Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

TdG muore a 27 anni

Segnalazioni di giornali, riviste, trasmissioni radio-televisive che riguardino i TdG

Moderatore: Cogitabonda

Messaggiodi Quixote » 25/10/2016, 16:58

Vieri ha scritto:A me questa definizione di: "simboli del corpo e del sangue di Cristo "....non mi convince per niente e per me non è più o meno la stessa cosa che considerarlo come tale e quindi di "bere sangue" ?


Infatti le due cose sono in contraddizione. Ma sai com’è, quando si parla di vino… vedo che quello che beve VictorVonDoom non è migliore di quel che beve Valentino :risata: . Entrambi perdoneranno la metafora – un simbolismo, appunto – in quanto poi è errata: sia Victor che Valentino non bevono affarro male, anzi bevono entrambi chiaro e cristallino. Solo che, parlando e interpretando la mentalità dei tempi di Cristo, bevono Chianti e Barolo, mentre per capire come pensavano, e quel che erano, bisogna (immaginare di) bere Falerno e quel di Chio. Fuor di metafora, l’anacronismo è facile, se interpretiamo come ragionavano i proto-cristiani, invece che con le loro, con le nostre categorie mentali; le nostre categoriere mentali presuppongno Berkeley, Kant, Hegel, e l’idealismo di secoli a noi vicini, che è cosa ben diversa da quello platonico e antico in generale.

Ora è chiaro che un certo simbolismo esistesse anche in antico: se mi dai da bere del vino, dicendo che è sangue di Cristo, è ovvio che io mi accorga che non sto bevendo sangue, e questo avveniva anche due millenni fa. Ma è la percezione dell’atto (etim. fantasia), che era diversa. Ora appunto quando noi diciamo ‘fantasia’, diciamo modernamente immaginazione, illusione. Ma in greco vale appunto un concreto e materiale modo di sentire la realtà; le nostre parole sono mutate di senso, cosí come i nostri atti, e il modo di percepirli.

Sull’assurdità semantica di quel “significa il mio corpo”, rimando al thread citato nel mio post precedente, ove ne parlo in piú post, ove fra l’altro ho scritto:

Proprio questo è il punto: cosa dice il testo greco? dice è, non dice significa; se il greco avesse voluto adoperare il termine ‘significare’ lo poteva fare, perché ha verbi specifici; perché non lo ha fatto? evidentemente perché Gesù ha adoperato, in aramaico, una espressione che il greco rendeva meglio con ‘essere’ che con ‘significare’. Qui il campo semantico di italiano e greco coincide, per cui cambiare verbo, interpretarlo, è tradire quello che Gesù ha detto, né più né meno; tant’è che facendo come in matematica la prova inversa, traducendo dall’italiano in greco antico l’espressione «significa il mio corpo» dovremmo tradurre con dunamai, e non con eimi; ergo se gli studenti biblici vogliono dire quello che dice il testo greco, devono tradurre con ‘essere’ e non con ‘significare’.
Καὶ ἠγάπησαν οἱ ἄνθρωποι μᾶλλον τὸ σκότος ἢ τὸ φῶς.
E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce.
GIOVANNI, III, 19. (G. Leopardi, La ginestra, esergo)
======================================
Primo postPresentazioneStaurós: palo o croce? (link esterno)
Avatar utente
Quixote
Moderatore
 
Messaggi: 3979
Iscritto il: 15/08/2011, 22:26
Località: Cesena

Messaggiodi VictorVonDoom » 25/10/2016, 17:09

Vieri ha scritto:
Miii ma sei proprio ignorante in fatto di TdG, nel senso che ignori :ironico: :ironico:

La transustanziazione non fa parte delle dottrine dei TdG, e loro intendono quel passo biblico in "questo SIGNIFICA il mio corpo... sangue" non "questo E' il mio corpo... sangue". Vengono considerati simboli del corpo e del sangue di Cristo, che avrebbe donato di li a poco. Cosa che a mio avviso, nell'ambito di questo leggendario e fantasioso racconto, ha più senso del fatto che pane e vino si trasformino letteralmente in carne e sangue.... ma tant'è. Stiamo parlando di chi è più forte tra Jeeg Robot e Mazinga Zeta, per me :ironico: :ironico: :ironico:

Si, si è vero, lo ammetto, non sono andato mai in giro a predicare ma spesso la domenica in chiesa.....e quindi mai un tdg.... :risata: :risata:

Sono qui per imparare.... ma visto che loro spezzano sempre il capello in 4 sulla faccenda del sangue facendo anche lunghe disquisizioni fra globuli rossi, bianchi, piastrine, ecc,. ecc,.....lo faccio allora anch'io .... :ironico: visto che sono così ligi sul sangue.....

A me questa definizione di: "simboli del corpo e del sangue di Cristo "....non mi convince per niente e per me non è più o meno la stessa cosa che considerarlo come tale e quindi di "bere sangue" ?
Simbolo (definizione):
Elemento concreto, oggetto, animale o persona, a cui si attribuisce la possibilità di evocare o significare un valore ulteriore, più ampio e astratto rispetto a quello che normalmente rappresenta.......

Quindi alla fine per me tutta questa "rappresentazione" è una completa falsità, ...posso dirlo...... :boh:

PS. Poi sapere chi si prende l'ostia o il vino è un fatto privato di sentirsi "unto,....." o qualcuno degli anziani lo autorizza prima ?.....
:strettamano:


No scusa non c'entra nulla eh con tutto il rispetto... non è che se mi prendo una fede nuziale sono sposato.
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 1434
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi VictorVonDoom » 25/10/2016, 17:26

Quixote ha scritto:
Vieri ha scritto:A me questa definizione di: "simboli del corpo e del sangue di Cristo "....non mi convince per niente e per me non è più o meno la stessa cosa che considerarlo come tale e quindi di "bere sangue" ?


Infatti le due cose sono in contraddizione. Ma sai com’è, quando si parla di vino… vedo che quello che beve VictorVonDoom non è migliore di quel che beve Valentino :risata: . Entrambi perdoneranno la metafora – un simbolismo, appunto – in quanto poi è errata: sia Victor che Valentino non bevono affarro male, anzi bevono entrambi chiaro e cristallino. Solo che, parlando e interpretando la mentalità dei tempi di Cristo, bevono Chianti e Barolo, mentre per capire come pensavano, e quel che erano, bisogna (immaginare di) bere Falerno e quel di Chio. Fuor di metafora, l’anacronismo è facile, se interpretiamo come ragionavano i proto-cristiani, invece che con le loro, con le nostre categorie mentali; le nostre categoriere mentali presuppongno Berkeley, Kant, Hegel, e l’idealismo di secoli a noi vicini, che è cosa ben diversa da quello platonico e antico in generale.

Ora è chiaro che un certo simbolismo esistesse anche in antico: se mi dai da bere del vino, dicendo che è sangue di Cristo, è ovvio che io mi accorga che non sto bevendo sangue, e questo avveniva anche due millenni fa. Ma è la pecezione dell’atto (etim. fantasia), che era diversa. Ora appunto quando noi diciamo ‘fantasia’, diciamo modernamente immaginazione, illusione. Ma in greco vale appunto un concreto e materiale modo di sentire la realtà; le nostre parole sono mutate di senso, cosí come i nostri atti, e il modo di percepirli.

Sull’assurdità semantica di quel “significa il mio corpo”, rimando al thread citato nel mio post precedente, ove ne parlo in piú post, ove fra l’altro ho scritto:

Proprio questo è il punto: cosa dice il testo greco? dice è, non dice significa; se il greco avesse voluto adoperare il termine ‘significare’ lo poteva fare, perché ha verbi specifici; perché non lo ha fatto? evidentemente perché Gesù ha adoperato, in aramaico, una espressione che il greco rendeva meglio con ‘essere’ che con ‘significare’. Qui il campo semantico di italiano e greco coincide, per cui cambiare verbo, interpretarlo, è tradire quello che Gesù ha detto, né più né meno; tant’è che facendo come in matematica la prova inversa, traducendo dall’italiano in greco antico l’espressione «significa il mio corpo» dovremmo tradurre con dunamai, e non con eimi; ergo se gli studenti biblici vogliono dire quello che dice il testo greco, devono tradurre con ‘essere’ e non con ‘significare’.


Ma la dottrina dei TdG è piena di assurdità, solo che il TdG "leale" si informa e si fida SOLO di quello che esce dalle rotative, ora dai server, della WT. Ogni informazione o prova "esterna" è del mondo di Satana, quindi se contraddice l'intendimento "del momento" del CD è stata falsificata dagli agenti demonici o dal diavolo in... persona. :ironico:
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 1434
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Victor ?

Messaggiodi Vieri » 25/10/2016, 18:14

Scusami una cosa ?
No scusa non c'entra nulla eh con tutto il rispetto... non è che se mi prendo una fede nuziale sono sposato.

Mi dovresti spiegare allora che se la fede nunziale è un SIMBOLO di matrimonio per quale ragione dovrei mettermelo al dito se non lo sono?
Di forma di anelli ce ne sono tanti ma quello tipico identifica proprio il fatto di essere sposato.
Non per niente nei film chi vuol fare il "galletto" se lo toglie ...? :risata: :risata:

Quindi se il calice del vino in QUEL CASO rappresenta il sangue di Cristo è come bere (simbolicamente) il sangue di Cristo e quindi bevendo "sangue" compiere sempre peccato......
Poi detto tra noi, come al solito ci sono sempre opinioni tali che..... :mirror:
:ciao:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5532
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Victor ?

Messaggiodi Vieri » 25/10/2016, 18:14

Scusami una cosa ?
No scusa non c'entra nulla eh con tutto il rispetto... non è che se mi prendo una fede nuziale sono sposato.

Mi dovresti spiegare allora che se la fede nunziale è un SIMBOLO di matrimonio per quale ragione dovrei mettermelo al dito se non lo sono?
Di forma di anelli ce ne sono tanti ma quello tipico identifica proprio il fatto di essere sposato.
Non per niente nei film chi vuol fare il "galletto" se lo toglie ...? :risata: :risata:

Quindi se il calice del vino in QUEL CASO rappresenta il sangue di Cristo è come bere (simbolicamente) il sangue di Cristo e quindi bevendo "sangue" compiere sempre peccato......
Poi detto tra noi, come al solito ci sono sempre opinioni tali che..... :mirror:
:ciao:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5532
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi VictorVonDoom » 25/10/2016, 18:41

Vieri ha scritto:Scusami una cosa ?
No scusa non c'entra nulla eh con tutto il rispetto... non è che se mi prendo una fede nuziale sono sposato.

Mi dovresti spiegare allora che se la fede nunziale è un SIMBOLO di matrimonio per quale ragione dovrei mettermelo al dito se non lo sono?
Di forma di anelli ce ne sono tanti ma quello tipico identifica proprio il fatto di essere sposato.
Non per niente nei film chi vuol fare il "galletto" se lo toglie ...? :risata: :risata:

Quindi se il calice del vino in QUEL CASO rappresenta il sangue di Cristo è come bere (simbolicamente) il sangue di Cristo e quindi bevendo "sangue" compiere sempre peccato......
Poi detto tra noi, come al solito ci sono sempre opinioni tali che..... :mirror:
:ciao:


Ma stiamo cercando di razionalizzare un argomento che per sua stessa natura è irrazionale? :boh:
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 1434
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Si, caro Victor,.....

Messaggiodi Vieri » 25/10/2016, 19:34

Cerchiamo, con la nostra buona volontà di capire l'irrazionale idea di non donare o usare il sangue come fonte di vita contraddicendo alla grande il Vangelo che dice che non c'è amore più grande che dare la propria vita per i tuoi amici......
Ma ovviamente senza riuscirci.... :ironico:
Buona serata...
:strettamano:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5532
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Achille » 29/10/2016, 11:19

"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 12235
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Achille » 01/11/2016, 17:51

Altro articolo sulla morte di questa povera ragazza:

http://www.macleans.ca/news/a-jehovahs- ... -devotion/
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 12235
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Valentino » 02/11/2016, 11:10

Quixote ha scritto:Ma poichè non chiedevo se le mie osservazioni fossero corrette, o meno, in senso generale, ma se lo fossero rispetto ai testimoni di geova, non ho ben compreso le obiezioni di Valentino, che potrei forse accettare al di fuori di un ottica geovista, ma non all’interno di essa. Quindi le sue obiezioni non mi toccano, e potrei ignorarle, persino se fossero fondate. Sennonché fondate non sono, e siccome si tratta di problemi marginali, e non prettamente pertinenti al tema, mi limiterò a rispondere a tre di esse:


Non capisco perché definisci il mio intervento "obiezioni". La questione se le tue osservazioni fossero corrette rispetto ai tdG non era quella che mi interessava. Ho parlato di altro. A fronte dei testi evangelici è esistito, storicamente, un cristianesimo che rifiutava l'uso alimentare del sangue? La risposta è si ovviamente.

Quixote ha scritto:La logica occidentale, di matrice aristotelica, prescrive che A sia uguale a B, o sia diverso. Ergo, se parte delle scritture sacre prescrivono di astenersi dal sangue, ma parte dicono di berlo e consumarlo, le scritture sono in contraddizione con se stesse. Tertium non datur.


E siamo perfettamente d'accordo, nel senso che posso ammettere, in linea di principio, che due vangeli canonici possano essere in contraddizione. Io sollevavo un'altra questione. Il redattore di Atti 15 è lo stesso redattore di Luca 22:20 (testo che appartiene alla tradizione sinottica): se Luca 22:20 non ci comunica una metafora ed allude ad un uso alimentare del sangue (nel caso specifico il "sangue" di Cristo) dobbiamo dedurne che il redattore è in contraddizione con se stesso. In realtà se "Luca" (chiunque egli fosse) ed i "cristiani lucani" come attesta Atti 15 si opponevano all'uso alimentare del sangue (a prescindere dalle possibili motivazioni a monte) posso dedurne che i riferimenti al "sangue di Cristo" venivano intesi, quantomeno all'interno della comunità lucana, in senso metaforico.

Quixote ha scritto:A dirtela schietta, come il vino impone, di chiaro e cristallino non c’è nemmeno quello che hai bevuto per scrivere questa oscenità storica, della quale è evidente solo l’esecuzione ad orecchio; cfr. viewtopic.php?p=272401#p272401:

[…] gli antichi avevano un’idea diversa dalla nostra della differenza di ciò che è simbolico da ciò che è materiale. Basti dire che ancora nel Rinascimento il guardare negli occhi l’amata era visto come un effettivo passaggio di “atomi”, diremmo quasi oggi, dalla figura dell’amata al cuore del contemplante. Ancora poco prima del ’600, quando Shakespeare dice di Rosalina che sfugge l’assalto degli occhi di Romeo, intende una cosa molto più materiale di quanto noi non pensiamo. Ora a noi non interessa che non vi sia materialità in uno sguardo. Quello che ci interessa è che quando Gesú dice «Questo è il mio corpo» effettivamente lui lntende, secondo le concezioni dell’epoca, un atto materiale e non simbolico. Lo stesso di Sordello, quello del canto sesto del Purgatorio di Dante, quando dice in una sua poesia che vuol dar da mangiare il cuore del prode ser Blacatz, appena morto, ai re pavidi dell’epoca, perché riaquistino valore. Atto di “cannibalismo” che ci può disgustare, nella nostra limitata razionalità, che non avverte il valore rituale, per nulla simbolico, del transfert, che non va visto in termini di simbolo, alla Freud o alla Jung, ma secondo le concezioni dell’epoca, pena il fraintendimento totale.


Dicendo "gli antichi" hai detto tutto e niente. Non discuto ovviamente il fatto che la nostra concezione del simbolico sia differente dalla concezione che altri popoli ed in altri tempi potevano avere. Il punto semmai è che dovresti in qualche modo attestare quale fosse la concezione del simbolico all'interno di una specifica cultura in un dato tempo, nella fattispecie quella in oggetto, ovvero la cultura giudeo-ellenistica del primo secolo. Ancora più in particolare si dovrebbe innanzitutto stabilire se è verosimile che Gesù abbia pronunciato quelle parole e quale valore si può attribuire loro. Dato per scontato che Gesù abbia pronunciato quelle parole sai dirmi qual'era la concezione ebraica del primo secolo di un galileo rispetto all'uso delle metafore?

Quixote ha scritto:Senza contare che Tertulliano fosse un eretico


Eretico lo divenne dopo. La citazione che ti ho riportato risaliva all'epoca della sua "ortodossia".

Quixote ha scritto:Minucio un mezzo pagano


Un po come tutti gli apologisti.

Quixote ha scritto:e gli Atti non probanti a definire un cristiano, sic et semper, se non in una logica di sola scriptura.


Ed infatti non era affatto mia intenzione affermare che gli Atti siano "probanti a definire un cristiano sic et semper" ma semplicemente che il dittico Luca-Atti rappresenta una attestazione cristiana antica che si oppone in maniera evidente all'uso alimentare del sangue. A meno che "Luca" non sia in contraddizione con se stesso posso dedurne che almeno questo redattore e la comunità cristiana che usava il suo dittico si opponeva all'uso alimentare del sangue e considerava metaforiche le parole di Gesù.
Presentazione: viewtopic.php?f=7&t=17403
“Se mi si riesce a convincere, provandomi che le mie idee e le mie azioni sono scorrette, sarò felice di cambiare, perché ciò che io cerco è la verità, dalla quale nessuno ha mai ricevuto danno, mentre lo riceve chi persevera nel proprio errore e nella propria ignoranza.” (Marco Aurelio)
Avatar utente
Valentino
Utente Senior
 
Messaggi: 1477
Iscritto il: 15/01/2014, 6:40

Messaggiodi Achille » 02/11/2016, 12:16

Altro articolo (in francese) in cui si parla del decesso di questa donna:

http://www.journaldemontreal.com/2016/1 ... et-le-sang

Vi si citano altri precedenti.
Si fa anche notare che nel Québec il numero dei TdG è diminuito dal 1991.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 12235
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Achille » 15/11/2016, 12:29

"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 12235
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Achille » 05/12/2016, 12:37

Si è tenuta una cerimonia per ricordare il decesso di questa giovane madre:

http://www.cbc.ca/news/canada/montreal/ ... -1.3880248

Morta per ubbidire alle deliranti interpretazioni bibliche di una setta...
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 12235
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Testimone di Cristo » 07/12/2016, 14:34

Achille ha scritto:Si è tenuta una cerimonia per ricordare il decesso di questa giovane madre:

http://www.cbc.ca/news/canada/montreal/ ... -1.3880248

Morta per ubbidire alle deliranti interpretazioni bibliche di una setta...


Ciao
Certo che , quando penso a quante vittima ha fatto la wts, per il sangue, trapianti , vaccinazioni, nonchè quelle che sono vittime ogni giorno dell'ostracismo, e dal quale altri si sino tolti la vita, considero che il condizionamento psicologico che ha questa organizzazione sui tdg è davvero forte, se i suoi affiliati continuano a seguirla imperterriti, nonostante che essa continua a demolire, ribaltare e cestinare "la sua verità" ciò che sostiene tempo addietro .
Il condizionamento è davvero forte su di loro, poichè , una persona che ha un suo senso critico , credo che scenderebbe da un Autobus ,accorgendosi che alla guida vi è un autista che ha dimostrato di non saper guidare, facendo numerosi tamponamenti , nonchè dimostra di non conoscere la strada da percorrere.
Perciò dico , che una persona assennata, riflessiva, con senso critico, non affiderebbe o smetterebbe di affidare la sua esistenza e dei propri figli , nelle mani di persone che vanno alla cieca.
Ma nella mia esperienza con i tdg, essi replicano che è tutta luce progressiva, e ancora le loro parole sono : Il CD ci sta portando in un mondo nuovo.
Dico che è più che assurdo
Cordialità
Presentazione
Quanto ci Ama Gesù, Egli Donò la Sua Vita per noi
Luca 23,34 Gesù diceva: «Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno».
Testimone di Cristo
Utente Junior
 
Messaggi: 861
Iscritto il: 12/12/2014, 12:30
Località: Caserta

Piccola riflessione....

Messaggiodi Vieri » 07/12/2016, 15:51

Testimone di Cristo ha scritto:
Achille ha scritto:Si è tenuta una cerimonia per ricordare il decesso di questa giovane madre:
http://www.cbc.ca/news/canada/montreal/ ... -1.3880248
Morta per ubbidire alle deliranti interpretazioni bibliche di una setta...

Ciao
Certo che , quando penso a quante vittima ha fatto la wts, per il sangue, trapianti , vaccinazioni, nonchè quelle che sono vittime ogni giorno dell'ostracismo, e dal quale altri si sino tolti la vita, considero che il condizionamento psicologico che ha questa organizzazione sui tdg è davvero forte, se i suoi affiliati continuano a seguirla imperterriti, nonostante che essa continua a demolire, ribaltare e cestinare "la sua verità" ciò che sostiene tempo addietro .
Il condizionamento è davvero forte su di loro, poichè , una persona che ha un suo senso critico , credo che scenderebbe da un Autobus ,accorgendosi che alla guida vi è un autista che ha dimostrato di non saper guidare, facendo numerosi tamponamenti , nonchè dimostra di non conoscere la strada da percorrere.
Perciò dico , che una persona assennata, riflessiva, con senso critico, non affiderebbe o smetterebbe di affidare la sua esistenza e dei propri figli , nelle mani di persone che vanno alla cieca.
Ma nella mia esperienza con i tdg, essi replicano che è tutta luce progressiva, e ancora le loro parole sono : Il CD ci sta portando in un mondo nuovo.
Dico che è più che assurdo
Cordialità

Una volta avevo fatto un pensiero sui "martiri e sugli eroi".....

http://www.pensieri.info/sui--martiri-- ... eroi-.html

dove avevo fatto una divisone fra chi fosse un "martire" che sacrificava la PROPRIA vita per un ideale o per fede e "un eroe" che sacrifica la propria vita a beneficio di altri ......

Bene questa "madre" ha voluto fare la "martire"per essere coerente con la sua "religione"ma lasciando però una bimba piccola senza madre ......E' stato questo anche un "comportamento eroico" ?
Io dubiterei molto poichè per tutti i veri credenti e soprattutto per una madre PRIMA c'è la vita ed il bene dei figli e DOPO la nostra..... :boh:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5532
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Achille » 23/10/2017, 11:57

Achille ha scritto:Penso che dopo tragedie come questa non ci sia più nulla da dire. Ogni discorso, ogni critica, ogni approfondimento, qualsiasi altro argomento, non ha alcuna importanza di fronte ad un avvenimento del genere.
Questa tragedia riassume tutto il male del geovismo, tutto il suo fanatismo, tutto il suo fondamentalismo, tutta la sua irragionevolezza, tutta la sua inumana intransigenza.
Fatti come questo non deovo mai essere dimenticati ma devono sempre essere tenuti in mente per ricordare a tutti quanto sia mostruosa questa ideologia.
Mi stupisco un po' di come ci siano pochi commenti a questa notizia. Si passa oltre, parlando di cose secondarie od insignificanti.
Fermatevi qui e dite qualcosa per favore. :piange:
Fra qualche settimana dovrà essere reso noto il rapporto del coroner su questa tragica vicenda: http://www.tvanouvelles.ca/2017/10/16/u ... de-jehovah
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 12235
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Quixote » 05/03/2018, 10:47

Riapro il thread perché mi sono imbattuto nel rapporto del coroner canadese (fonte: https://www.lesoleil.com/actualite/dece ... ea3caddc6f). È a fine link, qui ne riporto la traduzione di Google, adattandola nei punti piú confusi.

===

PIÙ DI 10 RIFIUTI ALLA TRASFUSIONE

5 ottobre, 0:15
Eloise dice ai dottori, di fronte all'ostetrica e al suo coniuge, che preferisce morire piuttosto che ricevere emoderivati.

6-10 ottobre
Eloise è in stato semi-comatoso

6 ottobre
Eloise firma la sua ammissione [suppongo una ‘liberatoria’, come da prassi] e una nota afferma che rifiuta qualsiasi prodotto sanguigno.

6 ottobre
Prima di eseguire un taglio cesareo e mentre è solo con Eloise, l'anestesista annota che rifiuta qualsiasi prodotto sanguigno, e che non è ottenebrata in quel momento.

6 ottobre, 16:50
Il padre di Eloise, Alain Dupuis, mantiene il rifiuto alla trasfusione dopo essere stato informato della necessità di emoderivati.

6 ottobre, 20:00
Eloise discute con un medico e rifiuta una trasfusione anche in caso di conseguenza mortale.

6 ottobre 23:00
Il coniuge di Eloise, Paul-André Roy, rifiuta la trasfusione due volte, anche se comprede esserci la possibilità che ne derivi la morte.

7 ottobre 4:00
Un medico spiega ancora la situazione a Eloise e a suo marito, che rifiutano di nuovo la trasfusione.

7 ottobre, 16:35
Incontrato da un medico, il signor Roy rispetta le volontà di Eloise, nonostante nuove spiegazioni.

10 ottobre
I medici aumentano la sedazione di Eloise, che non è piú in grado di accettare o rifiutare le cure. Tuttavia ha un mandato in caso di incapacità [di intendere e volere], e mandatario è il coniuge.

10 ottobre, 22:00
Sapendo che sua moglie potrebbe morire, il signor Roy rifiuta che le sia dato sangue.

11 ottobre, 23:44
Il coniuge, in un nuovo incontro, rifiuta il trattamento. I genitori di Eloise sono presenti e il rifiuto è firmato nel dossier.

12 ottobre
Discussioni con la famiglia a piú riprese durante la notte

12 ottobre, 22:35
Constatato il decesso

Fonte: Rapporto del coroner
Καὶ ἠγάπησαν οἱ ἄνθρωποι μᾶλλον τὸ σκότος ἢ τὸ φῶς.
E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce.
GIOVANNI, III, 19. (G. Leopardi, La ginestra, esergo)
======================================
Primo postPresentazioneStaurós: palo o croce? (link esterno)
Avatar utente
Quixote
Moderatore
 
Messaggi: 3979
Iscritto il: 15/08/2011, 22:26
Località: Cesena

Messaggiodi pasqualebucca » 05/03/2018, 12:17

Testimone di Cristo ha scritto:
Achille ha scritto:Si è tenuta una cerimonia per ricordare il decesso di questa giovane madre:

http://www.cbc.ca/news/canada/montreal/ ... -1.3880248

Morta per ubbidire alle deliranti interpretazioni bibliche di una setta...


Ciao
Certo che , quando penso a quante vittima ha fatto la wts, per il sangue, trapianti , vaccinazioni, nonchè quelle che sono vittime ogni giorno dell'ostracismo, e dal quale altri si sino tolti la vita, considero che il condizionamento psicologico che ha questa organizzazione sui tdg è davvero forte, se i suoi affiliati continuano a seguirla imperterriti, nonostante che essa continua a demolire, ribaltare e cestinare "la sua verità" ciò che sostiene tempo addietro .
Il condizionamento è davvero forte su di loro, poichè , una persona che ha un suo senso critico , credo che scenderebbe da un Autobus ,accorgendosi che alla guida vi è un autista che ha dimostrato di non saper guidare, facendo numerosi tamponamenti , nonchè dimostra di non conoscere la strada da percorrere.
Perciò dico , che una persona assennata, riflessiva, con senso critico, non affiderebbe o smetterebbe di affidare la sua esistenza e dei propri figli , nelle mani di persone che vanno alla cieca.
Ma nella mia esperienza con i tdg, essi replicano che è tutta luce progressiva, e ancora le loro parole sono : Il CD ci sta portando in un mondo nuovo.
Dico che è più che assurdo
Cordialità


Inaccettabile, proprio inaccettabile, non lo posso proprio concepire morire perché ti viene ordinato dalle riviste o dagli anziani eppoi gli stessi dicono: è sempre una scelta personale.....se muori ovviamente.
Intanto si continua a morire, nel 2018, si continua a ostracizzare e tutto con il riconoscimento dei vari stati che considerano i tdg alla stregua di una normale religione, ma così non è.
Se ti fai la trasfusione sei emarginato e cacciato via, ma ti salvi la vita, al contrario se muori nessuno ti aveva obbligato!! e si come no.
Senza offesa per i tdg che leggeranno, a mio parere ci sono problemi di carattere mentale in questi soggetti, gravi e tali da pregiudicare la propria esistenza o dei propri figli se essi sono minorenni.
Per dirla con l'Evangelo: Gesù è il Signore e lui dona la Vita, solo lui decide quando è il momento e solo lui ha fatto il proprio sacrificio donando il suo Sangue per noi, noi NON siamo nessuno per decidere di dover morire in nome di una organizzazione terrena autoproclamata.
Che tristezza, pregherò per la morta.
Amen
Avatar utente
pasqualebucca
Utente Junior
 
Messaggi: 827
Iscritto il: 05/02/2017, 16:01

Messaggiodi Quixote » 05/03/2018, 18:23

Non è con le demonizzazioni che si può controbattere ad assurde superstizioni prepagane. La vicenda ha avuto un séguito. L’episodio ha avuto ripercussioni emotive, e suscitato pesanti critiche, in Canada, e particolarmente nel Quebec. Il marito, Paul-André Roy (Dio lo perdoni, perché se la moglie era colpevole di seguire una falsa religione, aveva scelto di sua volontà: lui ha scelto per un altro essere umano, ed è non solo “suicida”, ma “omicida”; Yahweh non lo risvegli mai dalla sua illusione, perché io non saprei vivere con questo peso sulla coscienza), Paul-Andre Roy, dicevo, marito di Éloïse, dopo il tragico avvenimento, ha richiesto il dossier medico, non si capisce bene a che fine; certa stampa ha malignato che volesse citare i medici dell’Hotel Dieu, l’ospedale ove la moglie è deceduta; altri, piú sobriamente, hanno scritto che volesse riabilitare la figura sua e della moglie, attaccati pesantemente dai media, se non altro dai commenti rilasciati sotto le pagine che trattavano la triste vicenda.

In effetti poi, alla sua richiesta di accedere ai dossier, gli vennero opposti rifiuti. Sicché ha dovuto riccorrere alla Corte superiore per accedervi, con l’assistenza di un avvocato dei Testimoni di Geova, Sylvain Deschênes. Se l’abbia fatto, non tanto nelle sue intenzioni, per altro comprensibili, di trovare un capro espiatorio nell’èquipe medica, o per riabilitare la sua dignità, non potrei dire. Prego di non trovarmi mai in una simile situazione, a dover fare il processo delle mie intenzioni, sul sangue di un morto. Che altri, alle sue spalle, strumentalizzasse l’accaduto, per fini ignobili, non potrei né escluderlo, né includerlo, perché malgrado il mio poco o nullo rispetto delle motivazioni umane, non mi piace parlare per illazioni.

Sta di fatto che il verdetto del coroner sembra essersi rivelato decisivo, e non sembrano sussistere dubbi sul decorso degli avvenimenti. Dopo il ricorso ai media, avvenuto nell’estate del 2017 (Éloïse era morta nell’autunno precedente), il marito ha diffuso un comunicato nel novembre seguente (cosí almeno è datato il PDF da lui controfirmato) che recita quanto segue. Devo dire che è sobrio e dignitoso, e ne sono rimasto un po’ scosso, tanto da non lasciarlo tradurre da Google, e metterci del mio, per cercare di renderne meglio il senso:

La morte di Éloïse è una tragedia che ha sconvolto la nostra esistenza. Éloïse ci manca enormemente. Come ha notato il coroner nel suo rapporto, le scelte fatte da Éloïse riguardo le cure da riceversi sono state fatte in autonomia, e non sotto costrizione. Era una donna intelligente con convinzioni personali e profonde. Ha rifiutato le trasfusioni di sangue, non perché sia ​​stata costretta a farlo, ma per rispetto alle sue convinzioni a cui attribuiva gran valore. Comprendeva bene i rischi e i vantaggi delle trasfusioni di sangue cosi come i rischi e i vantaggi di altri trattamenti medici che le venivano prospettati. Aveva riflettuto sulle due due opzioni molto prima del parto, e vi ha riflettuto di nuovo per tutto il tempo della sua dura prova. Alla fine persistette nel suo desiderio di essere curata solo per mezzo di tecniche mediche diverse dalla trasfusione di sangue.
Dopo il parto, Éloïse ha continuato a sanguinare copiosamente. Per arrestare l’emorragia, l’èquipe ostetrica dovette infine ricorrere a un'isterectomia [asportazione dell’utero, non saprei dire se parziale o totale]. Dopo l'operazione, diverse strategie sono state adoperate per aumentare la sua efficienza globulare, sempre nel rispetto della sua volontà riguardo le trasfusioni di sangue. Éloïse è rimasta stabile, nonostante una grave anemia, e il team medico intravedeva una ripresa. Ahimè, Éloïse ha anche contratto un'infezione che si è diffusa in tutto il corpo. Alla fine è morta il 12 ottobre, circondata da suoi cari.
Durante la degenza ospedaliera di Éloïse, i membri del Comitato di Assistenza Sanitaria [fr. Comité de liaison hospitalier, istituito dalla WTS nel 1979, composto da anziani di Congregazione, se non erro Rocco Politi ha fatto parte della sua versione italiana] hanno fornito informazioni utili senza mai cercare di imporre la loro coscienza su Éloïse. La nostra famiglia li ringrazia per il loro aiuto e il loro sostegno in quel difficile momento.
Siamo grati al coroner per il lavoro che ha svolto. Ringraziamo, allo stesso tempo, l’équipe di terapia intensiva, che ha fatto tutto quanto in suo potere per aiutare Éloïse. Hanno messo in opera, con rapidità e decisione, strategie mirate al ristablimento, dopo il difficile e doloroso parto e dopo gli interventi chirurgici che aveva subito in séguito.

Paul-André Roy


Naturalmente la commozione, e la sincera fede che intravedo, non mi ottenebra. E se mi spiace e mi ripugna speculare su questa missiva pubblica, altro non scimiotto che chi ha speculato sulla stessa. Ne ammiro l’eleganza, lo stile, e la proprietà, ammiro anche la sincerità del marito che l’ha sottoscritta, e che mi ha turbato, perché mi turba l’ingenua fede di poveri diavoli. Ma non sono cosí fesso da non cogliere il sottinteso in una lettera destinata ai media, aduso come sono alla lettura di mille epistolari: questa è una lettera pubblica, e scritta o da un letterato, o da un medico, o da un avvocato. Gente insomma che sa meditare quello che scrive, che sa misurare le parole, ottenendo il massimo risultato col minimo sforzo. Nella fattispecie, il nome Jéhovah non viene mai pronunciato, anzi, nemmeno si accenna alle convinzioni religiose della morta. Si parla, genericamente, di «convinzioni personali e profonde». Si parla di «rischi e vantaggi» delle trasfusioni, di cui è davvero facile scoprire la fonte. Si parla di complicanze insorte, di un drastico intervento chirurgico che avrebbe segnato a vita, se fosse sopravissuta, la deceduta, minimizzando e illudendo sulle sue pessime condizioni, e ipotizzando persino una ripresa. Si parla poi del Comité de liaison hospitalier, di cui si desidererebbero note le competenze medico-terapeutiche, o almeno psicologiche, tacendone la matrice geovista. E si finisce con un generico ringraziamento, al coroner e all’èquipe medica, evidentemente non imputabile e attaccabile di alcunché. Dio perdoni anche me, per queste maligne riflessioni sul corpo di una giovane donna, morta per obbedire alle “sue” leggi.

Fonti principali:

http://www.journaldequebec.com/2017/07/ ... er-medical
https://www.lesoleil.com/actualite/just ... a9d2ed6719
https://ici.radio-canada.ca/regions/que ... re-Roy.pdf
Καὶ ἠγάπησαν οἱ ἄνθρωποι μᾶλλον τὸ σκότος ἢ τὸ φῶς.
E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce.
GIOVANNI, III, 19. (G. Leopardi, La ginestra, esergo)
======================================
Primo postPresentazioneStaurós: palo o croce? (link esterno)
Avatar utente
Quixote
Moderatore
 
Messaggi: 3979
Iscritto il: 15/08/2011, 22:26
Località: Cesena

Messaggiodi Socrate69 » 05/03/2018, 21:21

QXT, :quoto100: quello che scrivi, evidenziandone un passo che ritengo importante:
Il marito, Paul-André Roy (Dio lo perdoni, perché se la moglie era colpevole di seguire una falsa religione, aveva scelto di sua volontà: lui ha scelto per un altro essere umano, ed è non solo “suicida”, ma “omicida”; Yahweh non lo risvegli mai dalla sua illusione, perché io non saprei vivere con questo peso sulla coscienza)

Siamo comunque d'accordo (specie noi ex che sappiamo come stanno veramente le cose) che nonostante le conclusioni dell'inchiesta, la scelta non è stata libera in assoluto: è stata condizionata dall'insegnamento della WT sul sangue.
Quoto qui il pensiero di Poly, che ci stà tutto, espresso in un altro thread:
Sapete bene che usano un linguaggio studiato apposta per essere frainteso.
E' verissimo che la scelta di rifiutare il sangue è libera, basta che con "libero" intendiamo che questa scelta non è dettata da coercizione fisica. E' cioè vero che un TdG sceglie autonomamente di rifiutare il sangue. Ma si gioca su un equivoco: qualcuno potrebbe pensare che fare o non fare quella cosa sia "libero" nel senso che è indifferente per i precetti di quella religione. Invece è una libera scelta come può essere una libera scelta rubare in Italia: se decidi di farlo vieni punito. E, se decidi di prendere il sangue, ti fanno un bel comitato giudiziario e sei a rischio scomunica.
viewtopic.php?f=26&t=24357

C'è da chiedersi cosa avrebbe fatto la giovane madre e moglie se non ci fosse stato tale condizionamento...
L'ignorante afferma, il saggio dubita, il sapiente riflette - Aristotele

Presentazione
Avatar utente
Socrate69
Veterano del Forum
 
Messaggi: 3672
Iscritto il: 18/12/2013, 15:44

Messaggiodi Ray » 05/03/2018, 22:31

:triste:

28151430_346137379234029_4103166451836256256_n.jpg
28151430_346137379234029_4103166451836256256_n.jpg (82.02 KiB) Osservato 1292 volte
-
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11031
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi Achille » 12/06/2018, 17:50

Presentata una petizione sui gruppi settari in Canada: https://ici.radio-canada.ca/nouvelle/11 ... ns-jehovah

Traduzione automatica:

Agnes Maltais, membro del PQ, ha presentato una petizione di oltre 2500 nomi all'Assemblea nazionale chiedendo al Quebec di esaminare i limiti della libertà di religione e il problema dei gruppi confessionali .

Il membro, che lascia la politica questa settimana dopo 20 anni, porta all'Assemblea nazionale questo ultimo dibattito lanciato da Manon Boyer, la cui nipote Eloise Dupuis è morta dopo aver rifiutato una trasfusione di sangue .

Critico ufficiale dell'opposizione per la laicità, Agnès Maltais ritiene che, sotto l'apparenza della libertà di religione, alcune pratiche che sarebbero altrimenti considerate illegali sono tollerate. Chiede una commissione parlamentare per studiare questa domanda.

"Per favore, preoccupati per queste persone che sono negli eccessi settari, che vivono drammi incredibili, pressioni incredibili, abusi finanziari", ha detto.

Manon Boyer, da parte sua, sostiene che il Quebec deve esaminare questo argomento.

"È giunto il momento di parlare di questi problemi, per far luce sulle trasgressioni che sono inaccettabili per le nostre leggi e per i nostri valori fondamentali impegnati non solo dai testimoni di Geova, ma anche da altri movimenti settari sul nostro territorio. "

Eloise Dupuis, una Testimone di Geova, è morta nell'ottobre 2016 dopo aver rifiutato una trasfusione di sangue che avrebbe potuto salvarle la vita durante il parto.

Dopo la sua morte, il ministro della salute, Gaétan Barrette, ha tuttavia assicurato che la giovane madre aveva preso questa decisione senza subire pressioni esterne.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 12235
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Precedente

Torna a Rassegna stampa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici