Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

"Non c'è stato alcun rimprovero, non è cambiato nulla"

Segnalazioni di giornali, riviste, trasmissioni radio-televisive che riguardino i TdG

Moderatore: Cogitabonda

"Non c'è stato alcun rimprovero, non è cambiato nulla"

Messaggiodi Achille » 08/09/2021, 9:53

"Non c'è stato alcun rimprovero, non è cambiato nulla": i sopravvissuti criticano gli anziani dei Testimoni di Geova per non aver agito per le accuse di abusi sessuali su minori

La chiesa dei Testimoni di Geova afferma che i suoi anziani "si sforzano di rispettare le leggi secolari sulla denuncia delle accuse di abuso" - ma i sopravvissuti affermano che ciò non si traduce necessariamente nell'aiutare le autorità.

Jason Farrell

"Non mi piace il modo in cui mi tocca."

È così che Emily ha descritto il suo abuso agli anziani nella Sala del Regno dei Testimoni di Geova che ha frequentato a Loughborough.

Emily (non è il suo vero nome) aveva otto anni e l'uomo che lei accusava era un servitore di ministero sulla sessantina.

Quello che seguì fu una serie di fallimenti che gli permisero di continuare ad abusare dei bambini per gli anni a venire.

Sky News ha parlato con diverse vittime di abusi che affermano che esiste una cultura all'interno dei Testimoni di Geova che delude coloro che cercano aiuto e mette a rischio gli altri.

I problemi includono la mancata segnalazione delle accuse alla polizia e un sistema che richiede alti livelli di prove da parte della vittima, ma consente anche a un abusante pentito di rimanere all'interno della congregazione, a volte senza che agli altri membri venga detto ciò che hanno fatto.

Emily è stata abusata sessualmente dall'età di quattro anni, ma quando ha denunciato il crimine agli anziani nel 1990, non hanno chiamato la polizia e le hanno detto che si era inventata tutto.

Ha detto a Sky News: "C'era una frase che hanno usato molto che è 'i bugiardi non erediteranno il regno di Dio', che sostanzialmente dice che morirai ad Armageddon, perché sei un bugiardo".

Un sopravvissuto ha detto che sono stati trattati come bugiardi e che quindi sarebbero "morti ad Armageddon"
I testimoni di Geova hanno un'immagine gentile di persone che si presentano sulla soglia di casa per diffondere la parola di Dio. Credono che solo le persone della loro fede saranno salvate dall'imminente Armageddon. C'è una sfiducia nei confronti dei non credenti ed è uno dei motivi per cui le accuse gravi come gli abusi sui minori spesso non vengono portate alla polizia, ma invece gestite internamente.

Emily ha detto che nel suo caso gli anziani - quelli incaricati di governare e disciplinare la congregazione - hanno tenuto quello che viene chiamato un comitato giudiziario.

Ha aggiunto: "A mia insaputa, l'ha ammesso con loro.

"E poi, hanno continuato a dirmi che l'avevo capito male, e hanno continuato a dirmi che avevo sbagliato, e che ero quasi come questa persona pazza che aveva inventato questa cosa disgustosa.

"Non c'è stato alcun tipo di rimprovero per lui. Non è cambiato nulla.

"In realtà mi hanno rimproverato di non essermi seduto sulle sue ginocchia, di non avergli parlato, di non essere stato gentile con lui, di non averlo rispettato".

Clicca per vedere l'immagine a dimensioni originali
La lettera che Peter Stewart ha scritto alla madre di 'Amelia' e 'Rachel', scusandosi per aver abusato di 'Amelia'.

Peter Stewart ha scritto alla madre di Amelia e Rachel, scusandosi per aver abusato di Amelia
L'aggressore, Peter Stewart, è stato risparmiato di essere espulso dalla chiesa perché si è pentito e ha insistito con gli anziani che non c'erano altre vittime. In effetti, c'erano almeno altre quattro, comprese due sorelle, che stavano subendo abusi più o meno nello stesso periodo.

Per la prima volta, anche quelle sorelle raccontano l'accaduto.

Amelia, che ancora una volta non sta dando il suo vero nome, non avrebbe scoperto fino a quando non fosse diventata adulta che l'uomo che aveva abusato sessualmente di lei e di sua sorella da bambini aveva ammesso un altro reato e gli era stato permesso di mantenere la sua posizione nell'organizzazione.

Ha detto a Sky News: "Ha promesso loro che non stava abusando di altri bambini in quel momento, né lo era stato. E poiché gli credevano, gli è stato permesso di continuare nella congregazione e il mio abuso e l'abuso di mia sorella è stato permesso continuare."

La sorella maggiore Rachel, il cui nome è cambiato anche lei per proteggere la sua identità, ha aggiunto: "Sapendo che tutto avrebbe potuto finire, che potrebbe non essere accaduto, che tutto sarebbe potuto sparire, se avessero preso nota di quel bambino che ha ammesso . Avrei potuto avere qualche anno da bambino."

Amelia non ha denunciato il suo abuso fino a dopo che Stewart è andato in prigione per aver abusato di altri due bambini. Quando è uscito di prigione, ha rivelato la sua esperienza agli anziani nel tentativo di impedirgli di unirsi di nuovo alla congregazione.

Ha detto: "Stavo supplicando gli anziani dicendo: 'Guardate, non potete semplicemente impedirgli di partecipare alle nostre riunioni?' Non mi avrebbero ascoltato.

"Hanno deciso che non mi credevano perché non avevo un secondo testimone credibile".

Nella guida usata dagli anziani per affrontare questioni serie come gli abusi sui minori una sezione recita: "TESTIMONIO OCULARE - Ci devono essere due o tre testimoni oculari, non solo persone che ripetono per sentito dire - nessuna azione può essere intrapresa se c'è un solo testimone. "

Incredibilmente, Amelia non è stata presa sul serio nonostante la precedente condanna, il fatto che la chiesa fosse a conoscenza di un'altra accusa e una lettera scritta da Stewart dal carcere alla madre di Amelia che confessava il crimine e si definiva "un pervertito".

Stewart è morto prima che fosse intentato un procedimento penale contro di lui, ma Amelia ha citato con successo la chiesa dei Testimoni di Geova per violazione del dovere nel primo caso civile di successo del suo genere.

Ma questo non è un caso isolato.

Ci sono 8,6 milioni di membri dei Testimoni di Geova in tutto il mondo e 130.000 in Inghilterra e Galles, con un grande campus di uffici centrali a Chelmsford, nell'Essex.

Gli attivisti che sono critici della chiesa affermano che esiste un database di accuse di abusi sessuali su minori fatte contro le persone nell'organizzazione, che è conservato presso la sede centrale a Chelmsford.

Lloyd Evans, che è un ex anziano della chiesa, ma ha lasciato in parte a causa del modo in cui vengono gestiti gli abusi sui minori, ha detto a Sky News: "È nei loro documenti, nel loro libro dei pastori che raccolgono queste informazioni.

"Ed è in altri documenti che queste informazioni vengono ricevute in filiale e trasformate in un database.

"Per me è incredibile che la polizia non abbia già cercato di ottenere quei documenti da Chelmsford".

La guida dice infatti agli anziani che se l'illecito "non è stato accertato... gli anziani che indagano dovrebbero comporre un verbale, firmarlo, metterlo in una busta sigillata e consegnarlo al segretario per essere inserito nel file riservato della congregazione".

Evans ha aggiunto: "Se si trattasse di una palestra in franchising, o di una scuola pubblica, e registrassero gli insegnanti o gli istruttori di palestra su questi individui che sono predatori e non li passano alla polizia, queste istituzioni sarebbero su tutte le nostre prime pagine. Quando è una religione a farlo, per qualche motivo tutti li trattano con i guanti di lana".

Nel 2016, gli investigatori della Royal Commission australiana hanno ottenuto file che i Testimoni di Geova conservavano sulle accuse di abusi sui minori lì, risalenti a decenni fa.

Hanno trovato casi di 1.006 presunti abusi sessuali su minori - nessuno era stato segnalato alla polizia.

Nel 2016, gli investigatori della Royal Commission australiana hanno trovato casi di 1.006 presunti abusatori sessuali su minori nei fascicoli dei Testimoni di Geova.

La guida non scoraggia le persone dall'andare alla polizia, ma non c'è nemmeno un incoraggiamento attivo a farlo. Questo punto è stato sollevato di recente all'inchiesta indipendente sugli abusi sessuali su minori (IICSA), in cui un portavoce della chiesa è stato sfidato sul motivo per cui gli anziani non ricevono indicazioni da agenzie esterne sulla gestione degli abusi sui minori.

Il portavoce Paul Gillies ha risposto: "Hanno ricevuto il manuale Shepherding The Flock Of God che viene dato agli anziani.

"Avrebbero passato questo, il che sta dando loro istruzioni specifiche su come gestire tali questioni. Quindi, formiamo i nostri anziani secondo le nostre linee guida e i nostri modi di gestire le accuse di abusi sui minori".

È stato sottolineato dall'avvocato d'inchiesta Fiona Scolding QC che nella dichiarazione degli anziani si afferma: "Se c'è un'intrusione, un furto, un incendio doloso o altri episodi di vandalismo, che dovrebbero essere prontamente segnalati alle autorità locali".

Eppure non sembrava esserci la stessa istruzione per quanto riguarda gli abusi sui minori.

Il sig. Gillies ha risposto facendo riferimento alla rivista Watchtower della chiesa del maggio 2019, dicendo: "Gli anziani rispettano le leggi secolari sulla denuncia di abusi sui minori alle autorità secolari? La risposta è sì. Nei luoghi in cui esistono tali leggi, gli anziani si sforzano di rispettare le leggi secolari sulla segnalazione di accuse di abuso".

Ma questo non si traduce necessariamente nell'aiutare le autorità, secondo un'altra vittima con cui Sky News ha parlato.

Lacie Jones è stata abusata dall'età di 10 anni da un anziano della Chiesa dei Testimoni di Geova. Ha rinunciato al suo diritto all'anonimato per raccontare la sua storia.

Quando è stato confrontato nel 2019, l'aggressore, Clifford Whiteley, sulla settantina, ha ammesso alcuni degli abusi agli anziani del ramo della chiesa delle Midlands occidentali.

Lacie ha detto: "La prima cosa che hanno detto è stata 'è un tuo diritto assoluto, è un tuo diritto assoluto andare alla polizia'... Tuttavia, quello che non ti dicono è che non coopereranno".

Ha detto che gli anziani non avrebbero consegnato le prove della confessione.

"(Era) perché Cliff aveva detto loro in confidenza, ma anche per poter parlare con la polizia, avrebbero dovuto dimettersi dalla loro posizione di anziani", ha detto.

"Quindi ho aspettato che almeno uno dicesse 'quindi mi dimetto e quant'altro...'. Niente, silenzio. Non mi guardavano. Guardavano il pavimento. Guardavano il soffitto. E io ho solo detto "ma è un pedofilo". E ancora, senza guardarmi, hanno detto solo "sì, lo sappiamo".

Condannato Whiteley a nove anni di carcere nell'aprile 2020, il giudice Paul Farrer QC gli ha detto: "Hai usato la tua religione per convincere la tua vittima che era complice delle tue azioni illecite e in questo modo hai cercato di metterla a tacere e, purtroppo, ci sei riuscito per molti anni. ."

Ma le vittime con cui abbiamo parlato vanno oltre, dicendo che questo fa parte di un problema più profondo.

Tra la congregazione c'è il rischio percepito di essere evitato o addirittura espulso dalla chiesa se qualcuno si rivolge alla polizia o ad altre agenzie esterne con un problema, il che significa che le vittime hanno troppa paura di farsi avanti.

I sistemi interni dell'organizzazione semplicemente non fanno abbastanza per proteggere i bambini, mentre generano sfiducia nelle autorità esterne. Questo crea l'ambiente perfetto per operare un molestatore sessuale.

Uno degli ultimi videomessaggi online di un membro anziano della chiesa sembrava rafforzare questo punto.

David Splane, un membro dell'organo di governo dei Testimoni di Geova negli Stati Uniti, ha avvertito i seguaci non solo di non credere alle parole delle persone che non seguono la fede, ma che quelle parole potrebbero essere dannose.

Ha detto ai seguaci: "Se sono parole di apostati, (non credenti) perché dovremmo crederci?

"Considerala in questo modo: hai una bottiglia sullo scaffale contrassegnata con 'veleno': devi aprirla e bere un sorso per vedere se è davvero veleno? Credi a ciò che dice l'etichetta".

È andato oltre, mettendo in guardia dal credere alle notizie e dicendo ai follower di essere scettici sulle sentenze dei tribunali.

Ha detto: "Se qualcuno viene giudicato colpevole dagli uomini, non significa che sia colpevole agli occhi di Dio. Quindi fratelli, dobbiamo davvero pensare a queste cose.

“In questo paese e in altri casi giudiziari sono spesso gestiti da una giuria. Ora chi sono i giurati? Cittadini ordinari senza formazione legale, ma non solo, questi cittadini comuni non hanno sempre accesso a tutti i fatti, perché il giudice e avvocati decidono quali fatti saranno condivisi con la giuria.

"Quindi, è improbabile che l'intera verità venga mai fuori in tribunale. In realtà, nessuna delle parti probabilmente vuole che l'intera verità venga fuori in tribunale".

Emily, una delle vittime, ha detto: "Penso che i testimoni di Geova si mettano su un piedistallo.

"Chiano la loro religione la verità. Quando ci sei dentro, sei come una bolla. Non hai davvero alcuna interazione con il mondo esterno.

"E in realtà, le persone che non fanno parte di quella religione sono chiamate mondane e sei scoraggiato dall'avere a che fare con loro".

Ha aggiunto: "Puoi andare dalla polizia, ma sai, porterai biasimo su Geova, e in realtà, sai, alcuni membri della tua famiglia potrebbero essere arrabbiati con te e potrebbero non parlarti".

Un portavoce dei Testimoni di Geova ha affermato che i suggerimenti di un "copertura" sugli abusi sui minori erano "assolutamente falsi"
In una dichiarazione, i Testimoni di Geova hanno dichiarato: "Quando gli anziani vengono a sapere che qualcuno nella congregazione è accusato di abusi sessuali su minori, si adoperano immediatamente per garantire che la questione sia segnalata alle autorità secolari esterne come richiesto dalla legge o se sembra che un bambino può essere in pericolo di abuso...

"Gli anziani non proteggono un colpevole dalle conseguenze legali del suo peccato, non interferiscono con l'applicazione della legge e lasciano le questioni penali alle autorità secolari.

"Qualsiasi suggerimento che i Testimoni di Geova coprano gli abusi sui minori o in qualche modo scoraggino o disapprovino la segnalazione di accuse alle autorità secolari è assolutamente falso.

"Il requisito biblico di due testimoni è legato esclusivamente alla determinazione religiosa se l'accusato debba essere espulso dall'essere un testimone di Geova.

"Tutti i registri tenuti dai Testimoni di Geova in relazione alle accuse di abusi sui minori hanno lo scopo di proteggere i minori.

"Se un condannato per abusi sessuali su minori... viene successivamente reintegrato, vengono imposte restrizioni alle attività della congregazione dell'individuo. Inoltre, gli anziani possono informare i genitori di minori all'interno della congregazione della necessità di monitorare l'interazione dei loro figli con l'individuo".

L'inchiesta indipendente sugli abusi sui minori dovrebbe riferire i suoi risultati giovedì: se il gregge sarà incoraggiato a credere alle conclusioni e se i suoi anziani agiranno su di esse, è un'altra questione.

Traduzione automatica. Pagina originale: https://news.sky.com/story/there-was-no ... s-12396672
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15405
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Torna a Rassegna stampa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici