Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

"Chi di voi è senza peccato..."

La Bibbia dei Testimoni di Geova è davvero una traduzione fedele ed accurata delle Sacre Scritture?

Moderatore: polymetis

"Chi di voi è senza peccato..."

Messaggiodi Achille » 19/02/2021, 17:25

Uno dei brani evangelici più conosciuti è l'episodio in cui i farisei vogliono lapidare una donna adultera. (Giovanni 8:1-12)
Le parole "Chi di voi è senza peccato scagli la prima pietra" sono universalmente note e sono entrate a far parte del linguaggio comune e della nostra cultura.
Tuttavia se al mondo esistesse solo la TNM del 2017 nessuno potrebbe conoscere questo episiodio.
Nella suddetta traduzione il brano è stato infatti completamente omesso!

Sto mettendo online una pagina (ancora in costruzione) su questo cambiamento nella nuova TNM:

https://www.infotdgeova.it/-chi-e-senza-peccato-.html

Sono graditi suggerimenti.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15407
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi nardo » 19/02/2021, 18:33

Achille ha scritto:Uno dei brani evangelici più conosciuti è l'episodio in cui i farisei vogliono lapidare una donna adultera. (Giovanni 8:1-12)
Le parole "Chi di voi è senza peccato scagli la prima pietra" sono universalmente note e sono entrate a far parte del linguaggio comune e della nostra cultura.
Tuttavia se al mondo esistesse solo la TNM del 2017 nessuno potrebbe conoscere questo episiodio.
Nella suddetta traduzione il brano è stato infatti completamente omesso!


In effetti, malgrado l'intero passo sia altamente contestato ed è molto probabile che sia una aggiunta successiva del periodo 300/400, di solito viene lasciato e viene citato che appunto i più antichi manoscritti del vangelo di Giovanni (datati 100/200) non hanno il brano (Giovanni 7:53-8:11).
Ometterlo del tutto è la prima volta che lo sento.
Ἐγώ εἰμι ἡ ὁδὸς καὶ ἡ ἀλήθεια καὶ ἡ ζωή· οὐδεὶς ἔρχεται πρὸς τὸν Πατέρα εἰ μὴ δι’ ἐμοῦ.
Avatar utente
nardo
Utente Junior
 
Messaggi: 393
Iscritto il: 20/02/2016, 21:09

Messaggiodi enkidu » 19/02/2021, 20:32

nardo ha scritto:
Achille ha scritto:Uno dei brani evangelici più conosciuti è l'episodio in cui i farisei vogliono lapidare una donna adultera. (Giovanni 8:1-12)
Le parole "Chi di voi è senza peccato scagli la prima pietra" sono universalmente note e sono entrate a far parte del linguaggio comune e della nostra cultura.
Tuttavia se al mondo esistesse solo la TNM del 2017 nessuno potrebbe conoscere questo episiodio.
Nella suddetta traduzione il brano è stato infatti completamente omesso!


In effetti, malgrado l'intero passo sia altamente contestato ed è molto probabile che sia una aggiunta successiva del periodo 300/400, di solito viene lasciato e viene citato che appunto i più antichi manoscritti del vangelo di Giovanni (datati 100/200) non hanno il brano (Giovanni 7:53-8:11).
Ometterlo del tutto è la prima volta che lo sento.


Sicuro che appaia solo nel IV secolo? So che non c è nei primi papiri, ma non credevo comparisse solo nel IV secolo.
enkidu
Utente Junior
 
Messaggi: 321
Iscritto il: 09/05/2011, 19:11

Messaggiodi nardo » 19/02/2021, 20:39

enkidu ha scritto:
nardo ha scritto:
Achille ha scritto:Uno dei brani evangelici più conosciuti è l'episodio in cui i farisei vogliono lapidare una donna adultera. (Giovanni 8:1-12)
Le parole "Chi di voi è senza peccato scagli la prima pietra" sono universalmente note e sono entrate a far parte del linguaggio comune e della nostra cultura.
Tuttavia se al mondo esistesse solo la TNM del 2017 nessuno potrebbe conoscere questo episiodio.
Nella suddetta traduzione il brano è stato infatti completamente omesso!


In effetti, malgrado l'intero passo sia altamente contestato ed è molto probabile che sia una aggiunta successiva del periodo 300/400, di solito viene lasciato e viene citato che appunto i più antichi manoscritti del vangelo di Giovanni (datati 100/200) non hanno il brano (Giovanni 7:53-8:11).
Ometterlo del tutto è la prima volta che lo sento.


Sicuro che appaia solo nel IV secolo? So che non c è nei primi papiri, ma non credevo comparisse solo nel IV secolo.


Da quello che ricordo il manoscritto più antico che lo contiene è dei primi del 400, potrei ovviamente sbagliarmi.
Ἐγώ εἰμι ἡ ὁδὸς καὶ ἡ ἀλήθεια καὶ ἡ ζωή· οὐδεὶς ἔρχεται πρὸς τὸν Πατέρα εἰ μὴ δι’ ἐμοῦ.
Avatar utente
nardo
Utente Junior
 
Messaggi: 393
Iscritto il: 20/02/2016, 21:09

Messaggiodi Metallo Pesante » 20/02/2021, 12:42

Wikipedia, alla voce "Pericope dell'adultera", riporta:

La pericope dell'adultera (popolarmente detta episodio di Gesù e l'adultera) è un passo del Vangelo secondo Giovanni (8,1-11) in cui una donna colta in adulterio è portata dinanzi a Gesù da scribi e Farisei per conoscere il suo parere circa la sua condanna a lapidazione. Si tratta dell'episodio da cui ha origine il detto «Chi è senza peccato, scagli per primo la pietra».

La pericope dell'adultera è in linea con molti altri passaggi dei Vangeli, e probabilmente ebbe origine nella tradizione apostolica più antica (la Didascalia apostolorum si riferisce a questa pericope, e probabilmente anche Papia di Ierapoli). Già nel IV secolo, l'episodio con Gesù e la donna sorpresa in adulterio appariva nella Vulgata latina[1], traduzione che successivamente sarà dichiarata autentica e autoritativa dal concilio di Trento.[2] Le analisi moderne hanno fatto sì che la maggioranza degli studiosi contemporanei[3][4] ritenga che questo passaggio "certamente non era parte del testo originale del Vangelo di Giovanni".[5]

D'altra parte, la canonicità di questa pericope, il suo carattere ispirato e il suo valore storico sono fuori discussione per le Chiese cristiane storiche.[4][6]


Aggiunge:

L'ipotesi dell'interpolazione

Il brano non compare nei manoscritti più antichi e affidabili del Vangelo secondo Giovanni e questo ha portato la quasi unanimità della critica moderna a non riconoscerlo come facente parte del testo originale di Giovanni.[10][11] La pericope "non presenta infatti il caratteristico stile giovanneo e rompe i discorsi tenuti da Gesù durante la festa delle capanne. Lo stile e la sensibilità che presenta la farebbero avvicinare a Luca, in alcuni codici importanti viene infatti inserita subito dopo Luca 21,28, anche se non sembra sia sua (Becker)".[12]

Già nel IV secolo, l'episodio con Gesù e la donna sorpresa in adulterio appariva nella Vulgata latina[1], traduzione che successivamente sarà dichiarata autentica e autoritativa dal concilio di Trento.[2] La pericope dell'adultera - dagli studiosi quindi riconosciuta pressoché unanimemente come un'aggiunta posteriore - inizia a comparire regolarmente nei manoscritti attorno al IX secolo, circa 800 anni dopo la stesura del Vangelo secondo Giovanni e, inoltre, non era originariamente presente neppure in nessuno degli altri vangeli canonici. Il racconto è anche ritenuto poco preciso in alcuni dettagli storici: se la donna adultera era stata sorpresa in flagrante, pare strano che non si accenni all'uomo che era con lei nel frangente; la legge mosaica - in Lv20,10 - prescriveva infatti che fossero entrambi colpevoli e quindi da lapidare insieme.[13][14][15][16]

Anche quasi tutti gli studiosi cristiani - benché taluni evidenzino come l'episodio potrebbe adattarsi alla persona di Gesù[Nota 3] - concordano ormai come tale pericope non appartenga al Vangelo secondo Giovanni e gli esegeti dell'interconfessionale Bibbia TOB confermano che "tutti sono d'accordo nel riconoscere che si tratta di un pezzo di origine sconosciuta, inserito più tardi"[17], mentre gli studiosi curatori del "Nuovo Grande Commentario Biblico" - rilevando anch'essi come il testo non sia presente nei manoscritti più antichi ed affidabili e non sia compatibile con lo stile giovanneo - ritengono che l'interpolazione successiva potrebbe essere stata inserita da un copista per rimediare "le transizioni un poco goffe, gli improvvisi cambiamenti di tema e la mancanza di ambientazione" dei capitoli 7 e 8, dovuti a un complesso processo per l'"edizione del materiale di questi capitoli".[18] Questo aneddoto deriva verosimilmente da una tradizione orale su Gesù che fu successivamente aggiunta da un copista ai margini di un manoscritto del Vangelo di Giovanni e, successivamente, inglobata in questo; in altri manoscritti, alcuni copisti inserirono invece l'episodio dell'adultera in differenti parti dei vangeli, come dopo Gv21,25 oppure dopo Lc21,38.[19]


Dato che devono distinguersi dalla "cristianità"...
Metallo Pesante
Utente Junior
 
Messaggi: 392
Iscritto il: 29/06/2020, 8:17

Ragazzi....

Messaggiodi Vieri » 20/02/2021, 13:02

Potrei anche credere che storicamente tale passo del vangelo non fosse inizialmente presente ma onestamente ed in tutta sincerità
E' TROPPO BELLO PER NON ESSERE VERO e nasconde una verità alla quale TUTTI dovrebbero attenersi.
Sicuramente lo Spirito Santo ci ha messo lo "zampino".. :santo:

PS. se la WTS non ha inserito tale passo nel loro Vangelo, non é che ha pensato a coprire i loro comitati giudiziari per lasciare loro mano libera ?

A pensare male si fa peccato ma spesso ci si azzecca....
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 8480
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Achille » 20/02/2021, 13:19

È un passo che ha sempre dato fastidio ai "farisei" di tutti i tempi.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15407
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Achille » 20/02/2021, 19:06

Penso di aver completato la pagina.
Vi ho aggiunto anche molte informazioni tratte da una discussione nel forum con gli interventi di Polymetis (vedere nota 6):

https://www.infotdgeova.it/-chi-e-senza-peccato-.html
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15407
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22


Torna a La Traduzione del Nuovo Mondo, la Bibbia dei Testimoni di Geova

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici