Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

La mia storia, dentro e fuori dall'organizzazione.

Racconti di vita, esperienze, consigli.

Moderatore: nelly24

La mia storia, dentro e fuori dall'organizzazione.

Messaggiodi Andrea Cinel » 15/11/2009, 0:45

Sono nato il 10 dicembre 1974, e i miei genitori erano già tdg da almeno 5 anni.
Fra alti e bassi sono cresciuto dentro di quest’’organizzazione, sperimentando ovviamente tutte le delusioni che i figli di tdg devono subire: niente compleanni, niente amicizie fuori dall’organizzazione, niente festività, isolamento a scuola ed essere spesso preso di mira dai compagni di scuola per la sola colpa di essere un figlio di tdg.
Sono cresciuto subendo tutto questo e sotto il continuo bombardamento della solita cantilena: i veri servitori di Dio sono perseguitati in questo mondo, per cui se sei preso in giro e subisci i “dispetti” degli altri è segno che stai nel favore di Dio. Questa convinzione, alla fine, mi ha portato al battesimo. Era il 20 gennaio 1990.
Durante gli anni delle scuole superiori ho affrontato diverse “crisi di coscienza”, un po’ perché non approvavo certi atteggiamenti che vedevo dentro le congregazioni cui ci associavamo, un po’ perché, non riuscendo in pieno a soddisfare le “alte” norme morali imposte dai tdg, (come tutti gli adolescenti ho passato la fase della masturbazione), mi sentivo in colpa e indegno di appartenere a quella che consideravo una casta di meritevoli.
Ma una cosa mi ha sempre tenuto incollato a questo gruppo: usavano la Bibbia, ed io istintivamente adoravo questo libro Sacro, mi piaceva leggerlo e soprattutto mi piaceva provare a comprenderlo. E, siccome le loro spiegazioni avevano una logica stringente, e, d’altro canto, essendo impossibile o quasi servirsi di fonti extra organizzative per fare confronti, accettare tutto quel che era servito nel piatto diventava la soluzione più conveniente.
Io volevo servire Dio, questo era l’unico obiettivo della mia vita. Ma senza accorgermene mi ero dedicato al servizio di un’organizzazione umana. Per questo motivo, una volta finite le scuole superiori, da cui sono uscito come il miglior studente maschio dell’anno, ho rifiutato di proseguire gli studi all’università, come avrebbero voluto molti miei insegnanti, e ho rifiutato perfino dei lavori ben remunerati. Essendo un agrotecnico, ricevetti una proposta per dirigere una serie di serre floro-vivaistiche che commerciava in tutta Europa. La paga (nel 1993) era di 5.000.000 di lire mensili, ma il prezzo da pagare era la disponibilità a lavorare in qualsiasi momento, sabati e domeniche inclusi. Si sa, le piante e i fiori non hanno orari …ma i tdg hanno le adunanze, il servizio e tutte le altre attività.
Così ho accettato un lavoro come operaio di una tipografia (la mia paga era di 750.000 lire mensili) e sono andato avanti. Dopo non molto, forse notando le mie buone capacità, il datore di lavoro mi propose di occuparmi del nuovo magazzino che stavano allestendo, promettendomi una paga migliore (2.500.000) ma chiedendomi una maggiore disponibilità. Cosa pensate abbia fatto? Da buon tdg, essendo insoddisfatto di lavorare a tempo pieno, non solo rifiutai l’offerta, ma dietro suggerimento di un sorvegliante viaggiante chiesi il lavoro part-time. Il datore di lavoro, pur di non perdermi, acconsentì, e il mese dopo (Aprile 1995) iniziai a fare il pioniere. Poco dopo arrivò la nomina di servitore di ministero, e io, sempre più inghiottito nel vortice dell’organizzazione, accettai il trasferimento in una congregazione poco distante per servire lì dove il bisogno era maggiore. Ci andai in buona compagnia, mio fratello carnale, anche lui pioniere regolare e un nuovo diplomato della Scuola di addestramento per il Ministero. Con loro ho condiviso due anni della mia via e un appartamento. Nel frattempo mantenevo il mio vecchio lavoro, perché trovare un altro lavoro part-time era difficile, per cui valeva la pena percorrere tutti i giorni i 50 km per andare e tornare dal lavoro.
Sono stati due anni di sacrifici, soprattutto economici, ma senza dubbio utili a capire che la vita può essere dura. In questo frangente mi sono anche fidanzato con la donna meravigliosa che è diventata mia moglie. Dal momento che la situazione economica (sia sua che mia) era penosa, sei mesi prima del matrimonio decisi di interrompere l’attività di pioniere regolare e, per tirar su un po’ di soldi, ripresi il lavoro a tempo pieno.
Mia moglie, ovviamente, continuava a fare la pioniera regolare, non avevamo rinunciato alle nostre mete, volevamo diventare una coppia di pionieri che si metteva a disposizione delle congregazioni con maggior bisogno. Per questa ragione, rinunciammo ad avere una casa tutta nostra e accettammo l’ospitalità dei miei genitori vivendo praticamente in un seminterrato per due anni. Perché? Perché un anno dopo il matrimonio fui nominato anziano di congregazione e, in accordo con il sorvegliante viaggiante, demmo disponibilità a seguirlo nella sua prossima destinazione. Eravamo praticamente pronti. Avevo già scritto la lettera di dimissioni dal lavoro, conoscevamo anche la nostra destinazione (un paese in provincia di Lecco), quando arrivò la notizia della prima gravidanza di mia moglie. Penso spesso che quell’evento sia stato una specie di “intervento dall’alto“, visto che in quel periodo, per non correre rischi, facevo uso del profilattico.
Vi giuro che mi si spezzarono le gambe, tutto avrei accettato, ma un figlio era veramente l’ultimo dei nostri pensieri, e diventò anche il primo dei nostri successivi guai. (Ovviamente il pensiero odierno è cambiato; oggi sono molto, molto felice di aver avuto dei figli)
Primo, rinunciai al nuovo incarico. Non partimmo più. Ma la casa dove stavamo con i miei non avrebbe supportato l’arrivo di un bebé, e poi vivevamo in uno scantinato! Per non parlare dei problemi economici che si presentarono all’orizzonte. Infine, ci furono i problemi caratteriali tra mia moglie e mia madre, che, appena nato nostro figlio, tentò di intromettersi troppo nella nostra vita, manovrando tutte le nostre scelte. Tentai di parlare con mia madre, ma la frittata era ormai fatta, e, in un momento di rabbia, mia madre ci disse di fare le valigie e di trovarci una nuova sistemazione.
In quei primi due anni di matrimonio io e mia moglie non avevamo mai girato per casa in mutande, ma ora, per usare un eufemismo, eravamo rimasti veramente in mutande, cioè senza un tetto sotto cui stare e con un figlio di un mese appena.
Nel giro di pochi giorni trovai una vecchia casa senza riscaldamento (c’era una sola stufa a legna che doveva riscaldare tre piani!) e ci stabilimmo lì, con tanti dubbi sul nostro futuro e tanti debiti da pagare …
Ma le sorprese non erano ancora finite, pochi mesi dopo mia moglie era di nuovo in attesa di un figlio. Io continuavo a fare l’anziano, lasciando spesso mia moglie da sola per “pascere il gregge”. Ero un oratore pubblico molto richiesto, in tre anni di attività ho pronunciato circa 70 discorsi pubblici, compresi discorsi speciali e commemorazioni. Avevano cominciato ad affidarmi dei discorsi anche alle assemblee e la mia “carriera” spirituale sembrava proseguire piuttosto bene, ma non tutto filava per il verso giusto…
La nascita del nostro secondo figlio, unita ad alcune complicazioni del parto e alla successiva morte di suo padre, aveva fatto cadere mia moglie in una profonda depressione. E nel frattempo io ero sempre più impegnato con le faccende della congregazione. Vivevo situazioni di sempre maggior disagio. La mancanza di preparazione, di vero amore fraterno e di genuino interessamento nei confronti dei bisogni altrui che vedevo in molti miei “colleghi” anziani, unita alle scenate di gelosia che sfociavano in veri e propri litigi fra loro in alcune adunanze del corpo degli anziani mi portavano sempre più spesso a farmi domande del tipo: “E’ questo il comportamento da veri cristiani?”. Il fatto poi di entrare di più nel privato della vita di molti fratelli mi fece notare in modo inequivocabile che molti di loro non servivano Dio in modo sincero, ma come i loro stessi pastori “dichiaravano pubblicamente di conoscere Dio, ma lo rinnegavano coi fatti”. - Tito 1:16.
Quando anche il mio più caro amico perse la nomina di anziano, allora anche la terra sotto i miei piedi cominciò a vacillare. Mi ritrovai a combattere da solo contro gli atteggiamenti spesso dispotici degli altri anziani, subivo le gelosie e le invidie di alcuni “fratelli” più anziani di me di età a cui erano stati negati i privilegi e che non perdevano occasione per criticarmi anche pubblicamente. Mia moglie stava sempre peggio e si stava isolando sempre di più ed io, che avevo già due bambini, passavo le notti a studiare la Bibbia e le pubblicazioni, a leggere le circolari della WTS, a preparare le parti delle adunanze e i discorsi e non mi “godevo” minimamente la gioia di essere padre. Cosi sono “scoppiato”. Mi presentai un giovedì sera all’adunanza e rassegnai le dimissioni da anziano di congregazione, e con effetto immediato. Gli altri non volevano (forse perché faceva comodo avere qualcuno che lavorava anche per loro), e congelarono la situazione fino all’arrivo del sorvegliante di circoscrizione, che, nel frattempo, era cambiato. Il nuovo sorvegliante comprese la situazione e ufficializzò le mie dimissioni.
Finalmente libero da tanti impegni ricominciai ad occuparmi della mia famiglia ed iniziai, insieme al mio caro amico, ad analizzare le Scritture e a capire che qualcosa non quadrava negli insegnamenti dei tdg. Passammo molte serate in buona compagnia con lui e sua moglie. E, mentre ci facevamo compagnia approfondimmo alcuni aspetti dottrinali. Negli ultimi tempi si era sviluppato in entrambi il pensiero che forse gli insegnamenti andavano rivisti cambiando proprio il loro punto fermo di partenza. Non era giusto partire dal presupposto “noi abbiamo ragione e gli altri torto”, perché così facendo, era facile applicare a tutte le religioni diverse dai testimoni le colpe e gli errori e ritenere automaticamente tutto vero e giusto che veniva insegnato nell’organizzazione. La domanda di partenza diventò: è giusto e veritiero ciò che crediamo? In armonia con gli insegnamenti della Bibbia?
Dal momento che era difficile sbrogliare la matassa, convenimmo che bisognava trovare un ordine. E l’ordine fu che innanzitutto ogni credenza deve essere vagliata confrontandola con gli insegnamenti e l’esempio lasciatoci da Cristo.
Poi, senza paura di essere smentiti, ogni credenza, doveva poggiare su un valido fondamento.
I dubbi e le perplessità vennero a galla in poco tempo, sia perché perfino molti insegnamenti apostolici si discostavano già da quello originale di Cristo, sia perché spesso i testimoni venivano smentiti da autorevoli fonti “del mondo” accettate da tutti tranne che da loro.
Faccio alcuni brevi esempi:
Se Gesù disse “Non sta a voi acquistar conoscenza dei tempi e delle stagioni che il Padre ha posto nella propria autorità, perché affannarsi così tanto per riuscire a “indovinare” date impossibili? A che pro, visto che chi serve Dio lo fa non in vista della ricompensa ma per amore e riconoscenza?
Se Gesù insegnò “Siete tutti fratelli… non siate chiamati rabbi né condottieri” perché erano stati istituiti nelle congregazioni gli ordini gerarchici degli anziani e servitori di ministero con ruoli predeterminati? Perché erano state escluse le donne? E perché i testimoni avevano addirittura esteso questo modo di fare frammentando se possibile ulteriormente le classi dirigenziali, inventandosi Sorveglianti di distretto, di circoscrizione, pionieri, missionari ecc…?
Se Gesù, che aveva definito gli scribi e farisei “progenie di vipere”, condannandoli irrimediabilmente, non si era astenuto dall’accettare un invito a pranzo ricevuto da un fariseo, perché noi dovevamo rifiutarci di mangiare con un “peccatore” e addirittura togliergli il saluto? Non aveva detto lo stesso Gesù “se salutate solo i vostri fratelli che cosa fate di straordinario?”
Se Gesù aveva, e più volte, ammonito di non giudicare gli altri, che necessità c’era di formare comitati giudiziari? E chi avrebbe potuto giudicare con libertà di parola, dal momento che siamo tutti peccatori? Non aveva insegnato a dare più valore alla misericordia piuttosto che al giudizio?
Se Gesù aveva detto che di tutte le pecore che era venuto a chiamare avrebbe poi formato “un solo gregge sotto un solo pastore”, perché suddividere i credenti in due classi con speranza diversa, come se fossimo servitori di serie A e serie B, stabilendo per giunta che la separazione tra le due speranze dipendeva da una data che nelle Scritture non trova nessun riscontro? Semmai doveva esserci una separazione, non sarebbe dovuta dipendere dall’impegno e dall’amore che ognuno avrebbe messo nella propria adorazione? Le parabole delle mine e dei talenti non alludevano proprio a questo? E gli operai dell’ultima ora non sarebbero stati pagati come quelli che avevano lavorato per tutto il giorno? Quindi, perché discriminare?
Queste e molte altre considerazioni ci fecero,nei mesi che seguirono, intensificare l’analisi che facemmo delle dottrine dei tdg mettendole a confronto con lo spirito del cristianesimo che potevamo “sentire” leggendo i vangeli. E fu un periodo molto emozionante, felici di aver trovato la strada che conduceva ad un autentico tesoro: la verità, senza fronzoli e senza il necessario intervento esplicativo di qualcuno che si definiva portavoce di Cristo. (Luca 21:8)
Capire improvvisamente, “da soli”, tante verità fino a quel momento tenute nascoste era meraviglioso, ma contemporaneamente anche difficile da contenere. Era per noi fin troppo evidente che presto saremo finiti bruscamente nel tribunale inquisitorio della WTS, che entrambi conoscevamo molto bene.
Prima che questo potesse succedere, cominciammo a parlare con quelli che ritenevamo di vedute più aperte. Alla fine qualcuno andò a fare la “spia”.
Erano i primi giorni di marzo 2004 quando cominciammo a parlarne ad altri, il 4 luglio io ed il 5 lui siamo stati disassociati per dissenso ideologico (apostasia) dalla WTS.
Ricordo ancora il giorno del mio comitato giudiziario. Tutti e quattro gli anziani della congregazione si erano preparati per la mia “esecuzione“. Ma nessuno di loro era veramente preparato per affrontare una discussione con un “apostata”. Solo il presidente di quel comitato aveva avuto la lungimiranza di andare ad informarsi da un anziano di vecchia data e che aveva esperienze in fatto di comitati giudiziari ad apostati. Lui sì che sapeva in che modo andavo affrontato. Gli altri tre commisero l’errore di provare a discutere con me sulla ragione delle mie nuove vedute, pensando di potermi facilmente raggirare.
Per esempio, uno di loro disse che siccome Giovanni 10:16 parla di “altre pecore che non sono di questo ovile” doveva per forza trattarsi di una classe di persone con speranza diversa da quella celeste, al ché io gli chiesi se conosceva il significato della parola ovile (luogo chiuso in cui si custodiscono le pecore). Siccome fu lui stesso a fornirmi la definizione del termine, mi limitai ad aggiungere che evidentemente Gesù non parlava di due speranze, e, siccome le pecore erano sempre pecore (quindi della stessa classe), ciò che cambiava era la loro provenienza d’origine, perché il primo gruppo era quello dell’Israele naturale (infatti al v.3 Gesù evidenzia che nel primo ovile la porta gli era stata aperta dal portiere, cioè Giovanni il Battezzatore, precursore del Cristo), ma non era così per il secondo ovile, che quindi doveva rappresentare tutti i figli di Dio non discendenti dall’Israele carnale. Non parlò più.
Un altro ancora provò a mettermi in difficoltà con il versetto di Rivelazione 7:9. Risposi anche a lui, semplicemente facendo notare che la “grande folla” si trova davanti al trono di Dio, che è in cielo. E, siccome non riusciva più a venirne fuori, cominciò ad alzare la voce. Lo invitai a stare tranquillo e gli feci notare che avevo solo risposto alle sue domande. Gli chiesi: Se di fronte all’evidenza dei fatti capisci che c’è una netta divergenza fra la realtà logica delle Scritture e l’artificiosa interpretazione che ne dà la WTS, tu da che parte ti schieri? Lui mi rispose che avrebbe sempre seguito gli insegnamenti della Torre di Guardia. Fu allora che dissi: è per questo che sono giudicato? Perché ho deciso in coscienza di farmi guidare dalle Scritture e non dalla Torre di Guardia? Se è così che stanno le cose, abbiamo sbagliato nome! Non siamo testimoni di Dio, ma della Watch Tower Society!
Fu in quel momento che risuonarono forti le parole del presidente di quel comitato che , zittendo gli altri tre, intimò loro: Non siamo qui per discutere con quest’uomo su chi abbia ragione. La ragione ce l’abbiamo noi, e lui deve sottomettersi e riconoscere l’autorità del Corpo Direttivo o non può più essere considerato un testimone di Geova! Se non lo fa sa già quale sarà la sua fine. Ed è fortunato che non siamo sotto la legge mosaica, perché per un reato del genere meriterebbe la lapidazione!
La mia esperienza nei tdg finì in questo modo! Una sorte simile capitò anche al mio amico, che fu definito perfino “topo di fogna” da un anziano del suo comitato giudiziario.
Nei successivi giorni, settimane e mesi che seguirono la nostra disassociazione anche altri fratelli e sorelle di almeno 5 congregazioni della zona decisero di uscire dall’organizzazione! Ci organizzammo per continuare a studiare tutti insieme, e continuammo a comprendere “nuove” verità.
Dal momento che l’emorragia era grave, all’interno delle congregazioni della zona furono fatte circolare delle vere e proprie calunnie sul conto mio e del mio amico. Sapere della nostra disassociazione per apostasia, nonché di altri pionieri e servitori di ministero ritenuti esemplari, aveva suscitato non poca curiosità fra quelli che erano rimasti dentro. Diversi di loro ci contattarono per chiedere chiarimenti. Così, approfittando del fatto che in quel periodo mia moglie era al mare con i bambini, fu messa in giro la voce che ero stato dissociato per adulterio con una pioniera regolare (anche lei dissociata per apostasia). Non potendo fare lo stesso col mio amico, di lui fu detto che picchiava la moglie e la maltrattava.
Sono venuto a sapere di questo fatto perché un mio zio, non testimone, mi venne a chiedere conto di questo fatto, dal momento che due testimoni che avevano bussato a casa sua, avevano raccontato proprio questo episodio, facendo il mio nome. Peccato per loro che non sapessero che era mio zio!
Penso che i veri cristiani non farebbero uso della menzogna per far emergere la verità!
Dopo la mia disassociazione una delle prime cose che feci fu quella di procurarmi il libro “Crisi di coscienza”. Non lo avevo fatto prima semplicemente perché non volevo farmi condizionare dal pensiero di altri uomini. Rimasi stupito e profondamente amareggiato per quello che leggevo. Capivo che ciò che io avevo provato in piccolo, all’interno della congregazione, era lo stesso spirito che animava quest’organizzazione anche nei suoi vertici. Ma almeno adesso ero libero. L’anno successivo abbiamo organizzato una “commemorazione” parallela a quella dei tdg, ci siamo ritrovati in più di 40 persone (quasi tutti ex) e abbiamo cercato di ripercorrere le orme dei primi cristiani, cenando insieme prima e ricordando la morte del nostro Signore dopo. E’ stato memorabile. Purtroppo l’idillio non è durato a lungo. Piano piano, diversi di loro si sono riorganizzati la vita, trovato nuove amicizie e ahimé anche smesso di interessarsi di Dio o della Sua Parola. Oggi penso che eravamo ancora troppo simili ai tdg! E penso anche che venire fuori da un organizzazione religiosa senza le giuste motivazioni non rende le persone migliori, perché la libertà è bella, ma richiede responsabilità, e fra i tdg, troppo pochi di loro sono abituati a cercarsi da soli la verità. E’ più facile mangiare la minestra che ti viene servita, anche se è sempre la solita minestra!
Vedere tanti di loro abbandonare Dio in questo modo, aveva portato allo scoraggiamento anche me e mia moglie. Anch’io sono arrivato a chiedermi se Dio esiste veramente e se si interessa veramente di noi. Nel frattempo è morta anche mia madre. Anche lei aveva infine capito gli inganni dei tdg e si era dissociata alcuni mesi dopo la mia esclusione.
Ma qualcosa stava nuovamente cambiando. Quando ormai cominciavo a non credere quasi più in Dio,e, semmai c’era, era molto lontano da me, il mio amico è venuto a trovarmi, portando con sé un libro, “Abbracciata dalla luce”, scritto da una donna che ha provato l’esperienza dello stato di quasi morte (NDE).
La lettura di questo libro ha avuto su di me lo stesso effetto che avrebbe il trovare una fonte d’acqua in un deserto!
Mi ha ridato motivazioni, desiderio di comprendere, voglia di ricercare la verità.
Ho cominciato a pormi tante domande, soprattutto sulla nostra natura spirituale. Mi sono lentamente avvicinato a questo mondo, quello degli spiriti. Ho ripreso ad analizzare le Scritture ed ho notato che fra le Scritture e gli insegnamenti dello spiritismo non vi è una grande distanza. In realtà sembrano l’uno il seguito dell’altro. Certamente, ho dovuto nuovamente “resettare” le mie convinzioni, accertandomi innanzitutto che la parola spiritismo non ha per forza un significato negativo. Ha come principio la credenza che esistano relazioni fra il mondo visibile e quello invisibile. Anche le scritture danno risalto a questo, e in più occasioni. In fondo è scritto che dobbiamo “rivolgere lo sguardo non alle cose che si vedono, ma a quelle che non si vedono. Poiché le cose che si vedono sono temporanee, ma le cose che non si vedono sono eterne”. - 2 Corinti 4:18
Da allora ho compreso molte altre cose, che siamo molto più antichi di quanto immaginiamo, abbiamo un bagaglio di esperienze di vite già vissute e che, ad ogni vita, continuiamo il nostro viaggio verso la meta: il nostro eterno luogo di dimora nei cieli. Ma il viaggio (cioè le nostre esperienze) vale più della meta. Perché non si diventa angeli senza aver provato di persona le sofferenze e le difficoltà. Perfino il più grande, Gesù stesso, “imparò l’ubbidienza dalle cose che soffrì”(Ebrei 5:8).
Non esiste nessun limite ai tanti modi in cui Dio si fa conoscere, ad ognuno secondo la propria necessità e secondo il proprio grado di comprensione, ragion per cui è inutile tentare di forzare un altro ad accettare un idea che egli ancora rinnega. Ha bisogno di tempo, forse di nuove vite. E in questo lungo ciclo di rinascite, la vera vita è quella spirituale, perché, in realtà, siamo tutti spiriti e questa è l’unica parte di noi che sopravvive e che continua a perfezionarsi, che le vite che facciamo, sulla Terra o in qualunque altro mondo Dio abbia creato (sono praticamente innumerevoli), in realtà sono morte, mentre ad ogni morte fisica corrisponde una risurrezione ed un ritorno a nostro Padre, che ci ama tanto e che, pur concedendoci molta libertà, non smette un attimo di interessarsi a noi, al nostro bene eterno e alla nostra crescita.
Ora gli parlo sentendomi suo figlio, non uno che teme la sua punizione, e sento le sue carezze, sento anche quando non è contento di me, ma il bene e il male sono entrambi a servizio della nostra crescita continuativa , per cui non vanno demonizzati. I “cattivi”, siano essi incarnati o no, sono semplicemente spiriti che ancora non lo conoscono abbastanza da riuscire ad innamorarsi di lui. Abbiamo spesso sentito parlare degli abitanti di Sodoma e Gomorra come esempio assoluto di cattiveria, malvagità e perversione. Beh, quegli uomini sono oggi angeli al servizio di Dio Padre, hanno anche loro imparato ad amarlo e hanno fatto il loro percorso.
Gli angeli sono nostri fratelli, e riescono a capirci più di quanto noi crediamo. Hanno già vissuto quello che viviamo noi. E hanno un’umiltà che nemmeno riusciamo a sfiorare.
Anche noi facciamo del bene, ma anche quando lo facciamo riceviamo sempre qualcosa in cambio, a volte siamo ripagati nella stessa misura, altre volte ci basta anche solo un grazie o semplicemente la soddisfazione la proviamo perché qualcuno parlerà o penserà bene di noi. Anche se è difficile ammetterlo, tutte queste cose affondano le loro radici nell’egoismo e nell’esaltazione di se stessi. Per gli angeli non è così. L’angelo lavora per i propri fratelli, spesso per fratelli più piccoli che, incarnati, non possono vederlo, sentirlo, spesso non si rendono nemmeno conto della sua esistenza e, anche quando lo sanno, non possono sapere in che modo e con quanto impegno questo angelo si prodiga a loro favore. Lavorano nel più assoluto anonimato. Della maggior parte di loro non verremo nemmeno a conoscere il nome per poterli ringraziare, perché non è questo il loro desiderio. Per una angelo, l’onore, la gloria ed il ringraziamento vanno a Dio, Padre di tutti gli spiriti, e, per loro, servire un loro fratello, anche piccolo, è come servire Dio stesso.
Penso che il mio personale cammino sia ancora molto lungo. Ma sono e sarò eternamente grato al Padre per essersi fatto trovare da me, e spero di riuscire ad amarlo con sempre maggiore intensità.
Voglio bene a tutti voi, con affetto, Andrea.
Andrea Cinel
 

Messaggiodi Luciano » 15/11/2009, 8:51

Caro Andrea,
la storia della tua "conversione" mi ha affascinato fino a quando hai rivelato a "cosa" ti sei convertito;
il mio primo pensiero è stato:" meglio rimanere fra i testimoni".

Spero veramente che il tuo cammino si realmente lungo affinchè ti porti in altri lidi.
ciao.

ps quante altre volte dovrà incarnarsi hitler per riconciliarsi con Dio?
Avatar utente
Luciano
Utente Master
 
Messaggi: 3396
Iscritto il: 25/08/2009, 16:59

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 15/11/2009, 9:14

Caro Andrea, la mia opinione?
Sei uscito da una gabbia che inibiva le tue facoltà, hai scoperto gli errori e ti sei riappropriato della libertà.
Ma ora, scusami, sei abbagliato dall'ebbrezza, così come prima affrontavi il tuo credo, così, con la stessa irruenza, ti abbandoni a nuove emozioni.
La fede non è solo istinto, ma razionalità.
Prendi tempo, studia, gli effetti negativi subiti non si palesano subito, ma la convalescenza è lunga.
Rifletti che l'emotività deve seguire la ragione.
Ciao
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Caro Andrea

Messaggiodi deep-blue-sea » 15/11/2009, 11:10

ho letto con attenzione il tuo avvincente racconto.

È deplorevole la subdola influenza che questa organizzazione esercita su tutti gli aspetti della nostra vita.
Questa organizzazione in pratica ci rovina la vita. Avresti potuto avere un lavoro soddisfacente e ben remunerato e invece hai dovuto 'pedalare' tutta la vita per avere un introito che ti permetta di vivere decentemente assieme alla tua famiglia.
E si sa che le strettezze economiche rendono la vita più amara anche nella coppia.
Meno male per te, che tua moglie ti ha seguito concettualmente, nella scelta di abbandonare la Watchtower. E, bene che anche tua madre abbia compreso.
Mi dispiace per tutte le cattiverie che ANCHE tu hai subito per mano dei TG, si comprende che le tattiche sono le stesse dappertutto tra i TG: sporcare, calunniare, diffondere menzogne sulla persona, diffamarla così da acquietare le loro coscienze, e sentirsi giustificati nel disprezzo che gli mostreranno.

Orribile e lamentevole! La Watchtower ha dimostrato nel caso di Franz quali sono le sue tattiche per demolire l'individuo e a tutti i suoi 'dipendenti' è stato subdolamente instillato lo stesso modo d'agire.
Una volta abbandonata l'organizzazione però, nel mio caso ho trovato che vi è bisogno di un periodo di 'lutto' e di convalescenza che lasci sfumare la rabbia (per esser stato preso in giro per una vita), la disillusione (per accettare che tanti insegnamenti non corrispondono a verità), la vergogna (per esser stato cosi stupido dal non aver visto nè compreso la presa in giro), ci vuole molto, molto tempo, per arrivare a comprendersi e a perdonarsi.
Altro tempo ci vuole, per spiegarsi con i familiari che han compreso, e farsi perdonare per il pasticcio in cui li abbiam messi, per aver tolto loro opportunità e giovinezza ai nostri figli...
Altro tempo, ci vuole per stupirsi nel realizzare che ciò che abbiam subito, che ciò che abbiam scoperto, che le conclusioni alle quali siamo arrivati, sono condivise da centinaia di migliaia di altri che personalmente ho trovato sui forum. Ho scoperto, incredibile una volta per me, che i dissidenti rispetto alla Watchtower sono in gran numero. Ma finalmente, ci si può aprire, ci si può esprimere liberamente e guarda guarda...si può anche essere compresi. Viva la libertà di parola…grazie a forums come questo!

E poi dopo questo percorso che può durare anni, finalmente cominci a sentirti LIBERO, in tutti i sensi : libertà di pensare, di leggere, liberarsi dai sensi di colpa, di uscire e entrare senza lo stress dell’orario di adunanze, di parlare ed esprimersi, di festeggiare o no, di vestirsi come ti pare, di vedere e stare in compagnia di chi ti pare…….

Il discorso spirituale, personalmente, mi ha toccato fino a un certo punto. Credo in un Essere supremo, che però non è che ci dia molta attenzione. La sua Parola, la Bibbia è un libro scritto da uomini saggi del passato contemplando situazioni e circostanze a loro vicine, i quali consigli sono alla base delle relazioni umane.
Inoltre abbiamo una coscienza che bene o male è un campanello che suona quando si fa il male, e io sono e voglio essere una persona buona e caritatevole.

Non voglio più lasciarmi guidare da altri uomini che dicano Chi è Dio e come servirLo.
.
Il tuo discorso sulla spiritualità può forse sembrarti logico, ma é basato su conclusioni di altri uomini, è basato sull’invisibile, sull’inafferrabile, sull’incomprensibile alla nostra percezione, come lo erano molti insegnamenti Watchtoweriani.

L’unica verità che posso accettare è che tutti alla morte forse finiremo dinanzi al giudizio dell’Altissimo, ma tanto..saremo morti e peggio della morte cosa c’è ?
Se un Dio c’è, capirà anche la mia confusione al suo soggetto e spero mi perdoni…. per la mia confusione.
Poi BASTA, voglio essere libera e godermi questi ultimi anni di vita. Più nessun uomo mi detterà la via da seguire !
Presentazione
"Il vero dialogo consiste nell'accettare l'idea che l'altro sia portatore di una verità che mi manca..."
Mgr Claverie
it's better to have questions you cannot answer than it is to have answers you cannot question.
Meglio avere domande alle quali non puoi rispondere, che avere risposte che non puoi mettere in questione
Avatar utente
deep-blue-sea
Utente Master
 
Messaggi: 3353
Iscritto il: 16/07/2009, 17:38

Messaggiodi Dnick » 15/11/2009, 12:25

Cio Andrea ho letto e sentito molte storie simile alla tua
uscire da un organizzazione non è facile e concordo con gabriella , luciano

La legge del nostro Signore Gesù Cristo e semplice
Ama il prossimo tuo come te stesso .
Questa è l'unica cosa da fare senza indagare troppo è questa e l'unica cosa da fare
e non è facile a questo mondo.
Prendendo sputo dalla Bibbia
Siracide 3:21 Non cercare le cose troppo difficili per te,
non indagare le cose per te troppo grandi.
Giacomo 1:27 Una religione pura e senza macchia davanti a Dio nostro Padre è questa:
soccorrere gli orfani e le vedove nelle loro afflizioni e conservarsi puri da questo mondo.
Galati 5:1 Cristo ci ha liberati perché restassimo liberi; state dunque saldi e non lasciatevi imporre di nuovo il giogo della schiavitù.
Galati 5:13 Voi infatti, fratelli, siete stati chiamati a libertà. Purché questa libertà non
divenga un pretesto per vivere secondo la carne, ma mediante la carità siate a servizio gli uni degli altri. :ilovejesus:
Avatar utente
Dnick
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2033
Iscritto il: 11/11/2009, 14:09

ciao

Messaggiodi Mario70 » 15/11/2009, 13:15

Io non mi permetterò di giudicare il tuo percorso, perchè credo che ognuno debba trovare il proprio a prescindere da quello che pensano gli altri.
Ricordati che qui dentro gli ex hanno scelto le vie più disparate una volta fuori dai tdg, che vanno dal relativismo all'ateismo, passando per le vie più tradizionali come le chiese storiche o le evangeliche (come avrai avuto modo di vedere dai commenti che mi hanno preceduto e da quelli che verranno) all' agnosticismo.
Detto questo trovo la tua esperienza estremamente interessante, simile a quella che hanno avuto molti di noi e mostra l'impreparazione culturale nella quale incorre chi deve pascere il gregge, quando qualcuno comincia a mettere in discussione qualcosa, quando non si accetta tutto supinamente il risultato è trovarsi fuori.
Due consigli che mi permetto di darti sono:
1) tieni bene in mente le cose positive che hai appreso tra i tdg e non solo quelle negative, questo ti farà essere più obiettivo nelle scelte future.
2) Non precluderti nel ricercare oltre quello che stai seguendo oggi, sarebbe un peccato, la conoscenza delle cose spirituali è talmente vasta che settorizzarsi in un canale solo è limitante.

Un abbraccio
Mario.
«Ortodossia vuol dire non pensare, non aver bisogno di pensare. Ortodossia e inconsapevolezza son la stessa cosa.»

(1984) George Orwell
Avatar utente
Mario70
Utente Gold
 
Messaggi: 6061
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

Messaggiodi 55emma55 » 15/11/2009, 13:25

"Io non mi permetterò di giudicare il tuo percorso, perchè credo che ognuno debba trovare il proprio a prescindere da quello che pensano gli altri.
Detto questo trovo la tua esperienza estremamente interessante, simile a quella che hanno avuto molti di noi e mostra l'impreparazione culturale nella quale incorre chi deve pascere il gregge, quando qualcuno comincia a mettere in discussione qualcosa, quando non si accetta tutto supinamente il risultato è trovarsi fuori."


concordo ferfettamente con mario!! ognuno è libero di trovare il proprio percorso... e se tutto ciò ti rende sereno ... hai trovato la tua felicità!! auguroni.. e vivi questa tua esperienza fino in fondo!!! con affetto una amica che ti stima!! :bacio:
emma
Avatar utente
55emma55
Utente Junior
 
Messaggi: 337
Iscritto il: 24/09/2009, 1:48
Località: catania

Messaggiodi angelo dell'apocalisse » 15/11/2009, 15:17

la cosa che mi ha impressionato di più è la tua preparazione e il tuo carisma. Sei riuscito a tirar fuori da quella religione così tante persone. Ci vorrebbero tante persone come me. Io sono dell'idea che ognuno è libero di fare quello che vuole; a volte stare in una dittatura è confortevole e molte persone si trovano protette, altre invece vogliono essere libere e evadono da questa realtà rappresentata in questo caso dalla Torre di Guardia. Io penso che dovremo aiutare le persone non ad uscire da questa religione ma aiutare quelle persone che stanno male e non sanno come uscirne. Dovremo darle una mano. Molti non escono perchè al di fuori dell'organizzazione nn trovano niente. Gli ex tdg si dovrebbero organizzare pure loro in congragazioni così che un tdg trovi l'amore che li serve. E' innegabile che quando uno entra in una sala del regno si sente bene e non ha nessun problema ad entrarci una seconda volta. Dovremo creare questi presupposti tutti noi.
angelo dell'apocalisse
Nuovo Utente
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 23/09/2009, 10:00

La mia storia, dentro e fuori dall'organizzazione.

Messaggiodi Andrea Cinel » 15/11/2009, 15:21

Ringrazio Emma (a cui voglio un gran bene) e Mario. Ringrazio anche tutti gli altri, che, mossi sicuramente da motivi sinceri, mi hanno dato i loro suggerimenti e consigli. E' evidente che con alcuni concordo ma con altri no. Comprendo tutta la vostra riluttanza e paura nei confronti dello spiritismo, ma permettetemelo: io vivo personalmente ciò di cui parlo, probabilmente voi reagite in base a ciò che avete letto o sentito. Come Emma ha suggerito, questo percorso mi ha reso migliore di prima, per abbandonarlo devo trovare qualcosa di ancora superiore, ma finora non è stato così.
Voi credete nei miracoli, io li ho visti. Voi credete all'esistenza degli angeli, io ci parlo. Voi credete nel Signore, io ho passato in sua compagnia intere giornate. Parlo con Dio Padre personalmente, e lui mi risponde. La sua mano mi ha accarezzato molte volte. Con cosa dovrei barattare tutto questo? Con la razionalità? La logica umana? Mi risulta difficile. Preferisco essere considerato un pazzo, un irrazionale da chi non capisce piuttosto che essere considerato uno stolto da chi mi ha creato e mio chiama suo figlio.
Ma non giudico nessuno di voi per la scelta che ha fatto. Perché di percorsi, per raggiungere la propria pace interiore ce ne sono molti, ad ognuno il suo. E in questo siamo tutti fratelli e sorelle. L'importante è che ognuno continui a crescere e perfezionarsi.
Vi voglio bene, Andrea.
Andrea Cinel
 

Messaggiodi Brambilla Bruna » 15/11/2009, 15:51

Andrea Cinel ha scritto:Ringrazio Emma (a cui voglio un gran bene) e Mario. Ringrazio anche tutti gli altri, che, mossi sicuramente da motivi sinceri, mi hanno dato i loro suggerimenti e consigli. E' evidente che con alcuni concordo ma con altri no. Comprendo tutta la vostra riluttanza e paura nei confronti dello spiritismo, ma permettetemelo: io vivo personalmente ciò di cui parlo, probabilmente voi reagite in base a ciò che avete letto o sentito. Come Emma ha suggerito, questo percorso mi ha reso migliore di prima, per abbandonarlo devo trovare qualcosa di ancora superiore, ma finora non è stato così.
Voi credete nei miracoli, io li ho visti. Voi credete all'esistenza degli angeli, io ci parlo. Voi credete nel Signore, io ho passato in sua compagnia intere giornate. Parlo con Dio Padre personalmente, e lui mi risponde. La sua mano mi ha accarezzato molte volte. Con cosa dovrei barattare tutto questo? Con la razionalità? La logica umana? Mi risulta difficile. Preferisco essere considerato un pazzo, un irrazionale da chi non capisce piuttosto che essere considerato uno stolto da chi mi ha creato e mio chiama suo figlio.
Ma non giudico nessuno di voi per la scelta che ha fatto. Perché di percorsi, per raggiungere la propria pace interiore ce ne sono molti, ad ognuno il suo. E in questo siamo tutti fratelli e sorelle. L'importante è che ognuno continui a crescere e perfezionarsi.
Vi voglio bene, Andrea.




ho letto la tua storia ....anzi ieri sera ....non sono una grande scrittrice anzi ha volte sarebbe meglio che me ne stessi zitta....senza esporre i miei pensieri...le mie sensazioni.....sbaglio tante di quelle volte che mi sembra di essere sciocca!!!.....ma tu non lo sei...e so che seguirai la tua strada come il tuo cuore ti comanda.....ti faccio tanti auguri per le tue scelte :fiori e bacio: BRUNA
Avatar utente
Brambilla Bruna
Utente Platinium
 
Messaggi: 12711
Iscritto il: 16/07/2009, 15:24

Wow !

Messaggiodi luca(68) » 15/11/2009, 16:14

Ciao , si nota che eri un oratore ricercato sin dalle prime frasi !
Interessantissimo e ben esposto tutto quanto , conserverò quanto letto tra le cose da tenere a mente.
Sono realmente dispiaciuto che siano sempre necessarie situazioni estreme come la tua per far aprire gli occhi alle persone .
La considerazione che faccio è : Tu hai avuto le capacità di renderti conto di alcune cose senza far uso dei commenti vari apostati e quantaltro (a prescindere dalle cause ) ma tutti quegli altri poveri disgraziati ? Alcuni , ho letto , hanno sceto di fare degli approfondimenti di gruppo . Peccato che ci sia una grande massa che non capirà e non potrà mai conoscere la verità su tanti casi come il tuo . Comunque ci sono sicuramente molti tuoi ex che ti possono leggere qui e speriamo che , aggiungenndo anche questa esperienza , si possano aiutare a vivere una vita migliore e più onesta.
Magari non lasceranno la setta ma sicuramente potrebbero cominciare a ragionare usando le proprie capacità e non le direttive altrui.
Avatar utente
luca(68)
Utente Junior
 
Messaggi: 276
Iscritto il: 27/08/2009, 23:56
Località: S.Vito al Tagliamento

Messaggiodi Trianello » 15/11/2009, 16:29

Ho letto anche io la tua storia con sommo interesse, anche se l'epilogo mi lascia molto perplesso. Ho studiato i fenomeni spiritici per parecchio tempo e non ho vi ho mai trovato nulla di "miracoloso", bensì tanta auto-suggestione condita con una dose massiccia di pensiero auto-confermativo. Ritengo altresì semplicemente "bizzarra" l'idea di poter trovare nella Bibbia conferme alle concezioni gnostico-esoteriche di cui oggi sei un fautore (cosa che risulta inammissibile leggendo i testi che la compongono sotto un'ottica storico-critica) Questo a prescindere dal fatto che da "tomista" ritengo assolutamente inconsistente da un punto di vista metafisico la dottrina della metemsomatosi. Comunque, auguri per il tuo percorso spirituale, anche se un po' naif (dal mio punto di vista, si intende).
Presentazione

Deus non deserit si non deseratur

Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Master
 
Messaggi: 3356
Iscritto il: 10/06/2009, 22:45

Messaggiodi Mario70 » 15/11/2009, 16:50

Andrea Cinel ha scritto:Ringrazio Emma (a cui voglio un gran bene) e Mario. Ringrazio anche tutti gli altri, che, mossi sicuramente da motivi sinceri, mi hanno dato i loro suggerimenti e consigli. E' evidente che con alcuni concordo ma con altri no. Comprendo tutta la vostra riluttanza e paura nei confronti dello spiritismo, ma permettetemelo: io vivo personalmente ciò di cui parlo, probabilmente voi reagite in base a ciò che avete letto o sentito. Come Emma ha suggerito, questo percorso mi ha reso migliore di prima, per abbandonarlo devo trovare qualcosa di ancora superiore, ma finora non è stato così.
Voi credete nei miracoli, io li ho visti. Voi credete all'esistenza degli angeli, io ci parlo. Voi credete nel Signore, io ho passato in sua compagnia intere giornate. Parlo con Dio Padre personalmente, e lui mi risponde. La sua mano mi ha accarezzato molte volte. Con cosa dovrei barattare tutto questo? Con la razionalità? La logica umana? Mi risulta difficile. Preferisco essere considerato un pazzo, un irrazionale da chi non capisce piuttosto che essere considerato uno stolto da chi mi ha creato e mio chiama suo figlio.
Ma non giudico nessuno di voi per la scelta che ha fatto. Perché di percorsi, per raggiungere la propria pace interiore ce ne sono molti, ad ognuno il suo. E in questo siamo tutti fratelli e sorelle. L'importante è che ognuno continui a crescere e perfezionarsi.
Vi voglio bene, Andrea.


Dove si porrebbe la tua attuale credenza?
Da quanto hai scritto sembra un miscuglio tra gnosticismo, scientology, new age e raeliani...
Nella mia passata esperienza tra i tdg, in predicazione, ho conosciuto molte persone che credevano in cose simili alle tue, una cosa avevano in comune ed era lo sguardo...
Da iper razionale quale sono sempre stato, erano le uniche volte che percepivo che qualcosa non andava... la sensazione che provavo era strana, all'epoca la affibiavo all'influenza satanica, oggi non saprei, forse mi sentivo così solo perchè quanto mi si prospettava era appunto irrazionale.
Mi sono sempre approcciato alla fede in maniera "scientifica" e razionale, lo studio sempre prima di tutto, non mi sono mai lasciato andare dall'emotività proprio per l'esperienze che ho passato, tutte queste persone erano straconvinte di parlare con Dio o gli spiriti o lo Spirito Santo ecc... ma le loro credenze a volte erano contrastanti l'uno con l'altro, allora chi aveva ragione?
Questi spiriti birichini si divertivano ad insegnare cose diverse ad ognuno?
Loro mi dicevano di mettere alla prova lo Spirito perchè solo così mi sarei convinto, la stessa cosa però dovevano risolverla tra loro, chiedendo ai loro spiriti perchè dicevano cose diverse ai loro "seguaci".
Credo che il cervello delle volte faccia brutti scherzi, ecco perchè preferisco approcciarmi in maniera diversa alle cose spirituali, ma questa è solo la mia esperienza.
Ciao
Mario
«Ortodossia vuol dire non pensare, non aver bisogno di pensare. Ortodossia e inconsapevolezza son la stessa cosa.»

(1984) George Orwell
Avatar utente
Mario70
Utente Gold
 
Messaggi: 6061
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

Messaggiodi Sal80 » 15/11/2009, 17:52

Andrea: Dal momento che l’emorragia era grave, all’interno delle congregazioni della zona furono fatte circolare delle vere e proprie calunnie sul conto mio e del mio amico. Sapere della nostra disassociazione per apostasia, nonché di altri pionieri e servitori di ministero ritenuti esemplari, aveva suscitato non poca curiosità fra quelli che erano rimasti dentro. Diversi di loro ci contattarono per chiedere chiarimenti. Così, approfittando del fatto che in quel periodo mia moglie era al mare con i bambini, fu messa in giro la voce che ero stato dissociato per adulterio con una pioniera regolare (anche lei dissociata per apostasia). Non potendo fare lo stesso col mio amico, di lui fu detto che picchiava la moglie e la maltrattava.


Che maniere subdole che usano per confondere le acque. Certo, così i fratelli vengono tenuti a bada in modo che non si facciano troppe domande. Sono contento che alla fine sei potuto uscirne. Anche se, secondo la mia opinione, l`uscita non é un traguardo, bensì è l`inizio delle domande vere.

Cosa ne pensi dell`ipnosi? Sai che a volte degli ipnotizzatori possono far credere ad altri qualunque cosa? Non prenderla come una domanda diretta a te, ma vorrei sapere solo una tua opinione.
Ci sono due errori che si possono fare lungo la via verso la verità...non andare fino in fondo, e non iniziare.
Confucio

Presentazione
Avatar utente
Sal80
Utente Senior
 
Messaggi: 993
Iscritto il: 16/07/2009, 17:42
Località: Friburgo (Germania)

Rispondo a Mario70

Messaggiodi Andrea Cinel » 15/11/2009, 19:39

Quanto dici è senz'altro vero. Capita spesso anche a me e ai miei amici. Ad ognuno viene riservato un messaggio personale, in base alla propria capacità di comprendere e al compito che deve svolgere in questa esistenza. Ciò che insegnano sembra a volte contradditorio, specie se lo confronti con quanto dicono agli altri. Ma è solo perchè è il nostro bisogno ad essere singolare. Potresti fare lo stesso ragionamento con le Scritture: sono uniche, ma dalla stessa fonte si ricavano pensieri e interpretazioni diverse. Ad ognuno il suo, per me prova dell'interesse personale che Dio ha nei confronti di ciascuno di noi.
Andrea Cinel
 

Rispondo a Sal80

Messaggiodi Andrea Cinel » 15/11/2009, 19:43

Non ho mai sperimentato l'ipnosi, per cui non so aiutarti molto. Ho più volte chiesto in merito ad essa, e mi è stato detto che con l'ipnosi si regredisce alle esistenze precedenti, venebdo a volte a conoscenza di episodi poco piacevoli già vissuti e che, ricordare ora, porterebbe solo ad aumentare il dolore. Non spetta a me dirti se farlo o no, è una tua scelta, che io rispetto comunque.
Andrea Cinel
 

Messaggiodi Mario70 » 15/11/2009, 19:55

Andrea Cinel ha scritto:Quanto dici è senz'altro vero. Capita spesso anche a me e ai miei amici. Ad ognuno viene riservato un messaggio personale, in base alla propria capacità di comprendere e al compito che deve svolgere in questa esistenza. Ciò che insegnano sembra a volte contradditorio, specie se lo confronti con quanto dicono agli altri. Ma è solo perchè è il nostro bisogno ad essere singolare. Potresti fare lo stesso ragionamento con le Scritture: sono uniche, ma dalla stessa fonte si ricavano pensieri e interpretazioni diverse. Ad ognuno il suo, per me prova dell'interesse personale che Dio ha nei confronti di ciascuno di noi.


Non è che sembrano contraddittorie, lo sono!
Ad esempio il mormone è convinto di parlare con lo Spirito santo e te lo posso confermare personalmente avendo studiato molto con loro, ma anche altri come un seguace non mi ricordo più di cosa era convinto di parlare con questo spirito, anche il pentecostale è convinto, ma se analizzi le tre religioni cosa ne ricavi?
Altro che contraddizioni!
Mettiti nei miei panni, cosa ne dedurresti?
ciao
«Ortodossia vuol dire non pensare, non aver bisogno di pensare. Ortodossia e inconsapevolezza son la stessa cosa.»

(1984) George Orwell
Avatar utente
Mario70
Utente Gold
 
Messaggi: 6061
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

buona fortuna

Messaggiodi cristiano59 » 15/11/2009, 20:27

la tua è una testimonianza straordinaria ma al tempo stesso veramente shoccante che dimostra i mostruosi ingranaggi di questa pseudo organizzazione religiosa.Capisco il percorso che stai seguendo perchè è capitato anche a me,ma alla fine di questa tua ricerca vedrai che troverai sempre Lui ad attenderti.In bocca al lupo,Andrea veramente di cuore. :non mollare:
cristiano59
 

Rispondo a Mario70

Messaggiodi Andrea Cinel » 16/11/2009, 4:17

Innanzittutto un grazie a Cristiano. Per quanto riguarda la tua domanda, devo fare una precisazione. Anch'io ho frequentato, un po' per curiosità, altre religioni, come i pentecostali. Ma quando dico che a ognuno è riservato un messaggio diverso e che se confrontati sembrano contraddittori, non mi riferisco alle religioni, ma ai singoli individui. Il mio è un percorso personale, senza la guida spirituale di qualche altro uomo o gruppo religioso. Il mio unico maestro e condottiero è Cristo. Il mio unico Padre e Creatore è Yhawé. Non ho bisogno di altro. Trovo nel mio caso vere queste parole: "E quanto a voi, l'unzione che avete ricevuto da lui rimane in voi e non avete bisogno che alcuno vi ammaestri; ma come la sua unzione vi insegna ogni cosa, è veritiera e non mente, così state saldi in lui, come essa vi insegna" - 1 Giovanni 2:27. vedi anche Ebrei 8:11 e Geremia 31:34.
Andrea Cinel
 

Messaggiodi Blauauge1 » 16/11/2009, 12:50

Andrea Cinel ha scritto:Innanzittutto un grazie a Cristiano. Per quanto riguarda la tua domanda, devo fare una precisazione. Anch'io ho frequentato, un po' per curiosità, altre religioni, come i pentecostali. Ma quando dico che a ognuno è riservato un messaggio diverso e che se confrontati sembrano contraddittori, non mi riferisco alle religioni, ma ai singoli individui. Il mio è un percorso personale, senza la guida spirituale di qualche altro uomo o gruppo religioso. Il mio unico maestro e condottiero è Cristo. Il mio unico Padre e Creatore è Yhawé. Non ho bisogno di altro. Trovo nel mio caso vere queste parole: "E quanto a voi, l'unzione che avete ricevuto da lui rimane in voi e non avete bisogno che alcuno vi ammaestri; ma come la sua unzione vi insegna ogni cosa, è veritiera e non mente, così state saldi in lui, come essa vi insegna" - 1 Giovanni 2:27. vedi anche Ebrei 8:11 e Geremia 31:34.


Ciao Andrea,
ho letto con interesse la tua storia e sono curioso del tuo nuovo percorso spirituale.
Volevo chiederti: mi è sembrata troppo repentina la tua decisione di dimetterti da anziano, indichi ad un certo punto che "sei scoppiato", quasi a non voler prolungarti sulla questione.

Poi m' interessava sapere qualcosa sul tuo approccio al mondo spirituale : dici di parlare con Dio e con gli angeli e tutto è cominciato con la lettura di un libro.
Blauauge1
 

Messaggiodi shadow » 17/11/2009, 20:30

Ho letto con molto piacere la tua storia, caro Andrea...!
Che dire....sei stato un grande!! :bravo:
Avatar utente
shadow
Nuovo Utente
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 17/07/2009, 18:00
Località: Alba

molto interessante

Messaggiodi Smash88 » 20/11/2009, 19:45

:appl: :bravo: :bravo: :appl:

chiedo il permesso di poter stampare la tua esperienza, penso che mi tornerà molto utile quando affronterò il discorso con mio padre anziano
complimenti davvero, sei una persona di gran cuore e carisma
Avatar utente
Smash88
Nuovo Utente
 
Messaggi: 29
Iscritto il: 26/10/2009, 19:52

Rispondo a Smash

Messaggiodi Andrea Cinel » 21/11/2009, 17:52

Permesso accordato. E questo vale per chiunque lo voglia fare. Se ho deciso di rendere pubblica la mia esperienza, dopo oltre 5 anni dalla disassociazione, è proprio perché voglio che sia reso noto a più persone possibili cosa accade in quell'organizzazione. E non solo per parlare male, ma per dire le cose effettivamente come stanno. Ovviamente l'esperienza è scritta in termini generali, contiene pochi episodi. Vi sono molti dettagli che non ho ancora reso pubblici ma che spero nel tempo di ruiscire a fare.
Andrea Cinel
 


Torna a Esperienze vissute

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici