Pagina 1 di 1

Filippesi 4,3 ,Paolo era sposato?

MessaggioInviato: 11/09/2019, 22:51
di Vera Icona
Qual è il significato di gnēsie syzyge?

MessaggioInviato: 13/09/2019, 7:39
di Luciano
riporto da un vocabolario:
---------------------------------------
suzugos sÚzugoj
aggettivo

Significati
1) assoggettato insieme
1a) di coloro che sono uniti dal legame del matrimonio, rapporto, ufficio, lavoro, studio, affari,
o simile
1b) di qualcuno sotto lo stesso giogo, consorte, compagno, collega, partner
---------------------------------------
gnêsios gn»sioj


Significati
1) legittimamente nato, non spurio
2) vero, genuino, sincero
---------------------------------------

ciao

MessaggioInviato: 13/09/2019, 12:17
di Quixote
La vecchia TNM lo traduce letteralmente, «genuino compagno di giogo”, non sto a discutere lo stile, perché dovrei confrontare altre traduzioni, e ad ogni modo non è errato, e rende bene il senso del greco. Syzygos o suzugos, come preferite (la u greca si pronuncia alla francese, e traslitterata si rende con Y, non lo dico per contestare Luciano, che anzi ringrazio, ma solo per precisare le ragioni della grafia: in effetti mi capita spesso di incontrare traslitterazioni con U, ma sono meno accademiche) è un aggettivo che si rifà al giogo dei buoi, quindi significa ‘appaiato, unito’, e sostantivato può rendersi come ’compagno, collega, consorte’ e naturalmente ‘coniuge’, che oltretutto ha la stessa origine etimologica, "chi condivide il giogo". Nel testo greco è maschile, ma può essere considerato una specie di nome comune, quindi può riferirsi anche a una donna. L’ipotesi di un Paolo sposato è stata portata avanti da parecchi scrittori, in antico, ma sembra cozzare con alcuni passi della prima ai Corinzi, e mi pare che oggi sia minoritaria. Ve ne direi piú in dettaglio, ma dovrei documentarmi meglio, e in questo momento proprio non ho tempo.

MessaggioInviato: 13/09/2019, 21:50
di Vera Icona
Quixote ha scritto:La vecchia TNM lo traduce letteralmente, «genuino compagno di giogo”, non sto a discutere lo stile, perché dovrei confrontare altre traduzioni, e ad ogni modo non è errato, e rende bene il senso del greco. Syzygos o suzugos, come preferite (la u greca si pronuncia alla francese, e traslitterata si rende con Y, non lo dico per contestare Luciano, che anzi ringrazio, ma solo per precisare le ragioni della grafia: in effetti mi capita spesso di incontrare traslitterazioni con U, ma sono meno accademiche) è un aggettivo che si rifà al giogo dei buoi, quindi significa ‘appaiato, unito’, e sostantivato può rendersi come ’compagno, collega, consorte’ e naturalmente ‘coniuge’, che oltretutto ha la stessa origine etimologica, "chi condivide il giogo". Nel testo greco è maschile, ma può essere considerato una specie di nome comune, quindi può riferirsi anche a una donna. L’ipotesi di un Paolo sposato è stata portata avanti da parecchi scrittori, in antico, ma sembra cozzare con alcuni passi della prima ai Corinzi, e mi pare che oggi sia minoritaria. Ve ne direi piú in dettaglio, ma dovrei documentarmi meglio, e in questo momento proprio non ho tempo.



Grazie intanto, ho avuto una discussione con un mormone che si rifaceva proprio alla traduzione di questo Termine per valorizzare il credo dei LDS.