Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Ma Dio si è comportato giustamente?

Sezione dove porre domande sulla Bibbia e sulla sua interpretazione

Moderatore: Achille

Ma Dio si è comportato giustamente?

Messaggiodi Romagnolo » 30/01/2021, 17:51

Levitico 24
10 Ora un figlio di una donna israelita, che, comunque, era figlio di un uomo egiziano, uscì in mezzo ai figli d’Israele e il figlio della israelita e un uomo israelita lottavano l’uno con l’altro nel campo. 11 E il figlio della donna israelita abusava del Nome e invocava su di esso il male. Lo condussero dunque da Mosè. Incidentalmente, il nome di sua madre era Selomit, figlia di Dibri della tribù di Dan. 12 Quindi lo misero sotto custodia finché fosse fatta loro un’esplicita dichiarazione secondo la parola di Geova.
13 E Geova parlava a Mosè, dicendo: 14 “Fa uscire fuori del campo quello che ha invocato il male; e tutti quelli che l’hanno udito gli devono porre le mani sulla testa, e l’intera assemblea lo deve colpire [con pietre]. 15 E devi parlare ai figli d’Israele, dicendo: ‘Nel caso che qualche uomo invochi il male sul suo Dio, deve rispondere del suo peccato. 16 E chi abusa del nome di Geova dev’essere messo a morte immancabilmente. L’intera assemblea lo deve immancabilmente colpire con pietre. Sia il residente forestiero che il nativo dev’essere messo a morte per aver abusato del Nome.

Giovedì sera durante l' adunanza è stato letto il capitolo 24 come parte della scuola teocratica, una parte della lettura è il pezzo che ho inserito qui sopra.
Come ben si è capito dalla lettura del brano, maledire il nome divino comportava la pena di morte, ma...."Huston abbiamo un problema" come direbbe il caro Deliverance.
Si noti che a fronte degli insulti lanciati dal mezzo israelita, costui viene messo sotto custodia perchè non sanno bene come vada trattato il caso, infatti le uniche direttive che avevano al riguardo non erano che queste:
(Esodo 20:7) “Non ti devi servire del nome di Geova tuo Dio in modo indegno, poiché Geova non lascerà impunito chi si serve del suo nome in modo indegno.
(Esodo 22:28) “Non devi invocare il male su Dio né maledire un capo principale fra il tuo popolo.

Ora non sò a quanti sia sorta la stessa riflessione che mi è venuta leggendo quella narrazione, ma si può dire che Dio si sia comportato giustamente verso quell' individuo condannandolo a morte?
E' vero che non possediamo i dettagli della lite così da farci un opinione obbiettiva circa la gravità della colpa di questo semi israelita però se invece di minacciare per ben due volte delle generiche ritorsioni Dio avesse specificato fin da subito il risultato dell' offendere il suo nome forse quell' individuo si sarebbe guardato bene dall' incorrere in una condanna a morte.
Supponiamo che a noi le autorità ci avvisino che passare col rosso al semaforo comporterà una severa punizione senza scendere nei dettagli, cercheremo sicuramente di rispettare l' ordine il più possibile,....ma magari durante una circostanza a nostro avviso particolarmente seria ci scappa di correre il rischio,...chissà magari se va male ci potrebbero ritirare la patente e rifare tutta la scuola guida pensiamo.
Purtroppo i vigili ci colgono in flagrante e ci portano alla loro stazione in attesa del verdetto sull' infrazione commessa, la sentenza decisa dalle autorità si rivela l' essere carbonizzati dentro la nostra auto in fiamme.
Come ci resteremmo? Come ci restereste voi altri?
Magari a saperlo prima.....dato che rischiavamo la vita ci pensavamo due volte a trasgredire nò?
Pure Adamo ed Eva ebbero l' avvertenza circa a cosa sarebbero incorsi disubbidendo a Dio, ma...in questo caso ...no!
La punizione è stata a sorpresa!
Si può dire che Dio abbia agito giustamente?
Io sono dell' idea di un fragoroso NO!
Ma se Dio non si è rivelato un corretto legislatore e giudice, la Watchtower non poteva esimersi dall' aggiungere il suo carico da 90 in quanto a prese in giro:
TG 15/10/1995 pag. 19
7 Nell’antico Israele Geova a volte emise la sentenza direttamente. Se foste vissuti allora, non sarebbe stato confortante sapere che la sentenza veniva emessa da un Giudice perfetto? (Levitico 24:10-16;...)

Cioè viene fatto riferimento proprio alla vicenda del mezzo israelita; ora mi domando quanto costui dovesse sentirsi rassicurato dall' essere stato giudicato da un giudice perfetto....visto come gli andò a finire.
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Gold
 
Messaggi: 6777
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi Tranqui » 30/01/2021, 18:07

Dio non avvisa chi sta peccando ? :boh:

Presentazione


Chi ama, crede nell’impossibile.
Elizabeth Barrett Browning


Immagine
Avatar utente
Tranqui
Utente Gold
 
Messaggi: 6213
Iscritto il: 14/02/2013, 16:32

Messaggiodi Romagnolo » 01/02/2021, 19:11

A quanto pare direi di nò se intendi avvertirlo mentre è nell' atto di compierlo.
Mi viene in mente Mosè quando picchiando col bastone sulla roccia diede da bere al popolo assetato attribuendosi la gloria benchè fosse stato Dio a dirgli di fare così.
Quell' errore gli costò l' entrata nella terra di Canaan.
Ebbene non è che Dio fosse intervenuto mentre Mosè stava parlando al popolo avvertendolo di stare attento a non dire la boiata che si stava per lasciar scappare colto dall' ira per quel popolo di lamentatori. :blu:
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Gold
 
Messaggi: 6777
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi Romagnolo » 03/02/2021, 19:33

Ero indeciso se aprire un nuovo post o continuare da questo, poi ho pensato che siccome la riflessione che vado a farvi nasce da una domanda sortami proprio dalle narrazioni bibliche portate in questo trehad , ho quindi deciso di continuare da qui anche se andrò un pò fuori tema.
Ora se avete notato, nei passi di levitico 24 viene comandato all' intera Assemblea di lapidare l' uomo che aveva osato maledire il nome di Dio, ora per intera assemblea la WT per quanto mi ricordi ha sempre inteso l' allora popolo israelita.
Poichè secondo la Bibbia uscirono dall' Egitto 600000 uomini con famigliari al seguito, l' Organizzazione arivò a stimare una consistenza numerica complessiva attorno ai 3600000 individui.
Bene, rivediamo un' attimo a chi Dio comanda di lapidare il colpevole e da chi venne lapidato:
14....... e tutti quelli che l’hanno udito gli devono porre le mani sulla testa, e l’intera assemblea lo deve colpire [con pietre] 15 E devi parlare ai figli d’Israele, dicendo:...16.... L’intera assemblea lo deve immancabilmente colpire con pietre. Sia il residente forestiero che il nativo dev’essere messo a morte per aver abusato del Nome.
23 Dopo ciò Mosè parlò agli Israeliti e loro portarono fuori dall' accampamento l' uomo che aveva maledetto il nome di Dio e lo lapidarono.
Così gli Israeliti fecero proprio come Geova aveva comandato a Mosè.

Interessante, il comando era che l' intera Assemblea doveva colpirlo con pietre e come si concluse la questione lascia intendere che così avvenne.
Ora ci rendiamo un attimo conto dell' assurdità della cosa richiesta?
Parliamo di tre milioni e seicentomila persone che dovevano lapidare un uomo, nessuno escluso!!
Anzi...qualcuno sì và ragionevolmente escluso, ovvero i bambini troppo piccoli per lanciare una pietra in modo significativo e chi magari data l' età avrebbe fatto fatica anche solo a fare pochi passi, quindi dai...arrotondiamo la cifra a soli 3 milioni, concordo che sia una cifra un pò tirata a caso ma magari mi avvicino ragionevolmente a quanto avrebbe potuto essere la realtà.
Dunque iniziamo l' analisi,....ma riusciamo ad immaginarci cosa poteva voler dire organizzare 3000000 di individui per una lapidazione?
Anche accerchiando il povero malcapitato in quanti potevano raggrupparcisi attorno per una lapidazione fattibile?
200-300 persone per volta?
E dopo il primo milione di pietre scagliate,...sarebbe ancora esistito un corpo degno ti tale nome da essere lapidato?
E ....dopo quante pietre era necessario sospendere la lapidazione per riportare alla luce il corpo sepolto dalla sassaiola? 20000 -30000 pietre?
O anche solo 5000?
Il che poi rendeva necessaria la presenza di addetti a cavargli la cucuzza di pietre da dosso per consentire il proseguo della sassaiola.
Insomma se pensiamo a tutti gli annessi e connessi per come la storia ci è stata raccontata ci accorgiamo che c' è qualcosa che non và, che non la rende credibile?O i fuggiti dall' Egitto erano molti ma molti di meno, o la storia della lapidazione ci è stata tramandata edulcorata, o....non è vera affatto.
Io non sò dove stia la verità ma mi pare evidente che la narrazione ci presenta un Dio che non ha il senso pratico di quanto vada ordinando. :blu:
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Gold
 
Messaggi: 6777
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08


Torna a Domande sulla Bibbia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici