Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

La Prefazione della TNM del 1967

La Bibbia dei Testimoni di Geova è davvero una traduzione fedele ed accurata delle Sacre Scritture?

Moderatore: polymetis

La Prefazione della TNM del 1967

Messaggiodi Achille » 26/02/2021, 22:09

Clicca per vedere l'immagine a dimensioni originali

Cliccare per ingrandire

Che ne pensate di queste parole contenute nella Prefazione della TNM del 1967.
Secondo voi cosa significano?
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15257
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Metallo Pesante » 27/02/2021, 14:22

Achille ha scritto:Clicca per vedere l'immagine a dimensioni originali

Cliccare per ingrandire

Che ne pensate di queste parole contenute nella Prefazione della TNM del 1967.
Secondo voi cosa significano?


Che presero le espressioni assenti nel testo della prima edizione della TNM (credo quella in più volumi, degli anni '50) ma presenti nelle note e le inserirono (in assenza di note) nel testo dell'edizione in un solo volume, del 1967, la TNM con copertina verde... Insomma, non proprio deontologico.
Metallo Pesante
Utente Junior
 
Messaggi: 351
Iscritto il: 29/06/2020, 8:17

Messaggiodi Achille » 27/02/2021, 14:24

Metallo Pesante ha scritto:Che presero le espressioni assenti nel testo della prima edizione della TNM (credo quella in più volumi, degli anni '50) ma presenti nelle note e le inserirono (in assenza di note) nel testo dell'edizione in un solo volume, del 1967, la TNM con copertina verde... Insomma, non proprio deontologico.
Potresti citare degli esempi di espressioni presenti nelle note della NWT in più volumi che sarebbero state inserite nel testo della TNM del 1967?
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15257
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Romagnolo » 27/02/2021, 20:54

A me colpisce di più le ultime frasi,....mi pare di capire che operando queste...chiamiamole aggiunte si ottenesse una bibbia più fedele al senso stretto dei termini originali.
Correggetemi se ho capito male. :conf:
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Gold
 
Messaggi: 6678
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi Quixote » 27/02/2021, 22:18

Non ho l’edizione di riferimento, sicché non ho la possibilità di controllare. Per esperienza ipotizzo che nell’evidenziato si prospetti di sostituire le note alla traduzione quando fa comodo; questo può avvenire in due casi: la nota è una variante più o meno sinonimica, e in quanto tale può legittimamente preferirsi al testo originale; oppure è una parafrasi o una spiegazione, e in questo caso tende a spiegare e/o interpretare il testo, quindi risulta dubbia, e spesso passibile della condanna che delle aggiunte al testo sacro sanziona verso fine l’Apocalisse giovannea.

Ma fin qui tutto bene, al contrario filogicamente e scientificamente parlando non esiste quanto precede e quanto segue all’evidenziato in giallo: per il prima non esistono versioni originali ebraiche del NT (ormai sono messe in discussione anche per Matteo) ma anche fossero ipoteticamente esistite non avrebbero nessun valore filologico, stemmatico, ecdotico; il problema vero è che «armonizzare con le versioni originali ebraiche le citazioni fatte nelle Scritture Greche Cristiane» non è possibile, perché queste Scritture greche, documentate in oltre seimila codici, seguono la tradizione nota della LXX, che omette il tetragramma. Per reintrodurlo occorre un atto di fede, che non è compatibile né con la storia né la filologia, vale a dire con la prassi scientifica odierna.

Lo stesso vale, evidentemente, per quanto scritto dopo; è un chiaro ossimoro affermare che «lo scopo era quello d’essere più conformi al testo letterale delle lingue originali». Non solo è un assurdo filologico (non serve scomodare Occkam, per negare le lingue originali), ma persino un adamitico peccato di superbia, che avveniva in quanto a quei tempi, circa cinquant’anni fa, il CD e la WTS pretendevano che la TNM assurgesse a “originale” ispirato direttamente da Dio, non diversamente che la LXX per i protocristiani di lingua non semitica. Ho ricordato un mio post al riguardo molto di recente, che se non è arroganza da parte mia, è fra le cose migliori, da contare sulle dita nelle mani, dei miei quattromila e rotti post:

viewtopic.php?p=248677#p248677
Καὶ ἠγάπησαν οἱ ἄνθρωποι μᾶλλον τὸ σκότος ἢ τὸ φῶς.
E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce.
GIOVANNI, III, 19. (G. Leopardi, La ginestra, esergo)
======================================
Primo postPresentazioneStaurós: palo o croce? (link esterno)
Avatar utente
Quixote
Moderatore
 
Messaggi: 4606
Iscritto il: 15/08/2011, 22:26
Località: Cesena

Messaggiodi Mario70 » 28/02/2021, 12:20

Achille ha scritto:
Metallo Pesante ha scritto:Che presero le espressioni assenti nel testo della prima edizione della TNM (credo quella in più volumi, degli anni '50) ma presenti nelle note e le inserirono (in assenza di note) nel testo dell'edizione in un solo volume, del 1967, la TNM con copertina verde... Insomma, non proprio deontologico.
Potresti citare degli esempi di espressioni presenti nelle note della NWT in più volumi che sarebbero state inserite nel testo della TNM del 1967?

Non mi sembra che la versione del 1950 fosse così diversa da quella del 1960, i passaggi controversi erano già presenti:

https://it.scribd.com/document/30267197 ... ament-1950

Screenshot_20210228-120806_Chrome.jpg
Screenshot_20210228-120806_Chrome.jpg (163.62 KiB) Osservato 372 volte


Screenshot_20210228-120437_Chrome.jpg
Screenshot_20210228-120437_Chrome.jpg (170.4 KiB) Osservato 372 volte


Screenshot_20210228-113351_Chrome.jpg
Screenshot_20210228-113351_Chrome.jpg (188.19 KiB) Osservato 372 volte


Screenshot_20210228-113036_Chrome.jpg
Screenshot_20210228-113036_Chrome.jpg (207 KiB) Osservato 372 volte
"La cosa più triste è che molto spesso chi viene ingannato, o illuso, tende a rimanere strettamente ancorato a quello in cui crede nonostante le evidenze indichino chiaramente che la realtà è diversa. Forse è talmente affezionato alle sue credenze che preferisce chiudersi gli occhi e tapparsi le orecchie di fronte a qualunque cosa possa farle vacillare."
(Torre di Guardia 1/9/2010 p 10)
Avatar utente
Mario70
Utente Gold
 
Messaggi: 6085
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

Messaggiodi Achille » 28/02/2021, 19:18

Ho appena messo online una pagina in cui parlo del modo in cui viene a volte citata dai critici dei TdG questa "Prefazione", facendole dire quello che essa realmente non dice:

https://www.infotdgeova.it/la-prefazion ... -1967.html
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15257
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Romagnolo » 28/02/2021, 23:04

Ottimo lavoro Achille, finalmente mi è tutto chiaro questa storia sulla prefazione. :ok:
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Gold
 
Messaggi: 6678
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi Achille » 01/03/2021, 10:50

Romagnolo ha scritto:Ottimo lavoro Achille, finalmente mi è tutto chiaro questa storia sulla prefazione. :ok:
Mi fa piacere che tu abbia apprezzato questa ricerca. Sono anni che sento citare a sproposito questa Prefazione. E' uno dei tanti esempi di come ci si può esporre alla critica (legittima) da parte dei TdG di strumetalizzare certi loro scritti, facendo dire loro quello che in realtà non dicono.
Ma è mai possibile che la WTS abbia inserito nel testo delle note esplicative, dei commenti, così che non si capisce più cosa è "parola di Dio" e cosa invece sono le interpretazioni del CD?

Questo è quello che qualcuno ha scritto. Cito testualmente:

«Negli anni '60 ci fu pure l'inserimento delle note sussidiarie all'interno del testo biblico, senza distinzioni tipografiche, il che significa una “Bibbia” alterata nel testo stesso».

La cosa peggiore è che poi certe affermazioni scritte rimangono, specialmente se si pubblicano in qualche libro...

P.s.: ho fatto qualche ulteriore modifica alla pagina.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15257
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22


Torna a La Traduzione del Nuovo Mondo, la Bibbia dei Testimoni di Geova

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici