Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

I TdG e il voto

Segnalazioni di giornali, riviste, trasmissioni radio-televisive che riguardino i TdG

Moderatore: Cogitabonda

Messaggiodi Vincy » 18/06/2010, 11:47

NILO ha scritto:La religione, Gabriella, non deve infatti infiltrarsi nelle questioni private. Se ci sono anziani che si permettono di signoreggiare sulle nostre scelte o sui nostri gusti, non otterranno niente di buono. I TG sinceri e genuini sanno indirizzare al meglio la loro vita cercando di farsi guidare dai giusti principi che permettono di vivere in maniera moralmente corretta ma questo non esclude che si possa sbagliare e comunque non significa essere moralisti. Ogni volta il problema è lo stesso: si critica chi prende la direttiva, come se realmente fossimo soggetti alla volontà di un gruppo di uomini. Il fatto che regolarmente nella nostra organizzazione molti anziani vengano sollevati dall'incarico indica che chi ha intenzione di invadere la vita altrui e comandarla a proprio piacimento e non secondo quello che è lo spirito dell'amore cristiano ha vita breve.



C'è da dire che molti anziani agiscono sulla base delle direttive che ricevono dal CD tramite circolari, adunanze col sorv di circoscriz ecc. Spesso in queste istruzioni c'è un'infiltrazione in questioni private,però l'anziano saggio vorrà farlo con la massima discrezione e senza che la persona consigliata abbia l'impressione che si invadi il suo ambito privato, ma nella sostanza è ciò che si fa.
Confermo che a volte anziani troppo invasivi, diciamo, vengono rimossi.
Ma voglio far notare che molti altri si dimettono o vengono rimossi perché non vogliono essere così restrittivi come le direttive del CD richiederebbero, oppure notano che alcune dottrine non sono completamente o del tutto scritturali. Su quest'ultimo punto, non è possibile discuterne liberamente perché rischi di esser tacciato di inizio di apostasia, dato che dagli anni 80 è in corso una crociata a tutto spiano in tal senso. Si ricordi che secondo le istruzioni date ai sorveglianti viaggianti dell'epoca, e tuttora valide, per apostasia non si intende solo divulgare insegnamenti contrari al CD, ma anche parlarne, discuterne, e guarda guarda perfino PENSARE queste cose. Cioè se un tdg pensa o è convinto dentro di sè che certe dottrine andrebbero modificate, già è un apostata. E se per caso ne parla con qualcuno, e quindi arriva agli orecchi degli anziani che uno pensa cose definite apostate, gli anziani nelle diverse conversazioni chiederanno: A PARTE PARLARNE AD ALTRI, SEI CONVINTO DENTRO DI TE CHE LE COSE STANNO COME DICE IL CD E CHE NON DEVI PENSARE IN MODO APOSTATA?
Il timore di essere giudicati apostati non permette di fare un'analisi più apporfondita delle Scritture, sia per quando riguarda il testo greco che il senso dottrinale.
Anzi il ministero del Regno settembre 2007 indicava chiaramente che non è approvato radunarsi per esaminare a fondo in maniera indipendente le scritture, e nello studio personale si dovrebbero usare solo le pubblicaz della Watchtower per approfondire gli argomenti.
A parte le implicazioni legali sulla limitazione di libertà, chiaramente caro Nilo, non venirmi a dire che la paura dell'espulsione o di esser tacciato come apostata non condizioni il libero pensiero e studio, perché chiuderesti gli occhi alla realtà.
Piccola esperienza personale:
Quando ero ancora tdg e anziano, dato che DENTRO di me sapevo che il 1914 non ha né basi bibliche né storiche, quando trattavo questo argomento ufficialmente dal podio, mi permettevo di dire, per non andare troppo contro la mia coscienza e conoscenza biblica, qualcosa del tipo: L'intendimento attuale è questo, oppure qui la rivista torre di guardia cosa dice? oppure lo schiavo dice....
Ma non me la sentivo proprio di dire: La Bibbia dice che nel 1914 ecc ecc
Avendolo notato, un giorno uno di quei sorv viaggianti un po' più inquisitori mi parlò al riguardo e dispose che dopo la sua visita, il corpo degli anziani mi avrebbe dato da prepararmi un discorso pubblico basato sullo schema che parlava proprio dei 7 tempi, 607, 1914, e che avrebbero fatto attenzione che io almeno una volta affermassi: LA Bibbia dice che Gesù prese il potere del Regno nel 1914, o cose simili.
Quando gli altri anziani cercarono di attuare questa indicazione dissi loro che non me la sentivo per problemi di coscienza. Per loro non era un valido motivo e volevano che preparassi a tutti i costi quello schema.
Al che mi rivolsi a uno di loro e dissi (conoscendo i loro problemi): ok, però allora tu dovresti preparare uno schema che parla sulla famiglia e sui figli ecc.
Egli non volle perchè disse che la sua coscienza glielo impediva, in quanto aveva dei problemi in famiglia ed era noto alla comunità che i suoi figli marciavano male.
All'altro dissi: Tu dovresti preparare allora uno schema che parli dell'opera di predicazione e di come bisogna impegnarsi in essa. Anche lui disse di non sentirsi liberoi di parola e in coscienza non poteva parlare di qualcosa su cui egli era carente e non d'esempio.
Allora dissi, anch'io non me la sento in coscienza di preparare uno schema che parli sui 7 tempi, cronologia, 1914, ecc.
"La mente che rinuncia, una volta per tutte, ad una speranza inutile, riceve come ricompensa una serenità crescente." - Raymond Victor FRANZ.
Avatar utente
Vincy
Utente Junior
 
Messaggi: 309
Iscritto il: 09/11/2009, 3:10

Messaggiodi nelly24 » 18/06/2010, 11:50

NILO ha scritto:A parte che la traduzione è inguardabile, ma si capisce chiaramente che un articolo del genere è stato scritto per mettere sotto cattiva luce i TG. E' sufficiente leggere la frase: "Para ellos, la radio y la televisión son malos. Per loro, la radio e la televisione sono cattivi. Las mujeres no deben utilizar pantalones. Le donne non dovrebbero usare i pantaloni", per capire l'antifona. E' sempre la solita solfa...

In parole povere: tu dici che l´articolo é scritto in modo parziale.
Allora senti questa e dimmi cosa ne pensi.
Pochi mesi fa si é laureata (storia)la nipote di mia cognata. Come tesi di laurea aveva scelto il tema I tdg gurante la II. guerra mondiale, dove descriveva le sofferenze (innegabili!!!) dei tdg nei campi di concentramento. Il suo mentore al inizio le aveva respinto la tesi con il commento che doveva scrivere in un modo piú IMPARZIALE. Si, perché si era dimenticata di 6 milioni di Ebrei, zingari e altra gente morta nei campi.
Quando i miei amtatissimi parenti lo hanno saputo, si erano offesi tantissimo. Secondo loro il lavoro della ragazza era ottimo e non volevano sentire crtiche.
Devo precisare che tutte le vittime (tdg e non) del nazismo e altri regimi totalitari sono VITTIME e NESSUNO ha il diritto di privarli della vita!
«Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.»
C'è una forza motrice più forte del vapore, dell'elettricità e dell'energia atomica: la volontà.Albert Einstein
"Mi piacciono le persone che....no, niente. Mi piacciono gli animali"

Presentazione
Avatar utente
nelly24
Moderatore
 
Messaggi: 4589
Iscritto il: 11/12/2009, 20:53
Località: Slovenia

Messaggiodi Voyager65 » 18/06/2010, 11:58

nelly24 ha scritto:
NILO ha scritto:A parte che la traduzione è inguardabile, ma si capisce chiaramente che un articolo del genere è stato scritto per mettere sotto cattiva luce i TG. E' sufficiente leggere la frase: "Para ellos, la radio y la televisión son malos. Per loro, la radio e la televisione sono cattivi. Las mujeres no deben utilizar pantalones. Le donne non dovrebbero usare i pantaloni", per capire l'antifona. E' sempre la solita solfa...

In parole povere: tu dici che l´articolo é scritto in modo parziale.
Allora senti questa e dimmi cosa ne pensi.
Pochi mesi fa si é laureata (storia)la nipote di mia cognata. Come tesi di laurea aveva scelto il tema I tdg gurante la II. guerra mondiale, dove descriveva le sofferenze (innegabili!!!) dei tdg nei campi di concentramento. Il suo mentore al inizio le aveva respinto la tesi con il commento che doveva scrivere in un modo piú IMPARZIALE. Si, perché si era dimenticata di 6 milioni di Ebrei, zingari e altra gente morta nei campi.
Quando i miei amtatissimi parenti lo hanno saputo, si erano offesi tantissimo. Secondo loro il lavoro della ragazza era ottimo e non volevano sentire crtiche.
Devo precisare che tutte le vittime (tdg e non) del nazismo e altri regimi totalitari sono VITTIME e NESSUNO ha il diritto di privarli della vita!

Se era imparziale avrebbe dovuto parlare anche della "Dichiarazione d'intenti" nella quale arrivarono pure a dire "condividiamo e sosteniamo i nobili ideali del nazionalsocialismo" e dei vari tentativi da parte dei vertici geovisti di ingraziarsi il regime, non lesinando a tale scopo anche gli attacchi agli ebrei accusandoli di essere i padroni della finanza internazionale e di New York.
Se la sapienza di questo mondo è stoltezza presso Dio, l'ignoranza lo è ancora di più!
Avatar utente
Voyager65
Utente Senior
 
Messaggi: 854
Iscritto il: 28/08/2009, 11:09

Messaggiodi Achille » 18/06/2010, 12:29

Achille Lorenzi ha scritto:Articolo in lingua spagnola tradotto automaticamente:

http://translate.google.it/translate?u= ... =&ie=UTF-8
Nell'articolo si legge:

"Come cittadini [i TdG] hanno il diritto di votare ed essere votati, ma ognuno esercita tale diritto come meglio crede, e noi non possiamo costringerli a cambiare idea," ha detto.

Qundi i TdG sono, dal punto di vista della legge civile, liberi di non andare a votare.
Il problema è che se un TdG decide di andare a votare e di esercitare il suo diritto/dovere di cittadino, espimendo una preferenza politica, se la cosa viene risaputa, ne subirà delle conseguenze "giudiziarie" nella congregazione.
Non esiste nemmeno sotto questo aspetto vera libertà di coscienza fra i TdG.
Si veda http://www.infotdgeova.it/votare.php

Achille
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15159
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Ulisse_57 » 18/06/2010, 14:24

NILO ha scritto:La religione, Gabriella, non deve infatti infiltrarsi nelle questioni private. Se ci sono anziani che si permettono di signoreggiare sulle nostre scelte o sui nostri gusti, non otterranno niente di buono. I TG sinceri e genuini sanno indirizzare al meglio la loro vita cercando di farsi guidare dai giusti principi che permettono di vivere in maniera moralmente corretta ma questo non esclude che si possa sbagliare e comunque non significa essere moralisti. Ogni volta il problema è lo stesso: si critica chi prende la direttiva, come se realmente fossimo soggetti alla volontà di un gruppo di uomini. Il fatto che regolarmente nella nostra organizzazione molti anziani vengano sollevati dall'incarico indica che chi ha intenzione di invadere la vita altrui e comandarla a proprio piacimento e non secondo quello che è lo spirito dell'amore cristiano ha vita breve.


Il problema caro NILO è proprio questo: l'eccessiva infiltrazione nella vita privata. Dove esistono corpi di anziani di mente aperta questo aspetto viene mitigato, ma ci sono certe situazioni che non possono essere cambiate. Ti faccio un esempio: Può un fratello di fede in Italia portare una barba o un pizzetto, ben curati si intende? La risposta è NO! Ovviamente uno può decidere ugualmente di farsi crescere la barba, ma non potrebbe avere nessun incarico ne tantomeno essere nominato anziano o servitore di ministero e se lo fosse verrebbe rimosso dalla nomina perchè considerato un fratello "non esemplare". Dove poi il corpo degli anziani non è proprio di mente aperta, questo fratello rischierebbe l'isolamento in quanto considerato una cattiva compagnia.
Tutto questo perchè una rivista degli anni "60", se ho tempo di fare ricerche la citerò, equiparava un certo tipo di abbigliamento, barba compresa, come indice di appartenenza a gruppi di una certa tendenza politica.
Più volte, il sottoscritto ha provato a ragionare con diversi anziani e sorveglianti facendo notare loro che nelgli anni 2000 una presa di posizione come quella descritta sopra non aveva più senzo, anzi oggi come oggi una barba o un pizzetto ben curato sono nella comunità in cui vivo considerati indice di persona seria e rispettabile. Il senso della risposta e sempre lstato lo stesso: "fino che non comparirà scritto sulle pubblicazioni dalla società che una barba o un pizzetto possono essere portati dai fratelli dobbiamo attenerci alle direttiva attuali."
Ti confesso non è facile essere di mente aperta, tolleranti nell'organizzazione. Tu dici: "regolarmente nella nostra organizzazione molti anziani vengano sollevati dall'incarico indica che chi ha intenzione di invadere la vita altrui e comandarla a proprio piacimento e non secondo quello che è lo spirito dell'amore cristiano ha vita breve." Non so dove vivi ma la realtà è ben diversa! Oggi un nominato,prorpio per la mancanza di uomini disposti ad assumeri tale incarichi difficilmente viene sollevato dall'incarico, deve averla combinata proprio grossa! E aggiungo per esperienza: chi alla fine viene rimosso diciamo per grave carenza nell'applicazione delle direttive dell'organizzazione nella maggioranza dei casi non è quello che ha intenzione di invadera la vita altrui, ma accade il contrario.
Un saluto.
Ulisse_57
Nuovo Utente
 
Messaggi: 25
Iscritto il: 20/12/2009, 19:44

Messaggiodi Vincy » 18/06/2010, 14:30

Achille Lorenzi ha scritto:
Achille Lorenzi ha scritto:Articolo in lingua spagnola tradotto automaticamente:

http://translate.google.it/translate?u= ... =&ie=UTF-8" target="_blank
Nell'articolo si legge:

"Come cittadini [i TdG] hanno il diritto di votare ed essere votati, ma ognuno esercita tale diritto come meglio crede, e noi non possiamo costringerli a cambiare idea," ha detto.

Qundi i TdG sono, dal punto di vista della legge civile, liberi di non andare a votare.
Il problema è che se un TdG decide di andare a votare e di esercitare il suo diritto/dovere di cittadino, espimendo una preferenza politica, se la cosa viene risaputa, ne subirà delle conseguenze "giudiziarie" nella congregazione.
Non esiste nemmeno sotto questo aspetto vera libertà di coscienza fra i TdG.
Si veda http://www.infotdgeova.it/votare.php" target="_blank

Achille



Infatti, questa azione dell'esercizio del voto da parte di un tdg viene preso in questo modo:
Sostenendo il sistema politico e i regni di questo mondo egli dimostra con la sua azione di essersi dissociato dalla congregazione dei tdg.
La stessa cosa avverrebbe se un tdg comincia a frequentare altre confessioni religiose anche solo per andare a sentire cosa viene insegnato.
"La mente che rinuncia, una volta per tutte, ad una speranza inutile, riceve come ricompensa una serenità crescente." - Raymond Victor FRANZ.
Avatar utente
Vincy
Utente Junior
 
Messaggi: 309
Iscritto il: 09/11/2009, 3:10

Messaggiodi vitale » 18/06/2010, 16:03

NILO ha scritto:.. . Ma far passare la nostra organizzazione come un condizionamento mentale è un offesa all'intelligenza di milioni di persone.


Riguardo al cosiddetto condizionamento mentale, fai uno studio approffondito (non lettura di cosa sia o cosa serve) della PNL e poi ne riparliamo.

:ciao:
La famiglia, i figli, la religione, la politica, non hanno più spina dorsale
Presentazione
vitale
Utente Master
 
Messaggi: 4060
Iscritto il: 30/08/2009, 10:19

Precedente

Torna a Rassegna stampa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici