Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

I risuscitati potranno sposarsi?

Argomenti, temi e discussioni che sono già stati considerati nel forum.

Moderatore: Gocciazzurra

I risuscitati potranno sposarsi?

Messaggiodi Vera Icona » 07/03/2018, 15:56

Per chi non lo sapesse...
https://www.jw.org/it/pubblicazioni/riv ... 140815/gesù-sadducei-matrimonio-dopo-la-risurrezione/
Avatar utente
Vera Icona
Utente Junior
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 02/09/2017, 14:29

Messaggiodi VictorVonDoom » 07/03/2018, 17:05

Uno dei tanti cambi di intendimento...
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 1528
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Testimone di Cristo » 07/03/2018, 17:20

Non ho letto il loro commento, poichè nel link non è disponibile, ma se sono convinti che dopo risorti potranno sposarsi, la parola del Cristo il Signore li confuta.

Luca 20, 27Gli si avvicinarono alcuni sadducei - i quali dicono che non c'è risurrezione - e gli posero questa domanda: 28«Maestro, Mosè ci ha prescritto: Se muore il fratello di qualcunoche ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello. 29C'erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. 30Allora la prese il secondo 31e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare figli. 32Da ultimo morì anche la donna. 33La donna dunque, alla risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l'hanno avuta in moglie». 34Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; 35ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito: 36infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio.
ciao
Presentazione
Quanto ci Ama Gesù, Egli Donò la Sua Vita per noi
Luca 23,34 Gesù diceva: «Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno».
Testimone di Cristo
Utente Junior
 
Messaggi: 888
Iscritto il: 12/12/2014, 12:30
Località: Caserta

Messaggiodi Achille » 07/03/2018, 19:06

Ne avevamo parlato anche qui: viewtopic.php?f=13&t=18094&
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 12341
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Per me.....

Messaggiodi Vieri » 07/03/2018, 19:28

Scusate ma leggendo la pagina del Vangelo:
34Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; 35ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito: 36infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio.

Per me il problema non sussiste anche perché il primo dei comandamenti dice:
"Io sono Il Signore Dio tuo non avrai altro Dio all'infuori di me..."

Il che tradotto per il sottoscritto vuol dire di NON avere, ovviamente, altri dei ma anche altri affetti o attaccamenti terreni ( o idoli) come moglie, figli, denaro, potere, ecc....poichè in Paradiso, l'amore verso Dio sarà talmente grande che non potrà prevedere altri interessi (terreni)....
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5670
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi VictorVonDoom » 07/03/2018, 21:52

Vieri ha scritto:Scusate ma leggendo la pagina del Vangelo:
34Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; 35ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito: 36infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio.

Per me il problema non sussiste anche perché il primo dei comandamenti dice:
"Io sono Il Signore Dio tuo non avrai altro Dio all'infuori di me..."

Il che tradotto per il sottoscritto vuol dire di NON avere, ovviamente, altri dei ma anche altri affetti o attaccamenti terreni ( o idoli) come moglie, figli, denaro, potere, ecc....poichè in Paradiso, l'amore verso Dio sarà talmente grande che non potrà prevedere altri interessi (terreni)....


Una tristezza infinita, meglio l'inferno con quel buon diavolo di Satana!
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 1528
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Mauro1971 » 07/03/2018, 21:57

Personalmente spero non possano.

Voglio dire, vi immaginate essere resuscitati per vivere l'eternitá da TdG in un mondo senza campanelli da suonare, pure una moglie "teocratica"?

Ma questo come minimo si fa una trasfusione fumando toscani mentre balla in pantaloni attillati intorno ad un faló di cravatte.

Pensate poi alla suocera teocratica...
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Gold
 
Messaggi: 9017
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Messaggiodi Ray » 07/03/2018, 22:28

Mauro1971 ha scritto:Personalmente spero non possano.

Voglio dire, vi immaginate essere resuscitati per vivere l'eternitá da TdG in un mondo senza campanelli da suonare, pure una moglie "teocratica"?

Ma questo come minimo si fa una trasfusione fumando toscani mentre balla in pantaloni attillati intorno ad un faló di cravatte.

Pensate poi alla suocera teocratica...


E no ,la morte scioglie ogni vincolo matrimoniale, saremo come angeli nel senso che svolazzeremo liberi di fiore in fiore , se no che paradiso è ?
:occhiol:
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11084
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Ray....

Messaggiodi Vieri » 07/03/2018, 22:31

E no ,la morte scioglie ogni vincolo matrimoniale, saremo come angeli nel senso che svolazzeremo liberi di fiore in fiore , se no che paradiso è ?
:occhiol:

Anche "le mosche bianche"......? :risata: :risata: :risata:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5670
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Vera Icona » 08/03/2018, 11:06

Testimone di Cristo ha scritto:Non ho letto il loro commento, poichè nel link non è disponibile, ma se sono convinti che dopo risorti potranno sposarsi, la parola del Cristo il Signore li confuta.

Luca 20, 27Gli si avvicinarono alcuni sadducei - i quali dicono che non c'è risurrezione - e gli posero questa domanda: 28«Maestro, Mosè ci ha prescritto: Se muore il fratello di qualcunoche ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello. 29C'erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. 30Allora la prese il secondo 31e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare figli. 32Da ultimo morì anche la donna. 33La donna dunque, alla risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l'hanno avuta in moglie». 34Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; 35ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito: 36infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio.
ciao




Il commento

Domanda dai lettori

Quando Gesù disse ai sadducei che i risuscitati “non si sposano né sono dati in matrimonio”, stava parlando della risurrezione sulla terra? (Luca 20:34-36).
Questa è una domanda importante, specie per coloro che hanno perso il coniuge tanto amato, al quale forse desiderano ardentemente riunirsi in matrimonio quando questi sarà risuscitato nel nuovo mondo. Un vedovo ha detto: “Quella di porre fine al nostro matrimonio non è stata una scelta mia e di mia moglie. Noi desideravamo con tutto il cuore adorare per sempre Geova come coppia, e per me questi sentimenti non sono cambiati”. C’è qualche valida ragione per sperare che i risuscitati potranno sposarsi? In poche parole, la risposta è che non possiamo dirlo con certezza.

Per anni le nostre pubblicazioni hanno affermato che le parole di Gesù riguardo a risurrezione e matrimonio si riferivano con tutta probabilità alla risurrezione sulla terra e che i risuscitati alla vita nel nuovo mondo evidentemente non si sarebbero sposati (Matt. 22:29, 30; Mar. 12:24, 25; Luca 20:34-36). * Benché non si possa essere dogmatici, è possibile che Gesù stesse parlando della risurrezione celeste? Cosa possiamo comprendere da ciò che disse?

Consideriamo la circostanza in cui Gesù pronunciò le sue parole. (Leggi Luca 20:27-33.) I sadducei, che non credevano alla risurrezione, cercarono di prendere Gesù in trappola con una domanda circa la risurrezione e il matrimonio del cognato. * La sua risposta fu: “I figli di questo sistema di cose si sposano e sono dati in matrimonio, ma quelli che sono stati considerati degni di guadagnare quel sistema di cose e la risurrezione dai morti non si sposano né sono dati in matrimonio. Infatti, non possono neanche più morire, poiché sono come gli angeli, e sono figli di Dio, essendo figli della risurrezione” (Luca 20:34-36).

Per quale motivo le nostre pubblicazioni affermavano che probabilmente Gesù stava parlando della risurrezione sulla terra? Tale conclusione si fonda principalmente su due argomentazioni. In primo luogo, è stato fatto il ragionamento che i sadducei con tutta probabilità avessero in mente una risurrezione terrena e che proprio sulla base di questo Gesù avrebbe dato loro una risposta. In secondo luogo, egli concluse menzionando Abraamo, Isacco e Giacobbe, patriarchi fedeli che saranno risuscitati alla vita sulla terra (Luca 20:37, 38).

Ciò nonostante, sembra possibile che Gesù avesse in mente la risurrezione celeste. Su quale base potremmo giungere a questa conclusione? Analizziamo due espressioni chiave.

“Quelli che sono stati considerati degni di guadagnare [...] la risurrezione dai morti”. Gli unti fedeli sono ‘considerati degni del regno di Dio’ (2 Tess. 1:5, 11). Sono stati dichiarati giusti per la vita sulla base del riscatto, perciò non muoiono come peccatori condannati (Rom. 5:1, 18; 8:1). Sono definiti ‘felici e santi’ e sono ritenuti degni di essere risuscitati in cielo (Riv. 20:5, 6). Per contro, tra coloro che verranno risuscitati sulla terra ci saranno gli “ingiusti” (Atti 24:15). Di questi ultimi si può dire che sono “considerati degni” di essere risuscitati?

“Non possono neanche più morire”. Gesù non disse: “Non moriranno più”, bensì: “Non possono neanche più morire”. Altre traduzioni rendono questa espressione “non sono più soggetti alla morte” (The New English Bible), o “la morte non ha più alcun potere su di loro” (The Bible in Basic English). Gli unti che terminano fedelmente la loro vita terrena sono destati in cielo, e viene loro concessa l’immortalità, ovvero la vita indistruttibile, senza fine (1 Cor. 15:53, 54). La morte non ha più alcun potere su coloro che ricevono la risurrezione celeste. *

Alla luce di questo, che conclusione potremmo trarre? È possibile che le parole di Gesù riguardo a matrimonio e risurrezione si applichino alla risurrezione celeste. Se così fosse, ci rivelerebbero diverse cose circa quelli che sono destati alla vita in cielo: essi non si sposano, non possono morire, e sotto alcuni aspetti sono come gli angeli, creature spirituali che vivono nel reame spirituale. Tale conclusione, però, fa sorgere diverse domande.

In primo luogo, perché Gesù si sarebbe riferito alla risurrezione celeste rispondendo ai sadducei, che verosimilmente pensavano alla risurrezione terrena? Gesù non rispondeva sempre ai suoi oppositori in armonia con ciò che questi avevano in mente. Ad esempio, ai giudei che gli chiedevano un segno disse: “Abbattete questo tempio, e in tre giorni lo rialzerò”. È probabile che sapesse che loro stavano pensando all’edificio del tempio, “ma egli parlava del tempio del suo corpo” (Giov. 2:18-21). Forse Gesù non ritenne necessario rispondere alle domande insincere dei sadducei, che non credevano né alla risurrezione né all’esistenza degli angeli (Prov. 23:9; Matt. 7:6; Atti 23:8). Invece, potrebbe aver voluto rivelare alcune verità intorno alla risurrezione celeste a vantaggio dei suoi discepoli sinceri, che un giorno avrebbero ricevuto tale risurrezione.

In secondo luogo, perché Gesù avrebbe concluso menzionando Abraamo, Isacco e Giacobbe, che saranno risuscitati alla vita sulla terra? (Leggi Matteo 22:31, 32.) Va notato che Gesù introdusse la sua osservazione riguardo a quei patriarchi con le parole “circa la risurrezione dei morti”, espressione che potrebbe essere indice di un mutamento nell’argomento del discorso. Dopodiché, attingendo agli scritti di Mosè, che i sadducei asserivano di accettare, Gesù usò le parole di Geova a Mosè presso il roveto ardente per dimostrare ulteriormente che la risurrezione — in questo caso quella terrena — fa sicuramente parte del proposito di Dio (Eso. 3:1-6).

In terzo luogo, nel caso in cui le parole di Gesù intorno a risurrezione e matrimonio si applicassero alla risurrezione celeste, significherebbe forse che quelli riportati in vita sulla terra potranno sposarsi? La Parola di Dio non dà una risposta diretta a questa domanda specifica. Se Gesù stava davvero parlando della risurrezione celeste, allora ciò che disse non chiarisce affatto se i risuscitati alla vita terrena nel nuovo mondo potranno sposarsi o meno.

Al momento, sappiamo per certo che la Parola di Dio dice che la morte scioglie il vincolo matrimoniale. Pertanto, chi è vedovo non deve sentirsi in colpa se decide di risposarsi. Essendo questa una decisione personale, non dovrebbe essere criticato per il fatto che cerca l’affettuosa compagnia di un coniuge (Rom. 7:2, 3; 1 Cor. 7:39).

È comprensibile avere molte domande su come sarà la vita nel nuovo mondo. Invece di speculare inutilmente al riguardo, dovremo semplicemente aspettare per scoprirlo. Ma di una cosa possiamo essere sicuri: gli esseri umani ubbidienti saranno felici, poiché Geova soddisferà tutti i loro bisogni e desideri nel miglior modo possibile (Sal. 145:16).
Avatar utente
Vera Icona
Utente Junior
 
Messaggi: 670
Iscritto il: 02/09/2017, 14:29

Messaggiodi Romagnolo » 09/03/2018, 13:17

Pendate un pò, io questa storia della resurrezione celeste la pensavo già anni prima che la WT modificasse il suo intendimento.
Per me era lampante che stesse riferendosi ad una resurrezione Celeste, per cui le sue parole non sarebbero valse nei confronti dei morti che attendevano la resurrezione carnale nel nuovo mondo.
Quelle poche volte che ne parlai ricevetti un coro di oservazioni a dirmi che mi sbagliavo.
Ora invece sono sicuro che tutti i TdG si sono allineati sù una visione possibilista perchè così ha affermato la Watchtower in questo suo articolo.
Questo comportamento da parte della massa TdG dimostra che pochissimi stanno a riflettere seriamente sù quanto leggono e quanto gli venga insegnato, ma quasi tutti sono pronti a schierarsi in base a come tira il vento lassù ..nei piani alti dell' Organizzazione.
Basta che ciò che gli venga detto abbia una apparenza di logicità....e sono tutti già contenti. :fronte:
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4976
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi VictorVonDoom » 09/03/2018, 14:11

Romagnolo ha scritto:Pendate un pò, io questa storia della resurrezione celeste la pensavo già anni prima che la WT modificasse il suo intendimento.
Per me era lampante che stesse riferendosi ad una resurrezione Celeste, per cui le sue parole non sarebbero valse nei confronti dei morti che attendevano la resurrezione carnale nel nuovo mondo.
Quelle poche volte che ne parlai ricevetti un coro di oservazioni a dirmi che mi sbagliavo.
Ora invece sono sicuro che tutti i TdG si sono allineati sù una visione possibilista perchè così ha affermato la Watchtower in questo suo articolo.
Questo comportamento da parte della massa TdG dimostra che pochissimi stanno a riflettere seriamente sù quanto leggono e quanto gli venga insegnato, ma quasi tutti sono pronti a schierarsi in base a come tira il vento lassù ..nei piani alti dell' Organizzazione.
Basta che ciò che gli venga detto abbia una apparenza di logicità....e sono tutti già contenti. :fronte:


... togli "una apparenza di logicità". :ironico: Basta che gli venga detto quello che devono credere da oggi fino al prossimo cambio di intendimento.
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 1528
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25


Torna a Le cose già dette...

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici