Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Gesù in viaggio...

Un'analisi delle pubblicazioni passate e presenti dei TdG

Moderatore: Achille

Gesù in viaggio...

Messaggiodi Achille » 18/03/2019, 9:56

Una perla tratta dalla "Torre di Guardia" del 1° giugno 1956:

Ebbene, [Gesù] predicò forse agli spiriti durante i dieci giorni fra la sua ascensione al cielo dal Monte degli Ulivi e il giorno della Pentecoste? No, poiché durante quei dieci giorni Gesù ascendeva al suo Padre celeste, quanti miliardi di anni luce distante dalla terra noi non sappiamo, per comparire al cospetto dell’Altissimo, Geova Dio … Difficilmente avrebbe deviato per predicare ai condannati “spiriti in prigione”, per i quali non vi è nessun sacrificio che toglie i peccati, mentre aveva una commissione di principale Importanza. Quindi dovette essere dopo essere arrivato alla presenza di Geova Dio ed essersi seduto alla sua destra con angeli, autorità e potenze a lui assoggettati che Gesù andò a “predicare agli spiriti in prigione”, gli spiriti nel Tartaro.

:conf:

Un commento di Sergio Pollina:

«Dopo aver individuato nella costellazione delle Pleiadi il trono di Dio (The Golden Age 10 settembre 1924, pp. 793, 794; Riconciliazione, p. 14) ed aver fatto opportuna ritrattazione nella Torre di Guardia del 1° settembre 1954, pp.543, 543, la rivista del 1956 aggiorna i suoi lettori in merito al fatto che dalla terra al cospetto dell’Altissimo non sappiamo “quanti miliardi di anni luce” ci separano, ma devono essere veramente tanti se Gesù non poteva permettersi nemmeno una deviazione per non arrivare in ritardo.»

Si vedano le pp. 871 e seguenti del libro di Pollina "Cristianesimi delle origini" ( scaricabile da qui: https://www.infotdgeova.it/cristianesimi.php )
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15404
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi VictorVonDoom » 18/03/2019, 10:34

Manco il teletrasporto hanno in paradiso? Cioè Spock si e Gesù no?
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3534
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Romagnolo » 18/03/2019, 12:07

Avranno pensato che non poteva superare la velocità della luce,....così come insegnano gli scienziati.
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Gold
 
Messaggi: 6778
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi Socrate69 » 18/03/2019, 14:11

Avranno confuso Gesù con un supereroe della DC Comics, molto in voga in quegli anni :ironico:

A me un Anziano che mi fece le domande del battesimo mi spiegò che il versamento dello spirito santo alla pentecoste ci mise 10 giorni, proprio perché Gesù dovette viaggiare fino a Geova per presentargli il suo sacrificio. Meno male che anche questo Anziano ora si è reso conto da quante scempiate ci abbeveravamo...
Ogni religione si fonda sulla paura dei molti e sull’astuzia dei pochi - Stendhal

Presentazione
Avatar utente
Socrate69
Utente Master
 
Messaggi: 4402
Iscritto il: 18/12/2013, 15:44

Messaggiodi Tranqui » 18/03/2019, 14:47

:risatina: Gesu' e' spirito :ilovejesus:

Presentazione


Chi ama, crede nell’impossibile.
Elizabeth Barrett Browning


Immagine
Avatar utente
Tranqui
Utente Gold
 
Messaggi: 6217
Iscritto il: 14/02/2013, 16:32

Cacao meravigliao....

Messaggiodi Vieri » 18/03/2019, 17:45

Ebbene, [Gesù] predicò forse agli spiriti durante i dieci giorni fra la sua ascensione al cielo dal Monte degli Ulivi e il giorno della Pentecoste? No, poiché durante quei dieci giorni Gesù ascendeva al suo Padre celeste, quanti miliardi di anni luce distante dalla terra noi non sappiamo, per comparire al cospetto dell’Altissimo, Geova Dio

Ma, "questi" ci credono davvero come i mormoni che Dio possa rappresentare una entità fisica che abiti su un pianeta o su una stella e che Gesù, oltre che a fare una "capatina" in America per far contenti anche i mormoni si sarebbe fiondato in mezzo alle stelle per andare alle pleiadi....che poi non distano tanto in miliardi di anni luce ma solo 444,2 anni luce.... :ironico: :ironico:
Io non voglio fare il solito bastian contrario ma che delle persone sane e vaccinate possano pensare seriamente a queste cose mi preoccupa molto ma non più di tanto alla fine considerando anche che ci sono anche i terrapiattisti di stagione....
Ps: poi mi leggo ancora....a proposito sempre delle Pleiadi:
Le Pleiadi sono un ammasso giovane, con un'età stimata di circa 100 milioni di anni, e una vita prevista di soli altri 250 milioni di anni, a causa della sua bassa densità.

Mi domando allora che se Geova ha creato la terra che ha una età di 4.5 miliardi di anni come poteva stare su delle stelle ( poi quale di queste...) che hanno una età di soli 100 milioni di anni...
Ma allora prima di "traslocare" ....dove stava ? :boh: :conf: :boh:
Almeno i mormoni sono stati più seri perchè hanno identificato la "residenza" di Dio in un ipotetico pianeta, Kolob e così almeno non si compromettono di dove sia che nessuno lo sa.

Ps. del resto penso che alla fine che sia meglio per "dio" stare su un pianeta ( penso bello e lussureggiante.... che in una stella al caldo....che poi tra l'altro avrebbe anche una vita breve e costretto a traslocare poi nuovamente.... :triste: .
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 8473
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Achille » 18/03/2019, 18:36

Comunque ora i TdG non credono più che Dio dimori nelle Pleiadi. È una delle tante "verità" che hanno abbandonato.
Si veda https://www.infotdgeova.it/modifiche/pleiadi.php
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15404
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Si sono aggiornati....

Messaggiodi Vieri » 18/03/2019, 19:18

Achille ha scritto:Comunque ora i TdG non credono più che Dio dimori nelle Pleiadi. È una delle tante "verità" che hanno abbandonato.
Si veda https://www.infotdgeova.it/modifiche/pleiadi.php

E' pur vero che abbiano anche abbandonato tale idea ma scusatemi non mi sembra una "modifica dottrinale" da 4 soldi" ed ora quali sarebbero i nuovi intendimenti ...?.Mi sembrano come i vecchi compagni del PCI che dopo i fatti dell'Ungheria e della Cecoslovacchia avevano detto: "compagni abbiamo sbagliato".... :ironico:
Leggo poi dal loro sito:
Dio vive in un luogo specifico?
La risposta della Bibbia

Sì. Dio vive in un luogo specifico: i cieli. Leggi questi passi biblici:
Il re Salomone pregò: “Voglia tu stesso ascoltare dai cieli, tuo stabilito luogo di dimora” (1 Re 8:43).
Gesù Cristo insegnò ai discepoli a pregare: “Padre nostro che sei nei cieli” (Matteo 6:9).
Dopo essere stato risuscitato, Gesù entrò “nel cielo stesso, per comparire ora dinanzi alla persona di Dio” (Ebrei 9:24).
Questi versetti indicano chiaramente che Geova Dio è una persona vera e propria e che non è in ogni luogo, ma dimora in cielo.

Una ulteriore precisazione:
I lettori chiedono...

Dio è in ogni luogo?
Con il termine onnipresente, diverse religioni indicano la presenza di Dio contemporaneamente in tutti i luoghi. Ad esempio, molti cattolici ricordano di aver imparato che “Dio è in cielo, in terra e in ogni luogo”. Sulla stessa linea, John Wesley, fondatore della Chiesa Metodista, in un sermone dal titolo “Sull’onnipresenza di Dio”, asserì: “Non esiste alcun punto dello spazio, dentro o fuori dai confini della creazione, in cui Dio non sia presente”.

Ma cosa insegna la Bibbia? Dio è onnipresente? Si trova cioè contemporaneamente dappertutto, in cielo, in terra e addirittura fra il genere umano?

In realtà la Bibbia dice che Dio risiede in un luogo specifico, i cieli. Riporta una preghiera in cui, rivolgendosi a Dio, il re Salomone disse: “Voglia tu stesso ascoltare dai cieli, tuo stabilito luogo di dimora”. (1 Re 8:43) Quando insegnò ai suoi discepoli come pregare, Gesù Cristo disse loro di rivolgersi a Dio così: “Padre nostro che sei nei cieli”. (Matteo 6:9) Come riferisce la Bibbia, dopo la sua risurrezione Gesù “entrò . . . nel cielo stesso, per comparire ora dinanzi alla persona di Dio”. — Ebrei 9:24.

Questi versetti mostrano chiaramente che Geova Dio non risiede ovunque, ma solo in cielo. Ovviamente i “cieli” a cui si fa riferimento in tali passi biblici non indicano l’atmosfera intorno alla terra, né la vasta distesa dello spazio cosmico. I cieli fisici non possono contenere il Creatore dell’universo. (1 Re 8:27) La Bibbia spiega che “Dio è uno Spirito”. (Giovanni 4:24) Egli risiede nei cieli spirituali, una dimensione distinta dall’universo fisico. — 1 Corinti 15:44.

Che dire, però, dei versetti biblici che sembrano suggerire l’onnipresenza di Dio? Prendiamo ad esempio Salmo 139:7-10. Rivolgendosi a Dio, Davide disse: “Dove posso andarmene dal tuo spirito, e dove posso fuggire dalla tua faccia? Se ascendessi al cielo, là saresti; e se stendessi il mio giaciglio nello Sceol, ecco, saresti là. Se prendessi le ali dell’aurora, per risiedere nel mare più remoto, anche là la tua propria mano mi guiderebbe”. Questi versetti indicano forse che Dio sia effettivamente onnipresente e si trovi in ognuno dei luoghi menzionati?

Si noti che Davide prima di tutto chiese: “Dove posso andarmene dal tuo spirito?” * Tramite il suo spirito santo, Dio può vedere qualunque cosa ed esercitare la sua potenza in qualunque luogo, senza recarvisi o risiedervi letteralmente. Facciamo un esempio: in anni recenti gli scienziati sono riusciti a studiare la superficie del pianeta Marte, che si trova a milioni di chilometri dalla Terra. Come hanno fatto? Non ci sono andati di persona, ma hanno analizzato immagini dettagliate e altre informazioni trasmesse da sonde spaziali inviate su Marte.

In modo simile, per sapere cosa accade in qualsiasi punto dell’universo, Geova Dio non ha bisogno di essere onnipresente. La Parola di Dio dice: “Non c’è creazione che non sia manifesta alla sua vista”. (Ebrei 4:13) La potente forza attiva di Geova, o spirito santo, può arrivare ovunque, permettendogli di vedere ogni cosa e di realizzare il suo proposito da una posizione specifica, la sua “santa dimora” nei cieli. — Deuteronomio 26:15.

Mah! Da quanto ho capito: Dio sta fermo in cielo da qualche parte, Gesù sta seduto alla sua destra mentre è lo Spirito Santo a controllare tutto ed a darsi da fare riferendo poi tutto al "Capo"..... :boh:
Potrebbe poi una persona fisicamente esistente abitare "nei cieli" essere alla fine il creatore dell'universo ?

Ma allora quale altra "potente forza" avrebbe alla fine potuto creare una "Persona" di tale potenza con la solita storia di come sia nato prima l'uovo o la gallina.... :boh:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 8473
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi polymetis » 18/03/2019, 19:45

Mio Dio, ma com'è possibile che gli americani che avevano in mano la WTS fossero così primitivi?
Gesù doveva essere un razzo, davvero. E certamente volava più veloce della luce, altrimenti sarebbe ancora nella nostra galassia. Si noti poi che non ha fatto "deviazioni" per andare dagli, quindi pure questi dannati stanno da qualche parte.
Questa gente proprio non ce la fa ad avere una visione di Dio non antropomorfa. Immaginano un Dio che sta da qualche parte, e da qualche parte conversa coi propri angeli. Come dice Senofane di Colofone:

Ma se i buoi e i cavalli e i leoni avessero le mani o potessero disegnare con le mani e compiere opere come quelle che gli uomini compiono, i cavalli simili ai cavalli, e i buoi simili ai buoi dipingerebbero figure di dèi e plasmerebbero corpi come quelli che hanno ciascuno di loro.
Gli Etiopi infatti affermano che i loro dèi sono neri e camusi, i Traci che hanno gli occhi azzurri e i capelli rossi.
(fr 13 e 14 DK)

Però, più che la sciocchezza della posizione espressa negli anni '50, vorrei far notare che, per pura logica, se la WTS poteva scrivere sciocchezze simili all'epoca, allora può farlo ancora oggi, visto che è lo stesso soggetto (e visto che non esiste, come invece avviene in casa cattolica, una distinzione tra i documenti nei quali la Chiesa impegna la propria infallibilità e quelli che invece sono magistero ordinario).

Ad maiora
Presentazione


Alla base delle scelte fondamentali del Nolano - a Londra come a Roma -, c'era il convincimento di appartenere alla "casa" dei filosofi, e che ad essa bisogna essere sempre fedeli, anche nei rapporti con i potenti della Chiesa e dello Stato, perché la casa della filosofia è la casa della verità: in un modo intelligente e anche astuto, certo, ma sempre fedeli. (Michele Ciliberto)
Avatar utente
polymetis
Moderatore
 
Messaggi: 4612
Iscritto il: 16/06/2009, 14:43

Messaggiodi Testimone di Cristo » 19/03/2019, 9:52

anima ha scritto::risatina: Gesu' e' spirito :ilovejesus:

Giusto, Il Figlio ,Colui che il Padre manda è anche LO Spirito, e siccome sostiene Tutte le cose, ovvio che è presente ove sono tutte le cose da LUI create e che sostiene; così come è presente contemporaneamente, in ogni luogo, ove i discepoli sono radunati nel Suo Nome..
Presentazione
Quanto ci Ama Gesù, Egli Donò la Sua Vita per noi
Luca 23,34 Gesù diceva: «Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno».

1 Giovanni 4,8 Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore.
Testimone di Cristo
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1359
Iscritto il: 12/12/2014, 12:30
Località: Caserta

Messaggiodi VictorVonDoom » 19/03/2019, 10:30

Testimone di Cristo ha scritto:
anima ha scritto::risatina: Gesu' e' spirito :ilovejesus:

Giusto, Il Figlio ,Colui che il Padre manda è anche LO Spirito, e siccome sostiene Tutte le cose, ovvio che è presente ove sono tutte le cose da LUI create e che sostiene; così come è presente contemporaneamente, in ogni luogo, ove i discepoli sono radunati nel Suo Nome..


Un po' come i Midichlorian va...
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3534
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Francesco Franco Coladarci » 21/03/2019, 13:22

Anima
:risatina: Gesu' e' spirito


Attenzione, si scivola nella dottrina marcionita ( dal vescovo Marcione, II secolo), cioè eretica.
“Al di sopra del Papa, come espressione della pretesa vincolante dell’autorità ecclesiastica, resta comunque la coscienza di ciascuno, che deve essere obbedita prima di ogni altra cosa, se necessario anche contro le richieste dell’autorità ecclesiastica.”
(Cardinal Joseph Ratzinger )

skype: el_condor4
Avatar utente
Francesco Franco Coladarci
Moderatore
 
Messaggi: 3859
Iscritto il: 16/07/2009, 20:24

Messaggiodi Tranqui » 21/03/2019, 14:59

Francesco Franco Coladarci ha scritto:Anima
:risatina: Gesu' e' spirito


Attenzione, si scivola nella dottrina marcionita ( dal vescovo Marcione, II secolo), cioè eretica.

Franco io non sono cattolica :lovebibbia:

Presentazione


Chi ama, crede nell’impossibile.
Elizabeth Barrett Browning


Immagine
Avatar utente
Tranqui
Utente Gold
 
Messaggi: 6217
Iscritto il: 14/02/2013, 16:32

"Le Pleiadi?" Siamo seri, mai stata Dottrina", parola di tdg

Messaggiodi Salentino » 30/12/2020, 6:05

Volevo condividere con voi le accuse che un testimone mi muoveva ieri. Dopo avere affermato che in nessuna pubblicazione si parla di questo....le ho sciorinato l'elenco ovviamente introvabile nel sito jw punto org. Al che mi risponde:...beh di seguito trovate le sue osservazioni e in calce trovate il link al video del mio canale dove potete trovare questo commento [ivi, potrete anche trovare le risposte di Felice Buonspirito a queste mie dieci domande, Felice ribattezzato da alcuni "Felice puntini puntini" essendo egli particolarmente versato nell'arte di inserire citazioni in mezzo ai puntini].
Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate delle affermazioni seguenti. Io dico: ogni contenuto nelle pubblicazioni, prima che venisse individuato lo Schiavo fedele e saggio che dispensa cibo "in tempore opportuno", è da considerarsi ...romanzo di evasione? Che differenza c'era tra queste pubblicazioni e il Reader's Digest, dunque? Secondo il tdg in questione, nessuna, a quanto pare.


"Non mi pare che lo dicessero i testimoni di Geova. I testimoni di Geova non l'hanno mai creduto.

I tdG non sono seguaci di Russell né tanto meno di Rutherford.

Erano scritti del loro tempo, che non hanno nulla a che vedere con la la fede. Chi copia da siti ostili fa la solita figura asinina".

Non è scritto da nessuna parte perché finora nessuno ha pubblicato una rivista o un libro dei testimoni di Geova che affermasse una cosa del genere.

Alla fine del 1800 e agli inizi del 1900 tanta gente scriveva tutto e il contrario di tutto, si chiama libero pensiero: dagli scienziati agli astronomi e dai pastori religiosi alla medicina, si speculativa su tutto.

Col tempo sono cambiati gli usi e i costumi e si incominciò a scrivere su fatti concreti.

I testimoni di Geova non hanno mai creduto una cosa del genere e, ripeto, se qualche scritto di Russell o Rutherford verteva su studi astronomici, buon per lui, ma non si tratta di precetti, dottrine, credenze, ecc., dei testimoni di Geova.

Chi scrive queste cose dovrebbe prima di tutto chiedersi: cosa sto scrivendo? C'è qualche possibilità che mi identificano come un portatore sano di sciocchezze?

I testimoni di Geova non hanno mai avuto come dottrina di fede quello che nel periodo che va dalla fine del 1800 agli inizi del 1900 per due motivi fondamentali: primo, gli scritti, prima di Russell e poi di Rutherford, non sono mai stati considerati dottrina.

Leggendo gli scritti del libro che citi, "Liberazione" del 1926, avresti dovuto notare che inizia sempre con: Probabilmente, si pensa, ed altre forme impersonali che non indicano certezze e pertanto non può essere il pensiero degli Studenti Biblici d'allora né tanto meno dei testimoni di Geova che assumono il nome nel 1931.

Secondo, i libri di quel periodo, come scrive lo stesso Rutherford, erano delle descrizioni del Piano Divino. Si tratta, appunto del suo punto di vista che non pretendeva fosse considerato "cieca fede".

Ecco perché non vedo cosa c'entra questo con le dottrine dei testimoni di Geova..."

https://www.youtube.com/watch?v=Zw52GzzEy-c&lc=UgwxIchsPAOZcPjJxv94AaABAg.99rrwVsl8NS9HsBf1RjE4m&ab_channel=CosainsegnarealmentelaTorrediGuardia%3F
Salentino
Nuovo Utente
 
Messaggi: 34
Iscritto il: 18/12/2020, 11:44

Messaggiodi VictorVonDoom » 30/12/2020, 8:20

Abbastanza disonesta e revisionista come posizione, ma ci siamo abituati.
D'altronde è così per qualsiasi dottrina o posizione imbarazzante che hanno sostenuto nella loro storia, se non riescono a negarlo completamente, "qualcuno aveva creduto... "qualcuno aveva pensato".
Abbastanza deprimente, ma non per noi, figurati... per chi biascica tali sciocchezze pensando così di placare la propria dissonanza cognitiva.

Per entrare nel dettaglio sulle Pleiadi... tale credenza è riportata negli "Studi sulle Scritture vol.3" di Russel

https://www.jwfacts.com/images/thy-kingdom-come-p327-pleiades.jpg

e nel libro "Creazione" (1927) e "Riconciliazione" (1928) di Rutherford

https://www.jwfacts.com/images/reconciliation-p14-pleiades.jpg

Quindi adesso tali libri erano soltanto "opere private" di Russel e Rutherford che nulla avevano a che fare con la fede? Annamo bene annamo... :mirror:

Fu solo nel 1953, quindi ben oltre l'acquisizione del nome "Testimoni di Geova", se proprio ci si vuole attaccare disonestamente a questo spartiacque, che la Watchtower si sentì in dovere di scartare tale assurda credenza

Torre di Guardia 15 Novembre 1953 (1 Settembre 1954 in italiano)

https://www.jwfacts.com/images/watchtower-1953-nov-15-p703-pleiades.jpg

https://wol.jw.org/it/wol/d/r6/lp-i/1953850?q=pleiadi&p=par

La Watchtower, come al solito, incolpava (disgustosamente) i fedeli, dicendo che "Alcuni attribuiscono notevoli qualità a queste costellazioni o gruppi di stelle", ma ovviamente tralascia di specificare che il motivo per cui "alcuni TdG" avevano questa convinzione era che questo era stato insegnato nelle pubblicazioni Watchtower.

Purtroppo il disonesto e disgustoso revisionismo storico degli apologeti non attacca...
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3534
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Achille » 30/12/2020, 9:17

Achille ha scritto:Comunque ora i TdG non credono più che Dio dimori nelle Pleiadi. È una delle tante "verità" che hanno abbandonato.
Si veda https://www.infotdgeova.it/modifiche/pleiadi.php
Ho creato un reindirizzamento della pagina al nuovo sito. Ora il link funziona di nuovo.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15404
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Achille » 30/12/2020, 9:36

La Watch Tower comunque, almeno fino al 1990, non aveva ancora abbandonato del tutto l'idea che Dio risiedesse in un determinato luogo dell'universo fisico. Nel libro Potete vivere (ed. 1990), pp. 36, 37, si legge infatti che:

«Essendo una persona con un corpo spirituale, Dio deve avere un luogo in cui vivere. La Bibbia ci dice che i cieli sono lo "stabilito luogo di dimora" di Dio. ... Ma qualcuno chiederà: ‘Se Dio è una persona reale che vive in un determinato luogo del cielo, come fa a vedere tutto quello che succede altrove? E come può esercitare il suo potere in ogni parte dell’universo?’ ... Che Dio sia una persona non ne limita affatto il potere o la grandezza ... Per capire meglio, pensate al campo d’azione di una centrale elettrica. Una centrale è situata in un determinato luogo in una città o nei dintorni. Ma distribuisce l’elettricità a tutta la zona, fornendo luce e forza motrice. In modo analogo, Dio risiede nei cieli. [nota: in quale posto di preciso ora non si sa; certamente Dio non è più nella costellazione delle Pleiadi] Ma il suo spirito santo, la sua invisibile forza attiva, può agire ovunque nell’universo. Mediante il suo santo spirito Dio creò i cieli, la terra e ogni forma di vita. ... Dio non ebbe bisogno di essere presente di persona. Può inviare il suo spirito, la sua forza attiva, a compiere qualsiasi cosa egli voglia anche in luoghi lontanissimi. Che Dio meraviglioso!».

L'unica differenza tra le deliranti affermazioni di Russell e successori (fino al 1953) e gli 'intendimenti' più recenti, è che non si indica più con esattezza in quale luogo dell'universo fisico si trovi la "residenza di Dio".

Comunque in pubblicazioni più recenti hanno ulteriormente modificato questa loro veduta del "cielo" come luogo fisico. Vedere l'"Aggiornamento" in fondo a questa pagina: https://www.infotdgeova.it/pleiadi-luog ... geova.html
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15404
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

assolutamente, hai colto a mio avviso il punto perfettamente. Grazie

Messaggiodi Salentino » 30/12/2020, 10:59

VictorVonDoom ha scritto:Abbastanza disonesta e revisionista come posizione, ma ci siamo abituati.
D'altronde è così per qualsiasi dottrina o posizione imbarazzante che hanno sostenuto nella loro storia, se non riescono a negarlo completamente, "qualcuno aveva creduto... "qualcuno aveva pensato".
Abbastanza deprimente, ma non per noi, figurati... per chi biascica tali sciocchezze pensando così di placare la propria dissonanza cognitiva.

Per entrare nel dettaglio sulle Pleiadi... tale credenza è riportata negli "Studi sulle Scritture vol.3" di Russel

https://www.jwfacts.com/images/thy-kingdom-come-p327-pleiades.jpg

e nel libro "Creazione" (1927) e "Riconciliazione" (1928) di Rutherford

https://www.jwfacts.com/images/reconciliation-p14-pleiades.jpg

Quindi adesso tali libri erano soltanto "opere private" di Russel e Rutherford che nulla avevano a che fare con la fede? Annamo bene annamo... :mirror:

Fu solo nel 1953, quindi ben oltre l'acquisizione del nome "Testimoni di Geova", se proprio ci si vuole attaccare disonestamente a questo spartiacque, che la Watchtower si sentì in dovere di scartare tale assurda credenza

Torre di Guardia 15 Novembre 1953 (1 Settembre 1954 in italiano)

https://www.jwfacts.com/images/watchtower-1953-nov-15-p703-pleiades.jpg

https://wol.jw.org/it/wol/d/r6/lp-i/1953850?q=pleiadi&p=par

La Watchtower, come al solito, incolpava (disgustosamente) i fedeli, dicendo che "Alcuni attribuiscono notevoli qualità a queste costellazioni o gruppi di stelle", ma ovviamente tralascia di specificare che il motivo per cui "alcuni TdG" avevano questa convinzione era che questo era stato insegnato nelle pubblicazioni Watchtower.

Purtroppo il disonesto e disgustoso revisionismo storico degli apologeti non attacca...
Salentino
Nuovo Utente
 
Messaggi: 34
Iscritto il: 18/12/2020, 11:44

Messaggiodi Achille » 30/12/2020, 11:17

"Verità" abbandonata definitivamente nel 1954:

*** w54 1/9 p. 542 Domande dai lettori (2) ***
. A proposito, le Pleiadi non si possono più considerare come il centro dell’universo e sarebbe stolto cercar di determinare il trono di Dio in un particolare punto dell’universo. Se dovessimo ritenere le Pleiadi come il suo trono si potrebbe erratamente considerare quel gruppo di stelle con speciale venerazione. — Deut. 4:19; 2 Cron. 2:6; 6:18.

Per oltre 80 anni si potevano considerare la dimora di Dio, dal 1954 in poi "non si possono più" considerare il tal modo.
E se qualche Testimone avesse insistito con tale credenza - davvero stolta - lo avrebbero disassociato per apostasia.

Del resto, come scrivono, sarebbe proprio "stolto cercar di determinare il trono di Dio in un particolare punto dell’universo": quindi tutti i TdG, a partire da Russell e Rutherford, che insegnarono tale "verità" per oltre 80 anni, erano degli stolti.

stólto (ant. stulto) agg. [lat. stūltus]. – 1. Di persona che dimostra scarsa intelligenza, che manca di senno e di perspicacia (è parola di tono più elevato e obiettivo che stupido e si usa di solito con riferimento a determinati comportamenti): sei stato s. a fidarti di quel fanfarone...

https://www.treccani.it/vocabolario/sto ... 2C%20scemo. (notate il link, include le parole cretino, imbecille e scemo).

Se lo dicono da soli che sono stati degli stolt a credere alle stupidaggini di Russell e alle fanfaronate di Rutherford.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15404
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi VictorVonDoom » 30/12/2020, 11:45

Achille ha scritto:Se lo dicono da soli che sono stati degli stupidi a credere alle stupidaggini di Russell e alle fanfaronate di Rutherford.


E poi volevo vedere a uno che si alzava e diceva apertamente "Quello che scrive qui il "Giudice" Rutherford è una boiata" come gli andava a finire...
Erano "solo" opinioni... :fronte:
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3534
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Mauro1971 » 30/12/2020, 11:54

C'é anche da considerare le scoperte di Hubble in quel periodo ed i progressi tecnologici dei mezzi di osservazione del cosmo che erano in essere allora.
Nel momento in cui puoi vedere direttamente o vedere foto scattate alla "Casa di Dio" e non trovarci nulla di speciale...
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)
"Io riconosco di essere un dilettante nella misura in cui io cerco ricavare diletto da tutto ciò che faccio" (Philo Vance)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Platinium
 
Messaggi: 10538
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Mauro e la tua passione per la scienza....

Messaggiodi Vieri » 30/12/2020, 12:06

Mauro1971 ha scritto:C'é anche da considerare le scoperte di Hubble in quel periodo ed i progressi tecnologici dei mezzi di osservazione del cosmo che erano in essere allora.
Nel momento in cui puoi vedere direttamente o vedere foto scattate alla "Casa di Dio" e non trovarci nulla di speciale...

Mauro capisco sempre la tua passione per la scienza ma non c'era bisogno di "dimostrazioni e non vedere "niente di speciale" con il telescopio di Hubble per sapere che tutte queste storie che definisco "fantasiose" rappresentano una castroneria tale che non sta "né in cielo né in terra".... :ironico:

Certe volte mi meraviglio non tanto che certe persone inventino delle teorie particolarmente assurde, come ad esempio quella dei terrapiattisti,... ma che poi trovino altri che ci possano credere.... :risata:

:B.A.1:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 8473
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Achille » 30/12/2020, 12:16

Achille ha scritto:La Watch Tower comunque, almeno fino al 1990, non aveva ancora abbandonato del tutto l'idea che Dio risiedesse in un determinato luogo dell'universo fisico. Nel libro Potete vivere (ed. 1990), pp. 36, 37, si legge infatti che:

«Essendo una persona con un corpo spirituale, Dio deve avere un luogo in cui vivere. La Bibbia ci dice che i cieli sono lo "stabilito luogo di dimora" di Dio. ... Ma qualcuno chiederà: ‘Se Dio è una persona reale che vive in un determinato luogo del cielo, come fa a vedere tutto quello che succede altrove? E come può esercitare il suo potere in ogni parte dell’universo?’ ... Che Dio sia una persona non ne limita affatto il potere o la grandezza ... Per capire meglio, pensate al campo d’azione di una centrale elettrica. Una centrale è situata in un determinato luogo in una città o nei dintorni. Ma distribuisce l’elettricità a tutta la zona, fornendo luce e forza motrice. In modo analogo, Dio risiede nei cieli. [nota: in quale posto di preciso ora non si sa; certamente Dio non è più nella costellazione delle Pleiadi] Ma il suo spirito santo, la sua invisibile forza attiva, può agire ovunque nell’universo. Mediante il suo santo spirito Dio creò i cieli, la terra e ogni forma di vita. ... Dio non ebbe bisogno di essere presente di persona. Può inviare il suo spirito, la sua forza attiva, a compiere qualsiasi cosa egli voglia anche in luoghi lontanissimi. Che Dio meraviglioso!».

L'unica differenza tra le deliranti affermazioni di Russell e successori (fino al 1953) e gli 'intendimenti' più recenti, è che non si indica più con esattezza in quale luogo dell'universo fisico si trovi la "residenza di Dio".

Comunque in pubblicazioni più recenti hanno ulteriormente modificato questa loro veduta del "cielo" come luogo fisico. Vedere l'"Aggiornamento" in fondo a questa pagina: https://www.infotdgeova.it/pleiadi-luog ... geova.html
Notate cosa scrisse Russell:

«Domanda: È il cielo un luogo o una condizione? Se è un luogo, dove si trova?

Risposta: Mentre è vero che le creature celesti possono essere in una condizione spirituale, invisibile agli occhi umani e tuttavia essere vicini a noi che siamo nella carne; e mentre noi crediamo che quella celeste è la condizione nella quale il nostro Signore sia adesso presente in qualità di essere spirituale o celeste, non siamo d’accordo nel considerare il cielo solo come una condizione: esso dev’essere anche un luogo, proprio come la terra è un luogo.
L’idea che riteniamo più ragionevole è quella che abbiamo già esposto nell’Aurora Millenniale, Vol. III, pagina 327; cioè, che il cielo è ubicato nella costellazione delle Pleiadi. A riprova che il cielo è un luogo situato ad una certa distanza dalla terra, e che ci vuole un certo tempo per andarvi e ritornare, è il fatto che nostro Signore disse proprio che egli sarebbe “andato” e “ritornato”. Questo non sarebbe vero se andare in cielo significasse semplicemente subire un mutamento di condizione da quella umana a quella spirituale, perché egli non è mai ritornato nella condizione umana.» La Torre di Guardia di Sion del 1° dicembre 1896, pagina 2075 delle Ristampe.

Tutto sempre molto ragionevole, e sostenuto dalle Scritture... :conf:
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15404
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi VictorVonDoom » 30/12/2020, 12:36

Mauro1971 ha scritto:C'é anche da considerare le scoperte di Hubble in quel periodo ed i progressi tecnologici dei mezzi di osservazione del cosmo che erano in essere allora.
Nel momento in cui puoi vedere direttamente o vedere foto scattate alla "Casa di Dio" e non trovarci nulla di speciale...


Purtroppo la scienza ha il brutto vizio di prendere dio a pesci in faccia, quando i suoi fedeli vogliono collocare lui o le sue azioni nel mondo reale. Bei tempi quando potevamo bruciare 'sti eretici al rogo...
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3534
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

"Ragionevoli" considerazioni....

Messaggiodi Vieri » 30/12/2020, 12:37

L’idea che riteniamo più ragionevole è quella che abbiamo già esposto nell’Aurora Millenniale, Vol. III, pagina 327; cioè, che il cielo è ubicato nella costellazione delle Pleiadi. A riprova che il cielo è un luogo situato ad una certa distanza dalla terra, e che ci vuole un certo tempo per andarvi e ritornare, è il fatto che nostro Signore disse proprio che egli sarebbe “andato” e “ritornato”. Questo non sarebbe vero se andare in cielo significasse semplicemente subire un mutamento di condizione da quella umana a quella spirituale, perché egli non è mai ritornato nella condizione umana.» La Torre di Guardia di Sion del 1° dicembre 1896, pagina 2075 delle Ristampe.

Tutto sempre molto ragionevole, e sostenuto dalle Scritture.

"Ragionevoli" considerazioni.....
Clicca per vedere l'immagine a dimensioni originali

:B.A.1:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Gold
 
Messaggi: 8473
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Mauro1971 » 30/12/2020, 14:05

VictorVonDoom ha scritto:
Mauro1971 ha scritto:C'é anche da considerare le scoperte di Hubble in quel periodo ed i progressi tecnologici dei mezzi di osservazione del cosmo che erano in essere allora.
Nel momento in cui puoi vedere direttamente o vedere foto scattate alla "Casa di Dio" e non trovarci nulla di speciale...


Purtroppo la scienza ha il brutto vizio di prendere dio a pesci in faccia, quando i suoi fedeli vogliono collocare lui o le sue azioni nel mondo reale. Bei tempi quando potevamo bruciare 'sti eretici al rogo...


Ma sai non prendo sia neppure cosí.
La Scienza va avanti nel suo esplorare e conoscere la Realtá. Spesso ció che scopre é antitetico con quanto affermato da una o piú religioni sino a quel momento.
Non é intenzionale, é la Realtá osservata che si rivela per quel che é.

Rimaniamo sul caso delle Pleiadi ed i TdG, come era inteso il mio commento precedente.
Includiamo anche una premessa: ci vuole del tempo tra l'evento di una nuova scoperta scientifica ed il suo diffondersi a livello culturale "globale".
Per parecchio tempo sino agli anni 20-30 Si credeva che l'intero Universo fosse composto unicamente dalla Via Lattea. Non avevamo gli strumenti per vedere le altre galassie per ció che sono e venivano considerate "nebulose" (tali apparivano) all'interno della nostra galassia. Le osservazioni anche delle altre stelle nel nostro sistema erano molto meno precise.
É questo era ció che sapevano gli astronomi del tempo, immaginiamo la grande massa quanto poco potesse conoscere e quanto potesse essere libera di immaginare cose oggi inpensabili.
Ai tempi quindi dire che le Pleiadi fossero il centro dell'Universo e vi tisiedesse Dio era qualcosa di plausibile, almeno per parte delle grandi masse.
Negli anni '20 peró Hubble inizió ad osservare l'universo con il telescopio piú grande sino ad allora costruito.
Le nebulose (parte di esse) si rivelarono altre galassie, le stelle della Via Lattea semplici stelle e l'universo sembrava non avere un centro, di certo non erano le Pleiadi.
E le Pleiadi erano visibili. Telescopi amatoriali si diffusero e nel tempo rivendicano piú economici e potenti.
Ora che avrebbe potuto dire il fratello Smith guardando la casa di Geova dal telescopio regalato al figlio, sul suo balcone visto che non avrebbe trovato nulla di particolare rispetto ad altre costellazioni?
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)
"Io riconosco di essere un dilettante nella misura in cui io cerco ricavare diletto da tutto ciò che faccio" (Philo Vance)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Platinium
 
Messaggi: 10538
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Messaggiodi VictorVonDoom » 30/12/2020, 15:06

Beh, non intendevo fosse intenzionale.
Però è inevitabile, se chi crede si ostina a collocare dio o le sue azioni nel mondo naturale, come fanno ad esempio i TdG (limitiamoci a loro va...).
Diluvio, creazione uomo 6000 anni fa... Insomma...
Non so comunque se si possa ritenere plausibile, pur agli inizi del 900, pensare che Dio risiedesse fisicamente in qualche luogo.
Voglio dire, i tempi delle divinità greco romane, che abitavano su un monte, erano passati già da tempo.
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3534
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Mauro1971 » 30/12/2020, 18:36

Spesso alcuni credenti fanno passare la scienza o gli scienziati come se in qualche modo lottassero attivamente contro di loro, per cui rimarcare non fa male.
Alla comunità scientifica nulla interessa in questo. Il problema delle religioni è con la realtà, non chi la studia.

Per il resto dipende molto da quale contesto storico, geografico e sociale prendiamo come riferimento.
Ancora in tempi molto recenti ci sono state sette che hanno proposto varei destinazioni "astrali" come sede e destinazione del divino, mi sembra un culto in America con queste convinzioni divenne famoso negli anni '70 per un suicidio di massa.
Ho personalmente conosciuto persone convinte che sarebbo andati su Orione seguendo il loro "Maestro", che era (suppongo sia ancora se ancora in vita) un italianissimo truffatore.
I Mormoni credono che avranno ognuno di loro un singolo pianeta nel quale saranno Dei.

Persone disposte a credere cose del tutto irragionevili ci sono e spesso anche tra quelle aventi una certa cultura, ma una volta instaurato un rapporto dapprima emotivo e poi di fiducia verso una determinata fonte i soggetti tendono a fare di tutto pur di rimanere all'interno di ciò che credono, ed a volte più assurda è la cosa più forte è la loro risposta in negazione.
Questo lo vediamo anche coi TdG.
In effetti Diluvio, umanità da 6.000 anni sono cose scritte o direttamente derivate da determinati calcoli biblici che tanto andavano di moda in pieno '800 e contro i quali andò a scontrarsi anche Darwin, in effetti grossomodo coevo di Russell. Ai tempi soprattutto in ambito Anglosassone i naturalisti del tempo erano laureati in Teologia Naturali, i quali principi si trovano ancora oggi, per quanto desueti e superati, quali argomentazioni portate da diversi Creazionisti e credute valide da un numero importante di persone, anche se sono principi falsificati anche da più di un secolo.
Non mi viene quindi difficile immaginare che un gruppo di persone da prima ristretto, senza praticamente alcuna formazione particolare in ambito scientifico o culturale, potessero bersi un po' di tutto. Stiamo parlando di una società piccolo borghese quando non direttamente rurale Americana, anche ai tempi di Russell.
In quanto poi alle forme più antiche della Religione Romana, che era in effetti legata a Divinità abitanti in luoghi specifici (non per nulla alcuni riti potevano essere fatti solo a Roma o luogi nei dintorni), ritroviamo caratteristiche simili ancora oggi in Giappone nello Shinto, anche se da molto pochi è praticato come vera e propria religione ma è vissuto dalla stragrande maggiaranza dei Giapponesi come "tradizione".
Li ritroviamo invece in sciamanesimi animistici in tutta l'area Himalayana, anche la dove la religione predominante il Buddhismo Tantrico (espresso in diverse Scuole molto simili a quelle Tibetane).

Ma in posti come questi credo sia comprensibile il vedere Dei e Demoni in montagne e vallate:
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)
"Io riconosco di essere un dilettante nella misura in cui io cerco ricavare diletto da tutto ciò che faccio" (Philo Vance)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Platinium
 
Messaggi: 10538
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Messaggiodi Achille » 31/12/2020, 11:54



Interessante il video di Salentino.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15404
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22


Torna a Pubblicazioni della WatchTower

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici