Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Before Herzl, There Was Pastor Russell: A Neglected Chapter of Zionism

Segnalazioni di pagine web che abbiano attinenza con i TdG e con le scienze bibliche.

Moderatore: Achille

Before Herzl, There Was Pastor Russell: A Neglected Chapter of Zionism

Messaggiodi anima » 23/09/2019, 13:43

Years before Theodor Herzl proposed creating a Jewish state, Charles Taze Russell was traveling the world holding Jewish Mass Meetings, beginning in 1879, at which he urged Jews to find a national home in Eretz Israel



Immagine


https://www.haaretz.com/jewish/.premium ... -1.6409303
Immagine


La vita non è né brutta né bella, ma è originale! (Italo Svevo)
La vita


Presentazione
Avatar utente
anima
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4981
Iscritto il: 14/02/2013, 16:32

Messaggiodi Mario70 » 23/09/2019, 16:31

Insomma l'unica profezia che Russell ha azzeccato è stata dimenticata e oscurata dai tdg stessi, visto che poi Rutherford ha cambiato intendimento e per ingraziarsi Hitler non solo ha rivoltato completamente quello che diceva Russell sugli Ebrei, ma li ha anche screditati con la famosa risoluzione dei fatti.

Riporto la traduzione automatica del giornale in questione perché dice cose molto interessanti:

"Ci sono ora nel mondo più di dieci milioni di ebrei, circa tre quarti dei quali si trovano in Russia, Polonia, Stati balcanici e Turchia. Se il movimento verso la Palestina dovrebbe ricevere l'impulso che il comitato Hirsch è in grado di dare, una persona fantasiosa può concepire il raddoppio o il triplicarsi della popolazione ebraica del paese prima della fine del nostro secolo" - Torre di Guardia di Sion 1892, 1 novembre 1892, p.329.

Il presciente pastore predisse un massiccio esodo di ebrei dalla Russia e dall'Europa dell'Est. Come egli aveva previsto, nel 1924 più di 3 milioni di ebrei erano emigrati dalla Russia e dall'Europa dell'Est. Russell stesso non visse abbastanza a lungo per vedere la sua profezia resa manifesta, morendo nel 1916.

L'eredità di Russell come sionista entusiasta e non proselitismo è stata riconosciuta nientemeno che dal primo ministro in carica di Israele, Benjamin Netanyahu, che ha detto: "Un riconoscimento del ruolo importante del pastore Russell come primo difensore cristiano americano del sionismo è atteso da tempo. Il defunto Jeane Kirkpatrick, ex ambasciatore degli Stati Uniti all'ONU, ha definito Russell un "uomo dimenticato e un ruolo importante della storia del sionismo".

Primo sostenitore del sionismo

Il 18 agosto 1891, a Gerusalemme, Russell scrive ai filantropi Barone Maurice de Hirsch e Barone Edmond de Rothschild, o, come egli stesso afferma, "i due ebrei più importanti del mondo". Nemmeno loro hanno proposto un piano pratico per il sionismo.

Si trattava di acquistare dall'impoverito Impero Ottomano tutte le terre di proprietà del governo in Palestina, cioè le terre non possedute da privati. Anni dopo Herzl avrebbe fatto proposte simili.  (Una copia della lettera è pubblicata in "Zion's Watchtower and Herald of Christ's Presence", dicembre 1891, pp. 170-171.).

"Come vedrete dai miei libri, troviamo la testimonianza dei profeti che la vostra nazione sarà molto benedetta e tornerà al favore divino entro l'anno 1915 d.C.", scrisse Russell. Le persecuzioni che gli ebrei stavano subendo in Russia erano "un segno di favore divino piuttosto che il contrario", ha suggerito il pastore - e sarebbe solo peggiorare perché lo scopo del Signore era di scacciare gli ebrei "da tutte le terre dove li ha dispersi".

Dove? In Palestina, come apparentemente indicato dal profeta (Geremia 32:37-44; 33:6-22), ha spiegato Russell. Non possedendo un centimetro di quella terra, non aveva alcun interesse personale, elaborò il pastore, e continuò: "Il mio suggerimento è che gli ebrei ricchi acquistano dalla Turchia, ad una giusta valutazione, tutti i suoi interessi di proprietà in queste terre: tra l'altro, tutte le terre del Governo (terre non detenute da proprietari privati), con la disposizione che Siria e Palestina saranno costituite uno STATO LIBERO....".

Nella sua lettera, Russell si sofferma delicatamente su idee alternative di "patria ebraica", propagandate all'epoca in luoghi diversi da Israele, anche se il barone de Hirsch è stato effettivamente coinvolto nel reinsediamento degli ebrei altrove: "Ma vi prego di notare, mio caro signore, che le sacre Scritture prevedono il ritorno in Palestina, e non un ulteriore vagare fino ai confini della terra, in America o altrove. E, quindi, è mia umile opinione che Israele non troverà riposo per la pianta del piede finché non troverà la terra delle promesse; e vi prego, quindi, di non sprecare i vostri sforzi nell'assistere l'emigrazione altrove, ma di concentrarli nella direzione in cui Dio ha indicato il successo.....".
Alleanze separate

Perché un devoto ministro cristiano dovrebbe investire così tanto nel sostenere l'idea di una patria nazionale per gli ebrei? 

Il 26 maggio 1911, Jacob De Haas, redattore dell'Avvocato ebreo di Boston e confidente personale di Herzl, pubblicò un articolo dell'Avvocato ebreo che elogiava Russell come un " filosemita" senza alcun desiderio di convertire gli ebrei.

Ma la questione della motivazione di Russell non porta necessariamente al filosemitismo: va piuttosto alle profezie di restaurazione consegnate all'antico Israele dai profeti nella Bibbia (Geremia 30:18; 31-8-10; Amos 9:14,15; Romani 22:25,26).

"E io porterò di nuovo la prigionia del mio popolo d'Israele, ed essi edificheranno le città dai rifiuti e li abiteranno, pianteranno vigneti e ne berranno il vino; faranno anche i giardini e ne mangeranno i frutti" - Amos 9:14, per esempio

Russell era fiducioso che questi versi sarebbero stati realizzati e che Dio avrebbe restituito gli ebrei alla Palestina. Nel novembre 1892 scrisse nella Torre di Guardia di Sion: "Ci sono ora nel mondo più di dieci milioni di ebrei, circa tre quarti dei quali si trovano in Russia, Polonia, Stati balcanici e Turchia. Se il movimento verso la Palestina dovrebbe ricevere l'impulso che il comitato Hirsch è in grado di dare, una persona fantasiosa può concepire il raddoppio o il triplicarsi della popolazione ebraica del paese prima della fine del nostro secolo, e di avere una popolazione ebraica più numerosa a cinquant'anni di quella che aveva nell'antichità, quando il suo censimento arrivò a tre milioni. Se il restauro dovesse essere completato, tutti acclamino alla Nuova Gerusalemme". 

Egli credeva anche che Dio avesse un'alleanza separata con gli ebrei e un'alleanza diversa con i cristiani, come si legge nella Torre di Guardia, nel gennaio 1909, pagina 28: "Più indaghiamo da vicino la Nuova Alleanza, più dobbiamo essere convinti di questo fatto - che appartiene solo ad Israele". 
«È vero, in tempi passati vi sono stati alcuni che hanno predetto la "fine del mondo", annunciando perfino una data specifica. Alcuni hanno raccolto intorno a sé gruppi di persone ... aspettando la fine. Tuttavia non è accaduto nulla. La "fine" non è venuta. Si sono resi colpevoli di falsa profezia» (Svegliatevi!, 22/4/1969, p. 23).
Presentazione
Avatar utente
Mario70
Utente Master
 
Messaggi: 5876
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

Messaggiodi anima » 23/09/2019, 17:05

cos e' la risoluzione dei fatti ? :bibita:
Immagine


La vita non è né brutta né bella, ma è originale! (Italo Svevo)
La vita


Presentazione
Avatar utente
anima
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4981
Iscritto il: 14/02/2013, 16:32

Messaggiodi Mario70 » 23/09/2019, 18:05

anima ha scritto:cos e' la risoluzione dei fatti ? :bibita:


La dichiarazione o risoluzione dei fatti fu un tentativo di Rutherford di ingraziarsi il favore di Hitler parlando male degli ebrei della finanza ecc... Solo i tdg condividevano gli stessi alti ideali del nazismo secondo lui:

https://www.infotdgeova.it/i-tdg-ed-il-nazismo.html

https://www.infotdgeova.it/dichiarazione-dei-fatti.html
«È vero, in tempi passati vi sono stati alcuni che hanno predetto la "fine del mondo", annunciando perfino una data specifica. Alcuni hanno raccolto intorno a sé gruppi di persone ... aspettando la fine. Tuttavia non è accaduto nulla. La "fine" non è venuta. Si sono resi colpevoli di falsa profezia» (Svegliatevi!, 22/4/1969, p. 23).
Presentazione
Avatar utente
Mario70
Utente Master
 
Messaggi: 5876
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

Messaggiodi Romagnolo » 23/09/2019, 18:43

Cosa leggo maiiii... :sor: :sor: Russel in contatto diretto coi Rotchsild :ciuccio: :ciuccio: :ciuccio:
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Master
 
Messaggi: 5644
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi Romagnolo » 24/09/2019, 13:05

Dal sito del Gris di Imola:
Tutto questo ci stimola ad una riflessione e ad un approfondimento. É possibile che l'idea di Russell e di Rutherford prima del 1930 fosse diversa da quella che da allora in poi e a tutt'oggi i testimoni di Geova credono perchè così è stato insegnato loro a credere? Sì, è possibile. Infatti, un'attenta analisi di questo soggetto, che non tenga conto delle stratificazioni ideologiche successive, mostra con molta chiarezza che l'espressione “tempi dei Gentili” non può che essere in relazione agli Ebrei, o al popolo d'Israele. Nel significato che originariamente il movimento di Russell attribuiva a questa espressione ciò che ci si doveva attendere quando fossero compiuti i “tempi dei Gentili” era il ritorno dei Giudei in Palestina, essendo stato rimosso, dopo “sette tempi” di dominio gentile ostile, l'ostacolo che impediva tale rientro. Solo quando i gentili avessero perso il loro potere, agli Ebrei sarebbe stato consentito di riprendere possesso della loro patria. Questo era il pensiero chiaramente espresso da J.F. Rutherford nel 1929 nel libro Vita, dove egli disse che:

«Il fatto che Iddio, a mezzo del suo profeta, promise di farli ritornare nella loro patria è prova decisiva che le loro ostilità devono cessare un giorno. Vi sono dei determinati tempi profetici che ora si possono scorgere alla luce degli avvenimenti che si vanno svolgendo, i quali indicano con esattezza il momento in cui finirà “l'ostilità” degli Ebrei. Ma questi verranno esaminati in seguito. Si esaminerà prima di tutto le sicure promesse date ad Israele ch'esso dovrà ritornare in Palestina (...) La promessa, ripetuta di tanto in tanto, che il Signore li avrebbe raccolti e li avrebbe benedetti nel paese, per sempre, è prova certa e conclusiva che la promessa doveva essere adempiuta dopo la loro dispersione per mezzo dei Romani nell'anno 73 dell'èra nostra. Queste profezie devono avere il loro adempimento quando finirà la lunga era d'ostilità contro Israele. E questo tempo è ora imminente (...) Il rovesciamento del regno avvenne l'anno 606 av.C. Allora si formò il primo impero universale dei Gentili. Allora Iddio tolse ad Israele il diritto di governare e permise che i Gentili assumessero autorità e l'esercitassero. Si deve concluderne che i Gentili dovevano continuare a dominare, per concessione di Geova, per un periodo di sette tempi. La profezia di Daniele che si riferisce a Nebucadnetzar e alle potenze mondiali, chiaramente fa conoscere che l'èra dei Gentili dev'essere un periodo di sette tempi. (Dan. 4:16) Questo periodo di sette tempi indica pure la lunghezza del tempo “d'ostilità” degli Ebrei, durante il quale dovevano rimanere isolati ed esser puniti e perseguitati in paesi stranieri (...) Questo periodo di 2520 anni dovette finire il 1° Agosto 1914. Se questo calcolo è corretto, e lo deve essere, allora qualche cosa dev'essere accaduta nel 1914 che deve aver segnato la fine del favore di Dio verso i Gentili, e qualche cosa subito dopo che deve avere indicato che il favore di Dio ritornava ai Giudei. Ed infatti troviamo che così avvenne. Il 1° Agosto 1914 le nazioni dei Gentili si adirarono e incominciò la grande guerra mondiale, precisamente come era stato predetto dal Signore (...) Esattamente al tempo prefisso, dunque, nel 1914, alla fine dei sette tempi, incominciò la gu
erra; e l'utile che risultò per i Giudei da questa guerra fu il riconoscimento, per parte della potenze mondiali, del loro diritto a ritornare in Palestina e a ricostruire il loro paese». -- pagine 123-135.
http://www.gris-imola.it/sette_cristian ... hi_era.php
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Master
 
Messaggi: 5644
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Messaggiodi cattivo esempio » 24/09/2019, 20:56

Mario70 ha scritto:Insomma l'unica profezia che Russell ha azzeccato è stata dimenticata e oscurata dai tdg stessi, visto che poi Rutherford ha cambiato intendimento e per ingraziarsi Hitler non solo ha rivoltato completamente quello che diceva Russell sugli Ebrei, ma li ha anche screditati con la famosa risoluzione dei fatti.

Riporto la traduzione automatica del giornale in questione perché dice cose molto interessanti:

"Ci sono ora nel mondo più di dieci milioni di ebrei, circa tre quarti dei quali si trovano in Russia, Polonia, Stati balcanici e Turchia. Se il movimento verso la Palestina dovrebbe ricevere l'impulso che il comitato Hirsch è in grado di dare, una persona fantasiosa può concepire il raddoppio o il triplicarsi della popolazione ebraica del paese prima della fine del nostro secolo" - Torre di Guardia di Sion 1892, 1 novembre 1892, p.329.

Il presciente pastore predisse un massiccio esodo di ebrei dalla Russia e dall'Europa dell'Est. Come egli aveva previsto, nel 1924 più di 3 milioni di ebrei erano emigrati dalla Russia e dall'Europa dell'Est. Russell stesso non visse abbastanza a lungo per vedere la sua profezia resa manifesta, morendo nel 1916.

L'eredità di Russell come sionista entusiasta e non proselitismo è stata riconosciuta nientemeno che dal primo ministro in carica di Israele, Benjamin Netanyahu, che ha detto: "Un riconoscimento del ruolo importante del pastore Russell come primo difensore cristiano americano del sionismo è atteso da tempo. Il defunto Jeane Kirkpatrick, ex ambasciatore degli Stati Uniti all'ONU, ha definito Russell un "uomo dimenticato e un ruolo importante della storia del sionismo".

Primo sostenitore del sionismo

Il 18 agosto 1891, a Gerusalemme, Russell scrive ai filantropi Barone Maurice de Hirsch e Barone Edmond de Rothschild, o, come egli stesso afferma, "i due ebrei più importanti del mondo". Nemmeno loro hanno proposto un piano pratico per il sionismo.

Si trattava di acquistare dall'impoverito Impero Ottomano tutte le terre di proprietà del governo in Palestina, cioè le terre non possedute da privati. Anni dopo Herzl avrebbe fatto proposte simili.  (Una copia della lettera è pubblicata in "Zion's Watchtower and Herald of Christ's Presence", dicembre 1891, pp. 170-171.).

"Come vedrete dai miei libri, troviamo la testimonianza dei profeti che la vostra nazione sarà molto benedetta e tornerà al favore divino entro l'anno 1915 d.C.", scrisse Russell. Le persecuzioni che gli ebrei stavano subendo in Russia erano "un segno di favore divino piuttosto che il contrario", ha suggerito il pastore - e sarebbe solo peggiorare perché lo scopo del Signore era di scacciare gli ebrei "da tutte le terre dove li ha dispersi".

Dove? In Palestina, come apparentemente indicato dal profeta (Geremia 32:37-44; 33:6-22), ha spiegato Russell. Non possedendo un centimetro di quella terra, non aveva alcun interesse personale, elaborò il pastore, e continuò: "Il mio suggerimento è che gli ebrei ricchi acquistano dalla Turchia, ad una giusta valutazione, tutti i suoi interessi di proprietà in queste terre: tra l'altro, tutte le terre del Governo (terre non detenute da proprietari privati), con la disposizione che Siria e Palestina saranno costituite uno STATO LIBERO....".

Nella sua lettera, Russell si sofferma delicatamente su idee alternative di "patria ebraica", propagandate all'epoca in luoghi diversi da Israele, anche se il barone de Hirsch è stato effettivamente coinvolto nel reinsediamento degli ebrei altrove: "Ma vi prego di notare, mio caro signore, che le sacre Scritture prevedono il ritorno in Palestina, e non un ulteriore vagare fino ai confini della terra, in America o altrove. E, quindi, è mia umile opinione che Israele non troverà riposo per la pianta del piede finché non troverà la terra delle promesse; e vi prego, quindi, di non sprecare i vostri sforzi nell'assistere l'emigrazione altrove, ma di concentrarli nella direzione in cui Dio ha indicato il successo.....".
Alleanze separate

Perché un devoto ministro cristiano dovrebbe investire così tanto nel sostenere l'idea di una patria nazionale per gli ebrei? 

Il 26 maggio 1911, Jacob De Haas, redattore dell'Avvocato ebreo di Boston e confidente personale di Herzl, pubblicò un articolo dell'Avvocato ebreo che elogiava Russell come un " filosemita" senza alcun desiderio di convertire gli ebrei.

Ma la questione della motivazione di Russell non porta necessariamente al filosemitismo: va piuttosto alle profezie di restaurazione consegnate all'antico Israele dai profeti nella Bibbia (Geremia 30:18; 31-8-10; Amos 9:14,15; Romani 22:25,26).

"E io porterò di nuovo la prigionia del mio popolo d'Israele, ed essi edificheranno le città dai rifiuti e li abiteranno, pianteranno vigneti e ne berranno il vino; faranno anche i giardini e ne mangeranno i frutti" - Amos 9:14, per esempio

Russell era fiducioso che questi versi sarebbero stati realizzati e che Dio avrebbe restituito gli ebrei alla Palestina. Nel novembre 1892 scrisse nella Torre di Guardia di Sion: "Ci sono ora nel mondo più di dieci milioni di ebrei, circa tre quarti dei quali si trovano in Russia, Polonia, Stati balcanici e Turchia. Se il movimento verso la Palestina dovrebbe ricevere l'impulso che il comitato Hirsch è in grado di dare, una persona fantasiosa può concepire il raddoppio o il triplicarsi della popolazione ebraica del paese prima della fine del nostro secolo, e di avere una popolazione ebraica più numerosa a cinquant'anni di quella che aveva nell'antichità, quando il suo censimento arrivò a tre milioni. Se il restauro dovesse essere completato, tutti acclamino alla Nuova Gerusalemme". 

Egli credeva anche che Dio avesse un'alleanza separata con gli ebrei e un'alleanza diversa con i cristiani, come si legge nella Torre di Guardia, nel gennaio 1909, pagina 28: "Più indaghiamo da vicino la Nuova Alleanza, più dobbiamo essere convinti di questo fatto - che appartiene solo ad Israele". 


il giornale scrive cavolate megagalattiche
Il presciente pastore predisse un massiccio esodo di ebrei dalla Russia e dall'Europa dell'Est. Come egli aveva previsto, nel 1924 più di 3 milioni di ebrei erano emigrati dalla Russia e dall'Europa dell'Est. Russell stesso non visse abbastanza a lungo per vedere la sua profezia resa manifesta, morendo nel 1916.

ma quando mai

senza le persecuzioni (successive) che nessuno predisse
in palestina gli ebrei non ci volevano andare
cattivo esempio
Utente Junior
 
Messaggi: 743
Iscritto il: 07/09/2011, 19:15

Messaggiodi Achille » 25/09/2019, 10:59

"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 13169
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi cattivo esempio » 25/09/2019, 14:46

Achille ha scritto:https://www.ilfarosulmondo.it/i-sionisti-cristiani-aprono-strada-theodore-herzl/

i numeri che non mentono mai, sono questi:

la popolazione ebraica nella regione che poi sarebbe divenuta Israele, passò dalle circa 80 000 unità registrate nel 1918 a 175 000 nel 1931 e a 400 000 nel 1936,


il giornale fantastica di 3 milioni di ebrei nel 1924 in palestina
per adempiere la profezia di russel
cattivo esempio
Utente Junior
 
Messaggi: 743
Iscritto il: 07/09/2011, 19:15

Messaggiodi Mario70 » 25/09/2019, 14:51

Achille ha scritto:https://www.ilfarosulmondo.it/i-sionisti-cristiani-aprono-strada-theodore-herzl/

Sempre più interessante...
Lo ripeto: lasciando stare i numeri, l'unica cosa che Russell ha azzeccato decenni prima è passata in sordina e riveduta in senso spirituale... Povero!
Meno male che c'e qualcuno che gli rende merito.
«È vero, in tempi passati vi sono stati alcuni che hanno predetto la "fine del mondo", annunciando perfino una data specifica. Alcuni hanno raccolto intorno a sé gruppi di persone ... aspettando la fine. Tuttavia non è accaduto nulla. La "fine" non è venuta. Si sono resi colpevoli di falsa profezia» (Svegliatevi!, 22/4/1969, p. 23).
Presentazione
Avatar utente
Mario70
Utente Master
 
Messaggi: 5876
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

Messaggiodi cattivo esempio » 25/09/2019, 15:26

Mario70 ha scritto:
Achille ha scritto:https://www.ilfarosulmondo.it/i-sionisti-cristiani-aprono-strada-theodore-herzl/

Sempre più interessante...
Lo ripeto: lasciando stare i numeri, l'unica cosa che Russell ha azzeccato decenni prima è passata in sordina e riveduta in senso spirituale... Povero!
Meno male che c'e qualcuno che gli rende merito.


non fu il sionismo a portare gli ebrei in palestina fu la

...shoah....

tutti gli ebrei che poterono andarono negli usa (dove ce ne sono il triplo
di israele)

quelli che non avevano alternativa andarono in palestina
è famosa la nave che nel 39 con mille ebrei tedeschi fu rifiutata
da tutto il mondo

oggi israele è un paese prospero
allora campagna povera

"nessun ebreo" negli anni trenta se libero di scegliere
avrebbe scelto la palestina
ma liberi di scegliere non erano
cattivo esempio
Utente Junior
 
Messaggi: 743
Iscritto il: 07/09/2011, 19:15

Messaggiodi play » 25/09/2019, 15:59

anima ha scritto:cos e' la risoluzione dei fatti ?

Leggi qui: https://digilander.libero.it/alorenzi/nazismo.htm
play
Utente Senior
 
Messaggi: 1530
Iscritto il: 23/12/2011, 8:56


Torna a La pagina dei Links

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici