Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Convinzioni

In questo spazio si discute di argomenti di vario genere relativi ai Testimoni di Geova e che non sono inclusi nelle altre sezioni

Moderatore: Cogitabonda

Convinzioni

Messaggiodi Achille » 18/07/2013, 17:27

«Un uomo che ha delle convinzioni radicate è un uomo difficile da cambiare. Ditegli che non siete d’accordo con lui e vi volterà le spalle. Mostrategli dei dati o delle cifre e metterà in dubbio le vostre fonti. Fate appello alla logica e non capirà la vostra posizione. Sappiamo tutti quanto sia inutile tentare di modificare una convinzione radicata, specie se chi la porta avanti ci ha investito sopra. Conosciamo tutti la varietà degli ingegnosi meccanismi difensivi con cui le persone proteggono le proprie convinzioni, riuscendo a mantenerle illese dagli attacchi più devastanti. Ma l’ingegnosità dell’essere umano va oltre la semplice protezione di un’idea consolidata. Supponete che un individuo creda ciecamente in una determinata cosa; supponete ancora che sia impegnato a investire in quella convinzione, che abbia intrapreso azioni irrevocabili in nome di essa; supponete infine che gli sia stato dimostrato in maniera concreta, inequivocabile e innegabile che si sbaglia, che cosa accadrà? Quell’individuo si dimostrerà spesso non solo indifferente ai dati di fatto che sconfessano la sua convinzione, ma anche più sicuro che mai della veridicità delle sue idee. Anzi, potrebbe dimostrare addirittura un nuovo fervore che lo porterà a cercare di fare proseliti» (Festinger, "When Prophecy Fails", p. 27).
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15250
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi mario » 18/07/2013, 17:52

Le convinzioni non sono processi logici, non riguardano la realtà, ma l’interpretazione di certi fatti. È necessario acuire molto lo sguardo per riconoscere le convinzioni che possono limitare la nostra vita e le nostre scelte e quelle che, invece, possono sostenerci e rivelarsi ottime risorse per realizzare i nostri cambiamenti.
È difficile sapere cosa sia la verità, ma a volte è molto facile riconoscere una falsità.
A. Einstein
La falsità è la verità degli altri.
O. Wilde
La religione è vera per la plebe, falsa per il saggio e redditizia per quelli che ne fanno un mestiere.Seneca


Presentazione
Avatar utente
mario
Utente Senior
 
Messaggi: 867
Iscritto il: 11/01/2011, 17:00

Messaggiodi Brambilla Bruna » 18/07/2013, 17:53

può accadere che uno veramente convito ..possa cambiar idea ..
a volte i miracoli accadano :ok: :timido2: :fiori e bacio:
Avatar utente
Brambilla Bruna
Utente Platinium
 
Messaggi: 12711
Iscritto il: 16/07/2009, 15:24

Messaggiodi Gocciazzurra » 18/07/2013, 18:28

Achille Lorenzi ha scritto:«Un uomo che ha delle convinzioni radicate è un uomo difficile da cambiare. Ditegli che non siete d’accordo con lui e vi volterà le spalle. Mostrategli dei dati o delle cifre e metterà in dubbio le vostre fonti. Fate appello alla logica e non capirà la vostra posizione. Sappiamo tutti quanto sia inutile tentare di modificare una convinzione radicata, specie se chi la porta avanti ci ha investito sopra. Conosciamo tutti la varietà degli ingegnosi meccanismi difensivi con cui le persone proteggono le proprie convinzioni, riuscendo a mantenerle illese dagli attacchi più devastanti. Ma l’ingegnosità dell’essere umano va oltre la semplice protezione di un’idea consolidata. Supponete che un individuo creda ciecamente in una determinata cosa; supponete ancora che sia impegnato a investire in quella convinzione, che abbia intrapreso azioni irrevocabili in nome di essa; supponete infine che gli sia stato dimostrato in maniera concreta, inequivocabile e innegabile che si sbaglia, che cosa accadrà? Quell’individuo si dimostrerà spesso non solo indifferente ai dati di fatto che sconfessano la sua convinzione, ma anche più sicuro che mai della veridicità delle sue idee. Anzi, potrebbe dimostrare addirittura un nuovo fervore che lo porterà a cercare di fare proseliti» (Festinger, "When Prophecy Fails", p. 27).

E' ultra vero! E' come se nella persona che ha una convinzione radicata scattasse incosciamente una sorta di autodifesa poichè percepisce nella modifica un "pericolo" che attenta al suo modus vivendi che verrebbe stravolto.
Tuttavia sono convinta che le persone intellettualmente oneste possano, nel tempo, arrivare a capire che sono nel torto.
Di conseguenza si troveranno dinanzi ad una scelta non certo facile: affrontare con coraggio una svolta importante della propria vita o continuare come prima con il peso della consapevolezza che certamente sfocerà in un costante malessere interiore.
Immagine

Le parole troveranno credito quando i fatti daranno certezze. (Socrate)

Un po' di me Immagine
Avatar utente
Gocciazzurra
Moderatore
 
Messaggi: 5791
Iscritto il: 10/06/2009, 21:09

Messaggiodi deliverance1979 » 18/07/2013, 18:28

Le convizioni non le si applica solo alle religioni, dove a mio modesto parere è molto più semplice difendere l'ottusità delle credenze astratte, visto che molte di esse non possono essere smentite con le cose concrete.
Basta pensare all'ottusità di Adolf Hitler a fine guerra, rinchiuso come un topo nel bunker sperava in una svolta..... :fronte:
O gente che ha investito molto in progetti senza speranza pur con dati alla mano....

Non capisco a questo punto se il problema sia più una convinzione mentale o una presa di posizione dettata dall'orgoglio.....

Bertrand Russel diceva che gli stupidi sono sicuri di tutto, mentre le persone intelligenti sono piene di dubbi..... :strettamano:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6612
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Mauro » 18/07/2013, 18:30

L'opinione è un'idea che possedete: la convinzione è un'idea che possiede voi

J.G.Pollard

Bellissima

Mauro
Avatar utente
Mauro
Utente Master
 
Messaggi: 2538
Iscritto il: 16/07/2009, 12:33
Località: Genova

Messaggiodi Mamy » 18/07/2013, 19:58

Se ho un'oppinione la posso sempre cambiare ,non è detto che sia per sempre

e una convinzione non deve essere un ossessione .

pensiero mio )Mamy :sorriso:
Mamy
 

Messaggiodi agabo » 18/07/2013, 20:13

Perchè non confrontarsi con altre persone che si sono espresse a tal proposito?

Visita:

http://www.convinzioni.it/page14/page61/page61.html
"Come può uno scoglio arginare il mare? Anche se non voglio torno già a volare..." - Mogol
Avatar utente
agabo
Utente Senior
 
Messaggi: 929
Iscritto il: 27/07/2009, 11:33
Località: Piemonte

Messaggiodi Brambilla Bruna » 18/07/2013, 20:57

agabo ha scritto:Perchè non confrontarsi con altre persone che si sono espresse a tal proposito?

Visita:

http://www.convinzioni.it/page14/page61/page61.html

guardato Agabo :sorriso: ..
pero non male come frasi ...da farci un pensierino di quello che dicono questi personaggi :ok: :fiori e bacio: :timido2:
Avatar utente
Brambilla Bruna
Utente Platinium
 
Messaggi: 12711
Iscritto il: 16/07/2009, 15:24

Messaggiodi Achille » 19/07/2013, 5:31

"Sono le convinzioni, non le menzogne, le peggiori nemiche della verità"... :triste:
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15250
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Definizione

Messaggiodi Viandante » 19/07/2013, 6:12

"Curiosa" la definizione che se ne dà su un dizionario: Stato della mente resa certa da prove di fatto o da ragioni, del vero di chicchessia.

Ne risulta quindi che fin quando le mie prove di fatto o le ragioni rendono certa lo stato della mia mente continua a tenere tale convinzione. Quindi la ricerca delle prove e delle ragioni non deve mai vernir meno per evitare convinzioni errate.

Visto ciò e visto anche la continua ricerca fino a che punto devo ritenere le mie convinzioni veritiere? Potrebbe esistere qualche altra ragione, qualche altra prova di fatto che IO non ho ancora valutato ma che in realtà esiste e confuta la mia convinzione.

In tal modo però non si può essere convinto di nulla!?
Saluti
Viandante



"L'unica rivoluzione possibile è quella interiore..."
Viandante
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1030
Iscritto il: 23/09/2009, 18:40

Messaggiodi Brambilla Bruna » 19/07/2013, 7:11

Viandante ha scritto:"Curiosa" la definizione che se ne dà su un dizionario: Stato della mente resa certa da prove di fatto o da ragioni, del vero di chicchessia.

Ne risulta quindi che fin quando le mie prove di fatto o le ragioni rendono certa lo stato della mia mente continua a tenere tale convinzione. Quindi la ricerca delle prove e delle ragioni non deve mai vernir meno per evitare convinzioni errate.
Visto ciò e visto anche la continua ricerca fino a che punto devo ritenere le mie convinzioni veritiere? Potrebbe esistere qualche altra ragione, qualche altra prova di fatto che IO non ho ancora valutato ma che in realtà esiste e confuta la mia convinzione.

In tal modo però non si può essere convinto di nulla!?

Se il ragionamento non fa cambiare oppinione a una persona ..
e la sua convinzione rimane inalterata ..
l'unica via sarebbe se è possibile è quella visiva ...
Forse solo vedendo con i propri occhi una persona si rende conto dello sbaglio e cambia oppinione..
e la sua convinzione dell'essere convinto di una cosa va a farsi friggere ..è costretto a cambiar parere
:ok: :timido2:
Avatar utente
Brambilla Bruna
Utente Platinium
 
Messaggi: 12711
Iscritto il: 16/07/2009, 15:24

Messaggiodi deliverance1979 » 19/07/2013, 7:20

Bè come in tutte le cose ci sono convinzioni assolute e convinzioni relative.....

Il più delle volte le convinzioni relative cambiano al variare del tempo, degli usi e dei costumi o delle scoperte scientifico tecnologiche.....

Solitamente la persona intelligente cerca di capire fino a che punto possa valere il giocarsi tutto fino alla fine per rimanere fedeli alle proprie convinzioni.

In alcuni casi questo ha portato alla creazione di eroi, patrioti o grandi pensatori, ma in altri casi ha generato mostri ed orrori.... :strettamano:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6612
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Trianello » 19/07/2013, 7:53

Da un punto di vista meramente gnoseologico non c'è nulla di negativo nelle convinzioni, tutto sta nella giustificabilità razionale delle stesse, il che, come ci ha insegnato il grande Plantinga, non necessariamente è legato alla "dimostrabilità" delle medesime. Si è pienamente giustificati nell'essere convinti di molte cose, anche se non si hanno delle dimostrazioni per le stesse (famoso è l'esempio, sempre di Plantinga, della convinzione, che tutti abbiamo, dell'esistenza di altre menti oltre la nostra). Una convinzione (intendendo questo termine come un sinonimo di "certezza") diventa ingiustificata lì dove ci siano degli "sconfiggitori" (sempre per rifarmi al lessico di Plantinga) della stessa, dei quali però ci si rifiuta di tener conto. Ma qui usciamo dall'ambito teoretico e si sfocia nella psicologia.
Presentazione

Deus non deserit si non deseratur

Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Master
 
Messaggi: 3356
Iscritto il: 10/06/2009, 22:45

Messaggiodi eros&thanatos » 19/07/2013, 7:54

Le convinzioni, più delle bugie, sono nemiche pericolose della verità.
F. Nietzsche
"onen i-Estel Edain, u-chebin Estel anim". Elfico Quenya, da The lord of the rings
"ho dato la mia speranza agli uomini, non ne ho conservata per me"

Presentazione Immagine
Avatar utente
eros&thanatos
Utente Master
 
Messaggi: 3014
Iscritto il: 11/04/2013, 17:48
Località: Domaso

Messaggiodi Brambilla Bruna » 19/07/2013, 8:00

eros&thanatos ha scritto:Le convinzioni, più delle bugie, sono nemiche pericolose della verità.
F. Nietzsche

e stata già scritta da Achille .. :sorriso:
anche se si ripete come frase ..
ciò non fa cambiare la convinzione di essere nel giusto .. :ok: :fiori e bacio: :timido2:
Avatar utente
Brambilla Bruna
Utente Platinium
 
Messaggi: 12711
Iscritto il: 16/07/2009, 15:24

Messaggiodi deliverance1979 » 19/07/2013, 8:30

Però Trianello, il problema delle convinzioni astratte viene fuori quando esse interferiscono nella vita pratica, ed è proprio in questo momento che bisognerebbe interrogarsi sulla loro bontà....

Per i talebani, come per i nazisti, come per i giapponesi della prima metà del secolo scorso, uccidere chi non era o la pensava come loro era del tutto naturale e giustificabile dalle proprie convinzioni.....

Quindi un conto è essere convinti che una forza invisibile mi trattiene oggettivamente al suolo e mi spinge verso terra, ed un'altra è farsi saltare in aria con una granata perchè soldato del divino Tenno che non si arrende...... :boh:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6612
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Trianello » 19/07/2013, 8:57

deliverance1979 ha scritto:Però Trianello, il problema delle convinzioni astratte viene fuori quando esse interferiscono nella vita pratica, ed è proprio in questo momento che bisognerebbe interrogarsi sulla loro bontà....

Per i talebani, come per i nazisti, come per i giapponesi della prima metà del secolo scorso, uccidere chi non era o la pensava come loro era del tutto naturale e giustificabile dalle proprie convinzioni.....

Quindi un conto è essere convinti che una forza invisibile mi trattiene oggettivamente al suolo e mi spinge verso terra, ed un'altra è farsi saltare in aria con una granata perchè soldato del divino Tenno che non si arrende...... :boh:


Appunto, ci sono buone convinzioni e cattive convinzioni. Si può essere convinti nella verità così come nella falistà. In sé, però, l'avere convinzioni non è sbagliato, perché altrimenti saremmo tutti sbagliati a prescindere (in quanto tutti noi abbiamo una miriade convinzioni radicatissime senza le quali ci sarebbe letteralmente impossibile vivere). Il tema di fondo è: io non ragione di dubitare delle mie convinzioni fino a quando non mi vengano mostrate delle ragioni valide per farlo. Una mia convinzione diventa "cattiva" (sempre a livello teoretico) quando, in effetti, ci sono delle buone ragioni per metterla in dubbio e, nonostante questo, io non riesco a rinunciare alla medesima. Non è che l'amante della verità non abbia convinzioni: l'amante della verità è chi ama la verità più delle proprie convinzioni.
Presentazione

Deus non deserit si non deseratur

Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Master
 
Messaggi: 3356
Iscritto il: 10/06/2009, 22:45

Messaggiodi deliverance1979 » 19/07/2013, 9:38

Il problema a questo punto andrebbe proposto ai TDG, i quali essendo nati come una religione millenaristica o come secondo intendimento del primo cristianesimo alla fine del sistema di cose giudaico, ad oggi stanno rivedendo moltissimi punti cardine della loro teologia che altresì hanno convintamente propagandato per 100 anni, ovvero tutto il 1900, ed aspettato una fine che non è venuta..... :fronte:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6612
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi eros&thanatos » 19/07/2013, 9:49

Brambilla Bruna ha scritto:
eros&thanatos ha scritto:Le convinzioni, più delle bugie, sono nemiche pericolose della verità.
F. Nietzsche

e stata già scritta da Achille .. :sorriso:
anche se si ripete come frase ..
ciò non fa cambiare la convinzione di essere nel giusto .. :ok: :fiori e bacio: :timido2:


OPSSS... avevo ancora gli occhi chiusi Bruna... ero appena uscita del letto :ironico:
"onen i-Estel Edain, u-chebin Estel anim". Elfico Quenya, da The lord of the rings
"ho dato la mia speranza agli uomini, non ne ho conservata per me"

Presentazione Immagine
Avatar utente
eros&thanatos
Utente Master
 
Messaggi: 3014
Iscritto il: 11/04/2013, 17:48
Località: Domaso

Messaggiodi Brambilla Bruna » 19/07/2013, 10:39

eros&thanatos ha scritto:
Brambilla Bruna ha scritto:
eros&thanatos ha scritto:Le convinzioni, più delle bugie, sono nemiche pericolose della verità.
F. Nietzsche

e stata già scritta da Achille .. :sorriso:
anche se si ripete come frase ..
ciò non fa cambiare la convinzione di essere nel giusto .. :ok: :fiori e bacio: :timido2:


OPSSS... avevo ancora gli occhi chiusi Bruna... ero appena uscita del letto :ironico:

doppio caffè per te :risata: :risata: :fiori e bacio: :timido2: :abbr:
Avatar utente
Brambilla Bruna
Utente Platinium
 
Messaggi: 12711
Iscritto il: 16/07/2009, 15:24

Messaggiodi eros&thanatos » 19/07/2013, 11:14

TRIPLO!!! cara Bruna..
:risatina: :risatina: :risatina:
"onen i-Estel Edain, u-chebin Estel anim". Elfico Quenya, da The lord of the rings
"ho dato la mia speranza agli uomini, non ne ho conservata per me"

Presentazione Immagine
Avatar utente
eros&thanatos
Utente Master
 
Messaggi: 3014
Iscritto il: 11/04/2013, 17:48
Località: Domaso

Messaggiodi Brambilla Bruna » 19/07/2013, 11:19

va bene fortunata ..ho appena pranzato ..il caffè è sul fornello pronto tutto per te :risata: :risata: :risata: :ok: :fiori e bacio:
Avatar utente
Brambilla Bruna
Utente Platinium
 
Messaggi: 12711
Iscritto il: 16/07/2009, 15:24

Messaggiodi eros&thanatos » 19/07/2013, 11:27

Ma fammelo bello forte Bruna... che notte terribile ho avuto...
Adesso basta siamo andate OT..
:ironico:
"onen i-Estel Edain, u-chebin Estel anim". Elfico Quenya, da The lord of the rings
"ho dato la mia speranza agli uomini, non ne ho conservata per me"

Presentazione Immagine
Avatar utente
eros&thanatos
Utente Master
 
Messaggi: 3014
Iscritto il: 11/04/2013, 17:48
Località: Domaso

Messaggiodi Brambilla Bruna » 19/07/2013, 11:31

va bene sarà fatto .. :ironico:
ultima risposta che siamo decisamente :ft: poi ci sgridano.. :risata: :risata:
Avatar utente
Brambilla Bruna
Utente Platinium
 
Messaggi: 12711
Iscritto il: 16/07/2009, 15:24

Messaggiodi Cicciuzzo » 19/07/2013, 14:58

:quoto100:
Mauro ha scritto:L'opinione è un'idea che possedete: la convinzione è un'idea che possiede voi

J.G.Pollard

Bellissima

Mauro
"Peggio che dire una menzogna è passare tutta la vita rimanendo fedeli ad una menzogna." (Robert Brault)

http://forum.infotdgeova.it/viewtopic.p ... 13#p252414
Cicciuzzo
Utente Senior
 
Messaggi: 575
Iscritto il: 18/02/2013, 19:48
Località: Nord Italia

Messaggiodi minstrel » 23/07/2013, 10:35

Trianello ha scritto:Non è che l'amante della verità non abbia convinzioni: l'amante della verità è chi ama la verità più delle proprie convinzioni.


:appl: Grazie!
A little bit of me, myself and I
«Chi è capace di una visione generale è dialettico, e chi non lo è, no», PLATONE, Repubblica VII,537 c.

Croce-via: un crocevia di croci.
Avatar utente
minstrel
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1011
Iscritto il: 11/01/2012, 9:28
Località: Bergamo

Messaggiodi vitale » 24/07/2013, 0:03

La vita per quanto bengustata ha i suoi lati amari. L’amaro “salta” in “bocca” quando meno lo pensiamo. La convinzione si può sgretolare, sempreché siamo sicuri di quello che facciamo-diciamo con solide fondamenta, anche se, la convinzione sembra radicata all’inverosimile. La costanza ed il tempo sono i fattori principali a sciogliere “l’infuso” somministrato. Rimane un nocciolo della questione: come faccio a togliermi “quell’amaro” ancora annidato. La ricetta non è facile da mettere in pratica, sempreché la persona, non pensi che rimanere a fare “giardinaggio” produca l’antitesi al suo dilemma.
La natura si sgretola così come l’essere umano, che, nella sua omni sapienza pensa di essere convinto di poter giungere alla Sapienza, quando la Stessa viene da chi ci ha creato.
La vita è un torneo in cui s’innescano dei rituali.
L’essere umano è bugiardo al pari grado dei modi di pensare.
La convinzione si somministra a piccole dosi.
Il frutto della convinzione, nessuno avrà modo di gustarlo.
Questo è un amaro in bocca, e
Immagine della vita
La famiglia, i figli, la religione, la politica, non hanno più spina dorsale
Presentazione
vitale
Utente Master
 
Messaggi: 4060
Iscritto il: 30/08/2009, 10:19

Messaggiodi zeus10 » 03/08/2013, 11:05

Achille Lorenzi ha scritto:«Un uomo che ha delle convinzioni radicate è un uomo difficile da cambiare. Ditegli che non siete d’accordo con lui e vi volterà le spalle. Mostrategli dei dati o delle cifre e metterà in dubbio le vostre fonti. Fate appello alla logica e non capirà la vostra posizione. Sappiamo tutti quanto sia inutile tentare di modificare una convinzione radicata, specie se chi la porta avanti ci ha investito sopra. Conosciamo tutti la varietà degli ingegnosi meccanismi difensivi con cui le persone proteggono le proprie convinzioni, riuscendo a mantenerle illese dagli attacchi più devastanti. Ma l’ingegnosità dell’essere umano va oltre la semplice protezione di un’idea consolidata. Supponete che un individuo creda ciecamente in una determinata cosa; supponete ancora che sia impegnato a investire in quella convinzione, che abbia intrapreso azioni irrevocabili in nome di essa; supponete infine che gli sia stato dimostrato in maniera concreta, inequivocabile e innegabile che si sbaglia, che cosa accadrà? Quell’individuo si dimostrerà spesso non solo indifferente ai dati di fatto che sconfessano la sua convinzione, ma anche più sicuro che mai della veridicità delle sue idee. Anzi, potrebbe dimostrare addirittura un nuovo fervore che lo porterà a cercare di fare proseliti» (Festinger, "When Prophecy Fails", p. 27).


Sono d'accordo con questa definizione al 100%.Nel contempo penso che è possibile che una convinzione crolli,si sbricioli.Nel mio caso,ero un tdg convinto.In realtà avevo qualche dubbio latente su alcune "interpretazioni" ma li respingevo,ignorandoli.Riassumendo,quando in un dato monmento ho visto con i miei occhi che gli stessi principi che mi sono stati insegnati e ripetuti per anni non venivano applicati dalla stessa organizzazione in questioni specifiche (comitati giudiziari),ho aperto gli occhi.In sostanza anni e anni di insegnamenti rigorosi e di regole,si sono rivoltati contro la stessa organizzazione che li insegna ripetutamente dal podio.Non si possono richiedere degli standard ai propri fedeli e poi non applicarli in modo esemplare!! Così il meccanismo si rompe!
In conclusione,dalla mia esperienza e da quella di altri ex tdg,ho capito che forse l'unico modo per capire che la nostra convinzione è falsa è arrivandoci da soli.Solo provando sulla propria pelle un esperienza traumatica si può essere aiutati ad aprire gli occhi,e vedere la realtà per quella che è.Nel mio caso è successo e sono contento di aver dovuto affrontare quella difficoltà che in realtà mi ha liberato da una falsa convinzione.
‘Peggio che dire una menzogna è passare tutta la vita rimanendo fedeli ad una menzogna.’
Robert Brault.
Avatar utente
zeus10
Utente Senior
 
Messaggi: 611
Iscritto il: 21/09/2009, 6:52
Località: italia

Messaggiodi Mario70 » 03/08/2013, 14:16

Trianello ha scritto: Il tema di fondo è: io non ho ragione di dubitare delle mie convinzioni fino a quando non mi vengano mostrate delle ragioni valide per farlo.


E questa è sempre stata la mia filosofia di vita anche quando ero tdg, filosofia che mi è stata insegnata stranamente dell'anziano che mi fece lo studio, solo che a quanto pare essendo io uscito e lui no, occorre qualcos'altro per determinare che le altrui ragioni siano più valide... Nel caso mio è servito un evento shock come la separazione o meglio come è stata affrontato questo evento da quella organizzazione, a volte mi chiedo cosa farei e cosa sarei ora se non avessi avuto quell'evento...
«Ortodossia vuol dire non pensare, non aver bisogno di pensare. Ortodossia e inconsapevolezza son la stessa cosa.»

(1984) George Orwell
Avatar utente
Mario70
Utente Gold
 
Messaggi: 6084
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

Prossimo

Torna a Forum principale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 12 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici