Corte valuta il caso di una donna che ha dovuto ascoltare l'audio dello stupro

Segnalazioni di giornali, riviste, trasmissioni radio-televisive che riguardino i TdG

Moderatore: Cogitabonda

Rispondi
Avatar utente
Achille
Amministratore
Messaggi: 15770
Iscritto il: 10/06/2009, 17:22
Skype: pelide55
Facebook: https://www.facebook.com/#!/achille.lorenzi
Contatta:

Corte valuta il caso di una donna che ha dovuto ascoltare l'audio dello stupro

Messaggio da Achille »

L'alta corte dello Utah valuta il caso di una donna che dice che la chiesa le ha fatto ascoltare l'audio del suo stupro:

https://www.deseret.com/utah/2020/11/9/ ... -witnesses" onclick="window.open(this.href);return false;

Traduzione automatica:

I tribunali inferiori affermano che il Primo Emendamento impedisce alle giurie di considerare il caso

SALT LAKE CITY - La Corte Suprema dello Utah ha ascoltato lunedì le discussioni in un caso in cui i leader maschi di una congregazione dei Testimoni di Geova a Roy hanno costretto una ragazza di 15 anni ad ascoltare una registrazione di un uomo che la violentava nel 2008.

I tribunali inferiori hanno riscontrato che la chiesa non è responsabile per l'incidente sotto la protezione del Primo Emendamento.

L'alta corte dello stato non ha ancora emesso alcuna sentenza, ma un giudice ha chiarito le sue opinioni sulla presunta condotta.

"L'accusa qui è un equivalente mentale ed emotivo del waterboarding", ha detto il giudice Deno Himonas. “Sono giudice da molto tempo e avvocato da molto tempo. Non ho mai visto, in tribunale, qualcosa di simile che sia presunto. "

La giustizia ha risposto a un avvocato della chiesa che ha fatto riferimento alla tortura per difendere i suoi clienti. L'avvocato Kara Porter ha detto che avrebbe tracciato un limite a tali danni fisici. Ma ha sottolineato che la donna nel caso sostiene l'inflizione intenzionale di disagio emotivo.

Gli avvocati della donna che ora ha più di trent'anni sostengono che i tribunali di grado inferiore hanno sbagliato quando hanno stabilito che il Primo Emendamento protegge la chiesa da responsabilità.

Dicono che la più alta corte dello Utah creerà un pericoloso precedente se deciderà di concedere tale protezione, consentendo di fatto altre condotte dannose da parte di organizzazioni religiose come condividere le cartelle cliniche di una persona o colpire ripetutamente un bambino in faccia.

Porter ha sottolineato che il tribunale stava cercando di determinare se la ragazza avesse peccato, un processo in cui il governo non è autorizzato a intromettersi.

La donna ha citato in giudizio i quattro anziani, la chiesa Roy e l'organizzazione nazionale della religione, la Watchtower Bible and Tract Society, nel 2 ° tribunale distrettuale di Oden nel 2016. Afferma di aver pianto, tremava visibilmente e li ha supplicati di smettere mentre suonavano la registrazione a intermittenza nel corso di almeno quattro ore nel 2008. Il loro obiettivo era quello di estrarre una confessione che aveva volontariamente compiuto sesso al di fuori del matrimonio, sostengono i suoi avvocati.

Sostiene di avere 14 anni quando l'uomo, un collega Testimone di Geova, 18 anni, la bullizzò sempre di più e iniziò ad aggredirla sessualmente nel dicembre 2007. Sostiene di averla violentata più volte e di aver fornito ai dirigenti della sua congregazione una registrazione di un caso.

Ha cercato consulenza e cure mediche mentre si occupava di ansia, incubi e scarso rendimento a scuola, dicono i suoi avvocati. Notano che prima di presentare ricorso, la seconda corte distrettuale ha stabilito che non avrebbe "esitato" a inviare il caso a una giuria se riguardasse un contesto secolare.

"È un caso importante e difficile", ha detto il presidente della Corte Suprema Matthew Durrant al termine dell'udienza durata circa un'ora e mezza.

I giudici lunedì hanno disseminato gli avvocati di entrambe le parti con domande su dove dovrebbe essere tracciata una linea legale nelle rivendicazioni civili legate a questioni religiose. Entrambe le parti hanno convenuto che le accuse non rientrano in alcun reato penale.

Il giudice Paige Petersen ha detto che la risposta potrebbe essere una questione di gradi.

La semplice convocazione del processo del tribunale ecclesiastico potrebbe turbare una persona nella fede che sa che la condotta è vista come un peccato, ha osservato Petersen. Dall'altra parte dello spettro, ha detto, un gruppo può credere che debba fare tutto il necessario per scoprire cosa è successo, anche se il processo include la tortura.

"Come tracciamo le linee lì?" Petersen ha detto.

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha ritenuto che un'azione del governo viola il divieto del Primo Emendamento di stabilire una religione se favorisce un "intreccio eccessivo con la religione".

La Corte d'Appello dello Utah ha stabilito lo scorso anno che giudicare la rivendicazione legale della donna equivarrebbe a un coinvolgimento eccessivo perché "richiede un'indagine sull'adeguatezza della condotta della chiesa nell'applicare una pratica religiosa e quindi viola la clausola istitutiva del primo emendamento".

I suoi avvocati non sono d'accordo.

L'avvocato Robert Friedman ha affermato di non contestare che ci fossero ragioni religiose in gioco, "ma il motivo non può giustificare la condotta".

Inoltre, il caso non richiede che un tribunale interpreti gli insegnamenti religiosi o determini se le credenze religiose di qualcuno sono vere o false, il tipo di mosse proibite dal Primo Emendamento.

Oltre all'argomentazione sulla libertà di parola, gli avvocati degli anziani e della chiesa hanno sostenuto che la causa era priva di fatti a sostegno dell'affermazione. Hanno anche detto in precedenza che gli uomini avevano il dovere nella loro fede di indagare sulle accuse di peccato e l'adolescente avrebbe potuto lasciare l'incontro con i suoi genitori.

Il giudice Thomas Lee ha sollevato la questione se i fattori di discriminazione religiosa siano dovuti alla fede predominante dello Utah, la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni. Ha notato che una giuria potrebbe essere composta principalmente da membri di quella fede.

"Non pensi che ci sia una seria preoccupazione che quel corpo e quel gruppo stiano per esprimere un giudizio basato sulle loro convinzioni su cosa sia l'ortodossia religiosa e la ragionevolezza?" Ha chiesto Lee.

Friedman ha ribattuto di ritenere che questi problemi potrebbero essere risolti da un giudice, anche nel processo di selezione della giuria e nelle istruzioni fornite ai giurati prima che deliberino.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Metallo Pesante
Utente Junior
Messaggi: 425
Iscritto il: 29/06/2020, 9:17
Contatta:

Messaggio da Metallo Pesante »

Achille ha scritto:L'alta corte dello Utah valuta il caso di una donna che dice che la chiesa le ha fatto ascoltare l'audio del suo stupro:

https://www.deseret.com/utah/2020/11/9/ ... -witnesses" onclick="window.open(this.href);return false;

Traduzione automatica:

I tribunali inferiori affermano che il Primo Emendamento impedisce alle giurie di considerare il caso

SALT LAKE CITY - La Corte Suprema dello Utah ha ascoltato lunedì le discussioni in un caso in cui i leader maschi di una congregazione dei Testimoni di Geova a Roy hanno costretto una ragazza di 15 anni ad ascoltare una registrazione di un uomo che la violentava nel 2008.

I tribunali inferiori hanno riscontrato che la chiesa non è responsabile per l'incidente sotto la protezione del Primo Emendamento.

L'alta corte dello stato non ha ancora emesso alcuna sentenza, ma un giudice ha chiarito le sue opinioni sulla presunta condotta.

"L'accusa qui è un equivalente mentale ed emotivo del waterboarding", ha detto il giudice Deno Himonas. “Sono giudice da molto tempo e avvocato da molto tempo. Non ho mai visto, in tribunale, qualcosa di simile che sia presunto. "

La giustizia ha risposto a un avvocato della chiesa che ha fatto riferimento alla tortura per difendere i suoi clienti. L'avvocato Kara Porter ha detto che avrebbe tracciato un limite a tali danni fisici. Ma ha sottolineato che la donna nel caso sostiene l'inflizione intenzionale di disagio emotivo.

Gli avvocati della donna che ora ha più di trent'anni sostengono che i tribunali di grado inferiore hanno sbagliato quando hanno stabilito che il Primo Emendamento protegge la chiesa da responsabilità.

Dicono che la più alta corte dello Utah creerà un pericoloso precedente se deciderà di concedere tale protezione, consentendo di fatto altre condotte dannose da parte di organizzazioni religiose come condividere le cartelle cliniche di una persona o colpire ripetutamente un bambino in faccia.

Porter ha sottolineato che il tribunale stava cercando di determinare se la ragazza avesse peccato, un processo in cui il governo non è autorizzato a intromettersi.

La donna ha citato in giudizio i quattro anziani, la chiesa Roy e l'organizzazione nazionale della religione, la Watchtower Bible and Tract Society, nel 2 ° tribunale distrettuale di Oden nel 2016. Afferma di aver pianto, tremava visibilmente e li ha supplicati di smettere mentre suonavano la registrazione a intermittenza nel corso di almeno quattro ore nel 2008. Il loro obiettivo era quello di estrarre una confessione che aveva volontariamente compiuto sesso al di fuori del matrimonio, sostengono i suoi avvocati.

Sostiene di avere 14 anni quando l'uomo, un collega Testimone di Geova, 18 anni, la bullizzò sempre di più e iniziò ad aggredirla sessualmente nel dicembre 2007. Sostiene di averla violentata più volte e di aver fornito ai dirigenti della sua congregazione una registrazione di un caso.

Ha cercato consulenza e cure mediche mentre si occupava di ansia, incubi e scarso rendimento a scuola, dicono i suoi avvocati. Notano che prima di presentare ricorso, la seconda corte distrettuale ha stabilito che non avrebbe "esitato" a inviare il caso a una giuria se riguardasse un contesto secolare.

"È un caso importante e difficile", ha detto il presidente della Corte Suprema Matthew Durrant al termine dell'udienza durata circa un'ora e mezza.

I giudici lunedì hanno disseminato gli avvocati di entrambe le parti con domande su dove dovrebbe essere tracciata una linea legale nelle rivendicazioni civili legate a questioni religiose. Entrambe le parti hanno convenuto che le accuse non rientrano in alcun reato penale.

Il giudice Paige Petersen ha detto che la risposta potrebbe essere una questione di gradi.

La semplice convocazione del processo del tribunale ecclesiastico potrebbe turbare una persona nella fede che sa che la condotta è vista come un peccato, ha osservato Petersen. Dall'altra parte dello spettro, ha detto, un gruppo può credere che debba fare tutto il necessario per scoprire cosa è successo, anche se il processo include la tortura.

"Come tracciamo le linee lì?" Petersen ha detto.

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha ritenuto che un'azione del governo viola il divieto del Primo Emendamento di stabilire una religione se favorisce un "intreccio eccessivo con la religione".

La Corte d'Appello dello Utah ha stabilito lo scorso anno che giudicare la rivendicazione legale della donna equivarrebbe a un coinvolgimento eccessivo perché "richiede un'indagine sull'adeguatezza della condotta della chiesa nell'applicare una pratica religiosa e quindi viola la clausola istitutiva del primo emendamento".

I suoi avvocati non sono d'accordo.

L'avvocato Robert Friedman ha affermato di non contestare che ci fossero ragioni religiose in gioco, "ma il motivo non può giustificare la condotta".

Inoltre, il caso non richiede che un tribunale interpreti gli insegnamenti religiosi o determini se le credenze religiose di qualcuno sono vere o false, il tipo di mosse proibite dal Primo Emendamento.

Oltre all'argomentazione sulla libertà di parola, gli avvocati degli anziani e della chiesa hanno sostenuto che la causa era priva di fatti a sostegno dell'affermazione. Hanno anche detto in precedenza che gli uomini avevano il dovere nella loro fede di indagare sulle accuse di peccato e l'adolescente avrebbe potuto lasciare l'incontro con i suoi genitori.

Il giudice Thomas Lee ha sollevato la questione se i fattori di discriminazione religiosa siano dovuti alla fede predominante dello Utah, la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni. Ha notato che una giuria potrebbe essere composta principalmente da membri di quella fede.

"Non pensi che ci sia una seria preoccupazione che quel corpo e quel gruppo stiano per esprimere un giudizio basato sulle loro convinzioni su cosa sia l'ortodossia religiosa e la ragionevolezza?" Ha chiesto Lee.

Friedman ha ribattuto di ritenere che questi problemi potrebbero essere risolti da un giudice, anche nel processo di selezione della giuria e nelle istruzioni fornite ai giurati prima che deliberino.
Non ho parole Achille: leggo Salt Lake City, Utah, e dico fra me e me: "Saranno i Mormoni! Ecco, anche loro travolti da scandali sessuali e da abusi durante i procedimenti giudiziari ... dopotutto fanno anche loro forme di controllo mentale, hanno forme di ostracizzazione verso i dissidenti, riempiono di regole ecc." Poi proseguo e leggo: "Testimoni di Geova". Ottimo, e poi faranno altre parti dal podio dicendo che bisogna metter mano al portafogli per contribuire, non dicendo che una fetta consistente andrà a pagare spese legali di tali porcherie... Non ho parole! Solo nausea!
Avatar utente
Achille
Amministratore
Messaggi: 15770
Iscritto il: 10/06/2009, 17:22
Skype: pelide55
Facebook: https://www.facebook.com/#!/achille.lorenzi
Contatta:

Messaggio da Achille »

Altro articolo sul caso: https://www.dailymail.co.uk/news/articl ... hours.html" onclick="window.open(this.href);return false;

Trad. automatica:

I dirigenti di una chiesa dei Testimoni di Geova 'hanno fatto ascoltare a una ragazza di 15 anni un'audiocassetta del suo stesso stupro per quattro ore per farle ammettere che era consensuale', sente la Corte suprema dello Utah

Lunedì la Corte Suprema dello Utah ha ascoltato le discussioni in un caso in cui una donna afferma che i leader dei Testimoni di Geova l'hanno costretta ad ascoltare l'audio del suo stesso stupro.
Afferma di essere stata violentata da un 18enne Testimone di Geova quando lei aveva 14 anni e lui ha registrato uno degli attacchi nel dicembre 2007
Ha affermato che i leader della chiesa hanno riprodotto la registrazione per più di quattro ore nel 2008 per farle confessare di essersi impegnata volontariamente in rapporti sessuali al di fuori del matrimonio.
Nel 2016 ha fatto causa a quattro anziani della congregazione e dell'organizzazione nazionale dei Testimoni di Geova per aver inflitto intenzionalmente gravi sofferenze emotive.
Il tribunale di grado inferiore ha stabilito che in base al Primo Emendamento la chiesa era al riparo da ogni responsabilità, portandola ad appellarsi al caso.

Una ragazza di 15 anni sarebbe stata costretta ad ascoltare la registrazione di un uomo che la violentava per quattro ore da capi di sesso maschile di una congregazione dei Testimoni di Geova per farle ammettere che l'incontro era consensuale, ha sentito la Corte Suprema dello Utah questa settimana.

Lunedì la corte ha ascoltato gli argomenti in una causa in cui una donna ha citato in giudizio quattro anziani della Sala del Regno dei Testimoni di Geova a Roy, Utah, l'organizzazione nazionale della religione e la Watchtower Bible and Tract Society nel 2016 per averle inflitto intenzionalmente un grave disagio emotivo.

La donna afferma di avere 14 anni quando un maschio di 18 anni, anch'egli Testimone di Geova, l'ha vittima di bullismo e ha iniziato ad aggredirla sessualmente nel dicembre 2007.

Dice che l'ha violentata diverse volte e ha fornito ai dirigenti della sua congregazione una registrazione di una di quelle aggressioni.

Ha affermato che i leader della chiesa hanno riprodotto la registrazione in modo intermittente nel corso di almeno quattro ore nel 2008 per cercare di estrarre una confessione che si era impegnata volontariamente in rapporti sessuali al di fuori del matrimonio, dice il suo avvocato, secondo The Deseret News.

Lunedì la Corte Suprema dello Utah ha ascoltato le discussioni in un caso in cui una donna afferma di avere 15 anni quando i leader di una chiesa dei Testimoni di Geova le hanno fatto ascoltare una cassetta del suo stesso stupro. Il tribunale di The Scott M. Matheson a Salt Lake City, dove il caso è stato ascoltato sopra

La donna ha citato in giudizio quattro anziani della Sala del Regno dei Testimoni di Geova a Roy, Utah (sopra), l'organizzazione nazionale della religione e la Watchtower Bible and Tract Society nel 2016 per averle inflitto intenzionalmente un grave disagio emotivo.

Ha cercato consulenza e cure mediche dopo le aggressioni e soffriva di ansia, incubi e scarso rendimento a scuola, dicono i suoi avvocati.

Ha intentato per la prima volta la causa nel 2 ° tribunale distrettuale di Oden nel 2016, dove è stato stabilito che il Primo Emendamento, che garantisce le libertà di religione e di espressione, ha protetto la chiesa da responsabilità.

I suoi avvocati dicono che la questione è solo un argomento difficile perché si tratta di una comunità di fede.

Hanno notato che prima di presentare ricorso contro il suo caso, il tribunale del 2 ° distretto ha stabilito che "non avrebbe esitato a inviare il caso a una giuria se si riferisse a un contesto secolare".

L'alta corte dello stato deve ancora prendere una decisione.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
Messaggi: 15770
Iscritto il: 10/06/2009, 17:22
Skype: pelide55
Facebook: https://www.facebook.com/#!/achille.lorenzi
Contatta:

Messaggio da Achille »

Altro articolo in lingua spagnola: https://www.expreso.ec/actualidad/mundo ... 93473.html" onclick="window.open(this.href);return false;

Traduzione automatica:

I testimoni di Geova hanno fatto ascoltare a un'adolescente la registrazione del suo stupro per ore

Una causa dinanzi alla Corte Suprema dello Utah afferma che una congregazione di testimoni di Geova , in particolare gli anziani, ha costretto una ragazza di 15 anni ad ascoltare ripetutamente per ore una registrazione del suo stupro come parte di un'indagine religiosa.

Cosa cerca la Corte? Considera i dirigenti e la chiesa in generale responsabili di infliggere sofferenza emotiva. Ritenere la chiesa responsabile, hanno affermato, oltre a vari tribunali inferiori, violerebbe le libertà religiose del Primo Emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti , poiché implica la valutazione dell'adeguatezza della condotta religiosa.

Karra Porter , un avvocato che rappresenta la chiesa, ha sostenuto che c'era una differenza tra il governo che regolava i danni fisici e i fatti del caso, secondo Desert News. Tuttavia, un giudice non è d'accordo con quanto sopra.

"L'accusa qui è un equivalente mentale ed emotivo del sottomarino ",[? così traduce google] ha detto il giudice Deno Himonas. “Sono giudice da molto tempo e avvocato da molto tempo. Non ho mai visto nulla di simile in tribunale ", ha aggiunto.

Cosa dicono i difensori dell'altra parte? Sottolineano che trascurare di contestare le presunte azioni della chiesa costituirebbe un precedente che "scatenerebbe gli attori per danneggiare gli altri con il pretesto della libertà religiosa, una proposizione che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ripetutamente respinto più di un secolo ".
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
Messaggi: 15770
Iscritto il: 10/06/2009, 17:22
Skype: pelide55
Facebook: https://www.facebook.com/#!/achille.lorenzi
Contatta:

Messaggio da Achille »

In America le religioni possono fare praticamente quello che vogliono, appellandosi al Primo Emendamento. Vediamo cosa deciderà la corte.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Socrate69
Utente Master
Messaggi: 4417
Iscritto il: 18/12/2013, 16:44
Contatta:

Messaggio da Socrate69 »

La notizia è riportata in un grande settimanale popolare francese, "Paris-Match"
https://www.google.com/amp/s/amp.parism ... ol-1711963" onclick="window.open(this.href);return false;
Ogni religione si fonda sulla paura dei molti e sull’astuzia dei pochi - Stendhal

Presentazione
Avatar utente
Achille
Amministratore
Messaggi: 15770
Iscritto il: 10/06/2009, 17:22
Skype: pelide55
Facebook: https://www.facebook.com/#!/achille.lorenzi
Contatta:

La Corte Suprema dello Utah ha deciso di far riesaminare il caso.

Messaggio da Achille »

https://www.fox13now.com/news/local-new ... r-own-rape" onclick="window.open(this.href);return false;

Traduzione automatica:

SALT LAKE CITY — La Corte Suprema dello Utah ha rilanciato la causa di una donna secondo cui è stata costretta ad ascoltare una registrazione del suo stupro.

Ria Williams ha citato in giudizio la Sala del Regno dei Testimoni di Geova a Roy nel 2016. La sua causa ha affermato di essere stata vittima di uno stupro, ma gli anziani della chiesa l'hanno sottoposta a un'udienza disciplinare umiliante. FOX 13 in genere non nomina le vittime di aggressioni sessuali, ma Williams ha permesso che fosse usato il suo nome, ha detto il suo avvocato.
"Questa è un'altra opportunità per noi di sostenere che il caso di Ria dovrebbe essere approvato", ha detto Alex Zalkin, uno degli avvocati di Williams, della sentenza della Corte Suprema dello Utah. "Dovrebbe essere autorizzata a portare avanti il suo caso."
Williams ha fatto causa, sostenendo che all'età di 14 anni è stata aggredita sessualmente da un altro membro della chiesa, ma è stata posta sotto inchiesta dagli anziani della chiesa.

"All'inizio dell'udienza, gli Anziani hanno interrogato la signora Williams per quarantacinque minuti riguardo alla sua condotta sessuale con l'altro congregato. E dopo questo interrogatorio, gli Anziani hanno riprodotto una registrazione audio dell'altro congregato che la violentava", Corte Suprema dello Utah Ha scritto il giudice supremo Matthew Durrant.
"Mentre gli Anziani ascoltavano la registrazione, la signora Williams 'piangeva e tremava fisicamente.' Nonostante il suo "pianto e le sue proteste per non costringerla a rivivere l'esperienza dello stupro", gli Anziani hanno riprodotto la registrazione per "quattro o cinque ore", fermandola e avviandola a un certo punto per chiedere alla signora Williams "cosa stava succedendo" e 'suggerendo che lei acconsentisse agli atti sessuali raffigurati.'"

Williams ha citato in giudizio per inflizione intenzionale di disagio emotivo. Tuttavia, ha scritto il giudice supremo Durrant, il tribunale distrettuale che ha ascoltato il caso ha respinto la sua causa perché non è stata in grado di districare la presunta condotta dall'ambiente religioso in cui si è svolta.

"Quindi, anche se le accuse nella denuncia erano 'inquietanti' per il tribunale, ha stabilito che la clausola istitutiva vietava al tribunale di giudicare il reclamo", ha scritto.

Una corte d'appello ha confermato l'archiviazione della causa, dichiarando che consentire al caso di Williams di essere discusso avrebbe fatto sì che i tribunali "incostituzionalmente si iniettassero in questioni ecclesiastiche sostanziali" con la supervisione giudiziaria di "attività innegabilmente religiosa".

Ma la Corte Suprema dello Utah ha affermato che le affermazioni della donna meritano di essere riconsiderate alla luce di una recente sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti sulla clausola dell'establishment, che si occupa di favorire una religione rispetto a un'altra. I giudici hanno rimandato la causa di Williams per un riesame da parte di un giudice di Ogden.
"Accogliamo con favore l'opportunità di affrontare la richiesta della Corte Suprema dello Utah di ricercare l'impatto delle recenti decisioni della Corte Suprema degli Stati Uniti sulle accuse del querelante in questo caso. Come sempre, le congregazioni dei Testimoni di Geova rimangono impegnate ad assistere le persone colpite da abusi e ad educare i genitori in modo che possano proteggere i loro figli dal crimine efferato e dal peccato di abuso", ha detto la filiale statunitense dei Testimoni di Geova in una dichiarazione a FOX 13.

L'impatto della sentenza della Corte Suprema dello Utah potrebbe non applicarsi solo a Williams.

"Ha certamente implicazioni più ampie sul modo in cui i tribunali considerano i tribunali religiosi in generale", ha detto Zalkin. "Non solo i testimoni di Geova, ma anche altre religioni".
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Testimone di Cristo
Veterano del Forum
Messaggi: 1414
Iscritto il: 12/12/2014, 13:30
Località: Caserta
Contatta:

Messaggio da Testimone di Cristo »

Una ragazza di 15 anni sarebbe stata costretta ad ascoltare la registrazione di un uomo che la violentava per quattro ore da capi di sesso maschile di una congregazione dei Testimoni di Geova per farle ammettere che l'incontro era consensuale, ha sentito la Corte Suprema dello Utah questa settimana.
Ciao ragazzi
Certo che è da voltastomaco, leggere questa condotta aberrante, di persone che agiscono in questo modo; davvero indignante;
indignante come la risposta di un tdG di seguito .

Circa l'inchiesta Australiana, un utente , online ha chiesto ad un tdG:
Se domani, in predicazione, qualcuno vi chiede informazioni riguardo a quello che è successo in Australia(anche in Inghilterra e in altre parti del mondo)

La risposta del tdG:

Ti illudi. La probabilità di un simile evento è prossima allo 0% e infatti non è mai capitato, nè a me nè a nessuno di mia conoscenza, da 6 anni (2015, conclusione dei lavori) in qua. L'opinione pubblica ignora completamente questo evento statisticamente insignificante, non meno di quanto ignori che l'associazione dei boy scout o i fatebenefratelli siano stati chiamati in causa anch'essi dalla Commissione Australiana. In secondo luogo, quand'anche qualcuno - chissà come - ne fosse a conoscenza, è verosimile che il suo interesse nei fatti di cui parli (cioè che in sessant'anni in Australia, fra centinaia di migliaia di testimoni di Geova, "vi sarebbero stati" - occhio alle virgolette - un migliaio di casi di pedofilia) sia nullo. La gente che incontri per le strade o le case di Milano, Roma, Napoli o Palermo è preoccupata da ben altro, la disoccupazione, l'avvenire dei figli, il costo della vita, l'efficacia delle cure antitumorali, il ritorno alla normalità dopo la tragedia del Covid 19, per farti qualche esempio, dell' "Australian gate" non gliene può ffregà dde meno.

Terzo e più importante aspetto, se anche mi trovassi di fronte in predicazione un marziano che fosse a conoscenza del caso Australiano, probabilità zero per cento, volesse parlarne, zero per mille, e con l'intenzione di montarci su una polemica, zero per milione, girerei immediatamente i tacchi in quanto vado a predicare per condividere un messaggio di speranza e non certo per perdere tempo in dibattiti da tre soldi su un pianerottolo (o in un parco pubblico).


Vi rendete conto dove arriva la ragione di costui ?
Dice di girare i tacchi... e di andare a predicare un messaggio di speranza.., mentre minimizza "dicendo che un migliaio di casi di pedofilia solo in Australia , è come un nulla; è un evento statisticamente insignificante
Allucinante davvero :triste:
Saluti
p.s. Se la moderazione chiede la fonte del commento, posso inserirla
Presentazione
Quanto ci Ama Gesù, Egli Donò la Sua Vita per noi
Luca 23,34 Gesù diceva: «Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno».

1 Giovanni 4,8 Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore.
Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite