Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Dissero “no” alla trasfusione all’Ospedale di Legnano, accolto il ricorso dei genitori ......

Segnalazioni di giornali, riviste, trasmissioni radio-televisive che riguardino i TdG

Moderatore: Cogitabonda

Dissero “no” alla trasfusione all’Ospedale di Legnano, accolto il ricorso dei genitori ......

Messaggiodi Tranqui » 05/10/2020, 17:57

https://www.legnanonews.com/altri/2020/ ... va/954690/

La Corte d'Appello ha "affermato la legittimità del comportamento dei genitori e rilevato gravi errori nella procedura adottata dal Tribunale per i Minorenni"
PRESENTAZIONE


La gente di solito usa le statistiche come un ubriaco i lampioni: più per sostegno che per illuminazione.

Mark Twain


Immagine
Avatar utente
Tranqui
Utente Gold
 
Messaggi: 5670
Iscritto il: 14/02/2013, 16:32

Messaggiodi Achille » 05/10/2020, 18:27

L'articolo riprende i contenuti di una nota diffusa dai TdG, che si dichiarano soddisfatti per questa decisione dei giudici.

Ma l'errore non sta nel fatto che la trasfusione sia stata imposta per salvare la vita della bambina.

Nella nota diffusa dai TdG si legge che il Tribunale per i Minorenni non si sarebbe dovuto pronunciare perché «la competenza a decidere le controversie in caso di dissenso fra genitori e medici sui trattamenti sanitari da praticare ai minori spetta in via esclusiva al giudice tutelare”, il quale si sarebbe pronunciato soltanto sullo specifico trattamento sanitario senza mettere in discussione l’idoneità dei genitori.»

Quindi il giudice ha solo autorizzato la trasfusione. Il Tribunale dei Minorenni non doveva intervenire in merito all'idoneità o meno dei genitori, in quanto tale decisione spettava solo al giudice tutelare.
L'errore è questo, non che la bambina venisse trasfusa nonostante il veto dei genitori.

Non c'è molto di cui i TdG dovrebbero essere soddisfatti.
Dovrebbero rallegrarsi che la neonata sia stata salvata, nonostante la loro "dottrina".
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 14400
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Ora si condanna chi salva la vita agli altri....

Messaggiodi Vieri » 05/10/2020, 18:44

Se andate su internet e cercate "valori minimi di emoglobina nel sangue" e leggete valore 5- 6 corrisponde ad un immediato pericolo di vita e l'unica possibilità per salvare una persona è quella di fare una urgente trasfusione di sangue.......Punto non esistono alternative.
Avere pertantanto in mano un sacca di sangue ma fermarsi lasciando poi morire una persona è come ucciderla.
Fra salvarla ed avere un processo cosa preferite ?

Ma questi tdG, in certe occasioni sono talmente così plagiati dal loro C.D. da essere considerati degli assassini ? Non è questa una colpa del codice penale per OMISSIONE DI SOCCORSO ?
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 7791
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Achille » 05/10/2020, 19:08

Vieri, leggi bene l'articolo. Non c'è stata nessuna condanna per aver fatto la trasfusione alla bambina.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 14400
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Ha ragione Achille...

Messaggiodi virtesto » 05/10/2020, 21:48

---ed i TdG che leggeranno quel articolo non comprenderanno la sottigliezza che Achille ha messo in evidenza, visto che anche Vieri non l'ha capita.
virtesto
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1338
Iscritto il: 20/09/2009, 16:10

Messaggiodi Achille » 06/10/2020, 6:43

Achille ha scritto:L'articolo riprende i contenuti di una nota diffusa dai TdG, che si dichiarano soddisfatti per questa decisione dei giudici.

Ma l'errore non sta nel fatto che la trasfusione sia stata imposta per salvare la vita della bambina.

Nella nota diffusa dai TdG si legge che il Tribunale per i Minorenni non si sarebbe dovuto pronunciare perché «la competenza a decidere le controversie in caso di dissenso fra genitori e medici sui trattamenti sanitari da praticare ai minori spetta in via esclusiva al giudice tutelare”, il quale si sarebbe pronunciato soltanto sullo specifico trattamento sanitario senza mettere in discussione l’idoneità dei genitori.»

Quindi il giudice ha solo autorizzato la trasfusione. Il Tribunale dei Minorenni non doveva intervenire in merito all'idoneità o meno dei genitori, in quanto tale decisione spettava solo al giudice tutelare.
L'errore è questo, non che la bambina venisse trasfusa nonostante il veto dei genitori.

Non c'è molto di cui i TdG dovrebbero essere soddisfatti.
Dovrebbero rallegrarsi che la neonata sia stata salvata, nonostante la loro "dottrina".
Leggendo altri articoli, e anche articoli di quando si verificò l'episodio, si viene informati che la trasfusione alla fine non si rivelò necessaria:

«"Questa azienda provvede ad assicurare tutti i necessari interventi sanitari volti alla tutela della salute e della vita della minore", ha dichiarato ieri mattina tramite nota l’azienda sanitaria territoriale Ovest-Milanese, cui fa capo l’ospedale di Legnano. L’Asst ha poi aggiunto che la trasfusione si è infine rivelata non necessaria; questo grazie alla tempestività dei chirurghi e all’excursus operatorio, che ha visto una stabilizzazione dei livelli ematologici della bambina. Intanto la Congregazione cristiana dei testimoni di Geova ha emesso una nota sostenendo che «la bambina non è mai stata in pericolo di vita». Posizione che, però, al momento non trova conferma nel quadro clinico della piccola."» ( https://www.ilgiorno.it/legnano/cronaca ... -1.4802012 ).

Vedere anche questo articolo de "Il Giorno": https://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/ ... -1.5572726
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 14400
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Jeff » 06/10/2020, 17:40

Se non ricordo male poi la trasfusione non fu necessaria durante l'intervento. Il senno di poi comunque non conta. Vi era un rischio elevato per l'incolumità della bambina per questo i medici ricorsero al giudice tutelare. Scusate non conosco bene le competente del Tribunale dei minorenni e del giudice tutelare.
Avatar utente
Jeff
Utente Junior
 
Messaggi: 346
Iscritto il: 24/04/2018, 6:42

Messaggiodi Achille » 07/10/2020, 9:44

Sarebbe interessante conoscere le motivazioni di questa sentenza.

I TdG esultano e cavalcano la sentenza, come se fosse una legittimazione del comportamento di tutti quei genitori che si oppongono a delle trasfusioni anche quando queste fossero assolutamente necessarie per salvare la vita di un figlio minore.
Non si è trattato di un caso del genere, visto che la trasfusione alla fine non si è rivelata necessaria.
Da quello che si legge, il giudice si è espresso solo in merito al fatto che il Tribunale dei Minorenni non aveva l'autorità di sospendere la "patria potestà" a questi genitori, autorità che spettava invece solo al giudice tutelare.

Cosa faranno ora i medici nel caso si presentasse loro una coppia di TdG con un bambino in pericolo di vita perché necessita di una trasfusione?
Lasceranno morire il bambino per rispettare la volontà dei genitori?
Oppure chiederanno l'intervento del giudice per essere autorizzati a trasfondere?
E' davvero assurdo che la "religione" ponga simili limiti, ostacolando l'operato dei medici,

Ci sono casi in cui senza trasfusione si muore: non esistono terapie alternative.

Leggete questa testimonianza di ciò che è accaduto in un ospedale italiano:
https://www.infotdgeova.it/quando-la-le ... geova.html
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 14400
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Achille » 08/10/2020, 6:32

Articolo sul caso, assolutamente da leggere:

https://blog.uaar.it/2020/10/07/pericol ... fanatismo/

Cito un punto:

Negli Usa, dove hanno sede le Nazioni Unite, due stati su tre tutelano legalmente il rifiuto dei trattamenti medici per i bambini – è sufficiente che i genitori lo motivino su base religiosa.

Le tombe di un cimitero vicino Caldwell, in Idaho, mostrano un tasso di mortalità infantile che è trenta volte superiore al resto del paese: sono le tombe dei bambini che hanno avuto la sfortuna di nascere in una comunità cristiana, i Discepoli di Cristo, che per guarire si affida esclusivamente alla preghiera. E la legge la protegge. Vogliamo seguire la stessa strada?
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 14400
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Achille » 08/10/2020, 11:46

Notate anche quersto articolo, in cui si parla di come negli USA i genitori possono richiedere che i loro figli vengano esentati da cure mediche ed altro per "motivi religiosi" (trad. automatica):

Esenzioni religiose dall'assistenza sanitaria ai bambini. Parte 1: procedure preventive e diagnostiche
CHILD, acronimo di Children's Healthcare is a Legal Duty, è una grande organizzazione fondata da Rita Swan , una scienziata cristiana il cui figlio, a cui sono state negate le cure mediche, è morto di una terribile morte per meningite batterica, una malattia curabile. Inorridita da ciò che lei e suo marito avevano fatto, Swan ha dedicato la sua vita ad assicurarsi che gli altri bambini non passassero attraverso quello che ha fatto suo figlio. (Inutile dire che ha lasciato la Chiesa e ha anche scritto un libro sulla loro esperienza, The Last Strawberry. ) CHILD è dedita a ribaltare le leggi che esonerano i genitori dal danneggiare i loro figli se hanno ragioni religiose. Potresti fare di peggio che dare qualche dollaro a quell'organizzazione!

CHILD presenta anche una pagina informativa sulle esenzioni religiose degli stati degli Stati Uniti per l'assistenza sanitaria preventiva e il trattamento medico per i bambini, che include un elenco di lesioni e decessi che si verificano nei bambini soggetti a tali esenzioni (ti spezzerà il cuore), nonché un lista di misure legali che l'organizzazione sta adottando per ribaltare le leggi di esenzione.

Oggi ripubblicherò semplicemente l'elenco di CHILD di esenzioni religiose per misure preventive e diagnostiche per i bambini statunitensi. Domani darò la loro lista delle leggi che esentano i bambini dall'ottenere cure mediche per motivi religiosi.

Molte di queste esenzioni sono state il risultato delle pressioni della Christian Science Church, che opera a livello nazionale per mantenere in vigore le esenzioni religiose. Questo è, ovviamente, perché il loro dogma della chiesa proibisce ai membri di ricevere cure mediche. Vedono la malattia e il danno esclusivamente come il prodotto di un pensiero errato e credono che i disturbi possano essere curati con la preghiera. Questa è una credenza pericolosa, che uccide i bambini. Si tratta di abusi sui minori su scala nazionale.

Si prega di leggere quanto segue. Se non ti fa arrabbiare, c'è qualcosa che non va.

Esenzioni religiose dall'assistenza sanitaria per i bambini
A. Esenzioni da misure preventive e diagnostiche

48 stati hanno esenzioni religiose dalle vaccinazioni. Il Mississippi e il West Virginia sono gli unici stati che richiedono che tutti i bambini siano immunizzati senza eccezioni per fede religiosa.
La maggior parte degli stati ha esenzioni religiose dai test metabolici dei neonati. Tali test rilevano disturbi che causano ritardo mentale e altri handicap a meno che non vengano trattati.
Colorado, Delaware, Florida, Idaho, Iowa, Maine, Michigan, Minnesota, Nevada e Pennsylvania hanno esenzioni religiose dai colliri profilattici per i neonati. I colliri prevengono la cecità dei bambini che sono stati infettati da malattie veneree portate dalle loro madri.
Delaware, Illinois, Kansas, Maine, Massachusetts, New Jersey e Rhode Island hanno esenzioni religiose dal testare i bambini per i livelli di piombo nel sangue.
La California consente agli insegnanti delle scuole pubbliche di rifiutare i test per la tubercolosi per motivi religiosi.
L'Ohio ha un'esenzione religiosa dai test e dal trattamento per la tubercolosi. Consente ai genitori di utilizzare "un metodo riconosciuto di guarigione religiosa" invece delle cure mediche per un bambino malato di tubercolosi.
California, Colorado, Michigan, Minnesota, Ohio e alcuni altri stati offrono esenzioni religiose dagli esami fisici dei bambini in età scolare.
Connecticut, New Jersey, Oregon, West Virginia e alcuni altri stati hanno esenzioni religiose dai test dell'udito per i neonati.
L'Oregon e la Pennsylvania hanno esenzioni religiose dai caschi per biciclette.
L'Oregon ha un'esenzione religiosa dalla vitamina K che viene somministrata ai neonati per prevenire l'emorragia spontanea.
California, Colorado, Massachusetts, Michigan, Minnesota e Ohio hanno statuti che esonerano gli studenti con obiezioni religiose dallo studio delle malattie a scuola.
Delaware, Wyoming e altri stati hanno leggi con esenzioni religiose per bambini e adulti da esami medici, test, cure e vaccinazioni durante le emergenze di salute pubblica.

Caschi da bicicletta! Ovviamente questo è l'ultimo di questi danni, ma mostra quanto siano folli tutte queste esenzioni.

Uno che mi dà veramente fastidio è l'esenzione dei sei stati "che scusa gli studenti con obiezioni religiose dallo studiare sulla malattia a scuola". È ridicolo, perché offre ai bambini (alcuni dei quali potrebbero lasciare la chiesa) una scusa per ignorare la scienza moderna. Per quanto ne so, non c'è esenzione religiosa dall'apprendimento dell'evoluzione se i tuoi genitori appartengono a una delle tante chiese creazionisti.

Questi regolamenti sono stati messi in atto dal governo degli Stati Uniti, cioè da persone come me. Dobbiamo sbarazzarci di tali esenzioni. C'è qualcosa di veramente contorto nell'essere legalmente colpevole per aver negato l'assistenza medica ai tuoi figli, ma non è colpevole se lo fai per motivi religiosi.

https://whyevolutionistrue.com/2013/11/ ... re-part-1/

Il medioevo non è mai finito :triste: :piange:
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 14400
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Achille » 16/10/2020, 7:12

Achille ha scritto:Sarebbe interessante conoscere le motivazioni di questa sentenza.

I TdG esultano e cavalcano la sentenza, come se fosse una legittimazione del comportamento di tutti quei genitori che si oppongono a delle trasfusioni anche quando queste fossero assolutamente necessarie per salvare la vita di un figlio minore.
Non si è trattato di un caso del genere, visto che la trasfusione alla fine non si è rivelata necessaria.
Da quello che si legge, il giudice si è espresso solo in merito al fatto che il Tribunale dei Minorenni non aveva l'autorità di sospendere la "patria potestà" a questi genitori, autorità che spettava invece solo al giudice tutelare.
Un altro articolo di ieri precisa ulteriormente la questione: «La Corte di Appello, oltre a evidenziare l’errore di procedura, poiché ai sensi della legge 219/2017 si sarebbe dovuto pronunciare il Giudice Tutelare e non il Tribunale per i Minorenni, ha dichiarato la limitazione imposta ai genitori illegittima anche nel merito. La Corte osserva infatti come “Nessun altro elemento è stato valorizzato nel provvedimento impugnato a sostegno dell’adottata decisione, né risulta che siano stati in alcun modo attivati i servizi sociali per verificare la sussistenza di profili di comportamento dei genitori tali da ritornerai inadeguati all’esercizio della responsabilità genitoriale. Ma “il mero dissenso dei genitori alle trasfusioni di sangue in aderenza al credo religioso non può essere posto a fondamento di una valutazione di inidoneità all’esercizio della responsabilità genitoriale”.» https://www.altovicentinonline.it/rubri ... nitoriale/

Quindi non esistevano i presupposti per questa limitazione, anche perché alla neonata non furono somministrate le trasfusioni, in quanto non si rivelarono necessarie.

Che dire però se un bambino fosse in reale e provato pericolo di vita e i genitori si opponessero alle cure salvavita?
In tal caso ripropongo le domande e le osservazioni fatte nel mio precedente post:

Cosa faranno ora i medici nel caso si presentasse loro una coppia di TdG con un bambino in pericolo di vita perché necessita di una trasfusione?
Lasceranno morire il bambino per rispettare la volontà dei genitori?
Oppure chiederanno l'intervento del giudice per essere autorizzati a trasfondere?
E' davvero assurdo che la "religione" ponga simili limiti, ostacolando l'operato dei medici,

Ci sono casi in cui senza trasfusione si muore: non esistono terapie alternative.

Leggete questa testimonianza di ciò che è accaduto in un ospedale italiano:
https://www.infotdgeova.it/quando-la-le ... geova.html [/quote]
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 14400
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22


Torna a Rassegna stampa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici