Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Famiglie allargate. Sto' da cani.

Qui si possono inserire saluti, messaggi e comunicazioni personali fra gli utenti.

Moderatore: nelly24

Famiglie allargate. Sto' da cani.

Messaggiodi dolores » 06/08/2012, 19:25

Ciao ragazzi, scusate se vi stresso con un mio problema personale, ma ho bisogno di confrontarmi con persone intelligenti, per capire dove sbaglio.
Ho una grande tristezza in questo momento.
Dopo sei anni e più che sono "fidanzata", ognuno a casa sua, lui con una figlia ormai ventenne a casa (separato prima di incontrarmi), e io che tutti i fine settimana li passo da loro, credevo che il più fosse stato fatto (certamente non senza gioie e dolori), che le basi per la fiducia reciproca, forse l'affetto, fossero state gettae e fossero solide.
In questi anni ho amato sinceramente sua figlia, l'ho sostenuta, l'ho aiutata, senza mai volermi sostituire alla sua mamma (che c'è, esiste, ma vive all'estero con la figlia minore). L'ho aiutata e sostenuta come avrebbe fatto una zia, credo.
Abbiamo appena passato cinque giorni di vacanza insieme.
Mi ha letteralmente devastato.
Ignorata completamente, ironica, feroce. Gelosa di qualsiasi minima attenzione mi rivolgesse il babbo, ha messo un muso come quando aveva tredici anni. Anzi, ora ha ventanni, non era un muso di bambina, era un grugno adulto e accusatore.
Ha fatto e detto tutto ciò che sapeva benissimo potesse ferirmi come persona e farmi sentire un'estranea inopportuna.
Ho tanto voglia di mandarla a quel paese...Di darle un bel vaffa, perchè mi sento solo usata.
Sono quella che serve per raddrizzare le sue liti col babbo, per correre a procurarle la pillola del giorno dopo, che viene chiamata solo se le serve qualcosa, che mette a posto la casa quando arrivo.
Ho voglia di negarmi e di non vederla, perchè finirei per dirle cose che un'adulta non può dire a una ventenne (non si può? è ancora una bambina? se mi ferisce e mi tratta male è giusto che gliela lasci passare liscia?)
Sono triste ma sono arrabbiatissima, e non riesco a trovare nessuna soluzione costruttiva... :triste:
Aspetto conforto o stilettate da parte vostra. Ho bisogno sincero di parlarne con voi.
La felicità non è domani. La felicità è ora. Perchè ovunque tu vada ci sei già. (A. De Mello)

Chi sono
Avatar utente
dolores
Utente Junior
 
Messaggi: 757
Iscritto il: 21/02/2010, 12:43
Località: Toscana

Messaggiodi Mamy » 06/08/2012, 19:58

dolores ha scritto:Ciao ragazzi, scusate se vi stresso con un mio problema personale, ma ho bisogno di confrontarmi con persone intelligenti, per capire dove sbaglio.
Ho una grande tristezza in questo momento.
Dopo sei anni e più che sono "fidanzata", ognuno a casa sua, lui con una figlia ormai ventenne a casa (separato prima di incontrarmi), e io che tutti i fine settimana li passo da loro, credevo che il più fosse stato fatto (certamente non senza gioie e dolori), che le basi per la fiducia reciproca, forse l'affetto, fossero state gettae e fossero solide.
In questi anni ho amato sinceramente sua figlia, l'ho sostenuta, l'ho aiutata, senza mai volermi sostituire alla sua mamma (che c'è, esiste, ma vive all'estero con la figlia minore). L'ho aiutata e sostenuta come avrebbe fatto una zia, credo.
Abbiamo appena passato cinque giorni di vacanza insieme.
Mi ha letteralmente devastato.
Ignorata completamente, ironica, feroce. Gelosa di qualsiasi minima attenzione mi rivolgesse il babbo, ha messo un muso come quando aveva tredici anni. Anzi, ora ha ventanni, non era un muso di bambina, era un grugno adulto e accusatore.
Ha fatto e detto tutto ciò che sapeva benissimo potesse ferirmi come persona e farmi sentire un'estranea inopportuna.
Ho tanto voglia di mandarla a quel paese...Di darle un bel vaffa, perchè mi sento solo usata.
Sono quella che serve per raddrizzare le sue liti col babbo, per correre a procurarle la pillola del giorno dopo, che viene chiamata solo se le serve qualcosa, che mette a posto la casa quando arrivo.
Ho voglia di negarmi e di non vederla, perchè finirei per dirle cose che un'adulta non può dire a una ventenne (non si può? è ancora una bambina? se mi ferisce e mi tratta male è giusto che gliela lasci passare liscia?)
Sono triste ma sono arrabbiatissima, e non riesco a trovare nessuna soluzione costruttiva... :triste:
Aspetto conforto o stilettate da parte vostra. Ho bisogno sincero di parlarne con voi.



Ci provo,


cara,so che il momento è duro e triste,benedette ragazze che vorrebbero essere grandi,indipendenti e avanti
ma quando hanno bisogno dove vanno ?dall'amica di cui si fidano (la mamma è lontana )però questa amica è la fidanzata di papà e lì scatta la gelosia

nella testolina di questa ragazza chissà cosa ci circola
io penso un misto di odio/amore e a volte prevale il primo per poi lasciare il posto al secondo
abbi pazienza Dolores cerca di essere oltre ad una zia anche psicologa e valuta la rabbia del momento e manda giù qualche boccone amaro
per amore si fa anche peggio,capisco che tante volte toccherebbe anche a te essere coccolata e capita ma questa ragazza è molto giovane e la mancanza della mamma forse le pesa di più di quanto dimostra.
Perdonami se ho detto qualcosa che ti ha turbato ma ,non conoscendo dal vivo la situazione di più non mi permetto

ti abbraccio ,Mamy :carezza: :bacino:
Mamy
 

Messaggiodi Gocciazzurra » 06/08/2012, 20:02

Ma hai parlato con il padre? Se non lo hai ancora fatto penso sia giusto farlo per fargli sapere quanta amarezza ti ha procurato il comportamento della figlia, vista la tua disponibilità nei suoi confronti...
In seguito valuterai, quando ti sarai un po' "sbollita", se parlare anche con la figlia nel caso il suo comportamento ostile si ripresentasse.


P.S.: sposto in altra sezione
Immagine

La religione è un narcotico con cui l'uomo controlla la sua angoscia, ma ottunde la sua mente. (S. Freud)
Un po' di me Immagine
Avatar utente
Gocciazzurra
Moderatore
 
Messaggi: 5707
Iscritto il: 10/06/2009, 21:09

Messaggiodi Mamy » 06/08/2012, 20:12

Gocciazzurra ha scritto:Ma hai parlato con il padre? Se non lo hai ancora fatto penso sia giusto farlo per fargli sapere quanta amarezza ti ha procurato il comportamento della figlia, vista la tua disponibilità nei suoi confronti...
In seguito valuterai, quando ti sarai un po' "sbollita", se parlare anche con la figlia nel caso il suo comportamento ostile si ripresentasse.


P.S.: sposto in altra sezione



Giusto Gocciazzurra quello che dici ma,potrebbe tradire la complicità di alcune cose (vedi pillola del giorno dopo )
o di alcune confidenze fatte nei momenti di amicizia ......................poi chissà.

Mamy :timido:
Mamy
 

Messaggiodi Amalia » 06/08/2012, 20:22

Anche la mia è la cosiddetta "famiglia allargata" ed ho una matrigna TDG...bello non è, sono situazioni complicate...

Io non le ho mai mancato di rispetto anche se spesso avrei avuto motivo per mandarla a farsi friggere...e la gelosia da parte di una figlia per il proprio padre purtroppo è assai normale, sta alla maturità emotiva di figlia e padre regolare la situazione....

Nel tuo caso non ho consigli da saggia esperta da darti ma provo a dirti come la vedo io
...secondo quel che racconti la ragazza è ventenne all'anagrafe ma sotto sotto è ancora una bambina capricciosa che ti vede come un'intrusa nel suo rapporto a due esclusivo che ha con papà...cerca di comprenderla e magari cerca di creare occasioni gradevoli in cui stando da sole tu e lei potete parlare chiaramente...a volte una domanda schietta e diretta, un discorso semplice e sincero può dare modo di mettere le cose in chiaro...
...penso a qualcosa tipo: andate fuori a vedere i negozi e poi pranzate tranquille in qualche luogo neutro (la casa non è un luogo neutro perchè se è casa sua già si parte da una posizione svantaggiosa per te, lì lei si sente più forte; viceversa da te potrebbe sentirsi lei in disagio e non libera di parlare)...e mentre siete a tavola, un ambito in cui in genere si è rilassati, prova a chiederle qualcosa come "Cara, lo sai che ti voglio bene, ma ultimamente ho notato che hai un atteggiamento nei miei confronti che non mi spiego, ci sto male e ci ho pensato tanto...ho forse fatto qualcosa che ti ha contrariata? Ti ho ferita in qualche modo?"....noi lo sappiamo che tu non hai fatto nulla ma partire con un atteggiamento remissivo può aiutare ad aprire il dialogo, almeno non si sentirà messa di fronte ad un'accusa ma al contrario...poi se riuscite a parlarvi col cuore in mano potrai spiegarle la tua posizione e che il suo atteggiamento, di cui forse non si rende nemmeno conto, ti ferisce...ma starà a te gestire il discorso a secondo degli sviluppi...

Questa la mia...

Da ultimo una domanda: ma di fronte a questo atteggiamento così palesemente ostile nei tuoi confronti...in quei cinque giorni il tuo compagno che ha fatto? Perchè è un mediatore fondamentale, deve mostrare coi fatti a sua figlia che la "donna della sua vita" non è lei ma tu!!! Lei sarà sempre la sua adorata figlia ma la sua compagna di vita ora sei tu...e assolutamente deve farglielo capire lui...lui che è il suo punto di riferimento e il suo "grande amore"...
In ogni caso non ti preoccupare, è fondamentalmente gelosia per il ruolo importante che stai avendo nella vita di suo padre...ma col tempo e un po' di ragionamenti credo che rinsavirà (anch'io ero gelosissima di mio padre, non a questi livelli ma proprio perchè abbiamo fatto come ti ho consigliato sopra...)

Ti auguro ogni bene :fiori:
"Chi porta il paraocchi si ricordi che del completo fanno parte il morso e la sferza."
Stanisław Jerzy Lec
"Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu la possa esprimere." Voltaire
Presentazione - FacebookImmagine
Avatar utente
Amalia
Utente Master
 
Messaggi: 5512
Iscritto il: 07/11/2011, 2:31
Località: Torino

Messaggiodi dolores » 06/08/2012, 20:30

@ Mamy: non hai detto assolutamente niente che mi abbia ferita, anzi, hai colto la mia parte più tenera, quella che vorrebbe essere riamata da questa ragazza a cui sono siceramente affezionata.
Mi sento rifiutata da una persona a cui voglio bene.
Non so cosa ha scatenato questo suo comportamento, credo che ci sia in vicinanza il fantasma della sorella minore che verrà anche lei prossimamente a vivere con loro, e forse per lei è stato più facile buttare la sua gelosia addosso a me che alla sorellina...
Forse teme che con l'arrivo della piccola oltre che dividere il suo babbo con me avrà anche un'altra "rivale" (in questa vacanza c'eravamo tutti e quattro, e ha fatto di tutto per mettere la sorellina contro di me e contro il babbo). Può essere che io sia un bersaglio più accessibile per sfogare la sua gelosia sentendosi più giustificata piuttosto che in colpa?

@ Goccia: Fin'ora il mio compagno ha sempre messo il benessere della figlia davanti al nostro come coppia, e questo l'ho sempre capito e condiviso.
Questa però è stata la prima volta che anche lui si è reso conto che la ragazza stava veramente esagerando, e per la prima volta ha fatto "coppia" con me,davanti a lei.
E forse questo l'ha fatta ancora di più imbestialire...
(Ovviamente non ho nessuna intenzione di tradire le confidenze avute dalla ragazza nel tempo.Ma non c'è bisogno di dirlo al babbo, il modo in cui mi ha trattato in questi giorni giustifica ampiamente il mio dolore, senza bisogno di andare oltre)
La felicità non è domani. La felicità è ora. Perchè ovunque tu vada ci sei già. (A. De Mello)

Chi sono
Avatar utente
dolores
Utente Junior
 
Messaggi: 757
Iscritto il: 21/02/2010, 12:43
Località: Toscana

Messaggiodi dolores » 06/08/2012, 20:41

@Amalia: in questi anni ho fatto davvero di tutto.
Tantissime volte è venuta lei a casa mia, anche per giorni, quando magari aveva bisogno di confidenze femminili o per avere un aiuto in matematica.
Abbiamo parlato numerose volte della sua gelosia verso di me, ma sembrava superata da circa due anni...
Per questo mi ha spiazzato a questo giro. Non me l'aspettavo davvero...
Io stessa in passato ho avuto l'esperienza del secondo matrimonio di mia mamma (ma la mia mamma era vedova, e credo sia diverso),
e so cosa vuol dire trovarsi un estraneo che ti gira per casa, la casa che tu reputi tua, che dorme con la tua mamma...
Ho cercato di fare tesoro di questa mia esperienza per essere migliore con lei, per capirla sempre.
Credo di essere sfiduciata e molto arrabbiata.
Finchè non mi passano queste emozioni è meglio che non la vedo...
La felicità non è domani. La felicità è ora. Perchè ovunque tu vada ci sei già. (A. De Mello)

Chi sono
Avatar utente
dolores
Utente Junior
 
Messaggi: 757
Iscritto il: 21/02/2010, 12:43
Località: Toscana

Messaggiodi dolores » 06/08/2012, 20:47

Ho dimenticato di darvi a tutte un abbraccio :fiori: :fiori:
La felicità non è domani. La felicità è ora. Perchè ovunque tu vada ci sei già. (A. De Mello)

Chi sono
Avatar utente
dolores
Utente Junior
 
Messaggi: 757
Iscritto il: 21/02/2010, 12:43
Località: Toscana

Messaggiodi Mamy » 06/08/2012, 20:53

dolores ha scritto:@Amalia: in questi anni ho fatto davvero di tutto.
Tantissime volte è venuta lei a casa mia, anche per giorni, quando magari aveva bisogno di confidenze femminili o per avere un aiuto in matematica.
Abbiamo parlato numerose volte della sua gelosia verso di me, ma sembrava superata da circa due anni...
Per questo mi ha spiazzato a questo giro. Non me l'aspettavo davvero...
Io stessa in passato ho avuto l'esperienza del secondo matrimonio di mia mamma (ma la mia mamma era vedova, e credo sia diverso),
e so cosa vuol dire trovarsi un estraneo che ti gira per casa, la casa che tu reputi tua, che dorme con la tua mamma...
Ho cercato di fare tesoro di questa mia esperienza per essere migliore con lei, per capirla sempre.
Credo di essere sfiduciata e molto arrabbiata.
Finchè non mi passano queste emozioni è meglio che non la vedo...



Si forse è meglio che la eviti,così non cadi in tentazione di dirgliene quante giustamente te ne senti ,per poi pentirtene
le cose dette in un momento di rabbia sono vere ma anche molto forti,
comunque la ragazza cerca di difendere il "suo territorio"l'arrivo della sorellina deve assere stato il colmo di sopportazione per la sua gelosia,povera ragazza ,chissà quanto soffre,

per te cara sarà la stessa cosa presa di mira senza una ragione
quanto durerà la permanenza della piccola ospite ?


Armati di coraggio Dolores e ai pensato bene ,se puoi evita di frequentare quella casa,magari con il tuo amore vi vedete altrove serenamente :timido2:
Mamy
 

Messaggiodi Amalia » 06/08/2012, 20:57

L'abbraccio è tutto per te... :fiori:

...mi dispiace tanto per questa tua situazione difficile e spinosa ma confido fortemente che passerà...forse è proprio come hai detto, vedere il babbo far fronte comune con te l'ha fatta scoppiare...porta pazienza, e continua ad amare...sei una gran donna!

Ti auguro ogni bene cara!Immagine
"Chi porta il paraocchi si ricordi che del completo fanno parte il morso e la sferza."
Stanisław Jerzy Lec
"Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu la possa esprimere." Voltaire
Presentazione - FacebookImmagine
Avatar utente
Amalia
Utente Master
 
Messaggi: 5512
Iscritto il: 07/11/2011, 2:31
Località: Torino

Messaggiodi papà61 » 06/08/2012, 21:59

Dolores, è normale purtroppo. Le figlie sono gelose del padre, soprattutto se "prima" avevano un bel rapporto con lui. Io mi sono separato otto anni fa, e le mie erano picole, una aveva otto anni e l altra sei, immagina te andava in prima elementare... Sono state sempre con me. Logicamente ora che ho la mia donna, con la quale hanno tutto sommato un buon rapporto, ogni tanto la parolina... il gesto un po stizzoso ci sono sempre.. tutto è in mano tua, ti ci vuole calma, pazienza e amore. soprattutto tanto amore..
Da Testimone di Geova a inattivo e critico.
Dammi una mano a stingere l'opacità del mare...e dammi un grammo d'indaco per ogni tuo risveglio..
Avatar utente
papà61
Veterano del Forum
 
Messaggi: 3750
Iscritto il: 22/10/2011, 19:17
Località: Forte dei Marmi, a volte Domaso.. a volte in mezzo al rigo o sopra il do!

Messaggiodi Cogitabonda » 06/08/2012, 22:14

Cara Dolores, quando ho letto il tuo primo post ho pensato "forse questa ragazza ha avuto un contrasto con suo padre e adesso se la prende con Dolores perchè è un modo indiretto per punire lui". Poi quando hai parlato della sorella minore e del cambiamento che sta per avvenire in famiglia ho pensato che forse la cosa che l'ha fatta arrabbiare è proprio quella, con un altro elemento importante in più.
In sintesi sospetto che questa ragazza viva male l'arrivo della sorella perchè è stato deciso da altri (il padre, la madre, la sorella), e adesso tutti si aspettano che lei si adegui e basta. L'elemento in più è che forse lei cerca anche di formare un'alleanza con la sorella, usando l'espediente più vecchio del mondo: inventarsi un nemico comune, cioè te.
Magari ho sbagliato completamente, però è un'ipotesi che potresti considerare.
Compiacersi di aver ragione è sgradevole - Avere troppa coscienza di sé è odioso - Commiserarsi è infame

Avatar utente
Cogitabonda
Moderatore
 
Messaggi: 8468
Iscritto il: 01/06/2011, 1:45
Località: Nord Italia

Messaggiodi Gocciazzurra » 06/08/2012, 23:21

dolores ha scritto: @ Goccia: Fin'ora il mio compagno ha sempre messo il benessere della figlia davanti al nostro come coppia, e questo l'ho sempre capito e condiviso.
Questa però è stata la prima volta che anche lui si è reso conto che la ragazza stava veramente esagerando, e per la prima volta ha fatto "coppia" con me,davanti a lei.
E forse questo l'ha fatta ancora di più imbestialire...
(Ovviamente non ho nessuna intenzione di tradire le confidenze avute dalla ragazza nel tempo.Ma non c'è bisogno di dirlo al babbo, il modo in cui mi ha trattato in questi giorni giustifica ampiamente il mio dolore, senza bisogno di andare oltre)

Beh, il fatto che anche il padre abbia notato la sua ostilità e si sia dimostrato solidale con te è senz'altro una nota positiva!
Probabilmente come hai ipotizzato tu, l'arrivo della sorella l'ha avvertito come un'ulteriore minaccia nel delicato equilibrio in cui si trova.
Dalle un po' di tempo per metabolizzare il tutto e speriamo che riacquisti l'equilibrio.
In bocca al lupo!

P.S.: quando ho scritto di parlare al padre non intendevo certo lo svelare i piccoli segreti che hai condiviso con lei. Ci mancherebbe...
Immagine

La religione è un narcotico con cui l'uomo controlla la sua angoscia, ma ottunde la sua mente. (S. Freud)
Un po' di me Immagine
Avatar utente
Gocciazzurra
Moderatore
 
Messaggi: 5707
Iscritto il: 10/06/2009, 21:09

Messaggiodi sconvolta » 07/08/2012, 9:03

Carissima Dolores,sei una donna in gamba! Tutti i consigli che ti sono stati dati li reputo ottimi,ma tu stai già facendo tutto quello che c'è da fare in queste delicatissime e difficili situazioni.Solo,non lasciare adesso che la rabbia rovini tutto,falla sbollire e riprendi come prima.Sono convinta che.......l'arrivo della sorella ...sia la causa di questo nervosismo scaricato su di te,preferisce farlo su di te che su suo padre! Avendo tu avuto simili situazioni,puoi capire bene cosa si prova ;infatti, sei riuscita a costruire qualcosa che,sono sicura,col tempo,sarà ben visibile. Lasciale del tempo ,è ancora molto giovane ;queste situazioni familiari sconvolgono i "poveri figli" che,loro malgrado,devono sottostare.Auguri e vai avanti così,è un momento come ce ne saranno tanti,ma tu superalo con la tua solita intelligenza e profondità. :bravo: :ciao: :fiori e bacio: :strettamano:
I principi di Brooklyn non possiedono la verità:questa è la causa reale che li ha costretti, e li costringe anche ora,a ritrattare continuamente ciò che hanno proclamato ieri o decine di anni addietro,come verità biblica e divina. (Gunther Pape)
Presentazione
Avatar utente
sconvolta
Utente Senior
 
Messaggi: 1718
Iscritto il: 07/07/2010, 22:50

Messaggiodi dolores » 07/08/2012, 13:08

Mi avete detto cose giustissime, e vi ringrazio!
La sorella piccola verrà definitivamente in Italia, a vivere con babbo e sorella (stà per compiere 16 anni e ha già fatto richiesta al tribunale dei minori).
So bene che è questo il vero motivo del malessere della sorella maggiore, la vera gelosia stà qui.
Ultimamente, prima di prendersela con me, faceva delle scenate terrificanti su questo arrivo, su come lei sarebbe di sicuro stata privata di qualcosa nell'avere la sorellina a casa (dividere il babbo, nonchè l'auto,il motorino, la paghetta...).Lo diceva proprio espressamente.
E' anche verissimo anche che stà cercando (riuscendoci) di fare fronte comune contro di me con la piccola, che fino a ora è sempre stata molto dolce nei miei confronti.
Ho anche un'altra ipotesi, che spero non sia troppo cattiva, ma credo che creare questa tensione sia un tentativo anche di far cambiare idea alla sorellina sul trasferirsi in Italia, come a farle vedere che qui si stà di cacca come di là.
Troppo perverso come pensiero?
Comunque non ho voglia davvero di vederla.
So che direi cose di cui poi mi pentirei.
Mi inventerò domeniche lavorative extra (grazie a Monti è una balla plausibile), allestimenti di nuovi negozi, e chi più ne ha più ne metta.
Quando mi sarò calmata vediamo cosa ne viene fuori...
La felicità non è domani. La felicità è ora. Perchè ovunque tu vada ci sei già. (A. De Mello)

Chi sono
Avatar utente
dolores
Utente Junior
 
Messaggi: 757
Iscritto il: 21/02/2010, 12:43
Località: Toscana

Messaggiodi daniela47 » 07/08/2012, 13:42

Mi dispiace Dolores per la tua situazione,
Non ho consigli validi da darti. Ma mi sento di esserti vicina
con l'affetto.
Magari porta pazienza, anche se è dura!!!
Avatar utente
daniela47
Utente Master
 
Messaggi: 5436
Iscritto il: 16/07/2009, 18:38

Messaggiodi Brambilla Bruna » 07/08/2012, 13:51

Doleres le domande e le risposte sono da te gia state date .prima non ti ho risposto ..non si può darti un consiglio ..
sono e rimangono storie individuali ..che ognuno .vive e reagisce di conseguenza..
unica cosa che posso dirti di aver tanta pazienza ..perchè l'avventura è appena incominciata ..
tanti auguri cari ... :timido2: :fiori e bacio:
Avatar utente
Brambilla Bruna
Utente Platinium
 
Messaggi: 12711
Iscritto il: 16/07/2009, 15:24

NO, CARO PAPA' 61...

Messaggiodi Lidia » 07/08/2012, 14:09

papà61 ha scritto:Dolores, è normale purtroppo. Le figlie sono gelose del padre, soprattutto se "prima" avevano un bel rapporto con lui. Io mi sono separato otto anni fa, e le mie erano picole, una aveva otto anni e l altra sei, immagina te andava in prima elementare... Sono state sempre con me. Logicamente ora che ho la mia donna, con la quale hanno tutto sommato un buon rapporto, ogni tanto la parolina... il gesto un po stizzoso ci sono sempre.. tutto è in mano tua, ti ci vuole calma, pazienza e amore. soprattutto tanto amore..


...tutto non è in mano della sola Dolores! Lei può fare molto per ristabilire il giusto equilibrio all' interno del triangolo, ma MOOOOOLTO DEVE FARE ANCHE IL PADRE. Prima di tutto NON FLIRTARE con la figlia e farla sentire l' unica vera donna della sua vita, per rabbonirla qualora cominciasse a fare le bizze. Poi dovrebbe chiarire con la figlia che la compagna E' LI' PER RESTARE, malgrado tutto. La ragazza non è piccina, è una donna che ha una sua vita incluso il ,come direbbe il Vernacoliere?, trombxre liberamente. E' ora che cresca e smetta di rivolgersi a babbino e compagna come puntelli per tenersi in piedi e come tuttofare per risolvere le sue magagne. Salvo poi prendere a calci in bocca la parte più disponibile e vulnerabile della coppia

Per Dolores: ricorda quello che diceva il Segretario Fiorentino a proposito se fosse meglio essere amati o temuti (rispettati in questo caso). Sono parole d' oro.
Avatar utente
Lidia
Veterano del Forum
 
Messaggi: 3022
Iscritto il: 27/12/2009, 20:44

Messaggiodi dolores » 07/08/2012, 14:53

Lidia ha scritto:
...tutto non è in mano della sola Dolores! Lei può fare molto per ristabilire il giusto equilibrio all' interno del triangolo, ma MOOOOOLTO DEVE FARE ANCHE IL PADRE. Prima di tutto NON FLIRTARE con la figlia e farla sentire l' unica vera donna della sua vita, per rabbonirla qualora cominciasse a fare le bizze. Poi dovrebbe chiarire con la figlia che la compagna E' LI' PER RESTARE, malgrado tutto. La ragazza non è piccina, è una donna che ha una sua vita incluso il ,come direbbe il Vernacoliere?, trombxre liberamente. E' ora che cresca e smetta di rivolgersi a babbino e compagna come puntelli per tenersi in piedi e come tuttofare per risolvere le sue magagne. Salvo poi prendere a calci in bocca la parte più disponibile e vulnerabile della coppia

Per Dolores: ricorda quello che diceva il Segretario Fiorentino a proposito se fosse meglio essere amati o temuti (rispettati in questo caso). Sono parole d' oro.



Lidia hai espresso chiaramente il concetto: fin'ora (BEN SEI ANNI) per ristabilire la pace in casa il babbo ha sempre FLIRTATO (metaforicamente ma simbolicamente in modo efficacissimo) con la figlia, lasciando me a guardare.
Se a questo giro non avesse fatto coppia con me penso che l'avrei finalmente mandato a giusta destinazione.
Ma questa volta è stato diverso, mi ha trattato davanti alla figlia come se fossi (come in effetti sono o dovrei essere) io la sua donna. Mi domando: Ma non è che l'arrivo della piccolina lo terrorizzi a tal punto (per la nuova responsabilità) da arrendersi bisognosamente alla mia presenza in famiglia???
Non è che è ora che io mandi più persone dove meritano? O stò esagerando per la rabbia?
La felicità non è domani. La felicità è ora. Perchè ovunque tu vada ci sei già. (A. De Mello)

Chi sono
Avatar utente
dolores
Utente Junior
 
Messaggi: 757
Iscritto il: 21/02/2010, 12:43
Località: Toscana

Messaggiodi sconvolta » 07/08/2012, 15:02

Calma e sangue freddo!!!!!!!!!!! Non è il momento di scaldarsi oltre,aspetta.......con calma....queste situazioni vanno ben ponderate prima di fare passi di cui ti potresti pentire. :ciao:
I principi di Brooklyn non possiedono la verità:questa è la causa reale che li ha costretti, e li costringe anche ora,a ritrattare continuamente ciò che hanno proclamato ieri o decine di anni addietro,come verità biblica e divina. (Gunther Pape)
Presentazione
Avatar utente
sconvolta
Utente Senior
 
Messaggi: 1718
Iscritto il: 07/07/2010, 22:50

Messaggiodi sconvolta » 07/08/2012, 15:05

Comunque,penso sia molto meglio ESSERE AMATI CHE TEMUTI. :ciao:
I principi di Brooklyn non possiedono la verità:questa è la causa reale che li ha costretti, e li costringe anche ora,a ritrattare continuamente ciò che hanno proclamato ieri o decine di anni addietro,come verità biblica e divina. (Gunther Pape)
Presentazione
Avatar utente
sconvolta
Utente Senior
 
Messaggi: 1718
Iscritto il: 07/07/2010, 22:50

Mi dispiace

Messaggiodi deep-blue-sea » 07/08/2012, 15:12

cara Dolores per il brutto periodo che stai passando. Consigli e suggerimenti, te ne son stati dati a profusione, tutti praticabili e molto sensibili al problema.

Non aggiungo altro per non ripetermi, ma penso che lasciar sbollire la rabbia per un certo periodo faccia bene all'atmosfera familiare. A suo tempo penso avrai l'opportunità di toglierti qualche sassolino durante qualche conversazione più rilassata.

Purtroppo le relazioni nelle famiglie allargate non son sempre facili da gestire, ho avuto l'esperiena con un ex-caro amico fervente TG che sposò una ex-cara amica fervente TG e entrambi ne videro delle belle con la figlia di lui, che non era di lui (ma lui l'aveva adottata), ma della ex-lei partita in Australia con la figlia di entrambi, piu piccola, lasciando questo grosso guaio di ragazza indisponente, spendacciona, ribelle e odiosa con il papà e la nuova moglie.
Ho sentito e compatito gli sfoghi di entrambi, in situazioni veramente difficili con questa ragazza... ma gli anni son passati, la coppia ha sormontato, ma la ragazza ha fatto ormai la sua vita senza più contattare il padre.

Ci vuole pazienza e...un fegato grosso così pe sopportare certe situazioni...fatti coraggio, ce la farai ne son sicura! :bacino: :fiori e bacio: :ciao:
Presentazione
"Il vero dialogo consiste nell'accettare l'idea che l'altro sia portatore di una verità che mi manca..."
Mgr Claverie
it's better to have questions you cannot answer than it is to have answers you cannot question.
Meglio avere domande alle quali non puoi rispondere, che avere risposte che non puoi mettere in questione
Avatar utente
deep-blue-sea
Veterano del Forum
 
Messaggi: 3353
Iscritto il: 16/07/2009, 17:38

Messaggiodi dolores » 07/08/2012, 15:22

Non credo che cederò alla rabbia mandando a quel paese tutti quanti!
E' vero che i sassolini in questi giorni danni parecchio fastidio, ma so sulla pelle che una decisione basata sulla rabbia non porta mai soluzioni costruttive.
La cosa positiva è poterne parlare con voi, mi sembra di poter far uscire fuori un dolore che altrimenti mi esploderebbe addosso.
Grazie! :fiori:
La felicità non è domani. La felicità è ora. Perchè ovunque tu vada ci sei già. (A. De Mello)

Chi sono
Avatar utente
dolores
Utente Junior
 
Messaggi: 757
Iscritto il: 21/02/2010, 12:43
Località: Toscana

Messaggiodi Paxuxu » 07/08/2012, 17:04

dolores ha scritto:Sono quella che serve per raddrizzare le sue liti col babbo, per correre a procurarle la pillola del giorno dopo, che viene chiamata solo se le serve qualcosa, che mette a posto la casa quando arrivo.


Mia personale opinione, finoachè un bimbo non si brucia con il fuoco del fiammifero continua a non accorgersi dell'errore e quindi non inizia a crescere.

Vuole fare l'adulta? Bene, inizia a diventarla realmente, è troppo facile rifugiarsi sui musi lunghi e l'offese dopo aver avuto l'aiuto.

A Napoli credo che dicono: "Avuto la grazia gabbato lo santo", ossia quello che sta facendo questa figlia "adottiva"!

Sei fidanzata con la figlia o con il padre?


:sorriso:


Paxuxu
Avatar utente
Paxuxu
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4002
Iscritto il: 17/07/2009, 11:40

Messaggiodi dolores » 12/08/2012, 7:00

Inconsueta, forse, come sviluppo della situazione, ma ho chiesto una "pausa di riflessione" dalla mia relazione con le figliolastre.
Sono ancora troppo delusa e arrabbiata, anche se capisco che mi comporto da bimba pure io, ma voglia di vedermi o confrontarmi con le ragazze ancora ZERO. Mi si ribalta qualcosa dentro all'idea di passare anche solo un'ora con loro.
A partire da oggi per un po' passerò i miei fine settimana a casa mia, o in compagnia delle mie amiche, ma non ho nessuna intenzione di andare a casa di lui a fare Cenerentola...
Lui mi sembra dispiaciuto e mi dà ragione. "Ovviamente", gli ho detto, "tu puoi venire a trovarmi quando vuoi (a casa mia), non è da te che ho bisogno do prendermi la pausa".
Staremo a vedere cosa succede.
In questo momento non riesco a fare di meglio...
La felicità non è domani. La felicità è ora. Perchè ovunque tu vada ci sei già. (A. De Mello)

Chi sono
Avatar utente
dolores
Utente Junior
 
Messaggi: 757
Iscritto il: 21/02/2010, 12:43
Località: Toscana

Messaggiodi ryuzaki77 » 12/08/2012, 7:39

Cara Dolores, ho un'amica che si trova nella tua stessa situazione. Identica. Non voglio dire che sarà il tuo caso, ma è sempre meglio avere più punti di vista da cui guardare, per non prendere decisioni affrettate (anche se in amore non si segue altra scelta che quella dettata dal proprio cuore).
Già quando erano fidanzati, e si vedevano solo il fine settimana, la mia amica aveva notato una certa cattiveria della figlia (diciannovenne) nei suoi confronti. Il padre cercava di mediare rabbonendo la figlia e dicendo alla mia amica (che chiamerò Marta) che i figli vengono prima di ogni cosa. Giusta osservazione, però bisogna anche fare delle scelte.
A un certo punto, per amore di Marta, il padre ha cominciato ad imporsi con la figlia (come ha fatto il tuo uomo in quest'ultima occasione). La cosa è solo peggiorata.
Alla fine (perché l'amore vince sempre?) lui e Marta hanno deciso di sposarsi. Nonostante la figlia.
Sai come è andata a finire? Che i problemi si sono amplificati, il marito non è riuscito a mediare un bel niente (come fai a dire a un padre di mettersi contro la figlia? Lo farà inizialmente, ma poi se le cose non cambiano l'istinto paterno lo porterà a scendere a compromessi con lei, specie se lei è abile a negargli l'amore, cosa che lo farà soffrire molto più di una litigata con la moglie).
La mia amica è stressata all'inverosimile ed è caduta in depressione. Il marito (finito l'innamoramento idilliaco dei primi anni) ha cominciato a prendersela con lei, dicendole che su certe cose la figlia ha ragione e soprattutto che lei non riesce a capirla. Marta in questo momento non sa come uscire da una situazione che la sta distruggendo. Si sente sola e incompresa.
Questo è il quadro generale che, ripeto, non è detto sarà il tuo.
Però stai attenta! Come dico sempre: A VOLTE UNA STORIA FINISCE NON PERCHE' MANCHI L'AMORE MA PERCHE' MANCA TUTTO IL RESTO.
Sicuramente il mio messaggio risulterà fastidioso, ma vedere una donna piena di vita (la mia amica) essersi spenta per una storia che si sapeva già dall'inizio essere sbagliata rattrista tanto e rende cinici.
Per concludere penso che certe dinamiche funzionino solo se si è tutti d'accordo.
Avatar utente
ryuzaki77
Utente Junior
 
Messaggi: 510
Iscritto il: 26/09/2009, 8:22

Messaggiodi ryuzaki77 » 12/08/2012, 7:51

Domanda:
- questa figlia che dovrà venire è figlia tua o figlia sua? Non ho capito bene.
- se la figlia del tuo fidanzato non la vuole che trattamento le verrà riservato?
Pensaci...
Avatar utente
ryuzaki77
Utente Junior
 
Messaggi: 510
Iscritto il: 26/09/2009, 8:22

Messaggiodi dolores » 12/08/2012, 8:17

ryuzaki77 ha scritto:Domanda:
- questa figlia che dovrà venire è figlia tua o figlia sua? Non ho capito bene.
- se la figlia del tuo fidanzato non la vuole che trattamento le verrà riservato?
Pensaci...



Grazie ryuzaki per questo tuo intervento.
La figlia che arriverà è la sua, la minore, che fin'ora ha vissuto con la mamma all'estero ma vuole ricongiungersi col babbo e la sorella (io non ho bambini).

So che la situazione non è facile, e infatti nei nostri progetti non c'è a breve termine nè una convivenza nè un matrimonio, proprio per le difficoltà oggettive nei rapporti con la figlia.
Diciamo che ci viviamo una storia d'amore, un po' da fidanzatini, dove lui viene da me una notte a settimana (la figlia ha orami ventanni) e io passo a casa sua, con loro, i miei week end, che sono ovviamente da famiglia e non da coppia.
Io per prima non desidero andare a vivere con lui (che poi sarebbe con loro), perchè non ho nessuna voglia di mettere a repentaglio la mia salute mentale. Trovavamo il nostro equilibrio passando insieme una sera da fidanzati e due giorni da famiglia, e abbiamo cominiciato solo da due anni (stiamo insieme da sei) a dormire io e lui nel lettone e a passare le feste tutti insieme.
Abbiamo avuto molta pazienza con questa figliola, abbiamo sempre messo lei al primo posto, e l'ultima cosa che voglio fare è mettere il padre contro la figlia, perchè so che nel tempo quella "da buttare dalla torre" sarei io.
Ultimamente le cose andavano benino, ma l'arrivo della sorellina ha rigettato la maggiore in meccanismi di gelosia che sembravano superati, e ci ha spiazzato.
Ovviamente nei suoi comportamenti ha preferito colpire me più che il padre, perchè sono la più vulnerabile in tutta la situazione,e non ho nemmeno il diritto di dirle di piantarla ("tu non sei mia madre").
Sono molto innamorata del mio compagno, se solo fossi più tiepida di sicuro mollerei tutto.
Per questo proverò nel prossimo periodo a fare solo la fidanzata, sospendendo il compito di "matrigna", che pare faccia stare male tutti quanti...
La felicità non è domani. La felicità è ora. Perchè ovunque tu vada ci sei già. (A. De Mello)

Chi sono
Avatar utente
dolores
Utente Junior
 
Messaggi: 757
Iscritto il: 21/02/2010, 12:43
Località: Toscana

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 12/08/2012, 8:21

I figli di genitori divorziati, separati o vedovi, vedono l'amica/o del genitore come un nemico che spodesta il ruolo del genitore assente e il proprio ruolo nella famiglia.
E il prolungarsi delle turbe adolescenziali oltre il normale è in parte dovuto al fatto che il genitore presente, per una sorta di compensazione, tende ad essere eccessivamente comprensivo/protettivo/indulgente verso i figli.
Allontanandone la maturazione.
Sono vicende complesse e possono perdurare nel tempo, a volte non basta una vita per recuperare gli errori commessi durante l'infanzia.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi dolores » 12/08/2012, 8:45

Hai ragione Gabry.
Il mio compagno si fa a pezzi per questa figlia che lo ha "preferito alla mamma" avendo deciso a suo tempo di stare con lui.
Le ha sempre dato il massimo, e anche il superfluo, e a nulla sono valse le osservazioni fatte da chi gli stà vicino (amici e parenti, me compresa, a rischio di essere vista come una gelosona, ma ho sempre parlato nell'ottica della crescita della ragazza, lo giuro!).
Il risultato purtroppo si stà vedendo solo ora.
Nessuno ha mai avuto il coraggio di confrontarsi duramente con questa ragazza, vedendola sempre una piccola senza la mamma. Forse ci ha provato la nonna, ma anche lei è sempre stata liquidata con un "tu non sei mia madre".
Parcheggiata all'università (ne ha cambiato tre in due anni, senza aver dato nemmeno un esame), con una bella macchina sotto al sedere e tutti i comfort tecnologici "necessari" nella vita, dall'Ipod, all'Ipad, passando per il portatile di ultima generazione (che ovviamente si cambia ogni tre mesi, insieme al cellulare) vitale per una studentessa universitaria (?).
Paghetta con cui si potrebbe campare per un mese bollette comprese, ferie pagate da papà in bellissimi posti quando d'estate arriva la sorellina.
E matrigna cattiva che ogni fine settimana va a pulirle la casa e l'ascolta.
Forse questa mia "separazione" da lei è la prima negazione ai suoi capricci, ma so già che non la capirà in senso costruttivo.
Pazienza. Ci guadagnerò io in salute e riposo. Pulire casa mia il fine settimana è molto più facile e gratificante che pulire casa loro...
La felicità non è domani. La felicità è ora. Perchè ovunque tu vada ci sei già. (A. De Mello)

Chi sono
Avatar utente
dolores
Utente Junior
 
Messaggi: 757
Iscritto il: 21/02/2010, 12:43
Località: Toscana

Prossimo

Torna a Comunicazioni Personali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 3 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici