Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Torre di Guardia Luglio 2017. Autogol ?

Un'analisi delle pubblicazioni passate e presenti dei TdG

Moderatore: Achille

Torre di Guardia Luglio 2017. Autogol ?

Messaggiodi Socrate69 » 23/03/2017, 23:05

Rilevate alcune frasi "chiave" di un articolo della Torre di Guardia di Luglio 2017 (https://www.jw.org/it/pubblicazioni/riv ... -la-mente/)
Autorete ?
La propaganda può influenzare la nostra mente in maniera subdola, proprio come un gas velenoso, invisibile e inodore. Potremmo non vedere la propaganda per ciò che è realmente.

Un altro esperto dice che uomini e donne, influenzati dalla propaganda, sono stati “indotti abbastanza facilmente ad adottare i comportamenti più irragionevoli e pericolosi

Noam Chomsky ha affermato: “Nessuno introdurrà la verità nella tua mente. Devi essere tu a trovarla”.

Un libro dice che la propaganda “è particolarmente efficace laddove le persone [...]  vengono scoraggiate dal pensare in maniera critica”. 

non dobbiamo accontentarci di accettare passivamente e ciecamente ciò che ascoltiamo

dobbiamo usare la capacità di pensare e di ragionare che Dio ci ha dato


Dobbiamo essere decisi a rimanere uniti all’organizzazione di Geova e a sostenere lealmente le persone che lui ha scelto per guidarci, indipendentemente dalle loro mancanze

Di fronte a quelli che sembrano essere pericolosi attacchi di apostati o di altri che cercano di ingannarci, non dovremmo ‘essere presto scossi dalla nostra ragione’, nemmeno se le loro accuse dovessero sembrare fondate
L'ignorante afferma, il saggio dubita, il sapiente riflette - Aristotele

Presentazione
Avatar utente
Socrate69
Veterano del Forum
 
Messaggi: 3708
Iscritto il: 18/12/2013, 15:44

Messaggiodi CONSAPEVOLE » 23/03/2017, 23:53

Proprio un bel modo per descrivere se stessi!
CONSAPEVOLE
Nuovo Utente
 
Messaggi: 192
Iscritto il: 07/01/2014, 20:47

Messaggiodi Quixote » 24/03/2017, 0:27

Citare Noam Chomsky, che è quanto di piú lontano possa rapportarsi a un testimone di geova, è stomachevole.

La fallacia logica del sillogismo è implicita: non è che dobbiamo obbedire a geova anche se chi ci guida fosse mancante; non è che dobbiamo dar retta ad altri anche se le loro accuse potrebbero risultare infondate.

Semplicemente manca la premessa: è l’organizzazione di Geova nel giusto? se non si può dimostrare questo, non si giustifica il sèguito logico, ovvero la lealtà a persone che non hanno attributo per parlare a nome di dio.

Se le accuse sono infondate, mi aspetto che vengano dimostrate infondate con argomenti, non con paralogismi, e non con la fallacia che il primo imbecille scriva che la ragione è ingannevole, senza dare conto e fondamento dell’affermazione.
Καὶ ἠγάπησαν οἱ ἄνθρωποι μᾶλλον τὸ σκότος ἢ τὸ φῶς.
E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce.
GIOVANNI, III, 19. (G. Leopardi, La ginestra, esergo)
======================================
Primo postPresentazioneStaurós: palo o croce? (link esterno)
Avatar utente
Quixote
Moderatore
 
Messaggi: 3993
Iscritto il: 15/08/2011, 22:26
Località: Cesena

Messaggiodi Malefica » 24/03/2017, 8:58

Grazie Socrate per l'articolo, sono andata a scaricarmelo e l'ho letto tutto.
Beh, non c'è che dire, sono abilissimi nel raggirare i pensieri, da una parte ti dicono che devi accertarti e che devi avere uno spirito critico su tutto quello che ti viene detto....dall'altra parte ti dicono che ci sono motivi più che sufficienti per fidarsi del canale che Geova usa da più di 100 anni che OVVIAMENTE sono loro.
Un applauso al CD :appl:
Presentazione

"Volevo urlare quello che sentivo, ma sono rimasta in silenzio per paura di non essere capita" cit -Charles Bukowski
Avatar utente
Malefica
Nuovo Utente
 
Messaggi: 133
Iscritto il: 06/01/2017, 0:37

Messaggiodi Ancientofdays » 24/03/2017, 10:26

Quixote ha scritto:Citare Noam Chomsky, che è quanto di piú lontano possa rapportarsi a un testimone di geova, è stomachevole.


Ho pensato la stessa cosa, davvero assurdo .
Oltretutto quella frase buttata lì senza contesto (e senza riferimento) , lo fanno apparire come un Quelo qualunque ..

https://youtu.be/WqShOI6TwNE

Ancientofdays
Nuovo Utente
 
Messaggi: 330
Iscritto il: 11/06/2009, 16:44

Sono basito....

Messaggiodi Vieri » 24/03/2017, 11:03

Ho letto la citazione e la ritengo un'opera d'arte della "scienza della manipolazione dell'informazione".....
With the compliments... :ironico:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5670
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Romagnolo » 24/03/2017, 12:47

Tratto da Wikipedia:
16 aprile 2004 ha ricevuto la Laurea honoris causa in Lettere dall'Ateneo fiorentino, “quale riconoscimento allo studioso eminente nel campo delle scienze del linguaggio e delle capacità cognitive e all'intellettuale da sempre impegnato in difesa della libertà di pensiero”

Quindi si pone decisamente contro la politica della Wt che è quella di pilotare il pensiero delle persone per indirizzarlo a seguire i pensieri della Bibbia e sopratutto le interpretazioni che l'organizzazione da di essa.
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4976
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi Achille » 24/03/2017, 13:01

Socrate69 ha scritto:Rilevate alcune frasi "chiave" di un articolo della Torre di Guardia di Luglio 2017 (https://www.jw.org/it/pubblicazioni/riv ... -la-mente/)
Autorete ?
...Un altro esperto dice che uomini e donne, influenzati dalla propaganda, sono stati “indotti abbastanza facilmente ad adottare i comportamenti più irragionevoli e pericolosi
...
Un libro dice che la propaganda “è particolarmente efficace laddove le persone [...]  vengono scoraggiate dal pensare in maniera critica”. 

non dobbiamo accontentarci di accettare passivamente e ciecamente ciò che ascoltiamo

dobbiamo usare la capacità di pensare e di ragionare che Dio ci ha dato
I dirigenti sono dei maestri nella manipolazione delle persone.
Prima parlano di comportamenti loro, attribuendoli agli altri.
Difatti i TdG sono incoraggiati all'ubbidienza cieca, anche se ricevono direttive che possono sembrare irragionevoli (come si legge in una recente rivista).
Viene scoraggiato il pensiero critico, e si "incoraggia" l'ubbidienza passiva.
Ricordo un discorso in cui si diceva: "Se lo schiavo ti chiede di fare un salto, non devi chiederti perché devi fare il salto. Devi al massimo chiedere quanto alto deve essere il salto"...

E dopo queste premesse aggiungono:

Dobbiamo essere decisi a rimanere uniti all’organizzazione di Geova e a sostenere lealmente le persone che lui ha scelto per guidarci, indipendentemente dalle loro mancanze

Di fronte a quelli che sembrano essere pericolosi attacchi di apostati o di altri che cercano di ingannarci, non dovremmo ‘essere presto scossi dalla nostra ragione’, nemmeno se le loro accuse dovessero sembrare fondate
E' un contorsionismo dialettico e logico incredibile. Notate che come anche nell'ultima frase usano molto attentamente i termini. Non dicono "anche se le loro accuse fossero fondate", ma "dovessero sembrare fondate".
In altre parole, non esistono accuse fondate nei confronti dei TdG.
Le pecore accetteranno tutto, passivamente e ciecamente, anche questa volta.
I "maestri di inganno" riescono sempre, con questi metodi, a mantenere sottomessi la maggior parte dei loro adepti
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 12341
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi mario » 24/03/2017, 13:08

Con tutti gli ultimi scandali sulla pedofilia, cercano di parare il colpo.
È difficile sapere cosa sia la verità, ma a volte è molto facile riconoscere una falsità.
A. Einstein
La falsità è la verità degli altri.
O. Wilde
La religione è vera per la plebe, falsa per il saggio e redditizia per quelli che ne fanno un mestiere.Seneca


Presentazione
Avatar utente
mario
Utente Junior
 
Messaggi: 839
Iscritto il: 11/01/2011, 17:00

Messaggiodi Wyclif » 24/03/2017, 13:12

Achille ha scritto:
Dobbiamo essere decisi a rimanere uniti all’organizzazione di Geova e a sostenere lealmente le persone che lui ha scelto per guidarci, indipendentemente dalle loro mancanze

Di fronte a quelli che sembrano essere pericolosi attacchi di apostati o di altri che cercano di ingannarci, non dovremmo ‘essere presto scossi dalla nostra ragione’, nemmeno se le loro accuse dovessero sembrare fondate


E' un contorsionismo dialettico e logico incredibile. Notate che come anche nell'ultima frase usano molto attentamente i termini. Non dicono "anche se le loro accuse fossero fondate", ma "dovessero sembrare fondate".
In altre parole, non esistono accuse fondate nei confronti dei TdG.
Le pecore accetteranno tutto, passivamente e ciecamente, anche questa volta.
I "maestri di inganno" riescono sempre, con questi metodi, a mantenere sottomessi la maggior parte dei loro adepti



:quoto100:
Presentazione





"Dobbiamo ubbidire a Dio quale Governante anziché agli uomini" Atti 5:29
Avatar utente
Wyclif
Utente Senior
 
Messaggi: 1550
Iscritto il: 14/12/2014, 9:22

Messaggiodi Ely » 24/03/2017, 13:38

Achille ha scritto:
Socrate69 ha scritto:Rilevate alcune frasi "chiave" di un articolo della Torre di Guardia di Luglio 2017 (https://www.jw.org/it/pubblicazioni/riv ... -la-mente/)
Autorete ?
...Un altro esperto dice che uomini e donne, influenzati dalla propaganda, sono stati “indotti abbastanza facilmente ad adottare i comportamenti più irragionevoli e pericolosi
...
Un libro dice che la propaganda “è particolarmente efficace laddove le persone [...]  vengono scoraggiate dal pensare in maniera critica”. 

non dobbiamo accontentarci di accettare passivamente e ciecamente ciò che ascoltiamo

dobbiamo usare la capacità di pensare e di ragionare che Dio ci ha dato
I dirigenti sono dei maestri nella manipolazione delle persone.
Prima parlano di comportamenti loro, attribuendoli agli altri.
Difatti i TdG sono incoraggiati all'ubbidienza cieca, anche se ricevono direttive che possono sembrare irragionevoli (come si legge in una recente rivista).
Viene scoraggiato il pensiero critico, e si "incoraggia" l'ubbidienza passiva.
Ricordo un discorso in cui si diceva: "Se lo schiavo ti chiede di fare un salto, non devi chiederti perché devi fare il salto. Devi al massimo chiedere quanto alto deve essere il salto"...

E dopo queste premesse aggiungono:

Dobbiamo essere decisi a rimanere uniti all’organizzazione di Geova e a sostenere lealmente le persone che lui ha scelto per guidarci, indipendentemente dalle loro mancanze

Di fronte a quelli che sembrano essere pericolosi attacchi di apostati o di altri che cercano di ingannarci, non dovremmo ‘essere presto scossi dalla nostra ragione’, nemmeno se le loro accuse dovessero sembrare fondate
E' un contorsionismo dialettico e logico incredibile. Notate che come anche nell'ultima frase usano molto attentamente i termini. Non dicono "anche se le loro accuse fossero fondate", ma "dovessero sembrare fondate".
In altre parole, non esistono accuse fondate nei confronti dei TdG.
Le pecore accetteranno tutto, passivamente e ciecamente, anche questa volta.
I "maestri di inganno" riescono sempre, con questi metodi, a mantenere sottomessi la maggior parte dei loro adepti


Condivido tutte le tue osservazioni, sono le stesse che avrei scritto io se non mi fossi accorta che le avevi già scritte tu.
Sono davvero vergognosi, abilissimi manipolatori delle menti, menti ormai lobotomizzate e incapaci di uscire da qualsiasi schema da loro imposto. Che tristezza
Ciao
Ely
Ora vi preghiamo, fratelli, riguardo alla venuta del Signore nostro Gesù Cristo ..., di non lasciarvi così facilmente confondere e turbare, ... quasi che il giorno del Signore sia imminente. (II Tess. 2,1-2)

Mia presentazione: http://freeforumzone.leonardo.it/discus ... 370991&p=1
Avatar utente
Ely
Utente Senior
 
Messaggi: 1927
Iscritto il: 10/06/2009, 20:14

Messaggiodi Ancientofdays » 24/03/2017, 16:40

Non è neppure la prima volta che scrivono articoli sulla propaganda, questo è un articolo su Svegliatevi del 2000.

*** g00 22/6 pp. 4-8 La manipolazione dell’informazione ***
La manipolazione dell’informazione
‘Coll’uso intelligente e insistente della propaganda si può dipingere al popolo il cielo come inferno o la vita più miserabile come un paradiso’. — ADOLF HITLER, MEIN KAMPF.
CON l’aumento dei mezzi di comunicazione e il passaggio dalla stampa a mezzi come radio, televisione e Internet, il flusso di messaggi persuasivi ha conosciuto una drastica accelerazione. Questa rivoluzione delle comunicazioni ha portato a un eccesso di informazioni, in quanto la gente è subissata di messaggi. Molti reagiscono a questa situazione assorbendo i messaggi più rapidamente e accettandoli senza metterli in discussione o analizzarli.
Il propagandista scaltro ama queste scorciatoie, soprattutto quando permettono di aggirare il pensiero razionale. E la propaganda fa il suo gioco suscitando emozioni, sfruttando insicurezze, approfittando dell’ambiguità del linguaggio e torcendo le regole della logica. Come la storia dimostra, queste tattiche possono essere fin troppo efficaci.
Storia della propaganda
Oggi il termine “propaganda” ha una connotazione negativa, in quanto fa pensare a pratiche disoneste, ma in origine il significato del termine era un altro. A quanto pare “propaganda” deriva dal nome latino di un collegio di cardinali cattolici, la Congregatio de Propaganda Fide (Congregazione per la propagazione della fede). Questa commissione, detta per brevità Propaganda, fu istituita nel 1622 da papa Gregorio XV per sovrintendere all’attività dei missionari. Un po’ alla volta, con “propaganda” si cominciò a intendere qualsiasi sforzo fatto per diffondere una credenza.
Ma l’idea della propaganda non nacque nel XVII secolo. Sin dall’antichità gli uomini hanno usato ogni mezzo a loro disposizione per diffondere ideologie o accrescere fama e potere. Ad esempio, l’arte è stata usata per fini propagandistici sin dai giorni dei faraoni egiziani. Questi re progettarono le loro piramidi per trasmettere un’immagine di potenza e stabilità. Analogamente, anche l’architettura degli antichi romani assolveva una funzione politica: la glorificazione dello stato. Il termine “propaganda” assunse una connotazione generalmente negativa durante la prima guerra mondiale, quando i governi cominciarono a controllare direttamente i bollettini di guerra diffusi dai mezzi di informazione. Durante la seconda guerra mondiale Adolf Hitler e Joseph Goebbels si dimostrarono abilissimi propagandisti.
Dopo la seconda guerra mondiale si ricorse sempre più alla propaganda per promuovere la politica nazionale. Sia il blocco occidentale che quello orientale si impegnarono a fondo in campagne propagandistiche per attirare dalla loro parte le grandi masse di persone politicamente non schierate. Ogni aspetto della vita e della politica nazionale venne sfruttato per scopi propagandistici. Negli ultimi anni, che le tecniche propagandistiche si stiano facendo sempre più raffinate è stato evidente nelle campagne elettorali e nelle pubblicità delle industrie del tabacco. Si è fatto ricorso a cosiddetti esperti e ad altri personaggi di spicco per far apparire il fumo come qualcosa di piacevole e salutare e non come ciò che è: una minaccia per la salute pubblica.
Menzogne, menzogne!
Non c’è dubbio che per i propagandisti la cosa più semplice è ricorrere a vere e proprie menzogne. Prendete, ad esempio, le menzogne che Martin Lutero scrisse nel 1543 sugli ebrei in Europa: “Hanno avvelenato le sorgenti, . . . eseguito assassini . . . [rapito] bambini . . . Sono velenose vipere bramose di vendetta, assassini segreti, viperini figli di Satana, che fanno il male di nascosto”. Quale esortazione dava dunque ai cosiddetti cristiani? “È cosa utile bruciare tutte le loro Sinagoghe . . . In secondo luogo, siano distrutte e devastate anche le loro case private”.
Un professore di scienze politiche e sociologia che ha studiato quell’epoca dice: “L’antisemitismo non [ha] in fondo nulla a che fare con le azioni degli ebrei, e dunque con la conoscenza che ha l’antisemita della loro reale natura”. E aggiunge: “Gli ebrei rappresentavano tutto ciò che era discorde: di fronte a una calamità naturale o sociale dunque si reagiva automaticamente ricercandone la presunta origine ebraica”.
Generalizzazioni
Un’altra tattica propagandistica molto efficace è generalizzare. Le generalizzazioni tendono a nascondere aspetti importanti delle questioni in gioco, e spesso vengono usate per mettere in cattiva luce interi gruppi di persone. “Gli zingari [o, gli immigrati] sono ladri”, ad esempio, è un’affermazione che si sente spesso in certi paesi europei. Ma è vera?
Richardos Someritis, un giornalista, afferma che in un certo paese idee di questo genere hanno provocato una “febbre xenofoba e molto spesso razzista” nei confronti degli stranieri. Eppure è stato dimostrato che in quel paese gli atti criminosi vengono commessi con uguale frequenza sia dai cittadini del paese che dagli stranieri. Ad esempio, Someritis fa notare che in Grecia, stando ai sondaggi, “96 reati su 100 sono commessi da [greci]”. “Le cause della criminalità sono economiche e sociali”, afferma, “non ‘razziali’”. E accusa i mezzi di informazione di “incoraggiare sistematicamente la xenofobia e il razzismo” presentando in modo non obiettivo le notizie di cronaca nera.
Epiteti ingiuriosi
Alcuni insultano chi non è d’accordo con loro mettendone in dubbio il carattere o i motivi anziché attenersi ai fatti. Gli epiteti ingiuriosi sono etichette negative facili da ricordare che vengono appiccicate a una persona, un gruppo o un’idea. Chi lancia un’ingiuria spera che questa etichetta faccia presa. Se la gente finisce per respingere una persona o un’idea basandosi sull’etichetta negativa anziché valutare da sé le prove, la strategia ha funzionato.
Ad esempio, negli ultimi anni in molti paesi, europei e non, si è sviluppato un forte sentimento antisette. Questo ha suscitato reazioni emotive, ha creato l’immagine di un nemico e ha rafforzato pregiudizi già esistenti nei confronti delle minoranze religiose. Spesso “setta” diventa una specie di parola d’ordine. “‘Setta’ è sinonimo di ‘eretico’”, scriveva il professore tedesco Martin Kriele nel 1993, “e oggi, come in passato, in Germania un eretico è [condannato all’annientamento]: se non attraverso il fuoco . . . , attraverso campagne diffamatorie, isolamento e rovina economica”.
L’Istituto per l’Analisi della Propaganda fa notare che “gli epiteti ingiuriosi hanno avuto un ruolo terribilmente potente nella storia del mondo e nel nostro sviluppo individuale. Hanno rovinato reputazioni, . . . mandato [gente] in galera e infiammato gli animi al punto da convincere gli uomini ad andare in guerra e scannare i propri simili”.
Far leva sulle emozioni
Pur non avendo nessuna importanza per quanto riguarda la realtà dei fatti o la logica di un ragionamento, le emozioni giocano un ruolo essenziale nella persuasione. Gli appelli alle emozioni vengono confezionati da esperti propagandisti, capaci di giocare con le emozioni come un virtuoso sa suonare il piano.
Ad esempio, la paura è un’emozione che può offuscare il giudizio. E sulla paura, come sull’invidia, si può far leva. Il giornale canadese The Globe and Mail del 15 febbraio 1999 riportava la seguente notizia da Mosca: “La settimana scorsa a Mosca tre ragazze si sono suicidate, e i mezzi di informazione russi immediatamente hanno fatto intendere che si trattava di fanatiche seguaci dei testimoni di Geova”. Notate il termine “fanatiche”. Naturalmente, la gente tende ad avere paura di un’organizzazione religiosa fanatica che spingerebbe i giovani al suicidio. Queste povere ragazze avevano forse qualche legame con i testimoni di Geova?
Lo stesso quotidiano aggiungeva: “In seguito la polizia ha ammesso che le ragazze non avevano niente a che fare con [i testimoni di Geova]. Ma nel frattempo una stazione televisiva di Mosca aveva già lanciato una nuova campagna contro la setta, dicendo agli spettatori che i testimoni di Geova avevano collaborato con Hitler nella Germania nazista, nonostante sia storicamente provato che migliaia di loro morirono nei campi di sterminio nazisti”. Nella mente delle persone non informate e forse anche impaurite, i testimoni di Geova erano o una setta suicida o collaboratori nazisti!
Un’emozione forte su cui fanno leva i propagandisti è l’odio. Le espressioni tendenziose sono particolarmente efficaci nel fomentarlo. Sembra che esista un’infinità di termini negativi che fomentano l’odio verso particolari gruppi razziali, etnici o religiosi e fanno leva su di esso.
Alcuni propagandisti fanno leva sull’orgoglio. Spesso gli appelli all’orgoglio si possono riconoscere da frasi rivelatrici del tipo: “Qualsiasi persona intelligente sa che . . . ”, o: “Una persona istruita come lei riconoscerà senz’altro che . . . ”. Un modo indiretto di stuzzicare l’orgoglio è quello di far leva sulla paura di sembrare stupidi. I professionisti della persuasione ne sono ben consapevoli.
Slogan e simboli
Gli slogan sono frasi molto concise ed efficaci usate in genere per esprimere prese di posizione o obiettivi. Dato che sono generici, è facile condividerli.
Ad esempio, in momenti di crisi nazionale o di conflitto i demagoghi possono ricorrere a slogan come “Il mio paese, a ragione o a torto”, “Patria, religione, famiglia”, o “Libertà o morte”. Ma la maggior parte della gente analizza con attenzione le questioni che stanno dietro quella crisi o quel conflitto? O si limita ad accettare ciò che viene detto loro?
Scrivendo a proposito della prima guerra mondiale Winston Churchill ebbe a dire: “Basta un segnale per trasformare queste moltitudini di pacifici contadini e operai nelle potenti schiere che si sbraneranno fra loro”. Inoltre rilevò che, quando veniva detto loro cosa fare, la maggior parte delle persone agivano senza riflettere.
Il propagandista può inoltre attingere a una vasta gamma di simboli e segni per trasmettere il suo messaggio: ventuno salve di artiglieria, il saluto militare, la bandiera. Può sfruttare anche l’amore per i genitori. Simbolismi come la terra dei padri, la madrepatria o la madre chiesa diventano così strumenti preziosi nelle mani dell’abile manipolatore dell’opinione.
La sottile arte della propaganda può dunque paralizzare il pensiero, offuscare la logica e il discernimento e condizionare gli individui ad agire seguendo la massa. Come potete proteggervi?
[Note in calce]
La mia vita — La mia battaglia, trad. di B. Revel, Bompiani, Milano, 1940, p. 300.
Contro gli Ebrei, a cura di A. Agnoletto, trad. di V. Dornetti, Asefi, Milano, 1997, pp. 146-7, 156.
Daniel J. Goldhagen, I volonterosi carnefici di Hitler, trad. di E. Basaglia, Mondadori, Milano, 1997, pp. 44, 58.
[Testo in evidenza a pagina 8]
La sottile arte della propaganda può paralizzare il pensiero e offuscare la logica
[Riquadro/Illustrazioni a pagina 7]
L’OPERA DEI TESTIMONI DI GEOVA È PROPAGANDISTICA?
Alcuni oppositori hanno accusato i testimoni di Geova di diffondere propaganda sionista. Altri hanno detto che il loro ministero promuove il comunismo. Altri ancora hanno sostenuto che l’opera dei testimoni di Geova promuove gli ideali e gli interessi dell’“imperialismo americano”. E c’è chi dice che i Testimoni sono anarchici, che fomentano disordini per sovvertire l’ordine sociale, economico, politico o giuridico. Com’è ovvio, queste accuse contraddittorie non possono essere tutte vere.
La realtà è che i testimoni di Geova non sono niente di tutto questo. Svolgono la loro opera ubbidendo fedelmente al mandato che Gesù Cristo affidò ai suoi discepoli: “Mi sarete testimoni . . . fino alla più distante parte della terra”. (Atti 1:8) La loro opera si concentra unicamente sulla buona notizia del Regno dei cieli, lo strumento con cui Dio porterà la pace su tutta la terra. — Matteo 6:10; 24:14.
Chi ha osservato i testimoni di Geova non ha trovato nessuna prova che in qualche paese questa comunità cristiana sia mai stata un elemento destabilizzante.
Molti giornalisti, magistrati e altri hanno avuto espressioni di apprezzamento per il contributo positivo che i testimoni di Geova hanno dato alla società in cui vivono. Notate qualche esempio. Dopo aver assistito a un’assemblea dei testimoni di Geova, una giornalista dell’Europa meridionale ha commentato: “È gente con forti legami familiari, a cui si insegna ad amare e a seguire la propria coscienza in modo da non fare del male agli altri”.
Un altro giornalista, che in precedenza aveva un’opinione negativa dei Testimoni, ha detto: “Vivono in maniera esemplare. Non violano le norme della morale e del diritto”. Analogamente, un politologo ha detto dei Testimoni: “Trattano gli altri con profonda gentilezza, amore e cortesia”.
I testimoni di Geova insegnano che è giusto sottomettersi all’autorità. Sono cittadini rispettosi della legge e seguono le norme bibliche di onestà, veracità e pulizia. In famiglia insegnano sane norme morali e aiutano altri a capire come fare altrettanto. Vivono in pace con tutti, non facendosi coinvolgere in dimostrazioni violente o in rivoluzioni politiche. I testimoni di Geova si sforzano di essere esemplari nell’ubbidire alle leggi delle autorità superiori umane mentre attendono con pazienza che l’Autorità Suprema, il Sovrano Signore Geova, riporti sulla terra pace perfetta e un giusto governo.
Nello stesso tempo svolgono un’opera educativa. Bibbia alla mano, in tutto il mondo insegnano alle persone a ragionare sui princìpi biblici e quindi a seguire giuste norme di condotta. Promuovono valori che migliorano la vita familiare e aiutano i giovani ad affrontare i problemi tipici della loro età. Aiutano inoltre le persone a trovare la forza di togliersi vizi nocivi e ad andare d’accordo con gli altri. Difficilmente un’opera del genere si potrebbe definire “propaganda”. Come dice un’enciclopedia, in un clima culturale in cui le idee circolano liberamente “propaganda e istruzione sono due cose diverse”. — The World Book Encyclopedia.
[Illustrazioni]
Le pubblicazioni dei testimoni di Geova promuovono i valori della famiglia e alte norme morali
[Illustrazioni a pagina 5]
La propaganda a favore della guerra e del fumo ha provocato molti morti




Ancientofdays
Nuovo Utente
 
Messaggi: 330
Iscritto il: 11/06/2009, 16:44

Messaggiodi pasqualebucca » 24/03/2017, 17:18

In dialetto Calabrese si direbbe: se scappi ti sparu, se ti fermi ti cuteddiu(se scappi di sparo, se ti fermi ti accoltello), in ogni caso muori.
Da quanto ho letto, secondo la Wts bisognerebbe pensare con il proprio cervello, se però gli apostatacci dimostrerebbero che una questione è vera(esempio l'indagine BBC sulla pedofilia), allora dovrai credere all'organizzazione??!!

Mi pare un'arma a doppio taglio, io non credo che il popolo geovista si beva anche questo, da una parte "libero pensiero" dall'altra sì ma se non siete d'accordo con noi(Wts, CD), allora credete solo e sempre a noi! ma mi chiedo : fino a quando potrà durare?
Insomma non esiste il libero arbitrio?

A voi le considerazione e buona serata
Avatar utente
pasqualebucca
Utente Junior
 
Messaggi: 827
Iscritto il: 05/02/2017, 16:01

Messaggiodi Ray » 24/03/2017, 17:37

Socrate69 ha scritto:Di fronte a quelli che sembrano essere pericolosi attacchi di apostati o di altri che cercano di ingannarci, non dovremmo ‘essere presto scossi dalla nostra ragione’, nemmeno se le loro accuse dovessero sembrare fondate


Achille ha scritto:Le pecore accetteranno tutto, passivamente e ciecamente, anche questa volta.
I "maestri di inganno" riescono sempre, con questi metodi, a mantenere sottomessi la maggior parte dei loro adepti


Provate a ritornare indietro a quando eravate tdg,almeno per chi è fuoriuscito da tempo.
Quando arrivava una notizia dagli apostati o dai giornali ,quale era la vostra posizione ?

Di fronte a queste affermazioni di fronte a questo
cibo dello schiavo non c'è scampo per il povero tdg.

Nemmeno se le loro accuse dovessero sembrare fondate!
Se per un'attimo il fratello ha letto da qualche parte notizie contrastanti
o prove inconfutabili,bene chi è ancorato è sottomesso a questa realtà parallela ,non gli
resterà che rigettare tali prove,così messo di fronte ad una scelta, quelle piccole
perplessità che aveva saranno troncate ,fra il scegliere le prove che il mondo porta
è scegliere il canale di D-o sulla terra,la scelta sarà facile.
Il fratello non avrà dubbi ,la società ha ragione,tutta propaganda del diavolo.
:addio:
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11084
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Ancora più stupito....

Messaggiodi Vieri » 24/03/2017, 19:18

Leggo:
NON CEDIAMO ALLA STRATEGIA DEL TERRORE
Dobbiamo ricordare, però, che Satana può servirsi anche di una propaganda più diretta. A volte usa la strategia del terrore, definita “una delle forme più antiche di propaganda” (Easily Led—A History of Propaganda). Per esempio, il prof. Philip M. Taylor affermò che gli assiri attuavano nei confronti dei loro nemici “contemporaneamente una politica del terrore e una di propaganda”. Satana può usare il timore dell’uomo, della persecuzione, della morte o qualsiasi altra forma di timore per cercare di dominarci e farci smettere di servire Geova (Isa. 8:12; Ger. 42:11; Ebr. 2:15).

Ma mi domando: annunciare sempre ad ogni piè sospinto la fine del mondo non è una STRATEGIA DEL TERRORE opposta a quella dell'AMORE ?

Immagine



:boh: :boh: :boh: :boh: :boh: :boh:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5670
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Mauro1971 » 25/03/2017, 9:17

Perdonatemi il francesismo, ma il CD ha davvero la faccia come il culo.

Accusare "gli altri" di fare esattamente ciò che loro fanno in modo lapalissioano e plateale da decine di anni... no ma complimenti eh.
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Gold
 
Messaggi: 9017
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Messaggiodi Massimo D. » 25/03/2017, 21:20

Ma che facce di ghisa, impongono di diffidare di chi cerca di manipolare i cervelli, che però é la cosa che loro per primi fanno. Fino a quando i pecoroni dormiranno per loro sará una pacchia continua. Guai se si dovessero svegliare, perché diventerebbero leoni.
Avatar utente
Massimo D.
Utente Junior
 
Messaggi: 467
Iscritto il: 04/08/2012, 9:46
Località: Bassano del Grappa

Messaggiodi polymetis » 26/03/2017, 12:29

Dopo anni passati a dire che loro erano l'oasi del bene e fuori c'era solo Satana, adesso capiscono che poiché anche loro sono imperfetti la dottrina dei TdG non va giudicata sulla base delle manchevolezza di questo o quel dirigente?
Io direi che i TdG sono esposti ad un'autentica selva di pensieri contraddittori. Ho passato un'ora, circa due mesi fa, a scandalizzare il mio amico TdG che ogni tanto viene a trovarmi, e che mi parlava delle cosidette "malefatte della Chiesa", spiegandogli che se anche il papa avesse buttato una bomba atomica la cosa non avrebbe avuto la benché minima incidenza sulla mia fede. Al che l'ho visto alquanto scandalizzato e perplesso: la cosa era troppo forte per lui da capire. Ora chissà quanto andrà in confusione leggendo sulle pubblicazioni dello Schiavo le stesse cose che gli andavo dicendo.

Ad maiora
Presentazione


Alla base delle scelte fondamentali del Nolano - a Londra come a Roma -, c'era il convincimento di appartenere alla "casa" dei filosofi, e che ad essa bisogna essere sempre fedeli, anche nei rapporti con i potenti della Chiesa e dello Stato, perché la casa della filosofia è la casa della verità: in un modo intelligente e anche astuto, certo, ma sempre fedeli. (Michele Ciliberto)
Avatar utente
polymetis
Moderatore
 
Messaggi: 4414
Iscritto il: 16/06/2009, 14:43

Messaggiodi Wyclif » 26/03/2017, 12:55

polymetis ha scritto:Dopo anni passati a dire che loro erano l'oasi del bene e fuori c'era solo Satana, adesso capiscono che poiché anche loro sono imperfetti la dottrina dei TdG non va giudicata sulla base delle manchevolezza di questo o quel dirigente?
Io direi che i TdG sono esposti ad un'autentica selva di pensieri contraddittori. Ho passato un'ora, circa due mesi fa, a scandalizzare il mio amico TdG che ogni tanto viene a trovarmi, e che mi parlava delle cosidette "malefatte della Chiesa", spiegandogli che se anche il papa avesse buttato una bomba atomica la cosa non avrebbe avuto la benché minima incidenza sulla mia fede. Al che l'ho visto alquanto scandalizzato e perplesso: la cosa era troppo forte per lui da capire. Ora chissà quanto andrà in confusione leggendo sulle pubblicazioni dello Schiavo le stesse cose che gli andavo dicendo.

Ad maiora



Speriamo che lo nota sulle pagine della Torre di Guardia

Quando uscila Torre di Guardia 2013 in cui trattò l'argomento dello "Schiavo fedele e Discreto" in cui il CD eliminò in un colpo di spugna 2000 di storia umana e 140 anni di un loro insegnamento, autoproclamandosi il "Canale di Dio" ed eliminando lo schiavo fedele dal primo secolo in poi, un mio strettissimo parente quando ne parlammo disse che aveva studiato l'articolo Torre di Guardia in sala ma non aveva notato niente di diverso.

Dissonanza cognitiva ? Mente accecata da Satana? Ignoranza ? :blu:
Presentazione





"Dobbiamo ubbidire a Dio quale Governante anziché agli uomini" Atti 5:29
Avatar utente
Wyclif
Utente Senior
 
Messaggi: 1550
Iscritto il: 14/12/2014, 9:22


Torna a Pubblicazioni della WatchTower

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici