Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

L’incubo di Angela nei Testimoni di Geova

Segnalazioni di giornali, riviste, trasmissioni radio-televisive che riguardino i TdG

Moderatore: Cogitabonda

L’incubo di Angela nei Testimoni di Geova

Messaggiodi Achille » 11/07/2019, 18:44

L’incubo di Angela nei Testimoni di Geova: “A cinque anni mi parlarono di incesto e di sesso”

continua su: https://www.fanpage.it/attualita/lincub ... -di-sesso/
http://www.fanpage.it/
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 12987
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Socrate69 » 11/07/2019, 21:01

"L’ambiente dentro i testimoni di Geova è asfissiante. Il controllo psicologico è assoluto, simile a un regime totalitario. Ogni fedele finisce per spiare gli altri, per vedere se compiono dei peccati e poi riferirlo agli anziani."

Le pubblicazioni WT ribadiscono spesso che chi è testimone di quella che viene considerata per loro una trasgressione da parte di un loro fratello o anche simpatizzante, deve dare prima un avvertimento al "colpevole" dicendogli che gli darà un periodo di tempo per andare da solo a riferire agli anziani, prima che non lo faccia lui stesso se non verrà fatto.

Un esmpio tratto da https://wol.jw.org/it/wol/d/r6/lp-i/201 ... p=par#h=24
"Ma se coprissimo il suo grave errore, saremmo sleali a Dio. Ovviamente la lealtà a Geova viene prima di tutto. Quindi, come Natan, dobbiamo essere benigni e gentili ma fermi. Esortiamo il nostro amico o il nostro parente a chiedere aiuto agli anziani. Se non lo fa entro un ragionevole periodo di tempo, la lealtà a Dio ci spingerà a riferire la cosa agli anziani."
L'ignorante afferma, il saggio dubita, il sapiente riflette - Aristotele

Presentazione
Avatar utente
Socrate69
Veterano del Forum
 
Messaggi: 3989
Iscritto il: 18/12/2013, 15:44

Messaggiodi deliverance1979 » 11/07/2019, 21:23

Socrate69 ha scritto:"Ma se coprissimo il suo grave errore, saremmo sleali a Dio. Ovviamente la lealtà a Geova viene prima di tutto. Quindi, come Natan, dobbiamo essere benigni e gentili ma fermi. Esortiamo il nostro amico o il nostro parente a chiedere aiuto agli anziani. Se non lo fa entro un ragionevole periodo di tempo, la lealtà a Dio ci spingerà a riferire la cosa agli anziani."


Esatto...

Ed a questo proposito vengono in aiuto i grandi carotaggi biblici...
Ve lo ricordate Acan?
Quante vaccate uno ha dovuto ascoltare...

Giosuè 7:13-26
13 Orsù, santifica il popolo.
Dirai: Santificatevi per domani, perché dice il Signore, Dio di Israele: Uno votato allo sterminio è in mezzo a te, Israele; tu non potrai resistere ai tuoi nemici, finché non eliminerete da voi chi è votato allo sterminio. 14 Vi accosterete dunque domattina secondo le vostre tribù; la tribù che il Signore avrà designato con la sorte si accosterà per famiglie e la famiglia che il Signore avrà designata si accosterà per case; la casa che il Signore avrà designata si accosterà per individui; 15 colui che risulterà votato allo sterminio sarà bruciato dal fuoco con quanto è suo, perché ha trasgredito l'alleanza del Signore e ha commesso un'infamia in Israele».
16 Giosuè si alzò di buon mattino e fece accostare Israele secondo le sue tribù e fu designata dalla sorte la tribù di Giuda. 17 Fece accostare le famiglie di Giuda e fu designata la famiglia degli Zerachiti; fece accostare la famiglia degli Zerachiti per case e fu designato Zabdi; 18 fece accostare la sua casa per individui e fu designato dalla sorte Acan, figlio di Carmi, figlio di Zabdi, figlio di Zerach, della tribù di Giuda. 19 Disse allora Giosuè ad Acan: «Figlio mio, da' gloria al Signore, Dio di Israele, e rendigli omaggio e raccontami ciò che hai fatto, non me lo nascondere». 20 Rispose Acan a Giosuè: «In verità, proprio io ho peccato contro il Signore, Dio di Israele, e ho fatto questo e quest'altro. 21 Avevo visto nel bottino un bel mantello di Sennaar, duecento sicli d'argento e un lingotto d'oro del peso di cinquanta sicli; ne sentii bramosia e li presi ed eccoli nascosti in terra in mezzo alla mia tenda e l'argento è sotto». 22 Giosuè mandò allora messaggeri che corsero alla tenda, ed ecco tutto era nascosto nella tenda e l'argento era sotto. 23 Li presero dalla tenda, li portarono a Giosuè e a tutti gli Israeliti e li deposero davanti al Signore. 24 Giosuè allora prese Acan di Zerach e l'argento, il mantello, il lingotto d'oro, i suoi figli, le sue figlie, il suo bue, il suo asino, le sue pecore, la sua tenda e quanto gli apparteneva. Tutto Israele lo seguiva ed egli li condusse alla valle di Acor. 25 Giosuè disse: «Come tu hai portato sventura a noi, così il Signore oggi la porti a te!». Tutto Israele lo lapidò, li bruciarono tutti e li uccisero tutti a sassate. 26 Eressero poi sul posto un gran mucchio di pietre, che esiste fino ad oggi. Il Signore allora desistette dal suo tremendo sdegno. Per questo quel luogo si chiama fino ad oggi Valle di Acor.


Questo è un parallelismo perfetto per i TDG, poichè in quel contesto storico, Israele stava conquistando la terra promessa, quindi si trovava in una condizione speciale.
Proprio come oggi che i TDG sono, a detta loro, alle soglie del nuovo mondo.... che presto Geova porterà qui sulla terra... presto... 145 anni di attesa...

Ma poi alcuni anziani si spingevano anche oltre.

Quando la congregazione non cresceva spiritualmente, molti credevano che potevano esserci peccati nascosti, proprio come Acan (che dopo la conquista di Gerico tenette per se il bottino che Dio aveva comandato di distruggere), che a causa sua, gli israeliti persero la prima battaglia contro AI.

Come vedete, i sensi di colpa, le insicurezze, le sperstizioni, i dubbi e via dicendo, creati da continui parallelismi tra un mondo reale, il nostro, ed il mondo spirituale che tutto osserva e per questo motivo ha una visione molto più ampia della nostra, può generare nelle persone questo senso di insicurezza, inadeguatezza e via dicendo.
In pratica si vive un perenne esame spirituale dove in gioco c'è la vita propria e quella dei propri famigliari.
Il peccato è sempre in agguato, tutti hanno desideri e debolezze, motivo per cui, i sensi di colpa sguazzano ed avanzano.... :fronte: :fronte: :fronte:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Master
 
Messaggi: 5408
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi Matrix@ » 12/07/2019, 14:47

Mi associo con i commenti già fatti. Nell'universo giuridico dei tdg la pietra di paragone è sempre il racconto biblico, sia esso tratto dalle pagine criptiche dell' Antico Testamento pregne di contenuti ancestrali, o dal confortante messaggio del Nuovo Testamento. Ciò che mi ha sempre colpito nel racconto citato, quello relativo ad Acan ed alla sua trasgressione, è la totale mancanza di compassione da parte del dio della guerra e dei suoi agenti terreni. Il racconto descrive in modo freddo e spietato ciò che avrebbe dovuto subire il trasgressore. Questo perchè a quanto pare il despota celeste aveva deciso che, visto che era stato derubato( cosa se ne facesse lui di una veste e di altri oggetti terreni non è dato sapere) allora il suo popolo doveva morire finchè il trasgressore non venisse sanzionato. Non solo. Sembra non essere pronto o non incline ad occuparsi della situzione in prima persona e cosi usa i suoi fedeli adoratori terreni per perpetrare altra violenza. Egli conosceva ogni cosa e poteva senza alcuna difficoltà relazionarsi con il peccatore ed indurlo al pentimento. O ancora avrebbe potuto impartire una straordinaria lezione di amore a tutto il suo popolo perdonando il ladro che, come si evince dallo stesso racconto, ebbe un momento di debolezza. In altri casi, riguardanti fattispecie molto più complesse e trasgressioni infinitamente più gravi dio agì secondo il suo arbitrio, perdonando, come nel caso di Davide e delle sue misfatte. Qui condanna a morte. Ed ecco spiegato come mai i testimoni di geova e il loro corpo direttivo considerano gravi delle azioni connesse alle umane passioni( sesso tra persone non sposate, masturbazione ecc..) e molto meno gravi ciò che oggi il diritto positivo e prima ancora quello naturale considerano gravissimi, come la pedofilia la violenza sulle donne, l'omicidio.La pedofilia o l'omicidio tra i tdg vengono semplicisticamente chiamati 'peccati' cosi che possiamo trovarci di fronte al paradosso di vedere espulso un soggetto perché praticava in maniera impenitente l'autoerotismo e vedere in sala del regno un pedofilo, magari anche condannato da un tribunale penale. La crudeltà e la demenza di tali direttive celesti, elogiate tuttora dal corpo direttivo, ci appaiono in tutta la loro forza nel momento patologico di un diritto che un popolo nomade si era dato per organizzarsi. In questo particolare passo vengono date istruzioni precise su come umiliare in pubblico un peccatore, cioè un soggetto che secondo le parole del messia, abbisognava di aiuto, non di intimidazione nè tantomeno di una punizione a dir poco sproporzionata per la trasgressione commessa. Non c'è da meravigliarsi quindi se, in riferimento al mondo dei testimoni di geova, si parli di controllo mentale, di paure e ricatti, di organi collegiali a carattere inquisitorio( almeno la tanto vituperata chiesa cattolica applica il principio della aequitas canonica) cioè 'i comitati giudiziari' e di un'ordine ottenuto tramite la presenza pressochè asfissiante dell'organizzazione in ogni aspetto relazionale del fedele. Sono dei palesi esempi di totalitarismi inseriti all'interno di uno stato di diritto e protetti dalla corazza costituzionale della libertà di religione e dei diritti fondamentali posti a presidio anche delle associazioni e non solo del singolo.
Matrix@
Nuovo Utente
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 13/04/2019, 13:03

Messaggiodi Wyclif » 12/07/2019, 15:35

Socrate69 ha scritto:
Le pubblicazioni WT ribadiscono spesso che chi è testimone di quella che viene considerata per loro una trasgressione da parte di un loro fratello o anche simpatizzante, deve dare prima un avvertimento al "colpevole" dicendogli che gli darà un periodo di tempo per andare da solo a riferire agli anziani, prima che non lo faccia lui stesso se non verrà fatto.



Ai miei tempi negli anni 70 un anziano non mi lasciava in pace perché voleva che io testimoniasse contro un mio fratello/ amico della congregazione perché il mio amico fratello fece un apprezzamento spinto nei riguardi una bella ragazza del mondo, io gli ripetei più volte che non volevo testimoniare perché la cosa non era grave era solo un apprezzamento un po spinto e basta, lui insisté al punto che poi dal podio fece un discorso di non essere omertosi altrimenti siamo complici.

Con il senno di poi oggi vedo che questi TdG non stanno bene mentalmente con la loro ossessione del sesso proprio come lo erano ossessionati i Farisei del tempo di Cristo.
Ultima modifica di Wyclif il 12/07/2019, 15:43, modificato 2 volte in totale.
Presentazione





"Dobbiamo ubbidire a Dio quale Governante anziché agli uomini" Atti 5:29
Avatar utente
Wyclif
Utente Senior
 
Messaggi: 1671
Iscritto il: 14/12/2014, 9:22

Messaggiodi Wyclif » 12/07/2019, 15:37

deliverance1979 ha scritto:

Quante vaccate uno ha dovuto ascoltare...




:risata: :strettamano: :ok:
Presentazione





"Dobbiamo ubbidire a Dio quale Governante anziché agli uomini" Atti 5:29
Avatar utente
Wyclif
Utente Senior
 
Messaggi: 1671
Iscritto il: 14/12/2014, 9:22


Torna a Rassegna stampa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici