Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Perché obbligare i bambini a predicare?

Domande sui TdG che vengono fatte di frequente

Moderatore: Francesco Franco Coladarci

Perché obbligare i bambini a predicare?

Messaggiodi sandrosolustri » 19/07/2020, 9:54

Un'altra grossolana bugia dei Testimoni di Geova è quella che non obbligano i loro bambini a predicare. Allora, se li tirano giù dal letto, li vestono di tutto punto, gli danno una borsina con le riviste, gli fanno suonare i campanelli dopo avergli insegnato una breve presentazione ... li stanno forse portando a Gardeland?
Voi come vi sentivate in quelle condizioni?
sandrosolustri
Utente Junior
 
Messaggi: 723
Iscritto il: 30/06/2019, 11:55

Messaggiodi Testimone di Cristo » 19/07/2020, 10:48

Ciao Ragazzi
Caro sandro, a me ciò che indigna, è vedere ragazzini , che i genitori, lasciano uscire in predicazione , con dei sconosciuti...., coi rischi che corrono, viste le tante testimonianze, di abusi... :triste: :saggio:
Ciao
Presentazione
Quanto ci Ama Gesù, Egli Donò la Sua Vita per noi
Luca 23,34 Gesù diceva: «Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno».

1 Giovanni 4,8 Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore.
Testimone di Cristo
Utente Senior
 
Messaggi: 1224
Iscritto il: 12/12/2014, 12:30
Località: Caserta

Messaggiodi deliverance1979 » 19/07/2020, 17:20

Mah, secondo me questa è la prima forma di controllo che si può impartire ad un bambino.
Infatti, tutte le religioni e partiti politici estremisti, iniziano ad indottrinare le nuove generazioni.
Senza contare che questa è di per se un'esperienza che a mio avviso è abbastanza traumatica per la persona, insieme a quella di dover dimostrare la propria fede non festeggiando i compleanni o altre feste ed usanze tipiche dei propri coetanei.
Andando in servizio e quindi essendo in bella mostra, mentre si predica, stando dinanzi ai propri amichetti di scuola o conoscenti è un'esperienza umiliante.
Lo stesso dicasi il restare dinanzi ad un'intera classe mentre festeggiano cose comunissime (compleanni o altro) e tu dovevi rimanere lì stile salame a fatti prendere per il culo per ore ed a stare in disparte da tutto e tutti (cosa tra l'altro molto surreale).

Ammetto che queste esperienze da una parte mi hanno causato sia delle problematiche (ancora oggi, nonostante siano passati 14 anni da che me ne sono andato dai TDG), ancora non riesco a partecipare ad un evento con molte persone.
Dentro di me scatta quel disagio ancestrale proveniente da quelle situazioni umilianti vissute 30 anni or sono.
Ma anche per contro, grazie al fatto di essermela cavata sempre da solo, ho potuto mandare a fanc...o i TDG senza problemi di sentire la loro mancanza o la pesantezza dell'ostracismo.
Quindi, nel mio caso, tale addestramento fatto di diversità ed umiliazioni, (stile Spartacus) gli si è rivoltato contro.

Per tornare al tema (ma tanto umiliazioni per diversità ed umiliazioni nel servizio di campo sono parenti) la stessa cosa mi accade qualora dovessi fare un lavoro in cui dovrei proporre delle cose.
Questa situazione anche se mi risulterebbe facile tecnicamente parlando, ho ancora dei blocchi mentali derivanti dai decenni di predicazione e dall'esperienza vissuta nei TDG.
Dove si andava in giro a proclamare un marketing teocratico e ricevere costanti non mi interessa, improperi vari.
La predicazione effettivamente l'ho sempre odiata anche se la facevo, ma questa problematica nasce da lontano.

Infatti molti anni fa, negli anni 80-90 quando andavo alle scuole elementari e poi alle medie, e c'era il pathos della fine del mondo imminente, del fatto che bisognava predicare perchè la Grande Tribolazione era alle porte, non ci si poteva esimere da tali compiti.
C'era la colpa del sangue, c'era il fatto che chiunque si vergognava di professare la propria fede, anche il Cristo si sarebbe vergognato di loro ad Harmaghedon...
Poi c'erano i TDG morti nei campi di concentramento o quelli del Malawi e via dicendo...

Immaginate quindi la caterva di puttanate e sensi di colpa che un poveraccio doveva subire da famiglia ed adulti invasati che frequentavano le adunanze convincendosi che la fine fosse veramente vicina.... :fronte: :fronte: :fronte:

Quando si andava a predicare io mi sarei scavato la fossa, soprattutto nella zona dove abitavo.
Quando si andava in servizio di casa in casa e si sapeva che su quella via c'era un compagnetto e ti toccava suonare alla sua casa.
Senza contare se il compagnetto di turno era pure un mezzo bullo, figurarsi poi il giorno dopo a scuola le prese per il culo.
Oppure se ci abitava una compagna che ti piaceva (ma che non potevi assolutamente frequentare o dichiarati perchè lei del mondo, e tu un TDG che era troppo giovane e secondariamente non poteva provarci con una del mondo....eresia..... :saggio: :saggio: )

Io penso che noi TDG italiani, vissuti negli anni 80-90 nell'italica provincia bigotta o comunque pettegola, abbiamo subito delle pressioni che non erano minimamente paragonabili a quelle narrate nelle torre di guardia o svegliatevi da parte di TDG americani, per per humus culturale vivono in un calderone di varie fedi, dalle più grandi alle sette più strambe.
Questo sta accadendo a noi negli utlimi 15 anni, dove il multiculturalismo ha fatto scemare questo primato di vita alternativa tipico dei TDG di 30 anni fa.
Ma all'epoca, negli anni 80-90 in una scuola chi non faceva religione eravamo solo noi TDG e forse uno o due bambini di famiglie atee.
Poi fine delle trasmissioni, il resto degli indigeni erano tutti filo cattolici.

Per farvi capire un pò le umiliazioni fantozziane che si subiva da ragazzi vi narro questa breve esperienza.
Torniamo indietro di circa 28 - 30 anni, facevo le medie, forse la prima o la seconda.....
Una volta tornò da noi un bethelita che era della mia congregazione ed ogni tanto rientrava a trovare la madre, ed io venni abbinato in coppia con lui in servizio....
Mi ricordo come fosse ieri, era un sabato pomeriggio di maggio o giugno....
Mi toccò il territorio vicino al centro cittadino della mia città, ma fortunatamente le vie da fare non del centro ma defilate, quindi un primo sospiro di sollievo.
Ma, il diavolo fa le pentole e non i coperchi.
La sfiga volle che essendo una bella giornata, molti padroni/e di casa non c'erano, quindi finimmo prima del tempo.... :help:
Siccome mancavano altri 40 minuti prima che venivano a prenderci gli altri TDG, lui mi disse...."Che dici, facciamo un pò di servizio stradale in piazza..?" :help: :help: :help: :help:
Avrei preferito spararmi in bocca o venire fucilato da un plotone di esecuzione.... :fronte: :fronte: :fronte:

Fatto sta che mentre ci dirigevamo verso la piazza, il destino volle che percorrevamo pure una discesa, era come se fosse la calata negli inferi....
Ma purtroppo in testa mi ronzavano in mente le esortazioni di non vergognarsi della propria fede...(è infatti poi a farsi prendere per il culo c'ero io poi.... ma vabbè...), e poi stavo uscendo in servizio con un betelità, un privilegio.... :fronte: :fronte: :fronte:

E che ti fa questo simpatico bethelita......
Mi esorta: "Guarda, una panchina piena di giovani (che fortunatamente non conoscevo).... che dici, andiamo a dar loro testimonianza (certo, tu poi torni a Roma, io qui ci vivo...)...
Lì avrei voluto buttarmi sotto un treno.
Fatto sta che il supplizio fu breve, dopo una mezza presentazione abborracciata, con gli sguardi di questi giovani che ci osservavano come due poveri sfigati, ed un rifiuto abbastanza educato, ci allontanammo...

Ma situazioni del genere sono capitate a centinaia.
Ed appunto la domanda è: Ma perchè?

Si faceva quello e molto altro perchè Harmaghedon era alle porte.... alle porte.... 30 anni fa.... :mirror: :mirror: :mirror:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Master
 
Messaggi: 6107
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Che peccato.

Messaggiodi sandrosolustri » 19/07/2020, 19:28

Che pena Deliverance. Un'esperienza traumatizzante. Il solo pensiero che un qualche invasato che si crede un unto del Signore possa portare a simili condizioni delle giovani menti, mi porta ad una sensazione di ribrezzo. Peccato. Ma come si dice tutto passa. Peccato per quei poverini che ora stanno vivendo la tua amara esperienza.
sandrosolustri
Utente Junior
 
Messaggi: 723
Iscritto il: 30/06/2019, 11:55

Messaggiodi deliverance1979 » 19/07/2020, 21:37

sandrosolustri ha scritto:Che pena Deliverance. Un'esperienza traumatizzante. Il solo pensiero che un qualche invasato che si crede un unto del Signore possa portare a simili condizioni delle giovani menti, mi porta ad una sensazione di ribrezzo. Peccato. Ma come si dice tutto passa. Peccato per quei poverini che ora stanno vivendo la tua amara esperienza.


Mah vedi Sandro, io all'epoca avevo timore dell'uomo, era normale, è normale per un giovane essere accettato dai suoi coetanei.
Già la vita è ingiusta di per se, perchè purtroppo non tutti nascono belli, benestanti, spigliati, in famiglie in vista e via dicendo.
A questo aggiungi la sfiga di essere un TDG.

All'epoca e ti parlo di 30 o 40 anni fa quando eri un TDG solo ogni tot giovani del mondo, eri veramente la pecora nera o la mosca bianca.
Ogni volta che in classe vedevi arrivare un cabaret di paste, avevi l'adrenalina che ti andava a mille.... ecco, ci riasiamo, :fronte:
Ecco un'altra prova di fede in cui per almeno un paio di ore dovevi fare il diverso da tutti, per una questione religiosa del cazzo che non ti eri scelto tu, ma che ti avevano appioppato i tuoi, e con essa mille sensi di colpa per cui se facevi compromesso e mangiavi i pasticcini, avevi dimostrato debolezza.
Poi oh, c'erano quelli che mangiavano e poi dicevano ai genitori che invece non avevano fatto compromesso...
Forse, io facevo parte di quelli che.... come direbbe sul film "The Shooter".... quando vedo sventolare una bandiera mi metto ancora sull'attenti....
Ecco perchè quando sono da questa religione l'ho fatto con la testa e non con l'emotività.
Anni dopo (una decina circa), gli stessi TDG però, vigliaccamente, si facevano dire dai professori di avvertirli se in classe veniva fatta una festa di compleanno o di qualsiasi altro genere, cosi da non far andare i propri figli a scuola ed evitare loro queste umiliazioni inutili.
Cosa che invece per noi doveva essere la norma, perchè se sarebbe scoppiata la grande tribolazione e noi non eravamo all'altezza di gestire una situazione del genere, come potevamo avere il coraggio di fare la scelta giusta dinanzi a funzionari dello Stato che ci avrebbero obbligato a fare compromesso.
Oggi i TDG non parlano volentieri di questo tipo di educazione, ma questo era lo standard di 30-40 anni fa, e forse anche peggio.
Quindi la domanda sorge spontanea.... I TDG ci hanno preso per il culo a noi pretendendo questa condotta, oppure si prendono per il culo da soli risparmiando ai figli tali situazioni e dimostrando che la fine non è poi cosi imminente come si pensava....?
O che i tempi sono cambiati (certo, sono passati 150 anni..... di prese in giro, sfido che i tempi non cambiano.... dopo un secolo e mezzo :ciuccio: :ciuccio: :ciuccio: )?
E che quindi, la nostra educazione da invasati di testa è stata in funzione di un intendimento sbagliato (la famosa generazione che non doveva passare, insegnata nel libro "Potete vivere per sempre in una terra paradisiaca" ed in vigore dal 1914 al 1994), poi dal 1995 in poi, ooops, ci siamo sbagliati, scusate se vi abbiamo educato cosi.....forse in maniera un pò troppo zelante.... lo abbiamo fatto a fin di bene..... :bleah: :bleah: :bleah: :inca: :inca: :inca: :inca:

Sono persone che hanno creduto ad una vaccata ed hanno sacrificato le ambizioni, le aspirazioni e le aspettative dei loro figli perchè pensavano di avere il biglietto della lotteria vincente di Harmaghedon in tasca.
Peccato che sono passati 40 anni-
4 decenni di diversità da quelli del mondo per non avere nessun vantaggio, se non molti treni persi, tante umiliazioni e molte diversità. :ciuccio: :ciuccio: :ciuccio: :mirror: :mirror: :mirror:
Poi se uno queste domande non se le pone o se a lui piace prenderlo passivamente nel di dietro facendo spallucce, che dire... contento lui....(che poi contento de che.... sta assecondando una vita che non si è scelto, ma che altri hanno scelto per lui, quindi accetta passivamente o alla bene e meglio maniera)
Ma qualcuno queste cose deve pure dirle.

Ora, anche accettando l'affermazione giustificativa dei geovi, per la quale molti di quei giovani che all'epoca subirono le stesse cose che subì io sono ancora TDG oggi (poveracci, non li compatisco per niente, prima un infanzia ed adolescenza sprecata a cui si aggiunge il presente fatto di revisited teocratici basati sul nulla), dovrebbero anche spiegarmi una piccola cosa......
Come mai nel XXI secolo i TDG essendo 8 milioni, rispetto ai 4 milioni di 30 anni fà, non riescono a mantenere economicamente parlando quello che 30 anni fa quello che i loro genitori (che li costrinsero a vivere una vita non loro), hanno edificato... :boh: :boh: :boh:
Mi sa che qualcosa è andato per storto...non ha riportato...
Questa educazione militarizzata non ha forgiato una nuova generazione di cazzuti geovi che portano avanti stile rullo compressore la teocrazia.... :mirror: :mirror: :mirror:

Senza contare che, molti TDG cresciuti con una tale educazione, alla fine se la sono fatta piacere questa vita.
Perchè, alla fine della fiera, che alternative hanno mai avuto veramente? :boh: :boh: :boh:
Tutto già impostato dai propri genitori, dalle pubblicazioni WTS, dalla congregazione.
Tutto vietato, tutto preconfezionato.
Quindi che fai, a 30 anni o 40 anni, lasci tutto e tutti per fare che cosa? :help: :help: :help:
Per vivere in un mondo che ti hanno sempre detto essere ostile, demonico, che alla prima occasione se può fregarti ti frega?
Ma no, meglio una doppia vita, o una vita da inattivo finto interessato TDG.... ecco il problema degli 8 milioni che però non valgono per 4 milioni loro predecessori... :ciuccio: :ciuccio: :ciuccio:

E qui torniamo alla tua domanda iniziale.
Perchè obbligare i bambini a predicare?
Semplice, per appioppare loro delle responsabilità da adulti e delle responsabilità superiori alla loro età.
Cosi facendo si indottrinano le nuove generazioni e gli si danno degli schemi comportamentali che si porteranno dietro per tutta la vita.
Un pò come quando si addestrano gli animali.
La ripetizione delle adunanze, del servizio, delle scenette teocratiche su come comportarsi in questa o quella situazione, su cosa fare o dire in funzione a come gli antichi protagonisti biblici si comportavano, sono tutti momenti "educativi" per impostare la personalità di un individuo.

E' come dire... perchè la ragazza islamica media non andrebbe mai in giro "smutandata e provocante" come una normale ragazza occidentale?
Come direbbe Marzullo.... fatevi una domanda e datevi una risposta.... :fronte:
O perchè se hai un problema con il tuo vicino, anzichè sfondargli il cranio a martellate (stile età della pietra o alto medioevo), prima gli dici gentilmente di come poter risolvere il problema, poi eventualmente ti rivolgi alle forze dell'ordine, ed infine vai davanti ad un giudice?
Si chiama condizionamento mentale derivante dalla società in cui uno vive.
Quindi, se vivi in un contesto liberale sei tale, se vivi in una religione teocratica come quella dei TDG.... bè, come si dice dalle mie parti: "La cerqua non fà l'arance" (La quercia non fa le arance)....

PS: Scusate la digressione e gli sproloqui....ma certi argomenti ancora mi fanno salire il sangue al cervello nonostante siano passati molti decenni.
Ed è per questo che sono un fermo sostenitore che chi ha avuto un'educazione del genere, anche se battezzato a 18 o 20 anni, cosa avrebbe scelto, quando per i due decenni precedenti ha subito esperienze del genere? :strettamano:
Che libertà di parola e di pensiero avrebbe mai avuto quando gli era stato impostato tutto?

Quindi, i TDG devono mettere in collegamento culo e testa e decidere con quale parlare.
O uno ha subito un indottrinamento del genere e quindi anche a distanza di decenni, anche se maggiorenne, ha fatto una scelta formale (il battesimo) più per tradizione che per convinzione... :prega: :saggio: :fronte: :fronte: :fronte:
Oppure dovrebbero dimostrare che la famiglia tipica TDG, liberale in ogni aspetto, ha educato il proprio figlio senza vincoli, coercizioni o sensi di colpa di sorta, facendogli vivere una vita normale (come i suoi coetanei del mondo), per poi al raggiungimento della maggiore età o anche di più, farlo battezzare in totale autonomia.... :ciuccio: :ciuccio: :ciuccio: :ciuccio:
Delle due l'una.... io faccio parte del primo gruppo... per gli altri non lo sò, ma i miei coetanei, molti dei quali fuoriusciti, idem con patate....
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Master
 
Messaggi: 6107
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

...e quando si battezzano iniziano i problemi

Messaggiodi sandrosolustri » 25/07/2020, 9:23

E una volta battezzati? Qualcuno si accorge di aver buttato alle ortiche i migliori anni della propria vita, regalata non a Geova ma ad un piccolo nucleo di persone che si è completamente impadronito delle tue scelte... perché alla fine, loro , i bambini non hanno scelto proprio nulla....se non la possibilità di uscire da grandi.
sandrosolustri
Utente Junior
 
Messaggi: 723
Iscritto il: 30/06/2019, 11:55

Messaggiodi Tranqui » 25/07/2020, 13:04

Perché i tdg se non fanno predicare i loro figli sono additati dalla wts come cattivi genitori
Presentazione

Immagine


"In ogni crisi è nascosta un'opportunità"
Proverbio cinese
Avatar utente
Tranqui
Utente Master
 
Messaggi: 5527
Iscritto il: 14/02/2013, 16:32


Torna a Domande sui Testimoni di Geova

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici