le inviteresti domani a studiare a casa tua con noi? ci usciresti la sera?"

Ragazza Testimone ""Uhmmm... no..."

Compagna di scuola "Ci usciresti per andare al parco o in un ristorante la sera?"

Ragazza Testimone ""Uhmmm... no, non mi piace come si comportano, te l'ho detto"

Compagna di scuola "Ma perche', sono ragazze ben educate e mica si metterebbero a fare sesso omosessuale a casa tua!"

Ragazza Testimone ""No, cosa centra..."

Compagna di scuola "Centra perche' la tua condanna contro la pratica si attua sulle persone, anche se la pratica non e' presente. Ma allora lo vedi che hai un pregiudizio non sulle loro azioni, che non farebbero a casa tua, ma anche sulle persone? Cosa differenzia nella realta', a lato pratico l'odio per l'omosessualita' dall'odio per le persone che la praticano?"

Ragazza Testimone ""Che non odio le persone, ma le loro azioni..."

Compagna di scuola "Mi sembrano solo parole prive di significato. Nella pratica le uniche azioni che fai sono contro le persone e quindi giudichi direttamente loro... sei una bigotta"


Questo e come la vedo io... almeno 3 posizioni fallaci.
“I nostri nemici sono stati l’ignoranza e la rassegnazione”. Non so perché, ma ormai è andata così.

Presentazione
Morpheus
Utente Junior
 
Messaggi: 835
Iscritto il: 13/01/2014, 10:52


Torna a Domande sui Testimoni di Geova

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 2 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici