Pagina 1 di 1

Neom, la città del futuro da 500 miliardi di dollari

MessaggioInviato: 26/10/2017, 23:01
di Socrate69

MessaggioInviato: 27/10/2017, 12:17
di anima
e' la citta' nel deserto ? :boh:

Innovazione fantascientifica in Arabia Saudita?

MessaggioInviato: 27/10/2017, 13:27
di Vieri
Che con i soldi, alcuni pensano di riuscire a fare tutto, potrebbe essere anche possibile come ad esempio creare una città con automobili a guida autonoma poichè così le donne eviterebbero di guidare le macchine.....( fino ad oggi proibito.) :ironico:
Ma la tecnologia, lo sviluppo e l'innovazione portano anche comunemente ad un "germe" che noi occidentali chiamiamo "democrazia"....e fino a quando la Sharia sarà legge dello stato ( vecchia di 1.400 anni...., libertà religiose e di democrazia saranno relegate in un angolo :
L'Islam come pietra angolare della governance
L'Articolo 45 afferma che le sentenze religiose devono essere in accordo con il "Sacro Corano e la Sunna del Profeta." A tal fine viene stabilito un gruppo del clero islamico e un gruppo di ricerca.
Ai sensi dell'articolo 55, il re deve "governare secondo le sentenze dell'Islam e deve sorvegliare l'applicazione della Shari'a."

Donne in Arabia Saudita: 5 diritti negati
Guidare l'autovettura.
L'Arabia Saudita è l'unico paese al mondo dove vige il divieto assoluto per le donne di guidare autovetture. E la pena per la malcapitata che decide, a suo rischio e pericolo, di sfidare tale divieto... è di 10 frustate. Avete letto bene. Questa è stata la pena che il Tribunale di Jeddah ha deciso di infliggere, nel 2011, ad una donna “colpevole” di aver sfidato il divieto di guidare un’auto.

Pare questa limitazione cancellata ma sarà poi possibile in tempi brevi ?
Viaggiare e circolare da sole
Attualmente in Arabia Saudita, le donne non possono viaggiare senza l'accompagnatore o senza una espressa autorizzazione.

Attività sportive
Fino a qualche anno fa, le palestre private riservate ad un pubblico femminile, erano permesse ed autorizzate dallo stato Saudita, ma, dopo diverse leggi religiose a sfondo islamico intervenute negli ultimi anni, la polizia religiosa ha deciso di chiuderle definitivamente. Le scuole e le università statali prevedono lezioni di ginnastica solo per i maschi e non esistono corsi di ginnastica per le ragazze o squadre sportive femminili.

Nessuno dei 153 club sportivi regolati dal governo ha una donna tra i suoi membri. Nel paese esistono 29 federazioni sportive ma nessuna offre competizioni femminili.

Lavoro
Alle donne in Arabia Saudita non è permesso fare tutti i tipi di lavoro. Se nasci donna in questo paese, non puoi fare nulla senza il permesso di un tutore maschio. Non puoi lavorare, viaggiare o persino recarti da un medico anche se, da un paio di anni, le donne saudite sono state autorizzate a svolgere qualsiasi lavoro.

Prima potevano svolgere solamente 2 attività ritenute adeguate e appropriate ad una donna, fare il medico o l'insegnante. Oggi possono teoricamente fare qualsiasi lavoro, ma in pratica ciò non accade mai considerato che tutto dipende sempre dalle possibilità concesse dalle loro famiglie. Purtroppo, il più delle volte sono costrette a stare a casa e rinunciare a qualsisi tipo di lavoro.

Le poche ragazze che hanno un lavoro, devono sempre sottostare al controllo di un "guardiano" uomo. A causa di tali restrizioni circa 1,7 milioni di donne non ha un'occupazione, anche se oltre il 50% ha una formazione universitaria.

Molte ragazze lavorano alle casse dei supermercati e presso i negozi di biancheria intima dove vengono impiegate solo ragazze, considerando che l’ingresso a tali negozi, è riservato alle famiglie e è vietato rigorosamente agli uomini soli.

Pensate che fino al 2011 le donne di questo paese non potevano nemmeno votare, anno in cui Re Abdullah ha permesso alle donne di candidarsi e votare, a partire dal 2015. A gennaio del 2013 il re ha anche nominato 30 donne nel consiglio della Shura.

Separazione tra sessi opposti
Con una legge emanata nel Febbraio 2013, tutti i negozi dell'Arabia Saudita dove lavorano commessi di entrambi i sessi, dovranno erigere dei muri per separare gli uomini dalle donne. La sharia islamica impone la rigida separazione fra persone di sesso opposto che non hanno legami di sangue e la polizia religiosa ha il compito di pattugliare rigorosamente le strade per garantire che, in pubblico, le donne restino separate dagli uomini.

Quando un turista visita questo paese, la prima cosa che nota è la severa segregazione tra i generi, cioè ogni cosa è divisa tra donne e uomini. Le donne che vogliono mangiare o consumare qualcosa nei caffe’ possono farlo solo in un’area dedicata alle famiglie, la Family Section. Nei centri commerciali quasi tutti i ristoranti e i caffe’ (tipo McDonald's o Starbucks) hanno una sezione dedicata alle famiglie o alle donne sole e una per gli uomini soli. Normalmente la family section di un ristorante e’ organizzata a cubicoli forniti di tende o dei separe’, in modo da impedire a chiunque di vedere oltre.


Immagine


Lo sanno poi gli arabi sauditi che quando vogliono fare bisboccia, andare nei night ( con annessi e connessi...), bere alcolici, giocare d'azzardo, ecc.devono andare in uno dei paesi vicini che si chiama Dubai......dove la tecnologia impazza..... :ironico:

La mia opinione: la Sharia non prevede cambiamenti ed innovazione e quindi la vedo dura o per gli islamici integralisti o per l"'innovazione..... :risata: :risata:
PS. Ovviamente faccio il tifo per l'innovazione"......

MessaggioInviato: 27/10/2017, 17:53
di Romagnolo
Che io sappia caro amico mio le donne in Arabia Saudita hanno da pochissimo ricevuto l'autorizzazione a guidare.

Ti sgrido...e leggi quello che ho scritto....?

MessaggioInviato: 27/10/2017, 18:15
di Vieri
Romagnolo ha scritto:Che io sappia caro amico mio le donne in Arabia Saudita hanno da pochissimo ricevuto l'autorizzazione a guidare.

Ti sgrido...e leggi quello che ho scritto....

Guidare l'autovettura.
L'Arabia Saudita è l'unico paese al mondo dove vige il divieto assoluto per le donne di guidare autovetture. E la pena per la malcapitata che decide, a suo rischio e pericolo, di sfidare tale divieto... è di 10 frustate. Avete letto bene. Questa è stata la pena che il Tribunale di Jeddah ha deciso di infliggere, nel 2011, ad una donna “colpevole” di aver sfidato il divieto di guidare un’auto.

Pare questa limitazione cancellata ma sarà poi possibile in tempi brevi ?


Magari forse così..... :risata: :risata: :risata:

Immagine