Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

La Segnatura è utile?

Racconti di vita, esperienze, consigli.

Moderatore: nelly24

La Segnatura è utile?

Messaggiodi INFOTDG » 20/10/2010, 12:25

Nella mia città c'è una congregazione dei tdg. Ieri sono venuto a sapere da un " disassociato "......., mio carissimo amico tra l'altro, che una ragazza si frequentava
con un ragazzo del mondo ( come nel mio caso ), lei ha continuato a frequantare questa persona anche dopo il primo richiamo da parte degli anziani ed è stata segnata....!!!!
Dopo una settimana questa ragazza di 25 anni si è dissociata!! Ha capito che cosa orribile fosse la segnatura!! Se la segnatura deve servire a questo ben venga ma vedo che il soggetto segnato soffre e non riesce più a vivere in quello stato! La mia storia è molto simile ma la mia amata dopo 2 anni che ci frequentiamo,
non è stata mai segnata( mai lo vorrei)!!!! Esistono quindi anche delle protezioni all'interno delle congrgazioni locali? Che cosa squallida la segnatura!!!
Non Temete coloro che uccidono il corpo, ma non possono uccidere l'anima; temete piuttosto colui che puo mandare anima e corpo all'inferno.
( Matteo 10,28 )
Avatar utente
INFOTDG
Utente Junior
 
Messaggi: 392
Iscritto il: 24/01/2010, 13:21

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 20/10/2010, 13:01

Bhe, se la tua lei è figlia d'un anziano, ha buone possibilità di farla franca.
Sempre che l'anziano sia gradito ai suoi colleghi.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi Dnick » 20/10/2010, 13:38

Dissociazioni, segnature , false profezie,
e divieti in primis quello delle trasfusioni
sono utili
altrimenti come si autoconnanderebbero ?
Come potremmo noi gridare contro questi sopprusi
che non servono ad altro che ad annullare
la libertà ed il libero albitrio delle persone?

Continuate ... Continuate...

lanciate questi bumerang.

:ciao:
Avatar utente
Dnick
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2033
Iscritto il: 11/11/2009, 14:09

Messaggiodi Lucio » 20/10/2010, 14:22

Mia sorella proprio perchè figlia di anziano era stata segnata perchè "si doveva dare l'esempio".
Il suggerimento è sempre di non farsi beccare, vale dentro e fuori i TDG.
Lucio
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1752
Iscritto il: 05/07/2010, 20:43

Messaggiodi musetto » 20/10/2010, 15:37

Azz è UTILE?? :triste: Com'era quella reclame?? Con la "dolcezza" si ottiene TUTTO!! E con la segnatura ALTRETTANTO. E' una sorta di ammonimento "gentile" come se si dicesse a chi sta per essere segnato: "SE non fai quello che ti dico.. TI SPEZZO LE GAMBE".. Per il momento ti do un calcio negli stinchi.. come avviso, POI se non fai la BRAVA e vai a cuccia mansueta, io ti SEGNO... :test: Per il momento come PUNIZIONE tappati la bocca e NON parlare per un mese in sala. Poi torniamo tra 10 giorni. Se non hai capito l'avviso NOI... ti segnamo.. :inca: Con la "dolcezza" si ottiene TUTTO!!
Avatar utente
musetto
Utente Junior
 
Messaggi: 372
Iscritto il: 13/04/2010, 7:53

Messaggiodi Viandante » 20/10/2010, 15:50

La segnatura e la disassociazione non sono dei soprusi in quanto sono regole interno all'organizzazione del gruppo e in quanto tali non possono definirsi soprusi in quanto pienamente accettate come regole al momento dell'adesione. Questo ovviamente "ostracizzazione" a parte.

L'utilità della segnatura ivi compresa la disassociazione o scomunica non sono delle invenzioni prettamente dei tdG ma hanno delle fonti scritturali a cui la stessa CC fa ricorso in caso di Scomunica o di Notificazione
Saluti
Viandante



"L'unica rivoluzione possibile è quella interiore..."
Viandante
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1030
Iscritto il: 23/09/2009, 18:40

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 20/10/2010, 15:59

Premetto che concordo su quanto dice reny sulla disassociazione, in quanto ogni comunità ha le sue regole, ben note agli associati, ed ha il diritto di espellere chi non le ottempera.
Ciò detto ho qualche difficoltà ad immaginare ''consigli'' che, di fatto, diventano regole e portano prima alla segnatura e, in caso di ''ribellione'' all'espulsione.
Mi spiego meglio: un consiglio è di non fidanzarsi se non nel Signore.
Ora, non discuto l'aspetto dottrinale (sebbene ce ne sia da discutere), ma questa disposizione non è una regola, bensì, vien fatta passare per consiglio.
Stessa cosa equivale per barba e/o pizzetto; sono sconsigliati, ma poi divengono regole inderogabili, passibili di pena.
Ma, mi domando, che caspita c'entra un credo religioso con divieti di tal sorta?
E se un associato non si raccapezza tra consigli e regole anzichè esserne chiaramente informato viene tacciato di spirito indipendente.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi Viandante » 20/10/2010, 16:13

Gabriella Prosperi ha scritto:Stessa cosa equivale per barba e/o pizzetto; sono sconsigliati, ma poi divengono regole inderogabili, passibili di pena.
Ma, mi domando, che caspita c'entra un credo religioso con divieti di tal sorta?



Per la questione della barba e pizzetto non conosco casi di disassociazione per tale scopo! Tale necessità sorge dalla falsa ideologia che avere la barba significa dare un'immagine di se non tanto consona al messaggio che si porta e questo nei paesi in cui esiste tale ideologia. Per il pizzetto o i baffi in verità negli ultimi anni ho visto anche tdg fare discorsi da podio con baffi e pizzetto.

La questione invece dei consigli che diventano regole questo scaturisce dal forte attaccamento al gruppo che in ultima analisi te li fa vedere come se fossero regole. Pertanto per non voler apparire disomogeneo dal gruppo si mettono in pratica e si recepiscono in ultima analisi come regole. Ma all'atto pratico se vuoi continuare a non seguire tale consiglio nulla ti succede se non che non sei ideoneo per svolgere determinate manzioni e proprio tale "declassamento" fa si che si recepiscano tali consigli come regole.

Conosco una coppia di tdg del nord italia dove lui come secondo occupazione lavorava presso un disassiociato, fu semplicemente visitato consigliato ma fatto sta che continua a lavorarci e non è affatto disassociato.

Certo è che questo dipende da caso a caso.
Saluti
Viandante



"L'unica rivoluzione possibile è quella interiore..."
Viandante
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1030
Iscritto il: 23/09/2009, 18:40

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 20/10/2010, 16:21

[quote="reny2000]La questione invece dei consigli che diventano regole questo scaturisce dal forte attaccamento al gruppo che in ultima analisi te li fa vedere come se fossero regole. Pertanto per non voler apparire disomogeneo dal gruppo si mettono in pratica e si recepiscono in ultima analisi come regole. Ma all'atto pratico se vuoi continuare a non seguire tale consiglio nulla ti succede se non che non sei ideoneo per svolgere determinate manzioni e proprio tale "declassamento" fa si che si recepiscano tali consigli come regole.

Conosco una coppia di tdg del nord italia dove lui come secondo occupazione lavorava presso un disassiociato, fu semplicemente visitato consigliato ma fatto sta che continua a lavorarci e non è affatto disassociato.

Certo è che questo dipende da caso a caso.[/quote]
Perfetto, ma vedi, è proprio l'aleatorietà (se si può dire) tra regole e consigli che diventano regole e come vengono interpretati caso per caso, che nullifica la liceità della segnatura.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi Andrea Cinel » 20/10/2010, 16:49

La cosa che mi faceva godere di più quando servivo come anziano di congregazione era che potessi liberamente salutare e parlare con i disassociati senza incorrere in alcun tipo di rischio. In fondo ero l'anziano... e chi osava venire a dirmi qualcosa?
A parte questo breve viaggio nella memoria, desidero ricordare che i provvedimenti "cosiddetti" scritturali riguardanti sia la disassociazione che la segnatura non trovano il proprio fondamento negli insegnamenti di Cristo bensì in quello di alcuni apostoli (nello specifico Paolo e Giovanni), che, va detto, si erano già discostati dall'oiginale insegnamento di Gesù.
Pur essendo daccordo su alcune riflessioni di Reny 2000, come quelle in cui afferma che al momento dell'adesione si conoscono già le regole interne al movimento e che ogni movimento ha la necessità di stabilire delle regole, trovo piuttosto difficile immaginare che Gesù, che per gli stessi testimoni è morto per redimere i peccati di tutto il mondo (vedi 1Giovanni 2:2), decida poi, per motivi piuttosto futili, di togliere il saluto o di evitare i contatti. Se non ricordo male, lo stesso Gesù condannò duramente gli scribi e i farisei del suo tempo per il loro atteggiamento falso, ipocrita e per nulla amorevole, eppure, nonostante questo, non declinò gli inviti a pranzo a casa degli stessi farisei che condannava. Nemmeno nei passi del vangelo tanto cari ai tdg (leggi Matteo 18:15-17) leggo che Gesù abbia detto di togliere il saluto a chi aveva effettivamente commesso qualcosa di serio (in quanto parla di peccati commessi). Piuttosto dice di trattare questi eventuali impenitenti comei "pubblicani", meglio noti ai tdg come esattori di tasse. E cosa pensava Gesù degli esattori di tasse? Come si comportava con loro? Gli stessi vangeli vengono in nostro soccorso. Leggete pure i seguenti passi biblici: Matteo 9:9-13; Matteo 21:28-3; Luca 15:1-7.
Ora, se il mio sommo Maestro mi insegna che "siamo tutti fratelli", con che diritto penso di poter classificare gli altri e poi stabilire regole comportamentali per tutti gli altri? Addirittura decidere arbitrariamente che chi non si adegua alle mie decisioni debba ricevere delle sanzioni disciplinari, come l'espulsione e l'ostracismo conseguente?

Ultima considerazione. Ammesso che la segnatura sia una disposizione veramente proveniente "dall'alto", cosa dice effettivamente l'apostolo Paolo? In 2 Tessalonicesi 3:1-12 Paolo fa un chiaro riferimento a cosa intende per "coloro che camminano disordinatamente", infatti subito dopo aggiunge: "non lavorando affatto ma intromettendosi in ciò che non li riguarda" (v.11). Ora, fra gli stessi tdg, vi è una categoria di persone che senza lavorare, mangia gratuitamente il cibo degli altri. Sigle come PS, CO e DO vi dicono niente? Ma a me non sembra che alcuno fra i tdg appartenenti a queste speciali categorie venga mai segnato pubblicamente!
Quando ero ancora giovane, mia madre fu segnata perché ebbe il coraggio di mettersi contro un fratello sposato, separato ma non divorziato che frequentava, di nascosto, mia sorella, allora minorenne, spesso isolandosi da solo con lei. Il suo complice e protettore era il Soirvegliante che presiede, meglio noto oggi come coordinatore degli anziani. Eventualmente doveva essere segnato lui, ma fu segnata mia madre. Chissà se centrava qualcosa il fatto che quest'uomo fosse l'intimo amico dell'anziano e per di più, economicamente, il tdg più facoltoso della congragazione...
Il Co appoggiò formalmente questa iniziativa degli anziani, ma poi, in privato, andò da mia madre e le disse: "Sorella, ho provato a fermarli, ma l'odio che nutrono verso di te è troppo grande, quello che mi sento di consigliarti e di fare quello che dicono ma di non imitarli. Stai alla larga da loro, sono lupi affamati!"
Andrea Cinel
 

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 20/10/2010, 16:55

Andrea Cinel ha scritto:Il Co appoggiò formalmente questa iniziativa degli anziani, ma poi, in privato, andò da mia madre e le disse: "Sorella, ho provato a fermarli, ma l'odio che nutrono verso di te è troppo grande, quello che mi sento di consigliarti e di fare quello che dicono ma di non imitarli. Stai alla larga da loro, sono lupi affamati!"

Faceva miglior figura a stare zitto. :sorriso:
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi Dnick » 20/10/2010, 19:07

reny2000 ha scritto:La segnatura e la disassociazione non sono dei soprusi in quanto sono regole interno all'organizzazione del gruppo e in quanto tali non possono definirsi soprusi in quanto pienamente accettate come regole al momento dell'adesione. Questo ovviamente "ostracizzazione" a parte.

L'utilità della segnatura ivi compresa la disassociazione o scomunica non sono delle invenzioni prettamente dei tdG ma hanno delle fonti scritturali a cui la stessa CC fa ricorso in caso di Scomunica o di Notificazione


La dissociazione è accettata a parole per l'euforia dell'iniziazione
e quando la si accetta non penso proprio
che il tdg neofita capisca pienamente e il significato e tutte le condizioni
per cui si rischia la dissassociazione e il dolore che si può provare se
si viene disassociati.
Ora a me non risulta nessuna scrittura, per la quale una persona
può essere disassociata, con la colpa di amare una persona non tdg,
ed impedire di amare un'altra persona, impedire di non fare seguire l'istinto del proprio
cuore e del proprio amore significa decidere per la sorte di quella persona,
magari facendola sposare con un tdg che le usa violenza e la tratta peggio di un cane
invece di essere lasciata in pace a vivere con quella persona che effettivamente
erano uno per l'altro.
Se questo non è sopruso e qualcosa di più.

Inoltre una volta disassociata l'ostracizzazione non può essere una cosa a parte
perchè è una conseguenza quindi
DOPPIO SOPRUSO
Avatar utente
Dnick
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2033
Iscritto il: 11/11/2009, 14:09

Messaggiodi flor de mal » 20/10/2010, 20:29

reny2000 ha scritto:La segnatura e la disassociazione non sono dei soprusi in quanto sono regole interno all'organizzazione del gruppo e in quanto tali non possono definirsi soprusi in quanto pienamente accettate come regole al momento dell'adesione. Questo ovviamente "ostracizzazione" a parte.

L'utilità della segnatura ivi compresa la disassociazione o scomunica non sono delle invenzioni prettamente dei tdG ma hanno delle fonti scritturali a cui la stessa CC fa ricorso in caso di Scomunica o di Notificazione



Questo e' un tecnicismo pretestuoso del ca :cer: ......in quanto quando si aderisce come dici tu (io ci sono nato e essendo spinto a battezzarmi all'eta' di 14 anni non ho aderito coscientemente proprio a nulla) non vengono esposte tutte le variabili del caso. Esistono un sacco di regole non scritte che vengono fatte rispettare dai nominati come vere e proprie leggi scritturali...e la Pena per non aderirvici completamente... se non la dissociazione...sono la segnatura e/o la perdita dei privilegi che come sai in congregazione e' altrettanto umiliante.Inoltre le varie parzialita' e differenze che vengono attuate nel tattare un caso dall'altro che si palesano di congregazione in congregazione...rendono impossibile definire un regolamento univoco al quale attenersi. :test:

Paz y amor
Avatar utente
flor de mal
Utente Senior
 
Messaggi: 615
Iscritto il: 08/07/2010, 21:05

Messaggiodi sconvolta » 20/10/2010, 21:34

Andrea Cinel ha scritto:La cosa che mi faceva godere di più quando servivo come anziano di congregazione era che potessi liberamente salutare e parlare con i disassociati senza incorrere in alcun tipo di rischio. In fondo ero l'anziano... e chi osava venire a dirmi qualcosa?
A parte questo breve viaggio nella memoria, desidero ricordare che i provvedimenti "cosiddetti" scritturali riguardanti sia la disassociazione che la segnatura non trovano il proprio fondamento negli insegnamenti di Cristo bensì in quello di alcuni apostoli (nello specifico Paolo e Giovanni), che, va detto, si erano già discostati dall'oiginale insegnamento di Gesù.
Pur essendo daccordo su alcune riflessioni di Reny 2000, come quelle in cui afferma che al momento dell'adesione si conoscono già le regole interne al movimento e che ogni movimento ha la necessità di stabilire delle regole, trovo piuttosto difficile immaginare che Gesù, che per gli stessi testimoni è morto per redimere i peccati di tutto il mondo (vedi 1Giovanni 2:2), decida poi, per motivi piuttosto futili, di togliere il saluto o di evitare i contatti. Se non ricordo male, lo stesso Gesù condannò duramente gli scribi e i farisei del suo tempo per il loro atteggiamento falso, ipocrita e per nulla amorevole, eppure, nonostante questo, non declinò gli inviti a pranzo a casa degli stessi farisei che condannava. Nemmeno nei passi del vangelo tanto cari ai tdg (leggi Matteo 18:15-17) leggo che Gesù abbia detto di togliere il saluto a chi aveva effettivamente commesso qualcosa di serio (in quanto parla di peccati commessi). Piuttosto dice di trattare questi eventuali impenitenti comei "pubblicani", meglio noti ai tdg come esattori di tasse. E cosa pensava Gesù degli esattori di tasse? Come si comportava con loro? Gli stessi vangeli vengono in nostro soccorso. Leggete pure i seguenti passi biblici: Matteo 9:9-13; Matteo 21:28-3; Luca 15:1-7.
Ora, se il mio sommo Maestro mi insegna che "siamo tutti fratelli", con che diritto penso di poter classificare gli altri e poi stabilire regole comportamentali per tutti gli altri? Addirittura decidere arbitrariamente che chi non si adegua alle mie decisioni debba ricevere delle sanzioni disciplinari, come l'espulsione e l'ostracismo conseguente?

Ultima considerazione. Ammesso che la segnatura sia una disposizione veramente proveniente "dall'alto", cosa dice effettivamente l'apostolo Paolo? In 2 Tessalonicesi 3:1-12 Paolo fa un chiaro riferimento a cosa intende per "coloro che camminano disordinatamente", infatti subito dopo aggiunge: "non lavorando affatto ma intromettendosi in ciò che non li riguarda" (v.11). Ora, fra gli stessi tdg, vi è una categoria di persone che senza lavorare, mangia gratuitamente il cibo degli altri. Sigle come PS, CO e DO vi dicono niente? Ma a me non sembra che alcuno fra i tdg appartenenti a queste speciali categorie venga mai segnato pubblicamente!
Quando ero ancora giovane, mia madre fu segnata perché ebbe il coraggio di mettersi contro un fratello sposato, separato ma non divorziato che frequentava, di nascosto, mia sorella, allora minorenne, spesso isolandosi da solo con lei. Il suo complice e protettore era il Soirvegliante che presiede, meglio noto oggi come coordinatore degli anziani. Eventualmente doveva essere segnato lui, ma fu segnata mia madre. Chissà se centrava qualcosa il fatto che quest'uomo fosse l'intimo amico dell'anziano e per di più, economicamente, il tdg più facoltoso della congragazione...
Il Co appoggiò formalmente questa iniziativa degli anziani, ma poi, in privato, andò da mia madre e le disse: "Sorella, ho provato a fermarli, ma l'odio che nutrono verso di te è troppo grande, quello che mi sento di consigliarti e di fare quello che dicono ma di non imitarli. Stai alla larga da loro, sono lupi affamati!"

INCREDIBILE!!!!!!!!!!!!!!Da far venire la nausea. :senzaparole: :senzaparole: :senzaparole:
I principi di Brooklyn non possiedono la verità:questa è la causa reale che li ha costretti, e li costringe anche ora,a ritrattare continuamente ciò che hanno proclamato ieri o decine di anni addietro,come verità biblica e divina. (Gunther Pape)
Presentazione
Avatar utente
sconvolta
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1718
Iscritto il: 07/07/2010, 22:50

Messaggiodi Viandante » 20/10/2010, 23:32

flor de mal ha scritto:Questo e' un tecnicismo pretestuoso del ca :cer: ......in quanto quando si aderisce come dici tu (io ci sono nato e essendo spinto a battezzarmi all'eta' di 14 anni non ho aderito coscientemente proprio a nulla) non vengono esposte tutte le variabili del caso.


Infatti sarebbe impossibile, ma hai accettato e sottoscritto la piena fiducia nell'organizzazione e in chi la guida e lo hai fatto in modo cosciente (parlo di chi non è nato direttamente in tale culto) pertanto è ovviamente prevedibile che devi sottostare alla sua guida. Se poi in seguito non ti sta + bene bhè non puoi scaricare la colpa delle tue (ovviamente parlo non di te) scelte fatte in precedenza!
Saluti
Viandante



"L'unica rivoluzione possibile è quella interiore..."
Viandante
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1030
Iscritto il: 23/09/2009, 18:40

Messaggiodi Viandante » 20/10/2010, 23:39

Dnick ha scritto:Ora a me non risulta nessuna scrittura, per la quale una persona
può essere disassociata, con la colpa di amare una persona non tdg,
ed impedire di amare un'altra persona, impedire di non fare seguire l'istinto del proprio
cuore e del proprio amore significa decidere per la sorte di quella persona,


Ma sei sicuro che si viene disassociati se ci si fidanza con una persona non tdg?
Saluti
Viandante



"L'unica rivoluzione possibile è quella interiore..."
Viandante
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1030
Iscritto il: 23/09/2009, 18:40

Messaggiodi Dnick » 21/10/2010, 0:23

reny2000 ha scritto:
Dnick ha scritto:Ora a me non risulta nessuna scrittura, per la quale una persona
può essere disassociata, con la colpa di amare una persona non tdg,
ed impedire di amare un'altra persona, impedire di non fare seguire l'istinto del proprio
cuore e del proprio amore significa decidere per la sorte di quella persona,


Ma sei sicuro che si viene disassociati se ci si fidanza con una persona non tdg?


Caro reny
Quello che hai quotato
richiede in primis le basi scritturali
successivamente c'è un PUO' ma volendo esserere più precisi
prima c'è una segnatura ho un richiamo ( tipo non ti puoi innamorare di un morto vivente ?)
(sai che ti rendi nemica di geova? egli ti distrugge) (il cuore è ingannevole) ecc.
successivamente se non si pente di essersi innamorata viene disassociata.
A questo punto non pentita è libera di fidanzarsi ed eventualmente sposarsi
con la persona che le a scelto in base al suo cuore e vive una vita felice.
Diversamente soffoca il suo amore non da ascolto al suo cuore ingannevole
e si pente (condizionata) per poi,magari, finire con una persona che non ama veramente,(il suo amore era quello di prima)
ma che ha tutti i titoli idonei per trattarla come un'animale.
Questa è rispetto della persona? o è un sopruso?
sopruso
[so-prù-ʃo]
s.m.
Atto di sopraffazione, di prepotenza compiuto ai danni di chi è meno potente: commettere, denunciare un s.
Avatar utente
Dnick
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2033
Iscritto il: 11/11/2009, 14:09

Messaggiodi MatrixRevolution » 21/10/2010, 0:28

Infatti la segnatura mi sembra una vera stortura, mi sembrava di ricordare che Cristo con "certa gente" ci mangiava insieme addirittura... :blu:
Mi pare anche di ricordare che Cristo dicesse che sono i "malati" ad avere bisogno del dottore...
...I TdG invece i "malati spirituali" preferiscono levarseli dai piedi perchè diventano "improduttivi" secondo i loro canoni... :test: :lovebibbia:
Iscriviti al gruppo: Testimoni di Geova su Facebook
Avatar utente
MatrixRevolution
Responsabile Tecnico del Forum
 
Messaggi: 1816
Iscritto il: 14/06/2009, 18:42
Località: Roma

Messaggiodi Andrea Cinel » 21/10/2010, 11:06

La cosa più interessante che risulta da questa discussione (ma si potrebbero fare tanti altri esempi) è che, offrendo lo spunto per una riflessione su basi scritturali, ci si limita a discutere su regole umane che con l'insegnamento di Cristo non hanno niente a che fare.
Andrea Cinel
 

Messaggiodi Dnick » 21/10/2010, 12:39

Andrea Cinel ha scritto:offrendo lo spunto per una riflessione su basi scritturali, ci si limita a discutere su regole umane che con l'insegnamento di Cristo non hanno niente a che fare.


Ciao Andrea
lo spunto è stato dato perchè
venga dimostrato che sia
sulle base di regole umane
e sia sulla base dell'insegnamento
del Cristo nostro signore
il fine non cambia.

Se intendi dire che nelle scritture di Paolo e Giovanni (insegnamenti umani secondo te)
ci sono le basi cui si possa attuare i soprusi ai quali mi riferisco,
sono contento di vagliarli e sicuro che non giustificano
tali azioni a conferma che sono antiscritturali
e non secondo l'insegnamento del Cristo e dei suoi discepoli.
Avatar utente
Dnick
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2033
Iscritto il: 11/11/2009, 14:09

Messaggiodi MoonRose » 21/10/2010, 12:56

Caro Dnick, mi permetto di risponderti io, dato che Andrea ha scritto il suo post davanti a me, esprimendo a voce alta il suo pensiero al riguardo.
Lui non si stava riferendo a te. La sua reazione è dovuta al fatto che lui aveva citato numerose scritture a conferma del fatto che né segnatura, né disassociazione con relativo ostracismo, sono scritturali, anzi, essi sono contrari a ciò che Gesù stesso insegnava e faceva.
Reny, dopo il suo post, ha risposto a tutti gli altri, che non avevano citato argomenti biblici, ma non a lui, che invece aveva offerto spunti di riflessione basati sulla Bibbia. Quindi la sua domanda implicita era: perché quando non ci sono scritture da confutare la gente risponde per difendere i tdg e i loro metodi, e quando invece si dimostra con la Bibbia che hanno torto, si fa finta di non vedere il post?
Spero di aver chiarito meglio....
:bacio:
Immagine

Omnia Vincit Amor
(L'Amore vince su tutto)

"Voglio cambiare il mondo", disse la ragazzina.
Il professore rise. "E come penseresti di fare a cambiarlo?"
"Con l'Amore", disse lei sorridendo.
Avatar utente
MoonRose
Utente Senior
 
Messaggi: 555
Iscritto il: 05/10/2010, 8:19

Messaggiodi Dnick » 21/10/2010, 13:29

MoonRose ha scritto:Reny, dopo il suo post, ha risposto a tutti gli altri, che non avevano citato argomenti biblici, ma non a lui, che invece aveva offerto spunti di riflessione basati sulla Bibbia. Quindi la sua domanda implicita era: perché quando non ci sono scritture da confutare la gente risponde per difendere i tdg e i loro metodi, e quando invece si dimostra con la Bibbia che hanno torto, si fa finta di non vedere il post?
Spero di aver chiarito meglio....


Ciao MoonRose
ho quotato ciò che ha scritto Andrea
appunto per rimarcare
che non ci sono le basi scritturali con le quali posso dimostrare
l' infondatezza scritturale di certe prese di posizioni.
So che non era riferito a me
come ciò che ho scritto non era riferito ad Andrea (tranne ciò che è in parentesi)
mi sono permesso di predere lo sputo,
casomai qualcuno non ricordava bene le scritture
quelle scritture si possono trovare nelle lettere
di Paolo e Giovanni citati da Andrea.

Un abbraccio in Cristo.


HUUU mama
devo correre a lavorà
:ciao: :fiori:
Avatar utente
Dnick
Veterano del Forum
 
Messaggi: 2033
Iscritto il: 11/11/2009, 14:09

Messaggiodi Lucio » 21/10/2010, 15:41

reny2000 ha scritto:
Dnick ha scritto:Ora a me non risulta nessuna scrittura, per la quale una persona
può essere disassociata, con la colpa di amare una persona non tdg,
ed impedire di amare un'altra persona, impedire di non fare seguire l'istinto del proprio
cuore e del proprio amore significa decidere per la sorte di quella persona,


Ma sei sicuro che si viene disassociati se ci si fidanza con una persona non tdg?


No, non è immoralità (porneia) o apostasia o uno dei casi in cui si è auto-dissociati (sangue, voto, matrimonio in chiesa, ecc...)

Però il problema è che se ti fidanzi con uno del mondo questo è disposto a seguire i tuoi precetti morali fino al matrimonio? Spesso nelle coppie miste il TDG viene espulso per quello.
Lucio
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1752
Iscritto il: 05/07/2010, 20:43

Messaggiodi kk77 » 21/10/2010, 16:23

in effetti quando mia mamma mi spiega che è scritturale il fatto che mio fratello che abita a 100 m da casa mia non si faccia ne vedere ne sentire ne con me ne con le sue nipoti ovvero le mie figlie da più di due anni mi viene da ridere...ma davvero sono convinti che gesù volesse questo dai suoi discepoli? evidentemente si...bò ognuno è libero di fare frequentare e parlare con chi vuole ma per lo meno non faccia passare i supo errori come un comando di gesù
kk77
Nuovo Utente
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 22/09/2009, 8:46

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 21/10/2010, 16:37

No, non ci sono basi scritturali nè per la segnatura, nè per l'ostracismo, nè per il sangue.
Ma il CD, partendo da Rutherford, ha avuto i propri ''filosofi'' (non posso dire grecisti nè storici) che dovevano pur fondare una nuova religione.
Una religione che prendesse il canone della riforma protestante e la lettura fondamentalista, cercando di distruggere quella chiesa che quel canone l'aveva composto e tutte le altre religioni storiche.
Ogni versetto, preso a sè, può farci dire quel che si voglia e se poi decontestualizziamo il testo dall'epoca, dalle tradizioni, dalla storia, ne vien fuori un minestrone dal gusto aspro.
La dottrina Geovista non segue gli Apostoli, ma fa si che siano loro a seguirla.
No, non ci sono basi scritturali, ma la volontà di schiavizzare con la paura e di ricavare da ciò censo e potere.
E fin qui ci son riusciti.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi Viandante » 23/10/2010, 1:44

Gabriella Prosperi ha scritto:No, non ci sono basi scritturali nè per la segnatura, nè per l'ostracismo


Proprio in questi giorni sto leggendo in merito alla scomunica da parte della CC nonchè ho avuto modo di consultare anche J. Bingham che parla proprio della scomunica nella chiesa primitiva. Interessanti le analogie con la problematica da te esposta.
Saluti
Viandante



"L'unica rivoluzione possibile è quella interiore..."
Viandante
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1030
Iscritto il: 23/09/2009, 18:40

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 23/10/2010, 8:21

reny2000 ha scritto:
Gabriella Prosperi ha scritto:No, non ci sono basi scritturali nè per la segnatura, nè per l'ostracismo


Proprio in questi giorni sto leggendo in merito alla scomunica da parte della CC nonchè ho avuto modo di consultare anche J. Bingham che parla proprio della scomunica nella chiesa primitiva. Interessanti le analogie con la problematica da te esposta.

Non conosco chi citi, ma se ti rifai alla chiesa primitiva o prima dei diritti civili, non ha senso proporre oggi l'argomento.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi Viandante » 23/10/2010, 8:32

Gabriella Prosperi ha scritto:
reny2000 ha scritto:
Gabriella Prosperi ha scritto:No, non ci sono basi scritturali nè per la segnatura, nè per l'ostracismo


Proprio in questi giorni sto leggendo in merito alla scomunica da parte della CC nonchè ho avuto modo di consultare anche J. Bingham che parla proprio della scomunica nella chiesa primitiva. Interessanti le analogie con la problematica da te esposta.

Non conosco chi citi, ma se ti rifai alla chiesa primitiva o prima dei diritti civili, non ha senso proporre oggi l'argomento.
Gabriella


Rispondevo alla tua affermazioneche non ci sono basi scritturali per tali cose segnatura, ostracismo scomunica etc etc.

Le basi scritturali ci sono e sono proprio le stesse che porta la CC a testimonio, compreso l'ostracizzare perpetuato per secoli!
Saluti
Viandante



"L'unica rivoluzione possibile è quella interiore..."
Viandante
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1030
Iscritto il: 23/09/2009, 18:40

Messaggiodi Gabriella Prosperi » 23/10/2010, 8:40

E ti rispondo che comunque quelle basi erano dirette a uomini dei tempi in cui non esistevano diritti civili, che lo facesse anche la chiesa cattolica o altre chiese non ne giustifica l'applicazione oggi.
Bada che mi riferisco alla segnatura e all'ostracismo, per il resto ogni comunità ha il diritto di espellere o di tenere.
Gabriella
La cosa più difficile a questo mondo? Vivere! Molta gente esiste, ecco tutto.Oscar Wilde
Presentazione
Avatar utente
Gabriella Prosperi
Utente Platinium
 
Messaggi: 14678
Iscritto il: 11/06/2009, 5:16

Messaggiodi Viandante » 23/10/2010, 9:23

Gabriella Prosperi ha scritto:E ti rispondo che comunque quelle basi erano dirette a uomini dei tempi in cui non esistevano diritti civili, che lo facesse anche la chiesa cattolica o altre chiese non ne giustifica l'applicazione oggi.
Bada che mi riferisco alla segnatura e all'ostracismo, per il resto ogni comunità ha il diritto di espellere o di tenere.
Gabriella


Ne desumo quindi che l'applicazione odierna di tali pratiche da parte di altre chiese, oltre ai tdg, non è giustifica oggi con l'avvento dei diritti civili?
Saluti
Viandante



"L'unica rivoluzione possibile è quella interiore..."
Viandante
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1030
Iscritto il: 23/09/2009, 18:40

Prossimo

Torna a Esperienze vissute

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici