Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

La Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture: è o non è una Bibbia?

La Bibbia dei Testimoni di Geova è davvero una traduzione fedele ed accurata delle Sacre Scritture?

Moderatore: polymetis

Il cerchio si è chiuso. O quasi.

Messaggiodi Sandro » 24/02/2021, 19:35

Con i loro interventi Achille e di Brisa hanno espresso la loro opinione sull'interrogativo.
Ultimo step:
Allora io Sandro (nome di fantasia) sono uno studente di un liceo classico. Il prof. Sottile (sempre nome di fantasia) incoraggia la classe a portare come oggetto di studio la Poetica di Aristotele con Testo greco a fronte. Io porto quella a cura di Domenico Pesce con il Testo revisionato da Giuseppe Girgenti. Altri alunni portano libri di diverse case editrici con differenti traduttori ,5 in tutto, su una classe di 21. Ora il Prof. incoraggia l'esercizio con l'ausilio del "Rocci" (famoso vocabolario greco-italiano) di esaminare in gruppo il 14° Libro -Pietà e terrore- e di trovare i lemmi che secondo noi siano più consoni al testo secondo le varie traduzioni. Con un testo di questi 5 si fa fatica, richiede molto tempo; sembra che il traduttore Y ti porti consapevolmente fuori strada e devi lavorare tantissimo per riportare il testo in careggiata. Il prof. lo esamina e consiglia di abbandonarlo.
L'insegnante della ragazzina citata all' inizio, aveva sicuramente esaminato la Traduzione del Nuovo Mondo che già alla terza riga stravolge <spirito> con <forza attiva> e via discorrendo con punteggiature e lemmi ad uso e consumo Watchtower. Forse avrà sbagliato a dire che non sia una Bibbia letterale, ma una "Traduzione della Bibbia" usus et consumptio dei Testimoni di Geova. Torto o Ragione? Forse una traduzione un po' più farlocca di molte altre. Ma continueremo a chiamarla Bibbia sotto la responsabilità degli stampatori W.T.
Sandro
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1256
Iscritto il: 30/06/2019, 11:55

Messaggiodi Quixote » 25/02/2021, 0:52

sandrosolustri ha scritto:Rispondetemi: La mia "Traduzione" della Poetica potrebbe definirsi a tutti gli effetti LA Poetica di Aristotele?
" " :La "Traduzione del Nuovo Mondo" potrebbe definirsi a tutti gli effetti LA Bibbia ?
SI o NO ?

Presentami la “tua traduzione” dell’incipit della Poetica, poi ti dirò ciò che ne penso, e se sei degno di risposta, perché, fino a prova contraria abbiamo azzardato spesso traduzioni mie dal greco del NT, a volte a senso, a volte letterali, a volte etimologiche, e servendomi esclusivamente di di strumenti scientifici, che per stavolta evito di elencarti, per non ridicolizzare il tuo dilettantismo, con un dettagliato e prolisso elenco estemporaneo di fonti, citate senza bisogno di sfoggi di vacua retorica o di consultare la rete; che rimando alla prossima, ove ti venga il prurito di ostentare quanto ce l’hai “duro”. Non solo perché fino a prova contraria il greco antico io lo conosco e tu no, ma perché, a dirtela schietta, sono davvero stufo di compatirti per il dolore che hai subito da un culto abusante, finalmente occorre che tu ti comporti da uomo, giustificando le tue colpe, senza travestirle e trasferirle agli altri; quando finalmente capirai che la responsabilità è personale, che non basta dire ho sbagliato per causa di altri, solo allora potrai affermare di essere affidabile. Al momento sei solo una patetica giustificazione dell’odio dei testimoni per gli ex, quindi lesiva e offensiva delle ragioni critiche del forum, come pure degli ex foristi piú seri e consapevoli, pronti a riconoscere i propri errori, e distinguerli dal pressapochismo altrui.
Καὶ ἠγάπησαν οἱ ἄνθρωποι μᾶλλον τὸ σκότος ἢ τὸ φῶς.
E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce.
GIOVANNI, III, 19. (G. Leopardi, La ginestra, esergo)
======================================
Primo postPresentazioneStaurós: palo o croce? (link esterno)
Avatar utente
Quixote
Moderatore
 
Messaggi: 4645
Iscritto il: 15/08/2011, 22:26
Località: Cesena

Messaggiodi Sandro » 25/02/2021, 13:58

Quixote ha scritto:
sandrosolustri ha scritto:Rispondetemi: La mia "Traduzione" della Poetica potrebbe definirsi a tutti gli effetti LA Poetica di Aristotele?
" " :La "Traduzione del Nuovo Mondo" potrebbe definirsi a tutti gli effetti LA Bibbia ?
SI o NO ?

Presentami la “tua traduzione” dell’incipit della Poetica, poi ti dirò ciò che ne penso, e se sei degno di risposta, perché, fino a prova contraria abbiamo azzardato spesso traduzioni mie dal greco del NT, a volte a senso, a volte letterali, a volte etimologiche, e servendomi esclusivamente di di strumenti scientifici, che per stavolta evito di elencarti, per non ridicolizzare il tuo dilettantismo, con un dettagliato e prolisso elenco estemporaneo di fonti, citate senza bisogno di sfoggi di vacua retorica o di consultare la rete; che rimando alla prossima, ove ti venga il prurito di ostentare quanto ce l’hai “duro”. Non solo perché fino a prova contraria il greco antico io lo conosco e tu no, ma perché, a dirtela schietta, sono davvero stufo di compatirti per il dolore che hai subito da un culto abusante, finalmente occorre che tu ti comporti da uomo, giustificando le tue colpe, senza travestirle e trasferirle agli altri; quando finalmente capirai che la responsabilità è personale, che non basta dire ho sbagliato per causa di altri, solo allora potrai affermare di essere affidabile. Al momento sei solo una patetica giustificazione dell’odio dei testimoni per gli ex, quindi lesiva e offensiva delle ragioni critiche del forum, come pure degli ex foristi piú seri e consapevoli, pronti a riconoscere i propri errori, e distinguerli dal pressapochismo altrui.

La "mia traduzione" A motivo di un mero scimmiottare il greco senza conoscerlo veramente sarebbe la peggiore, deficitaria ed incomprensibile Poetica mai stampata al mondo, quindi oltre a non essere nemmeno degna di un misero ed estemporaneo giudizio, non sarebbe neppure degna di chiamarsi Poetica DI Aristotele.
Poi da uomo non giustifico le mie colpe, ma le ammetto. Non le trasferirei mai su altri perché esse parlerebbero solo di me e non di chi avrei voluto trasferirle.
Ho fatto molti errori a causa mia, ma non mi perdono quei pochi fatti a motivo degli altri. Sull'affidabilità lascio giudicare agli altri. Ma se non dovessi esserlo e quindi apparire come dici <lesivo e offensivo delle ragioni critiche del forum...> Bene. Hai raggiunto lo scopo. Non mi compatirai più perché Non mi sentirai Più.
ps. <Al limite sarei solo una patetica giustificazione dell'odio degli ex per i testimoni > e non il contrario come hai scritto.
Sandro
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1256
Iscritto il: 30/06/2019, 11:55

Messaggiodi VictorVonDoom » 26/02/2021, 9:28

sandrosolustri ha scritto:ps. <Al limite sarei solo una patetica giustificazione dell'odio degli ex per i testimoni > e non il contrario come hai scritto.


E' proprio questo il punto, il motivo per cui non hai compreso il senso di quello che ha scritto Quixote e l'hai ribaltato, probabilmente molti dei tuoi interventi sono spinti da questo sentimento: il tuo odio da ex-TdG per i TdG (che è solo "normale", attenzione, almeno nelle prime fasi, poi dovremmo essere in grado di somatizzarlo e accettarlo).

In realtà non esiste alcun "odio istituzionale" degli ex-TdG nei confronti dei TdG. Certo, ci sono molti ex Testimoni arrabbiati e che esagerano o addirittura mentono sull'organizzazione. Ma non esiste un'associazione di ex-TdG che istruisce gli ex su cosa pensare o come trattare con i Testimoni. Insomma, non si può parlare di "odio degli ex per i Testimoni" in maniera generalizzata, perchè ogni "ex" è un'isola a se.

E' vero invece il contrario: "istituzionalmente", la Watchtower addestra i TdG ad "odiare gli apostati". Tale odio trova poi giustificazione in interventi come spesso sono i tuoi, con critiche maldestre o abbozzate su aspetti marginali, nel migliore dei casi, polemiche sul nulla (non è una Bibbia perchè compare in copertina "traduzione del nuovo mondo"), esperienza anonime al limite della fantascienza (quella disassociata perchè si reca la mattina a casa del datore di lavoro a preparare la colazione, la maestrina che dopo un'analisi filologica della TNM dice alle alunne che quella non è una Bibbia) che hanno poi la stessa valenza delle esperienze riportate nelle pubblicazioni dei TdG ("il nome è stato cambiato"). Tutto questo calderone viene poi preso a pretesto dagli apologeti e dai rappresentanti watchtower per passare dalla parte delle vittime, odiate dal mondo di Satana e calunniati dagli ex-fratelli.

Non te la prendere, ovviamente sei preso a soggetto per una riflessione più generale sulla "qualità" degli argomenti critici verso i TdG, quindi si finisce anche a fare un discorso generale.

Ho letto che hai abbandonato il forum. Secondo me, invece, dovresti riflettere sulle critiche ai tuoi interventi e beneficiare dell'occasione per valutare se sia il caso di cambiare qualcosa. Non si finisce mai di imparare, no? :ok:
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3534
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Precedente

Torna a La Traduzione del Nuovo Mondo, la Bibbia dei Testimoni di Geova

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici