Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Yhwh e Abramo

Sezione dove porre domande sulla Bibbia e sulla sua interpretazione

Moderatore: Trianello

Yhwh e Abramo

Messaggiodi sasa'74 » 11/09/2016, 20:14

Un saluto agli amici del forum.
Avrei due domande da fare:
Abramo conosceva Dio con il tetragramma yhwh, visto che egli si rivelò molto piu' tardi soltanto a Mosè sul monte Sinai?
Gli ebrei al tempo di Abramo erano monoteisti o monolatirici?
Grazie.
Presentazione

Possiamo vivere per niente,o morire per qualcosa!
Avatar utente
sasa'74
Nuovo Utente
 
Messaggi: 259
Iscritto il: 21/07/2013, 20:07
Località: neapolis

Messaggiodi polymetis » 11/09/2016, 20:55

Abramo conosceva Dio con il tetragramma yhwh, visto che egli si rivelò molto piu' tardi soltanto a Mosè sul monte Sinai


La domanda non ha senso in quanto Abramo non è probabilmente mai esistito.
Ha senso chiedere semmai se nella ricostruzione dell'epoca patriarcale che dà la Bibbia Abramo usi il nome Yhwh. Anzi, anche questa domanda è impropria, perché nella Bibbia possono esserci diverse ricostruzione contrastanti dell'epoca patriarcale.
In Gen 18,3 Abramo invoca Dio usando il nome Yhwh: "Mio signore (in ebr. Yhwh), se ho trovato grazia ai tuoi occhi, non passar oltre senza fermarti dal tuo servo".
Il cap. 18 di Genesi, di matrice jahvista, mostra che Abramo conosceva il nome, per contro Es 6,2, di redazione sacerdotale, sposta la rivelazione del nome Yhwh in Egitto al tempo di Mosè: "Sono apparso ad Abramo, a Isacco, a Giacobbe come Dio onnipotente (El Shaddai), ma con il mio nome di Signore (Yhwh) non mi son manifestato a loro."
I fondamentalisti ebrei e cristiani risolvono solitamente questa contraddizione dicendo che Abramo conosceva il nome di Dio, ma non il suo significato, che sarebbe stato rivelato solo a Mosè (insomma, con l'operare di Dio durante l'epoca di Mosè si sarebbe adempiuta e concretizzata nella storia l'essenza del Tetragramma, il suo significato sarebbe divenuto manifesto tramite le opere di Dio).
Inutile dire che leggendo Es 6,2 il testo non dà il minimo appiglio per questa fantasiosa teoria, esso dice semplicemente che Abramo non conosceva il nome di Dio (sempre che la traduzione della TNM e della CEI sia corretta, perché quando un testo urta, i fondamentalisti si danno alla versioni di fantasia, e io conosco almeno tre traduzioni "possibili" di questo brano, tutte frutto della bacchicamente sfrenata fantasia dei rabbini)

Gli ebrei al tempo di Abramo erano monoteisti o monolatirici?


La domanda non ha senso, sia perché non sappiamo quando è vissuto Abramo e probabilmente non è mai esistito, sia perché nell'epoca in cui la Bibbia colloca Abramo, circa il 1850 a.C., gli Ebrei non esistevano. L'etnogenesi di Israele va collocata nel tardo bronzo, verso il XIII-XII sec. a.C., ossia l'epoca in cui la Bibbia colloca il ciclo mosaico. Le popolazioni della Palestina nel 1850 a.C. erano ovviamente politeiste, ma non erano Ebrei.

Ad maiora
Presentazione


Alla base delle scelte fondamentali del Nolano - a Londra come a Roma -, c'era il convincimento di appartenere alla "casa" dei filosofi, e che ad essa bisogna essere sempre fedeli, anche nei rapporti con i potenti della Chiesa e dello Stato, perché la casa della filosofia è la casa della verità: in un modo intelligente e anche astuto, certo, ma sempre fedeli. (Michele Ciliberto)
Avatar utente
polymetis
Moderatore
 
Messaggi: 4361
Iscritto il: 16/06/2009, 14:43

Messaggiodi Romagnolo » 11/09/2016, 22:27

Ora vado a mente...ma mi sembra di aver letto che il nome della madre di Mose contenesse il tetragramma o una forma abbreviata di esso, per cui se ne dedurrebbe che prima ancora che Dio si rivelasse a Mose con quel nome, gli ebrei lo conoscessero già.
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4690
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi cercaverità » 12/09/2016, 11:02

Una tesi fantasiosa potrebbe essere che ai tempi di Mosè gli ebrei non conoscessero il nome perché decisero di non nominarlo per non farlo maledire un poco quello che sarebbe successo secoli dopo con la cattività babilonese. Sulla versione abbreviata yah si sa che si poteva usare tranquillamente perché era il nome completo quello sacro.
Presentazione

Dt 18:21,22 Se tu pensi: Come riconosceremo la parola che il Signore non ha detta? Quando il profeta parlerà in nome del Signore e la cosa non accadrà e non si realizzerà, quella parola non l'ha detta il Signore; l'ha detta il profeta per presunzione: di lui non devi aver paura.

Mai discutere con un TDG, ti trascina al suo livello e ti frega con l'esperienza : Wilde
Avatar utente
cercaverità
Utente Junior
 
Messaggi: 482
Iscritto il: 09/05/2012, 17:55

Messaggiodi sasa'74 » 12/09/2016, 13:29

Romagnolo ha scritto:Ora vado a mente...ma mi sembra di aver letto che il nome della madre di Mose contenesse il tetragramma o una forma abbreviata di esso, per cui se ne dedurrebbe che prima ancora che Dio si rivelasse a Mose con quel nome, gli ebrei lo conoscessero già.

Anch'io so l'ho letto su un libro non geovista.
Presentazione

Possiamo vivere per niente,o morire per qualcosa!
Avatar utente
sasa'74
Nuovo Utente
 
Messaggi: 259
Iscritto il: 21/07/2013, 20:07
Località: neapolis

Messaggiodi sasa'74 » 12/09/2016, 13:39

cercaverità ha scritto:Una tesi fantasiosa potrebbe essere che ai tempi di Mosè gli ebrei non conoscessero il nome perché decisero di non nominarlo per non farlo maledire un poco quello che sarebbe successo secoli dopo con la cattività babilonese. Sulla versione abbreviata yah si sa che si poteva usare tranquillamente perché era il nome completo quello sacro.


Io ho letto che yah è l'abbreviazione di yah-haw, un dio minore che regnava nel regno dei morti con sua moglie ashera,ed era figlio di El .
Chiedo conferma di ciò che ho scritto.
Presentazione

Possiamo vivere per niente,o morire per qualcosa!
Avatar utente
sasa'74
Nuovo Utente
 
Messaggi: 259
Iscritto il: 21/07/2013, 20:07
Località: neapolis

Messaggiodi Wyclif » 12/09/2016, 15:58

polymetis ha scritto:
Abramo conosceva Dio con il tetragramma yhwh, visto che egli si rivelò molto piu' tardi soltanto a Mosè sul monte Sinai


La domanda non ha senso in quanto Abramo non è probabilmente mai esistito.
Ha senso chiedere semmai se nella ricostruzione dell'epoca patriarcale che dà la Bibbia Abramo usi il nome Yhwh. Anzi, anche questa domanda è impropria, perché nella Bibbia possono esserci diverse ricostruzione contrastanti dell'epoca patriarcale.
In Gen 18,3 Abramo invoca Dio usando il nome Yhwh: "Mio signore (in ebr. Yhwh), se ho trovato grazia ai tuoi occhi, non passar oltre senza fermarti dal tuo servo".
Il cap. 18 di Genesi, di matrice jahvista, mostra che Abramo conosceva il nome, per contro Es 6,2, di redazione sacerdotale, sposta la rivelazione del nome Yhwh in Egitto al tempo di Mosè: "Sono apparso ad Abramo, a Isacco, a Giacobbe come Dio onnipotente (El Shaddai), ma con il mio nome di Signore (Yhwh) non mi son manifestato a loro."
I fondamentalisti ebrei e cristiani risolvono solitamente questa contraddizione dicendo che Abramo conosceva il nome di Dio, ma non il suo significato, che sarebbe stato rivelato solo a Mosè (insomma, con l'operare di Dio durante l'epoca di Mosè si sarebbe adempiuta e concretizzata nella storia l'essenza del Tetragramma, il suo significato sarebbe divenuto manifesto tramite le opere di Dio).
Inutile dire che leggendo Es 6,2 il testo non dà il minimo appiglio per questa fantasiosa teoria, esso dice semplicemente che Abramo non conosceva il nome di Dio (sempre che la traduzione della TNM e della CEI sia corretta, perché quando un testo urta, i fondamentalisti si danno alla versioni di fantasia, e io conosco almeno tre traduzioni "possibili" di questo brano, tutte frutto della bacchicamente sfrenata fantasia dei rabbini)

Gli ebrei al tempo di Abramo erano monoteisti o monolatirici?


La domanda non ha senso, sia perché non sappiamo quando è vissuto Abramo e probabilmente non è mai esistito, sia perché nell'epoca in cui la Bibbia colloca Abramo, circa il 1850 a.C., gli Ebrei non esistevano. L'etnogenesi di Israele va collocata nel tardo bronzo, verso il XIII-XII sec. a.C., ossia l'epoca in cui la Bibbia colloca il ciclo mosaico. Le popolazioni della Palestina nel 1850 a.C. erano ovviamente politeiste, ma non erano Ebrei.

Ad maiora




Buona trattazione poly. :ok:
Presentazione





"Dobbiamo ubbidire a Dio quale Governante anziché agli uomini" Atti 5:29
Avatar utente
Wyclif
Utente Senior
 
Messaggi: 1536
Iscritto il: 14/12/2014, 9:22


Torna a Domande sulla Bibbia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici