Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Battesimo a 12 anni e "impegno solenne"

Segnalazioni di giornali, riviste, trasmissioni radio-televisive che riguardino i TdG

Moderatore: Cogitabonda

Battesimo a 12 anni e "impegno solenne"

Messaggiodi Achille » 09/07/2019, 9:25

Cito:

« Ieri si è celebrato il rito del battesimo. Undici persone, i più giovani di 12 anni, 4 uomini e 7 donne si sono battezzati.

"Il nostro battesimo non si celebra per togliere il peccato originale ai bambini appena nati – prosegue Alessio – ma per sancire in maniera solenne l’impegno che ognuno di noi prende decidendo di diventare Testimone di Geova, ad assumere un comportamento coerente con le prescrizioni della Bibbia"».

https://www.vistanet.it/cagliari/2019/0 ... battesimi/

Notate anche la frase "Questo ci induce a pensare che il giorno del giudizio sia imminente.". Quello dei TdG non è solo un "pensiero" (espressa in questo modo sembra che la loro sia solo un'ipotesi) ma una convinzione dogmatica: "SIAMO negli ultimi giorni. La fine E' vicina".
Questo è quello che realmente credono.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 12987
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi anima » 09/07/2019, 14:07

un impegno un po' grosso per un ragazzino :mare:
Mi presento

Nessuna estate dura per sempre

(Stephen King)

Immagine
Avatar utente
anima
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4727
Iscritto il: 14/02/2013, 16:32

Messaggiodi deliverance1979 » 09/07/2019, 18:41

Come vedo non sono cambiati minimamente con il condizionamento mentale.
Da una parte provano a dare un'immagine di loro più moderata, ma come scavi un pò sotto la superficie, la metodica, in diversi aspetti è rimasta la stessa.

Appioppano ad una persona, soprattutto in giovane età, quel senso di responsabilità da contesa universale, dove ogni mossa, atteggiamento o ambito della propria vita è una sorta di prova sul far piacere o dispiacere a Geova, con l'onnipresente fine del mondo imminente.
In molti aspetti forse si sono dati una regolata, da qualche anno, i genitori TDG, quando sanno che a scuola c'è un compleanno o una festa "pagana" o ricorrenza del mondo politico, non mandano il figlio TDG a scuola.
30 - 40 anni fa, ti ci mandavano per dare prova di fede, perchè dovevi superare il timore dell'uomo.
Quindi ti ritrovavi da solo, circondato quando andava bene dai ragazzini di un'intera classe, quindi 20 - 25 insegnanti compresi, o peggio, quando andava male potevi trovarti circondato da tre o quattro classi o più.
E tu li in mezzo stile Fantozzi, che dovevi cercare di non sembrare troppo goffo, impacciato o fuori luogo per non essere triturato da umiliazioni varie, ma nel contempo dovevi mantenere quell'integrità nel non fare compromesso.
Allora pensavi ai grandi personaggi biblici e vaccate varie.

Ecco, i TDG sono questo.
Per loro, questo ragazzino di 12 anni ha fatto un patto solenne con Geova...
Giustamente, dopo aver osservato altre religioni, aver avuto la possibilità di decidere le sue aspirazioni ed ambizioni dentro una famiglia di larghe vedute e forse culturalmente aperta, ha potuto quindi prendere in totale libertà ed autonomia tale decisione di battezzarsi... :ciuccio: :ciuccio: :ciuccio: :fronte:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Master
 
Messaggi: 5408
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Francesco Franco Coladarci » 11/07/2019, 11:23

Achille
Notate anche la frase "Questo ci induce a pensare che il giorno del giudizio sia imminente.". Quello dei TdG non è solo un "pensiero" (espressa in questo modo sembra che la loro sia solo un'ipotesi) ma una convinzione dogmatica: "SIAMO negli ultimi giorni. La fine E' vicina".
Questo è quello che realmente credono.


Non ti ricorda la famigerata data del 1975? :risata:
“Al di sopra del Papa, come espressione della pretesa vincolante dell’autorità ecclesiastica, resta comunque la coscienza di ciascuno, che deve essere obbedita prima di ogni altra cosa, se necessario anche contro le richieste dell’autorità ecclesiastica.”
(Cardinal Joseph Ratzinger )

skype: el_condor4
Avatar utente
Francesco Franco Coladarci
Moderatore
 
Messaggi: 3780
Iscritto il: 16/07/2009, 20:24


Torna a Rassegna stampa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici