Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Lo strano caso della "Teoria dell'Evoluzione"

Poesie, pensieri, immagini, video, musica e riflessioni in libertà

Moderatore: Francesco Franco Coladarci

Lo strano caso della "Teoria dell'Evoluzione"

Messaggiodi VictorVonDoom » 26/08/2018, 14:36

Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 1527
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Mauro1971 » 26/08/2018, 16:42

Per quanto mi ritrovi in accordo con la linea generale del discorso, non riesco proprio a farmi scendere la parte conclusiva del post:

Personalmente ritengo che chi vede in una scoperta scientifica che illustra il modo di procedere della natura una minaccia per la propria fede, un pericolo per le proprie convinzioni religiose, non solo non ha capito cosa sia la scienza, il suo metodo e il suo scopo, ma ha anche idee molto confuse in fatto di fede. Un credente, un credente vero, dovrebbe semplicemente aborrire questo modo di pensare.


1) Per quanto ci sianto tanti giri di parole al riguardo, alcune scoperte delle Scienze vanno a cozzare con gli insegnamenti di molte Religioni. Adamo, Noè e quant'altro sono considerate verità letterali da molte confessioni Cristiane, e se non erro forse anche qualche corrente Cattolica minoritaria (non è roba che entra nei dogmi, come ci ha ricordato spesso Polymethis su altri argomenti). Altro esempio il Libro di Mormon parla di migrazioni di etnie mai avvenute, ed abbiamo una mappatura del DNA mondiale abbastanza precisa da poter fare queste affermazioni.
Per cui molte scoperte scientifiche minacciano direttamente un bel numero di fedi varie.

Altresì che cosa sarebbe un "credente vero"? In base alla definizione di chi? Credo si scannerebbero anche tra credenti di diverse religioni se cercassero di dare una definizione comune, dovremmo deciderlo noi atei cosa sarebbe un "credente vero"?

Questi c liché andrebbero proprio evitati, rovinano un discorso per il resto anche sensato.
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Gold
 
Messaggi: 9017
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Messaggiodi VictorVonDoom » 26/08/2018, 16:56

Non ho capito neanche io cosa volesse dire con questa chiosa finale. Sicuramente è vero che le scoperte scientifiche minacciano, involontariamente (non è questo, ovviamente, il loro scopo ma non ci possiamo fare nulla se abbiamo "scoperto" che il diluvio non è avvenuto, che ci siamo evoluti, ecc.ecc), le credenze religiose.
Forse avrebbe dovuto specificare cosa intende lui per "credente vero", ma si sarebbe finito a fare tutto un altro discorso. Quindi si, probabilmente era meglio evitare di concludere in questo modo.
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 1527
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi enkidu » 26/08/2018, 23:06

VictorVonDoom ha scritto:Non ho capito neanche io cosa volesse dire con questa chiosa finale. Sicuramente è vero che le scoperte scientifiche minacciano, involontariamente (non è questo, ovviamente, il loro scopo ma non ci possiamo fare nulla se abbiamo "scoperto" che il diluvio non è avvenuto, che ci siamo evoluti, ecc.ecc), le credenze religiose.
Forse avrebbe dovuto specificare cosa intende lui per "credente vero", ma si sarebbe finito a fare tutto un altro discorso. Quindi si, probabilmente era meglio evitare di concludere in questo modo.


Il discorso che fa lo scienziato nell' articolo, è stato esposto da molti altri scienziati e non solo in questi ultimi anni, ma secoli ( Galilei) e credo si possa ri- formulare così: se la fede è solida, non superstiziosa , i risultati della scienza non la scalfiscono. se le scoperte della scienza la mettono in dificoltà non è una fede sldia, matura, radicata. Ma è un puro idolo.
enkidu
Nuovo Utente
 
Messaggi: 232
Iscritto il: 09/05/2011, 19:11

Messaggiodi cattivo esempio » 27/08/2018, 8:59

enkidu ha scritto:
VictorVonDoom ha scritto:Non ho capito neanche io cosa volesse dire con questa chiosa finale. Sicuramente è vero che le scoperte scientifiche minacciano, involontariamente (non è questo, ovviamente, il loro scopo ma non ci possiamo fare nulla se abbiamo "scoperto" che il diluvio non è avvenuto, che ci siamo evoluti, ecc.ecc), le credenze religiose.
Forse avrebbe dovuto specificare cosa intende lui per "credente vero", ma si sarebbe finito a fare tutto un altro discorso. Quindi si, probabilmente era meglio evitare di concludere in questo modo.


Il discorso che fa lo scienziato nell' articolo, è stato esposto da molti altri scienziati e non solo in questi ultimi anni, ma secoli ( Galilei) e credo si possa ri- formulare così: se la fede è solida, non superstiziosa , i risultati della scienza non la scalfiscono. se le scoperte della scienza la mettono in dificoltà non è una fede sldia, matura, radicata. Ma è un puro idolo.


ma come fa la fede ad essere solida?
cattivo esempio
Utente Junior
 
Messaggi: 520
Iscritto il: 07/09/2011, 19:15

Messaggiodi cattivo esempio » 27/08/2018, 9:02

interessante questo passaggio

Ad esempio Darwin non conosceva affatto la genetica moderna, che oggi ci permette addirittura di tracciare con precisione l’evoluzione delle specie viventi sulla terra nello spazio e nel tempo, e che quindi ha fornito un supporto sperimentale completamente indipendente dall’intuizione Darwiniana originaria.
cattivo esempio
Utente Junior
 
Messaggi: 520
Iscritto il: 07/09/2011, 19:15

Messaggiodi deliverance1979 » 27/08/2018, 11:53

Vi sfugge un piccolo dettaglio, quello dei giochi fatti a causa di una verità rivelata.

Nel momento in cui secoli or sono si formula una definizione teologica secondo la quale quanto scritto sulla bibbia o altro testo sacro è vero, oppure parola di Dio, oppure che una certa questione viene recepita secondo dei criteri filosofici di una società antica, poi da queste prese di posizione nascono delle enormi problematiche.

Anche se alcune religioni, con il salto della quaglia della luce progressiva o di altre contorte espressioni filosofiche cercano di correggere ed aggiornare il tiro, il danno è fatto.

O il reame spirituale esiste o non esiste.
O Cristo faceva i miracoli grazie ad un potere sovrannaturale o non li faceva.
O Maometto ascese al cielo con un cavallo, oppure no.

La fede si basa sul credere o meno a questi eventi ed al mondo che li ha concepiti.
E non può essere misurata in termini scientifici perchè gli eventi a cui fa riferimento sono astratti.
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4965
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Ray » 27/08/2018, 16:19

La mia idea e che la scienza con i continui progressi evidenti ,non minaccia l'esistenza di un'entità superiore o creatrice
Semmai minaccia o mina l'idea che l'uomo si è fatto o che ha creato di D-o.
:addio:
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11080
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi enkidu » 27/08/2018, 17:33

cattivo esempio ha scritto:
enkidu ha scritto:
VictorVonDoom ha scritto:Non ho capito neanche io cosa volesse dire con questa chiosa finale. Sicuramente è vero che le scoperte scientifiche minacciano, involontariamente (non è questo, ovviamente, il loro scopo ma non ci possiamo fare nulla se abbiamo "scoperto" che il diluvio non è avvenuto, che ci siamo evoluti, ecc.ecc), le credenze religiose.
Forse avrebbe dovuto specificare cosa intende lui per "credente vero", ma si sarebbe finito a fare tutto un altro discorso. Quindi si, probabilmente era meglio evitare di concludere in questo modo.


Il discorso che fa lo scienziato nell' articolo, è stato esposto da molti altri scienziati e non solo in questi ultimi anni, ma secoli ( Galilei) e credo si possa ri- formulare così: se la fede è solida, non superstiziosa , i risultati della scienza non la scalfiscono. se le scoperte della scienza la mettono in dificoltà non è una fede sldia, matura, radicata. Ma è un puro idolo.


ma come fa la fede ad essere solida?

Coloro che costruiscono la casa sulla roccia, il mercante che vende tutto per comprare il campo con il tesoro.
enkidu
Nuovo Utente
 
Messaggi: 232
Iscritto il: 09/05/2011, 19:11


Torna a Pensieri & Parole

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici