Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Quando qualcuno che amiamo abbandona Geova

Un'analisi delle pubblicazioni passate e presenti dei TdG

Moderatore: Achille

Quando qualcuno che amiamo abbandona Geova

Messaggiodi abuonconsiglio » 16/04/2011, 8:31

Dalla Torre di Guardia del 15 luglio 2011 pagine 30-32


Quando qualcuno che amiamo abbandona Geova

12 Senza dubbio siamo tutti d’accordo sul
fatto che per piacere a Dio dobbiamo esse-
re fisicamente, moralmente e spiritualmente
puri. (Leggi Tito 2:14). A
volte per `o possono sorgere situazioni
in cui, sotto questo aspetto, la nostra
lealt `a al proposito di Dio viene dolorosamente
messa alla prova. Supponiamo
ad esempio che l’unico figlio
di una coppia cristiana esemplare lasci
la verità. Avendo preferito “il temporaneo
godimento del peccato” a una
buona relazione con Geova e con i
propri genitori cristiani, il giovane
viene disassociato.— Ebr.11:25.
13 I genitori sono affranti. In quanto
alla disassociazione, sanno che la Bibbia
dice di ‘cessar di mischiarsi in compagnia
di qualcuno chiamato fratello che è fornicatore
o avido o idolatra o oltraggiatore o ubriacone o
rapace, non mangiando nemmeno con un tal
uomo’. (1 Cor. 5:11, 13) Comprendono anche
che il “qualcuno” menzionato in questa scrittura
include i familiari che non vivono sotto lo
stesso tetto. Ma essi amano moltissimo il loro
figlio! Sopraffatti dalle emozioni, potrebbero
ragionare: ‘Come possiamo aiutare nostro fi-
glio a tornare a Geova se limitiamo drasticamente
la nostra associazione con lui? Non sarebbe
più utilevmantenere contatti regolari?’
14 Ci sentiamo vicini a quei genitori. Dopo
tutto il loro figlio ha fatto la sua scelta, decidendo
di seguire uno stile di vita non cristiano
anzichè continuare a godere della compagnia
dei suoi genitori e degli altri compagni
di fede. I genitori, invece, non hanno potuto
fare altro che prendere atto della sua decisione.
Non sorprende che si sentano impotenti.
15 Cosa faranno adesso questi cari genitori?
Ubbidiranno alle chiare istruzioni di Geova?
O si sentiranno giustificati a frequentare regolarmente
il loro figlio disassociato sostenendo
che si tratta sempre di “necessarie questioni
familiari”?
Nel prendere la propria
decisione, i genitori non devono trascurare di
chiedersi cosa pensa Geova di quello che
stanno facendo. Lo scopo di Geova è quello
di mantenere pura l’organizzazione e, se possibile,
di indurre i trasgressori a tornare in sè.
In chemodo i genitori cristiani possono agire
in armonia con questo scopo?
16 Aaronne, fratello di Mosè, si trovò davanti
a una situazione difficile in relazione a
due suoi figli. Pensate come dev’essersi sentito
quando i figli Nadab e Abiu offrirono fuoco
illegittimo a Geova e questi li fece morire
all’istante.Naturalmente ciò pose fine a qualsiasi
associazione i due potessero avere con i
loro genitori. Ma non è tutto. Geova comandò
ad Aaronne e ai suoi figli fedeli: “Non andate
con le teste scompigliate, e non dovete
strappare le vostre vesti [in segno di lutto], af-
finchè nonmoriate e affinchè [Geova]non si
indigni contro tutta l’assemblea”. (Lev. 10:
1-6) Il messaggio `e chiaro. Il nostro amore per
Geova dev’essere più forte del nostro amore
per i familiari che gli divengono sleali.
17 Oggi Geova non mette immediatamente
a morte quelli che violano le sue leggi.
Amorevolmente
dà loro l’opportunità di pentirsi
delle loro opere ingiuste. Ma come si sentirebbe
Geova se i genitori di un trasgressore
impenitente continuassero a metterLo alla
prova frequentando senza necessità il loro fi-
glio disassociato?


Notate la domanda ai paragrafi 14 e 15

14, 15. Qual è in effetti la decisione che si presenta a
chi ha un figlio disassociato?


A voi i commenti
Avatar utente
abuonconsiglio
Utente Junior
 
Messaggi: 572
Iscritto il: 24/11/2009, 9:17

dejà vu ???

Messaggiodi domingo7 » 16/04/2011, 9:11

All'inizio degli anni '80 facevo il servizio civile
e mi occupavo di ragazzi con problemi di tossicodipendenza

Venni in contatto con alcuni attivisti del CEIS di Genova
che mi stupirono per la loro professionalità e per la loro preparazione ....

Su una cosa non riuscii però a condividerne le direttive ....
Sulla cacciata di casa del giovane recidivo ....con problemi di sostanze ....

Allora nulla si sapeva di preciso sulla forza della dipendenza
e sulla distruzione delle endorfine da parte delle droghe pesanti

Difendevo allora una posizione fortemente idealista e .....inevitabilmente snobbata:
cioè che la droga fosse un problema medico prima che un problema morale
trovandomi praticamente isolato....e non avendo nulla di serio e scientifico per sostenere tale posizione ...

I ragionamenti non erano a sfondo religioso ma il loro modo di argomentare
assomigliava molto a quello della pubblicazione sopra riportata .....

Non ho più avuto contatti con la realtà della tossicodipendenza
e non so quale sia oggi la posizione ufficiale del CEIS né tantomeno le posizioni dei signori incontrati ....
(ammesso che vivano ancora)

Però, rileggendo quanto sopra, mi è sembrato di tornare indietro .....di 30 anni ....
Presentazione

Ma come si conviene a dei santi, né fornicazione, né alcuna impurità, né avarizia, sia neppur nominata fra voi; né disonestà, né buffonerie, né facezie scurrili, che son cose sconvenienti; ma piuttosto, rendimento di grazie [Efesini 5,3-4]
Avatar utente
domingo7
Utente Senior
 
Messaggi: 2104
Iscritto il: 21/07/2009, 18:06
Località: Chiavari (Ge)

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 16/04/2011, 9:35

Non conosco le problematiche relative alla tossicodipendenza, ma se fossero risolvibili in famiglia, suppongo che sarebbero inutili le comunità di recupero e non credo che genitori, per quanto provati dalla convivenza (spesso violenta) con figli tossicodipendenti, poi li abbandonino una volta entrati in comunità, ma con questo esempio, tu accogli l°alibi della WTS che sostiene che chi abbandona il culto lo fa esclusivamente per crogiolarsi nel peccato e non ti sfiora il dubbio che le persone restino rette e oneste e che la loro scelta sia dettata dal dissenso dottrinale.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Moderatore
 
Messaggi: 14679
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Cara Gabriella

Messaggiodi domingo7 » 16/04/2011, 9:50

Non conosco le problematiche relative alla tossicodipendenza, ma se fossero risolvibili in famiglia, suppongo che sarebbero inutili le comunità di recupero e non credo che genitori, per quanto provati dalla convivenza (spesso violenta) con figli tossicodipendenti, poi li abbandonino una volta entrati in comunità, ma con questo esempio, tu accogli l°alibi della WTS che sostiene che chi abbandona il culto lo fa esclusivamente per crogiolarsi nel peccato e non ti sfiora il dubbio che le persone restino rette e oneste e che la loro scelta sia dettata dal dissenso dottrinale.


No, al contrario trovo nella WTS lo stesso atteggiamento dogmatico di quei signori del CEIS
che nella tossicodipendenza vedevano solo l'immoralità e trascuravano il grave problema medico ....

Ho comunque conosciuto tossicodipendenti buoni e riservati
che sono riusciti a curarsi in casa, che si sono sciroppati tonnellate di metadone,
che lavorano, si sono sposati ed hanno famiglie pulite e regolari .....

E che nelle comunità terapeutiche non sono mai entrati ...

Tali comunità mi pare che funzionino soprattutto sui soggetti che
oltre ad avere problemi di sostanze, presentano gravi tensioni all'interno delle famiglie,
nonché notevoli problemi di socializzazione e di relazione ....
Presentazione

Ma come si conviene a dei santi, né fornicazione, né alcuna impurità, né avarizia, sia neppur nominata fra voi; né disonestà, né buffonerie, né facezie scurrili, che son cose sconvenienti; ma piuttosto, rendimento di grazie [Efesini 5,3-4]
Avatar utente
domingo7
Utente Senior
 
Messaggi: 2104
Iscritto il: 21/07/2009, 18:06
Località: Chiavari (Ge)

Messaggiodi Demolizioni Torri » 16/04/2011, 9:58

@ abuonconsiglio: Il paragrafo 15 è da brivido!!


@ Gabriella: :quoto100:
Io ti conoscevo per sentito dire, ma ora i miei occhi ti vedono Gb 42,5

Demy & Torry: chi siamo
Avatar utente
Demolizioni Torri
Utente Senior
 
Messaggi: 1591
Iscritto il: 23/02/2011, 22:09

Messaggiodi Aquarivs » 16/04/2011, 10:00

Senza dubbio siamo tutti d’accordo sul
fatto che per piacere a Dio dobbiamo esse-
re fisicamente, moralmente e spiritualmente
puri. (Leggi Tito 2:14).


Certo.. (mo vediamo all'opera la tecnica numero 1 dei tdg: uso una verità condivisa per convalidarne una solo mia - tecnica presente anche nel libro ragioniamo torcendo l'uso delle scritture)

A volte per `o possono sorgere situazioni
in cui, sotto questo aspetto, la nostra
lealtà al proposito di Dio viene dolorosamente
messa alla prova.


Come ad esempio quando Dio comanda di non rubare e poi la stragrande maggiornanza dei tdg froda il fisco, non emette fatture, scontrini, scarica roba da internet pirata, visiona film in streaming, viola la legge nel settore automobilistico non mette i regola i propri dipendenti (spesso tdg) ecc. Ma IMMAGINO NON SIA QUESTA LA VERITA' DA ASSOCIARE A QUELL'ALTRA. Vediamo..

Supponiamo
ad esempio che l’unico figlio
di una coppia cristiana esemplare lasci
la verità.


Supponiamo in primis che sia la verità, innanzi tutto. Un buddista, un cattolico, un ebreo potrebbe dire lo stesso. Supponiamo che sia "l'unico figlio" come per dire, ne hanno uno solo, quindi i genitori non possono ripiegare su un altro per nascondere questo fallimento. Ma comunque, supponiamo che lasci l'organizzazione dei tdg.. Vediamo..


Avendo preferito “il temporaneo
godimento del peccato” a una
buona relazione con Geova e con i
propri genitori cristiani, il giovane
viene disassociato.— Ebr.11:25.


Mo' parte la verità da propinare come tale. Ecco che si passa dalla situazione specifica al generico. Sarebbe difficile dire e scrivere in una pubblicazione che l'unico figlio è stato disassociato perché questo voleva proseguire gli studi universitari per fare il medico e quindi introducendosi in una vita dedicata al prossimo ma un prossimo non tdg ha iniziato a smarrire la retta via e, in seguito aderendo ad un'associazione cattolica umanitaria ha commesso peccato.
Sarebbe difficile dire che egli avendo scoperto l'associazione della wts con l'onu ha deciso in cuor suo di seguire dio per conto proprio senza appartenere ad un popolo la cui guida si è contaminata peccando gravemente contro dio.
Sarebbe difficile dire che il figlio ha deciso di fare il carabiniere per un senso di giustizia nobile e altruistico meritando quindi la disassociazione.
Sarebbe difficile dire che il figlio essendo gay e volendo accettare la natura che dio stesso gli avrebbe concesso è stato disassociato.

E' meglio generalizzare con il GODIMENTO TEMPORANEO DEL PECCATO. Perché il peccatore (non importa specificare il perché lo si ritiene tale) è in ogni caso condannato. Quindi la causa è leggittimata.


13 I genitori sono affranti.

E voi che ne sapete? I genitori sono affranti o siete voi che dite loro d'esserlo?
Conosco genitori che stimano i loro figli disassociati in segreto perché al di là del fatto che abbiano fatto la fuitina ai tempi in cui vennero disassociati ora hanno una famiglia un coniuge che li ama e dei figli cresciuti con amore. Che strano.. Che dio li abbia benedetti in segreto?

sanno che la Bibbia
dice di ‘cessar di mischiarsi in compagnia
di qualcuno chiamato fratello che è fornicatore
o avido o idolatra o oltraggiatore o ubriacone o
rapace, non mangiando nemmeno con un tal
uomo’. (1 Cor. 5:11, 13)


Ecco che torna la sfilza di peccati. Non mi sembra che la disassociazione contempli solo questi casi. Mi sembra, come ho detto prima, che vi siano innumerevoli casi in cui si viene espulsi pur senza aver commesso questi peccati.

Comprendono anche
che il “qualcuno” menzionato in questa scrittura
include i familiari che non vivono sotto lo
stesso tetto.


Io non ho letto di tetti.. nè di case nè di fratelli, genitori e figli..

Ma essi amano moltissimo il loro
figlio! Sopraffatti dalle emozioni,


Sopraffatti? E i figli sono un dono di dio dove è finito? Sono un dono con i se e i ma?
Amare le proprie creature diventa uno sbaglio dettato dall'emotività..

potrebbero
ragionare: ‘Come possiamo aiutare nostro fi-
glio a tornare a Geova se limitiamo drasticamente
la nostra associazione con lui? Non sarebbe
più utilevmantenere contatti regolari?’


effettivamente questo ragionamento ha senso.. peccato che qui venga denigrato

14 Ci sentiamo vicini a quei genitori.


col cavolo!

Dopo
tutto il loro figlio ha fatto la sua scelta, decidendo
di seguire uno stile di vita non cristiano
anzichè continuare a godere della compagnia
dei suoi genitori e degli altri compagni
di fede.


Giusto. Il loro figlio per aver deciso di servire il paese e la comunità tutta ha fatto la scelta di farsi dare un calcio in culo dalla propria famiglia. Ma l'amore verso i propri figli non dovrebbe essere incondizionato?

I genitori, invece, non hanno potuto
fare altro che prendere atto della sua decisione.


Poverini.. che torto che gli è stato fatto. Volevano un figlio riprogrammato a dovere. Messo al mondo per fare tutto ciò che volevano. Privo di qualunque possibilità di libero arbitrio. Come hanno mai potuto meritare una delusione così grande?

Non sorprende che si sentano impotenti.
15 Cosa faranno adesso questi cari genitori?


Dipende.. se sono dei veri genitori sapranno che non appartiene loro la vita dei propri figli così come la propria non è appartenuta ai loro genitori altrimenti sarebbero stati fucilati dai parenti cattolici allorché fecero il loro ingresso fra le file dei tdg. Ma i testimoni sono troppo svelti a dimenticare di trattare gli altri così come loro vorrebbero essere trattati.
Aquarivs
 

Messaggiodi ilnonnosa » 16/04/2011, 10:25

domingo7 ha scritto:
Non conosco le problematiche relative alla tossicodipendenza, ma se fossero risolvibili in famiglia, suppongo che sarebbero inutili le comunità di recupero e non credo che genitori, per quanto provati dalla convivenza (spesso violenta) con figli tossicodipendenti, poi li abbandonino una volta entrati in comunità, ma con questo esempio, tu accogli l°alibi della WTS che sostiene che chi abbandona il culto lo fa esclusivamente per crogiolarsi nel peccato e non ti sfiora il dubbio che le persone restino rette e oneste e che la loro scelta sia dettata dal dissenso dottrinale.


No, al contrario trovo nella WTS lo stesso atteggiamento dogmatico di quei signori del CEIS
che nella tossicodipendenza vedevano solo l'immoralità e trascuravano il grave problema medico ....

Ho comunque conosciuto tossicodipendenti buoni e riservati
che sono riusciti a curarsi in casa, che si sono sciroppati tonnellate di metadone,
che lavorano, si sono sposati ed hanno famiglie pulite e regolari .....

E che nelle comunità terapeutiche non sono mai entrati ...

Tali comunità mi pare che funzionino soprattutto sui soggetti che
oltre ad avere problemi di sostanze, presentano gravi tensioni all'interno delle famiglie,
nonché notevoli problemi di socializzazione e di relazione ....


La tua ignoranza è totale se non sai che il metadone è solo un sostituto della droga e dal momento che nessuno lo prende a scalare, non è certamente una cura. Io consiglio a tutti prima di dettare consigli aggiornarsi e valutare scientificamente il pro e contro cioè vivere o morire.
Il genitore che ama il figlio ed è importante ad aiutarlo ad uscire dal tunnell della droga, lo affida a persone competenti pur continuando a seguirlo da casa.

Ciao. Ilnonnosa
Presentazione

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”. (Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)
Avatar utente
ilnonnosa
Utente Senior
 
Messaggi: 1045
Iscritto il: 26/08/2009, 12:03

Ci risiamo

Messaggiodi deep-blue-sea » 16/04/2011, 11:05

battono sempre lo stesso chiodo!
Ma dov'è l'amore del Cristo in tutto questo? Chiudere le porte delle compassioni e dell'amore a un figlio o un parente è semplicemente SCANDALOSO specie se suggerito da un'organizzazione che si dice cristiana e rappresentante di DIO!

Cari Testimoni, MA NON VEDETE QUANTO SUBDOLO E IGNOBILE è QUESTO INSEGNAMENTO? Vi incitano a soffocare i sentimenti più profondi che possano animare l'uomo: l'amore per la famiglia..e voi accettate senza batter ciglio?

Pensate che la disposizione della disassociazione sia per il bene del 'peccatore'? Ma che ragionamento tortuoso è questo? Questo provvedimento

1° Non aiuta il disassociato che sarà più indispettito e avrà solo le conferme di quanto ferrea e disamorata sia questa organizzazione e che nulla ha da spartire con DIo
2° Fa INDUBBIAMENTE del male a coloro che restano dentro, che soffriranno nel rinnegare il proprio caro, che soffriranno nel non poter aver contatti con lui, non poterlo invitare a pranzo, nel non condividere momenti gioiosi come la nascita di nipotini, o passare feste o vacanze assieme!!!!

QUeste disposizioni fondamentaliste e autoritarie con tutto il suo corollario di situazioni dettagliate descritte dalla WT porta solo dolore a tutti..al cosiddetto peccatore..MA ANCHE A VOI TG!!!!!! :test: :piange:
Presentazione
"Il vero dialogo consiste nell'accettare l'idea che l'altro sia portatore di una verità che mi manca..."
Mgr Claverie
it's better to have questions you cannot answer than it is to have answers you cannot question.
Meglio avere domande alle quali non puoi rispondere, che avere risposte che non puoi mettere in questione
Avatar utente
deep-blue-sea
Veterano del Forum
 
Messaggi: 3353
Iscritto il: 16/07/2009, 17:38

Messaggiodi darklight » 16/04/2011, 11:26

Ho girato il link ad alcuni amici dissociati /dissasociati, ho deciso ormai voglio uscire allo scoperto come "apostata".

Si può essere considerati apostati senza essere mai stati battezzati?

E come si devono comportare i parenti secondo la società in un caso come il mio?

Ieri ho già litigato con mia madre, la pazienza è finita , 25 anni di pazienza non sono serviti a mio padre a farle capire nulla.

È ora che qualcuno le dia una smossa , sono stanco di sentirla lamentarsi e poi non avere il coraggio di ammettere che per tutti questi anni è stata nel torto .

Sono stufo della sua tecnica inconscia dei sensi di colpa , si mi hai rovinato l'infanzia e te lo dico in faccia e non me ne frega niente che ti fa male, troppo comodo fuggire dalla realtà sfruttando il senso di colpa di chi non vuole farti male , troppo comodo poter parlare al figlio perchè non è dissasociato .

Vuoi ascoltare i 4 vecchietti di brooklin , ascoltali alla lettera se ne hai il coraggio. Io ormai non ho + niente da perdere.
darklight
Nuovo Utente
 
Messaggi: 133
Iscritto il: 11/12/2009, 12:13

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 16/04/2011, 11:44

domingo7 ha scritto:[
No, al contrario trovo nella WTS lo stesso atteggiamento dogmatico di quei signori del CEIS
che nella tossicodipendenza vedevano solo l'immoralità e trascuravano il grave problema medico ....

Ho comunque conosciuto tossicodipendenti buoni e riservati
che sono riusciti a curarsi in casa, che si sono sciroppati tonnellate di metadone,
che lavorano, si sono sposati ed hanno famiglie pulite e regolari .....

E che nelle comunità terapeutiche non sono mai entrati ...

Tali comunità mi pare che funzionino soprattutto sui soggetti che
oltre ad avere problemi di sostanze, presentano gravi tensioni all'interno delle famiglie,
nonché notevoli problemi di socializzazione e di relazione ....

Un tossicodipendente non commette crimini perchè è peccatore, ma perchè la sua dipendenza dalla droga è tale che deve trovare i mezzi per procurarsela.
Non so se esistono tossicodipendenti buoni e remissivi anche in crisi d°astinenza, se ci sono sarebbero da studiare affinchè qualsiasi ne sia la causa la si potrebbe applicare pure ai violenti, non credi?
Dalla droga, inoltre, si può uscire così come da qualsiasi altra dipendenza e non credo che le tensioni familiari siano tali da costringere al ricovero in comunità o la maggioranza della popolazione mondiale sarebbe già stanziale colà, non pensi?
Eppoi, parli di 30 anni fa, forse l°atteggiamento dogmatico e non scientifico era dovuto al fatto che non si conosceva ancora il meccanismo droga dipendenza, ma comunque, anche sbagliando, si faceva qualcosa.
Il punto su cui non ci capiamo è che tu metti sullo stesso piano il drogato e colui che s°allontana da un culto, dando per scontato che entrambi siano debosciati.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Moderatore
 
Messaggi: 14679
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi Mario70 » 16/04/2011, 12:29

ora non ho molto tempo per commentare, dico solo che mi sembra di essere tornato agli anni 60 'noi non possiamo uccidere gli apostati'... dovrei fare in modo di non far partecipare mia madre a quelllo studio! :piange:
«È vero, in tempi passati vi sono stati alcuni che hanno predetto la "fine del mondo", annunciando perfino una data specifica. Alcuni hanno raccolto intorno a sé gruppi di persone ... aspettando la fine. Tuttavia non è accaduto nulla. La "fine" non è venuta. Si sono resi colpevoli di falsa profezia» (Svegliatevi!, 22/4/1969, p. 23).
Presentazione
Avatar utente
Mario70
Utente Master
 
Messaggi: 5714
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 16/04/2011, 12:34

abuonconsiglio ha scritto:17 Oggi Geova non mette immediatamente
a morte quelli che violano le sue leggi.
Amorevolmente
dà loro l’opportunità di pentirsi
delle loro opere ingiuste.


A voi i commenti[/quote]
Già, Mario, oggi, il loro dio ha mutato metodo, ha decretato la morte civile, essendo contrario ai diritti umani lo sterminio.
Ma come si può ascoltare e mettere in pratica questo delirio?
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Moderatore
 
Messaggi: 14679
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Carissimo ilnonnolosa

Messaggiodi domingo7 » 16/04/2011, 16:20

La tua ignoranza è totale se non sai che il metadone è solo un sostituto della droga e dal momento che nessuno lo prende a scalare, non è certamente una cura. Io consiglio a tutti prima di dettare consigli aggiornarsi e valutare scientificamente il pro e contro cioè vivere o morire. Il genitore che ama il figlio ed è importante ad aiutarlo ad uscire dal tunnell della droga, lo affida a persone competenti pur continuando a seguirlo da casa.


la mia ignoranza è sicuramente grande ....
le persone di cui parlavo hanno comunque assunto
metadone sotto controllo medico....
pur restando tra le pareti domestiche .....

mentre i sapientoni del Ceis consigliavano di sbattere in mezzo alla strada il tossico
affinché finisse nel fango e maturasse una più piena determinazione .....a favore delle comunità terapeutiche ...
Ultima modifica di domingo7 il 16/04/2011, 16:26, modificato 2 volte in totale.
Presentazione

Ma come si conviene a dei santi, né fornicazione, né alcuna impurità, né avarizia, sia neppur nominata fra voi; né disonestà, né buffonerie, né facezie scurrili, che son cose sconvenienti; ma piuttosto, rendimento di grazie [Efesini 5,3-4]
Avatar utente
domingo7
Utente Senior
 
Messaggi: 2104
Iscritto il: 21/07/2009, 18:06
Località: Chiavari (Ge)

Carissima Gabriella

Messaggiodi domingo7 » 16/04/2011, 16:25

Non so se esistono tossicodipendenti buoni e remissivi anche in crisi d°astinenza, se ci sono sarebbero da studiare affinchè qualsiasi ne sia la causa la si potrebbe applicare pure ai violenti, non credi?
Dalla droga, inoltre, si può uscire così come da qualsiasi altra dipendenza e non credo che le tensioni familiari siano tali da costringere al ricovero in comunità o la maggioranza della popolazione mondiale sarebbe già stanziale colà, non pensi?
Eppoi, parli di 30 anni fa, forse l°atteggiamento dogmatico e non scientifico era dovuto al fatto che non si conosceva ancora il meccanismo droga dipendenza, ma comunque, anche sbagliando, si faceva qualcosa.


Tra i tossicodipendenti esiste di tutto ....nel bene e nel male.....credimi...

Ho conosciuto gente che per procurarsi la droga avrebbe ammazzato suo padre
o avrebbe mandato a battere sua madre ...

ed ho conosciuto gente che mezza inscimmiata
tentava di fare crescere l'oppio nella serra del giardino di casa
o stampava banconote da false da 5.000 e da 10.000 euro ...
Presentazione

Ma come si conviene a dei santi, né fornicazione, né alcuna impurità, né avarizia, sia neppur nominata fra voi; né disonestà, né buffonerie, né facezie scurrili, che son cose sconvenienti; ma piuttosto, rendimento di grazie [Efesini 5,3-4]
Avatar utente
domingo7
Utente Senior
 
Messaggi: 2104
Iscritto il: 21/07/2009, 18:06
Località: Chiavari (Ge)

è un delirio

Messaggiodi Fiore d'oriente » 16/04/2011, 17:14

un incubo
leggere queste cose
ora che ne sono uscita
dico solo poveri tdg
che lavaggio di cervello
subiscono,cose che se le racconti non ti credono
<<si allontanano per il temporaneo godimento del peccato
geova per ora non li mette a morte ma vuole che si pentano >>:test: :test:
ma come facevo a credere che un dio d'amore diceva queste cose?
davvero il cervello non funziona,ora capisco perche' estremizzano cosi' la cosa?
quanto temono che chi si allontana porti con se altri, per questo ci fanno apparire dei mostri
ma i mostri sono dentro; tutti noi che ne abbiamo fatto parte
abbiamo visto che dentro c'è di tutto e di piu'
al senso di liberta che provo vi è tanta pena
per chi ancora è sotto il giogo della wts
a me non fanno sentire piccola sporca o in colpa
io sono una belissima persona
cosa colgo in queste riviste
tanta tanta tanta paura della wts
solo chi ha paura attacca cosi' forte le persone
e gli toglie ogni credibilita' e dignita
<<cara wts fai bene a temerci e a aver paura,tempo al tempo tutti sapranno chi sei veramente>>
non mi tocchi con i tuoi articoli per te provo solo indifferenza :ciao: :occhiol: :appl: :felice: :saggio:
Tieni il viso rivolto al sole e non vedrai le ombre. (Helen Keller)

Presentazione: viewtopic.php?f=7&t=4451&p=58599#p58599
Avatar utente
Fiore d'oriente
Utente Junior
 
Messaggi: 936
Iscritto il: 29/08/2010, 13:38

Messaggiodi Mario70 » 16/04/2011, 17:54

Ragazzi più leggo questo articolo e più mi incavolo (ringraziate che sono moderatore altrimenti li avrei presi a parolacce che neanche Tomas millian avrebbe saputo fare meglio :inca: ) come una bestia! :test:

Che cavolo di paragoni fanno?
Sbaglio o stanno premendo la mano sempre di più su questo punto?
Manca solo che diano la disassociazione ai genitori che frequentano i loro figli disassociati!
Stanno cercando di scoraggiarli in tutte le maniere fingendo un ipocrita pietismo quando stanno decretando l'ostracismo al familiare che ha lasciato:

"13 I genitori sono affranti. In quanto alla disassociazione, sanno che la Bibbia dice di ‘cessar di mischiarsi in compagnia di qualcuno chiamato fratello che è fornicatore o avido o idolatra o oltraggiatore o ubriacone o rapace, non mangiando nemmeno con un tal uomo’. (1 Cor. 5:11, 13) Comprendono anche che il “qualcuno” menzionato in questa scrittura include i familiari che non vivono sotto lo stesso tetto. "

E dove cavolo starebbe scritto brutti vecchi rimbambiti di Brooklin?
Ditelo chiaramente che li state prendendo per il xxxx i vostri adepti, non girateci intorno ditelo chiaramente che non volete che si frequentino perchè ve la state facendo addosso dalla paura che questi possano parlare e convincerli di quale razza di "religione" stanno frequentando visti i vostri 'amorevoli' consigli!

"15 Cosa faranno adesso questi cari genitori? Ubbidiranno alle chiare istruzioni di Geova?
O si sentiranno giustificati a frequentare regolarmente il loro figlio disassociato sostenendo che si tratta sempre di “necessarie questioni familiari”? Nel prendere la propria decisione, i genitori non devono trascurare di chiedersi cosa pensa Geova di quello che stanno facendo. Lo scopo di Geova è quello di mantenere pura l’organizzazione e, se possibile, di indurre i trasgressori a tornare in sè. In che modo i genitori cristiani possono agire in armonia con questo scopo? "



Li hanno cacciati fuori, cosa cavolo c'entra la purezza della congregazione?
Ah ma a loro non basta buttarci fuori, devono continuare a punirci invitando i genitori ad ostracizzarci vero?
Non chiedetevi "cosa ne pensa Geova", ma chiedetevi cosa ne pensa il vostro corpo direttivo perchè è lui che spara ste strxxxx( :cer: :cer: :cer: )

"Il nostro amore per Geova dev’essere più forte del nostro amore per i familiari che tgli divengono sleali. 17 Oggi Geova non mette immediatamente a morte quelli che violano le sue leggi.
Amorevolmente dà loro l’opportunità di pentirsi delle loro opere ingiuste. Ma come si sentirebbe Geova se i genitori di un trasgressore impenitente continuassero a metterLo alla prova frequentando senza necessità il loro figlio disassociato?""


E quì toccano il fondo!
Equazione:
I genitori che frequentano il figlio disassociato rendono triste Geova, LO METTONO ALLA PROVA (notate la "L" maiuscola per assicurarsi che capiscano bene!) perchè se fosse per lui li avrebbe gia messi a morte, ma siccome oggi non interviene, allora i genitori facciano come se fosse intervenuto!

"18 Molti che un tempo erano disassociati ora riconoscono apertamente che la ferma posizione assunta dai loro amici e familiari li ha aiutati a tornare in se. Nel raccomandare la riassociazione di una ragazza, gli anziani hanno scritto che aveva purificato la sua vita “in parte a motivo del rispetto di suo fratello carnale per la disposizione della disassociazione”.
Parlando del fratello, la ragazza aveva detto che “la sua fedele adesione alle norme scritturali aveva contribuito a suscitare in lei il desiderio di tornare”.


Capito?

La loro speranza è che ostracizzando il fuoriuscito questi si penta e torni nella congregazione.
E vi sembra un motivo valido?
Come si chiama questo se non un ricatto morale?
continuiamo:


"19 Quale conclusione dovremmo trarne? Che dobbiamo lottare contro la tendenza del nostro cuore imperfetto a ribellarsi ai consigli scritturali. Dobbiamo essere assolutamente convinti che il modo di affrontare i problemi stabilito da Dio`e sempre ilmigliore. "


Dio con tutto questo non c'entra un bel niente, siete solo voi che state facendo del male alle persone dividendo non solo le amicizie, ma i legami familiari stessi, vergognatevi!



Non ho parole mi viene da vomitare ed è meglio che smetto di scrivere!!!
Ci sentiamo quando mi sono calmato.
Ciao
«È vero, in tempi passati vi sono stati alcuni che hanno predetto la "fine del mondo", annunciando perfino una data specifica. Alcuni hanno raccolto intorno a sé gruppi di persone ... aspettando la fine. Tuttavia non è accaduto nulla. La "fine" non è venuta. Si sono resi colpevoli di falsa profezia» (Svegliatevi!, 22/4/1969, p. 23).
Presentazione
Avatar utente
Mario70
Utente Master
 
Messaggi: 5714
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

Messaggiodi Sal80 » 16/04/2011, 18:46

Immagine


Anche questo è delirare! Un figlio se fa una scelta, non sarà quella di non godere della compagnia dei genitori, ma è la conseguenza dell`imposizione/ricatto della WTS. Scandaloso. :senzaparole:
Ci sono due errori che si possono fare lungo la via verso la verità...non andare fino in fondo, e non iniziare.
Confucio

Presentazione
Avatar utente
Sal80
Utente Junior
 
Messaggi: 992
Iscritto il: 16/07/2009, 17:42
Località: Friburgo (Germania)

Messaggiodi Mario70 » 16/04/2011, 21:03

Ho aggiunto i paragrafi 18 e 19 al mio post precedente, non erano inclusi al primo post.
ciao
«È vero, in tempi passati vi sono stati alcuni che hanno predetto la "fine del mondo", annunciando perfino una data specifica. Alcuni hanno raccolto intorno a sé gruppi di persone ... aspettando la fine. Tuttavia non è accaduto nulla. La "fine" non è venuta. Si sono resi colpevoli di falsa profezia» (Svegliatevi!, 22/4/1969, p. 23).
Presentazione
Avatar utente
Mario70
Utente Master
 
Messaggi: 5714
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

Messaggiodi deliverance1979 » 17/04/2011, 13:25

Ahhhh....dopo aver letto queste fantavaccate non posso esimermi dal commento......di quanto possano essere idioti quelli del CD e poi purtroppo di chi li segue........

Allora mettiamo che i genitori TDG seguano il consiglio fanta interpretativo del CD di Brooklin, i quali forzando un avvenimento che tra l'altro non sappiamo se sia vero oppure allegorico decidano di interrompere i contatti con il figlio disassociato per mesi, anni o forse anche decenni.....

Ora questi sono sacrifici di fede tangibili.....e questo fantomatico Dio giusto che vuole mantenere pulita la congregazione come ricompensa questi genitori..... :boh: :boh: :boh:

Ma tornando sul mantenere pulita la congregazione.....come mai tanto accanimento per un figlio disassociato quando poi però ci sono nominati che per decenni hanno fatto bello e cattivo tempo indisturbati.....la purezza della congregazione ha come sempre due pesi e due misure.... :boh: :boh: :boh:

La stupidità di certi insegnamenti non ha limiti......sorpattutto quando si vuole imporre ai TDG delle regole rigide di vita quotidiana, mentre poi le porcate con l'ONU o altre cagate del genere fatte dal CD passano sempre in cavalleria, con tanto di spallucce e puerili giustificazioni......

Io comunque torno sempre a dire dove sono i vantaggi tangibili o le ricche benedizioni dei genitori o dei figli TDG che dovrebbero avere mentre si sforzano di applicare queste sterili regolette alle già altrettante privazioni imposte loro dal CD per amore di Geova (per amore è bellissima come espressione, perchè immaginiamoci se le cose venivano fatte per odio cosa succedeva....)

come al solito stiamo sul grottesco più totale..... :strettamano:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4690
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi speranza! » 17/04/2011, 14:42

Questo articolo è un capolavoro di manipolazione mentale,
viene suggerito cosa pensare, che sentimenti avere e che scelte fare...

penso che sia anche evidente la violazione del diritto alla libertà religiosa,
chi lascia la congregazione viene definito senza scampo come un peccatore
e quindi da evitare,
è semplicemente vomitevole la prepotente intromissione nei rapporti familiari!

Secondo me questo articolo insieme a quello che definiva gli apostati come "malati di mente" devono essere fatti conoscere alle autorità,
affinchè conoscano l'intolleranza dei tdG.



:senzaparole:
Speranza
Qualsiasi tiranno può costringere i suoi schiavi a cantare inni alla libertà. (M. Moreno)
Avatar utente
speranza!
Nuovo Utente
 
Messaggi: 105
Iscritto il: 19/06/2009, 17:36

Messaggiodi la fenice » 17/04/2011, 15:13

Questa rivista è proprio inaccettabile,mi chiedo cosa diranno i fratelli che hanno figli disassociati,chiunque fa parte dei tdg ha dei familiari dentro che sono disassociati,otterranno una fuga di massa!
la fenice
Nuovo Utente
 
Messaggi: 78
Iscritto il: 24/12/2010, 17:54

Messaggiodi Giovanni da Fasano » 17/04/2011, 15:24

speranza! ha scritto:

Secondo me questo articolo insieme a quello che definiva gli apostati come "malati di mente" devono essere fatti conoscere alle autorità,
affinchè conoscano l'intolleranza dei tdG.




Speranza

Purtroppo è triste dirlo, le autorità nn hanno ne tempo ne voglia x queste cose , loro hanno altro a cui pensare, la miglior cosa è far conoscere a più persone possibili quali sono gli insegnamenti della torre di guardia, affinchè la gente apra gli occhi e li faccia riflettere se ha i mezzi x farlo, senò, quando si presentano alle nostre case con tatto dovè possibile, dire:
no grazie la vostra "religione"( la wt nn è una religione senò nn smembrerebbe i nuclei familiari) nn mi interessa
Avatar utente
Giovanni da Fasano
Utente Senior
 
Messaggi: 1140
Iscritto il: 21/09/2009, 14:53
Località: Fasano (BR)

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 17/04/2011, 15:34

Temo tu abbia ragione, tuttavia avendo l°indirizzo, si potrebbe spedire l°articolo a diverse testate nazionali e sperare che qualche giornalista legga e decida di scrivere qualcosa, forse quando s°annoia a Montecitorio, qualche parlamentare potrebbe leggere il giornale oltre a giocare con l°ipod.
Noi, intanto potremmo aggiungerlo ai volantini.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Moderatore
 
Messaggi: 14679
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi sconvolta » 17/04/2011, 16:24

Sempre la solita zuppA ,NON CAMBIANO MAI ! :senzaparole: VOMITEVOLE! :cer: :cer: :cer: :cer: :cer: :cer: :cer:
I principi di Brooklyn non possiedono la verità:questa è la causa reale che li ha costretti, e li costringe anche ora,a ritrattare continuamente ciò che hanno proclamato ieri o decine di anni addietro,come verità biblica e divina. (Gunther Pape)
Presentazione
Avatar utente
sconvolta
Utente Senior
 
Messaggi: 1718
Iscritto il: 07/07/2010, 22:50

Messaggiodi abuonconsiglio » 17/04/2011, 16:35

Giovanni da Fasano ha scritto:
speranza! ha scritto:

Secondo me questo articolo insieme a quello che definiva gli apostati come "malati di mente" devono essere fatti conoscere alle autorità,
affinchè conoscano l'intolleranza dei tdG.




Speranza

Purtroppo è triste dirlo, le autorità nn hanno ne tempo ne voglia x queste cose , loro hanno altro a cui pensare, la miglior cosa è far conoscere a più persone possibili quali sono gli insegnamenti della torre di guardia, affinchè la gente apra gli occhi e li faccia riflettere se ha i mezzi x farlo, senò, quando si presentano alle nostre case con tatto dovè possibile, dire:
no grazie la vostra "religione"( la wt nn è una religione senò nn smembrerebbe i nuclei familiari) nn mi interessa


Le autorità no, i fuoriusciti sì. E' un nostro dovere aprire agli occhi alle autorità.


Questo articolo è contenuto in una rivista che tratta come primo argomento una vittoria giuridica in Russia.

Essa dà l'idea che la WT non infrange le leggi di Cesare comportandosi così, ma leggendo attentamente c'è qualcosa di strano.

Vi allego due prospetti della stessa rivista affinchè possiate meditare, invitandovi a scaricare dal sito jw.org l'intera rivista che sarà destinata a suscitare polemiche per decenni perchè contiene molti aspetti "strani". I prospetti che vi ho menzionato sono contenuti a pagina 6 e a pagina 8.

PS.

Vi invito anche a rileggere con attenzione il paragrafo 16 e a consultare nella bibbia l'episodio citato. Il contesto è sorprendente! Sembra che il CD sia l'unico a non averlo letto!!!
Allegati
6 w_I_20110715.jpg
6 w_I_20110715.jpg (106.25 KiB) Osservato 5388 volte
8 w_I_20110715-2.jpg
8 w_I_20110715-2.jpg (147.75 KiB) Osservato 5388 volte
Avatar utente
abuonconsiglio
Utente Junior
 
Messaggi: 572
Iscritto il: 24/11/2009, 9:17

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 17/04/2011, 16:47

Vediamo: i figli di Aaronne morirono non perchè avevano offeso Dio, ma perchè erano stati troppo zelanti nel servirlo contravvenendo ai suoi comandi.
Giusto?
Se ci ho preso, l°esempio non c°azzecca con la morale che il CD vorrebbe far passare.
In quanto alla corte europea, bhe, gli stessi principi a cui s°appellano i Testimoni, ovvero la libertà di scegliere e poi cambiare credo, la si può egregiamente applicare anche a loro, infatti l°ostracismo che infliggono lede la costituzione italiana, non solo i diritti umani espressi da tale corte.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Moderatore
 
Messaggi: 14679
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi abuonconsiglio » 17/04/2011, 21:06

Premesso che non siamo sotto la legge mosaica, vi allego il capitolo 10 come tradotto dalla TNM (che guarda caso è poco felice nel tradurlo...)

(Levitico 10:1-20) Poi Nadab e Abiu figli di Aaronne presero e portarono ciascuno il suo portafuoco e vi misero del fuoco e vi posero sopra dell’incenso, e offrivano dinanzi a Geova fuoco illegittimo, che egli non aveva loro prescritto. 2 A ciò un fuoco uscì d’innanzi a Geova e li consumò, così che morirono dinanzi a Geova. 3 Quindi Mosè disse ad Aaronne: “Questo ha proferito Geova, dicendo: ‘Lasciate che mi santifichi fra quelli a me vicini, e lasciate che mi glorifichi davanti alla faccia di tutto il popolo’”. E Aaronne taceva. 4 Mosè chiamò dunque Misael ed Elzafan, i figli di Uzziel, zio di Aaronne, e disse loro: “Avvicinatevi, portate i vostri fratelli d’innanzi al luogo santo fuori del campo”. 5 Pertanto si avvicinarono e li portarono nelle loro lunghe vesti fuori del campo, proprio come Mosè aveva parlato. 6 In seguito Mosè disse ad Aaronne e a Eleazaro e Itamar suoi [altri] figli: “Non andate con le teste scompigliate, e non dovete strappare le vostre vesti, affinché non moriate e affinché egli non si indigni contro tutta l’assemblea; ma i vostri fratelli dell’intera casa d’Israele piangeranno l’incendio che Geova ha fatto ardere. 7 E dall’ingresso della tenda di adunanza non dovete uscire affinché non moriate, perché l’olio d’unzione di Geova è su di voi”. Essi fecero dunque secondo la parola di Mosè. 8 E Geova parlava ad Aaronne, dicendo: 9 “Non bere vino né bevanda inebriante, tu e i tuoi figli con te, quando entrate nella tenda di adunanza, affinché non moriate. È uno statuto a tempo indefinito per le vostre generazioni, 10 sia per fare una distinzione fra la cosa santa e la profana e fra la cosa impura e la pura, 11 sia per insegnare ai figli d’Israele tutti i regolamenti che Geova ha proferito loro per mezzo di Mosè”. 12 Quindi Mosè parlò ad Aaronne e a Eleazaro e Itamar, suoi figli che restavano: “Prendete l’offerta di cereali che era restata dalle offerte di Geova fatte mediante il fuoco e mangiatela non fermentata vicino all’altare, perché è qualcosa di santissimo. 13 E la dovete mangiare in luogo santo, perché è la tua parte assegnata e la parte assegnata dei tuoi figli dalle offerte di Geova fatte mediante il fuoco; poiché così mi è stato comandato. 14 E mangerete il petto dell’offerta agitata e la coscia della porzione sacra in luogo puro, tu e i tuoi figli e le tue figlie con te, perché sono stati dati come tua parte assegnata e la parte assegnata dei tuoi figli dai sacrifici di comunione dei figli d’Israele. 15 Essi porteranno la coscia della porzione sacra e il petto dell’offerta agitata insieme con le offerte fatte mediante il fuoco, dei pezzi grassi, per agitare l’offerta agitata da una parte all’altra dinanzi a Geova; e deve servire come parte assegnata a tempo indefinito per te e per i tuoi figli con te, proprio come Geova ha comandato”. 16 E Mosè cercò accuratamente il capro dell’offerta per il peccato, ed ecco, era stato bruciato. Perciò si indignò contro Eleazaro e Itamar, i figli di Aaronne che restavano, dicendo: 17 “Perché non avete mangiato l’offerta per il peccato nel luogo che è santo, dato che è qualcosa di santissimo ed egli l’ha dato a voi affinché rispondiate dell’errore dell’assemblea in modo da fare espiazione per loro dinanzi a Geova? 18 Ecco, il sangue d’essa non è stato portato nel luogo santo, all’interno. Voi avreste dovuto mangiarla immancabilmente nel luogo santo, proprio come mi era stato comandato”. 19 A ciò Aaronne parlò a Mosè: “Ecco, oggi hanno presentato la loro offerta per il peccato e il loro olocausto dinanzi a Geova, mentre mi accadevano cose come queste; e se oggi io avessi mangiato l’offerta per il peccato, sarebbe risultato soddisfacente agli occhi di Geova?” 20 Quando Mosè udì questo, risultò soddisfacente agli occhi suoi.


Mosè dichiara che Geova ha comandato che Aronne deve fare un sacrificio e mangiarne una parte.

E' un comando di Geova!!!!

Ma Aronne non mangia. Brucia la parte a lui riservata perchè è addolorato per la morte dei figli.

Mosè si arrabbia perchè Aronne non ha ubbidito!!!!

Ma dopo aver sentito le rimostranze di Aronne lo trova giusto.

Ora, Geova che sa tutto e vede tutto perchè ha tollerato una cosa del genere? E se Geova ha compreso il dolore di un padre nei confronti dei figli che hanno sbagliato, perchè dovrebbe essere così insensibile da non comprendere il dolore dei genitori che sanno che un loro figlio è stato disassociato? In nome di quale dio devono considerarlo come se fosse morto?
Avatar utente
abuonconsiglio
Utente Junior
 
Messaggi: 572
Iscritto il: 24/11/2009, 9:17

Messaggiodi abuonconsiglio » 17/04/2011, 21:16

Gabriella Prosperi ha scritto:In quanto alla corte europea, bhe, gli stessi principi a cui s°appellano i Testimoni, ovvero la libertà di scegliere e poi cambiare credo, la si può egregiamente applicare anche a loro, infatti l°ostracismo che infliggono lede la costituzione italiana, non solo i diritti umani espressi da tale corte.
Gabriella


Esatto. Ed è ancora più interessante questa nota.

"E' la resistenza dei familiari non religiosi e la loro riluttanza ad accettare e rispettare la libertà relativa del familiare di manifestare e praticare la propria religione ad essere la fonte del conflitto" - Paragrafo 111


Pensate ad un disassociato.

Si potrebbe riformulare così:

"E' la resistenza dei familiari tdg e la loro riluttanza ad accettare e rispettare la libertà relativa del familiare di non credere più nella propria religione ad essere la fonte del conflitto" -


ed infatti l'ostracismo è il peggior modo per mostrare resistenza nei confronti di chi sceglie di non credere più nei tdg.
Avatar utente
abuonconsiglio
Utente Junior
 
Messaggi: 572
Iscritto il: 24/11/2009, 9:17

Messaggiodi ilnonnosa » 18/04/2011, 6:55

domingo7 ha scritto:
La tua ignoranza è totale se non sai che il metadone è solo un sostituto della droga e dal momento che nessuno lo prende a scalare, non è certamente una cura. Io consiglio a tutti prima di dettare consigli aggiornarsi e valutare scientificamente il pro e contro cioè vivere o morire. Il genitore che ama il figlio ed è importante ad aiutarlo ad uscire dal tunnell della droga, lo affida a persone competenti pur continuando a seguirlo da casa.


la mia ignoranza è sicuramente grande ....
le persone di cui parlavo hanno comunque assunto
metadone sotto controllo medico....
pur restando tra le pareti domestiche .....

mentre i sapientoni del Ceis consigliavano di sbattere in mezzo alla strada il tossico
affinché finisse nel fango e maturasse una più piena determinazione .....a favore delle comunità terapeutiche ...


C.E.I.S. (Centro Italiano di Solidarietà)Fondato a Roma nel 1971 da don Mario Picchi. Elabora il Progetto Uomo terapeutico operativo prendendo le basi dall’America. L’attenzione primaria è il rispetto della persona, il suo coinvolgimento e la responsabilizzazione in tutte le fasi del programma che sono tre: accoglienza, Comunità residenziale e rientro. Viene richiesto un forte coinvolgimento delle famiglie dei tossicodipendenti. (“La Famiglia – come prevenire la droga” a cura della Associazione Famiglie Tossicodipendenti, 1996, p. 28)

PROGETTO UOMO
un programma terapeutico per tossicodipendenti, 1982 a cura del Ce.I.S. di Roma.

Il “Progetto Uomo” è un programma terapeutico articolato in varie fasi, della durata media complessiva di due anni circa. (pagina 21)


Associazione famiglie

Un aspetto importante del “Progetto Uomo” è rappresentato dalla Associazione Famiglie. Parallelamente alla crescita del giovane tossicomane è essenziale che avvenga un processo simile nella sua famiglia, così che alla fine del periodo di trattamento tutti possono ristabilire rapporti nuovi e responsabili, basati su una profonda comprensione reciproca, sulla assoluta sincerità e sul rispetto delle proprie scelte di persone adulte. (pagina 24)

Metadone farmaco sintetico con effetti simili a quelli della morfina. Può essere assunto sia per iniezione che per via orale. L’azione dura tra le 24 e le 36 ore.

Il metadone è solo un rimedio che attenua il male (astinenza) senza guarirlo.

Ciao. Ilnonnosa
Presentazione

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”. (Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)
Avatar utente
ilnonnosa
Utente Senior
 
Messaggi: 1045
Iscritto il: 26/08/2009, 12:03

Messaggiodi Gabriele Traggiai » 18/04/2011, 21:17

Credo che durante l'anno saranno più di una le pubblicazioni che parleranno di ciò. A quanto pare mio padre le sta applicando alla lettera. Dopo un mese che non vede il nipotino (da quando è nato l'avrà visto 6 o 7 volte e abita a 5 minuti) è passato da casa nostra a prendere mia mamma (che si fa vedere sempre meno) e non è nemmeno entrato. Al citofono ha chiesto a mia moglie di far scendere mia mamma e se ne è tornato in auto ad aspettare.
Come vedete riescono, da Brooklyn, a manipolare e rivoltare come vogliono i loro sottoposti. il problema è che il livello culturale di quest'ultimi è talmente basso che ubbidiscono ciecamente senza porsi nessuna domanda.

Per quanto mi riguarda, un genitore che non capisce "cos'è" l'amore familiare, un genitore che si fa dire da qualcun altro come si deve comportare con i propri figli, un genitore che oggettivamente non sa distinguere cos'è bene da cos'è male non merita il mio rispetto ne la mia compassione. Il buon senso dovrebbe andare oltre la manipolazione, almeno con gli affetti familiari.

Gabry
Avatar utente
Gabriele Traggiai
Amministratore
 
Messaggi: 2863
Iscritto il: 11/06/2009, 20:18
Località: San Colombano al Lambro - Mi

Prossimo

Torna a Pubblicazioni della WatchTower

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici