Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Che bello, Geova ha benedetto mediante la riveduta della TNM

Racconti, aneddoti, barzellette varie

Moderatore: Quixote

Che bello, Geova ha benedetto mediante la riveduta della TNM

Messaggiodi Morrisfriendly » 17/12/2017, 22:21

Speriamo che pure questa domanda non venga chiusa per violazione dell' articolo trentordici del regolamento :ironico: :ironico:

Volevo capire...cioè Geova benedice con la nuova traduzione del new world......Ma quando si tratta di benedire soggetti vittime di pedofiliA, Lì non benedice, al massimo si deve confidare i lui ( A furia di confidare qui moriamo e le cose rimangono sempre uguali)

Visto che Geova ha bisogno di trecentomila aggiornamenti per farci capire la sua volontà, articoli, riviste Bibbie rivedute e strarivedute che potrebbero essere risparmiate.....però se un ragazzino omosessuale vittima dell' omertà,degli abusi e soprusi da parte degli anziani di congregazione, lì geova non fa una traduzione ah "hoc" necessaria per togliere questi abusi...

No il povero gay in questione deve confidare in un Dio ( un Dio che capirebbe il proprio stato d'animo) quando è lo stesso Dio che è la causa di sofferenza dell' omosessuale in questione

Come fa a comprendere un Dio la sofferenza di un soggetto se egli stesso ne è la causa e la giustifica?se egli REALMENTE comprendesse non l'avrebbe nè causata nè tollerata

Confidare e credere la comprensione in un Dio che è la stessa causa del tuo male...è come confidare e credere che il tuo aguzzino comprenda il tuo male quando egli stesso nè è la causa.....Se uno comprendesse la sofferenza degli altri non nè diverrebbe la causa, se la causa significa che legittima e considera giusto quel atteggiamento o azione deplorevole.



Ora vi chiederete....."E quindi cosa vuoi da noi"'?....nulla, potete pure chiudere la domanda per violazione dell' articolo ventordici del regolamento
Avatar utente
Morrisfriendly
Nuovo Utente
 
Messaggi: 129
Iscritto il: 09/04/2017, 17:53

Messaggiodi mario » 19/12/2017, 14:31

Seguendo il tuo ragionamento quindi, io non faccio nessun tagliando e revisione alla mia auto se poi mi schianto sul primo platano perché i freni hanno ceduto è colpa di Dio che lo ha permesso.
È difficile sapere cosa sia la verità, ma a volte è molto facile riconoscere una falsità.
A. Einstein
La falsità è la verità degli altri.
O. Wilde
La religione è vera per la plebe, falsa per il saggio e redditizia per quelli che ne fanno un mestiere.Seneca


Presentazione
Avatar utente
mario
Utente Junior
 
Messaggi: 836
Iscritto il: 11/01/2011, 17:00

Messaggiodi VictorVonDoom » 19/12/2017, 16:49

mario ha scritto:Seguendo il tuo ragionamento quindi, io non faccio nessun tagliando e revisione alla mia auto se poi mi schianto sul primo platano perché i freni hanno ceduto è colpa di Dio che lo ha permesso.


No colpa piena no, ma grossa responsabilità si.

Facciamo un esempio.

Vedi un ragazzino che, distratto dall'uso cellulare, sta attraversando la strada senza fare attenzione. Ti accorgi che sta arrivando un auto che lo investirà, hai il tempo e la possibilità di intervenire, ma non lo fai. Il ragazzino viene investito e muore.
E' colpa tua? Certamente no. Hai responsabilità nell'accaduto? Risposta...

L'esempio in ogni caso di morrisfriendly era diverso. Un gay non può "confidare in Geova", dato che è questo stesso Geova che gli sta causando sofferenza dicendogli che è un peccatore meritevole di morte per il semplice fatto di essere gay. Non può confidare in questo Geova che dice è meritevole di essere ostracizzato da tutti quelli che conosce per il fatto di essere gay. Nonsense...
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 1157
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Quixote » 19/12/2017, 17:13

Mario è una brava persona; ha solo il difetto, a volte, di non accorgersi di quel che dice: nella fattispecie, stando a lui, un gay sarebbe come un auto priva di tagliando e revisione (che dovrebbero correggere la sua “anormalità”) priva quindi di «freni» (inibitori) e perciò destinata a essere “stroncata” dal platano Geova.

Buon natale Mario.
Καὶ ἠγάπησαν οἱ ἄνθρωποι μᾶλλον τὸ σκότος ἢ τὸ φῶς.
E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce.
GIOVANNI, III, 19. (G. Leopardi, La ginestra, esergo)
======================================
Primo postPresentazioneStaurós: palo o croce? (link esterno)
Avatar utente
Quixote
Moderatore
 
Messaggi: 3866
Iscritto il: 15/08/2011, 22:26
Località: Cesena

Messaggiodi Panacca » 19/12/2017, 17:22

VictorVonDoom ha scritto:
mario ha scritto:Seguendo il tuo ragionamento quindi, io non faccio nessun tagliando e revisione alla mia auto se poi mi schianto sul primo platano perché i freni hanno ceduto è colpa di Dio che lo ha permesso.


No colpa piena no, ma grossa responsabilità si.

Facciamo un esempio.

Vedi un ragazzino che, distratto dall'uso cellulare, sta attraversando la strada senza fare attenzione. Ti accorgi che sta arrivando un auto che lo investirà, hai il tempo e la possibilità di intervenire, ma non lo fai. Il ragazzino viene investito e muore.
E' colpa tua? Certamente no. Hai responsabilità nell'accaduto? Risposta...

L'esempio in ogni caso di morrisfriendly era diverso. Un gay non può "confidare in Geova", dato che è questo stesso Geova che gli sta causando sofferenza dicendogli che è un peccatore meritevole di morte per il semplice fatto di essere gay. Non può confidare in questo Geova che dice è meritevole di essere ostracizzato da tutti quelli che conosce per il fatto di essere gay. Nonsense...


Omissione di soccorso!
Presentazione

Ci sono due tipi di sciocchi:
chi vede complotti dappertutto
e chi non li vede da nessuna parte
entrambi sono dispensati dal Pensare.
Avatar utente
Panacca
Utente Senior
 
Messaggi: 1369
Iscritto il: 20/01/2015, 18:49

Messaggiodi Morrisfriendly » 19/12/2017, 21:27

mario ha scritto:Seguendo il tuo ragionamento quindi, io non faccio nessun tagliando e revisione alla mia auto se poi mi schianto sul primo platano perché i freni hanno ceduto è colpa di Dio che lo ha permesso.



Nel caso di specie quale sarebbe il tagliando da fare??O_O

Se tu vuoi sposarti con un donna significa che non vuoi fare tagliandi e revisionare l'auto schiantandoti? se la risposta a quest' ultima domanda è affermativa allora ti do ragione!
Avatar utente
Morrisfriendly
Nuovo Utente
 
Messaggi: 129
Iscritto il: 09/04/2017, 17:53

Messaggiodi mario » 20/12/2017, 19:55

Non tutti i comportamenti sono giustificati o accettati sono solo tollerati.
Non che la cosa mi cambi la vita ne tanto meno la trovo rilevante per me, ma un gay non si riproduce quindi solo questo dovrebbe far capire che qualcosa non sia proprio ''normale''.
È difficile sapere cosa sia la verità, ma a volte è molto facile riconoscere una falsità.
A. Einstein
La falsità è la verità degli altri.
O. Wilde
La religione è vera per la plebe, falsa per il saggio e redditizia per quelli che ne fanno un mestiere.Seneca


Presentazione
Avatar utente
mario
Utente Junior
 
Messaggi: 836
Iscritto il: 11/01/2011, 17:00

Messaggiodi mario » 20/12/2017, 20:07

Per risolvere la questione basterebbe che i gay formino una loro fede religiosa con un loro testo sacro e risolverebbero i problemi esistenziali.
Senza quindi rompere alle altri fedi religiose (cattolicesimo compreso) di essere accettati.
È difficile sapere cosa sia la verità, ma a volte è molto facile riconoscere una falsità.
A. Einstein
La falsità è la verità degli altri.
O. Wilde
La religione è vera per la plebe, falsa per il saggio e redditizia per quelli che ne fanno un mestiere.Seneca


Presentazione
Avatar utente
mario
Utente Junior
 
Messaggi: 836
Iscritto il: 11/01/2011, 17:00

Messaggiodi VictorVonDoom » 21/12/2017, 9:07

mario ha scritto:Non tutti i comportamenti sono giustificati o accettati sono solo tollerati.
Non che la cosa mi cambi la vita ne tanto meno la trovo rilevante per me, ma un gay non si riproduce quindi solo questo dovrebbe far capire che qualcosa non sia proprio ''normale''.


Dove sta scritto che per essere "normale" c'è bisogno di riprodursi? :boh: :boh: :boh:
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 1157
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Achille » 21/12/2017, 9:13

mario ha scritto:Per risolvere la questione basterebbe che i gay formino una loro fede religiosa con un loro testo sacro e risolverebbero i problemi esistenziali.
Senza quindi rompere alle altri fedi religiose (cattolicesimo compreso) di essere accettati.
Secondo me basterebbe chiuderli in un ghetto, o isolarli in qualche zona remota del mondo, in modo che non possano avere contatti con il resto dell'umanità, e si risolverebbe ogni problema :piange:

Ahimè, e pensare che siamo nella sezione umorismo..
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 11998
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi VictorVonDoom » 21/12/2017, 9:14

mario ha scritto:Per risolvere la questione basterebbe che i gay formino una loro fede religiosa con un loro testo sacro e risolverebbero i problemi esistenziali.
Senza quindi rompere alle altri fedi religiose (cattolicesimo compreso) di essere accettati.


Suppongo che il sentimento sia reciproco...
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 1157
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi play » 21/12/2017, 10:37

Il fatto è che i gay potrebbero cercare i loro “simili” proprio come gli eterosessuali. Che cosa significa accettare la diversità? Significa fare delle distinzioni ma non delle discriminazioni, perché queste ultime costringerebbero gli omosessuali, ad esempio, ad arroccarsi in difesa delle loro posizioni. Come se ne esce allora da questo problema?
play
Utente Senior
 
Messaggi: 1377
Iscritto il: 23/12/2011, 8:56

Messaggiodi Morrisfriendly » 21/12/2017, 10:50

mario ha scritto:Non tutti i comportamenti sono giustificati o accettati sono solo tollerati.
Non che la cosa mi cambi la vita ne tanto meno la trovo rilevante per me, ma un gay non si riproduce quindi solo questo dovrebbe far capire che qualcosa non sia proprio ''normale''.




Ah no? è quale sarebbe la normalità? e poi quali sarebbero questi "comportamenti" quando hai deciso di sposarti, tutto era ridotto al "comportamento", non sapevo che il amtrimonio fosse un comprtamento!

imporre un celibato con tanto di danni psicologici e a volte anche fisici? non ritengo che in sè il celibato sia condizione sufficiente a commettere atti criminali di pedofilia, ma chi probailmente nè è predisposto ( omo o etero che sia) imponendo un certo modo di vivere si fanno solo danni

Ma sappiamo benissimo che a voi omofobi interessa non il benessere dei bimbi o portare giustizia ed equità nelle situazioni , ma il malessere degli umani usando come alibi testi sacri o divinità superiori, qui non si tratta di crearsi un Dio h hoc, qui si tratta di utilizzare il buon senso cosa che probabilmente a voi filo-nazo omofobi non appartiene......per non andare a rubare o per non essere xenofobo non ti ci vuole il testo sacro ad hoc che ti dice pari pari come devi fare, anche perchè se necessiti della Bibbia per non rubare significca che c'è qualche problema con la tua elevatura civile e morale a prescindere se metti in pratica la Bibbia o altri testi pedissequamente
Avatar utente
Morrisfriendly
Nuovo Utente
 
Messaggi: 129
Iscritto il: 09/04/2017, 17:53

Messaggiodi VictorVonDoom » 21/12/2017, 11:13

play ha scritto:Il fatto è che i gay potrebbero cercare i loro “simili” proprio come gli eterosessuali. Che cosa significa accettare la diversità? Significa fare delle distinzioni ma non delle discriminazioni, perché queste ultime costringerebbero gli omosessuali, ad esempio, ad arroccarsi in difesa delle loro posizioni. Come se ne esce allora da questo problema?


Che significa "Il fatto è che i gay potrebbero cercare i loro “simili” proprio come gli eterosessuali."... che devono cercare di stare tra di loro e non disturbare?
Ma che distinzioni bisogna fare? Ma che ognuno viva la propria vita e la propria natura tranquillamente è così difficile da accettare? Non c'è alcuna distinzione da fare perchè a nessuno dovrebbe interessare come un'altra persona ami o cosa faccia in camera da letto.
Non ho capito cosa volevi dire, se ti ho frainteso ti chiedo scusa. Però... ragazzi... ma vi rileggete quando scrivete?
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 1157
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi play » 21/12/2017, 11:31

Credo che tu abbia frainteso, o meglio, penso che tu abbia inteso quel che hai già commentato. Ognuno viva pure liberamente la propria sessualità: ho tentato di fare dei riferimenti un pò piu' ampi, ma vedo che le reazioni sono molto viscerali, perciò, no problem. Se avrò tempo magari cercherò di spiegarmi meglio in un'altra occasione.
play
Utente Senior
 
Messaggi: 1377
Iscritto il: 23/12/2011, 8:56

Messaggiodi Morrisfriendly » 21/12/2017, 11:49

play ha scritto:Credo che tu abbia frainteso, o meglio, penso che tu abbia inteso quel che hai già commentato. Ognuno viva pure liberamente la propria sessualità: ho tentato di fare dei riferimenti un pò piu' ampi, ma vedo che le reazioni sono molto viscerali, perciò, no problem. Se avrò tempo magari cercherò di spiegarmi meglio in un'altra occasione.


Quando si parla di un argomento e non si sa bene di cosa si sta parlando perchè non lo si conosce è naturale che gli altri non capiscano...e come se volessi farti capire all' esame dal professore, quando in realtà neanche tu hai capito bene l'argomento e hai le cose chiare in testa...se non le hai tu, figuriamoci altri

Non preoccuparti delle reazioni viscerali,se le cose che si pensano sono chiare e hanno un senso logico non temono le reazioni degli altri....certo se dici "i negri fanno schifo devono crepare tutti" è normale aspettarsi reazioni viscerali dato che non ci vuole il ragionamento per capire la riprovevolezza di un determinato atteggiamento mentale..anche se ultimamente mi sa che la riprovevolezza la si ha per atti di civiltà e non di inciviltà
Avatar utente
Morrisfriendly
Nuovo Utente
 
Messaggi: 129
Iscritto il: 09/04/2017, 17:53

Messaggiodi VictorVonDoom » 21/12/2017, 11:56

Infatti ho premesso che probabilmente stavo fraintendendo il tuo pensiero. A questo punto non ho capito cosa volevi dire... perchè non chiarirlo qui ma in un'altra occasione?
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 1157
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi play » 21/12/2017, 15:52

Io sono davvero molto impegnato in questo momento, tuttavia risponderò a chi ha chiesto dei chiarimenti riguardo i due post che ho scritto. Siccome siamo nella sezione umorismo ci si aspetterà che faccia lo spiritoso. Non oso. Leggendo le poche righe che ha scritto Mario ho avuto l’impressione che stesse facendo un’ ironia poco politically correct. Ad ogni modo non intendevo entrare nel merito di quel discorso. Se partiamo dal presupposto che omosessuali si nasce e non diventa è evidente che gli stessi, una volta raggiunta l’età adolescenziale, cercheranno di appagare le loro pulsioni, quindi cercheranno partners omosessuali come loro. La stessa cosa dicasi degli eterosessuali. Non ho affermato che devono stare tra loro perché disturbano, anche se alcuni comportamenti disinvolti dal punto di vista sentimentale in pubblico potrebbero risultare non consoni, sia nel caso in cui si è omosessuali oppure non lo si è. Inoltre non ci si puo’ spingere troppo in là nelle effusioni sentimentali perché si corre il rischio di essere denunciati per “atti osceni in luogo pubblico”. E questo ultimo punto riguarda sia gli eterosessuali che gli omosessuali. Esistono, ad esempio, spiaggie, locali, bar frequentati da soli omosessuali. Questo succede perché hanno paura del giudizio di chi non approva la loro omosessualità. Inoltre ci sarebbero altre distinzioni da fare perché i media, in maniera sempre piu’ aggressiva, irrompono nella vita privata delle persone e soprattutto nelle camere da letto con insistenza. Anche la rete e colma di sondaggi d’opinione sulle copule. Lo stesso dicasi della televisione: non passa giorno in cui altri stereotipi omosessuali penetrano nelle case sempre piu’ insistentemente, quindi come si puo’ affermare che a nessuno interessa cosa si fa nella camera da letto? Pur non essendo in linea con il tema principale del tread spero che questo breve intervento ora sia piu’ chiaro. Grazie
play
Utente Senior
 
Messaggi: 1377
Iscritto il: 23/12/2011, 8:56

Messaggiodi VictorVonDoom » 21/12/2017, 16:38

play ha scritto:Io sono davvero molto impegnato in questo momento, tuttavia risponderò a chi ha chiesto dei chiarimenti riguardo i due post che ho scritto. Siccome siamo nella sezione umorismo ci si aspetterà che faccia lo spiritoso. Non oso. Leggendo le poche righe che ha scritto Mario ho avuto l’impressione che stesse facendo un’ ironia poco politically correct. Ad ogni modo non intendevo entrare nel merito di quel discorso. Se partiamo dal presupposto che omosessuali si nasce e non diventa è evidente che gli stessi, una volta raggiunta l’età adolescenziale, cercheranno di appagare le loro pulsioni, quindi cercheranno partners omosessuali come loro. La stessa cosa dicasi degli eterosessuali. Non ho affermato che devono stare tra loro perché disturbano, anche se alcuni comportamenti disinvolti dal punto di vista sentimentale in pubblico potrebbero risultare non consoni, sia nel caso in cui si è omosessuali oppure non lo si è. Inoltre non ci si puo’ spingere troppo in là nelle effusioni sentimentali perché si corre il rischio di essere denunciati per “atti osceni in luogo pubblico”. E questo ultimo punto riguarda sia gli eterosessuali che gli omosessuali. Esistono, ad esempio, spiaggie, locali, bar frequentati da soli omosessuali. Questo succede perché hanno paura del giudizio di chi non approva la loro omosessualità. Inoltre ci sarebbero altre distinzioni da fare perché i media, in maniera sempre piu’ aggressiva, irrompono nella vita privata delle persone e soprattutto nelle camere da letto con insistenza. Anche la rete e colma di sondaggi d’opinione sulle copule. Lo stesso dicasi della televisione: non passa giorno in cui altri stereotipi omosessuali penetrano nelle case sempre piu’ insistentemente, quindi come si puo’ affermare che a nessuno interessa cosa si fa nella camera da letto? Pur non essendo in linea con il tema principale del tread spero che questo breve intervento ora sia piu’ chiaro. Grazie


No sinceramente non ho capito bene. Sarà un mio limite ma dato che tutto quello che hai scritto vale indistintamente sia per gli eterosessuali che per gli omosessuali... di che stiamo parlando?
Ho scritto che "a nessuno DEVE interessare" cosa si fa nella camera da letto per dire che nessuno ha il diritto di giudicarmi in base a questo.
Il fatto che esistano dei posti frequentati da soli omosessuali non è "perché hanno paura del giudizio di chi non approva la loro omosessualità", come se il difetto fosse loro, ma perchè c'è chi li DISCRIMINA per questo più o meno violentemente.
Per quanto mi riguarda, anche il "non approvare" l'omosessualità è una discriminazione. Come se io dovessi "non approvare" un nero. Capisci cosa voglio dire?
Riguardo mario, spero davvero fosse ironico...
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 1157
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi play » 21/12/2017, 20:32

Che pizza però ragazzi! “Perché hanno paura del giudizio di chi non approva la loro omosessualità", come se il difetto fosse loro, ma perchè c'è chi li DISCRIMINA per questo più o meno violentemente. Questa è un’ altra tua libera interpretazione delle mie parole? Spero di aver preso fischi per fiaschi anch'io. Strano. Ma non è stata ancora aperta la caccia all’omofobo? :ironico:
play
Utente Senior
 
Messaggi: 1377
Iscritto il: 23/12/2011, 8:56

Messaggiodi polymetis » 21/12/2017, 22:50

Caro Morrisfriendly,
ti devo un po' maledire perché mi ero ripromesso di andare a letto 15 min fa (sto morendo di sonno), e invece mi hai offerto questa discussione sul tema TdG e omosessualità che come sai m'è molto caro.
Vorrei dirvi perché resto nella Chiesa Cattolica, nonostante a volte alcuni suoi membri facciano soffrire le persone gay. La risposta è che non si sceglie la propria madre, e che, per quanto possa essere difficile, si deve fare tutto il possibile per aiutarla a capire, proprio perché è nostra madre e la amiamo. Penso anzi che Dio potrebbe avermi dato questo compito, a me e altri milioni come me, ossia di aiutare la nostra madre terreste, la Chiesa, ad aprirsi ad una versa comprensione della Parola di Gesù sulle relazioni interpersonali. Mi sento come un agente in missione con tanto lavoro da fare.

Buonanotte a tutti
Ad maiora
Presentazione


Alla base delle scelte fondamentali del Nolano - a Londra come a Roma -, c'era il convincimento di appartenere alla "casa" dei filosofi, e che ad essa bisogna essere sempre fedeli, anche nei rapporti con i potenti della Chiesa e dello Stato, perché la casa della filosofia è la casa della verità: in un modo intelligente e anche astuto, certo, ma sempre fedeli. (Michele Ciliberto)
Avatar utente
polymetis
Moderatore
 
Messaggi: 4359
Iscritto il: 16/06/2009, 14:43

Messaggiodi Morrisfriendly » 22/12/2017, 10:49

polymetis ha scritto:Caro Morrisfriendly,
ti devo un po' maledire perché mi ero ripromesso di andare a letto 15 min fa (sto morendo di sonno), e invece mi hai offerto questa discussione sul tema TdG e omosessualità che come sai m'è molto caro.
Vorrei dirvi perché resto nella Chiesa Cattolica, nonostante a volte alcuni suoi membri facciano soffrire le persone gay. La risposta è che non si sceglie la propria madre, e che, per quanto possa essere difficile, si deve fare tutto il possibile per aiutarla a capire, proprio perché è nostra madre e la amiamo. Penso anzi che Dio potrebbe avermi dato questo compito, a me e altri milioni come me, ossia di aiutare la nostra madre terreste, la Chiesa, ad aprirsi ad una versa comprensione della Parola di Gesù sulle relazioni interpersonali. Mi sento come un agente in missione con tanto lavoro da fare.

Buonanotte a tutti
Ad maiora


Polymentis non propenderei a dare molta comprensione a questa madre, che sia mamma Chiesa Cattolica, mamma Watchtower o altra "madre"...generalmente è il genitore che dovrebbe fare il genitore ed essere quello saggio, non il figlio a fare il genitore perchè la propria madre impedita... la madre è impedita? affari suoi! non va giustificata nè tollerata per quello che fa, perchè se la si giustifica significa che si tollera ciò che è intollerabile e costituirebbe un forte motivo per continuare a fare i suoi porci comodi!

Ora a parte la domanda posta nella sezione "Umorismo" l'umorismo prevede il dire stupidate senza che in realtà le si pensa o enfatizzare certi atteggiamenti buffi...Il problema qui è che le stupidate che si dicono le si crede davvero!Tipo quando i TdG negli anni 70/80 dicevano che la masturbazione facesse diventare gay..la cosa fa ridere se non dai valore a queste frasi, un altro conto e se davvero ci credi e la fai la base delle tue credenze e del tuo senso di giustizia

Comunque io non mostro tolleranza nè di fronte a persone che hanno certe ideologie, nè a gruppi religiosi o "mamme spirituali" Sarò intollerante? benissimo almeno la mia intolleranza non crea suicidi o violazioni della dignità umana in nome di un entità superiore o in nome di principi pseudo-morali, e quindi crimini contro l'essere umano.
Avatar utente
Morrisfriendly
Nuovo Utente
 
Messaggi: 129
Iscritto il: 09/04/2017, 17:53

Messaggiodi play » 29/12/2017, 12:49

Ma il Dio della Bibbia, secondo Ratzinger, non condanna l’omosessualità? Certo che se uno vive delle esperienze poco carine con delle fiche di legno è probabile che poi si butti sull’altra sponda! :ironico:
play
Utente Senior
 
Messaggi: 1377
Iscritto il: 23/12/2011, 8:56


Torna a Umorismo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici