Buone Feste (by MatrixRevolution)

Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Credere

Argomenti, temi e discussioni che sono già stati considerati nel forum.

Moderatore: Gocciazzurra

Credere

Messaggiodi Ray » 10/05/2018, 16:44

Il concetto del "credente".

Chi crede in un D-o o in una filosofia di vita che sia attraverso un libro o attraverso testimonianze , miracoli ed altro
non fa altro che credere nell'idea dell'uomo .

Il concetto di D-o che sia stato trasmesso oralmente e altri hanno poi lo abbiano inciso su rotoli o di chi era testimone, non cambia il fine.

Possiamo prendere come esempio gli autori della Bibbia. Hanno scritto di D-o
attraverso la propria percezione ,quella percezione che ha modificato forse la propria vita ,forse testimoni di un evento soprannaturale quale possa essere uno pseudo- miracolo
uno straripamento di un fiume, un terremoto, un'eruzione vulcanica, una caduta di meteoriti ...
Non entriamo poi nel dettaglio di quello che poi hanno trasmesso è copiato nei secoli avvenire.

Lo stesso dicasi dei tdg.
Un uomo e poi altri ...senza alcuna esperienza tecnica in materia di scritture antiche, senza nessuna conoscenza filologica, antropologica
esegetica, storica ecc.. hanno creato dal nulla un culto.

Poi certo ha influito il periodo storico, la non conoscenza dei fatti da parte di chi li seguiva , le promesse profetiche hanno influito sulle menti
sconfortate degli adepti di altre religioni, il "nuovo" visto come verità che ha rapito ,perché l'uomo ha bisogno di credere in qualcosa.

Gli effetti a lungo andare si sono visti, era una cag... pazzesca. :cer:

Un pensiero sorge , se mai D-o ha dato a qualche uomo un mandato o una rivelazione .
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11095
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi renato-c » 10/05/2018, 18:28

Ray ha scritto:Il concetto del "credente".

Chi crede in un D-o o in una filosofia di vita che sia attraverso un libro o attraverso testimonianze , miracoli ed altro
non fa altro che credere nell'idea dell'uomo .

Il concetto di D-o che sia stato trasmesso oralmente e altri hanno poi lo abbiano inciso su rotoli o di chi era testimone, non cambia il fine.

Possiamo prendere come esempio gli autori della Bibbia. Hanno scritto di D-o
attraverso la propria percezione ,quella percezione che ha modificato forse la propria vita ,forse testimoni di un evento soprannaturale quale possa essere uno pseudo- miracolo
uno straripamento di un fiume, un terremoto, un'eruzione vulcanica, una caduta di meteoriti ...
Non entriamo poi nel dettaglio di quello che poi hanno trasmesso è copiato nei secoli avvenire.

Lo stesso dicasi dei tdg.
Un uomo e poi altri ...senza alcuna esperienza tecnica in materia di scritture antiche, senza nessuna conoscenza filologica, antropologica
esegetica, storica ecc.. hanno creato dal nulla un culto.

Poi certo ha influito il periodo storico, la non conoscenza dei fatti da parte di chi li seguiva , le promesse profetiche hanno influito sulle menti
sconfortate degli adepti di altre religioni, il "nuovo" visto come verità che ha rapito ,perché l'uomo ha bisogno di credere in qualcosa.

Gli effetti a lungo andare si sono visti, era una cag... pazzesca. :cer:

Un pensiero sorge , se mai D-o ha dato a qualche uomo un mandato o una rivelazione .



Salve bel argomento . direi anche molto complesso da discutere perché ogni testa è un tribunale .
Sta di fatto che l'uomo essendo intelligente e animale pensante ,si dalle origini si è chiesto sul mistero della vita.
Mistero ......e ha tentato di dare una risposta a questo mistero e questa risposta è stata sempre progressiva in base alla conoscenza che via via acquisiva
All'inizio era animista ,poi politeista ,poi monoteista ,ma oggi giorno i religiosi tendono ad avere un concetto più Spirituale
e non intendono più un Dio che ha a che fare con riti,cerimonie,preghiere,sottomissioni,dogmi,caste,ecc..ma una relazione personale dovuta
allo sviluppo delle facoltà umane dette immagine di Dio cioè l'Amore ,il volontariato ,giustizia ,fratellanza ,pace ecc.....
I libri religiosi sono visti come messaggi spirituali e non più come verità storiche ,ma insegnamenti fatti in metafora ecc...
Perciò molti cristiani ,per esempio ..si impegnano nel fare il bene come diceva Gesù ,ma non credono di certo che faceva i miracoli e trasformava l'acqua in vino
Difficilmente vanno in chiesa ,ma per tradizione seguono la chiesa nei sacramenti battesimo,comunione ecc.... per attestare l'appartenenza di una spiritualità cristiana .
Insomma io la vedo così .
buna serata
Avatar utente
renato-c
Utente Senior
 
Messaggi: 1346
Iscritto il: 17/07/2009, 20:28

Ciao Ray....

Messaggiodi Vieri » 10/05/2018, 18:52

Un pensiero sorge , se mai D-o ha dato a qualche uomo un mandato o una rivelazione .

Accetto l'invito con spiegazione:
- prendendo ad esempio il sottoscritto. Sono sempre stato cattolico fin da bambino conoscendo abbastanza bene il Vangelo ma con scarsissime conoscenze sulla Bibbia che sto approfondendo solo oggi a distanza di molto tempo.

Per me la Bibbia è importante ? Mi è mancato qualche cosa nella mia formazione cristiana sino ad oggi ?

Magari farò un ragionamento da "eretico" ma, per dire la verità, i principi del Vangelo e le sue letture hanno sempre reso la mia vita completa anche se come tutti noi, con "scarrozzamenti di coerenza" e la Bibbia oggi intesa come il V.T. non aggiunge niente di nuovo ai miei principi di vita.
Direi che la Bibbia rappresenti oggi per me un accrescimento culturale e religioso dove si notano spesso delle notevoli corrispondenze con i principi del Vangelo che per me fanno sempre testo.
Tra l'altro, per dire la verità non ho mai amato nella Bibbia l'interpretazione di un Dio "guerriero" che punisce da un lato in maniera terribile e dona misericordia dall'altro, retaggio di antiche interpretazioni sorpassate dal pensiero e dalla figura di Gesù.

Non per questo, oggi non la leggo, ma a parte alcuni passi molto belli ed illuminanti, la vedo come un "preludio" al Vangelo dove in un milione di parole si affermano spesso con una terminologia legata al tempo passato, gli stessi concetti che mi ritrovo CHIARAMENTE oggi nel Vangelo in 1000 parole.

Non per niente oggi come ieri molti sono cattolici veri e convinti anche senza aver avuto conoscenze approfondite della Bibbia.

Su questo tema faccio riferimento alla polemica avuta recentemente con un tdG che mi irrideva dicendomi: " ma lei che è cattolico e non conosce la Bibbia ( come me...),...ma mi faccia il piacere.....

Questo, bell'imbusto avrà anche conosciuto tutta la Bibbia a memoria in anni di indottrinamento ma ancora alla sua età non aveva capito : "che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati "... :piange:

Per rispondere poi alla tua domanda cito le parole di Giovanni 15, 12:
12Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati. 13Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici. 14Voi siete miei amici, se farete ciò che io vi comando. 15Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre l'ho fatto conoscere a voi. 16Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga;

Attenzione queste parole: "ma. io ho scelto voi", non devono indurre a pensare di ritenersi degli "eletti" degli "unti" ma come ho sempre affermato .. "CATTURATI".
In breve "Io" vi ho chiamati, vi ho scelti ma non vi obbligo a seguirmi....."è solo l' amore e la mia presenza che alla fine vi "cattura"..

Non farmi fare le solite sdolcinate predicozze che se no vedo che hai già il flit a portata di mano ma alla fine essere dei buoni cristiani e amare veramente Dio significa anche essere tolleranti amando il tuo prossimo.....il che spesso alla fine non è nemmeno tanto facile.... :risata:
Buona serata
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5712
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Romagnolo » 10/05/2018, 22:47

Ray....corri, prendi il flit . :risata: :ironico:
No dai...risparmiamo Vieri per un' altra volta. :occhiol:
Comunque mi è piaciuta la seconda parte della tua analisi.
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Master
 
Messaggi: 5029
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi Giovanni64 » 11/05/2018, 8:53

Le tavanate megagalattiche della mitologia ebraica o cristiana non sono peggiori di quelle presenti in altre mitologie. In ogni caso, come è stato detto tante volte, bisogna rapportare il tutto ai tempi.
Credere alle stesse tavanate con la consapevolezza dell'uomo contemporaneo è invece, secondo me e secondo tanti, veramente inconcepibile.
D'altro canto credere, per fede, in qualcosa "di più credibile" e di totalmente svincolato dal passato, oltre ad essere di difficile e vaga attuazione, porta inevitabilmente con sé una dose notevole di controsensi.

La "soluzione" è quella che naturalmente si è prodotta e cioè una reinterpretazione continua delle credenze tradizionali per renderle "più digeribili" per la consapevolezza corrente.
Avatar utente
Giovanni64
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2905
Iscritto il: 09/01/2010, 8:59

Messaggiodi deliverance1979 » 11/05/2018, 11:44

A costo di ripetermi più e più volte, riproporrò la mia teoria da quattro soldi...

Il problema come sempre, tagliato con l'accetta, lo si semplifica tracciando una linea e mettendo da una parte la semplice evoluzione senza un creatore, dall'altra parte un creazionismo con una forma di intelligenza suprema e superiore.

A questo punto, l'inizio della vita intelligente nello spazio, ma esistente per un naturale processo cosmico che non vede l'esistenza di un creatore, potrebbe per noi umani significare due cose, o che noi facciamo parte di un tale progetto del tutto casuale e siamo una delle tante specie più o meno intelligenti presenti nello spazio, oppure, noi siamo il progetto di una civiltà superiore, creata dalla natura, che ci ha progettato, di conseguenza, per noi, queste creature potrebbero essere i nostri dei o padri, pur rimanendo nella teoria atea.

Nell'altra ipotesi, ovvero della creazione dell'universo da parte di una fonte intelligente con poteri inimmaginabili, sarebbe da chiedersi che tipo è questa creatura intelligente...
1 - E' interessata a quello che ha fatto, o ha creato per gioco un universo auto sufficiente che può e deve arrangiarsi da solo, una sorta di plastico di modellismo vivo in cui egli si diletta ad osservare l'evolversi di tutto ciò che accade al suo interno senza però interagire.
2 - Questa forma suprema ha uno scopo per l'universo oppure no.
3 - E' rappresentata da una religione o filosofia terrestre, oppure no, deve ancora rivelarsi, ed aspetta che l'umanità raggiunga una maturità tale per questa sua rivelazione, ma nel mentre, tutte le religioni presenti sulla terra dagli ultimi 100.000 anni credono e predicano vaccate senza sapere un bel nulla di ciò che questa entità vuole o crede...
4 - Siamo creature speciali noi umani, poichè gli unici senzienti in tutto lo spazio, oppure siamo una delle tante razze intelligenti, e forse meno di altre civiltà aliene, sparse sullo spazio?

Come vedete, il fatto di credere in qualcosa non implica che questa cosa esista o che abbiamo trovato la verità rivelata e provata.
E'è più un esercizio di auto convincimento, di aver trovato la religione o la filosofia che psicologicamente ed emotivamente più ci aggrada e con la quale spiegare la nostra esistenza.
Ora questa filosofia potrebbe essere sia religiosa che atea, creazionista o evoluzionista.

Ma ad oggi, nessuna di queste strade ha una risposta certa da poter affermare di aver trovato il senso dell'universo e della vita in esso contenuta.

Certo è, come hanno commentato molti foristi prima di me, che trovo veramente imbarazzante una forma di vita aliena o suprema che per farsi ascoltare richiede rituali religiosi come preghiere e cantilene, processioni, sacrifici, penitenze, atti di fede su questioni sconosciute e via dicendo.
Mi sembrano più sistemi di manipolazione mentale affinati dall'uomo ai danni di un suo simili per poterlo soggiogare meglio con paure verso un'ignoto reame supremo, ed invisibile, e costringerlo nel mentre ad assecondare bisogni terreni dei rappresentanti di questa entità che si professarono in tempi passati suoi unici portavoce...

Certo è, che oggi, soprattutto negli ultimi 400 anni di conoscenza ed approccio scientifico, con un metodo rigoroso di studio e di ricerca, le religioni in generale, pur mantenendo quel fascino storico e quella cultura artistica oltre che di studio antropologico, da questo confronto o esame, ne escono veramente male e con le ossa rotte.
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4987
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Giovanni.....

Messaggiodi Vieri » 11/05/2018, 13:14

La "soluzione" è quella che naturalmente si è prodotta e cioè una reinterpretazione continua delle credenze tradizionali per renderle "più digeribili" per la consapevolezza corrente.

Concordo anche se il termine "digeribili" non lo trovo appropriato e lo definirei meglio con le parole "consapevolezza, tenendo presente le credenze e la mentalità del tempo."

So che da tempo i tdG danno molta più importanza alla Bibbia che al Vangelo e che spesso lo precede....con "svolazzamenti fantasiosi ", :ironico: .....la cosa per un cattolico è invece decisamente l'opposto.

Perchè allora apprezzo molto di più il Vangelo ? Quando dice: "amatevi l'un latro come Io ho amato voi"...non devo fare troppi ragionamenti ed interpretazioni particolari per la notevole chiarezza del messaggio, diretto e soprattutto sempre attuale.
Buona giornata
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5712
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi VictorVonDoom » 11/05/2018, 16:16

Vieri ha scritto:So che da tempo i tdG danno molta più importanza alla Bibbia che al Vangelo e che spesso lo precede....con "svolazzamenti fantasiosi ", :ironico: .....la cosa per un cattolico è invece decisamente l'opposto.


Ma il Vangelo non fa parte della Bibbia? :boh:
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 1603
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Ray » 11/05/2018, 16:46

Quando dice: "amatevi l'un latro come Io ho amato voi"...

Certo che a coerenza scritturale la Chiesa zero, secondo me non ha recepito bene il messaggio di questo passo .
Come pure gli altri culti cristiani.
VictorVonDoom ha scritto:
Vieri ha scritto:So che da tempo i tdG danno molta più importanza alla Bibbia che al Vangelo e che spesso lo precede....con "svolazzamenti fantasiosi ", :ironico: .....la cosa per un cattolico è invece decisamente l'opposto.


Ma il Vangelo non fa parte della Bibbia? :boh:

Evidentemente per Vieri no. :risatina:
Devi pur comprendere Victor che per molto tempo è stato abituato a leggere solo le scritture greche, le altre erano appendici. :ironico:
Cosa diversa per i tdg che ti fanno studiare per modo di dire, tutte le scritture della Bibbia, ma questo per avvalorare le loro pseudo-profezie condite
Con le loro pseudo dottrine e pseudo verità.
Insomma si dovrebbero chiamare Pseudo congregazione pseudo Cristiana dei pseudo testimoni di Geova
È il nome Geova non è nemmeno sicuro che sia la corretta traduzione .
PSEUDO... :occhiol:
:ciao:
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11095
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Ray, Ray, carissimo....

Messaggiodi Vieri » 11/05/2018, 17:33

Certo che a coerenza scritturale la Chiesa zero, secondo me non ha recepito bene il messaggio di questo passo .
Come pure gli altri culti cristiani.

Per gli altri culti cristiani, questo non posso dirlo ma in fatto di "coerenza scritturale"...., parlando della mia "parrocchia" potrei darti anche ragione sul fatto che un conto sono i "pincipi" ed un conto è la difficoltà che da sempre noi umani, anche se motivati da tutte le nostre buone intenzioni riusciamo a rispettare.....

Quello che ci accomuna è il fatto che siamo su questo aspetto tutti molto simili (nel peccato) ma spesso, l'importante è anche rendersene conto.

Non vorrei ripetermi ma avevo trovato recentemente questo pensiero di S. Agostino che ti ripropongo:
Commento sui salmi di S. Agostino ( Sal 60 2,3 CCL 39,766)

Infatti la nostra vita in questo pellegrinaggio non può essere esente da prove ed il nostro progresso si compie attraverso la tentazione.

Nessuno può conoscere sé stesso se non è tentato, né può essere coronato senza aver vinto.né può vincere senza combattere; ma il combattimento suppone un nemico : la prova.

Pertanto si trova in angoscia colui che grida dai confini della terra, ma tuttavia non viene abbandonato. Poichè il signore volle prefigurare noi, che siamo il suo corpo mistico, nelle vicende del suo corpo reale, nel quale egli morì, risuscitò e salì al cielo.

In tal modo anche le membra possono sperare di giungere là dove il Capo le ha precedute.

PS. mi scuso poi con voi per le mie imprecisioni quando avevo diviso Bibbia dal Vangelo ed effettivamente la Bibbia è formata dal V.T. e N.T. (il Vangelo stesso).......so benissimo che siete più "studiati" di me.... :sorriso:
:ciao:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 5712
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55


Torna a Le cose già dette...

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici