Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Se studio coi TdG devo diventare uno di loro?

Un'analisi delle pubblicazioni passate e presenti dei TdG

Moderatore: Achille

Se studio coi TdG devo diventare uno di loro?

Messaggiodi Romagnolo » 23/12/2020, 13:31

Questa è una delle domande che vengono trattate sul sito JW.org e ovviamente la risposta data al lettore è per forza di cose la più tranquillizzante possibile infatti si può leggere fin da subito:
No, non sei affatto obbligato. Milioni di persone studiano la Bibbia con noi senza diventare testimoni di Geova. Lo scopo dei nostri corsi è far conoscere cosa insegna la Bibbia. Sarai tu a decidere cosa fare dopo aver acquisito questa conoscenza. Riconosciamo che la fede è una questione personale (Giosuè 24:15 15 Ma se vi sembra sbagliato servire Geova, sceglietevi oggi chi volete servire: o gli dèi che i vostri antenati servirono dall’altra parte del Fiume o gli dèi degli amorrei nel cui paese vivete. Quanto a me e alla mia casa, serviremo Geova”. ).

https://www.jw.org/it/testimoni-di-geov ... testimoni/
Si noti l' uso del termine "Obbligato", non credo sia scelto a caso anche perchè effettivamente non corrisponde a verità,...nessuno viene obbligato a diventare TdG perchè ha iniziato uno studio biblico con loro, ma il termine poteva benissimo essere di diverso tipo..."Subirò pressioni al fine di divenire un Testimone di Geova?" ma anche a questa domanda è stata data implicitamente risposta nel paragrafo " Lo scopo dei nostri corsi è far conoscere cosa insegna la Bibbia."
Tutto ciò porta il lettore a dedurre che accettando uno studio biblico andrà fondamentalmente ad incamerare delle informazioni e nulla più; deciderà poi da sè in totale autonomia poi che farne.
Peccato per lui perchè la doppietta di studi Torre di Guardia conclusisi Domenica scorsa lasciano pensare proprio tutt' altro, ecco qui in sequenza degli estratti dei paragrafi che ogni TdG ha dovuto studiarsi:
Torre di Guardia edizione per lo studio Ottobre 2020:
Studio N.41
Parag. 12 Dobbiamo impegnarci per instillare un profondo amore per Dio nel cuore di chi studia con noi.
Parag. 14 Tutti desideriamo che chi studia la Bibbia con noi arrivi al battesimo. Per raggiungere questo obiettivo è importante che lo incoraggiamo a frequentare le adunanze.......Dobbiamo aiutare chi studia con noi a prendere l’abitudine di frequentare tutte le adunanze e a considerarle una parte importante della sua vita.
Parag. 16 In conclusione, come possiamo condurre uno studio biblico in modo che la persona arrivi al battesimo? Possiamo aiutarla a prendere seriamente lo studio invitandola a studiare tutte le settimane e a prepararsi sempre. Vogliamo anche incoraggiarla a comunicare con Geova ogni giorno e a stringere un’amicizia con lui. Inoltre, vogliamo motivarla a frequentare le adunanze.
Studio N.42
Parag. 3 In tutto il mondo conduciamo milioni di studi biblici. Ma, come abbiamo visto nell’articolo precedente, vogliamo capire come aiutare un maggior numero di persone a diventare discepoli di Gesù. In questo articolo vedremo altre cinque cose che dobbiamo fare per aiutare chi studia con noi ad arrivare al battesimo.
Parag. 10 Dobbiamo interessarci sinceramente delle persone che studiano con noi e vederle come futuri fratelli o future sorelle.
Parag. 11 Vogliamo che provi il desiderio di stare con la congregazione e che si senta parte della nostra famiglia spirituale. Così sarà più facile per lui smettere di avere amicizie strette con persone che non lo incoraggiano ad amare Geova
Parag. 12 Dobbiamo parlare apertamente della dedicazione e del battesimo. Dopotutto, il nostro obiettivo quando conduciamo uno studio biblico è aiutare la persona ad arrivare al battesimo. Dopo pochi mesi dall’inizio dello studio e specialmente dopo aver cominciato a frequentare le adunanze, la persona dovrebbe aver chiaro in mente che l’obiettivo dello studio è aiutarla a diventare testimone di Geova.
Parag. 16 Di tanto in tanto dovremmo fermarci a riflettere per capire se è il caso di continuare lo studio. Pensando a chi studia con noi, potremmo chiederci: “Capita spesso che non si prepari per lo studio? Non ha voglia di venire alle adunanze? Ha ancora comportamenti sbagliati? Fa ancora parte di un’altra confessione religiosa?” Se la risposta è sì, continuare a studiare con lui sarebbe come dare lezioni di nuoto a una persona che non vuole nemmeno bagnarsi. Se chi studia non apprezza davvero quello che sta imparando e non vuole fare cambiamenti, perché continuare a studiare con lui?
Parag. 17 Fare discepoli è una responsabilità che prendiamo molto sul serio: vogliamo aiutare chi studia con noi ad arrivare al battesimo.........Facciamo dunque del nostro meglio per aiutare chi studia con noi ad arrivare al battesimo.

Dopo aver letto questi estratti si può ragionevolmente sostenere quanto vanno scrivendo nelle risposte a domande sul sito Jw.org ?
Oppure siamo di fronte a due esposizioni discordanti sullo stesso argomento ovvero se accetto uno studio biblico devo poi diventare un TdG pure io?
Il paragrafo 12 dello studio 42 è quanto mai chiarificatore: " Dopotutto, il nostro obiettivo quando conduciamo uno studio biblico è aiutare la persona ad arrivare al battesimo. "
Certo che devo fare i complimenti a questa Organizzazione....per come è brava a mentire sottilmente! :strettamano:
https://www.jw.org/it/biblioteca-digita ... obre-2020/
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Gold
 
Messaggi: 6778
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi Tranqui » 23/12/2020, 15:10

la tdg che citi dice che lo scopo finale dello studio TDG e' il battesimo :bb:

Presentazione


Chi ama, crede nell’impossibile.
Elizabeth Barrett Browning


Immagine
Avatar utente
Tranqui
Utente Gold
 
Messaggi: 6217
Iscritto il: 14/02/2013, 16:32

Messaggiodi VictorVonDoom » 23/12/2020, 17:47

Chi era il padre della menzogna? :risatina:

Ne parla Evans qui

Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3534
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Mauro1971 » 23/12/2020, 18:55

E' nel loro DNA, in un certo senso agiscono come dei venditori porta a porta appliceando tecniche di marketing e lo fanno da decenni. Questo mostrare cose sia veramente "essere un TdG" per loro è una necessità. Voglio dire, se al primo studio dicessero a chiunque "in caso di necessità di trasfusione non solo dovrai lasciarti morire ma dovrai far morire i tuoi figli, e se deciderai di lasciare i TdG verrai ostracizzato o se i tuoi figli o altri della tua famiglia dovessero lasciare i TdG dovrai ostracizzarli tu", ma chi continuerebbe?
Senza contare tutte le altre cose che ben conosciamo.
Indorano la pillola, si mostrano migliori di quello che sono.
Non so se oggigiorno possa essere considerato "morale" come comportamento, e neppure penso siano gli unici a comportarsi in questo modo.
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)
"Io riconosco di essere un dilettante nella misura in cui io cerco ricavare diletto da tutto ciò che faccio" (Philo Vance)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Platinium
 
Messaggi: 10537
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Messaggiodi Sandro » 23/12/2020, 19:42

Capita spesso che non si prepari per lo studio? Non ha voglia di venire alle adunanze? Ma vi immaginate quante cose possa fare una persona "che non ha voglia di andare alle adunanze"? Perché tutto il tempo sprecato per esse è tempo della propria vita buttato alle ortiche.
Deve prepararsi per lo studio al sol scopo di ripeterlo a pappagallo.
Sandro
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1256
Iscritto il: 30/06/2019, 11:55

Messaggiodi deliverance1979 » 23/12/2020, 20:03

Notate cosa diceva una Torre di Guardia del 1963 15/11, pagine 684-689
https://wol.jw.org/it/wol/d/r6/lp-i/1963402#p16

Il tema dell'articolo era: Il battesimo è necessario per un cristiano (senza punto di domanda)
Al paragrafo 13 notate cosa dice.

Il battesimo è necessario per un cristiano
"Una persona potrebbe speculare e presentare molte ragioni per cui non è ancora necessario che sia battezzata. Potrebbe pensare: ‘Come posso vivere secondo i miei voti di dedicazione? Quale assicurazione ho che Dio mi aiuterà? Che farò quando sorgeranno difficoltà? Rimarrò fedele? Forse devo aspettare finché non abbia più conoscenza e non sia più opportuno’. Non sarebbe questa una forma di razionalizzazione? Non sarebbe come seguire “la pratica di spiegare o giustificare le proprie opinioni e azioni soltanto con ciò che è considerato ragionevole”, che è la definizione della razionalizzazione? Inoltre, non significherebbe questo appoggiarsi sul proprio intendimento anziché su quello di Dio? Quale norma dovremmo seguire, la nostra o quella di Dio? Se vi è dubbio sulla cosa giusta da fare, non è saggio chiedere aiuto e consiglio a maturi cristiani che hanno a cuore i vostri massimi interessi spirituali? Ricordate l’assicurazione che Geova ci dà in Filippesi 4:13: “Per ogni cosa ho forza in virtù di colui che m’impartisce potenza”. Quindi, perché indugiare, perché procrastinare, se siamo qualificati per la dedicazione cristiana e il battesimo?"


E notate un articolo relativo ai giovani e rispettive famiglie, nella Torre di Guardia del 1988 15/3 (piena sbornia da fine del mondo imminente)
https://wol.jw.org/it/wol/d/r6/lp-i/1988203#h=29:0-30:546

A che età battezzarsi?

20 Le parole di Gesù in Matteo 28:19, 20 indicano che si dovrebbero battezzare coloro che sono diventati suoi discepoli. Ne consegue che nessun neonato o bambino piccolo può soddisfare i requisiti scritturali per il battesimo. Un neonato non può esercitare fede nella Parola di Dio, in Dio il Creatore, e in suo Figlio Gesù Cristo. Un neonato non può capire che lo spirito santo è la forza attiva di Dio; e non può neanche pentirsi dei peccati commessi e fare il voto solenne di compiere la volontà di Dio.

21 Ma sembra che fra il popolo di Geova alcuni siano andati all’estremo opposto. Molti genitori cristiani lasciano che i figli abbiano quasi vent’anni prima di affrontare l’argomento del battesimo. Molte volte però sentiamo di ragazzi che fanno una dedicazione valida di spontanea iniziativa. Per esempio, il figlio non ancora adolescente di un anziano desiderava sinceramente battezzarsi. Perciò il padre invitò altri tre anziani a trattare col ragazzo le domande destinate ai battezzandi.* La loro conclusione fu che, benché fosse molto giovane, era idoneo per essere battezzato quale ministro ordinato di Geova Dio. Recentemente nelle Bahama hanno frequentato la Scuola del Servizio di Pioniere due ministri a tempo pieno la cui figlia di dieci anni è battezzata!

22 A questo riguardo sembra che alcuni genitori vengano meno. Fino a che punto usano ‘materiali che resistono al fuoco’ per edificare una personalità cristiana nei figli? (1 Corinti 3:10-15) Prima di tutto, per far questo bisogna che la pura adorazione di Geova sia la cosa più importante nella vita dei genitori. Inoltre i genitori devono seguire gli ottimi consigli di Deuteronomio 6:6, 7 ed Efesini 6:4. Così facendo può darsi che i genitori debbano trattenere i figli dal farsi battezzare troppo presto, invece di dover chiarire le cose dopo.


Se poi parliamo di educazione religiosa, è proprio questo il punto che io porto sempre alle mie argomentazioni.
Se anche il giovane TDG non è battezzato, i genitori sono incoraggiati dallo Corpo Direttivo, ad educarli in maniera tale che vivano una vita in funzione di tale passo.
Quindi, va da se che il genitore TDG farà tutto quanto in suo potere per evitare al figlio distrazioni di sorta, o tentazioni, che potrebbero allontanarlo da tale passo.

Quando io mi battezzai, il bagnetto nell'acqua era veramente una formalità, visto che praticamente venni costretto all'educazione geovista con tutte le diversità, le rinunce e le buffonate che questa comportava, proprio come il paragrafo dice parlando dei generitori con la domanda esaminatrice rivolta loro: "Fino a che punto usano ‘materiali che resistono al fuoco’ per edificare una personalità cristiana nei figli?"

E per riagganciarci al tema della discussione, il genitore TDG, quando fa lo studio ai figli non battezzati, segna ore di servizio.
Quindi, i figli nati in famiglie di TDG è come se fossero studenti a tutti gli effeti.

Allora riproponiamo la domanda....
Se studio da esterno o da figlio di TDG, devo diventare uno di loro?

La risposta è SI, visto che se tale risposta fosse NO, nel caso della persona del mondo, si rivolgerebbero a lui delle domande sul perchè non si battezza, e molto probabilmente si abbandonerà lo studio.
Mentre per quanto riguarda una famiglia di TDG, gli anziani, oltre a fare tali domande al giovane in età di 15, 16 o qualche anno in più, le farebbero anche ai genitori sul fatto del perchè, i figli arrivati ad un'età che si potrebbe definire "matura" per una tale decisione, non compiano ancora tale passo.

Forse oggi tale urgenza di battezzarsi, tra i TDG è andata calando, proprio come la famosa aspettativa della fine del mondo imminente, ma un tempo, quando si pensava che veramente la "Grande Tribolazione" ed "Harmagheddon" fossero alle porte, il passo del battesimo era molto più spinto ed incoraggiato sia dalle famiglie, che dagli anziani, che dai sorveglianti viaggianti.
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6656
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Antonyos » 24/12/2020, 10:22

È una presa in giro, se studi non sei obbligato a diventare rdg, ma se vivi in una famiglia di tdg ci sarà pressione affinché tu lo diventi e non sarai visto come buona compagnia dagli altri, più tutte le domande ai genitori sul perché e per come. Io personalmente quando iniziai a studiare, non avendo famiglia tdg ma all'epoca solo mia sorella lo era, decisi spontaneamente di avvicinarmi, ed il tdg che mi seguiva mi spronava a commentare dopo poche adunanze, tanto che alla fine lo accontentai ma non me la sentivo di farlo. Poi mi regalò una delle sue cravatte affinché io la mettessi ma non me la sentivo e non l'ho messa perlomeno in tutto quel periodo, e quindi si, fanno pressione e non oso immaginare per chi vive in famiglie di tdg come sia. Alcuni utilizzano metodi davvero aggressivi, seppur in buona fede. Alla fine tutti ci siamo passati.
Antonyos
Nuovo Utente
 
Messaggi: 96
Iscritto il: 15/05/2019, 12:57

Messaggiodi VictorVonDoom » 24/12/2020, 10:45

Vabbe, in ogni caso è facilmente verificabile "sul campo". Basta che chi studia con i TdG dica che non è interessato a diventarlo ma solo a "studiare" un po' la Bibbia a domicilio, visto che nel sito propagandistico dicono che è semplicemente quello il loro scopo... E tutto il resto, tipo andare alle adunanze, non lo farà.
Vedete quanto ci sta il TdG ad evaporare...
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3534
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Romagnolo » 24/12/2020, 12:07

Esatto Victor, ricordo un video trattato due o tre anni fa all' adunanza, era la storia intervista ad un fratello africano che non divenne subito un tdg benché ben disposto ad ascoltare un collega di lavoro che lo era.
Sul finale del video viene visto in predicazione insieme ad un sorvegliante o missionario...(non ricordo bene) il quale lo invita ad abbandonare una visita infruttuosa e a tenerci solo contatti occasionali giusto per essere pronti a scorgervi eventuali segni di maggior interesse in futuro.
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Gold
 
Messaggi: 6778
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi Mauro1971 » 24/12/2020, 12:45

Ma sai cosa Romagnolo, di per se ci sta anche.
Fai lo Studio a chi dimostra interesse, ha una sua logica.

Quello che urta è quel costante tentativo di circuire all'inizio, di trattare tutti come infanti e non come persone aventi diritto a fare una propria scelta consapevole.
Come sopra, ci sta che gli studi siano fatti e mantenuti verso chi dimostra interesse per una confessione, non solo quella dei TdG, è il vendersi come qualcosa di diverso per non far alzare le difese degli esterni che urta come strategia perchè porta a mezze verità se non bugie intere.
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)
"Io riconosco di essere un dilettante nella misura in cui io cerco ricavare diletto da tutto ciò che faccio" (Philo Vance)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Platinium
 
Messaggi: 10537
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Messaggiodi deliverance1979 » 24/12/2020, 12:59

Mauro1971 ha scritto:Quello che urta è quel costante tentativo di circuire all'inizio, di trattare tutti come infanti e non come persone aventi diritto a fare una propria scelta consapevole.


Penso che il grosso errore di fondo dei TDG del XX secolo, che poi lo hanno riverberato sia nell'educazione dei figli, che nella predicazione di casa in casa, era proprio la loro ossessione riguardo alla fine imminente.

Siccome gli ultimi giorni erano iniziati nel 1914, per il TDG medio del XX secolo, la "Grande tribolazione" poteva scoppiare da un momento all'altro, e subito dopo Harmagheddon.
Ma già, all'inizio della Grande tribolazione, sarebbe stato difficile per molti che avrebbero voluto prendere posizione e diventare TDG, farlo.
Vuoi perchè i TDG sarebbero stati messi al bando come tutte le altre religioni, e quindi sarebbero entrati in clandestinità (anche se la grande tribolazione era un giudizio di Geova nei confronti della falsa religione)...
Vuoi per il clima di odio nei confronti delle religioni che si sarebbe scatenato in questo periodo, il che avrebbe reso ancora più difficile per qualsiasi persona aderire ad un movimento religioso, TDG inclusi.

Quindi, per i TDG del XX secolo che aspettavano tutto questo, il battesimo era una specie di contratto per la salvezza...(ovviamente non bastava solo il battesimo, ma serviva anche la condotta da buon cristiano.... ma comunque, diciamo che il battesimo era già una buona ipoteca per la salvezza, rispetto a tutti coloro che invece non avrebbero fatto neanche questo...)

Pertanto, sia l'educazione dei figli che quando si faceva lo studio biblico ad una persona non TDG, tutto doveva portare a tale passo il più presto possibili.

Non a caso, molti ragazzi che conoscevo si erano battezzati a 12, 14 o 16 anni.

In un'età emotivamente molto fragile, in cui è molto facile essere o venire condizionati.
Ed un passo del genere, avrebbe portato loro conseguenze per tutta la vita, non sapendo infatti se nel futuro loro sarebbero rimasti TDG o meno.

Il fatto che nel 1995 si ruppe il giocattolo geovista della fine imminente, ha fatto si che oggi, tale foga nel voler battezzare le persone si sia veramente persa, o comunque ridotta, anche se i vertici geovisti affermano il contrario.
Nel secolo scorso, la disassociazione (scomunica fatta solo nei confronti dei battezzati) era vista dalla congregazione come una sorta di condanna a morte per la persona, poichè, se sarebbe venuto Harmagheddon, tale individuo era in una posizione veramente sfavorevole nei confronti di Geova.

Oggi è cambiato tutto, e si è perso molto di quel pathos da fanatici che invece 30 - 40 anni fa era tipico dei TDG.
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6656
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Romagnolo » 24/12/2020, 22:43

Giusto cari Mauro e Deliv, dite bene ciascuno la sua.
La fretta però è tornata a farla da padrona con l' ossessione dell' Armaghedon dietro l' angolo, perchè lasciare perdere gli infruttuosi?
Per non perdere tempo e dedicarsi alla ricerca delle pecore rimanenti, questo almeno è il messaggio lanciato dall' Organizzazione.
La realtà dei fatti...dimostrata anche dall' ultimo rapporto mondiale è che sono in calo in sempre più nazioni e la dirigenza non può permettersi che i suoi sudditi..hemm hemm....i loro confratelli perdano tempo con persone improduttive nel breve periodo, urge portare dentro nuove leve che vadano a tamponare le uscite e i decessi...quest' anno per giunta si sono sommati anche i 5000 causa covid...che sicuramente vanno aumentando anno dopo anno.
Qui nelle congregazioni della mia zona ad esempio quest' anno avremo avuto quasi una decina di decessi.
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Gold
 
Messaggi: 6778
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi deliverance1979 » 24/12/2020, 23:17

Romagnolo ha scritto:La fretta però è tornata a farla da padrona con l' ossessione dell' Armaghedon dietro l' angolo, perchè lasciare perdere gli infruttuosi?


Su questo ti do ragione... infatti, tali affermazioni, e parlo di 14 anni fa e più, mi sembravano stonate.

Sentivo dal podio gli anziani pontificare (all'aduanza di Ministero Teocratico, quella del Giovedì per intendersi), che parlavano di come era opportuno lasciar andare studi biblici con persone che erano anni che studiavano con i TDG ma non facevano mai progresso...

Io li guardavo quasi stupefatto...

1 - Perchè chi aveva tali studi, e poteva segnare ore di servizio, visite ulteriori e quindi vivere di rendita sul rapporto di servizio senza dire troppe "bugie" statistiche, non avrebbe mai mollato l'osso...
2 - Ma chi diceva dal podio questa caz.... ehm vaccate, ma aveva idea di cosa e come fosse il territorio locale, percorso mediamente 4 volte l'anno, senza nessuno studio e con migliaia e migliaia di "non mi interessa", "mancate risposte al citofono", "abbiamo la nostra religione", "non ho tempo", e il sempre verde "andate a fanc..."

Penso che lo schema di tali discorsi, volti a chissà quale espansione dell'opera, fosse stato scritto da gente (Corpo Direttivo o chi per loro), che non avevano e forse non hanno la benchè minima cognizione della realtà settimanale (ovvero ogni sabato ed ogni domenica di predicazione) che si trovano dinanzi i TDG di una zona.

Dalle mie parti, i TDG ci sono da metà anni 60....del XX secolo
Quindi, negli anni 80 e 90, dopo 20 o 30 anni di predicazione, sempre sugli stessi posti, alle stesse persone, che cosa ti vuoi inventare...

Ed ancora, negli anni 2000, 2010 ed ora 2020, ovvero dopo 40, 50 e 60 anni, che cosa gli vuoi proporre alle persone.

Tutto questo rasenta il ridicolo.

Chi doveva diventare TDG lo è diventato (dopo mezzo secolo), chi no, è perchè gliè ne può fregare di meno.

Di conseguenza, chi studia la bibbia, anche solo fosse per passare due ore di conversazioni filosofiche su fanta vaccate bibliche, è grasso che cola...

Ma se lor signori credevano o credono di fare meglio, che si accomodino pure...

Chi sarebbero questi professori della predicazione, i Sorveglianti viaggianti che vengono ogni tot mesi, vanno a visite ulteriori e studi ad hoc di TDG locali?
Perchè, loro con i vari viaggi tra congregazioni, quanti hanno portato alla verità.
Quante volte hanno percorso lo stesso territorio, mese dopo mese, anno dopo anno, decennio dopo decennio....

A parlare di teoria sono tutti bravi, ma nei fatti, voto 0.
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6656
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi VictorVonDoom » 25/12/2020, 9:41

deliverance1979 ha scritto:2 - Ma chi diceva dal podio questa caz.... ehm vaccate, ma aveva idea di cosa e come fosse il territorio locale, percorso mediamente 4 volte l'anno, senza nessuno studio e con migliaia e migliaia di "non mi interessa", "mancate risposte al citofono", "abbiamo la nostra religione", "non ho tempo", e il sempre verde "andate a fanc..."

A parlare di teoria sono tutti bravi, ma nei fatti, voto 0.


Ma perché, tu hai mai visto Anziani andare di porta in porta? :risata:
Raramente, sopratutto negli ultimi 20 anni.
Quante volte alle adunanze nel servizio di campo erano lì per condurre ‘la comitiva” e poi avevano “un appuntamento “ oppure erano già abbinati con un altro Anziano per andare a fare “quella visita pastorale”. :occhiol:
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3534
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25


Torna a Pubblicazioni della WatchTower

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici